(navigation image)
Home American Libraries | Canadian Libraries | Universal Library | Community Texts | Project Gutenberg | Children's Library | Biodiversity Heritage Library | Additional Collections
Search: Advanced Search
Anonymous User (login or join us)
Upload
See other formats

Full text of "Il libro I delle storie di Tito Livio, commentato da Enrico Cocchia, con introduzione storica intorno alla vita e all'opera di Tito Livio"

IL 



LIBRO I DELLE STORIE 

DI 

TITO LIVIO 

* COMMENTATO 

DA 

ENRICO COCCHIA 

CON INTRODUZIONE STORICA INTORNO ALLA VITA E ALL'OPERA DI TITO LIVIO 



Terza edizione accuratamente riveduta 
(Ristampa) 




TORINO 
Casa Editrice 

GIOVANNI CHIANTORE 

Succ. Ermanno Lokschkh 



(W JE di classici greci e lai ini 

CON NOTE ITALIANE E VOCABOLARI SPECIALI 



con nota di lire 

Anaerconte. Odi scelte . . . O. O. Zuretti . 2 50 
Antologia d. Melica greca . A. Taccone. . . 6 — 

BMefcUide. Odi A. Taccone. . . 6 — 

Cesare. De Bello Gallico . . F. Ramorino . 12 — 

— De Bello Civili . . . . . F. Ramorino . 12 — 
(— ) Dizionario Cesariano . Ohicco e Ferrari 8 — 
Cicerone. Pro L. Archia . . R. Cornali . . . 4 — 

— Bruto P. Ercole ... 6 — 

— Catilinarie A. Patdera . . 7 — 

— Catone Maggiore . . . . F. Ramorino . 5 — 

— Pro Dei o taro R. Cornali ... 1 — 

— De flnibus honorum et 

mal., v. I, 1. l-III . C GiambeUi . 3 — 

voi. H, lib. IV-V ... 0. Qiambelli . 3 — 

voi. I, lib. I-U . . . . U. Moricca . . 11 — 

— Or. Filippica seconda . . 0. B. Bonino . 3 — 

— De imperio Cu. Pompei . O. Tincani . . . 2 — 

— Lelio, dell'amicizia . . . F. Ramorino . 6 — 

— Lettere scelte A. Corradi . . 4 — 

— Pro Ligario R. Cornali. . . 1 — 

— Pro Marcello JB. Cornali . . . 3 — 

Pro Milone T. Menghini . . 8 — 

— Pro Murena A. Patdera . . 2 — 

— De natura deorum, lib. I C GiambeUi . . 4 — 
lib. II- HI C. GiambeUi . . 4 50 

— De offloiia, i tre libri . . R. Sabbadini . 10 — 

— Oratore .... A. De Marchi e Stampini 8 — 

— Dell'oratore, lib. I. ... A. Cima .... 6 50 

lib. II A. Cima .... 3 — 

lib. HI A. Cima .... 2 — 

— Pro Cn. Plancio G. B. Bonino . 2 - 

— Pro Robcìo Araerirto . . O. Panai . . . 2 — 

— Sogno di Soipione . . . . A. Patdera . . 5 — 

— Pro P. Sulla A. Patdera . . 2 — 

— Tusculane, P. I, lib. I-U F. Gnetotto . . 6 — 
P. n, lib. UI-IV . . F. Gnetotto . . 3 — 

— In C. Verrem, actio I . T. Brugnola. . 1 — 

aotio II, lib. IV ... T. Brugnola . . 9 — 

aotio n, lib. V. ... V. Brugnola. . 2 — 

— Academicorum. Lib. I . 8. Carattali . . 9 — 
(— ) Dizionario dell'uso eie. O. Patcal . . . 6 — 
GomellO Slpote. Vite . . . . G. Oortete . . . 8 — 
(— ) Vocab. per le Vite, da G. Cortese ... 4 — 
Curilo Roto. Stor., voi. I . E. Cocchia ... 2 — 

voi. U E. Cocchia ... 3 — 

Demoitene. Per la Corona . D. Basti .... 4 — 

— Or. Olintiache D. Batti .... 3 — 

— Contro Filippo Bertolotto e Batti 10 — 

— Per la pace A. Cinquini . . 1 — 

Ennio. Frammenti L. Talmaggi . 3 50 

Erodoto. L. I d. Istorie . . T. Costami . . 10 — 

— Lib. n d. Istorie . . . . T. Costami . . 4 — 
Eschilo. Persiani • T. Inam& ... 6 50 

— Sette a Tebe V. Inama ... 2 50 

Euripide. Alcesti T. Brugnola. . 3 — 

Fedro. Favole F. Ramorino . 4 50 

(— ) Vocab. per le Favole da P. Pettoello . . 2 — 
Isocrate. Panegirico . . . . G. Setti .... 2 — 

— Per Iti pace ....... 0. Tincani . . . 3 — 

Licurgo. Contro Leocrate . A. Cima .... 2 — 

Lisia. Orazioni scelte, 1. I Ferrai e Fraccaroli 9 — 

Hb. II E. Ferrai ... 3 50 

LÌTIO Tito. L. I ci. Storie . . E. Cocchia ... 12 — 

Lib. II E. Cocchia . . . 8 — 

Lib. XXI E. Cocchia ... 5 50 

— -^ Lib. XXII E. Cocchia ... 11 — 

Lib. XXIII U. Moricca . . 4 — 

Luciano. Scritti scelti . . . Q. Setti 8 — 



LueresiO. De rerum nat. , v.I C. 



— v. II, lib. I-li . . . . O 

v. Ili, lib. m-iv . . e. 

v. IV, lib. V-VI . . . O. 

Omero. Iliade, lib. I .... O. 

libri I-II C. 

lib. UI-IV C. 

lib. V-VLU C. 

lib. ix-xu ...... C. 

lib. xmxvi . . . . o. 

r lib. XVII-XX .... (7. 

lib. XXI XXIV . . . O. 

— Odissea, lib. I C 

lib. v-vm A. 

(— ) Il dialetto di , da . O. 

Orazio. Arte poetica . . . . G. 

— Epistole R. 

— Satire R. 

— Liriche, voi. I V. 

voi. II r. 

Ovidio. Met., v. 1, lib. I-VII A. 
voi. II, lib. VII1-XV . A. 

— Elegie scelte A. 

— Fasti, lib. I-U R. 

lib. IU-IV R. 

— Tristia, lib. III G. 

Paralo. Le Satire F. 

natone. Fedone E. 

— Protagora E. 

— L'apologia di Socrate . . — 

— Critone — 

Plauto. Trìnummus E. 

— Miles Gloriosus . .... E. 
Quintiliano, inst., lib. X . . D. 
Sallustio. Catilinaria . . . . F. 

— Giugnrtina F. 

(— ) Vocab. Sallnstiano, da F. 
Senofonte. Agesilao A. 

— Spedi?., di Ciro, lib. I-II . A. 

lib. m-rv A. 

lib. V-Vl A. 

lib. VII e indice ... A. 

(— ) Vocab. per l'Analisi, da F. 

— Ciropedia, lib. I O. 

lib. unì o. 

— Storie elleniche, lib. I-II V. 

lib. in-v r. 

lib. VI-VII T. 

— Economico E. 

— Mem. Socratiche, lib. 1-U A. 

lib. UI-IV — 

Sofocle. Elettra D. 

— Antigone P. 

Tacito. Vita di G. Agricola G. 

— Annali, p. I, lib. I-II . . V. 
p. II, lib. III V. 

— Istorie, lib. I L. 

lib. II L. 

lib. III L. 

— Dialoghi degli oratori . . L. 

Terenzio. Adelphoe E. 

Tibullo. Elegie scelte . . . . C. 
Virgilio. Georgiche, lib. Ili E. 

— Bucoliche, p. 1", Ed. IV E. 

— Eneide, lib. I-III . . . . R. 

lib. IV-VI R. 

lib. VII-LX R. 

lib. XXII R. 

(— ) Diz. Eneide,!. IVI Ferrari 



con note di 

Gitttsani . 
Gvussani . 
Giuntali i . 
Giutsani . 
O. Zuretti 
O. Zuretti 
O. Zuretti 
O. Zuretti 
O. Zuretti 
O. Zuretti 
O. ZureUi 
O. Zuretti 
O. Zuretti 
Corradi 
Nazari . . 
B. Bonino 
Sabbadini 
Sabbadini 
Vttani . . 
JJttani . . 
Novara . . 
Novara . . 
Corradi. . 
Cornali . . 
Contali . . 
Ferrara 
Ramorino 
Ferrai . . 
Ferrai . . 
e Zuretti . 
e Fraccaìrù 
Cocchia . . . 
Cocchia . . 
Bassi . . . 
Ramorino 
Ramorino . 
Natta ... 
Levi .... 
Berti .... 
Berti .... 
Bersi .... 
Berti . . , . 
Brunetti . . 
O. Zuretti . 
O. Zuretti . 
Puntoni . . 
Puntoni . 
Puntoni 
Bolla ... 
Corradi 
e O. Laudi 
Batti . . . 
Cesareo . . 
Decia . . . 
Menghin i . 
Menghini . 
Talmaggi 
Valiti agi ri 
Valmaggi 
Talmaggi 
Stampini . 
Patcal . . 
Stampini . 
Stampini . 
Sabbadini 
Sabbadini 
. Sabbadini 
, Sabbadini 
e Masera cadi 



Torino - Casa Editrice GIOVANNI CHIANTORE succ. Ermanno Loescher - Tor 




IL 



LIBRO I DELLE STORIE 



DI 



TITO LIVIO 



IL 



LIBRO I DELLE STORIE 

DI 

TITO LIVIO 

COMMENTATO 

DA 

ENRICO COCCHIA 

COM INTRODUZIONE 8T0RICA INTORNO ALLA VITA E ALL'OPERA DI TITO LIVIO 



Ter» edizione accoratamente riveduta 
(Ristampa) 



TORINO 
Gasa Editrice 

GIOVANNI CHIANTORE 

Suoo. Ermanno Losschxr 
1922 



PROPRIETÀ LETTERARIA 



Tipografia Oliyxbo & C. — Torino, 2. 



ALLA MEMORIA 

di PIETRO RASI 

BENEMERITO FILOLOGO PATAVINO 



INTBODUZIONE STORICA 

intorno alla Yita e all'opera di Tito Livio (1). 



8ommabio : Proemio. — Padova a tempo di T. Livio. — Relazioni di Livio 
con Augnato. — La filosofia e la retorica. — La storia di Roma: il 

Sunto in cui ebbe termine e quello a cui Livio aveva intenzione di con- 
urla. — Titolo di essa e tempo in cui fu composta. — L'arte e la 
filosofia della storia in T. Livio. — T. Livio dinanzi alla critica storica. 
— T. Livio e Àsinio Pollione. — I commentatori e gli espositori di Livio. 

Tra le manifestazioni letterarie dell'ingegno romano occupa 
sicuramente il primo posto, se non in ordine di tempo, certo 
per importanza e ricchezza di produzione, la ricerca storica. 
Tale ricerca si trova direttamente e intimamente connessa 
colle tendenze e i bisogni politici di un popolo, il quale, af- 
fermandosi — fin dalle sue prime origini — come un ente 
essenzialmente storico, ebbe poi sempre chiara e costante la 



(1) I libri da noi consultati e messi a partito, tanto nell'introduzione come 
nel commento, sono : Titi Livi ab urbe condita libri. Rerum recognovit 
Wilh. We388»cbork, Lipsiae in aodibus B. G. Teubneri ; — Titi Livi ab urbe 
condita libri. Erklàrt von W. Weissbkborx. Ereter Band, erstes Heft. Berlin 
Weidmann, 1885 ; — Titi Livi ab urbe condita liber I. Far den Schulge- 
brauch erklàrt von Dr. Moritz Mukllkr. Zweite Auflage. Leipzig Teubner, 
1888 ; — Idvy Book I urith introduction, historical examination and notes 
by I. B. Sbzliv M. A. Third edition. Oxford Clarendon Press, 1881 : — Titi 
Livi ab urbe condita libri I et II. Scholarum in usum recensuit Robbrtub 
Novak. Pragae MDCCCXC: — Titi Livi* ab urbe condita liber I. FUr den 
SehMlgcbrauch erklàrt von Dr. Carl Turchino. Paderborn 1872: — Titi Livii 
ab urbe condita liber I. Fiir den Schulgebrauch erklàrt von Dr. Max Hey- 
xachsr. Gotha 1885 ; — B&mische Myihologie von L. Preller, Dritte Auf- 
lage. Berlin Weidmann, 1881-83; — Romische* Staaterecht von Theodor 
KomisEK. Erster Band, Leipzig 1876: ZweiterBand, Leipzig 1877: — JR6- 
mùche AlterthUmer von Ludwig Lahqk. Zweite Auflage. Berlin 1863; — 
Topographie der Stadt Som in AUerthum von H. Jordan, Berlin, 1871-78 ; 
— Étaai sur Tite Live par H. Taire. Paris Hachette, 1882; — Die 
Mauptpunkte der livianischen Syntax von Dr. Ludwig Kuehnabt. Berlin 1872. 



7III INTBODUZIOinB 

coscienza dei proprii destini, e alle memorie gloriose del pi 
sato informò ognora la condotta della sua vita. Egli era pere 
naturale, che questo popolo dovesse sentirsi assai di buon'o 
scontento tanto delle tradizioni popolari e domestiche relative 
passato, quanto delle indicazioni assai superficiali e sommar 
che intorno alle imprese degli avi si trovavan consegna 
negli Annali Massimi. Ond'è che i suoi primi scrittori, e 
meritarono propriamente il nome di poeti, Gneo Nevio 
Quinto Ennio, facendo capo direttamente a quelle d 
specie di fonti e pigliando pretesto l'uno dalla prima e l'alt 
dalla seconda guerra punica, tentarono, quasi in sul prì 
cipio della loro carriera artistica e della letteratura romai 
di fare la prima rappresentazione poetica della storia nazi 
naie. Era un tentativo codesto, che imitato quasi contemj 
rancamente, sebbene in forma diversa, da Q. Fabio Pitto: 
e da L. Cincio Alimento, da un lato, e da M. Porc 
Catone dall'altro, diede origine a quella lunga schiera 
Annalisti, i quali con lavoro continuo ed incessante gare 
giarono tra di loro, per accrescere lustro e notorietà al 
storia patria (2). 

Mancavano però quasi interamente a queste rappresenl 
zioni storiche, sebbene in grado e misura diversa, tutti quej 
elementi che sono indispensabili, per poter penetrare e ritrar 
degnamente la vita intima del passato. Mancava la larghez 
di sguardo, la sicurezza dell' intuito, la fede e la sinceri 
dello storico, e sopratutto il soffio vivo ed immortale dell'ari 
Onde non fa maraviglia, se — in mezzo a tanta copia e a 
bondanza di produzione storica — Cicerone, esprimendo i 
pensiero dei suoi contemporanei — già così colti e raffini 
nel gusto — , potesse lamentare l'assenza quasi completa del 
storia dalla letteratura romana (3). Era però una lacuna, e 
nò Cicerone nò i suoi contemporanei furono in grado di a 
mare. Perchè le opere storiche, certamente di assai gri 
pregio, con cui essi adornarono e arricchirono la letterati] 



fCfr. Liv., praef., 1-8. 
Cic, De legg. 1, 2, 5-7: abeti historùx ex Utteris nostri*... Quid U 
quarti isti omnes (annalium scriptores)? 



INTBODUZIONE Jt 

romana, o si fermarono a mettere in luce piccoli frammenti 
del grandioso edilìzio, o pure — limitandosi al presente — 
lasciarono affatto intatti i grandiosi ricordi del passato. 

Ha quando, colla fondazione dell'Impero, l'età eroica o an- 
tica potè dirsi compiuta ; quando Augusto ebbe ridonato pace 
e sicurezza a quell'antico organismo, ormai già vecchio e dis- 
fatto, dello Stato romano; allora fu possibile di effigiarne 
come in un quadro la splendida vita e di tramandarne la me- 
moria all'ammirazione perenne delle età future. Il solo scrit- 
tore che riuscisse, posto com'egli era tra le due età, ad ab- 
bracciare il largo giro di quella storia e a ritrarne gli eventi 
con forma maestosa e venusta, pari a un tempo alla gran- 
dezza del passato e alle esigenze letterarie del secolo di Au- 
gusto, fu Tito Livio. 

La storia, così ricca di notizie e d'eventi per altri scrit- 
tori di assai minor fama, fu quasi del tutto avara e muta 
con lui. Una data di Geronimo, un breve cenno di Seneca e 
di Quintiliano, e qualche parola gettata a caso dallo storico 
nei suoi libri, ecco le sole fonti a cui ci è dato di attinger 
notizie della sua vita. Secondo la prima di queste fonti, Tito 
Livio nacque in Padova nel 59 av. Cr., sotto il consolato di 
6. Giulio Cesare e M. Calpurnio Bibulo (4). Sebbene gravi dubbii 
sieno stati mossi dal Ritschl (5) intorno all'attendibilità delle 
notizie, sopratutto cronologiche, aggiunte da Geronimo alla 
cronaca di Eusebio — e da lui attinte probabilmente all'o- 
pera di Suetonio intorno agli uomini illustri (6) — ; e sebbene 
ad accrescere il dubbio intorno a questa data concorra anche 
il fatto, che essa è ricordata contemporaneamente da Gero- 
nimo quale anno natale di M. Valerio Messala — il quale fu 
per fermo anteriore a Livio (7) — ; pur tali dubbii non ci 
sembrano bastevoli per screditarla. 



ffieronym. ad Eus. chron.: « a. Abr. 1958 =3 695/59: Messala Corvinus 
• naacitur et T. Livius Patavinus scriptor historicus >. Secondo la tra- 
della medesima fonte, Livio sarebbe nato invece nelTO). 
di R., cioè 57 av. Cr. 
1, Parerga, p. 609. 

isen, die Qnellen der Chronik d. Hier., in Abh. d. sftchs. Ges. 
eifferscheid, Suetonio, p. 365, 880. 
I, G. d. R. Litt.», § 222, 1 e gli autori ivi citati. 



X INTB0DUZI0N1 

La cosa, ad ogni modo, di cui non si può dubitare è che 
egli nascesse in Padova, a tempo di Augusto. La costante 
affermazione degli antichi scoliasti (8), e l'accusa di pado va- 
nità inflittagli da Asini o Politane, non lasciano su tal ri- 
guardo luogo ad alcuna incertezza (9). Il Niebuhr notava, a 
conferma di ciò, nello stile di Livio il ricco colorito dei pit- 
tori Veneziani. Certo egli è che la patria, come forse lasciò 
una forte impronta sul suo stile, così non si allontanò mai 
dal suo cuore. £ mentre, da un lato, egli ha cura di comin- 
ciare la sua storia col ricordo di Antenore, il fondatore di 
Padova (10), — in cui onore si celebrarono ogni trent'anni, 
fino ai tempi più tardi dell'Impero, i cosiddetti ludi celarti o 
giuochi di pescatori (11) — ; d'altro canto, nel decimo libro 
(e. 10, 9), abbandonandosi ad una digressione per lui affatto 
insolita, si ferma con compiacenza a ricordare la vittoria, che 
riportarono i suoi concittadini — nel 453 U. e. /301 av. Cr. 
— sul pirata lacedemone Cleonimo. 

Padova, situata nella fertile vallata del Po e attraversata 
dal corso del Medoacus minor (oggi Bacchiglione), — il 
quale, a quattordici miglia dalla città, sulla laguna veneta 
formava il porto Aedro o Medoacus — , era sfuggita as- 
sieme alla Venezia, di cui poteva considerarsi come il capo- 
luogo, tanto all'occupazione degli Etrusci (Liv. 5, 33, 9 e Polib. 
" ' ~ % anto all'invasione successiva dei Galli nell'Italia set- 
e. Costretta a vivere continuamente in guerra con 
e molata dal bisogno d'essere forte e potente, ella era 



(8) Cfir. Sidonio Apollinare, Carm. II, 189 : « volantina Patavina » ; Sim- 
maco, Epi6t. IV, 18: « Patavino» scriptorem »; Asconio Pediano, ad Cornei, 
p. 68, 17 E.: « Livius noster >. Lo scoliasta Asconio Pediano, come è noto, era 
anch'egli nativo di Padova. 

(9) Il solo scrittore, che si attentasse a revocare in dubbio tale notizia, fa 
G. A. Schmidt in una dissertazione stampata ad Altdorf nel 1867, p. 7 segg. 
Non sarà forse inutile ricordare, che Livio è imperfettamente denominato da 
Stazio, Silv. IV, 7, 55, € Timavi alumnus », col nome cioè di un fiume, il 
quale scorreva a grand e distanza da Padova, tra Aquileia e Trieste, cfir. Virg. 1, 
242 e Claud. XXvm, 197. 

(10) Liv. 1, 1, 1-8; Virg. 1, 242; Pomp. Mela 2, 4, 2. 

(11) Tac Ann. XVI, 21: « Thrasea Patavi, unde ortus erat, India cetastia 
a Troiano Antenore institutiB habitu tragico cecinerat ». 



INTRODUZIONI XI 

riuscita assai di buon'ora a mettere in campo 120.000 com- 
battenti (Strab. 5, 1, 7); e si era trovata, quasi senza saperlo, 
alleata di Roma contro il nemico comune. Il giorno in cui i 
Galli, padroni di Roma, posero l'assedio al Campidoglio, fu 
un'improvvisa invasione dei Veneti nel loro territorio che li 
decise, secondo Polibio 2, 18, a toglier l'assedio e a venire 
a patti col nemico già vinto. E quando più tardi Annibale, 
sfruttando l'odio inveterato dei Galli contro di Roma, si era 
di essi servito come di avanguardia contro l'impeto dei 
nemici, i Romani trovarono in Padova, tanto nella buona 
quanto nell'avversa fortuna, un'alleata costante e fedele (Po- 
libio 2, 23). Di che essi la ripagarono non avaramente, con- 
correndo a sedare le discordie intestine, che minacciavano la 
pace interna della città (Liv. 41, 27, 3). 

Poiché Padova era come un punto di fermata o uno scalo 
per le merci, che dall'Italia meridionale venivano trasmesse 
verso la settentrionale o anche più oltre, e poiché essa in- 
viava in ogni parte del globo i prodotti speciali della sua 
industria, e sopratutto i suoi tappeti e le sue tuniche (Stra- 
bone 1. e); le sue ricchezze si erano di tanto aumentate, che 
èssa numerava 500 cavalieri e poteva ben reggere al con- 
fronto di Gades, la città più ricca e notevole dell'impero ro- 
mano. Vi era inoltre nelle sue vicinanze, a prescindere dal- 
Yoraculum Geryonis — del quale ci restano ancora alcune 
tavolette sacre o sorte* (cfr. Suet. Tib. 14 e C. I. L. I, 267; 
Y, 1, 271) — , una sorgente di acqua calda, anch'oggi assai 
pregiata, che piglia il nome di bagni d'Abano — e in an- 
tico di Apóni foni o pure Aponus (12) — ; dalla quale ap- 
punto si trova denominata, in Marziale, la regione che diede 
i natali a Tito Livio: 

Censetur Àpona Livio suo tellus (13). 

Sebbene Padova avesse ammassate oramai immense ricchezze 



(12) Il villaggio di Abano, nelle coi vicinanze sorgono le acque termali, 
dista oggi circa 10 km. da Padova. 

(18) Mart. Epigr. 1, 61, 8; cfr. riguardo al costrutto, qui usato da Marziale, 
Plin. N. H. 84, 80 « Kaucides et immolante arietem censetur >, cioè « è fa- 
moso anche per la statua del vittimano che immola l'ariete ». 



XII INTRODUZIONE 

e si fosse notevolmente accresciuta per il concorso dei fore- 
stieri, che venivano a ricercare il suo oracolo e le sue salu- 
tifere acque, pur essa conservò intatta sino ad età assai tarda 
l'antica purezza e severità dei suoi costumi (cfr. Plin. Ep. 1, 
14, 6; Mart. Ep. 11, 61, 8; Macr. 1, 11, 22), e contribuì non 
poco allo svolgimento della coscienza morale di Livio, il quale 
ne fu certamente indotto a mettere in luce più viva la cor- 
ruzione dei costumi, trionfante sfacciatamente in Roma. 

Non è nota né l'occasione ne l'anno in cui egli vi entrò 
la prima volta. Attiratovi forse dal bisogno di conoscere più 
da vicino le persone e i luoghi, che formavano come il teatro 
principale della sua storia, egli si sentì attratto nelT òrbita 
dell'amicizia di Augusto, senza forse averla né desiderata 
né ambita. Certo egli è che, se non la respinse da se con 
disdegno, non fece d'altra parte nulla per conservarla. E con- 
temporaneo di Orazio e di Virgilio, i quali non lasciarono 
occasione per inneggiare ad Augusto e collocarlo tra gli dèi, 
egli conservò intatto il suo animo e la sua penna da quel- 
l'adulazione, che era diventata come la veste ufficiale della 
letteratura del tempo. 

Discendente da una ricca e nobile famiglia Padovana, Livio 
portava con se un largo tesoro di ideali e di memorie, a cui 
seppe restar fedele in tutto il corso della vita operosissima. 
Negli anni della sua fanciullezza, era a lui giunta l'eco delle 
lotte e delle vittorie, le quali aprirono a Cesare la via delle 
Gallio e prepararono il passaggio del Rubicone. E, forse, sul 
suo animo sensibile di fanciullo aveva destato una fortissima 
impressione la voce di queir amico di casa, il quale — nel 
giorno della battaglia di Farsàlo — , osservando il volo degli 
uccelli, in preda ad un fatidico furore aveva esclamato : u t u 
vinci, o Cesare» (Plut. Ces. 47). Quando fu più innanzi negli 
anni, non solo sentì, ma vide alle porte di Padova gli orrori 
e le crudeltà delle guerre civili, le quali seguirono alla morte 
di Cesare e terminarono ad Azzio. In mezzo a quella confu- 
sione generale di uomini e di idee, tra cui disparvero gli ideali 
gloriosi della repubblica, i Padovani si attaccarono al partito 
del Senato, e cercarono di difenderlo con tutte le loro forze 
(cfr. Cic. Pkil. 12, 4,10). Tito Livio, il quale si destava allora 



INTRODUZIONE XIII 

per la prima volta alla coscienza della vita pubblica, si con- 
sacrò a quegli ideali già distrutti per sempre, se non col sa- 
crifizio ormai inutile della vita, con tutto lo splendore del suo 
ingegno e la sincerità del suo cuore. 

La sua Storia, se non fu una satira del nuovo Impero, fu 
però un elogio costante dell' antica Repubblica, del governo 
libero e dell'onestà dei costumi. Né l'amicizia del Principe gli 
fu mai velo tra il vero e l'intelletto. Considerò il Governo 
monarchico come intollerabile per Roma (14); previde la fine 
di questa nella fine della libertà (15); sferzò a sangue quella 
smania immoderata di lusso e di giuochi, che avrebbe con- 
dotto fatalmente a rovina l'Impero ; lodò Bruto e Cassio ; so- 
stenne le parti di Pompeo (Tao. Ann. 14, 34); e osò affermare 
del gran Cesare, che restava ognora dubbio intorno a lui se 
fosse stato più utile o nocivo alla Patria (Sen. N. Q. 5, 18, 4). 
Né menti innanzi alla sua coscienza di Storico sincero, quando 
delineando il carattere di Cicerone — uno dei principali isti- 
gatori ed autori della morte di Cesare (Phil. 2, 11, 25) —, 
scrisse dell' Arpinate che egli fu trattato dai sicarii di An- 
tonio cosi come avrebbe trattati i suoi proprii nemici (Sen., 
Suas. 7). Nominò appena Augusto nella sua Storia : due volte 
per segnare una data, un'altra volta per provare un fatto (16). 
Ne gli si darà la taccia di adulatore, se — con risentimento 
ispirato dal più vivo patriottismo — di fronte al greco Ti- 
magene — detrattore, sebbene ospite, di Ottaviano — osò 
di affermare che Augusto, ridonando la pace all'Impero e se- 



(14) Cfr. 44, 24, 2 : « natura inimica inter se esse liberam civitatem et 
regem ». La sua però fu una libertà illuminata, che senza trascendere a li- 
cenza demagogica s'informò ognora al rispetto vivo e costante delle leggi, 
cfr. 5, 6, 17 : < ea demum Romae libertas est non senatum, non magistratus, 
non leges, non mores maiorum, non insti tuta patroni, non disciplinam vereri 
militiae »; 24, 25, 8 : « baec natura multitudinis est: aut 6ervit humiliter aut 
superbe doininatur ; libertatem, quae media est, nec sumere modice nec habere 
sciunt »; 42, 30, 1 : « in liberis gentibus populisque plebs ubique omnis ferme, 
ut solet, deterioris erat >. 

(15) Liv. 2, 15, 3: « eam esse voluntatem omnium, ut, qui libertati erit in 
illa urbe finis, idem urbi sit >; sentenza codesta che fu comune non meno a 
Livio che a Trasea Peto, altro suo nobilissimo concittadino, il quale im- 
molò ad essa la propria vita, cfr. Dione Cassio 62, 26: 

(lfi) Liv. 1, 19, 3; 4, 20, 7; 28, 12, 12. 



XIT TKTBODUZIOKI 

dando le discordie intestine, aveva ridata a Roma la forza 
di respingere e prostrare mille eserciti, anche pia forti e po- 
tenti di quello dei Macedoni e d'Alessandro (17). 

Ottaviano — qnal uomo di lettere e qual uomo di spirito, 
ma più ancora come abile politico — non si ebbe a male di 
questi platonici amori di Livio, che egli contrassegnava scher- 
zosamente col nome di Pompeiano. Ma, mettendolo a parte 
della sua amicizia, — sia per la costante mira che egli ebbe 
di distaccare la propria causa da quella dello zio e di iden- 
tificare se stesso col Senato, sia per il lustro che il nome di 
Livio prometteva così al suo secolo come alla sua famiglia — , 
s'interessò vivamente all'opera di lui. E un giorno gli riferì 
di aver letto il nome di Console sulla corazza di lino, con- 
sacrata nel tempio di Giove Feretrio da Cornelio Cosso (18). 
Senza grandi pretensioni da nessuna delle due parti, quest'ami- 
cizia si protrasse assai a lungo inalterata, e forse non si estinse 
che colla morte di Augusto: se è vero che Livio consigliò 
al giovinetto Claudio, il futuro imperatore nato nell'a. 10 av. 
Cr., di occuparsi di ricerche storiche (Suet. Claud. 41). 

A noi sfugge ogni altra notizia intorno alla vita intima e 
famigliare di Tito Livio. Da Quintiliano, 10, 1, 39, e da Seneca, 
Gontrov. 10, 2, si apprende, che aveva un figlio ed una figlia, 
maritata al retore Magio. Da un cenno che egli scrive intorno 
alla Campania, nel trentottesimo libro delle sue storie (e. 56, 3), 
s'inferisce con sufficiente certezza, che egli aveva visitati quei 
luoghi e fatta permanenza a Napoli. E da una frase laconica 
di Geronimo, il quale afferma che egli morì a Padova in età 
di 76 anni, nel 17 d. Cr. (Augusto era morto nel 14), è per- 
messo forse di concludere, che Livio si ritrasse in patria 
negli ultimi anni di vita, disgustato per le bassezze del Senato 
e le crudeltà di un Tiberio. 

Quattordici secoli dopo la sua morte (nel 1413), additate da 
un'antica e costante tradizione, si scopersero a Padova nella 



(17) Liv., lib. 9, cap. 17-19. 

(18) Liv. 4, 20, 7. 



INTBODUZIONI Xt 

eappella di S. Giustina (19), — e fa questa opinione quasi 
generale tra tutti gli spiriti colti del tempo — , le ossa del 
grande storico Padovano. Sebbene il velo, di cui il tempo le 
ha ormai ricoperte, non ci dia animo di rigettare o dì acco- 
gliere con piena sicurezza tale leggenda, le iscrizioni sepol- 
crali, venute fuori dal medesimo luogo (20), ci additano che, 
se la grande anima di Livio non albergò proprio in quegli 
avanzi mortali, trovò però forse tra quei monumenti la pace 
del sepolcro. 

Le occupazioni, che distrassero la vita a Livio in mezzo a 
7 quei mali tra cui fu costretto a condurla, furono la filosofia 
e la retorica. Alla prima di esse, che gli acquistò un posto 
notevole accanto a Cicerone e ad Asinio Pollione, egli dedicò 
alcune opere o dialoghi, che stando di mezzo tra la filosofia 
e la storia potrebbero rassomigliarsi ai XoyunoQixd di Var- 
rone (cfr. Sen. Ep. 16, 5, 9). E, quanto alla Retorica, ba- 
sterebbero le sue storie ad assicurarci, che essa occupò for- 
temente la prima parte della sua vita. Anzi, direi quasi che 
basterebbe, assai più delle Storie, a confermarcelo un giudizio di 
Seneca, Suas. 6, 21. Il quale, avendo ancor la fortuna di leg- 
gerle per intero, assicurava che a T. Livio non mancò mai 
3 di tessere un elogio funebre della vita dei grandi 
norti in battaglia. Vi sono oltre a ciò degli accenni, i 
infermando questa tendenza retorica di Livio — c'in- 
credere che, se egli non fu un vero maestro di tale 
ù però cultore appassionato. In una lettera, scritta 



intronfi nel C. I. L. voL V, 1, 282, la lettera del contemporaneo 
entone, relativa a questa scoperta. 

1384, circa ottant'anni prima della presanta scoperta del cadavere 
une fuori dalla medesima cappella di 8. Giustina un'altra iscri- 
rale (cfr. C. I. L. V, 2865); la quale, senza esser punto riferita allo 
io fin dal principio correttamente interpretata come ricordo di un 
r alyB Concordiate, liberto di Livia Quarta figliuola di T. Livio, 
tradizione antica e costante riferiva, che in quella medesima cap- 
erà venuto fuori quel monumento, dovesse trovarsi anche il se- 
livii, a me non pare improbabile, che in quelle stesse vicinanze 
►erte anche le altre due iscrizioni sepolcrali, che oggi si eonser- 
, e che accennano fuor di ogni dubbio, se non allo storico di 
alla sua famiglia, cfr. C. I. L. V, 1, 2975-6. 



XTI INTRODUZIONE 

al proprio figliuolo, egli consigliava, al dire di Quintiliano 2, 
5, 20, di studiar sopratutto Cicerone e Demostene, e poi in 
seguito gli altri oratori, secondo che più si avvicinassero a 
questi due modelli. E, deridendo le scuole dei Retori contem- 
poranei, i quali facevan consistere tutto il segreto dell'arte 
nell'uso di parole antiquate e nell'oscurità del pensiero (oxo- 
tt£eiv), si appropriava acconciamente una frase assai incisiva 
del retore Milziade, dicendo che lo studio delle parole li fa- 
cesse impazzare (Quint. 8, 2, 18 e Sen. Controv. 9, 2, 26). 

Ma queste erano niente più che distrazioni passeggere del 
suo spirito. La sua grande preoccupazione fu la Storia di 
Roma, alla quale consacrò tutta quanta la sua operosità e 
la forza del suo ingegno. Essa incomincia coll'arrivo di Enea 
in Italia, e si estende fino alla morte di Druso, cioè all'a. 745 
di R. Giacche è questo appunto l'ultimo fatto, che di quella 
si ricordi (21); nò vi è argomento alcuno per sospettare che 
Livio sia andato più in là di tale epoca. Alcuni, notando che 
il Compendio di Floro si ferma alla morte di Augusto, ne 
han concluso che questo foss' anche il termine delle Storie di 
Livio. Ma essi non badano che Floro, quasi in ogni capitolo 
del suo compendio, ha messo a partito oltre a Livio anche 
altre fonti ; dalle quali potè appunto desumere i pochi fatti, 
che seguono alla morte di Druso e che non hanno alcuna 
caratteristica liviana. Ad onta di ciò, egli è certo che la 
morte di Druso non era un evento di tanta importanza, 
da far di essa il termine di una così grandiosa rappresenta- 
zione storica. Sicché, se l'opera di Livio ebbe qui fine, vorrà 
forse dire solamente, che la morte o altre circostanze tron- 
carono a quel punto la sua attività di scrittore. Fors'egli ebbe 
veramente l'intenzione di condurre l'opera sua fino alla morte 
di Augusto, il cui impero era considerato anche da Tacito 
come il principio di un'era nuova. E pensava, chi sa, di rag- 



(21) Nel codice Nazariano, che ci ha conservate raccolte insieme tutte 
quante le per io eh e dei libri di Livio (ad eccezione di quelle dei libri 136 
e 137), si leggono sulla fine queste parole: € corpus Drusi Romani pervectum 
et in tumulo C. Iuli reconditum. Laudatus est a Caesare Augusto Titrico, et 
supremis eius plures honores dati >. 



IHTB0DUZI0N1 XVII 

fungere non solamente il termine naturale della sua storia ; 
ma di completare pur anche, colla narrazione di quegli ultimi 
eventi (22 anni di storia), il numero complessivo di 150 libri, 
che ora invece è interrotto al 142. 

Di quest'opera così grandiosa a noi non resta che una pic- 
cola parte, e cioè soli 35 libri, due dei quali, il 41 e il 43, 
son per di più incompleti. Mancano interamente i libri dall'I 1 
al 20 e dal 46 al 142. L'ultimo, che ne avesse ancor notizia 
completa, fu il grammatico Prisciano sulla fine del V secolo. 
Dopo di lui la tradizione si chiude, e l'oblio ricopre per sempre 
la parte maggiore e più notevole di quest'opera, sia per la 
sua mole immensa che impedì ai copisti di trascriverla per 
intero (22), sia per l'odio a cui essa fu fatta segno dall'im- 
peratore Caligola e dal pontefice Gregorio Magno. I quali ne 
ordinarono la distruzione e la remozione da tutte quante le 
pubbliche Biblioteche (Suet. Galig. 34). Ne la speranza, che 
di tempo in tempo si è ravvivata, di poterla quando che sia 
riacquistare, alletta oramai più nessuno, dopo le tante disillu- 
sioni avute e dopo gli scarsi frammenti ritrovati nella biblio- 
teca vaticana dal Bruns nell'a. 1772 (23). 

A noi è anche ignoto il titolo preciso, sotto di cui Livio 
la pubblicò la prima volta. Alcuni, mettendo a partito una 
frase adoperata da Livio stesso per contrassegnare il genere 
di scritti, tra i quali egli collocava la propria esposizione 
(cfr. 43, 13, 2, in meos Annate referam), credono che la deno- 
minasse Annate*. Altri invece, seguendo l'esempio dato dal 



(22) Cfr. MartiaL Epigr. 14, 190: 

PeMbw exiguis artatur Livius ingens, 
Quem tnea non totum bibliotheca capii. 

Forse già a tempo di Marziale l'opera di Livio cominciava a diventar rara, 
sicché non era riuscito nemmeno a lui di possederla intera. 

(23) Oltre al frammento scoperto dal Bruns nel 1772, che si riferisce alla 
guerra combattuta con Sertorio in Ispagna e narrata nel XCI libro, lo Schnei- 
lewin scoperse nei 1843 un breve frammento del CXXXV libro, e l'Otho 
Bel 1850, in uno scoliasta di Lucano, alcuni brevissimi cenni d'ignota sede. 
Nel 1903 furono trovati ad Ossirinco frammenti papiracei di una nuova Epi- 
tome liviana, che rimonta forse al terzo secolo d. òr., cfr. l'edizione che ne fu 

orata prima dal Robbbach e poi dal Kornsmàkh, in Beitràge e. alien Cfeseh., 
.Leipzig 1904. 

S. Cocchia, Tito Livio, Ixfrodu*. I, 8» «d u 



XYHI INTBODUZIOHI 

Sigonio, la intitolarono historiarum ab Urbe condita libri, giu- 
stificando tale indicazione con una frase poco precisa, che si 
legge di ciò stesso in Plinio (24). Se però si bada a quella 
testimonianza di Servio, ad Aen. 1, 373, in cui si afferma 
espressamente, che l'opera di Livio consta insieme di storia 
e di annali, tanto l'una che l'altra indicazione parrà invero- 
simile. E, poiché l'Autore stesso vi si riferisce non poche volte 
colla semplice indicazione dei libri, in cui essa era divisa (cfr. 6, 
1, 1 quinque libris expo sui), il titolo più conforme alla sua na- 
tura parrà quello di T. Livi ab urbe condita libri. H quale 
corrisponde sia alle indicazioni dei grammatici e dei codici 
più antichi e pregiati, sia al titolo stesso adottato per le pe- 
riochae e per il breviarium di Eutropio (25). Oltre a questo 
titolo generale dell'opera, che ricorda assai da vicino quella 
degli Annali di Tacito ab excessu divi Augusti, le singole 
parti di essa dovevano anche avere dei titoli speciali, come gli 
otto libri della guerra civile dal 109 al 116, e i quattro 
libri dove si tratta delle guerre sannitiche (cfr. 10, 31, 10). 
Le grandiose proporzioni, che assunse quest'opera nel suo 
svolgimento, e' inducono a credere che Livio vi spendesse ai- 
torno la maggior parte della vita. Il che rende di per sé solo 
assai poco verosimile la congettura del Niebuhr, che la prima 
decade fosse pubblicata soltanto dopo l'anno 745 di Roma. D 
Niebuhr fonda questa sua opinione sopra quel cenno del libro 
nono di Livio (e. 36, 1), dove si afferma che la selva Giminia in 
Etruria era più impraticata e sconosciuta ai Romani del 444 U. 
e. di quel che non fossero a suo tempo le foreste germaniche. E 
riconosce in questo raffronto l'effetto delle conquiste compiuta 
in Germania da Druso. Sennonché ci torna facile intendere, 
che i Romani non avevano bisogno di aspettare gli anni 742 
e 745 di Roma, per acquistar la vaga conoscenza a cui qui 



(24) Plinio N. H. Praef. 16: « T. Liviam ... m historiarum sttarum, qua* re- 
petit ab origine urbis, quodam volumine sic orsum ». 

(25) H codice veronese del VI sec., il viennese del VI o VII, il Puteanas 
del Vii o Vili, la recensione di Vittoriano e dei dne Nicomachi del V sec e il 
ood. Bambergense della quarta decade hanno tatti, quasi costantemente, come- 
epilogo dei singoli libri : T. Livi ab urbe condita Liber l, etc. 



INTRODUZIONI XIX 

si accenna, e che già le guerre di Cesare e di Agrippa avevano 
data (26). Egli è vero che in favore della tesi sostenuta dal 
Niebuhr si aggiunge anche il fatto, che Dionigi d'Alicarnasso, 
il quale pubblicò per la prima volta le sue Storie nell'anno 747 
di Roma, non mostra di avere alcuna conoscenza o notizia di 
Livio. Ma non poche ragioni soccorrono a spiegare e a farci 
intendere il silenzio del Retore (27). E, d'altra parte, la no- 
tizia comunicataci da Livio, nel libro primo delle Storie (e. 19, 
3), intorno al tempio di Giano, il quale sarebbe stato chiuso 
per l'ultima volta da Ottaviano dopo la battaglia d'Azzio, cioè 
nell'a, 725 di Roma, ci assicura che almeno la prima parte 
dell'opera dovesse esser pubblicata anteriormente al 729. In 
quell'elenco si trova difatti esclusa interamente la memoria 
di quest'anno, che fu pur famoso per la chiusura del tempio 
di Giano (28). Se a questa considerazione si aggiunge, che Ot- 
taviano non è ricordato da Livio altrimenti che col nome di 
Augusto, la data di questa prima pubblicazione ne sarà anche 
meglio circoscritta. Perchè, non rimontando quel titolo più 
indietro del 727 (29), si vede di leggieri che Livio non può 
aver messo mano alla sua trattazione prima di quest'epoca, 
cioè in età di 30 o 32 anni. 

A questo medesimo risultato conduce anche l'eco lamente- 
vole delle guerre civili e dei loro funesti effetti, che risuona 
in tutta quanta la prima decade (30). E, per di più, vi si ag- 
giunge il titolo stesso di templorum omnium conditor oc resti- 
tutor, con cui Augusto vien celebrato nel quarto libro delle 
Storie (e. 20, 7), titolo che egli aveva di già conseguito, come 
appare dal monumento Ancirano (31), fin dal 726 della fon- 



(26) Cfr. Ces. b. gaU. 6, 24 segg.: Floro, 1, 44: Dione Cassio 51, 21; 53, 29. 

(27) Come, ad es., la grande probabilità che Dionigi avesse di già composta 
la prima parte dell'opera, quando Livio pose mano alla sua: poiché non fa 
d'uopo dimenticare che, se Ù primo pubblicò l'opera intera nel 747, il secondo 
non l'aveva ancora finita 17 anni d. Cr. 

(28) Cfr. il Monumento Ancirano e Dione Cassio 54, 11, il quale afferma 
che questa seconda chiusura del tempio di Giano per opera di Augusto ebbe 
luogo dopo la vittoria sui Cantabri. 

(29) Nella p e rio eh a del libro 134 vien ricordato, che Ottaviano nel- 
l'anno 727 di K. « Augustus cognominati*» est ». 

(80) Cfr. Praef. 4 ; 2, 44, 7 ; 3, 66, 1 ; 6, 12, 5; 7, 25, 9. 40, 2 ; 9, 19, 15. 
(31) Mon. Ancyr. IV, 17; Dione Cassio 53, 2. 



XX INTB0DUZI0N1 

dazione di Roma. Oltre a tali fatti si noti, che il libro nono 
dovè esser sicuramente composto prima del 734. Infatti, mentre 
in esso si accenna alla disfatta d'Antonio (e. 18, 9), Livio non 
fa ponto menzione, contro i detrattori del nome romano, della 
splendida rivincita riportata da Augusto, appunto nel 784, sul 
re dei Parti Fraate (32). Ora, in vista di simili risultati, parrà 
assai degno di considerazione questo periodo di tempo, che si 
svolge tra il 725 e il 735 di Roma, come epoca splendida in 
cui attesero a glorificarne le origini e la storia il più grande 
dei suoi poeti e il più potente dei suoi storici, Virgilio e Tito 
Livio. 

Quanto alla terza decade, poiché in essa (33) si accenna alla 
conquista definitiva della Spagna, si può ben credere che Livio 
intendosse di riferirsi non solamente alla guerra combattuta 
da Augusto tra il 727 e il 729 di Roma, ma anche alla vit- 
toria trionfale riportata da Agrippa contro i Cantabri nel- 
l'anno 735 (34). Riguardo ai libri successivi, scritti forse tutti 
senza interruzione, mancano accenni sicuri per poterne preci- 
sare la data. Ma dalla notizia, che è inserita nelle peri oche 
a partire dal libro 121 (35), si fa manifesto che le tre ultime 
decadi furon pubblicate, se non composte per intero, dopo la 
morte di Augusto; oche, nei tre anni che gli sopravvisse, Livio 
attese tuttora a dar l'ultima mano all'opera sua, non inter- 
rotta forse dalla stanchezza, ma dalla morte. 

Due pensieri, espressi da Livio a varie riprese nella sua 
Storia, ci confermano l'entusiasmo sempre crescente, con cui 
egli vi si dedicò. In uno di questi, nella foga del lavoro, egli 
paragona l'opera sua a quella di un timido nuotatore, il quale — 
trasportato dalla corrente in mezzo al mare — sente crescersene 
continuamente dinanzi la profondità e la distesa (36). E nel- 



(32) Cfr. la periocha del 1. 141. 

^33) Liv. 28, 12, 12: « (Hispania) prima Romania inita provinciarum, quae 
quidem coutinentis rint, postrema omnium nostra demum aetate duetti au- 
epicioque Angusti Caesaris perdonata est >. 

(34) Cfr. Dione Cassio, 53, 25 ; 54, 11 ; Tac. Ann. 4, 5. 

(35) Accanto al libro 121, nel codice Nazariano delle periodi e, si legge: 
€ qui editus post excessum Augusti dicitur ». 

(36) Liv. 31, 1, 4: « me quoque iovat, velut ipse in partes laboris ac pe- 
riculi ruerim, ad finora belli Punici pervenisse : nam etsi profiteri au6um, per- 



INTRODUZIONI XXI 

l'altro, già presso a giungere in porto, stanco ma non ancor 
soddisfatto, si sentirebbe quasi indotto a cullarsi sugli allori 
già mietuti, se il suo animo irrequieto trovasse altrove riposo 
che nel proprio lavoro (37). 

Quest'ultimo cenno, l'alta rinomanza che Livio aveva già 
levata di sé perfino nella Spagna (38), i proemii premessi a 
diverse parti dell'opera (39), nonché l'accusa di padovanità 
inflittagli da Asinio jPollione e il nome di Pompeiano attri- 
buitogli da Augusto, sono tutte prove più che sicure del modo 
come la sua Storia venne data alla luce, e messa di mano 
in mano a disposizione e cognizione del pubblico. 

Lo scopo, che Livio ebbe in animo di raggiungere, appa- 
risce assai chiaro dalla splendida introduzione che' precede 
all'opera intera. Mirando a distrarre il proprio spirito dalla con- 
templazione dei mali presenti, egli l'applicò con trasporto allo 
studio della storia antica, col vivo desiderio di inalzare alla 
memoria del più gran popolo della terra un monumento che 
fosse degno della sua fama. Né, a dire il vero, gli faceva difetto 
alcuna di quelle virtù, che si giudicano più comunemente indi- 
spensabili per una vera e propria resurrezione o rappresen- 



acripturum res omnes Bomanas, in partibas singulis tanti operis fatigari mi- 
nime conveniat, tamen, cum in mentem venit tres et sexaginta annos aeque 
tnulta volumina occupasse mini, quam occnparint CCCCLXXX VII anni ab urbe 
condita ad Ap. Claudiumconsulem; — iam provideo animo, velut qui prorimis 
litori vadis inducti mare pedibus ingredinntnr, qnidqnid ingredior, in vastio- 
rem me altitudineni ac velut profnndom invehi et crescere paene opus, quod 
prima quaeque perficiendo minm videbatur ». Ci sembrano per lo meno in- 
discreti, per non dire addirittura strani, gli apprezzamenti che fa il Weissen- 
born, intorno a questa confessione di Livio, nella introduzione latina premessa 
alle opere di quest'ultimo, p. li. A commento del pensiero di Livio ci per- 
mettiamo di ricordare un sentimento quasi identico, che manifestò Virgilio 
pel suo capolavoro (Macrob. 1, 24, 11), e la risposta data dal Goethe all'Ecker- 
mann intorno all'incommensurabilità del soggetto del Faust. 

(37) Plin. N. H. praef. 16 : e profiteor mirari T. Livium, auctorem celeber- 
rimum, in historiarum suarum, quas repetit ab origine urbis, quodam volu- 
tine sic orsum: satis iam sìbi gloriae quaesitum et potuisse 
te desidere, ni animus inquies pasceretur opere ». 

(38) Plin. Ép. 2, 8, 8 : « numquam legisti Gaditanum quondam T. Livii 
■ornine gloriaqae commotum ad visendum eum ab ultimo terrarum orbe ve- 

atatimque ut viderat abisso ? ». 

(39) Cfr. Liv. 6, 1, 1 ; 21, 1, 1 ; 80, 1, 1 ; Plin. praef. 16. 



XXII INTRODUZIONE 

tazione storica del passato. Se a riprodurre e mettere in viva 
luce quel conflitto di passioni, da cui la storia è dominata, 
occorre la fantasia del poeta e lo slancio dell'oratore, nessuno 
poteva considerarsi a tale impresa più adatto di Livio. Il quale, 
mentre aveva sortito da natura il dono della poesia, senza 
l'abito forse o pur la passione di mettere in versi i proprii 
pensieri, d'altra parte aveva fatta della retorica quasi un'oc- 
cupazione assidua della sua vita. Se ad intendere i fatti nei 
loro vicendevoli nessi di causa ed effetto occorre l'intuito divi- 
natore del filosofo, nessuno penserà che Livio fosse sprovvisto 
dell'attitudine per penetrare nella vita intima del passato. E, 
se a conseguire pienamente il proprio intento, è indispensabile 
un caldo entusiasmo per l'opera propria e piena sincerità di 
convinzioni e di propositi, solo pochi potranno vantarsi di aver 
posseduta l'una e l'altra qualità in grado così eminente (40). 
La storia di Roma si può evidentemente considerare sotto 
un duplice aspetto. Come storia esterna, essa ha per obbiettivo 
la conquista del mondo ; come storia interna, ne forma lo sfondo 
la lotta ferma e costante della plebe contro il patriziato, fino 
alla conquista dei diritti civili e alla fusione completa dei 
due ceti. Or in forza di quali virtù e di quali mezzi Roma 
venne a capo dell'uno e dell'altro obbiettivo? Quanto al primo 
punto, Livio non lascia mai occasione di ricordare, che il cam- 
mino costante e glorioso delle legioni Romane sulla via della 
vittoria si spiega soltanto colla forza e la pertinacia dei vin- 
citori, di fronte alla debolezza e all'ignavia dei vinti. Al- 
l'indomani dell'occupazione di Roma per parte dei Galli, Ca- 
millo incita alla riscossa le sue milizie con un discorso, dove 
son chiaramente indicate le cause, che debbono scortarli alla ; 



(40) Quint. 10, 1, 101: « at non historia cesserit Graecis, nec opponete 
Thucydidi Sallustium verear. Neque indignetur sibi Herodotus aequari T. Li- 
viuni, cum in narrando mirae lncunditatis clarissimique candorìs, tum in con- 
tionibus supra quam enarrali potest eloquentem; ita quae dicuntur omnia 
cum rebus tum personis accommodata sunt; affectus quidem, praecipneque 
eos qui sunt dulciores, ut parcissime dicam, nemo bistoricorum commendavit 
magis. Ideoque immortalem illam Sallustii velocitatem diversis virtutibus 
consecutus est »; Tac. Ann. 4, 34: « T. Livius eloquenti^ ac fidei praeclarua 
in primis ». 



INTBODTJZIONE XXIII 

vittoria. * Gens est „ egli dice, * cui natura corpora animosque 
4 magna magis quam firma dederit: eo in certamen omne 

* plus terroris quam virium ferunt. Argumento sit clades Ro- 
4 mana; patentem cepere urbem; ex arce Capitolioque his 

* exigua resistitur manu. Iam obsidionis taedio vieti absce- 
" dunt, vagique per agros palantur; cibo vinoque raptim hausto 

* repleti, ubi nox adpetit, prope rivos aquarum sine muni- 
4 mento, sine stationibus ac custodiis, passim ferarum ritu 
4 sternuntur, nunc ab secundis rebus magis solito incauti „ (41). 
E, quando più tardi Gneo Manlio si troverà in Oriente, ancor 
un'altra volta, di fronte a questo nemico così pericoloso per 
Roma, si scorge assai chiaramente dalle parole di lui, come 
l'esperienza contratta nel passato cooperasse all'esito felice 
delle lotte romane. " Non me praeterit, milites „, egli dice 
alle sue milizie, * omnium quae Asiam colunt gentium Gallos 
" fama belli praestare. Inter mitissimum genus hominum ferox 
4 natio, pervagata bello prope orbem terrarum, sedem cepit : 
4 procera corpora, promissae et rutilatae comae, vasta scuta, 

* praelongi gladii; ad hoc cantus ineuntium proelium et ulu- 

* latus et tripudia et quatientium scuta in patrium quendam 

* morem horrendus armorum crepitus: omnia de industria coin- 
4 posita ad terrorem. Sed haec, quibus insolita atque insueta 
4 sunt, Graeci et Phryges et Cares timent. Romanis, Gallici 
a tumultus assuetis, etiam vanitates notae sunt. Semel primo 

* congressu ad Alliam eos olim fugerunt maiores nostri : ex 

* eo tempore per ducentos iam annos pecorum in modum con- 
4 sternatos caedunt fugantque; et plures prope de Gallis trium- 

* phi, quam de toto orbe terrarum, acti sunt. Iam usu hoc 

* cognitum est, si primum impetum, quem fervido ingenio et 

* caeca ira effundunt, sustinueris, fluunt sudore et lassitudine 
4 membra, labant arma: mollia corpora, molles, ubi ira con- 
4 sedit, animos sol, pulvis, sitis, ut ferrum non admoveas, 

* prosternunt „ (42). 

La filosofia della storia non è, nell'opera di Livio, come una 



$ 



Liv. 5, 44, 4. 
Liv. 38, 17. 



XXIV INTKODUZION! 

sovrapposizione esterna al racconto, ma la forza direttrice degli 
eventi. Essa non si manifesta in discussioni gravi e solenni 
dello Storico, ma s'infiltra insensibilmente nelle orazioni dei 
generali, i quali rappresentano il vero consiglio e la vera 
mente direttrice di Roma, nelle lotte gigantesche che prepa- 
rarono ed assicurarono il dominio universale. Chi volesse in- 
tendere i mezzi, per cui Roma riuscì a trionfare della forte 
razza sannitica, la quale fu certo l'ostacolo più serio che le 
sbarrasse la via, nella sua opera di conquista ed unificazione 
della penisola intera, non ha che a meditare sulle seguenti 
parole di Decio, che mettono a nudo l'insufficienza quasi com- 
pleta dei Sanniti ad una seria organizzazione militare. * Quae- 

* nam ,, egli dice, * illa inscitia belli ac pigritia est, aut quonam 

* modo isti ex Sidicinis Campanisque victoriam pepererunt? 

■ huc atque illuc signa moveri ac modo in unum conferri, 

* modo diduci videtis; opus quidem incipit nemo, cum iam cir- 

* cumdati vallo potuerimus esse „ (43). 

Uno degli argomenti più variamente discussi e trattati, sia 
nei tempi antichi sia nei moderni, son certamente le guerre 
puniche. E pure, a svelare il segreto a cui i Romani furon 
debitori dei loro successi, nessun pensiero più profondo è stato 
pronunziato fino ad ora di questo, che Livio pone in bocca ad 
Annibale: * Iam non perplexe ,, questi dice, ■ sed palam 
" revocant, qui, votando supplementum et pecuniam mitti, 

* iampridem retrahebant. Vicit ergo Hannibalem non populus 

■ Romanus toties caesus fugatusque, sed Senatus Garthagi- 

* niensis obtrectatione atque invidia; neque hac deformiate 

■ reditus mei tam P. Scipio exsultabit atque efferet sese, quam 

* Hanno, qui domum nostram, quando alia re non potuit, 

* ruina Garthaginis oppressit , (44). Non manca che un tocco 
a compiere il quadro, ed esso si trova nelle seguenti parole 
pronunziate da Scipione innanzi al Senato romano: * Nos, 

* etiam deserti ab sociis, viribus nostris, milite Romano ste- 

■ timus. Garthaginiensi nihil civilis roboris est : mercede pa- 



(43) Lìt. 7, 34, 12. 

(44) Liv. 30,20. 



IXTBODUZIONE XXV 

* ratos milites habent, Afros Numidasque, levissima fidei mu- 
" tandae ingenia » (45). Qui non son più i ragionamenti dello 
scrittore che colpiscono, ma i fatti stessi che si animano e 
pigliano vita, e che nelle emozioni che destano danno la ra- 
gione più sicura del successo. 

Come per la storia esterna di Roma, così per la interna 
Livio ha intravveduti e descritti assai nettamente gli opposti 
ideali e le lotte tenaci che agitarono i due partiti, i quali 
combatterono pensierosi entrambi, più che di se stessi, del 
bene della patria. La magnifica arringa che Canuleio rivolge 
al popolo, per spiegare la sua proposta di legge — la quale 
tendeva ad accomunare il patriziato colla plebe — , è la più 
splendida prova di questa così alta missione. " Itaque „, egli 
dice, " ad bella ista, seu falsa seu vera sunt, consules, parata 

* vobis plebes est, si conubiis redditis unam hanc civitatem 

■ tandem facitis, si coalescere, si lungi miscerique vobis pri- 
" vatis necessitudinibus possunt, si spes, si aditus ad honores 
" viris strenuis et fortibus datur, si in consortio, si in socie- 

* tate rei publicae esse, si, quod aequae libertatis est, in vicem 

■ annuis magistratibus parere atque imperitare licet. Si haec 
" impediet aliquis, ferte sermonibus et multiplicate fama 

* bella; nemo est nomen daturus, nemo dimicaturus prò su- 

■ perbis dominis, cum quibus nec in re publica honorum, nec 
" in privata conubii societas est , (46). 

Né basta ancora. Perchè, quando più tardi la plebe ebbe 
ottenuto il diritto di nominare i tribuni militari, tanto dal 
proprio seno quanto dal novero dei patrizii, si vide allora un 
fatto, non certo inaudito nella storia romana, che quella delegò 
ad una carica così onorifica soltanto i patrizii, dando esempio 
di una nobiltà e di una moderazione, che fu il principale e 
più splendido carattere di quella lotta, e che non a torto Livio 
ammira ed esalta. * Hanc modestiam aequitatemque et alti- 

* tudinem animi „, egli dice, u ubi nunc in uno inveneris, quae 
1 tum populi universi fuit? „ (47). 



(45) Lìt. 28, 44. 

(46) Liv. 4, 5. 

(47) Liv. 4, 6, 12. 



ZXTI INTB0DT7ZI0NX 

A questa attitudine così insigne di Livio, nel penetrare le 
cause intime degli avvenimenti da lui narrati, è pari soltanto 
il magistero dell'arte che egli dispiega, nel metterli in iscena. 
L'arte è essenzialmente la vita della storia. Le discussioni 
critiche e le costruzioni filosofiche concorrono certo a prepa- 
rare lo storico, ma non a formarlo. Il suo compito è ben più 
alto. Dopo di aver esaminati e decomposti i fatti nei loro ele- 
menti, egli ha il dovere di ricostruirli in quella suprema unità, 
che togliendoli all'oblio del passato rida loro una vita immor- 
tale. Or in ciò niun altro forse, tra gli storici antichi e mo- 
derni, fu pari al Romano. 

A misurare d'un tratto l'abisso che lo separa dai suoi pre- 
decessori e contemporanei, nulla forse giova meglio di un ra- 
pido e parziale raffronto con Dionigi d'Alicarnasso. Entrambi 
raccontano cogli stessi elementi storici la morte di Lucrezia ; 
anzi la situazione drammatica non varia notevolmente dall'uno 
all'altro (cfr. Liv. 1, 58 e Dion. 3, 64-7). E pur quanto varia 
il senso dell'arte! Livio ha colta la situazione nei suoi mo- 
menti essenziali. E, con un'analisi psicologica delle più finite, 
ha ritratto al vivo quella lotta terribile, che si svolge nel 
cuore di Lucrezia, e che sotto il peso del dolore e della ver- 
gogna la atterra, tra quelle stesse pareti che erano state te- 
stimoni così dell'uno come dell'altra. Dionigi, invece, non in- 
tende questa situazione così delicata. E, profanando la figura 
veramente eroica di Lucrezia, prima la mostra atterrita dalle 
minacce dell'adultero, e quindi la dispone ad entrare in trat- 
tative con lui. E, quando da ultimo il misfatto è compiuto, 
l'avvia su di un carro verso Roma; senza intendere che il 
suo corpo e il suo cuore sono egualmente spezzati, che ella 
non ha la forza di riapparire alla luce del sole, che vorrebbe 
nascondersi, nonché all'altrui sguardo, perfino al proprio pen- 
siero! In Livio invece, accasciata dal male che l'ha colpita, 
Lucrezia resta immobile nella sua stanza e nel suo dolore, 
ferma e decisa nel pensiero della morte. S'intenerisce soltanto 
alla vista del genitore e dello sposo, e le lacrime e il cuore 
minacciano per un momento di vincerla. Ma, appena inco- 
mincia a parlare, ha già riacquistato il pieno dominio sulla 
propria volontà. Le sue parole rapide e decise circondano come 



INTRODUZIONE XXVII 

dì un velo il suo pensiero; e l'ultima frase, qual colpo di 
pugnale, lo squarcia e mette a nudo, nel punto stesso in cui 
ha adempimento (vos videritis quid UH debeatur; ego me etsi 
peccato absolvo, supplicio non libero; nec ulla deinde impudica 
Lucretiae exemplo vivai) (48). 

In onta a questi pregi cosi insigni dell'opera di Livio, i 
critici — sopratutto moderni — notano in essa difetti così 
gravi, che ci obbligherebbero quasi a cancellare il nome di lui 
dal novero dei grandi storici antichi. Si dice comunemente, 
che egli avesse dello storico tutte quante le attitudini, meno 
che il desiderio e la premura di andare in cerca del vero. E 
si fonda questo giudizio sul colorito leggendario, che piglia 
talvolta la narrazione nei primi libri, sulle con tradizioni non 
rare a cui essa va incontro, e sullo scarso numero di autorità 
e di fonti alle quali si appoggia. Or si badi, anzitutto, che 
questi appunti non escono dall'ambito dei primi libri. Sicché, 
anche a volerli ritenere veri e giusti, non ci darebbero punto 
animo a trarre da essi un giudizio, che viene a colpire tanto 
severamente la più gran parte di quest'opera colossale, che 
ne resta affatto immune. Ma, pur volendoli considerare in re- 
lazione con quel periodo storico a cui direttamente si riferi- 
scono, a me pare che essi non giustifichino in alcun modo un 
apprezzamento tanto severo ed ostile. 

La storia primitiva di Roma non si giudica ne s'indaga con 
quegli stessi criterii, con cui si giudica o s'indaga la storia di 
ogni altro popolo del mondo. Per questi l'alba dei tempi sto- 
rici, per quanto- remota, riman sempre notevolmente lontana 
dalle loro origini, circonfuse nel velo della leggenda. Per Roma, 
invece, il primo giorno della sua vita segna anche il principio 
della sua attività politica e storica. Si tratta, però, di una 
storia non ancora distaccata dalla leggenda, anzi fusa con essa 
e, per colmo di mali, trasformata e alterata dagli innesti co- 
piosi e profondi, che il popolo greco vi fece — già da tempo 
abbastanza antico — delle proprie tradizioni. In mezzo a questo 
nucleo di svariati e contrarii elementi, che la crìtica moderna 



(48) Liv. 1, 58. 



XXYIH INTRODUZIONE 

comincia ora appena con qualche successo a sceverare e ad 
irraggiare della sua luce, non era dato, ne a Livio né ai suoi 
contemporanei, di poter penetrare colTocchio sicuro e vigile 
dello storico. Sicché gli si fa gran torto quando, distaccan- 
dolo dall'ambiente in cui visse, lo si giudica alla stregua dei 
criterii e delle esigenze, alle quali oggi obbedisce lo storico 
di Roma. Ogni età ha un suo modo speciale d'intender la 
vita e la storia. Né ingegno più forte è quello che se ne 
sottrae — il che del resto non accade mai impunemente — ; 
ma solo colui che riesce ad incarnare quegli ideali nella loro 
maggiore perfezione. 

Or è appunto in mezzo ai suoi predecessori e contemporanei 
che eccelle la figura di Livio, e risplende di luce più serena 
e più pura. A quel modo che egli, qual narratore delle guerre 
puniche, regge senza alcun discapito, come altrove (49) s'è 
visto, al paragone di Polibio, — che è fuor di dubbio lo storico 
maggiore di quell'età — ; cosi del pari, per la primitiva storia 
di Roma, si lascia di gran lunga indietro tutti quanti gli altri 
Annalisti che l'han preceduto. Né gli si rende piena giustizia 
ed ammirazione, tranne che quando si è avuto modo di de- 
plorare la credulità e la goffaggine di Dionigi. Esaminati a 
questa stregua, gli appunti che gli si fanno perdono non poco 
del loro valore. Chi ha seguito, ad esempio, pel corso di un 
libro intero la narrazione minuziosa, che fa Dionigi delle im- 
prese di Enea nel Lazio, — compendiate da Livio in due soli 
capitoli — , deve pur confessare per necessità, che la parte 
leggendaria della storia Romana è ridotta nell'opera di que- 
st'ultimo ai minimi termini. Che anzi, a voler ficcare lo sguardo 
più in fondo, si scorge nettamente, anche in quelle così ri- 
strette proporzioni, come Livio non si abbandoni mai alla 
leggenda con piena e sicura fiducia. Egli l'accetta soltanto 
come un ripiego, sia per l'impossibilità in cui si trova di sosti- 
tuirvi una storia certa, sia più ancora per lo studio o, meglio, 
per lo scrupolo che si é dato di ritrarre colla maggiore esat- 
tezza i sentimenti ed i pensieri dell'età in cui rivive, e che 



(49) Cfr. l'Introduzione da noi premessa al XXII libro di Litio, testé com- 
parso in una seconda edizione. 



INTRODUZIONE XXIX 

rende immortale coll'opera sua. Tanto poco egli pecca di 
credulità, da poter perfino precorrere — in un'intuizione mi- 
rabile del suo genio — lo scetticismo, con cui le età venture 
avrebbero accolti e tramandati i fatti maravigliosi ed eroici 
della primitiva storia di Roma. * Rem ausus „, egli scrive a 
proposito di Orazio Coclite 2, 10, 11, " plus famae habituram ad 

* poster os quam /idei „. 

Due confessioni, fatte e ripetute a più riprese dallo Storico, ' 
mettono su tal riguardo perfettamente a nudo i suoi sentimenti. 
Nel quinto libro delle Storie, ripetendo un pensiero assai fa- 
moso della Introduzione (50), egli scrive rispetto alle leggende, 
di cui è mista la storia romana: * sed in rebus tam antiquis 

* si, quae similia veris sint, prò veris accipiantur, satis ha- 

* beam: haec ad ostentationem scaenae gaudentis miraculis 

* aptiora quam ad fidem neque adfìrmare neque refellere 

* operae pretium est , (5, 21, 8). £ nel libro 43, 13, 2, cedendo 
ad un impolso nobile e generoso del cuore, così spiega la sua 
fede apparente nei prodigii: * ceterum et mihi vetustas res 

* scribenti nescio quo pacto anticus fit animus, et quaedam 
■ religio tenet, quae illi prudentissimi viri publice suscipienda 

* censuorint ea prò indignis habere, quae in meos annales 

* referam „. Si noti anzi che, per ovviare ad assai facili ma- 
lintesi, egli aggiunge altrove — a dichiarazione del proprio 
pensiero — parole, se non più nobili, certo più chiare: * multa 

* ea hieme prodigia facta aut, quod evenire solet motis semel 

* in religionem animis, multa nuntiata et temere eredita 

* sunt , (51). I prodigii infatti sono anch'essi parte di storia, 
quando concorrono a ritrarre l'ambiente morale di un'epoca 



(50) Lir. Praef. 6: « quae ante conditam condendamve urbem poéticis 
magìa decora fabulis quam incorruptis rerum gestarum monumentiB traduntur, 
ea nec adfìrmare nec refellere in animo est. Datur haec venia antiquitati, ut 
miecendo humana divinis primordia urbium augustiora faciat >; cfr. anche 8, 6, 3. 

(51) Lir. 21, 62, 1. Cfr. anche 24, 10, 6: € quae (prodigia) quo magis cre- 
debant aimplices ac religiosi homines, eo plnra nuntiabantur >; 27,23,2: 
« Cumis — adeo minimis etiam rebus prava religio inserit deos — mures in 
aede Iovia aurum rosisse »; 26, 45, 9: « hoc cura ac ratione compertum in 
prodigium ac deos Tortene >; 24, 44, 8; 27, 37, 1; 28, 11, 1; 29, 14, 2; 28, 
11,7; 40,2,3; 8,6,3; 26,19,4. 



INTRODUZIONE 

o a illuminare alcuni avvenimenti di Btraordinaria importanza, 
alla luce del riverbero che essi ebbero nella coscienza po- 
polare. 

Alcuni accolgono con indifferenza queste confessioni così 
sincere dello Storico, e quasi gli fanno colpa di aver spon- 
taneamente rinunziato alla ricerca della verità intorno alla 
storia primitiva di Roma. Or costoro dimenticano, da un lato, 
le difficoltà ben spesso insuperabili che s'incontrano anch'oggi, 
con tanta maggior sicurezza di metodo e d'indagine, nel rico- 
struirla. E, quel che è più, non mettono a calcolo la lonta- 
nanza, che separa Livio dai tempi primitivi. I quali confinano 
colla leggenda e avevano finito per inghiottire e disperdere 
i documenti più diretti e sinceri della storia di quei fatti. 
Livio non lascia, a tal riguardo, il campo aperto a nessuna 
incertezza e a nessuna illusione. A principio del sesto libro 
egli confessa, colla sua solita sincerità, le cause che rendono 
incerta la storia primitiva di Roma fino alle guerre galliche. 
" Quae ab condita urbe Roma ad captam eandem urbem Ro- 

■ mani gessere, quinque libris exposui, res cum vetustate 
" nimia obscuras, velut quae magno ex intervallo loci vix 
" cernuntur, tum quod parvae et rarae per eadem tempora 

* litterae fuere, una custodia fidelis memoriae rerum gestarum, 
" et quod, etiam si quae in commentariis pontificum aliisque 

■ publicis privatisque erant monumentis, incensa urbe ple- 
" raeque interiere , (6, 1, 1). 

A riguardo poi dei tempi successivi, Livio non si nasconde 
la frequente inattendibilità delle fonti che vi si riferiscono. 
Le quali si rivelano ispirate dall'entusiasmo troppo vivo dei 
contemporanei o pure della parte politica che esse seguono. 
" Vitiatam memoriam funebribus laudibus reor falsisque ima- 

* ginum titulis; nec quisquam aequalis temporibus illis scriptor 

■ exstat, quo satis certo auctore stetur „ (8, 40, 4). Vi è anzi 
nel libro settimo, a proposito dell'origine del lago Curzio, una 
confessione così esplicita, che basterebbe forse da sola a di- 
sarmare la severità ed il rigore dei suoi critici. * Cura non 

* deesset, si qua ad verum via inquirentem ferret; nunc fama 

* rerum standum est, ubi certam derogat vetustas fidem * 
(7, 6, 6). 



INTBODUZIONE XXXI 

Sennonché, a tal riguardo, si potrebbe forse obbiettare, — 
anzi si è di già obbiettato — , che Livio non avesse alcun di- 
ritto di muovere uh simile lamento, per essersi quasi sempre 
da se stesso preclusa la via ad una simile ricerca, anche 
quando si è trovato in grado di farla. Si nota difatti, quasi 
comunemente e non senza maraviglia, come — anche a pro- 
posito di un dissenso nella tradizione — egli non ebbe al- 
cuna premura di verificare il titolo, che Augusto gli riferiva 
d'aver letto nel tempio di Giove Feretrio sulla corazza di lino, 
consacratavi dal console Aulo Cornelio Cosso, in occasione 
della sua vittoria sul re dei Veienti Tolumnio. E si aggiunge, 
a conferma di questa opinione (52), che egli trascura, quasi 
per partito preso, tutti quanti i monumenti della storia antica, 
che si trovava ancora in grado di poter consultare ; come ad 
es. le iscrizioni collocate nel tempio di Diana sull'Aventino, 
i trattati conclusi da Roma con Gabio e con Ardea, e la legge 
Icilia, che Dionigi ha ricercati con ogni cura e riferiti nelle 
sue Antichità. 

Non volendo approfondire queste affermazioni cosi recise, 
si potrebbe forse notare, che una cura tanto scrupolosa non 
ha conferito maggior sicurezza e precisione all'opera di Dionigi. 
Ma, ciò che a noi interessa più direttamente, è la considera- 
zione, che l'apparente oblio di Tito Livio non ha nociuto in 
alcun modo alla sua narrazione. Anzi la maraviglia cresce, 
quando — esaminando più attentamente i luoghi di Livio così 
incriminati — ne risulta provata, in modo diretto ed esplicito, 
quella stessa conoscenza delle fonti, che gli si nega quasi 
universalmente. A proposito delle spoglie opime, consacrate 
nel tempio di Giove Feretrio da Cornelio Cosso, egli scrive, 
notando un dissenso tra la tradizione e i monumenti, non 
avvertito neppure da Dionigi : * Omnes ante me auctores se- 
■ cutus A. Cornelium Cossum tribunum militum secunda spolia 

* opima Iovis Feretrii tempio intulisse exposui. Ceterum, 
8 praeterquam quod ea rite opima spolia habentur, quae dux 

* duci detraxit, nec ducem novimus nisi cuius auspicio bellum 



(52) Cfr. Taine, o. e, p. 65 ; Weissenborn, Eirilcitung, p. 23-4. 



xxxii introduzioni: 

* geritur, titulus ipse spoliis inscriptus illos ineque arguii con~ 
u sulem ea Cossum cepisse. Hoc ego cum Augustum Caesarem, 

* templorum omnium conditorem aut restitutorem, ingressum 
M aedem Feretrii Iovis, quam vetustate dilapsam refecit, se 

* ipsum in thorace linteo scriptum legisse audissem, prope 
■ sacHlegium ratus sum Cosso spoliorum suorum Caesarem, 

* ipsius templi auctorem, subtrahere testem „ (53). Che se egli, 
aggiungendo la testimonianza diretta di Augusto, non afferma 
per conto suo d'averla verificata, può essere bene che vi sia 
stato indotto da una legittima deferenza verso l'Imperatore; 
ma più ancora dalla certezza, che nessuna affermazione po- 
tesse essere più autorevole di quella di colui, che restaurando 
il tempio aveva avuto occasione di osservare più da vicino 
quel monumento. 

Né più giusto è il rimprovero che gli si muove a proposito 
delle iscrizioni, collocate nel tempio di Diana Efesina. Perchè, 
sebbene Dionigi ci offra forse in proposito ragguagli più com- 
pleti, d'altra parte Livio compendiandoli non li fran tende; 
e, quel che più monta, rivela di averne conoscenza esatta e 
precisa (54). Né questa conoscenza gli vien meno a riguardo 
del trattato d'alleanza concluso tra Roma e Ardea, se è vero 
che nelle sue Storie si legge il seguente cenno, forse non 
minuzioso, ma certamente accurato e precisa: " his consulibus 
" cum ArdeatibuB foedus renovatum est. Idque monumenti est 
" consulea eos ilio anno frisse, qui neque in annalibus prìscis 



(53) Liv. 4, 20, 5-7 e Dion. 12, 2. 

(54) Dion. 4, 26 : *al perà todto xateotteéaoev i§ &v dnaoai ovvfr 
veyxav al nóÀetg XQV/*^ T<av % &v xfjg 'Aqxéfudog vaòv ... xaì xoòg vópovg 
ovvéyQaif/8 xàtg nóXeoi nQÒg àÀÀtfÀag, ned xàXXa tà Ttegl xìjv iogxijv 
xal navfyvQiv 8v Ì7tixeXea1Hjoexai zQÓnov Ìxa§ev ' Iva óè ftijóelg %QÓvog 
aitoòg diparta fi, oxjXtjv naxaaxevdaag %aXxÌ}v, fygaipe èv xaix^ xd xb 
óógavxa xotg ovviÒQOig, %al rag (iexao%o4oag xi\g ovvóòov nóXeig' a€xtj 
ótépeivev fi ozJjAij pi%Qi z4)g tp^S i/XinCag — Lìy. 1, 45, 2: < saepe ite- 
rando eadem perpulit tandem, ut Romae fanum Dianae populi Latini cum 
populo Bomano facerent ». Dion. 8, 79: è§ <hv ànaQ%àg èv ÈXXoig ve legoìg 
àvéd'tjits xal 6% mal xfj AjftrjzQi xoòg xaXxiovg àvóoidvxag, imyQaipalg 
6r t Xoòvxag à<p y &v tloi %Q7\uàx<ùv ànaQ%at = Liv. 2, 41, 10: « sunt qui 
patrem auctorem eius supplicii ferant: eum cognita domi causa verberasse ao 
secasse, peculiumque filii Cereri consecravisse: rignum inde factum esse e* 
inscriptum: ex Cassia familia datum ». 



INTRODUZIONB XXXIII 

■ neque in libris magistratuum inveniuntur. Licinius Macer 
' auctor est et in foedere Ardeatino et in linteis libris ad 
* Monetae ea nomina inventa „ (55). Quanto alla legge Icilia 
e al trattato con Gabio, se Livio non si ferma espressamente 
a parlarne, pur non li ignora (56). Che anzi, riguardo ai pub- 
blici monumenti, Livio rivela talvolta una premura ed una 
conoscenza anche maggiore di Dionigi, inserendovi pur quelli 
che lo Storico greco trascura (57). 

Certo noi gli saremmo ben più grati, se egli — allonta- 
nandosi da questo riserbo — ci tramandasse nella loro forma 
originale tutti i documenti scritti che cita. Ma, nel preten- 
derlo da lui come un'esigenza imprescindibile dei suoi doveri 
di storico e nel giudicarlo alla stregua di questi desiderii, 
noi mostriamo apertamente di collocarlo al di fuori e al di 
sopra del suo tempo, e di giudicarlo con criterii diversi da 
quelli con cui egli scrisse. Livio non avrebbe mai immagi- 
nato, che i posteri dovessero preferire alla sua narrazione 
poetica ed elegante i rozzi documenti dell'età antica, per cui 
aveva un orrore affatto pari a quello di Orazio (58). 

lo non dimentico che — anche a suo tempo — vi erano 
degli Antiquarii infaticabili, i quali con cura incessante e con 
un ardore, che si direbbe moderno — se infrenato dal me- 
todo — , ricercavano il passato, e allo studio di quello gelo- 



(55) Liv. 4, 7, 10. Dionigi 11, 62 ha cognizione del trattato, ma non del 
monumento. 

(56) Liv. 8, 31, 1 : « de Aventino pnblicando lei lata est » = Dion. 10, 32 : 
ó vó/tog éxvQÓ&ri, Sg iaxiv iv ox^Xj] %<tX*il y&yQappévos, 1}v àvé&eoav 
iv x$ Afavxlvtp, xopCoavxeg elg xò xtjg 'Agxifuoog leQÓv. Liv. 1, 54, 10: 
« Gabina rea regi Romano sine ulla dimicatione in manum traditnr » = Dion. 
4, 58: xoìxìùv iaxl x&v ÒQxlav pvTjfteìov iv 'Ptóftfl xelftevov iv tepQ Aiòg 
Hiaxlov, bv 'P<o fiato t, 2ày%xov xaÀodoiv, àanlg gvXtvij ptiQOf] poeta ne- 
$txovog xoO otpayiao&ivtog ini x&v óokCcùv xóxe ftoóg, y(fàf*f*aoiv ào- 
%aìxolg intyeyoafifiivri xàg yevofiévag aixoìg óftoÀoyCag ] cfr. anche Or., 
Ep. 2, 1, 24 e Paul. Diac., p. 56: « clipeum antiqui... corinm bovis appella- 
runt, in quo foedus Gabinorum cum Romania fuerat descriptum ». 

(57) Cfr. Liv. 7, 3, 5 : « lei vetusta est, priscis litteris verbisque scripta, 
et, qui Praetor Maximus sit, Idibas septembribus clavum pangat »; 8, 26, 6 : 
« foedus Neapolitanum similius vero facit ipsos in amicitiam redisse », ecc. 

(58) Liv. 27, 37, 13: «Carmen (Livi Andronici) illa tempestate forsitan lau- 
dabile rudibus ingeniis, nunc abhorrens et inconditum ». 

E. Cocchia, Tito Livio, I, Introduz. 8» ©dia. m 



XXXIV INTRODUZIONI 

samen te consacrarono la loro vita (59). Ma l'antiquario non 
è ancora lo storico ; Vairone non va confuso con Tito Livio. 
Quello, che per l'uno era il fine diretto della ricerca, per 
l'altro ne costituiva come il sostrato; senza dire che non tutti 
gli elementi della ricerca dell'uno si ritenevano ancora utili 
al fine, che l'altro aveva in animo di raggiungere. La storia 
era allora ed è ancora in gran parte, come la definisce Ci- 
cerone, un opus maxime oratorium. La critica storica le porge 
gli elementi, che l'arte poi trasforma e fa suoi. Soltanto a 
traverso di questo crogiuolo essi ripigliano la vita e acqui- 
stano il loro vero significato. Né Livio si giudica in corrispon- 
denza del suo esatto valore, tranne che quando, paragonato 
con Polibio e con Dionigi, ci rivela la solida impalcatura, sulla 
quale ha inalzata tutta l'opera sua. 

Livio non ricorda né fa pompa, volta per volta, della fatica 
che ha durato nella ricerca del vero. Né gli par bello,. se- 
condo un'immagine assai felice del Taine, di lasciare sulla 
facciata" del grandioso edilìzio da lui costruito, gli ordegni e 
le macchine che gli sono occorsi per inalzarlo. L'artista ha 
tolti via tutti questi inutili ingombri. Né si é indotto a con- 
servarli, tranne che quando — nel dissenso della tradizione 
— ha provato il bisogno di garantire la sua fedeltà e since- 
rità di storico. Non ci é forse Annalista che egli non abbia 
consultato (60). E, di volta in volta, egli cita Q. Fabio Pit- 
tore, L. Calpurnio Pisone, Q. Claudio Quadri gario, Q. Valerio 
Anziate, L. Licinio Macro, Q. Elio Tuberone, L. Cincio Ali- 
mento, Celio Antipatro, Clodio Licinio, G. Acilio, P. Rutilio 
Rufo, Sileno e Catone (61), appigliandosi ora all'uno ora all'altro, 



(59) Cfr. il giudizio che si legge negli Accademici di Cicerone 1, 8, 9 in- 
torno a Vairone. 

(60) Cfr. 82, 6, 8 : « ceteri Graeci Latiniqae auctores, quorum quidem ego 
legi annales »; 4, 20, 5: « omnis anto me auctores secutus »; 7, 21, 6 : « per 
omnium annalium monamenta »; 22, 81, 8: « omnium prope annales >; 80, 3, 
6 ; 3, 23, 7; 8, 6, 3; 21, 88, 6; 4, 23, 1 ; 39, 52, 1. 50, 10. 

(61) Fabio Pittore è citato da Livio in 1, 44, 2. 55,8; 2,40, 10; 8, 30» 
9; 10, 87, 14; 22, 7, 4, Calpurnio Pisone in 1, 55, 8; 2, 32, 3. 58, 1; 9, 44, 
3 ; 10, 9, 12; 25, 39, 15, Claudio Quadrigario in 6, 42, 5; 8, 19, 14; 9, 5, 2; 
10, 37, 13; 83, 10, 9; 38, 23, 8; Valerio Anziate in 3, 5, 12; 4, 23, 2; 25, 39„ 



INTBODUZIONB XXXT 

secondo la maggiore antichità e veridicità della fonte, o pur 
secondo la maggior verosimiglianza intrinseca dei fatti che 
essa riferisce. 

Certamente da un libro all'altro, e sopratutto a distanza 
di parecchi libri, si notano nel racconto di Livio delle oscil- 
lazioni e delle contradizioni, se non cosi numerose come am- 
mette il Weissenborn, pur tuttavia degne di nota (62). Ma chi 
badi all'immensità dell'opera, che egli aveva intrapreso e che 
la morte interruppe prima del suo termine, alle contradizioni 
patenti e sfacciate tra cui si avvolgono gli Annalisti, e alle 
difficoltà che s'incontrano nel tener a mente tanti minuti par- 
ticolari ; non gli apporrà a colpa questi segni di troppo facile 
dimenticanza, che si sorprendono qua e là nell'opera di lui. 
Né noi, dal canto nostro, attribuendo loro maggiore impor- 
tanza di quella che meritino, crederemo coi giudici meno 
equi e discreti, che questi difetti mettano Livio al di fuori 
della critica, e quindi al di fuori della storia. 

A Livio non mancarono avversarii nemmeno tra gli an- 
tichi. Asinio Pollione, storico anche lui e critico d'arte assai 
acre e severo, appigliandosi unicamente alla forma e all'elo- 
cuzione gli dava taccia di padovanità o, che è lo stesso, 
di scarsa urbanità (63). Per quanto questo giudizio possa es- 



14; 26, 49, 3; 39, 43, 4; 45, 43, 8, Licinio Macro in 4, 7, 12. 20, 8. 23, 1 ; 
7, 9, 4; 9, 38, 16. 46, 3; 10, 9, 10, Elio Tuberone in 4, 23, 2. 3; 10, 9, 10, 
L. Cincio Alimento in 7, 3, 7, Celio Antipatro in 21, 38, 7. 46, 10. 47, 4; 22, 

31, 8; 23, 6, 8; 26, 11, 10; 28, 46, 14; 29, 27, 14. 35, 2, Clodio Licinio in 
29, 22, 10, C. Acilio in 25, 39, 12; 35, 14, 5, Rutilio Rufo in 39, 52, 1, Sileno 
in 26, 49, 3, Catone in 34, 5, 7 ; 45, 25, 2. 

(62) Le contradizioni notate dal Weissenborn, Evrileitung, p. 42-3, nell'opera 
di Livio Bono da noi discusse in gran parte nei nostri commenti. Qui ci li- 
miteremo soltanto ad accennarle: cfr. 2, 16, 8. 17, 7 di fronte a 2, 22, 1. 25, 5 ; 

— 29, 38, 1 di fronte a 30, 19, 10; — 29, 22, 10 di fronte a 34, 44, 6; — 36, 
21, 10 di fronte a 36, 39, 1 ; — 39, 29, 8 a 39, 41, 6; — 43, 9, 4 a 43, 18, 5 ; 

— 43, 15, 6 a 44, 16, 8; — 5, 18, 2 a 5, 12, 10. 13, 3; — 4, 30, 12 a 4, 30, 
15. 31, 1 ; - 6, 6, 13 a 6, 9, 5; — 27, 7, 11 a 27, 10, 12. 22, 5 ; - 33, 21, 9 a 

32, 28, 2 ; — 4, 29, 6 a 7, 4, 5; — 24, 10, 3 a 23, 25, 6 ; — 23, 30, 8 a 24, 1, 
2; — 26, 16, 8 a 26, 34, 2; — 39, 44, 11 a 40, 34, 4; 21, 25, 3 e 30, 19, 7 a 
27, 21, 10 ; — 34, 53, 7 a 35, 41, 8 ; — 30, 44, 4 a 32, 2, 1. 3, ecc. 

(63) Quint. 1, 5, 56: « Pollio deprehendit in Livio patavinitatem, liceat 
omnia italica prò romanis habeam » e 8, 1, 2. 



XXXVI INTBODUZIONB 

sere ispirato da gelosia di mestiere, par rivolto com'esso è 
ad un'opera già fatta di pubblica ragione, convien che si basi 
su qualche fondamento concreto, e non puramente vaporoso 
ed astratto. Né è a credere, come la maggioranza dei critici 
va ormai insinuando, che a noi riesca impossibile d'intendere 
tale accusa o di definire in che cosa propriamente essa ri- 
sieda. A ingenerare una convinzione così piena di scetticismo, 
hanno contribuito in gran parte le parole stesse di Quinti- 
liano. Il quale, come Spagnolo, era forse men di ogni altro 
in grado di comprendere e di apprezzare questa raffinatezza 
di gusto del critico romano. Però, se si pon mente all'esempio 
di Teofrasto, che Quintiliano cita in proposito, il quale, seb- 
bene vivesse da lungo tempo in Atene, fu riconosciuto al suo 
accento come forestiero da una donnetta del volgo; e se, 
d'altra parte, si riflette alle principali caratteristiche, per cui 
siam soliti di distinguere, anche nel seno di una stessa na- 
zione, gli abitanti delle sue diverse provincie; parrà chiaro 
che Asinio Pollione intendesse di riferirsi — con quella ac- 
cusa — a vezzi speciali di pronunzia e ad uso peculiare di 
forme, o estranee del tutto al linguaggio urbano, o pure ado- 
perate nel linguaggio delle provincie con accezioni e funzioni 
da quello diverse. 

Riportata la cosa in queste giuste proporzioni, ne riceve 
non piccola luce anche la cosiddetta padovanità di Livio, 
passata oramai in proverbio per indicare un'accusa capric- 
ciosa e bizzarra. Né leggendo in Quintiliano 1, 7, 24 la no- 
tizia che Livio ed Asconio Pediano, nativo anch'egli di Pa- 
dova, avevano entrambi il vezzo di adoprare le grafie stbe e 
quase in luogo di sibi e quasi, considereremo tal cenno come 
affatto insignificante ed estraneo alla questione, di cui qui ai 
tratta. Che anzi, trovandosi questo fatto confermato come 
una delle principali caratteristiche del latino gallico, tanto 
dalle iscrizioni della Gallia Cisalpina (64) quanto dalla testi- 



(64) Àgli otto esempii di sibe e quase, che si riscontrano nelle iscrizioni del- 
l'Italia settentrionale (cfir. G. I. L. V, 2960), non se ne contrappone che nn 
solo della Dalmazia (C. I. L. m, 1808) ed nn altro di Boma (Grnter. 958, 1). 
Il codice Mediceo di Livio conserva ancora sibe in 9, 5, 10. 



INTEODUZIONB XXXTII 

monianza del grammatico Consenzio (Gr. L., 5, 394, 12) circa 
il suono pingue che ha l'i in questa regione ; saremo indotti 
a ritenere quel vezzo come una delle prove e delle conferme 
più sicure del giudizio di Pollione. Or, continuando in questo 
medesimo ordine di idee, — senza però aver l'intenzione di 
qui raccogliere tutte le caratteristiche del latino gallico e 
padovano, che siamo ancora in grado di spigolare — , noto che 
ad esse appartiene anche l'uso, comune tanto a Livio quanto 
a Virgilio — nato anch'egli in Cisalpina — , di sostituire il 
participio presente coll'ablativo del gerundio, o 
pur di congiungere il gerundio colla preposizione ante. 

Spingendo più innanzi lo sguardo, io credo che la prova 
più perspicua della padovanità di Livio sia l'uso affatto 
improprio, che egli fa talvolta di alius in luogo di alter (65) ; 
uso che si spiega assai hene coll'oblio della differenza abba- 
stanza fina tra i due concetti, nell'espansione del latino al 
di fuori del proprio territorio. Che anzi, se si nota che que- 
st'uso, assieme a quello di parecchie altre espressioni isolate 
e poetiche, non va più in là dei primi libri delle Storie (66), 



(65) Cfr. Liv. 1, 7, 8. 12, 9. Si noti che la differenza tra aUus e alter è inte- 
ramente scomparsa nelle lingue romanze, le quali han dato quasi in tutto la 
preferenza al secondo termine. 

(66) Nel primo libro di Livio si notano i seguenti dna§ slon/téva: deri- 
dere metal Praef. 9, abstmere alieni alqd. 1, 1, gravatim 2, 8, proemitene 
«=- praevalidus praef. 4 (e 5, 15, 7), adluvies 4, 5, adolevU aetae 4, 8, ad pri- 
wuun auroram = prima luce 7, 6, sopor 7, 5, dwinitate eredita 7, 8 e 15, 6, 
veridica 7, 10, coalescere in 8, 1, ìonge antiquissimum 32, 2 (==> nikil antiquiue 
6, 40, 3), viden 39, 8, divieni 54, 9 (e 83, 46, 8), concelebro 9, 7 (e 8, 7, 22), 
inceste 45, 6, inter principia 55, 3, amigrant 84, 6, absonns col dat. 15, 6, 
sùxat 38, 7, satin 58, 7, desnetudo 19, 6, variai impera. 43, 11, vicis gen. 20, 
1 ; 41, 6, devolvi riflessivo e metaforico 47, 5 (cfr. Cic. Phil. 7, 14), prolem 
poet 23, 1 (e 4, 6, 2), natos = ìiberos 23, 1 (e 5, 40, 8), tametsi 23, 6, infit 
23, 7; 28, 4 (e 3, 71, 6), adiectio 80, 6 (e 88, 14, 44), perstringit 25, 4, in- 
damai col dat. 25, 9, aeqnat = adaeqnat 29, 6 ; 56, 2 (e 2, 27, 4), mnssitare 
50, 3, increpare m 51, 1 (e 27, 1, 9), interlncere met. 42,4, accingerà assoL47, 

4, regnari pass. 60, 8 (e 27, 2, 8), consuetns sutn => consuevi 40, 5, fiUUoqua 

7, 8, ita habnisse 8, 8, adpetere loca * occupare » 8, 4, molem sibi metuere 9, 

5, lente * troppo lentamente », 10, 2, ostentator 10, 5, fercnlum ibid., gem- 
matue 11, 7, iBi congerere = in iUam 11, 8, derecto 11, 9, pieni» portis 14, 

8, haerens m = inhaerens 14, 11, sospitet 16, 3, perobsenra 16, 4, cacio de- 
labi = d. e. 16, 6, tetrica 18, 4, adcìarassis 18, 9, desuetndo 19, 2, exsignare 
20. 5, curare prod. = procurare 20, 7, armatue 21, 4, aequo Marte 25, 11, 
laeerum 28, 10, obirati 31, 3, vdamen 32, 6, dedier 32, 7, condicere 32, 11, 



XXXVIII INTRODUZIONE 

si scorgerà anche in questo come una conferma, che le prove 
della padovanità di Livio non si debbano ricercare al di 
fuori del campo da noi indicato. Esse mancano, quasi in tutto, 
nei libri successivi; e dimostrano chiaramente, mercè di tale 
omissione, come Livio abbia avuto la buona intenzione di 
emendarsene, in séguito all'accusa che gli fu fatta, a tempo 
della prima pubblicazione. 

Del resto il biasimo di Asinio Pollione non nocque alla 
fama del Padovano. Questa, già grandissima e largamente 
diffusa mentre Livio era ancora in vita, crebbe poi tanto 
dopo la sua morte, da oscurare e condannare all'oblio tutte 
le opere dei suoi predecessori. Della sua storia di Roma si 
fecero estratti e compendii, sia in prosa sia inversi (67); e, 
sino al termine della letteratura romana, essa rimase come 
la fonte unica della storia dei Re e della Repubblica. Caduta 
ben presto tra le mani dei Grammatici, questi attesero con 
cura ad emendarla dagli errori, che la tradizione vi aveva 
introdotti. Però, sebbene questa revisione generale dell'opera 
di Livio fosse cominciata sotto gli auspicii ed i consigli di 
Q. Aurelio Simmaco, non fu potuta condurre a termine, sia 
per l'immensità dell'opera, sia per la difficoltà di procurarsi 
il materiale ad essa necessario, sia da ultimo per il poco 
zelo, con cui risposero alle premure di lui quelli, a cui egli 
ne aveva commesso l'incarico. Ne fanno fede, da un lato, il 
nome di Vittoriano — apposto nei codici a tutta quanta la 
prima decade di Livio — , il quale afferma di averla emen- 
data per incarico di Simmaco ; e in secondo luogo il lamento, 
che esprime quest'ultimo in una delle sue lettere, di non esser 



innubere 34, 4, dextere 34, 12, instructius avv. 35, 7, divinus = vates 36, 4, 
novacula ibid., stimma (n.) rerum 86, 6, exordium 38, 6, evéhébant ibid., 
scire licei 39, 3, prognatus 40, 3, consuetus sum col dat. 40, 5, obìoqui 40, 6, 
ad se redire 41, 5, intra censum 43, 4, ut fere fit 46, 7, sin minus (Cic.) = 
si minus 47, 3, semen = genus 47, 6, honestatis (Cic.) 47, 11, egentissimus 
47, 12, circumsaepire 49, 2, infortunium 50, 9, papaverum pi. 54, 6, exaugu- 
rare 55, 2, purgamento 56, 2, obtentu 56, 8, corneus 56, 9, pectore oppresso 

58, 2, vi armatus 58, 8, dehinc 59, 2, castigator 59, 4, demergere in coll'acc. 

59, 9, ìapicidas ibid. 

(67) Floro, Eutropio (Plin. Ep. 6, 20, 5), Cassiodoro, Orosio, Avieno nel 
IV sec. « qui totum Vergilium et Livium iambis scripsit » Serv. ad J.en. 
10, 338. 



INTRODUZIONI TXXJX 

potuto arrivare ancora a capo della sua impresa (68). Non si 
sa se lavorassero a questo stesso fine anche Nicomaco Fla- 
viano, proconsole d'Asia nel 383 e prefetto del pretorio 
nel 431, e Nicomaco Destro, prefetto della città nel mede- 
simo tempo, i cui nomi si trovan congiunti nei codici a quello 
di Vittoriano, il primo pei libri VI, VII ed Vili ed il secondo 
per il HI, IV e V (69). 

Non è d'altro lato neppure ben chiara la relazione che in- 
tercede tra gli attuali codici di Livio e questa primitiva re- 
dazione. Tenendo presente la lezione più accurata dei ma- 
noscritti, e non distaccandoci da essa tranne che in casi di 
supremo bisogno, e quando le ragioni dell'emendazione riu- 
scissero perfettamente evidenti, noi abbiam mirato soprattutto 
a interpretare e illuminare il pensiero di Livio, nella maniera 
più perfetta che per noi si potesse. Ne abbiam rinunziato ad 
alcuno di quei compiti, che s'impongono ad un editore so- 
lerte e coscenzioso, che vive in mezzo a tanta luce di cul- 
tura storica, quali sono la critica del testo e lo studio della 
lingua e della grammatica speciale dell'autore, che si in- 
terpreta. Ma, assurgendo di volta in volta da questo compito 
ad un altro più arduo ed elevato, abbiamo atteso con parti- 
colar cura a mettere in luce non solamente il pensiero di 
Livio, ma la realtà storica che da esso traspare come da velo 
sottilissimo. Diranno i lettori benevoli e coscenziosi, se nel 
tentarlo non abbiamo ecceduto quei confini di prudente riserbo, 
in cui l'indagine critica sulla primitiva storia di Roma deve 
oggi contenersi. 

Napoli, calendimaggio, 1919. 



(68) A termine di tutti quanti i libri della prima decade si legge comu- 
nemente nei codici: « Victorianus v. ci. emendabam domnis Symmachis ». 
Sjmm. Epist. 9, 13: « munus totius Liviani operis, quod spopondi, etiam- 
nanc diligentia emendationis raoratnr ». Non è improbabile che di Livio si 
Eieno salvati soltanto quei libri, che furono emendati per incarico di Simmaco, 
a quel modo che di Plauto non sono arrivate sino a noi che le 21 fdbulae 
considerate come genuine da Vairone. 

(69) Nei codici si legge: « Nicomachus Flavianus v. ci. IH. praef. urbis 
emendavi apud Hennam » e « Nicomachus Dexter v. e. emendavi ad exemplum 
parentis mei Clementiani ». 



TITI LIVI 

AB URBE CONDITA 

LIBER I. 



PRÀEFATIO. 

Facturusne operae pretium sim, si a primordio urbis res pò- 1 
puli Romani perscripserim, nec satis scio nec, si sciam, dicere 

Praefatio. 1. In questa splendida Introduzione all'opera sua, Livio 
«spone in forma solenne i sentimenti e i motivi che lo indussero a scri- 
vere la storia di Roma, della cui grandezza fin dal principio egli si 
mostra intimamente e profondamente compreso. — facturusne ... sim è un 
tetrametro dattilico. Quint. Inst. or. 9, 4, 74 osserva: T. Livius hexametri 
exordio coepit : facturusne operae pretium sim, nam ita edidit, 
estque meliti* quam quotnodo emendatur, cioè dell'altra lezione: facturusne 
*im operae pretium, che i mscr. ci han conservata. Sebbene gli antichi 
considerassero come estremamente difettoso l'innesto di versi o di pic- 
cole serie metriche al discorso in prosa (Cic. Or. 56, 189), e Livio stesso 
mostri altrove evidentemente lo studio posto per evitarle (cfr. § 8 ponam 
discrimine invece di discrimine ponam; 1, 14, 7 subsidere in insidiis iussit 
invece di i. i. subsidere iussit), pure esse ricorrono anche in altri punti 
dell'opera sua; cfr. i segg. esametri: 4, 57, 7 Volscis intra Moenia com- 
pulsi» nec defendentibus agros, 22, 50, 10 haec ubi dieta dedit stringit gla- 
dium cuneoque Facto per medios. Il tetrametro dattilico, con cui qui si 
apre la storia di Roma, ha raffronto coli 'esametro che dà principio agli 
annali di Tacito: urbem Romam a principio reges habuere; cfr. anche 
Cic. p. Arch. 1, 1, Verr. 4, 50, 110. — f. operae pretium: far cosa che 
metta conto di fare, o pur di cui si senta realmente bi- 
sogno, o tale il cui effetto risponda interamente alla fa- 
tica che vi si spende dattorno; cfr. operae est 24,6 e operae 
pretium est 3, 26, 7. La frase operae pretium corrisponde in certo modo 
ad opera magni pretii, cioè " opera pregevole, importante, di valore ,. 
— res o pure res gestas " la storia ,. — perscripserim e un perf. del 
cong., che fa le veci del cong. del fu tu rum ezactum; difatti questo 
periodo ipotetico trasportato nell'oratio re età avrebbe la seguente 
forma: faciam... si perscripsero. — ausim, per *aud-sim, è una forma 
arcaica di perfetto del cong. (cfr. facsim, dic-sim, auc-sim, capsim, oc- 
dpsim), che fa le veci di ausus sim: essa ha sempre significato po- 

E. Cocchia, Tito Livio, I, 2» edi«, 1 



2 *m liti 

• 

2 ausim> gaipget fluì- ;Cum yeterem tum vulgatam esse rem vi- 
deam, "duìù: n&Vi. semper Acriptbres aut in rebus certius aliquid 
allaturos se aut scribendi arte rudem vetustatem superaturoa 

3 credunt. Utcumque erit, iuvabit tamen rerum gestarum memo- 
riae principis terrarum populi prò virili parte et ipsum con- 

tenziale e ricorre frequentemente sia presso i poeti sia nei prosatori 
(e una volta sola anche in Gic. Br. 5, 18 e nell'Auct. ad Herenn. 4, 3, 5) r 
e in quest'ultimi quasi esclusivamente in proposizioni negative (unica 
eccezione in Livio è il 6, 40, 5). — 2. cum veterem tum vulgatam rem. 
Alcuni credono che Livio qui accenni alla consuetudine assai antica e 
quasi costante presso gli Storici, di far parola nell'Introduzione alle 
loro opere, sia per un verso sia per un altro, dell'importanza di 
esse, e di affermare ingenuamente se operae pretium esse facturos; la 
qual presunzione od abuso gli torrebbe l'ardimento di affermare altret- 
tanto di sé. Ma, secondo ogni probabilità, con quella frase egli voli» 
ben piuttosto riferirsi al fatto, che la narrazione della storia di Roma 
fin dalle sue origini (a primordio urbis res populi Romani perscribere\. 
a partir da Catone, era stato come il tema prediletto di tanti scrit- 
tori, i quali avevan creduto di poter contribuire colTopera propria o 
ad accertar meglio i fatti, o pure a conferir loro maggior notorietà. 
Contro la prima interpretazione sta la frase dum credunt, dove si aspet- 
terebbe forse meglio in quel caso una proposizione infinitiva (cfr. l'it: 

* trovando esser questa una consuetudine antica e costante che ogni 
nuovo scrittore creda ,). — dum è qui adoperato nel senso causale di 

* perchè ,, che gli attribuisce talvolta anche Cic. (cfr. ad Att. 1, 16, 2) 
e ben più spesso Livio (cfr. 2, 64, 6 dum se putant vincere, viceré) ; ed 
è messo a dichiarazione del senso assai indeterminato della frase vul- 
gatam rem che precede. — novi semper script. =» novi semper exsistunt 
scriptores qui credunt; cfr. 8, 1, 9 suos semper hostes, 5, 42, 6 novae semper 
elodie. — scriptores = rerum gestarum scriptores, cioè gli scrittori 
di Btoria; perchè le voci bistorta e historicus t adoperate già da Cice- 
rone, non ricorrono mai in Livio. — in rebus " nel racconto dei fatti ,; 
cfr. res nella frase res perscHbere. — rudem vetustatem, cfr. 3, 82, 8 Me- 
nenius prisco ilio dicendi et horrido modo narrasse ftrtur. — 
3. utcumque erit è messo direttamente in relazione colla frase facturusné 
operae pretium sim, e serve ad esprimere il seguente pensiero: qua* 
lunque sia il giudizio che si porterà dell'opera mia, io 
troverò sempre soddisfazione (iuvabit) e premio (praemium 
§5) nell'av erla composta. — memoriae rerum g. pop. princ. terr.z 
una simile agglomerazione di genitivi, la cui reciproca dipendenza ri- 
salta di per sé stessa evidente, si incontra anche altrove in Livio, cfr. 
88, 1 ; 23, 30, 8. — prò virili parte : per quella parte che spetta a ciascun 
uomo fofr. pars virilis 6, 11, 5), per quello che un uomo può compiere 
o fare , cfr. 7, 7, 5 plus quam prò virili parte adnitendum. In alcuni luoghi» 
come ad es. in 8, 71, 8 e 10, 8, 4, Livio segue una collocazione di parole 
affatto diversa, e pospone in modo interamente contrario all'uso dei 
classici e di Cicerone virilis a pars. — et ipsum = et me ipsum ' anch'io „ 
(xal aixóv). Il costrutto et ipse non s'incontra mai né in Cesare né in 
Sallustio, e sol rare volte in Cicerone (cfr. de inv. 2, 2, 7, p. Caec, 20. 58 



AB UBBE CONDITA, FBABT., 1 — 4 3 

suluisse; et si in tanta scriptorum turba mea fama in obscuro 
sit, nobilitate ac magnitudine eorum me, qui nomini officient 
meo, consòler. Res est praeterea et immensi operis, ut quae 4 

e ad Att. 8, 7); ma è invece assai frequente in Livio e negli scrittori 
posteriori, i quali l'adoperano ogni qualvolta ad un nuovo soggetto si 
attribuisce un predicato, che è comune anche al soggetto che precede. 
11 soggetto, che qui va sottinteso di fronte a et ipsum, è: novos semper 
8criptore8. — consuluisse. Il perfetto è messo in relazione con iuvabit, 
cioè proverò soddisfazione, quando avrò composta l'opera 
mia, di aver contribuito, ecc.; cfr. Tac. Agr. Znontamen pigebit 
composuisse. Il sospetto del Ritter, che questo perfetto serva come a 
provare che la storia era già scritta prima dell'Introduzione, vien chia- 
rito falso dal primo periodo con cui questa incomincia: facturusne... si 
perscripserim. — in obscuro = obscura. La prep. in col neutro sostanti- 
vato dell'agg. fa ben spesso in Livio le veci del predicato ; cfr. 2, 3, 1 
cum in dubio esset, 3, 8, 9 cum exitus haud in facili essent, 5, 28, 5 ut in 
incerto fuerit, 3, 65, 11 moderatio in difficili est. — nobilitate può accen- 
nare così alla loro rinomanza di scrittori, come al loro grado sociale; 
poiché non bisogna dimenticare che i primi storici di Roma, come ad 
ea. Catone e Fabio, furono anche Senatori, e che in genere la storia 
in Roma, a differenza della tragedia e della commedia — che eran 
considerate quasi come occupazioni indegne di Romani e di uomini li- 
beri — era riserbata esclusivamente in antico alle più alte classi so- 
ciali; cfr. Suet. de rhet. § 3: Voltacilius Pilutus primus omnium liber- 
tinorum, ut Cornelius Nepos opinatur, scribere historiam orsus, nonnisi ab 
honestissimo quoque scribi solitam ad id tempus. — officient : cfr. la frase 
giuridica lumtnibue officere * toglier la luce , e 26, 40, 5 haec eius gloria 
iam imperatorie famae officiebat (" oscurava ,). — 4. res qui accenna 
contemporaneamente, per una specie di brachilogia o di zeugma, 
dapprima alla storia e quindi al soggetto di essa, cioè l'impero ro- 
mano; cfr. il doppio significato di moles in 5, 12, 7 o pur di praesidia 
in 4, 58, 9 e la libera relazione in cui il relativo è talvolta messo col 
suo antecedente, anche nelle storie di Tucidide. Del resto questa stessa 
confusione tra Roma e la sua storia si trova anche fatta nel seguente 
luogo di Tacito, Hist. 1, 2: opus aggredior opimum casibus... ipsa etiam 
pace saevum, e in Livio si spiega col ricordare il concetto che in quella 
espressione indeterminata res si trova racchiuso, cioè " a primordio urbis 
res populi Romani perscribere ,. Che poi res possa avere da sola il signi- 
ficato di respuhlica non vi è chi l'ignori, cfr. res Romana, res Albana. — 
praeterew. alla prima cagione, da cui Livio era mosso a dubitare — tra l'im- 
menso numero degli scrittori che s'erano occupati della storia di Roma — 
dell'importanza dell'opera sua, qui si aggiunge ancora la natura stessa 
dell'impresa, lunga non meno che difficile, per la varietà degli eventi 
e la grandezza del popolo che a quelli aveva collegato il suo nome. — 
et immensi: questo et corrisponde all'altro che trovasi in seguito collo- 
cato dinanzi a legentium plerisque, dove veramente per uniformità di 
costruzione 4 aspetterebbe et ingrati quia non dubito quin leg. ple- 
risque, etc. Ma a causa della lunga parentesi l'A. si è contentato di 
accennare semplicemente a*' fatti, senza tener stretto conto della rela- 
zione che essi hanno tra loro. — ut quae è adoperato frequentemente 



4 TITI LIVI 

supra septingentesimum annum repetatur, et quae ab exiguis 
profecta initiis eo creverit, ut iam magnitudine laboret sua ; et 
legentium plerisque haud dubito quin primae origines proxi- 
maque originibus minus praebitura roluptatis sint, festinan- 
tibus ad haec nova, quibus iam pridem praevalentis populi 
5 vires se ipsae conficiunt. Ego contra hoc quoque laboris prae- 
mium petam, ut me a conspectu nialorum, quae nostra tot per 

da Livio, ma non mai da Cicerone, in luogo di guippe qui, soprattutto 
in prò posizioni subordinate. — supra, cfr. Caes b. g. 6, 19 supra hane 
memoriam * più indietro di questa età „. — septingentesimum : cfr. Cic. 
Or. 120 annorum septingentorum tnemoriam uno libro conligavit Atticus. 

— repetatur " si estende indietro „, cfr. supra altius repetere " derivare, 
pigliar le mosse, rimontare ,. — et quae è adoperato in luogo di et, sia 
per coordinare con maggior chiarezza la nuova proposizione alla rela- 
tiva che precede, sia per tenere nettamente distinti tra di loro i due 
motivi, che crescono difficoltà all'esposizione della storia di Roma, e 
sono la sua lunga durata e la gran copia ed importanza dei fatti che 
essa comprende. Ove il secondo pronome relativo si trovasse a man- 
care, quei due motivi avrebbero l'apparenza d'un motivo solo; cfr. anche 
38, 31, 5 qui consuli M. Fulvio quique Romanis Lacedaetnonetn dederent. 
Del resto la ripetizione del pronome relativo era anche richiesta dal 
diverso significato che assume la voce res in rapporto colle due prop. 

— magnitudine laboret sua " più non regga al peso della sua grandezza ». 

— legentium. 11 part. presente assume in latino in parecchi casi, ad ecce- 
zione del nom. sing. e a preferenza nel gen. sing. e pi. (cfr. scribentis 5, 
condentium 8, 5, speetantis 25, 4, colentium 5, 22, 3, ecc.), il valore di so- 
stantivo, e si adopera per esprimere l'azione; mentre invece i sostan- 
tivi in -tor indicano più propriamente lo stato ovvero una qualità 
immanente. — plerisque col gen. partiti vo ; cfr. 9, 45, 17 plerique no- 
bilium. — origines... originibus. La ripetizione dello stesso nome si trova 
preferita da Livio non poche volte all'uso del pronome, vuoi a scopo 
di chiarezza, vuoi per evitare, come qui accade, il soverchio cumulo di 
dimostrativi; cfr. 8, 9 eolie colli', 7, 1. — proxima regge in Livio quasi 
esclusivamente il dat., più raramente Tabi, con a o pur l'accusativo, che 
è invece regolare cogli awerbii proxime e propius. Anche propior è co- 
struito da Livio più spesso col dat. che coll'acc. — minus voluptatis. Il 
pensiero che qui esprime Livio fe affatto contrario all'altro di Tucidide 
1 , 22, 4 : ig f*^* àx^óaoiv to<og xò ftij fivòiòòeg aix&v àxepjtéote^ov ipa- 
velzai, e serve forse a provare che la storia contemporanea e moderna 
avesse su di lui anche maggior attrattiva dell'antica. — haec nova: i 
tempi moderni, i fatti contemporanei. Da quel che segue appa- 
risce, che Livio qui intende di accennare alle guerre civili, le quali de- 
stavano nei contemporanei assai maggiore interesse dei tempi mitici 
(prisca illa). — iam pridem praevalentis = i. p. praevalidi: il participio 
praevalens ricorre anche in 5, 15, 7. — B. ego contra: io scrittore, al 
contrario di questo, che è il gusto dei lettori, dimenticherò le miserie 
presenti nel racconto della storia antica. — hoc quoque praemium ha re- 
lazione con iuvavit tamen; cfr. Ciò. div.2, 2, 5 equid em ex his et iam fructum 
cupio laboris mei, — nostra è separato e preposto ad aetas per maggior 



AB URBE CONDITI, PBA1F., 5 — 7 5 

nnnos vidit aetas, tantisper certe, dum prisca tota illa mente 
repeto, avertam, omnis expers curae, quae scribentis animum, 
etsi non flectere a vero, sollicitum tamen officerò posset. 

Quae ante conditam condendamve urbem poéticis magis de- 6 
cora fabulis quara incorruptis rerum gestarum monumentis 
traduntur, ea nec adfirmare nec refellero in animo est. Datur 
haec venia antiquitati, ut miscendo humana divinis primordia 7 
urbium augustiora faciat; et si cui populo licere oportet con- 
secrare origines suas et ad deos referre auctores, ea belli gloria 
est populo Romano, ut, cum suum conditorisque sui parentem 
Martem potissimum ferat, tam et hoc gentes humanae patiantur 

enfasi, cfr. 4, 6. — tota illa hanno i manoscritti: il Madvig invece pro- 
pone di leggere illa tota con un leggiero inverti mento, che però non si 
capisce bene come abbia potuto aver luogo nei codd. — efficere è più 
forte di facete e viene adoperato in sua vece sol rare volte sì da Ci- 
cerone sì da Livio; cfr. 2, 60, 4. Chi in tristi tempi racconta la storia 
contemporanea è costretto o a mentire o pur, dicendo il vero, a temere 
ognora per la sua vita. — posset è trasformato dal Madvig sulla aeorta 
dei mscr. più recenti in possil; ma egli non bada che scribentis vien qui 
da Livio riferito a se stesso, ed equivale a si haec nova scriberem. — 
6. ante conditam condendamve * prima che Roma fosse edificata o pur 
si stesse sul punto di edificarla „. Col part. pass. Livio accenna ai fatti 
più remoti e meno direttamente legati colla fondazione di Roma; col 
participio di necessità, che fa le veci del part. pres. pass., egli si rife- 
risce agli eventi che, secondo il fato (cfr. 4, 1), ne dovevan precorrer 
l'origine, e son la nascita dei due gemelli e la morte di Remo. Livio 
forse aggiunse al primo il secondo participio, per limitare la parte leg- 
gendaria della storia romana soltanto a quella, che ne precorre più 
direttamente le origini; cfr. 1, 1 e 4,2. 11 gerundivo con ante è assai raro 
in latino, e l'uso ne è qui determinato soltanto dalla presenza di con- 
ditam: più frequente è invece il gerundivo dopo inter, cfr. 21, 21, 8 inter 
labore» a ut iatn cxhaustos aut mox exhauriendos. — decòrus ha in Livio 
il significato di * conforme, corrispondente , e si costruisce col dat, 
cfr. 42, 5. Esso qui regge le duo espressioni costruite parimenti in da- 
tivo poéticis fabulis e incorruptis monumentis, e potrebbe tradursi per 
mezzo di * racconti che corrispondono meglio, che son più degni di 
fiabe poetiche anziché di sicure fonti storiche ,. — 7. primordia = ori- 
gines. — ea est, età: espressione brachilogica che fa le veci dell'altra 
assai meno concisa e meno bella, a cui si è sostituita: si cui populo 
licet consecrare origines suas, hoc certe liceat oportet pop. Rom., cuius ea 
belli gloria, etc. — est pop. rom. * spetta al popolo romano ,, cfr. 2, 30, 
9 is finis populationibus fuit. — potissimum in mezzo a tutti gli altri 
dei in iapecial modo „. Questo cenno è rivolto contro di quegli storici, 
i quali ritenendo ingiustificata la gloria e la potenza militare dei Ro- 
mani, tendevano coi loro scritti a deprimerla, cfr. 9, 18, 6. — ferat = 
prae se ferat * nomini, consideri „, cfr. 2, 41, 10 sunt qui patrem auctomn 
supplicii ferant, 7, 1, 10 seaindum conditorem ferrent. — humanae gentes 
è qui contrapposto a populus Romanus, ed indica ' tutti gli uomini „, 



6 TITI LIVI 

8 aequo animo, quam imperium patiuntur. Sed haec et his similia, 
utcumque animadversa aut existimata erunt, haud in magno 

9 equidem ponam discrimine: ad illa mihi prò se quisque acriter 
intendat animum, quae vita, qui mores fuerint, per quos viros 
quibusque artibus domi militiaeque et partum et auctum im- 
perium sit; labente délnde paulatim disciplina velut desidentes 
primo mores sequatur animo, deinde ut magis magisque lapsi 



cfr. Mart. 12, 8 terrarum dea gentiwnque Soma. — patiantur ...patiuntur. 
La ripetizione dello stesso verbo in modi diversi conferisce all'espres- 
sione maggiore efficacia e chiarezza, cfr. 50, 6 non magis observaturos 
quam ipse observet. -Riguardo al pensiero, che è qui espresso da Livio, 
si pub mettere a raffronto ciò che scrive Cicerone de rep. 2, 2, 4 : " quod 
habemus tam clarum ezordium quam huius urbis condendae princi- 
pium?... concedamus enim famae hominum praesertim inveteratae... ut 
genere putarentur divino „. — 8. Livio, dopo di aver espresso il proprio 
giudizio intorno ai tempi mitici che precedettero la fondazione di Roma, 
ripete sott' altra forma il pensiero con cui si chiude il § 6, per aprirsi la 
via a discorrere del punto di vista, da cui la storia di un popolo deve 
essere studiata ed esposta. — his similia. Similis e dissimili» si trovano 
costruiti da Livio col dat. di cosa (unica eccezione e veri similis) e col 
gen. o pure col dat. di persona. — utcumque... erunt * da qualunque punto 
di vista si guardino o pur si giudichino „. — haud, più spesso di non, 
trovasi adoperato da Livio in unione con equidem: unica eccezione è 
26, 22, 14. — in magno ponam discrimine dar grande importanza a , 
cfr. Verg. 10, 108 nullo discrimine habebo. — 9. illa accenna propria- 
mente a ciò che vien dopo, cioè alle cause della grandezza e del deca- 
dimento degli stati; ma non per questo dovrà dirsi che esso faccia le 
veci di hic, perchè invece quel pronome tanto qui che altrove trovasi 
adoperato per dar risalto ad un concetto di grande importanza. Qui 
potrai tradurlo con ' a questo soprattutto „. — mihi dat. etico, cfr. 
22, 60, 25. — per quos non è già messo in senso restrittivo, come opina 
il Weissenborn, per indicare un picciol nucleo di uomini eminenti 
che concorsero alla grandezza di Roma, ma ben piuttosto per mettere 
in mostra le nobili qualità delle generazioni passate che a quella col- 
laborarono. Il significato di questo relativo è affatto conforme a quegli 
altri che lo precedono e lo seguono. — artes si adopera in generale 
per indicare i vizii o pur le virtù di un popolo, cfr. 53, 4 arte Romana, 
42, 47, 4 artes Romanae e Sali. Oat. 2, 4 imperium facile iis artibus reti- 
netur, quibus initio partum est. — labente deinde, etc. Il verbo principale 
di questo nuovo periodo è sequatur, il quale in unione col complemento 
animo fa perfetto riscontro oXVintendat animum del periodo che precede. 
L'ablativo assoluto labente deinde paulatim disciplina serve a indicare il 
primo momento della rovina di un popolo, che è appunto segnato dal- 
l'abbassarsi e dal decadere del sentimento della moralità; e 
gli effetti di questa decadenza sono poi descritti per mezzo di tre pro- 
posizioni, che formano come altrettanti oggetti del verbo sequatur : 
a) primo mores velut desidentes, b) deinde ut magis magisque lapsi sint, 
e) tum ire coeperint praecipites, donec, etc. Nella prima di queste tre 



AB URBE CONDITA, PKAEF., 9 — 11 7 

-sint, tum ire coeperint praecipites, donec ad haec tempora, 
quibus nec vitia nostra nec remedia pati possumus, perventum 
**st. Hoc illud est praecipue in cognitione rerum salubre ac fini- IO 
giferum, omnis te exempli documenta in inlustri posita monu- 
mento intueri; inde tini tuaeque rei publicae quod imitere 
capias, inde foedum inceptu, foedum exitu, quod vites. Ceterum li 

proposizioni è adombrata l'inerzia dei buoni, i quali restano indifferenti 
e quasi tollerano la presenza dei cattivi; nella seconda è descrìtto il 
contagio malefico che i secondi esercitano su i primi; e nella terza la 
corruzione generale che ne deriva, la quale finirà da ultimo coll'ispi- 
rare agli uomini disgusto e scontento pei loro proprii vizii. Quest'ul- 
tima fase, con cui Livio accenna all'età che fu sua, ci fa pensare, anche 
senza volerlo, al gran mutamento che si andava preparando nella co- 
scienza delle genti e sopratutto di Roma. — donec e abbastanza fre- 
quente in Livio, sebbene da Cicerone non sia stato adoperato più di 
quattro volte e nessuna volta da Sallustio e da Cesare. — remedia 
accenna forse, secondo che sospetta il Me ri vai e, all'opposizione che 
fu fatta alle riforme di Augusto, le quali furono considerate tanto dai 
contemporanei quanto dai posteri come la rovina e il crollo della li- 
bertà, mentre invece erano dirette, se non ad altro, a preservare almeno 
con una forte e mirabile organizzazione politica l'influenza morale di 
Roma già presso che spenta. Anche altrove lo stato Romano già presso 
a finire vien rassomigliato ad un infermo, che, mentre non sa sopportare 
la gravità del suo male, è d'altra parte insofferente dei rimedi che gli 
si apprestano ; cfr. 34, 49, 3 intermori vehementioribus, quam quae pati 
posset, remediis civitatem sinere. — IO. hoc illud est praecipue salubre : 
questo è quello che è, ecc.: il predicato di questa proposizione è 
«ostituito dalla frase illud praecipue salubre (agg. n. sostantivato), in cui 
il pronome illud fa quasi le veci dell'articolo greco tó; e diciamo che 
-ne fa le veci, non già che gli corrisponda, perchè, com'è noto, il pre- 
dicato in greco, quando si accompagna con oitog * questo „, è sempre 
privo d'articolo (cfr. ofoog vópos). Moritz Moller interpreta illud come 
predicato di hoc e mette a raffronto senz'altro Yhoc illud est quod del 5, 
2, 3 e di Cic. de Senect 20, 72, senza badare che in questa frase manca 
il sostantivo salubre, e vi ha per di più il pronome relativo. — omnis 
exempli documenta * ammaestramenti per qualsiasi circostanza od evento a , 
cfr. 25, 33, 6 exempla haec vere prò documentis habenda e 28, 42, 1 M. Ati- 
lius, insigne utriusque fortunae exemplum, nobis documento sit. — inde in 
luogo di unde, cioè una proposizione principale invece di una subor- 
dinata, per mettere maggiormente in mostra i buoni effetti educativi 
e morali, che dalla storia si possono ritrarre. — Ubi tuaeque. La storia 
« uno splendido ammaestramento non solo agli individui, per la con- 
dotta che essi debbono tenere nello stato, ma agli stati stessi, pel modo 
come possono conservarsi e non andare incontro a sicura rovina. — ca- 
pias, sott, exemplum, cfr. 49, 2 exemplum capi posse. Sebbene il senso di 
capere possa parer contrario a quello di vites, pur non va dimenticato 
che capias è messo in relazione diretta con imiteris, e che si estende 
-soltanto per zeugma anche a vites, assumendo in questa seconda re- 
lazione quasi il significato di intellegas. — foedum, cfr. 26, 38, 4 id foedum 



8 TITI LITI 

aut me amor negotii suscepti fallit, aut nulla umquam re» 
publica nec maior nec sanctior nec bonis exemplis ditior fuit r 
nec in quam [civitatem] tam serae avaritia luxuriaque immi- 
graverint, nec ubi tantus ac tam diu paupertati ac parsimonia^ 
honos ftierit: adeo quanto rerum minus, tanto minus cupidi- 

consilium cum inceptu tum etiam exìtu futi. — . 11. ceterum é una par- 
ticella che gli storici adoperano frequentemente, o per esprimere Io- 
svolgimento progressivo di un'idea o pure per ripigliare un discorso già 
interrotto ; sicché in italiano si traduce bene con * del resto , o pure 
con " inoltre ,. Il pensiero di Livio in questo punto e il seguente: del 
resto la storia di Roma, se io non m'inganno, più che prestarsi a con- 
siderazioni malinconiche, offre ad un Romano non poche ragioni di com- 
piacimento, come quella che oi mostra un popolo che sorge e si espande- 
per forza di virtù proprie, e che si conserva per lungo volger di anni 
estraneo a tutti quei vizii, che hanno intristite per fino le origini delie- 
altre nazioni. La storia di Roma è sopratutto un'alta scuola di mora- 
lità, unde quod imitere capias. — aut... aut: è questa una costruzione co- 
mune al latino non meno che all'italiano, cfr. 22, 89, 8 aut ego rem mi- 
litarem ignoro aut nobilior alius focus nostris cladibus erti. — nulla ... 
nec... nec... nec...'. la ripetizione della negazione è fatta per accrescer 
forza al predicato, a oui essa è congiunta, cfr. 26, 12. — sanctior è ri- 
ferito alla santità e purezza dei costami, e ha special riguardo al 
sentimento religioso, cfr. Gic. Rose. com. 15, 44 Cato sanctus et innocens. 
— nec in quam civitatem. I commentatori spiegano questa frase per 
mezzo dell'attrazione del sostantivo civitas dalla proposizione princi- 
pale {nec ulta civitas futi in quam) nella proposizione relativa. Però 
quest'attrazione, quantunque giustificata dal raffronto con 1,3 in quem 
primo egressi sunt locum Troia vocatur, sembra a me nel 1. presente 
poco probabile e poco bella. Sicché io inclino a considerare civitatem 
come una glossa (alla quale opinione or si accosta anche il Novak), e 
a ritenere questo nec, al pari degli altri che precedono, come una mera 
modificazione del predicato di nulla res publica, il quale si trova in 
questo caso ad essere espresso per mezzo di un'intera proposizione. — 
serae, cfr. Hor. Carm. 1, 2, 45. L'aggettivo si trova ben spesso adoperato 
in latino, al pari che in greco, in luogo di un avverbio, sopratutto colle 
parole che indicano numero, tempo, misura o speciale disposi- 
zione d'animo, cfr. prior, proximus, totus, frequens, acer, audax, in- 
fensus, ecc. Oltre a queste parole Livio adopera in funzione affatto si- 
mile anche mitem 4, 6, repens 14, 5, sublimis 16, 2, caeltstis 81, 4, impro- 
vidi 2, 50, 6, pavidi 3, 3, 8, prosper 5, 51, 5, primi 9, 5, 11, cruentum 24, 
44, 8, gravis 27, 4, 1. liben* 27, 8, 5, confertus, effusus, tacitus, etc. — ava- 
ritia, cfr. Sali. Cat. 12, 2 luxuria atque avaritia invasere. — immigraverint 
* penetrarono ,: per qual ragione Livio adopera il congiuntivo in luogo 
dell 'indicativo? — paupertati ac pars., cfr. 34,4, 13 pessimus pudor est 
vel parsimoniae vel paupertatis. — adeo * tanto è vero che , adoperano 
frequentemente Livio e Tacito a principio di una preposizione, che 
serve come a dar rilievo e conferma al pensiero innanzi espresso. In 
luogo di questa forma, la quale del restò ricorre nel de off. 1, 11, 87, 
Cicerone adopera più comunemente ita, usque, eo, is (cfr. § 7), tam tantu*. 



AB URBE CONDITA, PBAEF., 12 — 13 9 

tatis erat. Nuper divitiae avaritiam et abundantes voluptates 
desiderium per luxum atque libidinem pereundi perdendique i2r 
omnia invexere. Sed querellae, ne tum quidem gratae futurae, 
cum forsitan necessariae erunt, ab initio certe tantae ordiendae 
rei absint ; cum bonis potius ominibus votisque et precationibus 
deorum dearumque, si, ut poétis, nobis quoque mos esset, li- 13 



— 12. nuper. Il significato e l'estensione di nuper son molto varia- 
bili: Cicerone l'adopera alle volte in relazione con tempi assai remoti 
(cfr. de nat. deor. 2, 50, 126 nuper id est paucis ante saeculis), Livio al 
contrario non accenna mai con esso ad una distanza superiore ai 62 anni 
(cfr. 10, 37, 10), anzi ne limita assai spesso l'estensione al ventennio 
giù di lì, cfr. 45, 39, 1 e 42, 45, 5. Quanto al tempo a cui qui si accenna, 
non bisogna dimenticare che Sallustio, Cat. 11, 6, attribuiva e faceva 
rimontare la corruzione dei costumi in Roma al ritorno dell'annata di 
Sulla dall'Asia. Al qual momento intenderà forse di riferirsi anche 
Livio; sebbene egli altrove non lasci mai l'occasione di ricordare, sia 
in persona di Catone sia in nome proprio, l'influsso oltremodo dele- 
terio che esercitarono sulla società Romana vuoi il contatto colla Grecia 
e coirAsia e la conquista di Siracusa, vuoi il ritorno dall'Asia dell'ar- 
mata di Gn. Mallio Vulsone, la quale trapiantò in Roma i primi germi 
della corruzione e del lusso; cfr. 34, 4, 3; 25, 40, 2; 26, 21, 8; 38, 17, 18; 
39, 1, 3; 39, 6, 3 e Cic. ad Qu. fr. 1, 1, 19. — avariti* * avidità e cupi- 
digia di danaro „. — luxum indica il lusso e lo scialacquo incon- 
siderato che uno fa del proprio avere, luxuria invece la tendenza 
che uno ha al lusso e all'eccessiva prodigalità e magnificenza. — atque 
per ae, innanzi alla cons. I, ricorre ancora presso Livio in 5, 2; 3, 18, 
IO; 41, 28, 9. — libidinem * stravaganze d'ogni specie ,. — pereundi 
perdendique: è questa una paronomasia che ricorre abbastanza fre- 
quente in Livio, cfr. 58, 8; 2, 29, 9; 9, 14, 15 perdere prius quam perire. 

— pereundi è la formola pass, di perdendi ed ha rapporto colle persone 
atesse di coloro che si abbandonano al lusso. — ne t. q. gr. futurae = quae 
ne t. q. gr. f. sunt. — forsitan corrisponde a fora sit an e si costruisce 
costantemente e regolami, dagli scrittori classici col cong. : Livio invece 
l'adopeia in modo alquanto più libero, e mentre in 13 luoghi segue la 
costruzione classica col cong., in altri 16 se ne allontana, o usando l'in- 
dicativo come in questo luogo e in 21, 40, 11 (cfr. Q. Curzio, 4, 14. 20; 7, 
1, 37; 4, 17), o adoperando il forsitan come parte di proposiz. infinitive 
(3 volte, cfr. 53, 9 e 2, 45, 2) e di ablativi assoluti (come ades. in 9, 11, 
13 e 40, 14, 2), o pur considerandolo come un avverbio usato in forma 
di parentesi e senza alcuna relazione o influenza sul modo del verbo 
(cfr. 22, 23, 5; 2, 2, 7). — ab initio ordiendae rei = ab ordienda re, pleo- 
nasmo assai comune in latino, sopratutto coi verbi che indicano il co- 
minciamento di un'azione, cfr. 46, 7 ; 3, 54, 9 prima initia incohastis. — 
13. potius, sott. quam cum querellis. — votisque: il que serve a congiun- 
gere vott8 in un concetto solo con ominibus, cfr. 43, 2 tela hastaque et 
gladius, cioè * i dardi col l'asta e la spada ,. — deorum dearumque. Era 
questa una formola solenne adoperata dal rituale Romano, per non 
omettere il nome di alcuna divinità, cfr. la formola consueta si divus r 



10 titi Livi 

bentius inciperemus, ut orsis tantum operis successus prosperos 
darent. 



si diva in 7, 26, 4. — poUis, cfr. i proemi di Omero, degli Omeridi e di 
Virgilio, e Pind. Nem. 2 8&ev neo xaì 'Oprjotdai 'Panrtòv ènéùtv xanàXX* 
Aoiooì "Aq%ovxcu. Atòg ex noooiptov. — nobis, cioè agli scrittori di 
storie. — orsis part. usato in relazione con nobis, cfr. 9, 82, 1. — tantum 
operis = tantum opus, cfr. tantum gloria* tneruit 2, 1, 4, ad tantum 
fastigii venit 44, 1, 11. La lezione tantum operis appartiene ad un solo 
tra i codici di Livio, il cod. Parigino: tutti gli altri hanno tanti operis. 
Parecchi editori considerano quest'ultima lezione come la vera e inter- 
pretano orsis non già come part. da orsus ma come sost. da orsum -*. 
Or io non so se tutti quei copisti dei codici liviani, a cui abbiamo ac- 
cennato, intendessero la cosa proprio a questo modo; ricordo soltanto 
col Weissenborn che il sost. orsum non s'incontra né in prosatori ne 
in poeti anteriori a Livio, e che Livio stesso non l'usa mai altrimenti 
che in funzione di part., e ogniqualvolta ha bisogno d'un sostantivo 
ricorre a coeptum e coepta, cfr. 31, 1; 21, 7, 6. — successus prosperosi, 
cfr. 22, 8, 5 e Giustino 9, 8. 7. 



PERIOCHA LIBRI I. 

Ad vento* Aeneaa in Italiam et re» gestae. Asoaniì regnum Albae et Sii vii et 
deineeps Silviorum. Numitoris Alia a Marte compressa, nati Bomulus et Bemns. 
A moline obtrnnoatus : urbe a Somalo condita : senatus leotns : onm Sabini* bel- 
latam : spolia opima Feretrio Iovi lata : in curio* populua divisus, Fidenatea Veientes 
yicti. Bomolns oonaeoratua. 

Noma Pompilio* ritua aaorornm tradidit : porta Iani olansa. 

Tnllua Hostilina Albanoa diripnit: trigeminorum pugna. Metti Fufeti supplici um. 
Tallus fulmine oonaumptus. 

Anoua Martina Latinoa devioit, Oatiam condidit. 

Tarquiniua Prisoua Latinoa auperavit, eiroam feoit, finitimoa devioit, muros et 
cloaca* feoit. 

Servio Tullio eaput arsit. 8erTÌua Tullius Veientes devioit, et populum in classes 
diviait ; aedem Dianae dedioavit. 

Tarquiniua Superbua oociao Tullio regnum. invaait. Tulliae aoelua in patrem. Turnus 
Herdoniua per Tarquinium oooiaua : bellum onm Yolaoia : fraudo Sex. Tarquinii 
Gabii direpti. Oapitolium inoohatum, Termini et lnventae arac moveri non potue- 
runt. Luoretia se oooidit. Superbi ezpulsio : regnatum est annia CCXLV (1). 

Latinis viotia montem Aventinum adaignavit (9), flnea protulit, Ostiam colon iam 
deduxit, caerimoniaa a Munta inatitutaa renovavit : regnavit annia XXHIL Lu- 
eomo Demarati Corinthii flliua a Tarquinii*, Etnisca oivitate, Bomam venit et in 
amioitiam Ano! reoeptus Tarquini Prisci nomen ferro coepit et post mortem Anci 
regnum exoepit. Centoni in patros adlegit, Latinoa subegit, ludos in circo edidit, 
eqoitom centnriaa ampliavit, urbem muro ciroumdedit, eloacaa feoit : oooisus est 
abAnoi filila, cum regnaaaet annia XXXVIII. Hio temptandae (8) soientiae Atti 
Navi anguria causa fertur oonsuluisse eum, an id de quo oogitaret, offici possct ; 
qnod oum ilio fieri posse dixiaaet, iuaaisse eum novaoula ootem praooidere, idque 
ab Atto protinua factum. 

Succeesit ei Serviua Tullius, natua ex captiva nobili Corniculana, cui puero adhuo 
in ounia poeito caput arsisse traditum erat. Is cessosi primnm egit, lustrum con- 
didit, quo oenaa TJCXX milia esse diountur, pomerium protulit, oollea urbiadieoit 
Qoirinalem Viminalem Esquilinum, tempio m Dianae cum latinis in Aventino fecit. 
Interfeotus est a Luoio Tarquinio, Friaoi filio, oonailio filiae auae Tulliae, oum re- 
gnaaaet annia XUm. 

Post huno L. Tarquiniua Superbua neque patrum ncque popoli iuaau regnum 
inTaiit. la axmatoa circa so in onstodiam sol habuit : bellum oum Yolaoia geasit et 
ex tpoliis eorum templum in Capitolio Iovi feoit. Gabios dolo in poteetate sua (4) 
redegit. Huius filiis Delphoa profectis et oonsulestibus, quis eorum Bomae regnn- 
turue eaaet, diotum est eum regnaturum, qui primom matrem osoulatus eantt. 
-Qnod responsum oom ipsi alitar interpretarentor, Iuniua Brotoa, qui oum eia pro- 
feotua erat, protepaum se simulavit et terram osoulatus est ; idque faotum eius 
•Tanto* oomprobavit. Nam cum impotenter ae gerendo Tarquiniua Super boa omnes 
in odiom ani addoxisaet, ad oltimom propter expognatam nooturna vi a Sexto Alio 
eius Lueretiae podioitiam, qoae ad se vocato patre Trioipitino et viro Collatino 
cbteetata, ne inolia mors eius easet, coltro se interfeoit, Bruti opera maxime ex- 
polso* est, oom regnaaaet anno* XXV. Tom consules croati sunt L. Iuniua Brutus 
L. Tarquiniua Conlatinua. 

(1) Qai dorerà terminare la p «rio chi primitWa; quel eoe segue è sgginnto da altra mano 
e «eai'alcon ordine. 

(2) Qnette parole ai riferiscono eridenttmente ad Anco Hariio. 

(3) Il periodo da kie Untfiawìat sino a factum si trova collocato, per mera sviata, nel e o- 
dieo Nazariano (il qaale d ha eenserrate raccolte insieme tette quante le perioche Ji 
Livio), prima di rtpunit atmit XXIIII, anxicnè dopo anni$ XXXY1II, doro por aicnramenU u 
«fcibee. 

(il Eridea temente qui deve sosUtoirsi « poteataUm snam ». 



TITI LIVI AB URBE CONDITA LIBER I. 

i I. Iam primum omnium satis constat Troia capta in ce- 
teros saevitum esse Troianos; duobus, Aeneae Antenorique, et 

I-li. Enea in Italia. Origine del popolo latine. Guerra ooi 
Rutuli e cogli Etruschi. — L iam: lasciando da parte le> 
considerazioni generali e dando alfine principio al nostra 
racconto. È assai noto e comune l'uso del iam a principio di una. 
lunga enumerazione o pur di un racconto, cfr. 28, 89, 5 iam omnium 
primum; 39, 52, 8 iam primum omnes. — primum omnium " anzi tutto ,r 
omnium = omnium rerum. Livio adopera frequentemente i casi obliqui 
di otnnis, praesens, medius, alius, talis, multus, is, ecc. colla funzione di 
neutri sostantivati, sebbene nei casi obliqui la loro natura di neutri 
non sia punto manifesta, e sieno per tal ragione evitati dagli scrittori 
classici, cfr. 45, 1 ; 53, 1 e cum iis 82, 10. — satin constat * è a tutti 
noto „. I commentatori tedeschi si trovan d'accordo nell'affermare, che 
con questa frase Livio intendesse di riferirsi non già alla realtà storica 
del fatto, ma alla tradizione concordemente intorno ad esso attestata. 
Sennonché torna facile obiettare, che Livio non dubita punto, né era 
in grado di farlo, di tutta quanta la storia primitiva di Roma, ma solo 
della parte veramente assurda e prodigiosa di essa ; e in secondo luogo 
che non si sa concepire una frase esprimente storica certezza più di 
questa : satis constai. La quale trovasi costantemente adoperate per in- 
dicare un fatto, che nessuno mette ora o ha messo mai in dubbio pel 
passato, cfr. 3,8 e 48, 5 creditur, quia non abhorret a cetero scelere, ad' 
monitu Tulliae id factum: carpento certe, id quod satis constat, in 
forum invecta; dove è evidente il contrapposto di creditur con satis 
constat. Certo Livio usa questa medesima frase non poche volte nel ri- 
ferire prodigii, a cui nessuno più oramai presta fede, ctr. 27, 1J, 4 Fri- 
verni satis constabat bovem locutum, 37, 3, 3 Nursiae sereno satis constata* 
nimbum ortum, 41, 21, 13 in agro Campano bovem locutum esse satis con- 
stabat. Ma egli torna agevole riconoscere nell'uso dell'impf. constatai, 
che la certezza di questi fatti si limita solo all'asseveranza con cui essi 
erano riferiti. Giacché, quanto a Livio, basta la dichiarazione conte- 
nuta in 43, 13, 1 a renderci conto della premura, che egli si é data di 
ricordarli : " non sum nescius ab eadem neglegentia, qua nihil deos 
portendere vulgo nunc credunt, neque nuntiari admodum ulla prodigi* 
in publicum neque in annales referri. Ceterum et mihi vetustas res 
senbenti nescio quo pacto anticus fit animus, et quaedam religio tenet, 
quae illi prudentissimi viri publice suscipienda consuerint, ea prò in- 
dignÌB habere, quae in meos annales referam ,. — ceteroi prolettico, 
in quanto esclude i due che si salvarono. — saeritum: saevire corri- 
sponde qui a saeve e saetiter caedere. — duobus, dat. La costruzione clas- 
sica di abstinere, che usa sempre altrove Livio, é o con ab (7, 17, 8) o 
col semplice ablativo (8, 19, 3) : il dativo, di cui L. fa in generale un 
uso abbastanza più libero degli altri scrittori, é da lui adoperato sola- 



AB URBE CONDITA, CAP. I, 1—2 13 

yetusti iure hospitii et quia pacis reddendaeque Helenae semper 
auctores fuerunt, omne ius belli Achivos abstinuisse; casibus 2 
deinde variis Antenorem cum multitudine Enetum, qui sedi- 
tione ex Paphlagouia pulsi et sedes et ducem, rege Pylaemene 
ad Troiani amisso, quaerebant, venisse in intimum maris Hadria- 



mente qui, in unione con abstinere, per analogia delle costruzioni 
poetiche arcere, defendere, depellere alieni aliquid, cfr. Verg. Geor. 3, 155; 
Od. 20, 263 àni%eiv %eloas tivt, li, 8, 341 Xotyòv Aavdoiatv àftvveiv, Liv. 
2, 14, 1 huic profectiotti mos abhorrens e 3, 4, 4 abal iettare ali cui altquid. — 
et iure... et quia: no simile cambiamento di costruzione ha luogo anche 
altrove in Livio, cfr. 15, 1 et eoneanguinitate et quod; 2, 44, 7. 65, 7. — 
vetusti iure hospitii si riferisce propriamente al solo Antenore ('Av- 
x^vcao) il quale accolse presso di sé assai ospitalmente Menelao e 
Ulisse, quando essi vennero a Troia per ridomandare Elena, cfr. 11. 
8, 148, 207. — paci* reddendaeque Helenae auctores: del secondo di questi 
due consigli fu autore il solo Antenore (11. 7,350), del primo anche 
Enea, in quanto egli disapprovava la guerra (II. 20, 298) ed era perciò 
tenuto in non cale da Priamo (11. 13, 460). Questi due eroi, che sfuggi- 
rono entrambi alla distruzione di Troia e si trovano strettamente in- 
sieme congiunti anche in Omero (II. 2, 822), son qui collegati e messi 
alla pari da Livio non senza intimo compiacimento, per essere stato il 
primo fondatore di Padova (Verg. 1, 242), la sua città natale, ed il 
secondo di Lavinium madre patria di Alba Longa e quindi di 
Roma, la sua città d'elezione. — fuerunt nel codice parigino tro- 
vasi corretto in fuerant, che è la lezione preferita dal Madvig 11 per- 
fetto è talvolta adoperato da Livio, tanto nelle proposizioni principali 
quanto nelle subordinate, in luogo del piuccheperfetto, quando chi scrive 
considera un fatto appartenente al passato soltanto in relazione col 
momento presente, e non già con altri fatti anch'essi passati: ciò av- 
viene frequentemente dopo ut ed ubi e dopo il relativo, cfr. 25, 8; 2, 1, 
2. 30, 15 e Caes. b. e. 8, 18, 5 ab iis coynovit qui interfuerunt. L'indica- 
tivo sta qui in luogo del cong., perchè questo cenno non appartiene 
propriamente al racconto storico, ma contiene un'osservazione partico- 
lare dello scrittore. — ius belli: tutti i danni a- cui erano esposti in 
seguito alla sconfitta patita, secondo il diritto di guerra, cfr. 2, 12, 14. 
— 2. casibus variis * dopo molte e varie vicende ,: con questa frase 
Livio accenna probabilmente anche ad Enea, sebbene di lui faccia poi 
discorso a parte nel § 4, cfr. Verg. 1,204 per varios casus. — Antenorem: 
Anteo, non è celebrato soltanto come fondatore di Padova, ma anche come 
capostipite della dinastia degli Antenoridi di Cirene nella Libia, 
cf. Pind. Pit. 5, 88. — Enetùtn = Enetorutn. La forma del gen. in ùm 
per -orum ricorre frequentemente in Livio coi nomi di popoli Salluri i<m 
5, 34, 7 e Celtiberutn 24, 49, 7, coi nomi comuni deum, liberum, fabrum, 
socium, coi nomi di monete, pesi e misure nummum, sesterttum, drnarium, 
talentum, medjmnum, modiutn, iugerutn, coi numerali duum, ducetitum, 
trecentum, btnum, quaternum, octonum, denum, qutnum, quadragenum e 
coll'aggett. permarinum 40, 52, 8. — Paphlagonia, dove essi abitavano 
sul f. Partenio, cfr. II. 2, 852. — amisso: egli cadde per mano di 



14 TITI LITI, LIB. I 

tici sinum, Euganeisque, qui inter mare Alpesque incolebant, 
pulsis Enetos Troianosque eas tenuisse terras. Et in quem primo- 
egressi sunt locum Troia vocatur, pagoque Troiano inde nomen 
4 est; gens universa Veneti appellati. Aeneam ab simili clade 
domo profugum, sed ad maiora rerum initia ducentibus fati» 

Menelao, H. 5, 576. — intimum, cfr. Verg. 1. 242. — 3. Euganei: popolo 
probabilmente d'orìgine re ti e a, che abitava sui tre laghi di Bèndcu* 
(1. di Garda), Sebinus (1. d'Iseo) e Larius (1. di Como), e sulla dirama- 
zione meridionale delle Alpi (Plinio, 8, 130, 133, 136), dove ancor si sen- 
tono i nomi di Val Trompia e Val Camonica, che ricordano le de- 
nominazioni antiche di due stipiti di essi i Triumpilini e i Camunni. H 
loro nome del resto si è conservato anche nei colli " Euganei , presso 
Padova. — et: * e difatti , basta a provare questa derivazione anche il 
nome del luogo; cfr. quanto al significato di et 6, 8. — primo: sul 
primo momento del loro arrivo e prima di procedere innanzi (cfr» 
tenuisse). Il Weissenborn e il Madvig correggono primo in primum. — 
in quem egressi sunt locum = loeus in quem egressi sunt. — vocatur e 
nomen est indicano che quei nomi duravano ancora a tempo di Livio ; 

fiero non si sa distinguere se essi furono ispirati dalla leggenda, o se 
a leggenda ebbe origine da loro, cfr. C I. L., I, p. 267. — universa, perchè 
costituita insieme dagli Eneti e dai Troiani. — Veneti. Questa stessa 
origine del popolo Veneto e attestata anche da Catone, cfr. Plin. 6, 5 e 
3, 130: Venetos Troiana stirpe ortos auetor est Caio. Che del resto questa 
popolazione fosse affatto distinta da quella degli Etruschi, con cui si 
trovavano a contatto, è con ogni sicurezza affermato da Livio 5,33,10 
* coloniis mÌ8sis (ab Etruscis), quae trans Padum omnia loca excepto 
Venetorum angulo, qui sinum eircumeolunt maris, usque ad Alpes te- 
nuerc ,. Essi appartenevano probabilmente alla razza Illirica (cfr. 
Erod. I 196 e Polib. 2, 17, 5) ed erano forse affini tanto agli Eneti della* 
Paflagonia (11. 2, 852, e Mela, 1, 2, 5) quanto ai Veneti della " Gallia 
Lugdunensis , (cfr. il nome della città di Vannes nella Brettagna 
odierna pronunziato dagli indigeni " Guenet ,, ant. Venetae, Caes. b. gv 
2, 34; 3, 7 ; 4, 21; 7, 75 e Strab. 4, 194), come a me sembra di poter con- 
cludere dall'identità dei nomi, che non è certo infirmata in nessun modo 
dalla mancanza del digamma nell'omerico 'Everot di fronte a Veneti 
(= Oòevexot Polib.). — appellati concorda col predicato, che si trova qui 
ad essere il più vicino, invece che col soggetto, cfr. 8, 7; 2, 21, 2: altri- 
menti accade in 8, 14, 12. Quanto alla fusione dei due nomi di Eneti 
e di Troiani in un nome solo si cfr. 2, 4. — 4. ab " in seguito a „, 
cfr. § 5. — simili fa le veci di eadem, ed è qui adoperato non già per 
indicare una sventura simile ma non uguale a quella di Antenore 
(si badi che il sestati vo clades accenna fuor di ogni dubbio alla distru- 
zione di Troia, dalla quale l'uno e l'altro erano scampati, cfr. § 8 cre- 
mata patria domo profugos), ma sibbene per mettere in mostra questo 
contrasto, che essi sebbene fossero simili tra di loro nella sventura, 
pure furono chiamati dagli dei a destini affatto diversi. la conclusione 
Hmilis clades qui corrisponde a clades ab omni parte similis, cioè a af- 
fatto simile » in quanto era " proprio la stessa ,. — maiora rerum 
Initia: a fondare cioè un impero ben più grande e notevole di quello 



AB URBE CONDITA, OAP. I, 8 — 5 1& 

primo in Macedoniam venisse, inde in Siciliani quaerentem 
sedes delatum, ab Sicilia classe ad Laurentem agrum tenuisse. 
Troia et huic loco nomen est. Ibi egressi Troiani, ut quibus & 



d'Antenore Si noti l'enallage dell'agg. maiora, che è riferito ad initia, 
mentore appartiene propriamente a rerum, cfr. Verg. 7, 44 maior rerum 
mihi nascitur ordo, Liv. 4, 4 ad iusti cursum amnis, 2, 51, 7. Queste enal- 
lagi si spiegano col considerare i due sost. come formanti un concetto 
solo. — sed ducentibu8. La coordinazione dell'ablativo assoluto con un 
.aggettivo è assai rara nei prosatori anteriori a Livio, cfr. 28, 10; 22, 
' 19, 11. 28, 1. — fatta, cfr. II. 20, 179, 806 e Verg. 1,2; 3. 158 ; 7, 123. 
— in Macedoniam, cioè propriamente nella penisola di Pallone (Cal- 
dàica), dove egli fondò la città Aenea sul golfo termaico, cfr. 40, 4, 9. 
La leggenda fa compiere ad Enea ben altri viaggi, prima che egli ar- 
rivi in Italia: lo considera anzitutto come capostipite degli Eneadi nella 
Troade (cfr. II. 20, 307 e Strab. 13, 1, 53), e poi come fondatore della 
città di Aeno in Tracia (Verg. 3, 18), di Capi a in Arcadia (Dion. 1, 
49), di Eti ed Afrodisia» in Laconia (Paus. 8, 22, 2), ecc. — in Sici- 
liatn. Una leggenda assai antica, la quale mette capo a Tucidide 6, 2, 
riferisce ad Enea la fondazione della città di Segesta (o "EyeaxaAXyeaxa, 
Acesta), la quale anche nei tempi storici fu considerata da Roma, in 
conformità di questa tradizione, come strettamente a se legata per 
identità e affinità d'origine (cfr. Cic. Verr. 4, 72). I critici della storia 
romana negano concordemente qualsiasi realtà storica tanto a questa 
leggenda, come all'altra riferita da Virgilio, la quale collocava in Egesta 
la tomba di Anchise (cfr. Aen. 5, 718, 755); e credono che l'una e 
l'altra mettano capo al culto di Afrodite (Venus Erycìna), che fu pro- 
babilmente importato dai Fenicii tanto in Sicilia sul monte Erice 
(oggi S. Giuliano, in vicinanza di Drepanon e di Segesta), quanto nel- 
l'isola di Cipro; di quell'Afrodite cioè che, per essere contrassegnata 
piò volte da Dionigi I, 50 col nome di *A<pQoò£iri. Alveidg (d'origine a 
dire il vero ignota), potrebbe renderci di leggieri ragione tanto della 
mitica genealogia di Enea, quanto dell'origine che gli viene attribuita 
di non poche città, direttamente o indirettamente connesse col culto 
di Afrodite. — classe, al pari che in Virgilio, sembra qui aggiunto per 
indicare che Enea approdò direttamente nel Lazio, al suo ritorno dalla 
Sicilia, e non vi discese già, secondo altri riferiscono, dopo esser ap- 
prodato in Etruria. — tenuisse, sottintendi cursum : * trattenne il corso, 
si fermò, approdò a . U sostantivo classis non ricorre mai altrove in 
qnesta frase in funzione d'ablativo, ma ben più spesso o come soggetto 
o par come oggetto della proposizione, cfr. 21,49, 2; 31, 45, 10 ad Men- 
deum tenuerunt; 22,81,5 classis ab Utoribus in Siciliani cursum tenuit; 
30, 39, 3 classis tenet locum; 24, 85, 3 classem ad Pachynum tenuerat. — 
Laurentem agrum, la costiera che dal Tevere si estendeva a mezzogiorno 
fin presso Arde a, cfr. 7, 25, 4 Laurensque tractus et Tiberis ostia. Mentre 
Catone e Virgilio 7, 36 fanno approdare Enea alla foce del Tevere, Livio 
invece par che consideri piuttosto come luogo del suo approdo la bocca 
del Nu micio e i castra Troiana. — 5. Troia: il nome che serve 
di predicato trovasi frequentemente anteposto da Livio al suo soggetto, 
cfr. 33, 4, 5 Trallis est nomen genti ; 26, 27, 7 Manus ti nomen erat. Seb- 



16 TITI LIVI, LIB. I 

ab immenso prope errore nihil praeter arma et naves superes- 
sent, cum praedam ex agris agerent, Latinus rex Aboriginesque, 
qui tum ea tenebant loca, ad arcendam vim advenarum armali 

<J ex urbe atque agris concurrunt. Duplex inde fama est : alii 
proelio victum Latinum pacem cum Aenea, deinde adfinitatem 

1 iunxisse tradunt; alii, cum instructae acies constitissent, prius- 
quam signa canerent, processisse Latinum inter primores du- 
cemque advenarum evocasse ad conloquium; percunctatum deinde, 
qui mortales essent, unde aut quo casu profecti domo, quidve 

bene Livio con queste frasi costruisca più frequentemente il nome pro- 
prio in caso dativo, pure non è nemmeno raro in lui il nom., in confor- 
mila dell'uso ciceroniano, cfr. 3, 8; 34, 2. — nomen est: anche qui il 
presente serve ad indicare un nome, che durava ancora a tempo di 
Livio. Del resto questo nome di Troia ricorreva ancora in altri luoghi 
del Lazio, cfr. il praeiìum Troianutn in vicinanza di Lanuvium, che 
ricorda Cic. ad Att. 9, 13, 6. — ut guibus contiene la ragione di praedam 
agerent, ed è preposto al cum, perchè questa particella non poteva con- 
venientemente pigliar posto né innanzi ad ibi né innanzi ad ut. — ab 
causale, cfr. § 4. — immenso. Sebbene Livio non abbia accennato dianzi 
che a soli due punti di fermata, pure la lunga serie degli errori di 
Enea era naturalmente da lui presupposta. — superessent appartiene a 
due soli codici, il parigino e il fiorentino, tutti gli altri hanno superesset, 
efr. § 3 e 10, 6, 5 honoribus nihil praeter saeerdotia deessent. La costru- 
zione si spiega assai bene col notare che nihil praeter corrisponde, 
quanto a significato, a solum. — Latinus. Prima che si venisse formando 
la leggenda di Enea, i Latini avevano già delle tradizioni pattie re- 
lative alle loro erigini. Essi celebravano come loro eroe eponimo il 
re Latino, che trovasi di già menzionato nella Teogonia di Esiodo, 
r. 1013, come figlio di Ulisse e di Circe (cfr. anche Livio 49, 11), e 
sella tradizione indigena come figlio del dio Fauno e della ninfa Ma- 
ri e a (Verg. 7, 47 e CIL. I. n. 175). — cum praedam ag., cfr. Servio ad 
Aen. 1, 267 e 4, 620: * Cato dicit iuxta Laurolavinium, cum Aeneae 
socii praedas agerent, proelium commissum, in quo Latinus occisus est „. 

— Aborigines, e secondo i Greci 'AfloQiylveg, il che rende assai impro- 
babile l'etimologia che fu data più tardi di questo nome da ab-origìne 
[cfr. ab-àvus, proàvus), etimologia a cui par che accenni anche Virgilio 

■ 7, 181, e che tendeva a far considerar gli Aborigeni (cfr. atixó%&ove$) 
come gli abitatori primitivi d'Italia, cfr. Servio ad Aen. 1,6: * (Jato 
in Originibus hoc dicit, primo Italiani tenuisse quosdam, qui appella- 
bantur Aborigines , e Sali. Cat. 6, 1. Essi, irrompendo dai dintorni di 
Re&te (oggi Rieti) e di Cutiliae (oggi Contiglione), che costituirono 
some il centro dolla loro regione, scacciarono i Siculi dal Lazio eii oc- 
raparono le loro sedi (cfr. Plin. 3, 56 e Varr. 1. 1. 5. 101); a tale testimo- 
ìianza par che accenni anche Livio colla frase qui tum ea tenebant loca. 

— 6. duplex: la prima versione con poche varianti è seguita «lai Vir- 
filio 3, 889 e 7, 112. — 7. mortales, cfr. Tao. hist. 2. 72 quisnam mor~ 
clium esset. Cicerone adopera mortales = homines soltanto in unione 
ìou omnes plurimi multi, ed una volta sola al singolare mortali* netno 



AB UBBE CONDITA, GAP. I, 6 — 11 17 

quaerentes in agrum Laurentem exissent, postquam audierit8 
multitudinem Troianos esse, ducem Aeneam, filium Anchisae 
et Veneris, cremata patria domo profugos sedem condendaeque 
urbi locum quaerere, et nobilitatemi admiratum gentis virique 
et animum vel bello vel paci paratum, dextra data, fidem futurae 
amicitiae sanxisse. Inde foedus ictum inter duces, inter exercitus 9 
salutationem factam; Aeneam apud Latinum fuisse in hospitio; 
ibi Latinum apud penates deos domesticum publico adiunxisse 
foedus, filia Aeneae in matrimonium data. Ea res utique Tro- 10 
ianis spem adfirmat tandem stabili certaque sede finiendi erroris. 
Oppidum condunt; Aeneas ab nomine uxoris Lavinium appellai il 

n Lael. 18. Però l'uso del sost. mortalis comincia a divenire assai più 
frequente in Sallustio, e abbondantissimo in Livio, il quale l'adopera 
non solo in unione con multi omnes eeteri nullun tot quisquam aliinemo, ecc., 
ma anche da solo, sopratutto per dare notizie dell'esito di un combatti- 
mento, cfr. 37, 2 multi mortalis caesi, capti. — aut : tanto nelle proposi- 
zioni negative quanto nelle interrogative i Latini adoperano assai spesso 
la particella disgiuntiva [aut, ve), laddove noi facciamo uso della copu- 
lativa («). — quidve: nel secondo membro dell'interrogazione, quando 
«i ripete il pronome interrogativo, Virgilio e Livio adoperano assai 
spesso, in corrispondenza di aut, ve, in luogo di que, cfr. 18, 3; Cic. de 
rep. 2, 3; Verg. 1, 369 sed vos qui tandem? quibus aut venistis ab oris? 
quo ve teneUs iter? Si badi che le domande del re Latino sono tre: qui, 
unde atti quo casu e quidve, e che ad esse corrisponde esattamente il 
§ 8. — 8. postquam adìerit: qui si conserva il tempo dell'or, re età 
postquam audivit, cfr. 21,38, 5; il tempo invece è mutato in 38, 10, 6 e 
43, 6, 8. — multitudinem, cfr. Verg. 2, 796 ingentem comitum numerum. — 
condendaeque urbi e un dat. di scopo, che il Madvig muta fuor di 
ragione e senza l'autorità dei mscr. in urbis ; cfr. 5, 54, 4 dii hominesque 
hunc urbi condendae locum elegerunt; 39, 22, 6 haud inde procul locum 
oppido condendo ceperunt. — vel ... vel = et... et * sia - sia ,, cfr. 42, 5 
rei paci decorum vel bello; 21, 6; 45, 1. — bello: Livio adopera più frequen- 
temente dopo paratus la prep. ad. — dextra data: lo stringer della 
mano era considerato pegno sicuro di fedeltà, cfr. 41, 4; 58, 7. — fu- 
turae è adoperato assai frequentemente da Livio come semplice agget- 
tivo; Cicerone, al di fuori della frase res futurae, l'adopera ben rara- 
mente in tale accezione, cfr. ad fam. 4, 3, 1, Lael. 40. — 9. foedus icere 
o f. ferire sono espressioni brachilogiche, le quali fanno le veci di iciendo 
o feriendo porcum (cfr. 24, 8) f. facere, cfr. Enn. Ann. 1, 33 accipe daque 
fidem foedusque feri bette firmum. — salutationem factam, come fratelli 
d'armi, cfr. 22, 30, 2. — penates, gli dei protettori della casa e delle so- 
stanze domestiche (cfr. penitus penetralia penus), i quali avevano la loro 
sede sul focolare domestico, che costituiva come il centro della casa. 
Del resto, come vi erano i penates privati {familiares minor es), così vi 
erano ancora i penates publici {maiores 45, 16, 5), in quanto lo stato ni 
era svolto e formato anch'esso a somiglianza di una famiglia. — in 
matrimonium data, cfr. 9, 14 e 84, 2. — IO. ea res = matrimonium. 

— utique * alfine „. — 11. Lavinium (oggi Pratica, circa tre miglia 

E. Cocchia, Tito Livio, I, 2* ediz. 2 



18 TITI LITI, LIB. I 

Brevi stirpis quoque virilis ex novo matrimonio ftiit, cui Asca— 
nium parentes dixere nomen. 

II. Bello deinde Aborigines Troianique potiti. Turnus rex. 
Rutulorum, cui pacta Lavinia ante adventum Aeneae fuerat,. 
praelatum sini advenam aegre patiens, simul Aeneae Latinoque- 

distante dal mare) era una città separata da A r d e a dal solo corso del 
fiume Numico: essa derivava probabilmente il suo nome da luere o 
lavare * la città pura „ ed era considerata, a causa del santuario di 
Venere che ivi sorgeva (cfr. Strab. 5, p. 232 àvà piotov oh xo-ózatv x&m- 
nóXttùv èoxl xò Aaovlviov l%ov xoivòv x&v Aaxlvtav leoòv *Ag>^oó£x^s)*. 
come il centro sacro e religioso delle popolazioni dei dintorni, e quindi 
. della lega latina, la quale ivi aveva posti i suoi Penati (cfr. 14, 2). — 
stirpi* antica forma di nom., la quale fa le veci di stirps (stirpe») tonto- 
in questo luogo che in 26, 18, 16 e 41, 8, 10, cfr. aedi» 33, 9; eaedi» 59^ 
10; elodie 9, 23, 1; plebi», Opi», stipi», ecc. — novo * recentemente con- 
cluso „ è detto in opposizione al primo matrimonio di Enea, cfr. 3, 2- 

— Ascanium... nomen: costruzione assai rara nella prosa anteriore a. 
Livio, la quale probabilmente dovè essere modellata sulla costruzione 
dei verbi passivi con doppio nominativo o pure suite costr. di e»»e, cfr.. 
34, 10 Tarquinium Priscum edìdere nomen; 7, 22, 3 olii Oaium nomen 
Quinetio adiciunt; Verg. 3, 693 nomen dixere priore» Ortygiam; Aristoph... 
Av. 767 SnàQxtjv Svofia xaA&pev atx^v. 

II. — 1. petiti col cod. Mediceo, in luogo di simul petiti che si legge 
negli altri codici, per influenza forse del simul che ricorre sulla fine del §- 

— Turnus, sebbene nativo di Laurento (cfr. Laurens, Verg. 7, 650), era. 
però d'origine greca, in quanto discendeva da Dan a 8, la figlia di 
Acrisio, la quale era approdata in Italia, aveva fondata la città di 
Ardea capitale della stirpe umbro- sabellica dei Rutuli, e si era di- 
sposata al loro re Pi lumno progenitore di Turno (cfr. Aen. 7, 372,410). 
Questi era nato propriamente da Danno e da V e n i 1 i a (1. e), ed era. 
chiamato a rinnovare e a trapiantare in Italia, colla sua opposizione 
ad Enea, gli odii e le ostilità vicendevoli dei Greci e dei Troiani. Come 
nel nome di Latino e di Lavinio ci è dato di scorgere abbastanza. 
nettamente, pur di sotto alle alterazioni che vi ha portate e innestate 
la leggenda di Enea, la fisonomia primitiva dell'antica tradizione ita* 
lica; così nel nome di Turno, che si riconnette molto probabilmente 
a Tvffavóg, al pari che in quello di Mezenzio (per *Medientiu», con- 
nesso forse con péóopat, osco meddix), che era re della etrusca Caere,, 
noi possiamo riconoscere come un'eco lontana della lotta secolare, che 
i Latini ebbero a sostenere fin dui tempi preistorici contro la potenza, 
soverchiatrice del popolo etrusco, che li circondava minacciosa da ogni 
lato (cfr. § 8 fiorente» re»), che aveva di già occupata Ardea, e che 
consigliò loro, a difesa della propria indipendenza, primieramente la. 
creazione della lega Latina e quindi la fondazione di una nuova 
città, che potesse tener fronte a quella crescente ed invadente au- 
dacia. - Rutulorum. Era questo un popolo di razza umbro-sabellica, iL 
quale aveva invaso Ardea, si era fuso insieme cogli antichi abitanti, 
del luogo e si era poi stretto in alleanza colle vicine popolazioni La- 
tine, cfr. 57, 1. — pacta fuerat. La formazione del perfetto e del più©- 



AB UBJBI CONDITA, GAP. II, 1—3 19 

bellum intulerat. Neutra acies laeta ex eo certamine abiit; 2 
vieti Rutuli; victores Aborigines Troianique ducem Latinum 
amisere. Inde Turnus Rutulique diffisi rebus ad Horentes opes 3 
Etruscorum Mezentiumque regem eorum confugiunt, qui Caere, 
opulento tum oppido, imperitans, iam inde ab initio minime 

cheperf. pass, per mezzo degli ausiliari fui e fueram, la quale ricorre tal- 
volta anche presso gli scrittori classici, e d'uso assai frequente in Livio, 
sia che egli accenni semplicemente ad un'azione già compiuta nel tempo 
passato (30, 38, 6), sia che si riferisca allo stato o al risaltato che ne 
deriva, il quale pub considerarsi o come già trascorso o pur come an- 
cora durevole, cfr. 26, 2 desponsa fuerat * era stata fidanzata ,; 7, 8; 14, 
9; 45,3; 55,2. — 2. vieti... victores : si badi all'asyndeton e si cfr. 
3, 11. — Latinum, cfr. Fé sto, p. 194: " proditur Latinus rex, qui proelio 
nusquam apparuerit (= oi>% ebotaxero Ép. Heb. 11, 5) iudicatusque sit 
Iuppiter factus Latiaris ,. Livio non accennò a questa tradizione, perchè 
era affatto simile all'altra di Enea, che egli stesso riferisce al termine dì 
questo capitolo. — Rutulique : il que serve propriam. ad unire due con- 
cetti, che sono tra di loro affini e che si considerano non già come distinti 
ma come subordinati l'uno all'altro, cfr. 8. 16, 10 vino epulisque; 1, 5 rex 
jLboriginesque; 10,2 Tatius Sabinique; §5 Etruscorum Mezentiumque; 3, 

4 ; 30, 42, 4 Macedones duxque eorum. — 8. rebus, sott. suis. — Etru- 
scorum. L'impero degli Etruschi, chiamati anche Tirreni Tuscie 
Ras e ni, si estendeva nei tempi più antichi dall'Italia settentrionale 
fino alla Campania; ed il centro della loro potenza, che si espandeva 
soprattutto sul mare, era costituito dalla città di Caere oggi Cervetri=a 
Caere vetus, cfr. 5, 33, 7 : " Tuscorum ante Romanum imperium late terra 
marique opes patuere. Mari supero inferoque, quibus Italia insulae modo 
cingitur, quantum potuerint nomina eunt argumento, quod alterum Tu- 
ecum, communi vocabulo gentis, alterum Atriaticum mare ab Atri a 
Tuscorum colonia vocavere Italjcae gentes ; Graeci eadem Tyrrhenum 
atque Adriaticum vocant. Et in utrumque mare vergentes incoi uere 
urbibus duodenis terras, prius cis Apenninum ad inferum mare, postea 
trans Apenninum totidem, quot capita originis erant, coloniis missis, 
quae trans Padura omnia loca excepto Yenetorum angulo ... usque ad 
Alpes tenuere. Alpinis quoque ea gentibus hauddubie origo est, maxime 
Raetiis; quos loca ipsa efferarunt, ne quid ex antiquo praeter sonum 
linguae nec eum incorruptum retinerent „. — Mezentius era signore di 
Caere, una delle 12 città della confederazione etnisca, e capo di essa 
al pari di Porsenna, cfr. 2, 9, 4. Le tradizioni intorno alla Bua persona 
variano di molto l'una dall'altra: Virgilio 8, 481 e Ovidio Fast. 4, 881 lo 
rappresentano come un tiranno, che fu scacciato dagli Etruschi, a causa 
delle sue insopportabili crudeltà, e costretto a ricorrere per aiuto a 
Torno re dei Rutuli. — Caere è abl., cfr. Nepete 6, 9, 3; Fraeneste 6, 29, 

5 ; Beate, 25, 7, 8. — opulento tum oppido = in opulento t. opp. Ai tempi 
di Livio questa città era molto decaduta. — imperitare avere il co- 
mando, la signoria ,. cfr. 22, 4 Albae (loc.) imperitabat. Il verbo imp. si 
trova adoperato più spesso da solo che col dativo, e non riceve quest'ul- 
tima costruzione se non coi nomi di persona, cfr. 24, 3; 21, 1, 3 : riguardo 
alla forma frequentativa si noti che essa è assai accetta a Livio, il quale 



20 TITI LIVI, LIB. I 

laetus novae orìgine urbis, et tum nimio plus, quam satis tutum 
esset accolis, rem Troianam crescere ratus, haud gravatim socia 

4 arma Rutulis iunxit. Aeneas, adversus tanti belli terrorem ut 
animos Aboriginum sibi conciliaret, nec sub eodem iure solum 
sed etiam nomine omnes essent, Latinos utramque gentem ap- 

5 pellavit. Nec deinde Aborigines Troianis studio ac fide erga 



adopera nelle sue storie non meno di 120 frequentativi. — nimio plus 
" assai di più ,. Questa maniera di rinforzare il comparativo è più 
propria della lingua familiare e dei poeti, che dei prosatori: cfr. Or. 
Carm. 1, 18, 15; Ànt. pr. Cic. ad Att. 10, 8 A, 1; Liv. 89, 40,9 nimio 
plures; 2, 37, 4 ». plus quam velimi 29, 33, 4 n. maior. — quam satis: di 
quel che fosse compatibile colla perfetta sicurezza dei popoli vicini. 
— gravatim, &na§ elQtjpévov che s'incontra soltanto in Lucrezio: Livio 
adopera in sua vece gravate, sopratutto dopo haud, e fors'anche gra- 
vanter 21, 24, 5. — socia è congiunto poeticamente con arma (cfr. 26, 
16, 10), ed è in ogni caso un predicato prolettico, perchè deve con- 
siderarsi come l'effetto di iungere arma. I sostantivi, ohe si adoperano 
in funzione d'agg., ricevono nella prosa classica la forma maschile o 
femm., ma non mai la neutra, cfr. nuncius e nuncia, magister e ma- 
gistra\ quanto alla frase victricia arma essa è poetica e fa perfetto ri- 
scontro al socia arma di Livio. — 4. nec = et ne o, meglio, et ut non, 
perchè la negativa non si riferisce al predicato, ma solamente a solum. 
Livio adopera frequentemente nec, in luogo di et ne, nelle proposizioni 
finali, quando l'intenzione o pure il fine trovasi innanzi espresso per 
mezzo di ut o ne, per mezzo del semplice congiuntivo ovvero anche col- 
T imperativo, cfr. 43, 11 ; 2, 32, 10. — sub eodem iure: egli volle che, 
come erano soggetti ai medesimi doveri e alla medesima legge, così 
portassero anche lo stesso nome. La preposizione sub, nel senso in cai 
qui l'adopera Livio, è estranea all'uso , ciceroniano, cfr. sub invidia 24, 
25, 2. — sed etiam nomine. Dopo sed etiam si aspetterebbe veramente la 
ripetizione della preposizione sub; la quale è stata qui omessa solo 
perchè non è correttamente usata in latino , col significato che le 
attribuisce Liv., la frase sub nomine, e quindi tanto meno l'altra sub 
eodem nomine (ben altro significato ha sub iisdem nominibus in 36, 8 e 
43, 9). Del resto dopo sed etiam la ripetizione della preposizione trovasi 
fatta in 2, 2, 6 e 40, 1, mentre invece è omessa in 33, 29, 4; 84, 4, 1 ; 
37, 7, 16. — Latinos. Questa stessa tradizione è seguita anche da Ca- 
tone; Virgilio invece 12, 824 fa che Enea, per consiglio di Giove e di 
Giunone, non rinnovelli l'antico nome di Troia, ma adotti anche per 
se e per i suoi quello del popolo a cui si era congiunto. Anche qui si 
scorge evidente l'innesto delle due saghe, la più antica la quale con- 
siderava Latino come fondatore della nazione e capo della lega, e la 
più moderna la quale, facendo capo ad Enea, riferiva l'origine dello 
stato Latino alla fusione degli immigranti Troiani cogli antichi abi- 
tatori del luogo. Però egli è evidente che il nome del popolo (Latini) 
deriva da quello della regione {Latium), e che lo stesso re Latino fu 
creato dalla fantasia popolare, per il bisogno di incarnare o di perso- 
nificare in un uomo o in un nome le proprie origini. — 5. nec equi» 



AB TREK CONDITA, CAP. II, 4 — 6 21 

regem Aeneam cessere. Fretusque his animis coalescentium in 
dies magis duorum populorum Aeneas, quamquam tanta opibus 
Etruria erat, ut iam non terras solum sed mare etiam per totam 
Italiae longitudinem ab Alpibus ad fretum Siculum fama no- 
minis sui implesset, tamen, cum moenibus bellum propulsare 
posset, in aciem copias eduxit. Secundum inde proelium Latinis, 6 

vale anche qui ad et non, e contiene lo stesso significato che ha, ad ea., 
et in 1, 3; cfr. 16, 1 nec deinde in terris Romulus fuit', 2, 23, 10 nec tem- 
peratum manibus foret. — ac fide: ac fa le veci di aut, che sarebbe ri- 
chiesto dalla proposizione negativa, e ad esso si è sostituito, a causa 
della stretta relazione che intercede tra i due concetti studium e fides, 
cfr, 3, 9, 12. — fretusque: il gue serve frequentemente in Livio ad espri- 
mere la conseguenza o il risultato dei fatti innanzi esposti, e fa in certo 
modo le veci di inde o his de rebus factum est, cfr. 45, 6; 2, 33, 9. — 
coalescentium : il v. coal. si trova frequentemente adoperato da Livio, or 
da eolo (11, 2), or in compagnia di tn (8,1), con significato metaforico. 

— quamquam. L'idea principale espressa in questo periodo contiene una 
doppia limitazione; la più generica, che non si sarebbe mai aspettato 
che Enea potesse entrare in lotta colla forte Etruria, e la più specifica, 
che egli scendesse in campo aperto (in aciem) a combattere, mentre 
poteva difendersi dalle mura (moenibus). — tanta: l'attributo è riferito 
al soggetto invece che al complemento, a cui propriamente appartiene, 
cfr. 1,4 e 22, 43, 5 maturiora messibus Apuliae loca. — Etruria, cfr. n. § 3. 

— ad fretum Siculum. Gli Etruschi non estesero veramente il loro po- 
tere al di là della Campania, ma dominarono però fino allo stretto 
Siculo su tutto quanto il mar Tirreno, che prese appunto da essitai 
nome. — implesset, cioè prima della venuta di Enea, lmplere si costruisce 
da Livio comunemente coll'abl., più raramente col gen. dei nomi astratti 
(cfr. 46, 8) : quest'ultima costruzione non è mai usata né con complete 
ne con replere, eccetto che una volta sola colla forma repletus — plenus, 
cfr. 6, 25, 9 (quanto a plenus coll'abl. cfr. 25, 1). — cum posset è una pro- 
posizione concessiva, che ha propriamente relazione con aciem, come si 
è di già avvertito. — moenibus, ahi. di strumento, — 6. secundum. I 
Troiani e gli Aborigeni avevano già insieme combattuto contro di 
Turno, ed ora si trovano per la seconda volta a combattere sotto la 
6tes3a bandiera contro gli Etruschi, condotti da Mezenzio; né vale il 
dire che la prima volta, secondo la tradizione riferita da Livio, il nome 
di Latini non valeva ancora complessivamente sì per gli uni sì per gli 
altri, poiché, sebbene non ne avessero il nome, eran pur sempre il me- 
desimo popolo. E, del resto, che secundum qui non possa avere il signi- 
ficato di * favorevole , (cfr. 26, 10, 9), che i commentatori tedeschi ed 
inglesi concordemente gli attribuiscono, si prova con tutta evidenza 
dall'antitesi tra secundum e ultimum, che è vano sforzo disconoscere e 
che è invece confermata àa\Yeiiam (= iti * inoltre ,), il quale accenna 
come questa guerra non solum fuit secundum sed etiam ultimum morta- 
lium operum Aeneae. Colle quali parole nessuno vorrà certo intendere 
che la guerra, in cui Enea lasciò la viti, riuscisse a lui favorevole. Si 
aggiunga che la guerra non riuscì favorevole a nessuno dei due popoli, 
Aia si conchiuse a condizioni pari così per gli Etruschi come per i La- 



22 TITI LITI, LXB. I 

Aeneae etiam ultimum operum mortalium fuit. Situs est, quem- 
cumque eum dici ius fasque est, super Numicum fluvium: Iovem 
indigetem appellànt. 

tini, cfr. 8, 5. — Aeneae. Anche qui si presuppone, senza accennarvi, il 
disparire di Enea, di cai fa parola Servio, sulla testimonianza di Ca- 
tone, nel commentario all'Eneide 4, 620 : " Turnus victus est ab Aenea. 
Aeneas autem in ipso proelio non comparuit ,. — situs est " trovasi 
seppellito ,: il che accenna come questo monumento esistesse ancora 
a tempo di Livio. Esso non era altro che il tempio sacro al Pater In- 
diges, il quale sorgeva sulle sponde del fiume Numi ciò ed era consa- 
crato (leqòg), secondo quello che Dionigi d'Alicarnasso 1, 64 ci riferisce, 
naTQÒg veod ##o«»/ot> {=* pater indìges), 8$ nozaftoi) NoptxCov Qevfta 
òiinti. Forse il Pater indìges, o dio protettore del luogo, era stato a 
principio il dio del f. Numi ciò (cfr. Tib. 2, 5,43; Ov. Met. 14, 598) 
ovvero anche lo stesso re Latino, venerato pure, come abbiam visto, 
col nome di Iuppiter Latiaris. Ma, quando più tardi esso venne identi- 
ficato con Enea, allora si considerò quel tempio semplicemente come 
la sua tomba (o 4iq$ov), e sorse la leggenda della sua sparizione sulle 
sponde del Numicio, per influenza forse delle dottrine di Euémero 
(si ricordi la sua Is^à dvay^aq>^ " quam noster interpretatus est et 
8ecutu8 praeter ceteros Ennius , Cic. de nat. deor. 1, 42, 119), il quale 
considerava gli dèi come uomini famosi e i loro templi come se fossero 
le loro sepolture (cfr. Cic. 1. e. ' ab Euhemero autem et mortes et se- 
pulturae demonstrantur deorum „). — quemeumque = site deum sive herda. 
Livio tralascia di dargli un nome, non solo per un certo senso di re 
ligio8Ìtà, ma perchè all'apoteosi di lui, come alla discendenza dei 
Romani da Marte, non sapeva prestar veramente fede ; sicché gli basta 
dire senz'altro che lo divinizzarono (Iovem appellànt), senza far per 
conto suo nessuna professione di fede. — ius fasque: sia che lo si debba 
considerare come uomo sia come dio. — super * sulla sponda ,, cfr. 
26, 42, 4 super portam, super paludem, super ripam. — Numicus o anche 
Numicius, oggi rio torto, era un piccolo fiume che sboccava nel mare 
a mezzogiorno di Lavinium. — indi-getem corrisponde tanto per la 
forma che pel significato ad indi-gena (se il 'gena lat. e il -ywijs gr. si 
debbono considerare come forme di part. pass, pass., essi son pari al 
■getes di indi-getem), ed indica gli dèi patrii o * nativi del luogo , 
(cfr. #eoi intx&Qiot. èy%<t)Qiot, %&óvioi f opposti a divi Novensiles, cioè 
" esterni „, Liv. 8, 9, 6), cioè i primi progenitori e benefattori del po- 
polo, i quali furono dopo la morte divinizzati e sollevati al grado di 
dèi protettori. Come esempio assai bello ed istruttivo dì tale trasfor- 
mazione si possono considerare quei versi dell'Eneide 7, 177, dove 
Giano, Saturno, Fauno e Pico non sono altrimenti chiamati che 
progenitori e predecessori del re Latino: 

Quin etiam veterum effigies ex ordine avorum 
antiqua e cedro, Italusque paterque Sabinus 
vitisator, curvam servans sub imagine falcem, 
Saturnueque senez Ianique bifrontis imago 
vestibulo astabant, aliique ab origine reges 
Martiaque ob patriam pugnando volnera passi 

— Iovem indig.: esso era chiamato anche pater indìges, deus indìges, 



1 



AB URBE CONDITA, GAP. Ili, 1 — 2 23 

III. Nondum maturus imperio Ascanius Aeneae fìlius erat; 1 
tamen id imperium ei ad puberem aetatem incolume mansit: 
tantisper tutela muliebri — tanta indoles in Lavinia erat — res 
Latina et regnum avitum paternumque puero stetit. Haud am- 2 



Aenea 8 indiges, cfr. C. I. L. I, p. 283. Questo nome di Iuppiter indiges che 
e affatto simile all'altro di Iuppiter Lattari*, con cui fu identificato il 
re Latino (cfr. Festo 1. e), come d'altra parte la circostanza, che tanto 
Enea quanto Latino spariscono dalla scena nel medesimo punto (cfr. 
Servio 1. e.) e nell'identico modo, è una prova quasi sicura dell'iden- 
tità dei due personaggi, o meglio che Enea sia venuto a sostituirsi a 
Latino nella leggenda nazionale, come progenitore del popolo che da 
questo ebbe origine. Certo non è facile indicare con precisione né i 
motivi né il tempo di tale sostituzione. Tra i motivi principali, oltre 
alla tendenza generale che è propria di ciascun popolo di ricercare e 
nobilitare le proprie origini (primordio urbis augustiora facere), connet- 
tendole direttamente a quelle d'altri popoli già nella storia noti e fa- 
mosi (i Romani si consideravano ad es. come discendenti dai Troiani, 
non altrimenti che le principali città greche spiegavano le loro origini 
con colonie Egiziane o Fenicie), si potrebbe ricordare anzitutto il fatto, 
che la città di Lavinium era una delle più antiche sedi del culto di 
Afrodite. La quale circostanza dette un forte stimolo ad immaginare 
nuove avventure di Enea in ogni angolo del Mediterraneo, dove questa 
divinità fosse venerata. E d'altro lato si può credere, che allo sviluppo 
ulteriore di questa leggenda conferissero non poco non solo l'origine 
Eolie a, e quindi Troiana, di Cuma (cfr. Strab. 5, 4, 4 e Verg. 6, 234, 
dove è detto che il promontorio Miseno nella Campania deve il suo 
nome al compagno di Enea quivi sepolto), ma ancora le relazioni di 
Cuma con Roma, sopratutto a causa dei libri Sibillini. Riguardo al 
tempo, in cui questa leggenda prese piede, va anzitutto ricordato che 
in sulla fine della prima guerra Punica, cioè verso la metà del III se- 
colo av. Cr., i Romani offrirono il loro aiuto agli Acarnani, perchè essi 
soli tra i Greci non avevan preso parte alla guerra contro i Troiani 
loro progenitori (cfr. Giust. 28, 1, 6 ; Svet. Claud. 25) ; e in secondo luogo 
che poco prima di quest'epoca Timeo, storico siciliano, aveva anch'egli 
accennato all'arrivo di Enea nel Lazio, in compagnia dei Penati, e alla 
fondazione di Lavinium (Dion. 1, 64). Degli altri scrittori antichi, che 
secondo Dionigi 1, 72 fanno cenno di questa stessa leggenda, non è qui 
il luogo di occuparsi. 

III. Alba Long a. — 1. maturus col dat. appartiene propriamente 
all'uso poetico, cfr. 2, 5, 3; 22, 43, 5: con ad trovasi costruito in 36, 12, 
11. — tantisper, cioè fino a quando egli fu minorenne. — muliebris =* 
midieri8. Livio adopera non raramente l'aggettivo in luogo del genitivo, 
cfr. 47, 7. — tanta, cfr. praef. § 11. — indoles = virtus " buona indole ,. 
— res Latina et regnum avitum : anche qui si rispecchiano i due diversi 
elementi della tradizione, che già innanzi abbiamo notati. Lo stato la- 
tino era nello stesso tempo anche il regno, che egli ereditava dai suoi 
progenitori. — stetit = incolume mansit. — 2. haud amblgam * non 

mi farò a discutere ,. — haud è adoperato da Cicerone soltanto cogli 
avverbii, più raramente ooi verbi, quasi sempre con scio (cfr. haud er- 




24 TITI LIVI, LIB. I 

bigam — quis enim rem tam veterem prò certo adfirmet? — , 
hicine fuerit Ascanius, an maior quam hic, Greusa matre Ilio 
incolumi natus comesque inde paternae fugae, quem Iulum 
3 eundem Iulia gens auctorem nominis sui nuncupat. Is Ascanius, 
ubicumque et quacumque matre genitus — certe natum Aenea 
constat — , abundante Lavini multitudine florentem iam, ut tum 
res erant, atque opulentam urbem matri seu novercae reliquit, 
novam ipse aliam sub Albano monte condidit, quae ab situ por- 
rectae in dorso urbis Longa Alba appellata. 

rare nel de n. deor. 2, 21). Anche Livio l'adopera a preferenza congiunto 
cogli avverbii o con espressioni avverbiali, ma ancora però abbastanza 
frequentemente in unione coi verbi e sopratutto con quelli che conten- 
gono un concetto negativo (raramente si trova haud innanzi a scio, sino? 
quiesco, memoro, miror, subicio, ecc.). — hicine: se questo Ascanio, a cui 
fu conservato il regno da Lavinia, sia quello stesso che ebbe il nome 
di Iulus e diede origine alla gente Giulia, o pur se questo Iulus sia 
identico ad un altro Ascanio, figliuolo maggiore di Enea e di Creusa, 
Livio non si cura in alcun modo di decidere; e in seguito chiama 
senz'altro i discendenti d'Enea Sii vii e non già Giù Hi, sebbene tante 
Giulio Cesare quanto Ottaviano attribuissero non poca impor- 
tanza alla discendenza della gente Giulia da Iulus figliuolo di Enea, 
cfr. Verg. 1, 267. — fugae. Omero non conosce ancora Ascanio; i poeti 
posteriori o lo fanno fuggire in compagnia del padre, o pure narrano 
che egli fondasse una nuova signoria nell'Asia. — quem = is quem. — 
Iulum eundem " che anche sotto il nome di Giulo ». Virgilio connetteva 
questo nome Iulus direttamente con Bium, cfr. 1, 267: 

At puer Ascanius, quoi nunc cognomen IUlo 
additur (Hus erat dum rea stetit Ili a regno). 

— 3. is Ascanius, cioè quello ohe successe ad Enea nel governo di 
Lavinium. — ubicumque, in Asia o pure in Lavinio. — quacumque, da 
Creusa o pur da Lavinia. Si noti che quicumque ed ubicumque sono usati 
dagli scrittori classici quasi sempre come pronomi relativi e quindi in 
unione di un verbo finito: Livio invece li adopera assai spesso assolu- 
tamente come puri pronomi indefiniti, secondo l'analogia delle voci 
i^reche Saxig óaxioovv ónooaovv, cfr. 59, 1; 39,5; 2,44,10. — certe li- 
mita l'incertezza della proposizione precedente. — abundante L. muli, è 
un abl. assoluto con significato causale. — multitudine " popolazione „. 

— ut ha significato limitativo, cioè seoondo ohe comportavano le 
condizioni dei tempi è la sua recente origine, cfr. 2,63, 6 urbem, 
Antium, ut tum res erant, opulentissitnam; 18, 1; 57, 1. — seu non esprime 
incertezza, poiché Livio ha già dichiarato di non volersi immischiare 
in tal quistione, ma solamente lascia libero campo all'opinione con- 
traria, che egli non ha nessuna intenzione di contraddire : * o se ti piace 
piuttosto ,, cfr. Cic. pr. Sulla 17 eiecto sive emisso Catilina. — reliquit è 
la lezione comune dei mscr.: il parigino soltanto ha relinquit. — sub 
Albano m., cioè su una di quelle alture che dominano la regione, che 
si estende ni piedi del Monte Albano (oggi monte cavo), il quale 
costituiva la punta più alta dei monti che portano questo nome {Albani 



AB URBE CONDITA, CAP. Ili, 3 — 4 25 

Inter Lavinium et Albam Longam deductam coloniam triginta t 

montes). La città di Alba Longa sorgeva sa di un alto bastione di 
lava e quindi in un sito assai bello e sano, ed aveva ad est il monte 
Albano e ad ovest il pittoresco e profondo lago d'Albano. — quae, cioè 
urbs, accanto al gen. urbis è alquanto duro, ma però assai chiaro, cfr. 
§ 9; 8, 3; 53, 4. — porrectae: questa parola si adopera comunemente 
per indicare una linea orizzontale, cfr. Min. Fel. Oct. 17 recta montium, 
collium fiera, porrecta camporum. — dorso, cfr. 36, 15, 6 Apennini dorso. 
Le metafore prese dal corpo umano per indicare le diverse parti di 
una località sono parecchie, cfr. supercilium tumuli 34, 29, 11; terga colite 
25, 15, 12; corna promunturii 37, 11, 8; os specus 45, 27, 8; Tiberis caput 
33, 9 : lingua 37, 31, 9; vertex montis 29, 32, 2. — Longa e preposto en- 
faticamente al nome per dargli più rilievo. Il posto dell'aggettivo la- 
tino è di regola dopo il sost., ma pub anche, come in questo caso, es- 
sergli preposto per maggior enfasi, cfr. Statori Jori 12, 6; geminos fra- 
tre* 5, 6; maximus curio 28, 17, 3; § 9. — Alba, cfr. § 8. La leggenda 
raccontata da Fabio Pittore della troia bianca e dei 30 porcellini, che 
avevano mostrato ad Enea il luogo della città (cfr. Verg. 3, 390 e 8, 41; 
Dio Casa. frag. 4, 5), non è nemmeno accennata da Livio. — appellata, 
sott. est: l'ellissi della copula est e sunt nelle proposizioni subordinate 
non è molto frequente in Livio (cfr. però 8, 15, 4 quae nunc Aurunca 
appellata; 22, 5, 6; 21, 15, 3), eccetto nel caso in cui essa possa facil- 
mente supplirsi dalla proposizione che segue (cfr. 10, 31, 4), oppure 
quando il relativo fa le veci di un dimostrativo preceduto da et e con- 
tinua il senso della proposizione principale (10.27,4). L'omissione della 
copula forse qui si spiega col riflettere, ch£ Livio volle evitare una pa- 
rola monosillaba alla fine del periodo; ma occorre però che non sia 
dimenticato, che egli omette talvolta la copula anche nel mezzo, senza 
alcuna ragione evidente (cfr. 9, 46, 14; 27, 4, 31). — 4. Lavinium, sott. 
conditum. — Albam Longam è un acc di luogo dipendente da deductam. 
— coloniam. Questa tradizione, che considera Alba Longa come una 
colonia di Lavinium, dovè essere ispirata dal bisogno di riconnettere ad 
Enea anche le origini di Roma; e conferma in modo luminosissimo 
quello che già innanzi abbiamo affermato, che cioè le origini della leg- 
genda di Enea si debbano riferire al culto di Venere, che aveva sede 
in Lavinio. Del resto Livio, nell'affermare che gli abitanti di Lavinium 
dedussero una colonia in Alba, non solo non fa cenno della leggenda 
dei trenta porcellini, con cui si riportava direttamente ad Enea l'ori- 
gine di questa città; ma par che dica espressamente, che la città già 
preesisteBse all'arrivo dei coloni Laviniesi. E, in tal modo, egli si lascia 
libera la via alla tradizione, che riferirà tra breve, che Alba fosse la 
madrepatria di tutte le città latine e la città capitale della lega (52. 2 
omnes Latini ab Alba oriundi; cfr. Dion. 3, 31. 34; 6, 20; Verg. 6. 773); 
ed apre uno spiraglio non solo alla leggenda patria, ma anche alla 
realtà storica. La quale è affidata ad una testimonianza di indiscutibile 
valore, all'esistenza cioè del tempio di luppiter Latiaris sul monte Al- 
bano, dove ogni anno si celebravano le Feriae Latinae e si immolava 
in onore del nume una giovenca bianca, le cui caini eran poi divise a 
tutte quante le città della lega (cfr. Plin. 3, 9 * cura his carnem in 
monte Albano soliti accipere populi Albenses Albani Aesulani „, ctc). 



26 TITI LITI, LIB. I 

ferme interraere anni. Tantum tamen opes creverant maxime 
fusis Etruscis, ut ne morte quidem Aeneae, nec deinde inter 
muliebrem tutelam rudimentumque primum puerilis regni, mo- 
vere arma aut Mezentius Etruscique aut ulli alii accolae ausi 

5 sint. Pax ita convenerat, ut Etruscis Latinisque fluvius Albula, 

6 quem nunc Tiberim vocant, finis esset. Silvius deinde regnat, 

7 Ascanii filius, casu quodam in silvis natus. Is Aeneam Silvium 



— ferme e un fere rinforzato, raro in Cicerone, frequentissimo in Livio, 
cfr. 40, 2. — triginta, cfr. Verg. 1, 269 e 8, 44. Il numero trenta è tra- 
dizionale nella saga latina: si ricordi la leggenda dei 80 porcellini, la 
quale era forse nient'altro che un'immagine simbolica delle 80 città della 
lega. — morte Aeneae è abl. di tempo, che fa le veci di una proposi- 
zione temporale con eum, cfr. 22, 1 Numae morte] 88, 54, 1 morte Afri- 
cani. Se altrove il sentimento religioso quasi trattenne Livio dal mani- 
festare la propria opinione intorno alla divinità di Enea, qui invece, 
senza volerlo, egli le lascia libero corso, accennando alla morte di 
lui. — nec * e nemmeno ,, cfr. 22, 60, 12. — inter * durante „. — primum 
rudimentum è un pleonasmo, cfr. praef. 12 : il sost. rud. è adoperato da 
Virg. e da Ovidio nel senso di * preparazione „ e ricorre, in prosa per 
la prima volta a partire da Livio. — ausi sint «= auderent. Il tempo 
•della proposizione consecutiva non è qui espresso in relazione con 
quello della proposizione principale, perchè in tal caso esso non po- 
trebbe altro rappresentare, che l'estendersi di una conseguenza fino al 
momento presente; ma viene ad interrompere il racconto storico e a 
rappresentare le conseguenze come una conclusione che lo storico de- 
riva dal passato, nel momento stesso in cui scrive. In altri termini la 
frase tantum creverant ut ne... quidem ausi sint potrebbe considerarsi 
come equivalente all'altra t. cr. ut prò eerto liceat habere eos non ausos 
4S8e. Questa costruzione si incontra assai raramente in Cicerone (cfr. 
Tusc. 5, 20, 60; de div. 1, 88, 73; Galba ad Fam. 10, 80, 8) e in Cesare, 
non mai in Sallustio, ma ben più che 65 volte in Livio, cfr. 4, 6; 16, 1; 
2, 20, 9. 43, 11. — 6. pax. Dopo il cenno che Livio aveva fatto di questa 
battaglia nel cap. II, egli ne interruppe il racconto, per fermarsi a par- 
lare di Enea. I varii momenti di essa si trovan descritti da Ovidio nei 
Fasti 4, 879. — Etruscis r cfr. 15, 5 ; 2, 15, 6. — Albula, cfr. Verg. 8, 832. 

— 6. Silvius: secondo Dionigi d'Alia 1, 70 è il figliuolo di Enea e 
■di Lavinia, che succede nel regno di Alba al fratellastro Asoanio, 
Ggliuolo di Óre us a; mentro a Iulo, figliuolo di A Scanio, è riser- 
bata in Lavinium la supremazia o il governo sulle cose di reli- 
gione. Questa stessa tradizione è adottata anche da Catone e da Vir- 
gilio (cfr. 6, 764), il quale però considera lulus (= Ilius) come soprannome 
di Ascanius, figliuolo di Creusa (cfr. 1, 266). — 7. Aeneam Silvium, 
cfr. C. I. L. I, p. 288 Silvius Aeneas Aeneae et Laviniae filius. Livio, o 
meglio la tradizione a cui egli si attiene, considera Aeneas Silvius come 
una persona affatto distinta da Silvius, e ne interpreta il nome come 
equivalente ad Enea figliuolo di SMvio o pure, come diremmo noi, 
ad Enea II; cfr. il nome Latinum Silvium che segue, il quale corri- 
sponde anch'esso a Latino II. Questa testimonianza di Livio ne appa- 



AB URBE CONDITA, GAP. Ili, 5—8 27 

creat; is deinde Latinum Silvium. Ab eo coloniae aliquot de- 
ductae, Prisci Latini appellati. Mansit Silviis postea omnibus 8 
cognomen, qui Albae regnaverunt. Latino Alba ortus, Alba Atys, 



risce per doppia ragione degna di nota, in primo luogo perchè spiega 
in modo abbastanza semplice l'origine del soprannome Sii vii che eb- 
bero i re Albani (dopoché si incominciò a dire, per distinzione dal 
primo Enea e dal primo Latino, Aeneas Silvius e Latinus Sil- 
vius, questo secondo nome fu considerato come un semplice sopran- 
nome e passò anche ai loro successori), soprannome che Dionigi e Vir- 
gilio riconnettono senz'altro al primo Silvio (cfr. sull'origine di questo 
nome la n. al § 11); e in secondo luogo perchè, coll'allungare la discen- 
denza dei successori di Enea, mostra apertamente la via, per cui si 
svolse la leggenda e la serie dei re Albani. La quale, certamente, o era 
ignota o pur non parve accettabile a Nevio e ad Ennio, se è vero che 
essi considerano senz'altro Romolo, il fondatore di Roma, come Aeneae 
ex filia [i. e. Ilio] nepotem (cfr. Servio ad Aen. I, 278; 6, 778; Sali. Cat. 6 
e Or. Carm. Ili, 3, 81, che chiama Romolo invisum nepotem, cioè nep. 
Aeneae inv. Iunont). Questa serie dei re Albani trovasi per la prima 
Tolta ricordata da Corn. Alessandro Polyhistor, liberto di Cornelio 
Lentulo e contemporaneo di Sulla, e deve quasi certamente la sua ori- 
gine al bisogno che i primi annalisti romani provarono di appianare 
le difficoltà cronologiche, che nella leggenda di Enea, come è riferita 
da Ennio, avevano luogo. E poiché, secondo Eratostene, la caduta di 
Troia era anteriore di 408 anni alla prima Olimpiade (776 av. Cr.), Ca- 
tone ne inferiva (cfr. Dion. 1, 74), che la fondazione di Roma (753 av. Cr.) 
fosse posteriore all'epoca di quella caduta di 432 anni, lacuna che Dio- 
nigi compie esattamente colla serie dei re Albani che egli ricorda. Livio 
si discosta alquanto da Catone e da Dionigi e, sebbene non indichi 
espressamente la durata del regno, pure mostra a chiare note di acco- 
starsi alla testimonianza di Virgilio (cfr. Aen. 1, 265-274), il quale cre- 
deva che Alba fosse stata fondata 300 anni prima di Roma. Difatti egli 
afferma altrove che, all'epoca della sua distruzione (654 av. Cr.), Alba 
avesse già 400 anni di vita (cfr. 29, 6 quadringentorum annorutn opus). — 
aliquot. Livio considera Alba come la madre patria di tutte quante le 
città Latine (cfr. 52, 2), le quali però egli distingue in più antiche (Prisci 
Latini) e in più moderne, secondo che ne riconnette l'origine al re La- 
tinus Silvius ovvero ai suoi successori. In questa distinzione si adombrano 
forse i due distinti periodi di vita che ebbe la confederazione Latina, il 
primo sotto la supremazia di Alba, il secondo sotto quella di Roma, 
cfr. Verg. 6, 773; Festo, p. 241 priscae latinae coloniae; id., p. 226 Prisci 
Latini proprie appellati sunt hi qui priusquam conderetur Roma fuerunt. 
— appellati è predicato, non già attributo, cfr. 1, 8; 13, 8. — 8. co- 
gnomen : questo, che apparve poi come il nome gentilizio dei re Albani 
(cfr. § 10), era stato in origine, come si è di già avvertito, un semplice 
soprannome di cbbì. — Silviis : il dat. con mansit è modellato sul co- 
strutto analogo fuit in 1, 5. — Albae loc, cfr. 17, 11. — Alba nome di 
nomo, colla desinenza latina che è propria dei n. masch. di prima de- 
clinazione {poeta, scriba, ecc.), cfr. Proca connesso con procus, Hampsi- 
eora 23, 41, 4, Prusia 29, 12, 14. — Atys è forse niente altro che il capo- 



28 TITI LIVI, LIB. I 

Atye Capys, Capye Capetus, Capeto Tiberinus, qui in traiect» 
Albulae amnis submersus celebre ad posteros nomen flumini 
9 dedit. Agrippa inde, Tiberini filius, post Agrippam Romulus 
Silvius a patre accepto imperio regnat. Aventino, fulmine ipse 
ictus, regnum per manus tradidit. Is sepultus in eo colle, qui 
mine pars Romanae est urbis, cognomen colli fecit. Proca deinde 

10 regnat. Is Numitorem atque Amulium procreat; Numitori, qui 
stirpis maximus erat, regnum vetustum Silviae gentis legaU 
Plus tamen vis potuit quam voluntas patris aut verecundia 

il aetatis. Pulso fratre, Amulius regnat. Addit sceleri scelus : stirpem 
fratris virilem interimit; fratris fìliae Reae Silviae per speciem 

stipite della gente Atta; cfr. Verg. 5, 568. Coloro che connettono Atys col 

frigio Atys o Attys (Herod. 1, 7) non tengono alcun conto della diffe- 
renza che ci è nella quantità. — Capys è considerato nell'Iliade 20, 239 
come padre d'Anchise, cfr. 4, 37, 1; Svet. lui. 81. — Capetus, cfr. Patta. 
6, 21, 7. — Tiberinus, cfr. Verg. 8, 331. Naturalmente il nome primitivo 
è quello del fiume, il quale è alla sua volta connesso colla rad. osca tef 
che significa * altura „, cfr. Tifemum Tifata. Or, se la radice del nome 
Alba è quella stessa con cui si connette il nome delle Alpi, cioè la voce 
celtica alb * alto „, ne parrà evidente tanto la trasformazione del nome 
Albula in Tiberis, quanto il significato di Tiberis che corrisponderebbe a 
" fiume montano „, così come Alba indicherebbe propriamente una * città 
di montagna ,. Tiberinus al pari di Numicus fu venerato come deus ♦*»- 
diges, cfr. 2, 10, 11. — celebre * assai conosciuto, ben noto ,, cfr. 43, 21, 
3 Dyrrachium tum Epidamni magìs scelebre nomen Graecis erat. — ad aa» 
apud, cfr. 5, 6, 6 fama ad ceteros populos ; 36, 5 ad posteros. — 9. Aven- 
tino, dat. Il Seeley, tenendo conto di un'opinione assai probabile di 
alcuni dotti, i quali ammettono che Romulus sia etato identificato con 
Quirinus dopo l'unione del Palatino col Quirinale, crede che questa 
novella relazione del re Albano Romulus con Aventinus vada riferita al 
tempo, in cui questo monte venne incluso nella cerchia della città. — 
per manus * di mano in mano, senza interruzione „, cfr. 29, 14, 13 per 
manus succedentes deinceps aliae aliis pertulere; 17, 6. — tradidit; si può 
tradurre assai bene per mezzo del v. intransitivo * passò ,. — is se- 
pultus, cfr. 34, 4. — fecit = dedit, cfr. 5, 53, 3 ius factum. — Romana e 
è preposto enfaticamente ad urbis, cfr. 22, 9, 2. — IO. Proca è forse 
connesso con Proculus, che fu cognome assai antico della gente Giulia, 
cfr. 16, 5. — Numitoi'em è formato su Numi, cfr. 18, 1. — Amulius ò 
forse connesso colla gente Aemilia, che si vantava d'origine Troiana 
(cfr. Festo s. Aemilius). — nutximus, sott. nalu. Il superlativo non e 
veramente d'uso assai corretto, perchè trattandosi di due persone il la- 
tino preferisce il comp. waior, cfr. però anche infimus in luogo di iti" 
ferior in 21, 36,8, e quanto all'ellissi comunissima in Livio del natu ai 
guardi 23, 30, 11. 11 costrutto maximus stirpis è pan all'altro, d'uso più 
comune, primi iuventutis o civitatis. — legai, sottint. testamento. — 
11. regnat ... addii: si badi all'asindeto. — Reae Silviae. Il Niebuhr 
crede che questa appunto .sia la grafia più corretta del nome, e che rea. 



AB URBE CONDITA, OAP. Ili, 9 — 11 ; IV, 1 — 4 v 29 

honoris, cum Vestalem eam legisset, perpetua virginitate spem 
partus adimit. 

IV. Sed debebatur, ut opinor, fatis tantae origo urbis ma- i 
ximique secundum deorum opes imperii principium. Vi com- 2 
pressa Vestalis cum geminum partum edidisset, seu ita rata, seu 
quia deus auctor culpae honestior erat, Martem incertae stirpis 
patrem nuncupat. Sed nec dii nec homines aut ipsam aut stirpem 3 
a crudelitate regia vindicant: sacerdos vincta in custodiam datur; 
pueros in profluentem aquam mitti iubet. 
Forte quadam divinitus super ripas Tiberis effusus lenibus 4 



vi eia adoperato nel senso comune di * accusata ,. Però egli è molto 
più probabile che Rea sia niente altro che la divinità Frigia Rhea = 
mater idea, al modo stesso che Sihii è probabilmente traduzione di 
'Iòaiot (cfr. tèa «= stiva) ; e che quindi tal nome sia intimamente con- 
nesso colla sede del nuovo regno Troiano, che fondarono sull'Ida i 
successori d'Enea (cfr. Conon 41 ó <T 'Aoxàviog vlòg f*hv 4}v Alveiov, 
fteià óè T^oias àX<aoiv èfiaoiÀevoev "Iótjs). Ennio dà a Silvia il nome 
di IUa e la considera qual figlia di Enea, cfr. Festo p. 2£6: Ilia dia 
nepo8. — Vestalem legete (cfr. 20, 3) o capere (cfr. 27, 8, 5, Tac. Ann. 4, 
16) sono i termini tecnici per indicare la scelta dei sacerdoti e delle 
sacerdotesse, la quale veniva fatta dal Pontefice massimo. Qui invece 
tale scelta è considerata come prerogntiva diretta del re, il quale non 
6olo compie la scelta, ma punisce anche la Vestale (cfr. 4, 3). — per 
tpeciem honoris, sotto finta di dare un onorifico attestato di stima al 

fratello. 

IV. Romolo e Remo. — l.sed: sebbene Amulio facesse del poter 
suo per estinguere la stirpe di Numitore, pure ecc. — fatis: era se- 
gnato dal fato che Roma sorgesse, e contro di questo a nessuna forza 
umana è dato di lottare, cfr. 42, 2 e Verg. 7, 120 fatis mihi debita tellus. 
— secundum * subito dopo ,. — 2. seu rata... seu quia erat: un si- 
mile cambiamento nella costruzione è assai frequente in Livio, cfr. 14, 
3; 2, 39, 6. — seu quia serve a provare lo scetticismo che serba Livio 
innanzi a simili tradizioni. — honestior erat : puoi tradurre questa frase 
per mezzo del v. * coonestare ,. — Martem, cfr. 20, 2. — incertae è una 
espressione eufemistica che fa le veci di spuriae, cfr. Ul piano qui 
natre quidem certa, patre autem incerto naU sttnt, spurii appellantur, e 
Livio, 3, 15, 8 incerta prole; 39, 53, 3 certi patris. — 3. di* è qui messo 
in relazione con deus auctor culpae. — iubet, sott. Amulius. Il cambia- 
mento della costruzione da passiva (datur) in attiva (iubet) serve a se- 
parare nettamente le due azioni l'una dall'altra, cfr. 5, 4; 2, 2, 1. Quanto 
all'omissione del soggetto, cfr. 50, 9. — profluentem s'incontra solo qui 
in Livio, cfr. però Cic. ad Qu. fr. 3, 1, 2 e Floro 1, 1 regis imperio iac- 
tatu8 in profluentem cum Remo. — 4. forte qu&dam : comunemente for- 
tuitum si contrappone a divinum; ma, poiché qui si tratta di cosa vo- 
luta dal fato, lo straripamento del fiume non si può considerare come 
casuale che in relazione cogli uomini, ai quali non appariscono talvolta 
le cause di ciò che è determinato dagli dei, cfr. 22, 42, 10 dii prope ipsi 



30 «TI LIVI, LIB. I 

stagnis nec adiri usquam ad insti cursum poterat amnis, et posse 

quamvis languida mergi aqua infantes spem ferentibus dabat. 

5 Ita, velut defuncti regis imperio, in proxima adluvie, ubi nunc 

ficus Ruminalis est — Romularem vocatam ferunt — pueros- 

forte e Dion. 1, 79 xcnà òetav %4%fp o pure #«/p xivì *$XV' D Madvig, 
seguendo le orme del Grutero, propone di leggere forte quadatn an di- 
vinitus. — effusu8 contiene la ragione di poterat e di dabat. — lenibus 
stagnis * placidi e tranquilli laghetti „ e contrapposto a inondazione 
impetuosa. — ad iusti cursum amnis =» ad iustum cursum amnis, cfr. 
Dion. 1, 79 voi) yv^oiov $etò(>ov. L'A. vuol dire che l'acqua ristagnata 
nel piano non permetteva di avvicinarsi fin presso all'antico letto del 
fiume. Si ponga mente ad amnis, il quale sembra superfluo dopo Tiberis 
che funge da soggetto di adiri poterat. — et «=» et tamen. — quamvis t. 
questa congiunzione, contrariamente all'uso ciceroniano, trovasi costan- 
temente adoperata da Livio in unione di aggettivi e participii (cfr. 16^ 
5; 2, 39, 7), più raramente di avverbii: unica eccezione fa il 2, 40, 7 r 
dove quamvis è adoperato in unione con un verbo e, per di più, al modo 
indicativo. — mergi: Tabi, dopo mergi è poet. (cfr. 27,87, 6); Cicerone 
adopera in sua vece in coll'acc. o anche coll'abl., in aquam, in mari*. 
Se altrove Livio non adoperasse Tabi, in unione di mergi (cfr. 26, 29, 4; 
29, 27, 14), si potrebbe sospettare che languida quamvis aqua compia» 
qui la funzione di abl. assoluto. — 5. ita e ««e sono adoperati tal- 

volta in forma enfatica a principio d'una proposizione, per dar risalto 
alle condizioni già enunziate, sotto di cui un dato fatto si compier 
* stando così le cose *. — velut defuncti: defuncti da solo vorrebbe in- 
dicare, che essi avevano eseguiti perfettamente gli ordini del re ed 
esposti i gemelli alla corrente principale del fiume; coll'aggiunta di 
velut invece Livio accenna soltanto all'intenzione che essi avevano avuta, 
sicché la frase velut defuncti corrisponde in certo modo a exponunt ita 
se defunctos rati, cfr. 29, 5. Cicerone adopera in questo senso, in unione- 
con participii, le cong. ut e quasi; Livio invece, oltre a queste due, 
anche tamquam, cfr. 26, 8 ; 12, 7; 54, 7; 51, 3. — adluvie è la lezione dei 
mscr., che il Grutero dapprima e poi il Weissenborn emendarono in, 
eluvie: l'una e l'altra parola non ricorrono altrove in Livio e non pos- 
sono avere altro valore, che quello di " acqua diffusa dall'alluvione %r 
la quale dava come l'immagine di uno stagno. — ficus Ruminalis, cfr. 
10, 23, 12 e Festo p. 270: Ruminalis dieta est ficus, quod sub ea arbore* 
lupa mammam dederat Romulo et Remo, mamma autem rumis dicitur. 
Dalla stessa radice deriva anche il nome della dea Rumina (Agostino 
de civ. Dei 7, 11 ricorda anche un Juppiter Rumlnus), o dea protettrice 
degli agnelli lattanti, la quale apprestava il latte materno anche ai 
bambini (cfr. Varr. r. r. 2, 11, 5 : " non negarim ideo apud divae Rumina» 
Bacellum a pastoribus satani ficura. Ibi enim solent sacrificar! lacte prò 
vino et prò lactentibus. Mammae enim rumae si ve rumes, ut ante dice- 
bant, a rumi, et inde dicuntur subrumi agni ,). L'albero del fico, che 
era sacro ad essa come simbolo forse della fecondità, si trovava in vi— 
cinanza del Lupercale sul Cermalus, cioè sul fianco occidentale del 
Palatino e di rimpetto al Capitolino, sulla via che mena al Circo. — 
nunc est: dalle parole di Ovidio nei Fasti 2, 411: arbor eroi, remanent- 



AB UBBB CONDITA, GAP. IV, 5—7 31 

exponunt. Vastae tum in his locis solitudines erant. Tenet fama, & 
cum fluitantem alveum, quo expositi erant pueri, tenuis in sicco 
aqua destituisset, lupam sitientem ex montibus qui circa sunt 
ad puerilem vagì tum cursum flexisse; eam submissas infantibus 
adeo mitem praebuisse mammas, ut lingua lambentem pueros 
magister regii pecoris invenerit — Faustulo fuisse nomen fe- 
runt — ; ab eo ad stabula Larentiae uxori educandos datos. Sunt T 



vestigia... Romula ficus erat apparisce chiaro, che il fico Palatino era 
già distrutto a tempo di Livio. In luogo di esso si mostrava invece sul 
Comitium un altro ficus Ruminalis, detto anche Navia perchè pian- 
tato da Atto Navio: questo fico sopravvisse non solo ai tempi di 
Dionigi (3, 71), ma anche a quelli di Plinio (15, 77), e trovasi rappre- 
sentato perfino in un bassorilievo dei tempi di Traiano. Livio confon- 
deva probabilmente l'uno con l'altro, cfr. Tac. Ann. 13, 58 e Becker Ròm. 
Alterth. 1, 292, 418. — Romularem è nome d'origine posteriore ed evi- 
dentemente connesso con Romulus, e serve ad indicare che l'albero sacro 
a Rumina era proprio quello stesso sotto di cui era stato allevato Ro- 
molo. — 6. his locis : tra il Capitolino, il Palatino e l'Aventino, dove 
aveva avuto propriamente luogo lo straripamento del Tevere. — tenet 
fama " corre voce, dura la tradizione ,, cfr. Tucid. Àóyog %axè%ei e Livio 
17, 6 e 21, 46, 10 fama obtinuit. — quo = in quo, cfr. 34, 8 sede honoris. 
— tenuis aqua * quel piccolo rigagnolo, quel breve corso d'acqua ,. 
L'attributo, secondo l'uso proprio del greco, è assai frequentemente da 
Livio anteposto al sostantivo e da esso disgiunto; quando ciò ha luogo, 
l'aggettivo fa ben spesso le veci di una proposizione relativa, cfr. 7, 7 
reddito vox; 7, 9 manifestae caedis; 15, 4 fusos hostes e Cic. off. 1, 1, 3 
hos de philosophia libros; ad Fam. 5, 7,3. — destituisset, cfr. Ov. Fast. 3,. 
52 in sicca pueri destituuntur humo. — lupam era sacra a Marte, cfr. 
Ennio, Ann. 70 e Ov. Fast. 3, 53. — mitem, cfr. n. praef. 11. — submissas 
* tese all' ingiù „, cfr. 10, 23, 13 ad ficum Ruminalem simulacro infantium 
conditorum urbis sub uberibus lupae posuerunt. — 7. Faustulus deriva 
da faustus faveo ed indica il * dio salvatore, che porta aiuto ,: questo 
nome è affatto identico all'altro di Fauno, il Dio protettore degli ar- 
menti (Or. Carm. 3, 18), il cui nome è così interpretato da Servio ad 
Aen. 8, 314 * quidam faunum appellatum volunt eum quem nos propi- 
tium dicimus ,. A causa di tale qualità esso pigliava anche il nome di 
Lupercus da lupus e arceo (cfr. coerceo, aberceo) e la moglie di lui, Fauna, 
quello di Luperca o di Lupa. Ora, ammessa l'identità di Faustulus con 
Faunus e quindi di Acca Larentia con Fauna, ne apparisce abbastanza 
chiara l'origine della leggenda, la quale riferiva che i due gemelli fos- 
sero stati allevati da una lupa. — Larentiae. Acca Larentia (erronea- 
mente Laure ntia) è un nome d'origine etnisca, che corrispondeva pro- 
babilmente in principio a quello di * madre dei Lari „ Lara Larunda, 
e quindi anche * madre e allevatrice , dei due dii protettori della città 
di Roma (Lares Praestites), Pico e Fauno (cfr. Ov. Fast. 5, 134 e ri- 
guardo alla festa dei Larentalia, celebrata in suo onore C. I. L. I, p. 409). 
Essa era inoltre venerata come madre dei 12 fratelli Aryali, nel cui nu- 
mero dopo morte fu assunto anche Romolo. Quando, più tardi, ai due* 



82 TITI LITI, LIB. I 

qui Larentiam vulgato corpore lupam inter pastores vocatam 

putent: inde locum fabulae ac miraculo datum. 

$ Ita geniti itaque educati, cum primum adolevit aetas, nec in 

-9 stabulis nec ad pecora segnes, venando peragrare saltus. Hinc 

robore corporibus animisque sumpto, iam non feras tantum 



Lari protettori furono nella leggenda sostituiti i nomi di Romolo e 
Remo, Acca Larentia fu trasformata in personaggio storico e conside- 
rata qual nutrice dei due gemelli (cfr. Ov. Fast. 5, 55 nutrir Romanae 
gentis). Né la trasformazione si fermò a questo punto; perchè il nome 
di Lupa o Luperca, che le era attribuito, fé' sì che o si sostituisse a 
lei nella leggenda senz'altro la " lupa ,, o pur s'interpretasse questo 
nome nel suo peggior significato (cfr. lupanar), e si considerasse Acca 
Laurentia sotto un punto di vista che si addiceva ben poco alla madre 
dei Lari (cfr. Catone pr. Macrobio 1, 10, 16 e Gellio 7, 7, 5). — dare è qui 
adoperato nel doppio senso $Li * affidare , e di * portare , ; nel primo 
senso regge uxori, nel secondo ad stabula, cfr. 22, 7, 5 in rincula dare. 
Però ad stabula si può interpretare anche come proposizione ellittica 
nel senso di * arrivato che fu alle sue stalle ,. — vulgato corpore =» 
quod corpus vulgaverat " dava a prezzo ,. — fabulae ac miraculo * alla 
strana e straordinaria leggenda „ della lupa cioè che allatta i bambini. 

— 8. Itdgue = et ita. Si badi che la voce itaque ha in ogni caso la penul- 
tima breve, sia nel senso di * adunque , sia in quello di et ita. Se in 
parecchie scuole prevale l'uso, del resto corretto, di leggere itaque (nel 

senso di et ita colla penultima accentuata (itaque), non è già perchè Va 
cessi di essere breve, ma perchè quivi si continua, senza forse saperlo, 
un antico precetto di Prisciano (cfr. Servio ad Aen. 1, 116), il quale af- 
fermava che l'enclitica in latino richiama costantemente l'accento sul- 

l'ultima sillaba della parola che la precede, sicché il nom. musàque ad 
es. non andrebbe pronunziato diversamente dall'abl. muséque. — adolevit 
aetas è una frase che non ricorre altrove in Livio, ma soltanto presso 
i poeti, cfr. Verg. 12, 438 e Or. Sat. 1, 9, 34. — nec segnes: senza venir 
meno ai loro doveri di pastori. Quanto all'uso di segnis coll'abl. si può 
mettere a riscontro segnes in bello 4, 28, 4, rudis in re navali 35, 26, 4 ; 
e quanto alla costruzione con ad, che ricorda quella greca di óxvtjQÒg 
elg zi nQÓs rt, si possono raffrontare le frasi segnis ad pericula * tardo 
in faccia ai pericoli „ 38, 6, 8; s. ad Consilia 44, 12,4 (Cic); s. ad ere- 
dendum 24, 13, 11 (Cic); gens pigerrima ad miliUtria opera 21, 25, 6 
(= Cic. ad fam. 8, 1, 1) ; rudis ad 10, 22, 6; habilis ad 7, 10, 5. Qui potrai 
tradurre la frase ad pecora segnes con * poco assidui o solerti nelle cure 
del bestiame ,. — venando, sott. tamen o maxime tamen. L'omissione 
del tamen è frequente in Livio, ma non in Cicerone (cfr. però p. Sext. 
32, 69), non Bolo dopo una particella concessiva (cfr. 22, 20, 1), ma anche 
colle frasi che hanno da sole valore concessivo, cfr. 2, 56, 4. L'es. più 
bello di tale omissione è certamente quello che qui abbiamo sott'occhi. 

— peragrare, inf. storico. — 9. robur sumere è detto sull'analogia 
di spiritus o animos sumere, ma è un costrutto peetico (Lucrezio), in 
luogo del quale Cicerone adopera talvolta robur assumere leg. agr. 2, 



AB XTBB1 CONDITA, GAP. IV, 8 — 9; V, 1 — 2 38 

subsistere, sed in latrones praeda onustos impetus facere, pa- 
storibusque rapta dividere, et cum his crescente in dies grege 
iuvenum seria ac iocos celebrare. 

V. Iam tum in Palatio monte Lupercal hoc fuisse ludicrum 1 
ferunt, et a Pallanteo, urbe Arcadica, Pallantium, dein Palatium 
montem appellatum. Ibi Euandrnm, qui ex eo genere Arcadum 2 



35, 97, più spesso róbur accedit p. Cael. 80, 73. — subsistere trans.i 
" tener fronte, entrare in lotta ,, cfr. 9, SI, 6 Bomanum nec acies subsi' 
siere ullae poter ant. — onustos è apposizione di latrones. — dividere 1 
i due fratelli appariscono già qui come conduttori di schiere separate* 
Non è chi non scorga in questo racconto la somiglianza che esso ha 
coll'infanzia di Ciro, quale ci è descritta da Erodoto 1, 113. — celebrare 
* addirsi, dedicarsi ,: seria son propriamente le occupazioni alle 
quali uno attende, iocos i sollazzi. 

V. — 1. iam serve a dar principio ad un nuovo racconto, e si traduce 
ben ..spesso in it per mezzo di * ora „, cfr. 10, 43, 6 postquatn iam non 
ex intervallo sed comminus gerebatur res. — in Palatto monte: comune- 
mente si dice mons Palatimi» pure Palatium come sost., ma qui è ad 
esso aggiunto anche mons come apposizione, sull'analogia di Istro flu- 
mine, Sicilia insula. — Lupercal indica in primo luogo la grotta sacra 
a Fauno Lupercus, il dio della fecondità dei pascoli e degli armenti, 
sul Cermalo, in vicinanza del fico ruminale (cfr. 4, 5; 10,23,12), e 
in secondo luogo la festa di purificazione che era fatta in suo onore 
(Lupercalia) dai pastori il dì 15 di febbraio, per invocare dal dio la 
fecondità del gregge. Sembra che Livio abbia seguito in questo racconto 
la tradizione raccolta da Elio Tuberone, la quale però era forse riget- 
tata dai più, cfr. Dion. 1, 80. — hoc — " ancora in ubo ,, serve come di 
antitesi a tum, cfr. Dion. 1, 1 &s xal vHv irt óoàrai. Augusto ampliò la 
grotta presso che dirupata (cfr. CIL. Ili, p. 780, 2) e nstaurò l'antica fe- 
stività, per qualche tempo interrotta. — ludicrum sost., ha qui il senso 
di * festività religiosa „ e non già di * sollazzo ,, che gli è proprio al- 
trove. — Pallanteum, un'antica città d'Arcadia ad occidente di Te gè a, 
la quale era considerata come la patria d'Evandro, perchè di qui egli 
mosse nel venire a colonizzare l'Italia. Il nome di Palatium, secondo 
quello che ne riferisce Vairone 1. 1. 5, 53, era già proprio dell'air Rea- 
tinus, donde eran partiti gli Aborigini, ed è connesso con quello di 
Pales * il dio la dea dei pastori ,, paleo, Palilia, Palatua " la dea pro- 
tettrice del Palatium „. òr, poiché tutte queste parole hanno relazione 
colla radice pa- di pasco, ne risulta con molta probabilità che Palatium 
significhi senz'altro * luogo colle da pascolo „. L'etimologia adottata 
da Livio è sotto ogni rispetto inverosimile. — 2.Euandrum. Evandro, 
secondo quel che riferisce la leggenda, circa 60 anni prima della distru- 
zione di Troia, condusse in Italia una colonia pelasgica, fu ospitalmente 
accolto da Fauno re degli Aborigini, fondò una città sul monte Pala- 
tino e quivi stesso in memoria della patria, che aveva abbandonata, con- 
sacrò una grotta a Pane Lioeo col nome di Lupercal, che già abbiamo 
ricordato. Non è difficile rendersi conto dell'origine di questa leggenda. 
La rassomiglianza tra il culto di Fauno e quello del greco Pan era 

E. Cocchia, Tito Livio, I, 8* ed. 8 



34 TITI LIVI, LIB. I 

multis ante tempestatibus tenuerit loca, sollemne adlatum ex 
Arcadia instituisse, ut nudi iuvenes Lycaeum Pana venerante» 
per lusum atque lasciviam currerent, quem Romani deinde vo- 
3 caverunt Inuum. Huic deditis ludicro, cum sollemne notum esset, 
insidiatos ob iram praedae amissae latrones, cum Romulus vi 



tale, che doveva saltar subito agli occhi dei primi logografi greci o pur 
della magna Grecia, che si occuparono di storia romana. Anche Pane, 
al pari di Fauno, era un dio dei pastori e dei boschi, e il soprannome 
di Avxaios, che gli derivava dal luogo della nascita (il monte Liceo 
pr. Pallanteum), era perfettamente identico a quello di Lupercus, con cui 
Fauno era venerato sul Palatium; e di più anch'egli aveva il suo san- 
tuario in una grotta, dalla quale scorreva una sorgente (cfr. Pana. 8, 38), 
al pari che dal santuario di Fauno nel Lupercal. Or, riconosciuta la so- 
miglianza delle due divinità, doveva parere a quei logografi assai na- 
turale il sospetto, che Fauno fosse immigrato in Italia dal monte Liceo; 
e, per rendere più visibile la sua provenienza dall'Arcadia, gli dettero 
un nome greco Euandrus (da ti e àvrjQ, cfr. it. u buon dio ,, fr. * le 
bon dieu „ ted. * der liebe Gott „), che è nient'altro che una traduzione 
del lat. Faunus, cioè " dio benevolo, propizio ,; cfr. per la parte che 
potè aver C u m a nell'origine di questa leggenda, n. 7, 8 e Festo p. 266. 
— ex eo genere, sott. oriundus (cfr. 47, 1 1 e 50, 3), che derivava cioè da 
quel ramo degli Arcadi i quali abitavano intorno a Tegea, e quindi 
nella parte meridionale dell'Arcadia. — genus, al pari di gena, si ado- 
pera frequentemente per accennare ai diversi rami di un popolo, cfr. 18, 
4; 21, 7, 2 mixti ab Ardea quidam Rutulorum generis. — loca, sott. ecr 
quae cirea Palatium eunt. — tempestatibus è qui adoperato semplicem. 
nel senBO di tempus o pur di aetas, cfr. 18, 1. — sollemne si riferisce a 
quella stessa festività religiosa, a cui bì è dianzi accennato col nome 
ludicrum, per indicarne forse il periodico ricorso, cfr. 14, 2. — nudi = 
caprina pelle amidi, cfr. Ov. Fast. 2, 283 e Giust. 43, 1, 7 : "in huiu» 
(Palatii) radicibus templum Lycaeo, quem Graeci Pana Romani Lu- 
percum appellant, constituit; ipsum dei simulacrum nudum caprina 
pelle amictum est, quo habitu nunc Romae Lupercalibus discurritur ,. — 
Lycaeum Pana: la sede di questo dio era l'Arcadia, regione montana e 
ricca di pascoli, e propriamente il monte Liceo che sorgeva a nord-ovest 
di Megalopoli. — per lusum, cfr. 37, 20, 5 in iuvenales lusus lasciviamque 
versi e 24, 16, 14 per lasciviam ac iocum. — quem, cioè Pana. — Inuum, 
forse da ineo, * il fecondante „. — 3. notum: trattandosi di una festa 
che ricorreva periodicamente ogni anno ai 15 di febbraio, doveva essere 
certamente noto alle popolazioni dei dintorni il tempo in cui essa ve- 
niva celebrata, cfr. 21, 4 e 9, 7. — cum. ..cum: due proposizioni con cum 
si trovano più volte adoperate da Livio in un solo periodo, cfr. 7, 5; 2, 
12, 13. — ob: Livio adopera frequentemente questa preposizione per 
indicare una causa interna, e sopratutto in unione con iram, nel qual 
Benso ricorre assai di rado prima di lui, cfr. 30, 7. — ob i. praedae 
amissae: è questo un genitivo oggettivo, in cui il part. si trova propria- 
mente a far le veci di un sost. astratto, cfr. 4, 57, 9 ob iram dictatori» 
creati-, 5, 33, 3 ira corruptae uxoris ; Verg. 2, 412 ereptae virginia ira. 



AB URBE CONDITA, GAP. V. 3—6 35 

se defendisset, Remum cepisse, captum regi Amulio tradidisse 
nitro accusantes. Crimini maxime dabant in Numitoris agros ab 4 
iis impetum fieri; inde eos, collecta iuvenum manu, hostilem 
in modum praedas agere. Sic Numitori ad supplicium Remus 
deditur:- 

Iam inde ab initio Faustulo spes fuerat regiam stirpem apud 5 
se educari ; nam et expositos iussu regis infantes sciebat, et 
tempus, quo ipse eos sustulisset, ad id ipsum congruere; sed 
rem immaturam nisi aut per occasionem aut per necessitatem 
aperire nomerai Necessitas prior venit. Ita metu subactus Ro- 
mulo rem aperit. Forte et Numitori, cum in custodia Remum 6 



Questo costrutto si trova già frequentemente usato da Cicerone, ed è 
comune anche al greco, cfr. àn£Q<ùv leo&v òoydg Aes'chyl. Ag. 70. — 
cepisse, captum: questa ripetizione del verbo, in forma di participio, è 
affatto propria dell'uso poetico e quasi estranea alla prosa classica, cfr. 
però in Livio 10, 4; 12, 9 e Caes. b. ci, 28, 4. — ultro si trova ben 
spesso adoperato per indicare cosa inaspettata, che avviene contraria- 
mente a quello che dovrebbe attendersi: qui potrai tradurlo per mezzo 
di * inoltre ,, cfr. 8, 23, 3 ultro incusabant; 3, 47, 4 ultro quaeri; 8, 32, 
10 purgaretque se invicem atque ultro accusaret] 4, 27, 10 ultro ad oppu- 
gnando castra misti. — 4. agros: come di qui si scorge, Numitore, 
perdendo il trono, aveva conservati i suoi averi. — impetum fieri " eran 
soliti di invadere, scorrazzare ,: siccome si tratta di due persone, anzi 
propriamente del solo Remo, che era stato fatto prigioniero e si tro- 
vava messo in istato d'accusa innanzi al re, si Bpiega facilmente perchè 
Livio non abbia adoperato il pi. impetus o, almeno, il perfetto factum 
esse in unione di impetum, cfr. Sali. lug. 50, 1 hostis crebro impetu iter 
suum remoraturum. — sic * in tale stato di cose, in conseguenza di 
ciò ,, cfr. § 7; 10, 3; 65, 4; 2, 46, 7. — ad supplicium: le parti di giu- 
dice si trovan qui affidate non già al re, ma a colui che ha sofferto il 
danno; il che accenna evidentemente ad un periodo sociale, in cui vi- 
geva ancora il diritto privato. — 5. fuerat: il piuccheperfetto fa ben 
spesso in Livio l'ufficio di impf. in quanto non accenna all'azione, ma 
allo stato permanente che da esso deriva: Faustolo aveva fin dal 
primo momento concepita la speranza, nella quale durava 
ancora, che i due gemelli da lui raccolti fossero i figli del 
re. — apud se * in casa sua ,, cfr 9, 36, 3 educatus apud hospites. L'uso 
del se si spiega facilmente, ove si badi che il dat. Faustulo è veramente 
il soggetto logico della proposizione. — educari pres., in quanto esprime 
un'azione contemporanea a quella di spes fuerat = spes erat. — ad id 
ipsum congruere " corrispondeva a questo esattamente „, cfr. 19, 6. — 
immaturam * prima che essa fosse pienamente accertata ,, cfr. 2, 45, 8 
immaturam rem agi, nondum tempus pugnae esse. — per occasionem = 
data occasione. — per necessitatem quando ce ne fosse bisogno B . — 
6. metu, che Remo cioè dovesse esser condannato a morte dal proprio 
avo. — Numitori tetigerat animum, in luogo di Numitoris t. a., per dar 
maggior vivacità al racconto e mettere in mostra l'interesse che egli 



86 TITI LIVI, LIB. I 

haberet audissetque geminos esse fratres, comparando et aeta- 
tem eorum et ipsam minime servilem indolem, tetigerat ani- 
mum memoria nepotum ; sciscitandoque eodem pervenit, ut haud 

7 procul esset, quin Remum agnosceret. Ita undique regi dolus 
nectitur. Romulus non cum globo iuvenum — nec enim erat ad 
vim apertam par — , sed aliis alio itinere iussis certo tempore 
ad regiam venire pastoribus, ad regem impetum facit, et a domo 
Numitoris, alia comparata manu, adiuvat Remus. Ita regem 
obtruncant. 

i VI. Numitor inter primum tumultum hostis invasisse urbem 
atque adortos regiam dictitans, cum pubem Albanam in arcem 
praesidio armisque obtinendam avocasset, postquam iuvenes per- 



pigliava a questo fatto, cfr. 6, 38,9 ducibus accenda animos; 28, 19, 16 
hostibus cresceret animus. — geminos fratres è contrario alla regola data 
da Quintiliano 9, 4, 24 " quaedam ordine permutato fiunt supervacua ut 
fratres gemini, nam si praecesserit gemini fratres addere non est ne- 
cesse ,, cfr. 3, 3 e Cic. de div. 2, 43. — comparando : calcolando l'età che 
il nipote potrebbe avere, in raffronto con quella che Remo dimostrava. 
Anche qui il gerundivo in caso abl. non è messo in relazione col sogg. 
grammaticale della proposizione, ma col soggetto logico (Numitori), e 
potrebbe in ogni caso essere sostituito dal part. pres. in caso dat. com- 
paranti. — indolem e soltanto per zeugma connesso con comparare, 
il quale ha propriamente relazione con aetatem. — eodem ' allo stesso 
risultato „ a cui era giunto Faustolo, il quale solo per un eccessivo 
scrupolo dubitava ancora dell'identità dei due gemelli coi figli di Rea 
Milvia, identità che gli si era manifestata fin dal principio, e che non 
aspettava altro che un'occasione per rivelare. — haud procul esset =» 
haud procul abesset impersonale * mancava poco ,, cfr. 5, 4, 14. 12, 7. — 
7. undique, cioè da parte di Faustolo, di Numitore e di Romolo. — cum 
globo iuvenum: i congiurati non si presentarono in massa alla reggia, 
ma divisi e per diverse vie, senza armi e in abito di pastori. — ad 
regem = in regem, è detto sull'analogia di ad hostem ire, ducere, cfr. 11, 
1 e 35, 26, 8 incursu ad navem. — a domo " venendo fuori dalla casa », 
cfr. 47, 4. — adiuvat usato assolutamente come in 24, 16, 8. — obtrun- 
canti Livio trascorre con molta fretta su questi fatti leggendarii, senza 
punto fermarsi a quei particolari che Dionigi riferisce. 

VI. — 1. regiam: il palazzo reale di Amulio era affatto distinto dalla 
cittadella o castello (arcetn), e Numitore affermando che questo solo 
avesse bisogno d'aiuto, come la parte più minacciata, fece lasciare af- 
fatto deserta e non custodita la reggia. Si badi alla bella disposizione 
che hanno i diversi membri di questo periodo, il quale va tradotto in 
italiano per mezzo di due periodi distinti, di cui il primo faccia punto 
ad avocasset. — avocasset : i composti con ab esprimono una doppia re- 
lazione, il punto di partenza e quello di direzione. In questo luogo la 
gioventù atta alle armi (pubes, cfr. 9, 6) vien distratta dalla difesa della 
reggia, a cui prima si era rivolta, e richiamata a quella della cittadella. 
— praesidio arm. obtinendam * ohe doveva esser difesa e custodita con 



AB URBE CONDITA, CAP. V, 7— VI, 3 37 

petrata caede pergere ad se gratulantes vidit, extemplo advocato 
concilio scelera in se fratris, originem nepotum, ut geniti, ut 
educati, ut cogniti essent, caedem deinceps tyranni seque eius 
auctorem ostendit. Iuvenes per mediam contionem agrnine in- 2 
gressi cum avum regem salutassent, secuta ex omni multitudine 
consentiens vox ratum nomen imperiumque regi efficit. 

Ita Numitori Albana re permissa, Romulum Remumque cupido 3 
cepit in iis locis, ubi expositi ubique educati erant, urbis con- 
dendae. Et supererat multitudo Albanorum Latinorumque; ad 

un buon presidio d'armati „, cfr. 86, 16, 3 ad Heracleam praesidio obti- 
nendam; 2, 48, 4; Caes. b. g. 5, 26, 2. — concili um indica in genere qual- 
siasi riunione, contio invece (per conventio) quella riunione di popolo cbe 
è indetta da un magistrato, per fare qualche comunicazione. — scelera 
in se: la prep. col suo caso fa spesso in Livio le veci di un attributo, 
cfr. 31, 31, 3 in deos scelera = multa in deos scelera admissa: 44, 1, 4 
infurio 8 in populum Bomanum. — cogniti è alquanto diverso daìYagno- 
sceret del 5, 6: quello equivale propriamente a imparo a conoscere 
uno per quel che realmente egli è; mentre invece questo com- 
prende la ricognizione di persona o cosa già nota. — deinceps * che era 
immediatamente seguita ,. Livio adopera ben spesso gli avverbii in 
funzione di attributi, cfr. 21, 6; 3, 39, 3 Romulum deincepsque reges. Dein- 
ceps in questo significato si trova anche in Cesare, supra in Sallustio, 
paene e semper in Cicerone. — 2. agrnine * in ordine „ è spesso ado- 
perato da Livio col valore di avverbio, cfr. 22, 30, 1 agrnine incedentes. 
— efficit * conferma, riconosce „ la scelta di Numitore a re, che era 
stata già fatta da Romolo. — ratum * legittimo, giusto „ cfr. 4, 46, 2 
imperia rata esse e 17, 9. — nomen, sott. regis. — 3. re = repubblica, 
cfr. 3, 1 ; 9, 1; 11, 2; 17, 5. — cupido: il luogo scelto per la fondazione 
di Roma, che secondo qui si afferma, si riconnetteva alle memorie e ai 
ricordi giovanili dei due gemelli, cfr. 7, 3 e Val. Mass. 2, 2, 9. — et supe- 
rerat: e difatti il numero degli abitanti di Alba e delle altre 
città Latine era troppo grande. In questo stesso senso Livio usa 
altrove superare o pure abundare, cfr. 3, 3 e 39, 54, 5 superante in Gallia 
multitudtne. Non è ben chiaro il modo, come Livio interpretasse la re- 
lazione di Roma con Alba. Dalle parole con cui qui vi accenna (cfr. 
anche 7. 3; 14, 2; 20. 3; 23, 1 ; 28, 7 ; 31, 3; 8, 4, 3) parrebbe, che egli 
considerasse Roma come una colonia, a cui aveva dato origine il nu- 
mero sempre più crescente della popolazione di Alba e delle altre città 
Latine; altrove invece, seguendo forse una tradizione più antica (cfr. 16, 
3; 9, 1 ; 2, 1, 4; 5, 53, 9), egli considera Roma come città libera e in- 
dipendente insieme da Alba e dalla lega Latina, la cui popolazione sa- 
rebbe stata costituita per massima parte dai pastores et convenae, che 
qnivi vennero a domandare asilo (cfr. 8, 5). Nel luogo che abbiamo 
sott'occhi si scorge evidente lo sforzo di combinare insieme le due tra- 
dizioni. Però egli non vi ha dubbio che la prima di esse sia affatto in- 
verosimile e d'origine più recente; e che sia stata ispirata dalla duplice 
considerazione di connettere insieme le due città, che ebbero a volta a 
volta l'onore di essere a capo della confederazione Latina, Alba e Roma, 



88 TITI LIVI, LIB. I 

id pastores quoque accesserant, qui omnes facile spem facerent 
parvam Albam, parvum Lavinium prae ea urbe, quae conderetur, 
1 fore. Intervenit deinde his cogitationibus avitura malum, regni 
cupido, atque inde foedum certamen, coortuni a satis miti prin- 
cipio. Quoniam gemini essent, nec aetatis verecundia discrimen 
facere posset, ut di, quorum tutelae ea loca essent, auguriis 
legerent, qui nomen novae urbi darei, qui conditam imperio 

e di ricondurre poi le origini di quest'ultima direttamente al Troiano 
Enea. Se a queste considerazioni si aggiunge il fatto, che molte fa- 
miglie romane discendevano realmente da Alba, e di più si tien conto 
del bisogno, avvertito già da tempo abbastanza antico, di riempire la 
lacuna cronologica che esiste tra Enea e Romolo, appariranno chiaro 
le ragioni da cui questa connessione venne promossa e accreditata. Del 
resto che Roma debba considerarsi come città indipendente da Alba, 
forse in lega con essa nel tempo della sua maggiore grandezza, ma con 
essa non congiunta da nessun vincolo di discendenza o di consangui- 
neità, basta un fatto di non dubbio valore ad assicurarcene, ed è la 
distruzione che ne fu fatta dai Romani a tempo di Tulio Ostilio, la 
quale sarebbe stata considerata,, secondo le idee prevalenti nell'anti- 
chità, come un atto di parricidio, ove Alba fosse stata realmente la 
madre patria di Roma. — ad id = ad eos, i. e. Albano» Latinosque. 8i 
noti che ad id è affatto distinto da ad hoc, e non è mai come questo 
adoperato nel senso di praeterea. — omnes " tutti quanti insieme 9 . — 
prae * in paragone cou ,. — conderetur " si aveva intenzione di fon- 
dare ,. — 4. avittim, cfr. 3, 10. — inde = ex ea, cioè la contesa a cui 
questa regni cupido dette origine, cfr. 10, 23, 4 altercatio inde; 8, 47, 6 
8ilentium inde. — mite principium, cioè il diverso significato da attri- 
buire all'augurio. — quoniam essent: il cong. è qui adoperato non già 
per esprimere un pensiero dello scrittore, ma sibbene l'intenzione dei 
due fratelli, la quale vien rappresentata come causa o movente del- 
l'azione principale (capìunt tempia). — aetatis verecundia " il riconosci- 
mento del diritto di primogenitura ,. — di: si intendono qui nominati 
gli di indigetes. — ut di legerent: questa proposizione dipende da ea- 
piunt. — tutelae, genit. di possesso, " alla cui tutela quei luoghi appar- 
tenevano „, cfr. 24, 22, 15 quae suae fidei tutelaeque essent; 42, 19, 5 pu- 
blicae tutelae esse; 41, 6, 12 sub tutela esse. — auguriis: per augurium si 
intende la scien«a 'degli auguri, ovvero l'interpretazione che 
essi davano ad alcuni fenomeni o segni (signa ex caelo, ex avibus, ex 
tripudiis, ex quadrupedibus, ex diris), in cui credevano di scorgere una 
manifestazione del volere divino. Or, come più tardi in Roma non si 
die principio a nessuna pubblica impresa, se non dopo di avere inter- 
rogato il volere degli dèi, e come lo stesso supremo comando [impe- 
rium) non si conferì mai, senza aver presi dinanzi gli auspicii (auspi- 
cato, cfr. Liv. 18, 6); così del pari noi qui vediamo, che la fondazione di 
Roma riceve per mezzo degli auguri la sua consacrazione celeste, cfr. 
5,52, 1 urbem auspicato inauguratoque conditam habemus; Cic. de n. d. 8, 
5 mihìque ita persuasum, Romulum auspiciis, Numam sacris constitutis 
fundamenta iecisse nostrae civitatis; Ennio, Ann. 434 augusto augurio..... 
inclita condita Roma est. — qui = eum qui o meglio uter, cfr. 24, 3 ; 48, 



AB URBE CONDITA, CAP. VI, 4— VII, 2 39 

regeret, Palatium Romulus, Remus Aventinum ad inaugurandum 
tempia capiunt. 

VII. Priori Remo augurium venisse fertur, sex vultures, l 
iamque nuntiato augurio cum duplex numerus Romulo sese 
-ostendisset, utrumque regem sua multitudo consalutaverat. Tem- 
pore illi praecepto, at hi numero avium regnum trahebant. Inde 2 

2 ; quisque = uterque 2, 7, 1 ; qua = utra parte 27, 6. Quest'uso del qui 
per uter fa già capolino presso i prosatori e i poeti dell'età classica, 
cfr. Cic. ad Att. 16, 14, 1; Caes. b. g. 5, 44 ; Verg. 12, 719. — nomen, cfr. 
Ennio pr. Cic. de div. 1, 107 certabant urbem Romani Remoramne rocarent. 
— conditam " dopo di averla fondata „: altrove il part. pass, ha in Livio 
il valore di proposizione condizionale, cfr. 21, 33, 9. — Aventinum, a sud- 
ovest del Palatino e diviso da questo per mezzo del Circo, cfr. Ov. Fast. 
ò, 150 est moles ... appellant Saxum ... huic Remus institerat. — inaugu- 
randum ò tanto qui, che in 36, 4 e 44, 4, affatto identico al semplice au- 
gurandum * domandare gli auspicii „; altrove invece esso è adoperato 
nel senso di * consacrare ,, cfr. 55, 2; 43,9. — templum = gr. Tépevog, 
indica lo * spazio celeste , che l'augure disegna {réftvei) nel cielo per 
mezzo del lituus, affine di osservare il volo degli uccelli (con-templari), 
cfr. 18, 10. — capiunt : tt pi. ricorre anche in 60, 1 ; però, trattandosi di 
due persone diverse che agiscono ciascuna per conto proprio, sarebbe 
«tato più corretto e più classico l'uso del sing., cfr. 10, 27, 5. 

VII. — 1. priori, cfr. praef. 11. — Remo: il significato e l'origine di 
questo nome non son ben sicuri. A prima vista parrebbe che esso sia 
affatto identico agli altri due Roma e Ròmulus ; ma quando si bada alla 
differenza che ci è nella quantità (cfr. Rèmus e il derivato Rèmulus Ov. 
Fast. 4, 49 e Verg. 9, 360), si è indotti a giudicare come affatto dubbia 
ed incerta tale connessione. Però non fa d'uopo dimenticare, che gli 
scrittori greci usano costantemente la forma 'P&uog (cfr. Plut. Rom. 6), 
e che la trasformazione di quest'ultima in Remus potè essere motivata 
da quelle stesse influenze, che determinarono l'orìgine della leggenda 
che va congiunta a tal nome. A tal mutamento poterono contribuire non 
solo le rtmores aves * quae acturum aliquid re-morari compellunt „ 
(cfr. Festo 277, 9 e remora, remoramen), ma anche le voci Remòna, 
Remòria e Remorinus, nelle quali la trasformazione di ó in è, se esse 
mettono capo a Róma, può considerarsi affatto legittima, trattandosi 
di vocale posta fuori d'accento; cfr. Festo 1. e: " Remurinus ager 
dictus quia possessus est a Remo et habitatio Remi Remona. Sed et 
locus in sommo Aventino Re mori a dicitur, ubi Remus de urbe con- 
tenda fuerat auspicatus. — duplex: era questo un numero sacro presso 
gli Etruschi, e fu riferito in tempo posteriore dagli auguri ai 12 secoli 
di durata, che doveva avere l'impero romano.— consalutaverat: i parti- 
giani di Remo e di Romolo si erano affrettati ad acclamare come 
re il proprio capo, appena fu compiuto l' augurio; e ciò spiega l'uso 
del piucchpf., adoperato dagli storici frequentemente per indicare la 
celerità di un'azione, la quale si considera come già compiuta, prima 
che *bbia avuto realmente effetto, cfr. 29, 4 impleverat; 82, 1 redierat 
nominaverat. — utrumque sua, cioè la moltitudine a ciascuno di essi 
devota, cfr. 26, 11 e 21, 29,5 ad utrumque ducem sui redierunt. — prae- 



40 TITI LIVT, LIB. I 

cum altercatione congressi certamine irarum ad caedem ver- 
tuntuf. Ibi in turba ictus Remus cecidit. Vulgatior fama est 



eepto si riferisce soltanto a tempore: i partigiani di Remo facevano va 
lere in suo favore il fatto, che questi aveva avuto sul proprio fratello' 
un vantaggio nel tempo; gli avversarii invece si attaccavano al numero, 
e giudicavano dell'augurio come favorevolissimo a Romolo. — regnum 
" il diritto al regno ,: anche altrove r. ha questo senso pregnante, 
cfr. 21, 31, 7 arbiter regni accanto a ius regni 49, 3; crimen regni 4, 15, 
3 accanto a cupiditatis regni crimen 40, 11, 4. — trahebant, sott. ad se o- 
ad suum ducem: è questo uno di quei verbi di cui Livio fa più frequen- 
temente uso, e in significati diversissimi, ofr. 9, 28, 6 eaptae decus Nolae 
ad consulem trahunt. — 2. certamine irarum " nel calore, nell'acceca- 
mento che proviene dall'ira ,: è questo un abl. di modo, ohe non va 
punto confa so coll'abl. di derivazione o d'origine, che in unione con 
verti si trova sempre congiunto alla prep. a, cfr. 4, 10, 4 ad preces ab 
ceri, versi. — irarum: Livio adopera con grande frequenza i plurali dei 
nomi astratti, che non sono nemmeno estranei alla prosa classica, quando 
servono a indicare affetti dell'animo, cfr. irae, iracundiae, furore», in- 
saniae, metus, ecc.; del resto questo plurale ha anche rapporto colla 
moltitudine delle persone, di cui si fa innanzi parola. — ibi,- cioè nella 
mischia, cfr. 3, 13, 2 ibi rixam natam esse fratremque ictum cecidisse. 
L'Aventino fu considerato anche in seguito come regione conquistata 
(33, 2), e rimase per questo assai a lungo al di fuori del pomerio 
(44, 5): il che fa supporre che in tempi assai antichi esso fosse stato 
occupato e sottratto agli antichi dominatori, dopo lotta accanita, dagli 
abitanti del Palatino. — in turba: qui non si dice propriamente che 
epli fosse stato ferito da Romolo, ma che tra la folla non si vide da 
chi partisse il colpo, del quale rimase morto. — cecidit: s'intende prima 
che si fosse dato principio alla fondazione di Roma. — vulgatior: la 
tradizione più comune, la quale poi si trova adottata dal maggior nu- 
mero degli annalisti Romani, è che egli morisse per mano di Romolo, 
appena si gettarono le fondamenta della città. Questa leggenda, come 
fu corretta qui da Livio, cobi fu trasformata anche da altri scrittori Ro- 
mani, per purgar R molo dall'orrenda colpa del fratricidio che gli era 
apposta Ed essi raccontarono che la città fosse stata fondata in buona 
pace ed accordo dai due fratelli, che questi cominciarono a governarla 
anche insieme (cfr. Verg. 1,292 Beino cum fratte Quirinus iura dabunt e 
Cic. Off. 8, 10, 41); e che poi in un triste giorno Remo fu ucciso da Celere, 
e Romolo, dopo di aver seppellito il corpo del fratello, istituì in suo 
onore la festa delle Bemuria o Lemuria, cfr. Ov. Fast. 4, 841-52; 5, 456 
e Dion. 1, 87. Lo sfono, che fa la leggenda per eliminar Remo dal go- 
verno di Roma, fu ispirato evidentemente dalla considerazione, che 
Roma non fu mai governata alla maniera di Sparta da due re, ma. 
sempre da un re solo. Che se poi, in tempi più antichi, si pensò di 
dare a Romolo un fratello in persona di Remo, non farà certo mera- 
viglia, ove si consideri che questi due personaggi si vennero a sostituire 
nella leggenda ai Lari protettori di Roma (Lares praestites), e 
che i Lari son sempre descritti e rappresentati come una coppia di 
fratelli (cfr. Ov. Fast. 2, 615; 5, 143). Del resto si è già notato, che Ro- 



AB URBE CONDITA, CAP. VII, 8—4 41 

ludibrio fratris Remum novos transiluisse muros ; inde ab irato 
Romulo, cum verbis quoque increpitans adiecisset « sic deinde 
quicumque alius transiliet moenia mea ! », interfectum. Ita solus 3 
potitus imperio Romulus; condita urbs conditoris nomine ap- 
pellata. 

Palatium primum, in quo ipse erat educatus, muniit. Sacra 
dis aliis Albano ritu, Graeco Hcrculi, ut ab Euandro instituta 
erant, facit. Herculem in ea loca Geryone interempto boves 4 



molo e Remo (gr. 'P&pos) sono probabilmente due forme diverse del 
nome stesso; e qui si può aggiungere, cbe essi sono stati creati da quella 
tendenza cosiddetta etiologicrv, cbe è propria di ogni popolo, di at- 
tribuire e personificare le proprie origini in un essere mitico che ne 
porti il nome; sicché Roma e i Romani favoleggiarono di Romolo 
e di Remo, non altrimenti che gli Ioni, i Dori, i Latini, i Mesaapi, gli 
Enotri, i Lucani, ecc. di Iono, Doro, Latino, Messapo, Enotro, Lucano, ecc. 

— muros e moenia qui sono affatto identici tra di loro. Le mura della 
città, a causa del rituale religioso con cui se ne gettavano le fonda- 
menta (cfr. 44, 4), erano considerate come sacre ed inviolabili (cfr. Ov. 
Fast. 3, 70; 4, 835), e perciò se ne trasse pretesto per poter eliminare 
uno dei due fratelli, cfr. Plut. Rom. 11: B&ev (cioè a causa del rituale 
religioso) dnav jò tet%o$ leQÒv jiàìjv x&v nvÀùv e Festo 285, 25: * Ri- 
tu ale b nominantur Etruscorum libri in quibus praescriptum est quo 
ritu condantur urbes, arae, aedes sacrentur, qua sanctitate muri, quo 
iure portae ordinentur ». — irato = qui iratus esset. — increpitans e 
qui adoperato assolutamente, altrove invece regge Tace, cfr. increp. 
risum 30, 44, 6. — adiecisset è costruito naia avveaiv in relazione col 
soggetto logico della proposizione, che è Romulus. — sic, sott. pereat o 
interficiatur, cfr. Ennio Ann. 100 nec poi homo quisquam faciet impune 
animatus hoc, ... nam mi calido das sanguine poenam. — 8. ita, cioè in 
seguito alla morte di Remo. — potitus imperio = rex factus. — condita 
* dopo che fu fondata „, cfr. 6, 4. — nomine = a nomine, cfr. 1, 11; 23, 

3. — Palatium: il Pai. si trovava quasi nel mezzo dei sette colli, che 
costituirono più tardi il pomerio di Roma, e formava una specie di qua- 
drato irregolare, il quale fé' sì che alla città antica si desse anche il 
nome di Roma quadrata, cfr. Tac. Ann. 12, 24. — sacra, le funzioni re- 
ligiose che nei luoghi sacri si solevano compiere, cfr. 20, 7. — aliis = 
toìj àXXoiq, reliquie, ceteris. In questo senso alti non e mai adoperato 
dai prosatori classici, e ricorre soltanto una volta in Caes. b. g. 1, 41. 

— Albano ritu: il culto latino, introdotto in Roma da Alba, si distin- 
gueva in questo dal culto greco, introdotto da Evandro, che nel primo 
si sacrificava col capo coperto {capite velaio) e nel secondo col capo sco- 
perto (cap. aperto), cfr. Verg. 3, 402-7. Inoltre, mentre gli Itali brucia- 
vano sugli altari i visceri della vittima, i Greci li distribuivano al po- 
polo per il banchetto sacrificale, cf. § 13 e Verg. 8, 183. — Graeco, sott. 
ritu. — Herculi: il culto dell' Heracles greco fu sin da tempo antichis- 
simo confuso con quello latino del Dius fidius e coll'altro sabino di Semo 
Sancus, cfr. l'identità di significato tra mehercule e me Dius Fidius. — 

4. Geiyone: era questi un mostro con tre corpi, il quale abitava nel più 



42 TITI LIVI, LIB. I 

mira specie abegisse memorant, ac prope Tiberina fluvium, qua 
prae se armentum agens nando traiecerat, loco herbido, ut quiete 
et pabulo laeto reflceret boves, et ipsum fessum via procubuisse. 
5 Ibi cum eum cibo vinoque gravatum sopor oppressisset, pastor 
accola eius loci, nomine Gacus, ferox viribus, captus pulchri- 

estremo oonfine occidentale dell'Oceano, nell'isola Erythea presso Gades: 
Ercole, per compiere la sua decima fatica, aveva a lui sottratti (abe- 
gisse) i giovenchi, e superate le Alpi (cfr. 5, 34, 6) era giunto in loro 
compagnia, attraverso la Liguria e l'Etruria, sul Palatino, nel tempo in 
cui quivi regnava Evandro. — laetus si adopera comunemente in latino 
per indicare una * vegetazione rigogliosa „, cfr. laetas faciat segete*. — 
et ipsum, sott. ut se reficeret. — 5. sopor " sonno profondo „ non si in- 
contra altrove in Livio. — accola: i sostantivi verbali in -far e in -a 
fanno ben spesso in Livio le veci dell'attributo, quando si adoperano 
per indicare un'azione che è divenuta come caratteristica speciale d'una 
persona, cfr. 21, 39, 5 Oallos accolas Podi; 39, 35, 4 accolas Bistri fluntinis 
barbar 08 \ 21, 30, 8 advena cultor; 34, 41, 4 serva Lacedaemon ; 27, 18, 14 
concùrsator hostis; 21, 40, 11 ruptordux, ecc. — Cacus, cfr. Servio ad Aen, 
Vili, 190: Cacus secundum fabulam Vulcani filine fuit ore ignem acfumum 
votnens, qui vicina omnia populabatur. Questo mostro, mezzo uomo e 
mezza belva, aveva anche una sorella che portava il suo stesso nome 
e fu quella appunto che lo tradì, cfr. Servio, 1. e: hunc soror sua eiusdem 
nominis prodidit, unde etiam sacellum tneruit, in quo ei pervigili igne sicut 
Vestae sacrificabatur. L'abitazione di C a e o era, secondo alcuni, sul Pa- 
latino, nel luogo in cui anche più tardi si mostravano le scalae Caci, 
in vicinanza del Circo Massimo; secondo altri invece sull'Aventino. Il 
nome di questo mostro si crede comunemente, e forse si giudicava anche 
dagli antichi connesso coll'aggettivo gr. xaxóg. Sebbene questa etimo- 
logia, a causa della differenza di quantità che si nota tra Cdcus {Kàxog) 
e nchcóg, debba considerarsi come inverosimile, pure egli è quasi certo 
che Caco rappresenta lo spirito del male in contrapposizione di Evandro, 
che è il genio del bene ; e che la sua lotta con Ercole adombra quello 
stesso conflitto tra la luce e le tenebre, che si trova rappresentato nel- 
l' India da I n d r a e da V r i t r a, nella Persia da Ormuzd e da 
A h r i m a n, ecc. Infatti alla tradizione, che qui narra Livio e che in 
forma assai più completa trovasi esposta da Virgilio 8, 194 segg. e da 
Ov. Fast. 1, 550, fa riscontro, fin nei minimi particolari, quel racconto 
della mitologia indiana, dove si parla di Indra che abbatte colla sua 
folgore il gigante Vaia, che gli aveva rubato l'armento. Senza en- 
trare a discorrere del significato primitivo o naturale di questo mito, 
il quale probabilmente riflette l'oscurarsi del cielo quando a mano a 
mano lo ricopron le nubi, considerate come le " vacche celesti ,; noi 
vogliamo solo aggiungere, che il nome Cacus è probabilmente con- 
nesso con Caeculus, il fondatore di Preneste e figliuolo di Vulcano 
(cfr. Aen. 7, 678-81), non solo per l'affinità etimologica che vi fe tra le 
due radici — (il nome Càcus fa le veoi di Càcius C. I. L. 5, 21 e 
I. R. N. 4024 e 6769*e fu estratto probabilmente, in tempo abbastanza 
antico, dalla forma del gen. Caci =» Cacti, che ricorreva nella frase 
•airium Caci, indicante una località del foro boario da lui denominata- 



AB TIEBE CONDITA, GAP. VII, 5—6 43 

tudine boum cum avertere eam praedam vellet, quia, si agendo 
armentum in speluncam compulisset, ipsa vestigia quaerentem 
dominimi eo deductura erant, aversos boves, eximium quemque 
pulchritudine, caudis in speluncam traxit. Hercules ad primam (5 
auroram somno excitus, cum gregem parlustrasset oculis et 
partem abesse numero sensisset, pergit ad proximam speluncam, 
si forte eo vestigia ferrent. Quae ubi omnia foras versa vidit 
nec in partem aliam ferre, confusus atque incertus animi ex 

i Greci difatti gli danno più comunemente il nome di Kàxiog, cfr. Diod. 
4,21: tov óè Kaxtov èv t$ TLakaxlq* %axà$aol$ èoxiv S%ovaa Ài&ivnv 
xÀifiaxa tijv dvof*a£oftévt]v àrì èxelvov Kaxiav, ofioctv nXnolov xìjg 
zóte yevofiévng olxfag to$ Kaxlov; Solin. 1, 18 scalae Caci; Plut. Rom. : 20) 

— ma anche pel fatto che nel tempio di Semo San cu a, il dio sabino 
a cui fu identificato l'Heracles greco, si trovava un'immagine di Gaia 
Caecilia (cfr. Paul. fest. p. 95, 238 e Plin. 8, 194), il cui nome — al pari 
di quello della gente Caecilia — ben difficilmente altri penserà di di- 
staccare dal prenestino Caeculus. Chi fosse vago a questo riguardo di 
maggiori notizie, potrebbe assai utilmente consultare il saggio del Bréal 
" Hercule et Cacus „, in * Mélanges de philologie et linguistique ,, Paris, 
1877. — ferox " altero, superbo, oltremodo sicuro „. — avertere " invo- 
lare, rubare ,, cfr. 6, 14, 11 pecuniatn avertant e Prop. 5, 9, 12 aversos 
cauda traxit in antra boves. — eam praedam =eos praedam * come 
preda a . — agendo * collo spingerli innanzi ,, è messo in opposizione a 
cauda traxit. — quaerentem, sott. boves. — si compulisset ... deductura 
erant : la costruzione perifrastica con eram e fui si trova frequentemente 
adoperata, non solo da Livio (cfr. 40, 4 ; 2, 38, 5), ma anche da Cicerone, 
oel secondo membro del periodo ipotetico, per indicare la conseguenza 
sicura e immediata che jrisulta da una data premessa. — eximium 
quemque * i più belli e maestosi „: il quisque si trova comunemente ap- 
posto ai numerali o pure ai superlativi, per limitare il senso del sost. 
che precede, cfr. 2, 59, 11 cetera multitudo, decumus quisque ; 23, 4, 8 equites 
nobilissimus quisque, etc. L'agg. eximius fa qui naturalmente le veci del 
Buperlat., del quale esso non può assumer la forma a causa della desi- 
nenza -iu8, cfr. anche 54, 8; Cic. Verr. 4, 142 e Tac. Ann. 6, 27 egregiujn 
quemque. — caudis: anche Mercurio, cfr. inno ad Apollo 413, rapì appena 
nato agli dèi 50 di quei giovenchi che Apollo pascolava in Pieria, e li 
rinchiuse poi colla stessa astuzia in una grotta {l%vi ànoaxoè^ag). — 
6. ad primam auroratii dn. elg. = prima luce, luce orta. — numero, dat. 
dipendente da abexse " mancare „, cfr. 9, 19, 15 absit invidia verbo; 25, 
16, 15 abesse fraudem sermoni. — pergit " si dirige direttamente ,. — 
*»' forte * per vedere se „, cfr. 57, 2. — aliam, sott. nisi ad locum her- 
bidum. — vidit versa, nec ferrei il verbo video è qui adoperato colla 
aoa doppia costruzione, col participio cioè che indica lo stato, e coll'in- 
finito che si riferisce più propriamente e più direttamente all'azione. 

— incertus animi: questo genitivo, che era propriamente a principio un 
locativo, si trova adoperato da Cicerone soltanto in unione di ungi e 
pendere (cfr. Tusc. 4, 36), e assai più frequentemente dai poeti, da Livio 
4 da Tacito, cfr. 58, 9 aeger animi; 6, 36, 8 stupentes animi; territus, su- 



44 TITI LIVI, LIB. I 

7 loco infesto agere porro armentum occepit. Inde cum actae bo- 
ves quaedam ad desiderium, ut fit, relictarum mugissent, red- 
dita inclusarum ex spelunca boum vox Herculem convertit. 
Quem cum vadentem ad speluncam Cacus vi prohibere conatus 
esset, ictus clava fidem pastorum nequiquam invocans morte 
occubuit. 

8 Euander tum ea, profugus ex Peloponneso, auctoritate magis 
quam imperio regebat loca, venerabilis vir miraculo litterarum, 
rei novae inter rudes artium bomines, venerabilior divinitate 
eredita Carmentae matris, quam fatiloquam ante Sibyllae in 



spensus animi, ecc. — agere * menar via ,. — occepit è una forma ar- 
caistica, che si trova anche adoperata da Pisone, Sisenna e Sallustio. — 
7. actae bores: il sost. bos trovasi per ben cinque volte adoperato da 
Livio come femm., nei primi tre libri delle storie; ma tal ubo rimane 
affatto estraneo alla prosa anteriore a Livio, la quale non adopera mai 
bos come femminile, tranne che in unione con femina, cfr. anche Livio 
25, 12, 13. Se qui poi Livio adopera promiscuamente bos coi due generi 
non è a far meraviglia, poiché si tratta d'una moltitudine indistinta, 
cfr. anche Verg. 8, 807 e Ov. Fast. 1, 548. — ad desiderium relictarum : 
le vacche, quando si allontanano dal pascolo, si rivolgono indietro a> 
riguardare le loro compagne e muggiscono come in tono lamentevole, 
quasi temessero di disperderle; quelle poi che seguono rispondono in 
tono più alto, quasi per assicurarle della loro presenza. Questa volta 
però non risposero all'appello solamente le vacche che erano state le 
ultime ad allontanarsi dal pascolo, ma anche le altre rinchiuse da Caco, 
appena che ebbero a sentire la voce delle loro compagne. — ex spe- 
lunca dipende da reddita. — convertit, sott. " da quella parte ,. — fidem 
' protezione, difesa ,. — morte occubuit, cfr. 29, 18, 6 e 8, 10, 4: altrove 
Livio adopera anche mortem occ. (cfr. 2, 7, 8), in conformità dell'uso ci- 
ceroniano. — 8. auctoritas * l'influenza personale,,, in contrapposi- 
zione ad imperium che indica l'autorità che ad uno viene dal posto che 
egli occupa. — miraculo litterarum " per l'urte meravigliosa delle let- 
tere o della scrittura,, che egli aveva introdotta nel Lazio. Questa leg- 
genda accenna chiaramente, che l'arte della scrittura fu primieramente 
comunicata ai popoli dell'Italia media (prima agli Etruschi, Umbri ed 
Oschi e poi ai Latini) dagli Eoli di Cuma o pure dai Dori di Sicilia, 
cfr. Tac. Ann. 11, 14. — tener abilis ...venerabilior: questa gradazione è 
assai comune in Livio, cfr. 56, 6 ; 2, 29, 5 ; 38, 58, 9 vir memor abilis, beh 
licis tamen quam pacis artibus memorabilior. — divinitate eredita * per 
la fede nella divinità , : questa stessa frase ricorre soltanto un'altra 
volta in 15, 6. — Carmenta o Carmentis, secondo bì esprime Ov. Fast. 
1, 467, nomen habet a Carmine ductum: essa era venerata dalle matrone 
come la dea della maternità, ai piedi del Campidoglio presso la porta 
Carmentalis ; e a causa della sua abilità profetica fu identificata con 
Themis, che alcuni considerano come la madre di Evandro. — fatilo- 
quam : questa, parola s'incontra solo in Apuleio; Virgilio adopera in sua 
vece, 8, 339 vates fatidica. La dea Carmenta, come profetessa, pigliava 



AB UBBB CONDITA, OAP. VII, 7 — 11 45 

Italiam adventum miratae eae gentes fuerant. Is tum Euander, 9 
concursu pastorum trepidantium circa advenam manifestae reum 
caedis excitus, postquam facinus facinorisque causam audivit, 
habitum formamque viri aliquantum ampliorem augustioremque 
humana intuens rogitat, qui vir esset. Ubi nomen patremque 10 
ac patriam accepit, « love nate, Hercules, salve » inquit; « te 
Tnih i mater, veridica interpres deum, aucturum caelestium nu- 
merimi cecinit, tibique aram hic dicatum iri, quam opulentissima 
olim in terris gens maximam vocet tuoque ritu colat ». Dextra 
Hercules data accipere se omen impleturumque fata, ara condita 1 1 



anche il nome di Fatua da fari fatum (cfr. nQotp^tris da <pt]f*t\ a quel 
modo che Fanno o Evandro era anche soprannominato Fatuus. — 
Sibyllae: è questa la Sibilla che venne a Cuma dopo la distruzione di 
Troia, cfr. 56, 12. — 9. is tum Euander: la persona a cui innanzi si 
era accennato, per notarne soltanto le caratteristiche speciali, qui entra 
a far parte direttamente del racconto. — trepidantium: incerti, indecisi 
se dovessero vendicare su di quell'uomo così potente l'insulto patito. 

— aliquantum, in luogo d'aliquanto, si trova adoperato ben raramente 
dai prosatori classici in unione del comp., cfr. Cic. de or. 3, 24, y2. — 
ampliorem augustioremque si debbono considerare come di genere femm. 
a causa della forma humana che segue, sebbene si riferiscano entrambi 
tanto ad habitum che a formam, cfr. 5, 41, 8 praeter ornatimi habitumque 
humano ampliorem. — rogitat: questo verbo, al pari di parecchi altri 
frequentativi, si trova assai spesso usato da Livio nella prima decade, 
cfr. 2, 3; 9, 12; 22, 4; 24, 3; 50, 3; 2, 26, 1. — IO. nomen patremque, 
cfr. 19, 1. — Hercules: il voc. dei nomi proprii in -es termina in Livio 
in -es (41, 24, 15) o pure in -e (39, 36, 14); negli scongiuri però egli ado- 
pera quasi costantemente hercule, più raramente herculcs, cfr. 3, 68, 5; 
6, 5, 4. — veridica, &n. Xey. che si incontra soltanto in Lucr. e Cic. div. 
1,45, 101. — aucturum numerum, cfr. Strab. 5, 3, 3: 'HpaxÀel nenQ(t>~ 
pévov Ijv reÀéaavxi zoi>$ d^Xovg deQ yevio&ai. — cecinit, cfr. 55, 6 ita 
cecinere vates. — maximam: YAra maxima (Verg. 8, 271) sul forum boa- 
rium, nel luogo dove Ercole aveva pascolati i giovenchi, non lun^i dal- 
l'entrata del Circo Massimo tra il Palatino e l'Aventino, era uno dei più 
antichi santuarii di Roma. Dopoché Ercole fu identificato con Dius 
Fidius, su questo altare si giurarono i trattati e quivi si venne ad 
offrire ad Ercole la decima parte dell'eredità privata o pure del bot- 
tino di guerra, cfr. Dion. 1, 40 e C. 1. L. I, p. 149. - tuo ritu, cioè a capo 
scoperto, senza l'intervento di nessuna donna, e pigliando parte seduti 
al banchetto sacrificale, cfr. Cic. de dom. 134. — 11. data, sott. Evandro. 

— accipere " pigliare per sé, accettare di buon grado „, ctr 34, 9 augii- 
rium accipere; 21, 63, 14 aliquid in omen accipere, e Servio ad Aen 5, 
530: nostri arbitrii et vi sa ontina vel improbare rei recipere. — fata 
" il presagio, il detto della sorte, la profezia ,, cfr. § 15 e 4. 1. — condita 
ac dicata " coll'edificare e consacrare „. Dal confronto di queste parole 
con 9, 34, 18 apparisce chiaro, che Livio attribuisce direttamente ad 
Ercole la costruzione di quell'altare (cfr. Verg. 8, 271; Prop. 5, 9, 67 e 



46 TITI LITI, LIB. I 

12 ac dicata, ait. Ibi tum primum, bove eximia capta de grege» 
sacrum Herculi, adhibitis ad ministerium dapemque Potitiis icl- 
Pinariis, quae tum familiae maxime inclitae ea loca incolebant» 

13 factum. Forte ita evenit, ut Potitii ad tempus praesto essent, 
iisque exta apponerentur, Pinarii extis adesis ad ceteram re— 
nirent dapem. Inde institutum mansit, donec Pinarium genu» . 

14 fuit, ne extis sollemnium vescerentur. Potitii ab Euandro edocti 
antistites sacri eius per multas aetates fuerunt, donec tradito 
servis publicis sollemni familiae ministerio genus omne Poti- 
lo tiorum interiit. Haec tum sacra Romulus una ex omnibus pere- 



Ov. Fast. 1, 581), e non già ad Evandro, come affermano Tac. Ann. 14* 
51 e Strabone 1. e. — 12. ibi, cioè nel luogo dove più tardi sorse 

l'altare. — eximia, cfr. Paul. Diac., p. 82: ' eximium inde dici coeptum, 
quod in Bacrificiis optimum pecus e grege eximebatur „, e 7, 37, 1. — 
Herculi dipende da factum e fa le veci di abl. agente: secondo Dionigi 

1, 40, Ercole die solamente principio {xaràQ^aa^ai) alle cerimonie re- 
ligiose, e il sacrifizio fu compiuto da Evandro. — ministerium, gli uffixii 
religiosi che si era soliti di compiere nei sacrifizii, cfr. 9, 29, 9. — JrV 
titii8 ac Pinariis. Queste due famiglie romane, di cui la seconda si trova 
anche ricordata in 2, 56, 1 e 4, 25, 5, non compivano l'una e l'altra gii 
stesai ufficii, ma occupavano gradi differenti, per essere accorsi i primi 
immediatamente, e i secondi con qualche ritardo alla chiamata di Er- 
cole, come suona la leggenda, cfr. Slacr. 3, 6, 12 e Servio ad Aen. 8, 269. 
11 nome dei Potitii è connesso probabilmente con potiri, e si adoperava 
forse per rappresentare simbolicamente quei guerrieri, i quali venivano 
a sacrificare sull'ara massima la decima parte del bottino di guerra ad 
Hercules Victor o Invictus: essi erano infatti quelli che presedevano al 
sacrifizio e i soli che pigiavano parte al sacro banchetto (cfr. Ov. Fast. 

2, 374 exta non nisi victor edet). 11 nome dei Pinarii invece è connesso 
col v. gr. neivàv " aver fame „, secondo che afferma Servio 1. e, e si 
riferisce alla punizione loro inflitta da Ercole (tfaelg oh neivdoeté) a 
causa del loro ritardo: essi infatti erano considerati come subalterni, i 
quali assistevano al sacrifizio e compivano gli ufficii più bassi, senza 
mai pigliar parte ai banchetti anche i più lauti e sontuosi. — familiae. 
1 commentatori credono comunemente che questa parola sia qui messa 
in luogo di yentes; ma a me pare più probabile che Livio l'adoperi per 
indicare, che Potitii e Pinarii sieno due veri cognomi; i Valerli infatti 
portavano il cognome di Potitii. — 13. ad tempus = tempore o in tem- 
pore " al tempo, nell'ora che si era fissata ,. — ceteram dapem: la parte 
che rimaneva del banchetto, dopo che si eran mangiati gli intestini 
delle vittime, cfr. Verg. 8, 180. — genus " la stirpe, la schiatta ,. — 
extis sollemnium = lustralibus extis Verg. 8, 183: sollemne è adoperato 
come sost. in luogo di sacrum soli. — 14. tradito, cfr. 9, 29, 9. 1 Potitii 
cedettero al popolo, a tempo di Appio Claudio Cieco, il diritto che 
essi avevano a quel sacrifizio, il quale da quel momento fu compiato 
dal Praelor Urbanus, coll'assistenza dei servi publici. — 16. peregrina, 



AB UBBH CONDITA, GAP. VII, 12— Vili, 8 47 

grilla suscepit, iam tum immortalitatis virtute partae, ad quam 
eum sua fata ducebant, fautor. 

Vili. Rebus divinis rite perpetratis vocataque ad concilium i 
multitudine, quae coalescere in populi unius corpus nulla re 
praeterquam legibus poterat, iura dedit. Quae ita sancta generi 2 
hominum agresti fore ratus, si se ipse venerabilem insignibus 
imperii fecisset, cum cetero habitu se augustiorem, tum maxime 
lictoribus duodecim sumptis feoit. Alii ab numero avium, quae 3 
augurio regnum portenderant, eum secutum numerum putant; 
me haud paenitet eorum sententiae esse, quibus et apparitores 
[et] hoc genus ab Etruscis finitimis, unde sella curulis, unde toga 

perchè non derivavano da Alba. — iam tum: quasi fosse presago del- 
l'immortalità, che anche egli doveva più tardi conseguire per le proprie 
virtù. 

Vili. — 1. rite * nel modo che era prescritto „ cfr. 5, 15, 11 e Varr. 
1. 1. 7, 88 rifu i. e. instituto aliatiti*, quod fit rite id ratutn oc rectum est. 

— perpetratis: il re era anche sacerdote e fornito della potestà reli- 
giosa, cfr. 8, 11. — coalescere in non si trova mai adoperato nella prosa 
anteriore a Livio. — legibus : non sono ancora le cosiddette leges Bomuli 
(cfr. 82, 2), ma soltanto delle norme (iura) per regolarsi tanto nella vita 
pubblica quanto nella privata. — dedit iura, cfr. 42, 4 auctor iuris; Verg. 
6, 710 regie Romani primam qui legibus urbem fundabit ; Tac. Ann. 8, 28 
Caesar Augustus iura dedit. — 2. ita ... si ha senso restrittivo * solo 
a questa condizione ... che ,, cfr. 8, 45, 2. — agresti è adoperato soltanto 
in relazione coi pastores 6, 8, cfr. Sali. Cat. 6, 1 Aborigines, genus ho- 
minum agreste sine legibus, sine imperio, liberum atque solutum. — se 
ipse : tanto Livio quanto Cicerone adoperano frequentemente ipse in re- 
lazione grammaticale col sogg. della prop., sebbene in realtà esso serva, 
come qui, a dar risalto all'oggetto di essa. — cum ... tum, cfr. 42, 46, 4 
eum ceterorum id interesse, tum praecipue Bhodiorum. — 8. ab numero 
1 a causa del numero „, cfr. 1,4; 81, 4. — eum si collega con numerum: 
il sogg. della prop. è Éomulum sottinteso. — secutum " abbia adottato ,. 

— me haud paenitet: * io non ho dispiacere, a me piace ,. Comune- 
mente per influenza di poena si trova adottata la grafia poenitet (cfr. 
Georges, Handwtb. d. lat. S. sotto poen.), la quale e chiarita falsa non 
solo dalle iscrizioni più antiche, alle quali essa rimane affatto estranea, 
ma ancora dal confronto colle due voci italiane péna e pente, le quali 
riflettono colla diversa natura della vocale la differente origine delle 
due voci : poena infatti è connesso col gr. noiv^ f e paenitet con l'avv. 
paene, nel senso di ciò che tocca intimamente, nel profondo del- 
l'animo. — sententiae esse: il gen. del possesso si trova frequente- 
mente adoperato da Livio anche coi nomi di cosa, cfr. 39, 5 e 27, 25, 
5 cuius sententiae et Fabius fuit. — apparitores, cioè i servi pubblici che 
stanno all'ordine del re e dei magistrati e son cosi detti quod appa- 
reant et praesto sint ad obsequium, cfr. 9, 46, 2. Di questi servi vi erano 
varie classi, come ad es. lictores, accensi, viatores, praecones, scribae, e 
l'opinione che fossero modellati sull'es. dell'Etruria fu forse suggerita 
a Livio dal numero dei littori, che era appunto di 12. — hoc genus " che 



48 TITI LIVI, LIB. I 

praetexta sumpta est, et numerum quoque ipsum ductum placet; 
et ita habuisse Etruscos, quod ex duodecim populis cominuniter 
creato rege singulos singuli populi lictores dederint. 

4 Grescebat interim urbs munitionibus alia atque alia adpetend^ 
loca, cum in spem magis futurae multitudinis quam ad id, quo 

ò tum hominum erat, munirent. Deinde, ne vana urbis magnitudo 
esset, adiciendae multitudinis causa vetere Consilio condentium 
urbes, qui obscuram atque humilem conciendo ad se multitu- 
dinem natam e terra sibi prolem ementiebantur, locum, qui nunc 

tono della stessa specie, che hanno funzioni a loro affini ,: questo ac- 
cusativo avverbiale si trova talvolta adoperato da Livio (cfr. 50,8; IO, 
24, 6 se id aetatis; Cic. ad Att. 13, 12 orationes aut aliquid id genus) quale 
apposizione, in luogo del gen. eius generis, sull'analogia di id tempori*, 
id aetatis, ecc. Nei codici, dopo di apparitores, si legge ancora un et 
che, come ben vide il Gronovio, non ha nulla a fare in quel luogo e 
o£gi comunemente dagli editori, dietro l'es. dell'Hermann, si tra- 
sporta innanzi a numerum. — ab Etruseis, cfr. Sali. Cat. 51, 38. — ita 
habuisse, cioè in numero di dodici: Tace, coll'infinito dipende dal con- 
cetto di * pensare „ che è incluso in placet. — sella eurulis era il segno 
distintivo dei magistrati curuli (consoli, pretori, edili Curali, dittatore, 
mag. equitum) dai non curuli, e consisteva in una sedia d'avorio, di 
marmo o pur di metallo, artisticamente lavorata, ma di forma assai 
semplice, in quanto non aveva spalliera di appoggio, ma constava sem- 
plicemente di quattro piedi ricurvi congiunti tra di loro a croce. I ma- 
gistrati curuli in pubblioo sedevano sempre su di questa sedia, che essi 
portavano con loro anche in guerra. — toga praetexta, così detta dal- 
l'orlo di porpora di cui era adorna, era anch'essa l'emblema dei magi- 
strati. — duodecim : la confederazione etnisca constava propriamente di 
una dodecapoli, cioè di dodici citta, ciascuna delle quali era retta dal 
proprio re o Lucumone. Soltanto in circostanze speciali esse si riuni- 
vano sotto di un unico capo, al quale affidavano il comando supremo 
della confederazione e dell'armata, come avvenne ad es. a tempo di 
Porsenna, cfr. 2, 9, 1. — populi = civitates. — dederint: tanto il tempo 
quanto il modo di questo verbo si trovano espressi in relazione con 
habuisse, cfr. 11,8; 39, 6. — 4. interim, cioè in seguito a questa im- 
perfetta costituzione politica creata da Romolo. — munitionibus adpetendo 
includendo nella cerchia delle mura, circondando di opere di difesa ,, 
ha relazione con munirent. — loca: quelli cioè che eran vicini al Pa- 
latino, cfr. Tac. Ann. 12, 24. — munirent è adoperato non poche volte 
da Livio assolutamente, cfr. 21, 11, 11. — ad id in relazione con ,, cfr. 
44, 3 e 38, 21, 4 scuta ad amplitudinem corporum parutn lata. — 5. rana 
* senza scopo, inutile ,. — vetere cons., cfr. Ov. Met. 3, 105. — conden- 
tium, cfr. n. praef. 4. — conciendo = concientes. — natam, sott. esse: Livio 
qui accenna alla leggenda di Cadmo e dei denti del dragone, che egli 
cerca di interpretare in modo più razionale. — locum: il colle capito- 
lino aveva due cime, sull'una delle quali (la meridionale) si trovava il 
Capitolium, sull'altra l'arx. Ambedue queste cime erano in antico 
coperte da boschi, e il luogo o avvallamento, che tra di esse restava 



«e ■" 



AB CBBB CONDITA, CAP. Vili, 4 — 7 49 

saeptus descendentibus inter duos lucos est, asylum aperit. Eo 6 
ex finitimis populis turba omnis sine discrimine, liber an servus 
esset, avida novarum rerum perfugit, idque primum ad coeptam 
magnitudinem roboris fuit. Cum iam virium haud paeniteret, 7 
consilium deinde viribus parat: centum creat senatores, sive 

rinchiuso, pigliava il nome di inter duos lucos (cfr. Dion. 2, 15 f*e&óoiov 
évotv óovp&v; Verg. 8, 342; Geli. 5, 12; Ov. Fast. 8, 429; Cic. de div. 2, 
40), ed era a tempo di Livio circondato da una siepe (saeptus). Quivi 
si trovava il tempio di Veiovis, che Pisone, secondo Servio ad Aen. 
2, 761, paragonava qual dio purificatore ad Apollo Avxàdtjs. — descen- 
dentibus * quando si discende dal Campidoglio ,. Nella descrizione di 
una località si trova non poche volte adoperato da Livio e dagli scrit- 
tori posteriori, in conformità dell'uso greco, un dativo assoluto invece 
di una propos. condizionalo, cfr. 42, 15, 5 aseendentibus ad teinplum ... 
maceria erat ab laeva ; 82, 4, 3 Thaumaei a Pylis eunti loco alto siti sunt; 
Caee. b. e. 3, 80. — asylum: era questo un nome d'uso religioso e po- 
litico, il quale serviva ad indicare un bosco sacro, dove i delinquenti 
potevano trovar rifugio e parificazione dei loro delitti. Di questi asili 
erano parecchi in Italia ed anche presso i Greci (cfr. 85, 51, 2); e, poiché 
era nome d'uso assai comune, così Livio non si ferma ad indicarne il 
significato né qui né in 80, 5, dove si accenna per la seconda ed ultima 
volta all'asilo di Romolo. Nel tempio di Veiovis, a cui questo asilo cor- 
rispondeva, potevano trovar rifugio tanto gli schiavi che avevano ab- 
bandonato il loro padrone, quanto i debitori e i malfattori, i quali tutti 
venivano riammessi in città dopo l'espiazione delle loro colpe. Il nome 
asylum è d'origine greca (da ovXda> " entro, rubo „) e significa ' luogo 
inaccessibile, inviolabile „, cfr. 35, 51, 2 in fano lucoque ea religione et 
to iure sondo, quo sunt tempia, quae asyla Graeci appellant, e Dione Cassio 
47, 19, il quale, parlando del diritto d'asilo concesso al tempio del divo 
Giulio, cosi si esprime intorno all'asilo di Romolo: énsìvo tò %<ùqCov 
òro pari tìjv dovÀÌav f*ezà t^v x&v àvóqùv d&goioiv ia%ev ' otite* yàq 
neoie<pQdx&r}, &ote firjòéva in tò naqànav eloeÀ&eìv ég aitò òwvft?p>ai. 
Evidentemente la leggenda che qui racconta Livio ha carattere et io- 
logico e fu immaginata per rendersi conto dell'origine dell'Asilo di 
Veiovis. — 6 omnis d'ogni specie, confusa „. — liber, cfr. 2, 3,4. 
Dionigi 2, 15 dice proprio il contrario di Livio, cioè che non furono 
ammessi nell'asilo altri che gli uomini liberi. — idque si riferisce a 
turba: e così la città cominciò a rafforzarsi per mezzo dei suoi nuovi 
abitatori, in corrispondenza dell'ampiezza che essa aveva di già assunta, 
cfr. Geli. 18, 12, 7 : " M. Cato in Originibus eodem convenae com- 
plures ex agro accessitavere, eo res eorum auxit ,. Secondo 
Livio 2, 1, 4, tanto questi nuovi venuti quanto i pastori prima ricordati 
(4, 9) costituirono la plebe; ma di ciò si parlerà altrove. — 7. cum 
iam haud paeniteret " poiché cominciava già ad esser contento ,. — consi- 
lium ■= regium consilium. Cic. de rep. 2, 14, cioè " un consiglio direttivo „. 
Anche altrove l'astratto consilium trovasi contrapposto a vires, cfr. 2, 
56, 16 consilium viribus additurum. Il consiglio dei più vecchi, a cui qui 
si accenna, è il senato, il quale fu istituito da Romolo allo scopo di 
dare un'intelligente direzione all'incomposta e forte moltitudine (viribus), 

K. Cocchia, Tito Livio, I, 8» edis. i 



50 TITI LIVI, LIBEB I 

quia is numerus satis erat, sive quia soli centum erant, qui 
creari patres possenti patres certe ab honore, patriciique prò- 
genies eorum appellati. 

1 IX. Iam res Romana adeo erat valida, ut cuilibet finiti- 
marum civitatium bello par esset; sed penuria mulierum hominis 
aetatem duratura magnitudo erat, quippe quibus nec domi spes 

2 prolis nec cum finitimis conubia essent. Tum ex Consilio patrum 
Romulus legatos circa vicinas gentes misit, qui societatem conu- 

3 biumque novo populo peterent: urbes quoque, ut cetera, ex infimo 
nasci ; dein, quas sua virtus ac di iuvent, magnas opes sibi ma- 

4 gnumque nomen facere; satis scire origini Romanae et deos 



che si era raccolta al di dentro delle mura di Roma. — viribus, dat. 
commodi. — parat, pres. storico. — creai è qui adoperato per indicare 
l'origine della nuova istituzione: altrove Livio, parlando dei senatori, 
usa la frase legete in senatum o pure in patres. — sive... sive: son queste 
le due ragioni che di quel numero assegna direttamente Livio. — soli = 
modo, non amplius, cfr. 55, 8. — centum : il numero dei senatori corri- 
spondeva forse a quello delle genti, sebbene il re fosse affatto libero 
nella loro scelta. L'antico comune constava di 100 gentes, divise in 
10 curiae. — patres ò il nome più antico ed ufficiale dei senatori, e, 
poiché il senato comprendeva in se solamente i patrizii, così esso accenna 
propriamente alla intera riunione dei senatori patrizii. Originariamente 
si chiamavano patres i rappresentanti delle singole famiglie (patres fa- 
milias), i quali appunto come tali (ab honore) furon chiamati a far parte 
del primitivo senato. Il nomo di patres rimase ad indicare il senato, 
anche quando fu introdotto e rappresentato in esso l'elemento plebeo. 
— patricii, cfr. Cic. de rep. 2, 23: " ille Romuli senatus, qui constabat 
ex optimatibus, quibus ipse rex tantum tribuisset, ut eos patres vellet 
nominari patriciosque eorum liberos ,, e Festo, p. 241: * patricios esse 
qui patrein ciere possent, id est nihil ultra quam ingenuos ,. 

IX. — 1. penuria ha qui senso relativo: " picciolo numero ,. — ho- 
minis aetatem " una sola generazione ,. — duratura: Cic. adopera in 
questo senso manere o pure vigere. — quibus è messo xarà ovveaiv in 
relazione con res Romana. — spes prolis: i Romani son qui descritti 
come perfettamente isolati in mezzo alle altre razze italiche; altrove 
invece essi ne appariscono in relazione di parentela coi Latini, cfr. 23 . 
1 ; 26, 2; 49, 9 e Dion. 3, 13. — 2. circa si trova frequentemente adoperato 
da Livio nel senso di in o pure di ad, in unione con mittere (3, 38, 12). 
ire, discurrere, proficisci, ferre, ecc. — societatem: il connubio è quasi 
sempre il risultato di un'alleanza, e ad esso si addiviene per lo più a 
fine di meglio cementarla. — 3. infimo: i neutri dei superlativi 6i 

trovano raramente sostantivati, cfr. 40, 20 prò indignissimo; 6, 23, 3 ex 
incertissimo: dei comp. neutri si trovano sostantivati quasi solo peius a 
maius. — quas iuvent: il presente serve a mettere in mostra il carat 
tere universale df-questa sentenza, che è una mera circoscrizione di 
quel motto assai noto: fortes fortuna adiuvat. — facere: il sogg. e illa& 
urbes. Quint. 9, 2, 37 così si esprime a riguardo di questo periodo di 



AB UBBB CONDITA, GAP. IX, 1 — 7 51 

adfuisse et non defuturam virtutem: proinde ne gravarentur 
homines cum hominibus sanguinem ac genus miscere. Nusquam 5 
benigne legatio audita est: adeo simul spernebant, simul tantam 
in medio crescentem molem sibi ac posterìs suis metuebant; ac 
plerisque rogitantibus dimissi, ecquod feminis quoque asylum 
aperuissent: id enim demum compar conubium fore. Aegre id 6 
Romana pubes passa, et baud dubie ad vim spectare res coepit. 
Cui tempus locumque aptum ut daret Romulus, aegritudinem 
animi dissimulans, ludos ex industria parat Neptuno equestri 
sollemnis; Consualia vocat. Indici deinde fìnitimis spectaculum 7 
iubet, quantoque apparatu tum sciebant aut poterant, concele- 

Livio : " vertitur interim nowaonojtoiia in speciem narrando nt in T. Livii 
primo siatim: urbes ... lacere ,. — 4. satis scire, sott. se: l'omis- 
sione del sogg. pronominale dell'infinito nell'or, obliqua, in conformità 
dell'uso greco, è assai più frequente in Livio che in Ces. e in Cic, sopra- 
tutto in unione con scire, cfr. 23, 5; 2, 2, 6. — non defuturam, sott. Romae 
o Romanis. — proinde e assai frequentemente adoperato da Livio nell'or, 
obliqua in unione con un imp. o pure ooll'impf. del cong., per accen- 
nare ad una conseguenza che deriva direttamente dai motivi innanzi 
esposti, cfr. 39, 3 ; 2, 12, 10 — 5. simul ... simul * mentre da un lato... 
dall'altro „, cfr. 41, 1. — molem, una potenza così grande e minacciosa, 
cfr. 22, 9, 2 quanta moles Romanae urbis esset. — metuebant, cfr. 28, 41, 7 
quem non minus metuisse videatur quam contempsisse, e Cic. de imp. Cn. 
Pomp. 43. Metuo costruito contemporaneamente col dat. e coll'acc. non 
si trova altrove in Livio, ma soltanto presso i poeti e i prosatori po- 
steriori : il dat. con metuo ricorre però anche in 22, 9, 6 ; 23, 16, 3. Anche 
con timere si trova adoperata questa doppia costruzione, cfr. 4, 25, 4 
famem eultoribus agrorum timentes, ecc.: comunemente la persona per cui 
si teme una cosa è costruita con de e Tabi-, cfr. 86, 29, 7 de se timere 
quiequam vetuit. — ecquod, dispregiativo = num quod. — compar, come 
agg. è raro nella prosa anteriore a Livio. — ac plerisque coi mscr. mi- 
gliori; i più recenti hanno invece a pi. — 6. pubes, cfr. 6, 1 ; 16, 2; 
28, 8. — spectare = inclinare. — res ò un'indicazione generica, la quale 
fa spesso in lat. le veci del nostro " si ,, cfr. praef. n. 2 e 2, 18, 2 ad re- 
beUionem res spectare videbatur. — cui si riferisce a vim. — ex industria, 
e più frequentemente de industria, ' ad arte „ si trova adoperato da 
Livio in forma avverbiale, cfr. 45, 2. — Nept. equestri: Nettuno, come 
creatore del cavallo {Uooeió&v Inmos, cfr. Verg. G. 1: 12), è qui identi- 
ficato coll'antico Dio italico della terra e dell'agricoltura Consus, in cui 
onore si celebrava ogni anno, nel mezzo del Circo Massimo dove era il 
suo altare (cfr. Tao. Ann. 12, 24), una solenne festività con sacrifizii e 
corse di cocchi, il 21 d'agosto e il 15 di dicembre : erano queste le due 
sole occasioni in cui veniva aperto quel tempio, che fu poi sempre con- 
siderato come il centro dei ludi circenses. — 7. indici : a Bimili festi- 
vità pigliavano sempre parte i popoli vicini, cfr. 2, 38, 3. — quantoque 
apparatu è messo in contrapposizione alla magnificenza con cui queste 
festività furono celebrate più tardi, cfr. 2, 7, 4 e 39, 22, 2 huius saeculi 
copia oc varietale ludicrum celebratum est. — concelebrant : i giuochi erano 



52 TITI LIVI, LIB. I 

8 brant, ut rem claram exspectatamque facerent. Multi mortales 
convenere, studio etiam videndae novae urbis, maxime proximi 
quique, Caenlnenses Crustumlni Antemnates; etiam Sabinorum 

9 omnis multitudo cum liberis ac coniugibus venit. Invitati hospi- 
taliter per domos cum situm moeniaque et frequentem tectis 
urbem vidissent, mirantur tam brevi rem Romanam crevisse. 

10 Ubi spectaculi tempus venit, deditaeque eo mentes cum oculìs 



naturalmente indetti dal re (cfr. Ov. A. am. 1, 101); ma qui il cum è ado- 
perato per indicare che alla buona riuscita di essi prese parte anche il 
senato e il popolo. Del resto il v. conceleb. è solo un'altra volta adope- 
rato da Livio in 8, 7, 22 quantum militaribus studi is funus ullum conce- 
lebrari potest. — exspectatam * corrispondente all'aspettazione, degna di 
esser vista ,, cfr. sperata 30, 30, 19. — 8. proximi quique: il plurale 

fe adoperato, perchè ciascuno dei soggetti che seguono contiene in bò 
una moltitudine (conformemente all'uso e al significato di utn'que). 11 
pi. masch. e femm. di quisque in unione con un superlativo comune è 
issai raro anche presso di Livio, cfr. Cic. de off. 2, 75; Lael. 34: ad Heren. 
ì, 40. — Caeninenses, cfr. Paul. Diac. p. 45: Caenina urbs, quae fuit vicina 
Uomae: il luogo di essa è incerto. — Crustumini presuppone una forma 
Crustumium, la quale ricorre difatti in Sii. It. 8, 366: però la città è 
ricordata più spesso sotto il nome di Crustutneria o Crustumerium, e 
giaceva a nord-est di Fidenae nel punto in cui l' A 1 1 i a dai monti (Cru- 
itumini montes, 5, 37, 7) scende nel piano. — Antemnates, sulla sponda 
nnistra dell'Anione, dove questo fiume sbocca nel Tevere, cfr. Antemnae 
lurrigerae Verg. 7, 631. Poiché queste tre città sono contrapposte ai Sa- 
bini, esse dovevano essere molto probabilmente d'origine latina, cfr. 38, 
l. — 9. Sabinorum: i Sabini erano popoli montanari, i quali abitavano 
in antico sui più alti contrafforti dell'Appennino, in vicinanza di Te- 
rrina e di Amiterno, donde discesero più tardi nel Piceno, a 
Eteate, ecc., ed occuparono tutta la vallata del Velino sino al Tevere e 
ill'Aniene, stanziandosi tra gli Equi, i Latini ed i Volaci. Appartene- 
vano al loro stesso stipite le piccole popolazioni dei Marsi, Marrucini, 
Peligni e Vestini — le quali si trovano generalmente comprese sotto 
LI nome generico di S abelli — , nonché la forte razza sannitica (for- 
iissimos viros, ftorem Italiae ac robur reipublicae. Cic. prò Lig. 11, 32), la 
quale anche nel nome (Samnium = *Sab-nium e Samnites = *Sabnites, cfr. 
inche l'osco Safi-nim = Samnium) si rivela strettamente ad essi affine. 
[ Sabini, a causa dell'integrità dei loro costumi, erano considerati come 
Spartani, cfr. Plut. Num. 1 2a(ìlvoi fìotiÀovzai AaxedaipovCatv iavzovg 
InoUovs yeyovévai e Servio ad Aen. 8, 635: Sabinorum mores populum 
Romanum secutum Cato dicit. — per dom < 8 * in tutte le case ,. — situm : 
riguardo al luogo in cui fu fondata Roma, cfr. Cic. de rep. 2, 5 e Liv. 5, 
54, 4: * non sine causa dii hominesque hunc urbi condendae locum eie- 
jerunt, saluberrimos colles, flumen opportunum, quo ex mediterranei» 
locÌ8 fruges devehantur, quo maritimi commeatus accipiantur, mare vi- 
jinum ad commoditates nec expositum nimia propinquitate ad pericula 
:la8sium externarum, regionum Italiae medium, ad incrementum urbis 
&atum unice .locum ,. — IO. -ubi venit ... erant; i verbi dipendenti da 



AB URBE CONDITA, CAP. IX, 8 — 13 53 

erant, tum ex composito orta vis, signoque dato iuventus Ro- 
mana ad rapiendas virgines discurrit. Magna pars forte, in li 
quem quaeque inciderat, raptae; quasdam forma excellentes 
primoribus patrum destinatas ex plebe homines, quibus datum 
negotium erat, domos deferebant. Unam 'longe ante alias specie 12 
ac pulchritudine insignem a globo Talassii cuiusdam raptam 
fenmt, multisque sciscitantibus, cuinam eam ferrent, identidem, 
ne quis violaret, Talassio ferri clamitatum: inde nuptialem nane 
vocerà factam. Turbato per metum ludicro, maesti parentes 13 
virginum profugiunt, incusantes violatum bospitii foedus deumque 



ut e postguam sono adoperati in questo luogo da Livio in tempi diversi, 
poiché coll'uno egli intende di indicare semplicemente un fatto, coll'altro 
mio stato che dura, cfr. 2, 7, 3 postquam illuxit nec quisquam hostium in 
eonspectu erat. — eo = in spectaculum: altrove deditus è costruito col dat., 
al pari di intenta* , cfr. 39, 32, 10 nec animi nec oculi spectaculo intenti. 
— tum si adopera talvolta nella proposiz. subordinata, per metterla in 
maggiore evidenza e più strettamente coordinarla colla propos. princi- 
pale, cfr. 2, 30, 12. — ex composito = è* t&v ovyxeifiévcìv * secondo gli 
accordi precedentemente presi „, cfr. 25, 6 ed anche ex aequo, ex inspc 
rato, ecc. — 11. forte * secondo che capitava, senza distinzione ,. — 
in quem = ab eo in quem. — ex plebe fa le veci di un attributo, cfr. 34, 
6 e homines de plebe 2, 36, 2. La plebe è naturalmente presupposta come 
già esistente fin dalla prima origine della città, cfr. 8, 6 e Cic. de rep. 
2, 16 habuit Bomulus plebem in clientelas principum discriptam. — 12. ante 
alias, cfr. 27, 34, 1 longe ante alios eminebat. — eam si deve considerare 
anche come oggetto di violaret e sogg. di ferri. — nuptialem vocem. Come 
nei matrimonii greci si invocava Imeneo, così a Roma, quando la fidan- 
zata entrava nella casa dello sposo, le si gridava dietro dalla folla Ta- 
lassio, Talassio. Qual fosse l'origine di questo nome (Talassius o anche 
Talassio, -ònis), non era ben noto ai Romani; e perciò, mentre Varrone 
lo interpreta come derivato da xàÀaqos — quasillum, pensum muliebre 
(cfr. Servio ad Aen. 1, 651), Livio invece lo considera come il nome di 
uno dei compagni di Romolo, il quale aveva preso una parte principale 
nel ratto delle Sabine. 11 Merklin, notando che questo ratto aveva avuto 
luogo nel giorno in cui si celebravano le feste Consualia, sospettò che 
Talassius fosse un soprannome del dio Consus e che equivalesse all'agg. 
gr. ùaXdooios. Considerando però che i riti nuziali sono in gran parte 
d'origine sabina (cfr. Lue. 2, 868 non soliti lusere sales nec more Sabino 
excepit tristis convicia festa maritus), si può con assai maggiore verosi- 
miglianza affermare, che Talassius sia il nome sabino del dio del ma- 
trimonio (cfr., quanto alla forma del nome, Loebasius che è l'equiva- 
lente sabino di Liber, Servio ad Aen. 1, 7; e quanto all'invocazione di 
esso Catul. 61, 134 lubet iam servire Talassio), tanto più che Talus, come 
Festo afferma a p. 359, era un soprannome assai comune presso i Sabini, 
cfr. anche il Rutulo Tàlus pr. Verg. 12, 513. — 13. per metum, in seguito 
alla paura che incolse ai parenti delle rapite e alle altre vergini che non 
erano state comprese nel ratto. — violatum col Perizonio, per violati 



54 TITI LIVI, LIB. I 

invocantes, cuius ad sollemne ludosque per fas ac fidem decepti 

14 venissent. Nec raptis aut spes de se melior aut indignatio est 
minor. Sed ipse Romulus circumibat, docebatque patrum id su- 
perbia factum, qui conubium finitimis negassent; illas tamen in 
matrimonio, in societate fortunarum omnium civitatisque, et, quo 
nihil carius humano generi sit, liberum fore: mollirent modo 

15 iras et, quibus fors corpora dedisset, darent animos. Saepe ex 



ohe si legge nei codd.: il Qrunauer, seguito dal Novak, propone invece 
di mutare foedus in scelus. — foedus, al pari di fas e di fides, indica 
la santità del diritto d'ospitalità. Sebbene questo diritto tra i Sabini ed 
i Romani non fosse legalmente sancito da una sponsio o pure da un 
foedus, pur esso non era meno sacro, poiché i Sabini erano stati invi- 
tati dai Romani hospitaliter, cfr. § 9. — per fas ac fidem: la prep. per ha 
in questa frase lo stesso significato della prep. gr. naqd in naca onovóds, 
cioè * contro i patti ,, cfr. per questo uso del per lat. Plaut, Most 500; 
Cic. p. Sex. Roscio 116; de inv. 1, 71; Caes. b. g. 1, 46, 3 e Livio, 6, 29 e 
quanto all'identità delle due espressioni l'agg. perfidus (di fronte a in- 
fidus) che è derivato direttamente da per fidem, a quel modo che in greco 
naodonovóog è estratto da naQà anovódg. Questo stesso significato del 
per ricorre anche in periurus, periurium e peierare, e solo assai tardi 
si estinse nella frase per fidem, la quale nelle formolo di scongiuro venne 
a<ì assumere dipoi un significato affatto opposto a quello che ha ancora 
in questo luogo di Livio. — fas ac fidem: abbiamo qui un esempio di 
chiasmo, poiché fas ha relazione con deum invocantes, e fides con vio- 
latum hospitii foedus. Essi avevano accettato l' invito, sicuri che sareb- 
bero stati accolti come ospiti (fides), e rispettati a causa della santità 
della festa religiosa (fas), che loro assicurava l'incolumità. — 14. raptis, 
cfr. 26, 4. — spes de se : l'apprensione che esse provavano per il loro 
avvenire corrispondeva in tutto a quella che avevano sentito i loro 
genitori nel ruggire da Roma: spes ha relazione con metus, al modo 
stesso che indignatio con incusantes. — tamen. Sebbene i Sabini aves- 
sero per superbia negato il loro assenso a qael connubio, e ciò avesse 
costretto i Romani a quell'atto di violenza, pur questi persistevano 
sempre nella loro antica idea di unirsi colle Sabine in legittimo ma- 
trimonio {iustum tnatrimonium), di metterle a parte della cittadinanza 
romana (societas civitatis; colle straniere o peregrinae e colle schiave il 
matrimonio era illegittimo), e di considerare i figli che sarebbero nati 
da quell'unione come insti e legitimi. 1 figli procreati da una unione ille- 
gittima (iniustum m.) erano costretti a seguire la condizione della madre. 
— tnatrimonium è definito comunemente dagli scrittori romani: viri et 
mulieris coniunctio individuam vitae consuetudinem continens liberorum 
quaerendorum causa. — liberum = liberorum. — 15. corpora dedisset : 
questa frase si riferisce alla forma più solenne e severa del matrimonio 
romano (in manum conventio), per cui la donna passava completamente 
in potestà (patria potestas) del marito; e serve inoltre a spiegare l'ori- 
gine di tutta questa leggenda, la quale ha probabilmente anch'essa ca- 
rattere etiologioo, e fu immaginata per rendersi ragione di quell'uso 
nuziale, che prevale anch'oggi presso alcuni popoli moderni (Serbi, Mon- 



AB UBBE CONDITA, CAP. IX, 14 — X, 1 55 

iniuria postmodum gratiam ortain, eoque melioribus usuras viris, 
quod adnisurus prò se quisque sit, ut, cum suam vicem functus 
officio sit, parentium etiam patriaeque expleat desiderium. Acce- 16 
debant blanditiae virorum factum purgantium cupiditate atque 
amore, quae maxime ad muliebre ingenium efficaces preces sunt. 

X. Iam admodum mitigati animi raptis erant; at raptarum i 
parentes tum maxime sordida veste lacrimisque et querellis 
civitates concitabant. Nec domi tantum indignationes contine- 
bant, sed congregabantur undique ad Titum Tatium, regem 



tenegrini, ecc.) e che consiste nel rapire violentemente la sposa dalla 
casa paterna, affinchè non sembri che essa si conceda spontaneamente 
al suo fidanzato, cfr. Festo s. rapi : rapi simulator virgo ex gremio matris, 
e Cat. 61, 3; 62, 24 quid f aduni hostes capta crudelius urbe? Appunto 
perchè il matrimonio era considerato come un atto di violenza, esso 
non si poteva celebrare nei giorni feriali, cfr. Macr. 1, 15 e Plut. quest. 
rom. 105. — postmodum = postea : questa forma si trova adoperata sol- 
tanto da Terenzio e da Livio, e da quest'ultimo solo nel primo e nel 
secondo libro, cfr. 2, 1, 9. 2, 10. 9, 7. — eoque quod, al pari che eo magis 
quod (22, 4, 6), si trova adoperato abbastanza frequentemente da Livio. 
— usuras: utor con un nome di persona ha ben spesso in lat. il signi- 
ficato di " esser trattato „; cfr. 31, 16; 36, 9. — suam vicem, accusativo 
avverbiale che Cic. adopera soltanto in compagnia dei verbi che espri- 
mono un sentimento. Livio fa promettere alle rapite non solo l'aftetto 
di sposi, ma una premura ed un affetto veramente materno, che non 
facesse loro sentire la mancanza dei genitori e la lontananza della patria. 
Come dichiarazione del pensiero qui contenuto, si può richiamare op- 
portunamente anche 11, 2 : orat ut parentibus eorum det veniam et in 
civitatem accipìat. — 16. purgantium * che adducevano a scusa del 

ratto ,. — factum non va considerato come un accusativo dipendente 
da purgare, sull'analogia di crimen o culpam purgare, ma sibbene come 
un inf. pass. pass. coll'ellissi di esse, cfr. 28, 37, 2 purgantibus iis multi- 
tudinis concursu factum; 34,5, 11 nihil novi factum purgare. — ad mu- 
liebre ingenium * sull'animo delle donne „, cfr. 19, 4 rem ad multitudinem 
efficacissitnam. 

X. — 1. admódum " completamente ,. — tum maxime * allora special- 
mente, allora sopratutto „. — civitates " i loro concittadini, compa- 
trioti „. — continebant * limitavano, restringevano ,, cfr. 39, 17, 4 nec 
moenibus se tantum urbis terror continuit, sed passim per totam Italiani 
trepidar* coeptum est. Altrove il v. continere riferito a persona pignifica 
* contenere, non manifestare ,, cfr. 30, 17, 3 tacitum continere gaudium 
non poterant ; 40, 3, 5 pauci tacitum dolorem continebant exsecrationesque 
txaudiebantur. — nec ... tantum : di queste due parole solo nec si contrap- 
pone a sed, poiché tantum non modifica già il v. continebant, ma il sost. 
domi, cfr. per un uso identico di modo 31, 26, 12: ncque diruere modo 
ipsa tempia satis habuit, sed lapides quoque frangi iussit. — indignationes 

le manifestazioni del loro sdegno „. — sed sta spesso in Livio senza 
etiam, quando il secondo concetto comprende in sé il primo, ovvero ò 



56 TITI LIVI, LIB. I 

Sabinorum, et legationes eo, quod maximum Tatii nomen in ììa 

2 regionibus erat, conveniebant. Caeninenses Crustuminique et 
Antemnates erant, ad quos eius iniuriae pars pertinebat. Lente 
agere his Tatius Sabinique visi sunt; ipsi inter se tres populi 

3 communiter bellum parant. Ne Crustumini quidem atque An- 
temnates prò ardore iraque Caeninensium satis se impigre mo- 
vent: ita per se ipsum nomen Caeninum in agrum Homanum 

4 impetum facit Sed effuse vastantibus fit obvius cum exercitu 
Romulus, levique certamine docet vanam sine viribus iram esse. 
Exercitum fundit fugatque, fusum persequitur; regem in proelio 
obtruncat et spoliat; duce hostium occiso, urbem primo impetu 
capit. 

5 Inde exercitu victore reducto ipse, cum factis vir magnificus 
tum factorum ostentator haud minor, spolia ducis hostium caesi 
suspensa fabricato ad id apte ferculo gerens in Capitolium 
escendit, ibique ea cum ad quercum pastoribus sacram deposuis- 



più importante di esso, cfr. 13,4; 2, 2, 7; 21, 43, 15. — legationes, delle 
diverse città sabine a cui si è dianzi accennato. — Tatium, che è qui 
considerato come re dei Sabini, era propriamente signore di Cures, cfr. 
13, 5; e le altre città, poiché mandavano a lui ambasciatori, non pote- 
vano punto essergli soggette. — 2. lente * troppo lentamente „ cfr. 
sero, longus, angustus, etc. — ipsi " da soli ,, senza l'aiuto di Tazio: la 
frase ipsi inter se corrisponde tal quale al gr. aitol xa#* abvoUg, cfr. 
56, 11. — prò " in confronto di „. — 3. per se ipsum * da solo, colle 
sole sue forze ,: ipsum è nom. e concorda con nomen. — nomen, col si* 
gnificato di " popolo ,, si incontra frequentemente in Livio e nel lat. 
are, ed è anche proprio del dial. umbro, cfr. sodi latini notninis, nomen 
Bontanum, etc. — 4. regetn, cfr. 4, 20, 2; C. I. L. I, p. 283: Rotnulu* 

primus dux duce hostium Acrone rege Caeninensium interfecto spolia 
opima lovi Feretrio consecravit; Prop. 4, 10, 7: Acron Herculeus Caenina 
ductor ab arce. Le singole città appariscono qui con re proprii, come 
se fossero delle nazioni. — 5. faci, ostentator: egli non sapeva sol- 
tanto agire, ma mettere anche in giusta luce le proprie azioni, cfr. 26, 
19, o : fuit Scipio non veris tantum virtutibus mirabilis, sed arte quoque... 
in ostentationem earum composifus, e Tac. hist. 2, 80: omnium, quae di- 
ceret atque ageret, arte quadam ostentator. In ciò che segue ci è come un 
accenno a quello che era propriamente il trionfo dei capitani vittoriosi, 
trionfo che Livio dice istituito per la prima volta da Tarqoinio, cfr. 38, 
8. — ferculum, da fero, accenna propriamente ad un'asta di legno, sulla 
quale si attaccavano le spoglie opime e che anche più tardi fu adoperata 
nei trionfi, cfr. Verg. 11,88 indutosque iubet truncos hostilibus armis Ipsos 
ferre duces. — Capitolium, cioè propriamente sulla fortezza, nei luogo 
dove più tardi fu inalzato il tempio di Giove, Giunone e Minerva, cfr. 
55, 6. Quanto al nome che portava in antico questo tempio, cfr. 11, 6 e 
Varr. 1. 1. 5, 41: hunc Capìtolinum antea Saturnium appellatum prodide- 
runt. — quercum: la quercia era sacra al supremo Dio del cielo, tanta 



AB URBE CONDITA, CAP. X, 2 — 7 57 

set, simul cum dono designavit tempio Iovis finis, Cognomenque 
addidit deo. « Iuppiter Feretri » inquit, « haec tibi Victor Romulus fr 
rex regia arma fero, templumque his regionibus, quas modo 
animo metatus sum, dedico, sedem opimis spoliis, quae regibus 
ducilusque hostium caesis me auctorem sequentes posteri fe- 
rent ». Haec templi est origo, quod primum omnium Romae 7 
sacratum est. Ita deinde dis visum, nec inritam conditoris templi 
vocem esse, qua laturos eo spolia posteros nuncupavit, nec mul- 
titudine compotum eius doni vulgari laudem. Bina postea inter 

presso i Greci e gli Italici quanto presso i Germani ed i Celti, cfr. Verg* 
6. 3, 332 magna Iovis antiquo robore quercus. — sacram pastoribus, dat> 
eoo modi : altrove il dat. con sacer si riferisce alla divinità, a cni qualche 
cosa è consacrata, cfr. 3, 19, 10. Questo luogo dimostra come il colle Ca- 
pitolino non fosse in quel tempo ancora abitato. — designavit: Romolo, 
preoccupando il mestiere degli auguri (cfr. 18, 7), descrive prima nel 
cielo (animo melari, finire, determinare) per mezzo del lituus lo spazio 
consacrato {templum), e quindi disegna sulla terra, in corrispondenza di 
esso, l'abitazione del nume. — 6. Feretri: il nome Feretrius deriva 
probabilmente da feretrum «= ferculum, e quindi e connesso con fero, 
come ammette anche Livio, meglio che con ferire hostes, come giudicava 
Prop. 4, 10, 46. — Bom. rex regia, cfr. 40, 13, 8 e si noti 1' allittera- 
zione, la quale è intenzionalmente ricercata dall'autore nei discorsi, 
nelle formolo solenni e negli scongiuri, per conservar meglio ad essi 
il loro carattere arcaico, cfr. 16, 3; 12, 5; 24, 7. Le armi, che il capi- 
tano romano toglieva in guerra al capitano o al re nemico, dopo di 
averlo ucciso, venivano considerate come spolia opima, cfr. 4, 20, 2. — 
dedico qui fa le veci di destino, in quanto significa " consacrare alla di- 
vinità in forma solenne , uno spazio o pure un oggetto, che passi in 
sua proprietà, cfr. 2, 8, 6. La dedicatio propriamente detta aveva luogo 
soltanto dopo che il tempio era già costruito, cfr. 21, 5. — sedem opimis 
spolii* è una specie di dat. commodi, cfr. 85, 18, 8 sedem bello ca- 
pere. — me auctorem * il mio esempio ,. — ferent, sott. in hanc sedem. 
7. primum : questo piccolo tempio era il più antico che esistesse sul 
Campidoglio, anzi in Roma, e il trovarlo dedicato al dio della vittoria 
è nn fatto non poco notevole e significativo. È questo uno dei templi 
ristorati più tardi da Augusto, cfr. 4, 20, 7. — ita e messo in relazione 
coll'infinito che segue, il quale non potrebbe correttamente dipendere 
da videri nel senso che ha in questo luogo : ita risum qui assume pro- 
priamente il significato àìplacuit. — nec ... nec * mentre da un lato non... 
d'altra parte non „, cfr. quanto al fatto 16, 7. — eo = in templum. — 
nuncupavit * aveva promesso ,: questo verbo si adopera propriamente 
nel significato di * fare un voto o una promessa solenne „, cfr. Festo, 
p. 173: " Santra nuncupata conligit non derecto nominata significare, 
sed promissa et quasi testificata, circumscripta, recepta, quod etiara in 
votis nuncupandis esse convenientius ,. — posteros: poiché qui si ac- 
cenna ai reges e ai duces, egli è cniaro di quali spoglie si intenda par- 
lare. — compotum, sott. laudis. — eius doni dipende da laudem, cfr. 4, 
&2, 11 memor regiae pugna* memor opimi doni Bomulique ac Iovis Fé- 



58 TITI LIVI, LIB. I 

tot annos, tot bella opima parta sunt spolia: adeo rara eius 
fortuna decoris fuit. 
i XI. Dum ea ibi Romani gerunt, Antemnatium exercitus 
per occasionem ac solitudinem hostiliter in fines Romanos in- 
cursionem facit. Raptim et ad hos Romana legio ducta palatos 

2 in agris oppressit. Fusi igitur primo impetu et clamore hostes, 
oppidum captum; duplicique Victoria ovantem Romulum Hersilia 
coniunx precibus raptarum fatigata orat, ut parentibus earum 
det veniam et in civitatem accipiat: ita rem coalescere concordia 

3 posse. Facile impetratimi. Inde contra Crustuminos profectus 
bellum inferentes. Ibi minus etiam, quod alienis cladibus ceci- 

4 derant animi, certaminis fuit. Utroque coloniae missae; plures 



retri rem gererei. — vulgari = vilem, vulgarem fieri, cfr. 2, 41, 4 e 5, 14, 
4 honores vulgari. — bina : prima da A. Cornelio Cosso, il quale uccise 
il re dei Veienti Tolumnio (cfr. 4, 10, 5 e 32, 4), e poi da M. Claudio 
Marcello (222 av. Cr.), il quale uccise il re degli Insubri Virdumaro, come 
L. raccontava nel XX libro delle sue storie, cfr. Prop. 4, 10, 40 e Ver?. 
6, 856. — inter tot annos * nel corso di tanti anni „. 

XI. — 1. ibi, cioè contro i Ceninesi. — per occasionem ac solitudinem. 
Abbiamo qui una specie di endiadi: poiché Tarmata romana era oc- 
capata a combattere i Ceninesi, quella parte del territorio romano, che 
era rivolta verso Antenna, si trovava deserta di difensori e quindi fa- 
cilmente esposta alle rapine degli Antennati, cfr. Tac. Ann. 15, 50 oc- 
casio solitudinis. — ad * contro ,, cfr. n. 5, 7. — legio ha qui probabil- 
mente il significato generico di " esercito „, nel qual senso l'usano i 
poeti ed anche altrove Livio, sopratutto quando parlano delle forze ar- 
mate di un popolo straniero, cfr. Verg. 9, 174 e Livio 27, 5; 28, 3; 2, 26, 
3. Nel suo significato proprio legio indica "una legione,, la quale, 
-come si sa, risultava composta di 8000 uomini (1000 per ciascuna tribù 
e 100 per ciascuna curia) e 800 cavalieri : dopo l'unione dei Sabini coi 
Romani Livio non parla più di legio, ma di legione», cfr. 25, 6. — 
2. clamor, il grido che si manda nel muovere a battaglia. — ovantem ha 
qui il semplice significato di * esultando ,, cfr. 26, 10 ovantem Victoria. 
— Hersilia, la sola matrona che si trovasse tra le rapite. Dopo che 
Romolo fu identificato col Dio Quirino, anche la moglie di lui fu inal- 
zata al grado di dea del matrimonio e della fecondità, e sotto il nome 
di Hora o di Horta venerata nel tempio di Quirino, cfr. Ov. Met. 14, 
832. — in civitatem accipiat, sott. eos. Essi dovevano essere incorporati 
allo stato e partecipare a tutti quanti i diritti dei cittadini romani, 
cfr. 30, 1; 33, 1. — 4. utroque, cioè tanto ad Antenna quanto a Cru- 
8tumerio. Qui si tace affatto, qual fosse la sorte finale di Cenina. Dio- 
nigi però afferma, 2, 35, che anche a Cenina fu mandata una colonia. 
Plutarco invece, Rom. 16, ricorda che Cenina fu distrutta e i suoi abi- 
tanti passarono in Roma, dove anche più tardi si trovano ricordati i sa- 
cerdote Caeninensium. — coloniae. Accennando all'istituzione delle co- 
lonie, Livio tace interamente della condizione che era fatta ai popoli 
vinti, i quali erano considerati come dediticne dovevano cedere a Roma 



AB URBE CONDITA, GAP. XI, 1 — 6 59 

inventi, qui propter ubertatem terrae in Ciustuminum nomina 
darent. Et Romam inde frequenter migratum est, a parentibus 
maxime ac propinquis raptanim. 

Novissimum ab Sabinis bellum ortum, multoquo id maximum 5 
fuit: nibil enim per iram aut cupiditatem actum est, nec osten- 
derunt bellum prius quam intulerunt. Consilio etiam additus 6 
dolus. Spurius Tarpeius Romanae praeerat arci. Huius filiam 
virginem auro corrumpit Tatius, ut armatos in arcem accipiat: 
— aquam forte ea tum sacris extra moenia petitum ierat — ; 

un terzo delle loro terre, che era assegnato come ager publicus ovvero 
diviso tra i nuovi coloni che Roma mandava in quelle città. I vecchi 
abitatori o emigravano in Roma, pur, rimanendo nella madre patria, 
eran considerati come peregrini di fronte ai nuovi abitatori (cives Bo- 
tnani), ai quali era affidata l'amministrazione del comune, cfr. Servio ad 
Aen. 1, 12 colonia est coetus eorutn hominum, qui universi deducti sunt 
in loeum certuni aedificiis munitum propter ubertatem terrae e Cic. 
p. Fiacco 71 : tnallem, si iam te crassi agri delectabant, hic alicubi in Cru- 
ttumino paravisses. — Ciustuminum, neutro sostantivato, cfr. 3, 6, 7 in 
Remico; 5, 84, 1 Celticum; 6, 4, 10 in Veienti. — nomina darent, lascia- 
rono iscrivere il loro nome nell'indice (album) dei colonisti. Poiché le 
prime colonie avevano scopo militare (cfr. 56, 3 occupari fines, praesidia), 
così noi troviamo qui adoperata la stessa espressione che si usa comu- 
nemente per indicare il servizio militare, cfr. 59, 12. — frequenter " in 
gran numero, in gran massa „: essi venivano ammessi nelle tribù coi 
pieni diritti di cittadini. — 6. ortum ab, cfr. 46, 7; 48, 2. — ostende- 
runt " minacciarono „, cfr. 2, 44, 12. — 6. eiiam è diviso da dolus per 
rinforzarne il senso : " inoltre, ancora „. — Tarpeius: i Tarpei si tro- 
vano ricordati anche altrove da Livio, cfr. 8, 81, 5. 50, 15. 65, 1. — arci : 
la punta meridionale del monte Capitolino portava anche il nome di 
*non8 Tarpeius, cfr. 55, 1 e Varr. 1. 1. 5, 41. Prima che su di questa cima 
si inalzasse la cittadella e il tempio di Giove 0. M., che prese propria- 
mente il nome di Capitolium, Tito Tazio vi aveva già fondata la rocca 
Sabina, arx Tarpeia come la chiama Verg. 8, 652, la quale è conside- 
rata da Livio come già inclusa a far parte della Roma Romulea, cfr. 
Tac. Ann. 12, 24 Capitolium non a Bomulo sed a Tito Tatto additum urbi 
credidere. — virginem è apposizione di filiam, cfr. 26, 2; 5, 32, 8 filio adu- 
Useente; 42, 19, 8 puerum filium. — auro, così Livio secondo la leggenda 
comune raccontata da Fabio (Ov. Fast. 1, 261) ; Properzio 5, 4, 4 crede 
invece che essa cedesse vinta da amore. — aquam sacris, cfr. Val. Max. 
3, 6, 1 aquam sacris petitum extra moenia egressam. Poiché Tarpeia fe qui 
rappresentata come una Vestale, la quale va ad attingere acqua alla 
fonte, e d'altro lato Dionigi racconta che i Romani celebrarono ogni 
anno dei sacrifizii sulla tomba (saxum Tarpeium) in onor suo (cfr, 2, 40 
X°às aèxfl 'Poìftaìot xoc#' ixaoiov èvtavxòv ànoveXovat), ne acquista 
grande verosimiglianza l'opinione di coloro, i quali la considerano come 
una dea delle fonti. Difatti è agli dèi solamente, o pure ai benefattori 
dell'umanità, che si concedono per solito tali onori, e non mai ai tra- 
ditori della patria, quale Tarpeia è descritta nella leggenda. La quale 



60 TITI LIVI, LIBEB I 

7 accepti obrutam armis necavere, seu ut vi capta potius arx 
videretur, seu prodendi exempli causa, ne quid usquam fidum 

8 proditori esset. Additur fabulae, quod vulgo Sabini aureas ar- 
millas magni ponderis bracchio laevo gemmatosque magna specie 
anulos habuerint, pepigisse eam, quod in sinistris manibus ha- 

9 berent; eo scuta illi prò aureis donis congesta. Sunt qui eam 
ex pacto tradendi quod in sinistris manibus esset derecto arma 
petisse dicant, et fraude visam agere sua ipsam peremptam 
mercede. 

XII. Tenuere tamen arcem Sabini, atque inde postero die, 
cum Romanus exercitus instructus quod inter Palatinum Capi- 
tolinumque collem campi est complesset, non prius descenderunt 
in aequum, quam ira et cupiditate recuperandae arcis stimulante 

renne probabilmente ispirata da questa doppia circostanza, dalla vici- 
nanza cioè del tempio di lei tanto al luogo in cui erano puniti i tra- 
ditori della patria, quanto alla porta Pandana la quale Btava abitualmente 
aperta (cfr. Dion. 10, 14: elol ydo uveg legai nvAai *otJ KantxtaXtov 
xard r* d-éocpatov àveipévai) ; circostanza che, come è facile intendere, 
potè assai di leggieri suggerire la leggenda, che quella porta fosse stata 
aperta da Tarpeia ai Sabini. — 8. fabulae: questo dativo che appar- 
tiene ai manoscritti, e che poco consigliatamente gli editori trasformano 
in fabula, fa fede del buon senso di Livio, al quale non rimase nascosta 
T inverosimiglianza intrinseca di tutto questo racconto. — aureas, cfr. 
Dion. 2, 38 %Qvoo<póoot yào f^oav ol JSapivoi tòte xal Tvooijvàtv ot% 
fytov àpgoótaizoi, e 30, 4 genti opulentissnnae. Altrove invece, come si 
è di già osservato, i Sabini vengono descritti come gente di costume 
assai semplice, il che rende ragione del xóxs qui usato da Dionigi. — 
gemmatos, &7t. elg. — pepigisse * aver messo a patto del suo tradimento,, 
cfr. Ov. Ani. 1, 10, 49 non fuit armillas tanti pepigisse Sabinas, Ut pre- 
merent sacrae virginis arma caput. — eo, abl. strumentale con signifi- 
cato causale: * per questa ragione „, cfr. 2, 5, 5. — illi congesta: questa 
dat. si spiega colla prop. che bisogna sottintendervi daccanto: non aurea 
dona illi congesta sed scuta. In senso proprio, dopo congerere n aspette- 
rebbe in coll'acc. — 9. sunt qui: lo storico Pisone, il quale tendeva 
a dare un carattere patriottico a tutto questo racconto, immaginò che 
Tarpeia domandasse ai nemici non già i braccialetti, ma gli scudi, af- 
fine di consegnarli inermi nelle mani dei suoi concittadini. — ex pacto 

per mezzo della promessa ottenuta „. — quod in s. m. esset è una pro- 
posizione che funge da oggetto di tradendi. — derecto, o anche directo r 
* direttamente „, cfr. 22, 47, 3 in derectum. — sua ipsam = sua ipsius. 

XII. — 1. tenuere tamen : comunque sia di tutte queste leggende, egli 
è certo che i Sabini entrarono in possesso della rocca, cfr. per quest'uso 
del tamen 21, 89, 10. — quod campi est, il territorio cioè su cui più 
tardi sorse il foro sino al Velabro, cfr. 14, 4 e 8, 7, 9 quod vacui ime- 
riacebat campi. — in aequum : i Sabini cominciarono a discendersi nel 
piano (in aequum), appenachè videro i Romani incitati prendere la rin- 
corsa su pei fianchi del monte (in adversum, sott. montem), colla Bpe- 



AB UEBK CONDITA, CAP. XI, 7— XII, 7 - 61 

animos in adversum Romani subiere. Principes utrimque pu- 2 
gnam ciebant, ab Sabinis Mettius Curtius, ab Romania Hostius 
Hostilius. Hic rem Romanam iniquo loco ad prima signa animo 
atqne audacia sustinebat. Ut Hostius cecidit, confestim Romana 3 
inclinatur acies, fusaque est ad veterem portam Palatii. Romulus 4 
et ipse turba fugientium actus arma ad caelum tollens: « Iuppiter, 
tuis » inquit « iussus avibus hic in Palatio prima urbi fonda- 
menta ieci. Arcem iam scelere emptam Sabini habent; inde bue 5 
armati superata media valle tendunt; at tu, pater deum homi- 
numque, hinc saltem arce bostes, deme terrorem Romanis fugam- 
que foedam siste. Hic ego tibi templum Statori Iovi, quod mo- 
numentum sit posteris tua praesenti ope servatam urbem esse, 
voveo ». Haec precatus, yelut si sensisset auditas preces, « hinc » 7 

ranza di scacciarli dalla posizione che avevano occupata. — in adversum, 
cfr. 7, 23, 9 Galli cum cursu paene in adversum subissent; 7,34, 12 in ad' 
versum eollem subire. 2. principes = noópayjoi * quelli che si trova- 
vano alla testa dei due eserciti ,. — pugnam ciere * incitare alla bat- 
taglia coll'esempio e colle parole „, cfr. 2, 19, 10. 47, 1. — Mettius ed 
Hostius sono apposizioni di principes, a quel modo che ab Sabinis e ab 
Romanis sono epesegesi di utrimque. — ad prima signa * tra le prime 
file ,, cfr. 30, 18, 4 ad prima signa proelium sustine. — 3. fusaque est 
ad — ftisaque est usque ad, cfr. 2, 49, 12 fusi retro ad saxa rubra; 22, 
49, 1 1 primo concursu Poenum usque ad castra fusum, cfr. quanto al fatto 
Dion. 2, 42: Mérriog édiatxe roi>g tpeàvovtug t&v noXeploìv éoxeóaopé- 
vov$ nal i*i%Qt t&v nvÀ&v atioòg ijÀaae, e Plut. Rom. 18: roìg 2apC* 
voig èvédioxav ol ' Papato t nal <pvA,jl noòg %ò HaAàvtiov ì%ùqovv è§ù>- 
doéuevot x&v imniòav. Se si volesse riferire la frase ad veterem p. 
Palatii (nel senso di apud vet etc.) alla prop. seguente, non solo si da- 
rebbe al periodo precedente una chiusura poco armoniosa, ma quel che 
è più si torrebbe via la contrapposizione tra i due periodi, di cui uno 
comincia con Hostius e l'altro con Romulus. E inoltre si badi, accettando 
questa interpunzione, si troverebbe per due volte nominato nello stesso 
periodo il Palatium. — veterem portam, in contrapposizione alle nuove 
aperte da Servio. La città Romulea, nella cinta del Palatino, aveva le 
sue proprie fortificazioni e le sue porte: quella che è qui ricordata, 
porta Palati (Ov. Trist. 3, 1, 31) anche porta Mugionia, nella dirama- 
zione settentrionale del colle, sporgeva sulla sumnia saa-a via. — 4. actus 
* trascinato ,, cfr. 2, 47, 2. — 5. media valle: la valle che giace tra 
il Capitolino e il Palatino, cfr. § 1. — deme terrorem f. f. siste: l'allitte- 
razione ed il chiasmo conferiscono una forma più solenne a questa pre- 
ghiera. — 6. Statori: Iuppiter Stator {'OQ&dxnog, Hrfoiog) è il dio che 
raccoglie gli eserciti e ferma [sistit) la fuga. Questo tempio si trovava sulla 
parte più alta della via nova (cfr. 41, 4), e promesso qui da Romolo fu inai- 
xato soltanto più tardi (a. 264 av. Cr.) dal console M. Attilio, in occa- 
sione della battaglia di Lucerà (cfr. 10, 37, 15). — tnonumentum, il nota, 
in luogo del dat. che sarebbe d'uso più proprio, cfr. 45, 1 1 ; 52, 4 ; 56, 9. 
— 7. auditas, sott. esse'. — restitere: l'asindeto e la ripetizione della 



62 TITI LIVI, L1BEB I 

inquit, « Romani, Iuppiter optimus maximus resistere atque 
iterare pugnam iubet ». Restitere Romani tamquam cadesti voce 

8 iussi: ipse ad primores Romulus provolat. Mettius Curtius ab 
Sabinis princeps ab arce decucurrerat, et efFusos egerat Romanos, 
toto quantum foro spatium est, nec procul iam a Porta Palatii 
erat, clamitans: « vicimus perfìdos hospites, imbelles hostes. Iam 

g sciunt longe aliud esse virgines rapere, aliud pugnare cum viris ». 
In eum haec gloriantem cum globo ferocissimorum iuvenum 
Romulus impetum facit. Ex equo tum forte Mettius pugnabat; 
eo pelli facilius fuit. Pulsum Romani persequuntur ; et alia Ro- 
10 mana acies audacia regis accensa fundit Sabinos. Mettius in 
paludem sese strepitu sequentium trepidante equo coniecit; 
averteratque ea res etiam Sabinos tanti periculo viri. Et ille 
quidem adnuentibus ac vocantibus suis favore multorum ad- 
dito animo evadit; Romani Sabinique in media convalle duo- 



medesima parola concorrono ad indicare l'immediato successo, che ebbe 
questa preghiera. — ipse serve a mettere in mostra la persona di Ro- 
molo, di fronte al resto dei Romani; a ciò concorre anche la disposi- 
zione speciale delle parole. — 8. decucurrerat: più frequenti sono 
in Livio le forme senza raddoppiamento (il raddoppiam. si incontra an- 
cora in 22, 4, 6 e 25, 17, 5). — toto est = per tantum spatium quantum 
toto foro est. — est, intende * ora ,, cioè a tempo di Livio. — hospites... 
hostes: paronomasia, cioè uso di parole apparentemente affini ma di 
significato diverso, assai ricercata e usata da Livio, cfr. 58, 8; 21, 24, 4 
e Cic. div. 2, 37, 79. — 9. haec gloriantem, cfr. 8, 4, 3 quod olimpudebat 
nunc gloriari licet e Cic. Cat. m. 82. — ferocissimorum : si noti che ferox 
ha in lat. il significato di " baldo, ardente, pieno di fuoco ,. — eo fa- 
cilius, perchè il cavallo preso da timore fuggì, cfr. § 10. — alia = £ 
dÀÀtj, cfr. 7, 3. — IO. strepitu ... periculo sono abl. di causa: * in se- 
guito a „. — averter at, sott. a pugna e cfr. 6, 1; 2, 45, 2; 28, 6, 4 cum 
omnium animos id certamen avertisset: quanto al significato del piucchpf. 
cfr. n. 7, 1. — etiam serve a contrapporre i Sabini al loro duce. — et 
ille in luogo di cum ille, per indicar meglio la celerità con cui si suc- 
cedono questi due fatti, lo scoraggiamento da un lato di Mezzio e del 
suo esercito, e dall'altro il loro ritorno disperato alla pugna. — suis, 
cioè la sua scorta o quelli che gli si trovavano dattorno, in contrapposi- 
zione ai multi a cui si accenna dipoi. — favore multorum: egli prese 
animo nel vedere come gli si ingrandisse dattorno il numero dei suoi 
fidi, che erano ancora- pronti a difenderlo. Favor e f avere si adoperano 
comunemente per indicare la partecipazione che pigliano gli spettatori 
ai giuochi del circo, ai quali essi accorrono con un partito preso, per 
aiutare cioè ed acclamare (adnuere ac vocare) i lottatori, alla cui vit- 
toria hanno o prendono interesse, cfr. 25, 9; 48, 2; 23, 46, 2: Romanisque 
crescerent animi... Nolanis etiam per clamorem, favori s indicem, accen- 
dentibus ardorem pugnae. — evadit, sott. e palude. — media convalle: i 



AB UBBB CONDITA, GAP. XII, 8 — XIII, 5 63 

rom montium redintegrant proelium. Sed res Romana erat su- 
perior. 

XIII. Tum Sabinae mulieres, quaruni ex iniuria bellum i 
ortum erat, crinibus passis scissaque veste vieto malis muliebri 
pavore ausae se inter tela volantia inferre, ex transverso impetu 
facto dirimere infestas acies, dirimere iras, hinc patres hinc 2 
viros orantes, ne se sanguine nefando soceri generique resper- 
gerent, ne parricidio macularent partus suos, nepotum illi, hi 
liberum progeniem. « Si adfìnitatis inter vos, si conubii piget, a 
in nos vertite iras; nos causa belli, nos vulnerum ac caedium 
viris ac parentibus sumus; melius peribimus quam sine alteris 
vestram viduae aut orbae vivemus ». Moment res cum multitu- 4 
dinem tum duces-j silentium et repentina fit quies; inde ad foedus 
faciendum duces prodeunt; nec pacem modo, sed civitatem unam 
ex duabus faciunt ; regnum consociant, imperium omne conferunt 
Romam. Ita geminata urbe, ut Sabinis tamen aliquid daretur, & 

Sabini erano stati già respinti dalla porta Mugionia. — res Romana = 
Romani, cfr. 54, 3. 

XIII. — 1. vieto pavore : questo abl. ass. contiene la ragione di ausae 
se inferre; al contrario crinibus e veste mettono in mostra la loro na- 
tura di donne, cfr. Geli. 13, 23, 13. — ex transverso * di lato „, cfr. ex 
infimo, ex summo, ex alto e 14, 9 transversam invadunt aciem. — dirimere 
dipende da ausae sunt. — iras => iratos, cfr. 29, 2 clamor hostilis = 
clamantes hostes ; 4, 33, 3 incendium ... proelium = incensum ... proelians ; 
3, 19, 5 semina discordiarum =satores] 4, 26, 3 militia = milites. — 
2. hinc ...hinc: l'espressione classica è hinc ... illinc, cfr. 2, 29, 9. — ne- 
fando ... parricidio, perchè alla fine essi erano parenti. — partus suos 
* i loro figliuoli ,, è detto in relazione alle donne. L'uccisione dei pa- 
renti era una macchia che si trasmetteva ancora ai discendenti, cfr. 3, 
50, 5. — nepotum ... liberum progeniem, sono apposizione o meglio epese- 
pesi di partus suos. — 3. si: questa miscela di oratio recta e di 
oratio obliqua è assai rara in Cic, ma abbastanza frequente in Livio, 
quando egli intende di rappresentare in modo più vivo il crescere del- 
l'aifetto. Questo passaggio è indicato talora da inquit, cfr. 2, 2, 7. — 
inter vos attribut. * scambievole ,, cfr. 9, 11 consuetudinis inter vos. — 
melius peribimus, espress, brachilogica * sarà meglio per noi morire „, 
cfr. 30, 15, 7 melius me moriturum fuisse. — sine alteris: alter qui fa 
quasi le veci di alteruter, cfr. 29, 23, 9. — 4. res * le cose da loro 
dette ,: alcuni considerano res come sing. e mutano per questa ragione 
la lezione dei codd. movent in movet. — ad foedus: i due re vengono a 
patti, senza prima interrogare il senato o pure il popolo. — unam, cfr. 
17, 2 in societate aequa, e Cic. de rep. 2, 13 quo foedere et Sàbinos in ci- 
titatem ascivit sacris communicatis et regnum suum (Bomulus) cum illorwn 
r <ge sociavit. — regnum: uniscono i due regni in un regno solo, ma 
fanno però che la sede del comando (imperii) risieda sempre in Roma. 
— 6. geminata urbe, cfr. Cic. prò Baio. 13, 31 : illud maxime nostrum 



64 TITI LIVI, LIB. I 

Quirites a Curibus appellati. Monumentimi eius pugnae, ubi 

fundavit imperium, quod Romulus foedere Sabino docuit etiatn hostibus re- 
cipiendis augeri hanc civitatem debere. — tamen aliguid, cfr. Cic. de Or. 2, 
60 est, fatebor, aliquid tamen. Di fronte ai vantaggi reali ottenuti dai 
Romani, questo era pur troppo pei Sabini nient'altro che un vantaggio 
di nome. — Quirite» a Curibus appellati: in questa prop. Quirites fa da 
predicato e il soggetto va sottinteso da geminata urbe, cioè ' i cittadini 
della città in tal modo raddoppiata „. Questa stessa tradizione trovasi 
anche riferita da Festo, p. 254: Quirites auiem dicti post foedus a Ro- 
mulo et Tatio percussum communionem et soeietatem populi factam indi- 
cant, e da Varrone 1. 1. 5, 51: Collis Quirinalis ob Quirini fanum; sunt 
qui a Quiritibu8, qui cum Tatio Curibus venerunt Jiomam, quod ibi ha- 
buerint castra. L'unico elemento storico in tutta questa leggenda è il 
fatto della fusione della colonia Sabina, che dimorava sul Quirinale, 
colla colonia Romana del Palatino; fusione che è attestata non solo 
dalla nomenclatura e dalla forinola ufficiale Populus Romanus Quirites 

anche Quiritium (cfr. Liv. 8, 6, 13 prò populo Romano Quiritibusque ; 
5, 41, 3 prò patria Quiritibusque Romania; Acta fr. Arv. CXV1II, 59 jra- 
puloque Romano Quiritibus), la quale è perfettamente pari all'altra pa- 
tres conscripti = patres et conscripti (il gen. Quiritium fu adottato sol- 
tanto più tardi per soddisfare alle esigenze della grammatica); ma 
anche dalla connessione sicura e indiscutibile del nome Quìritis colla 
voce sabina curis = hasta (cfr. Dion. 2, 40 Kàpeig ol Saplvoi zàg aixpàg 
xaÀovotv) ; connessione la quale non è punto infirmata dal fatto che i 
Quirites impugnavan Xha&ta col pilum, invece che la curis, mentre poi 
e luminosamente giustificata dal nome pilumnus che troviamo ricordato 
come equivalente di Romanus (cfr. Festo, p. 20, 5), e per di più dalla 
doppia forma Curiti» (Orelli 1303 e Mart. Cap. 2, 149) e Quiritis (I. R. N. 
1381 e Orelli 1304), sotto di cui veniva venerata dai Sabini la dea Giu- 
none. Ad accrescere fede a questa fusione si aggiunge anche il nome del 
dio Quirinus, con cui i Romani identificarono Romolo ; e che in realtà, 
come i Greci non mancarono d'osservare, era nient'altvo che un sopran- 
nome Sabino del dio Marte, pari all'epiteto 'EvvàAiog = noÀefAiOiyg 
{da ivttù = <povéa>), che gli è dato da Omero II. 18, 519 (cfr. Dion. 2, 48: 
zòv <T 'EvvdÀtov ol 2a(ììvot, nal nag* inetv<av ol 'Piopaìoi fia&óvzeg 
Kvgìvov óvopàgovoiv, oéx iypvzeg elntlv tò àxpi/ìèg ette "Aptjg iazlv 
ette izeoóg zig ópoiag "Apet zipàg Ì%<àv' ol fikv yàp i<p' évòg otovzat 
&eoi) 7ioÀeftixù)v àytóvtov ^yefióvog indzepov z&v àvoftàztav xazijyopeìo&at, 

01 Sé xazà óvotv zdzzeo&ai daif*óva>v noXefiioz&v za óvóftaza). Questo 
Dio Sabino, che prese il soprannome di Quirinus dalla lancia (curis) che 
ne era il simbolo, era considerato nella tradizione nazionale come padre 
di Modius Fabidius il fondatore di Cures, al modo stesso che il dio Al- 
bano Marte nella tradizione romana apparisce come padre dei due ge- 
melli Romolo e Remo. L'affinità tra le due tradizioni e la fusione delle 
due razze, dopo che di essa si era quasi perduta la coscienza, concorse 
a far identificare Romolo con Quirino, ma non sì però che della diffe- 
rente loro origine non si serbasse almeno nel culto qualche memoria. 
Quirino fu considerato sempre come ili Dio, che i Sabini di Tito Tazio 
avevano trasferito da Cures sul colle Romano, che da lui prese il nome 
di Quirinalis; dove ebbe il suo tempio in vicinanza dell'altra divinità, 



AB USBE CONDITA, GAP. XIII, 5 — 8 65 

primnm ex profonda emersus palude equus Curtium in vado 
statuit, Curtium lacum appellarunt. 

Ex bello tam tristi laeta repente pax cariores Sabinas viris 6 
ac parentibus et ante omnes Romulo ipsi fecit. Itaque, cum po- 
pulum in curias triginta divideret, nomina earum curiis imposuit. 
Id non traditur, cum haud dubie aliquanto numerus maior boc 7 
mulierum fuerit, aetate an dignitatibus suis virorumve an sorte 
lectae sint, quae nomina curiis darent. Eodem tempore et cen- 8 
turiae tres equitum conscriptae sunt: Ramnenses ab Romulo, ab 

anche essa d'origine 8abina, Dius Fidius. A tener vivo il suo culto fa 
creato da Noma il flatnen Quirinali* ed un secondo collegio di Salii 
(cfr. Festo p. 185 e Liv. 5, 89, 40), e fa istituito anche prima, forse allo 
stesso scopo, da Tazio il collegio dai sodale* Tttii, le cui attribuzioni 
non ci sono ben note (cfr. Tac. Ann. 1, 54 ut quondam T. Tatius retinendis 
Sabinorum sacris Sodales Titios instituerat). E, per finire, nelle antiche 
formolo di giuramento, Quirino era invocato accanto a Marte come una 
divinità affatto da esso distinta, cfr. Lìt. 5, 52, 7 Mars Gradive tuque 
Quirine pater; 8, 9, 6 Mars pater, Quirine. — Curibus: la città di Oures, 
che corrisponde oggi al piccolo villaggio di Corrose, si trovava a nord- 
est di Roma, circa un miglio distante dal Tevere. — tnonumentum = ut 
e**H tnonumentum 36, 5, cfr. anche 48,7 monumentogue loeus est: scele- 
ratum vicum vocant. — ubi = eum loeum ubi, cfr. 32, 89, 6 haud procul 
urbe Mycenica vocatur, se. locus. — Curtium: questo stagno si trovava 
<juasi in mezzo al foro (Ov. Fast 6, 401) ed ebbe il suo nome dal Sabino 
Mezxio Curzio, secondo la tradizione narrata da Pisone (cfr. Varr. 1. 1. 
5, 149), o pur da M. Curzio, secondo la tradizione che racconta altrove 
Livio, cfr. 7, 6, 3. — 6. repente ha funzione attributiva, cfr. 39, 3. — 
eurias: questo nome deriva assai probabilmente da co-viria " assembra- 
mento di uomini „ (cfr. volsco eovehriu) e si adopera per indicare la 
rianione di più gentes, che hanno in comune non solo i sacra, ma anche 
i diritti e i doveri. — triginta : L. qui tien conto della divisione che 
ebbe luogo posteriormente, quando la cittadinanza romana comprendeva 
tre tribù e ciascuna di queste era divisa in 10 curìae. — earum nomina'. 
tra i nomi di queste curie si ricordano quelli di Floriensis, Rapta, Ve- 
liensis, Velitia, Titia, Faucia, Aceuleia, i quali, a causa della loro desi- 
nenza, potevano facilmente essere interpretati come nomi di donne. 
Plutarco però (Rom. 20) ci ragguaglia, che parecchi di essi corrispon- 
devano assai probabilmente a nomi di luogo. — 7. maior : secondo 
Dion. 2, 30 erano 683, cfr. Cic. de rep. 2, 14. — hoc, di quello cioè teste 
ricordato (trenta). — dignitatibus * meriti, distinzioni onorifiche ,. — nom. 
darent, cfr. Cic. de rep. 2, 8 quas curias earum nominibus nuncupavit, quae 
tx Sabinis virgines raptae postea fuerant oratrices pacis et foederis. — 
8. centùria, al pari di decuria, deriva da cùria per *co-ùria ed indica 
la riunione di 100 uomini. Le tre centurie dei cavalieri portavano il 
nome delle 3 tribù in cui Roma era già anticamente divisa, cioè dei 
Ramnes, dei Tities e dei Lucer es (cfr. 10, 6, 7 tres antiquae tribus; Cic. 
de rep. 2, 8; Varr. 1. 1. 5, 55, 81; Dion. 2, 7; Plut. Rom. 20), ed erano 
scelti, a quel che pare, 10 da ciascuna curia. — conscriptae: esse furono 

E. Cocchia, Tito Livio, I, 8* edis. 6 



66 TITI LIVI, LIB. I 

T. Tatio Titienses appellati; Lucerum nominis et originis causa 
incerta est. Inde non modo commune, sed concors etiam regnum 
duobus regibus fuit. 

XIV. Post aliquot annos propinqui regis Tatii legatos Lau- 
rentium pulsant, cumque Laurentes iure gentium agerent, apud 

formate, ooll'inscrivere il nome dei componenti di ciascuna tribù o curia 
nell'albo dei cavalieri. Bai 43, 4 e 86, 8 apparisce che questa scelta 
aveva luogo soltanto dopo di aver preso gli augurii {inaugurato). — 
Bamnenses e Titienses sono aggettivi derivati dai nomi delle tribù 
Ramnes e Tities, e non già da quelli dei re Bomulus e Tatius, come 
ammette Livio, perchè il suffisso lat. -«noi* non si congiunge mai con. 
nomi di persona. Quanto alla terza centuria essa porta direttamente il 
nome della tribù (Luceres) e non già quello derivato di Lucerenses, che 
è d'uso poco comune. Le prime due di queste tribù rappresentano assai 
probabilmente l'elemento Romano e l'elemento Sabino, da cui fu costi- 
tuita la primitiva popolazione di Roma (riguardo al significato e all'ori- 
gine del nome Tities, cfr. quello dei sodales Titii istituiti da T. Tazio) y 
quanto alla terza non è ben sicuro se essa accenni ad un elemento Al- 
bano, come par che Livio inclini a credere (cfr. 33, 1), o pure ad un eie» 
mento etrusco, come ammettevano la maggioranza degli storici Romani, 
cfr. Cic. de rep. 2, 8: Bomulus popidum et suo et Tatii nomine et Lucu- 
tnonis, qui Bomuli socius in Sabino proelio oceiderat, in tribùs tris cu- 
riasque triginta descripserat; Varr. i. 1. 5, 55: * Nominatae tribus, ut ait 
Ennius, Tatientes a Tatio (la forma Titienses è sicuramente d'orìgine più. 
tardiva e deriva per assimilazione intersillabica da Tatiénses, così, come 
Bamnenses è sincope di Romanénses, secondo una caratteristica propria 
dell'etrusco), Bamnenses a Bomulo, Luceres, ut Iunius, a Lueumone. Sed 
omnia haec vocabula Tasca, ut Volnius, qui tragoedias tuscas scripsit, 
ait „; Festo, p. 119: * Lucerenses et Leuceres appellati a Lucerò Ardeae 
rege, qui auxilio fuit Romulo ad versus Tatium bollanti ,. A questa opi- 
nione potrebbe accrescer credito il fatto che, mentre i primi re furono 
a vicenda Romani e Sabini, gli ultimi appartennero fuor di dubbio alla 
razza etnisca, quali rappresentanti di quel terzo elemento che prese 
parte alla formazione della città. E la tradizione lo conferma nel modo 
più luminoso, col riferire appunto a Tarquinio Prisco l'origine della 
terza centuria dei cavalieri. — commune e messo in relazione con re- 
gnum consociant. Livio però trascura qui di ricordare tanto le leggi che 
furono date in comune dai due re, quanto le istituzioni religiose d'ori- 
gine sabina che furono introdotte in Roma da T. Tazio (cfr. 55, 2); del 
quale ultimo egli non ricorda, dopo la sua unione con Romolo, altro 
che il modo come morì, cfr. 14, 2; Cic. de rep. 2, 14; Dion. 2, 51; Plut. 
Rom. 23. — duobus = ambobus, cfr. 24, 1 ; 25, 14. 

XIV. — 1. Laurentium sono gli abitanti di Laurento e dei dintorni,, 
cfr. 1, 4, 7 : secondo Dion. 2, 58, furono i primi gli abitanti di Lavinio 
a muover lamento. Al tempo degli imperatori, Laurento e Lavùùo for- 
giavano una città sola, sotto il nome di Lauro Lavinium. — pulsant 
" maltrattano ,. — iure agere * appellarsi al diritto delle genti ,, se- 
condo il quale gli ambasciatori erano considerati come inviolabili (cfr. 2 r 
4, 7), e il popolo a cui essi appartenevano aveva diritto al risarcimento 



AB UHM CONDITA, CAP. XIII, 8 — XIV, 4 67 

Tatium gratia suorum et preces plus poterant. Igitur illorum 2 
poenam in se vertit: nam Lavini, cum ad sollemne sacrificium 
eo venisset, concursu facto interficitur. Eam rem minus aegre, 3 
quam dignum erat, tulisse Romulum ferunt, seu ob infidam 
societatem regni, seu quia haud iniuria caesum credebat. Itaque 
bello quidem abstinuit: ut tamen expiarentur legatorum iniuriae 
regisque caedes, foedus inter Romam Laviniumque urbes reno- 
vatum est. 

Et cum his quidem insperata pax erat; aliud multo propius 4 
atque in ipsis prope portis bellum ortum. Fidenates nimis vi- 
cinas prope se convalescere opes rati, priusquam tantum roboris 
esset, quantum futurum apparebat, occupant bellum facere. 

delle offese (ad poenam deposcere 21, 6, 8). — gratta, il favore di cui essi 
godevano. — 2. illorum poenam, la pena che spettava ad essi, che 

si erano meritata colla loro cattiva azione. — sollemne sacrificium: 
T. Tazio, qual re Romano, viene a compiere in Lavinio, che era consi- 
derata come il centro della lega latina, quel solenne sacrifizio in onore 
dei Penati, che i magistrati Romani solevano offrire ogni anno, in oc- 
casione della loro festa, cfr. 5, 52, 8; Lue. 7, 894; Servio ad Aen. 2, 296; 
3, 12 ; 8, 664. — concursu facto * fattoglisi dattorno un assembramento 
di popolo ,. — 3. ob infidam: è questa una sentenza, divenuta poi 
più tardi d'uso comune, la quale mette capo ad Ennio presso Cic. off. 
I, 8, 26 : nulla sancta societas nec fides regni est, cfr. anche Tao. Ann. 13, 
17: antiquas fratrum discordias et insociabile regnum aestimantes. — ex- 
piarentur, cfr. Plut. Rom. 24 xa&aQpoZs ó 'PdtftvÀog Jfyvtoe ras nóAei$. 
Colla rinnovazione del trattato, le citta si promisero scambievolmente, 
che non si sarebbe mai più rinnovato lo scandalo di insultare gli am- 
basciatori. Però, siccome expiare accenna ad una purificazione d'indole 
religiosa, e d'altra parte si sa che più tardi invalse l'uso, il quale poi 
durò sino a tempo dell'Impero, di rinnovare ogni anno i trattati d'ai* 
leanza nel decimo giorno dacché si erano celebrate le feriae Latinae 
(cfr. 8, 11, 15); così egli è probabile che anche in questo luogo si ac- 
cenni alla stessa circostanza. — Lavinium è qui nominata per essere 
essa la sede del santuario e il centro della lega. — 4. et quidem si 

trova ben spesso adoperato da Livio nella prima parte di un contrap- 
posto, sebbene nella seconda manchi talvolta la particella avversativa, 
cfr. 12, 10. — atque: particella copulativa la quale rinforza il senso di 
propius. La ripetizione, che è qui fatta a breve distanza della stessa parola 
in funzioni diverse {propius agg., prope avv., prope prep.), è abbastanza 
usuale in Livio, cfr. 53, 4; 2, 18, 2. — Fidenates: la citta di Fidene, a 
circa 6000 passi da Roma (il passo romano corrispondeva alla lunghezza 
di 5 piedi), era situata al confluente del f. Cremerà col Tevere e cor- 
risponde all'odierno Castel Giubileo. Era questa la città etnisca più 
vicina a Roma e la sola che fosse posta ad oriente del Tevere, e fa 
perciò continuamente in guerra con essa. Il racconto fatto in questo 
luogo trovasi ripetuto in 4, 82, 8. — vicinas prope se, cfr. per un simile 
pleonasmo 33, 33, 6 propinqua vicinità* ; 27, 1, 11 ante ... prior; 10, 29, 2 
vana incn*s»m. — quantum futurum apparebat ■■ quantum manifeste brevi 



68 TITI LIVI, LIB. I 

Iuventute armata immissa, vastatur agri quod inter urbem ac 

5 Fidenas est. Inde ad laevam versi, quia dextra Tiberis arcebat, 
cum magna trepidatione agrestium populantnr; tumultusque 

6 repens ex agris in urbem inlatus prò nuntio fuit. Excitus Ro- 
mulus — ncque enim dilationem pati tam vicinura bellum po- 
terat — exercitum educit, castra a Fidenis mille passuum locat. 

7 Ibi modico praesidio relieto, egressus omnibus copiis, partem 
militum, locis circa densa obsita virgulta obscuris, subsidere in 
insidiis iussit; cum parte maiore atque omni equitatu profectus, 
id quod quaerebat, tumultuoso et minaci genere pugnae, ade- 
quitando ipsis prope portis, hostem excivit. Fugae quoque, quae 
simulanda erat, eadem equestris pugna causam minus mirabilem 



futurum erat. — oecupant ' ai affrettano a far loro guerra >( prima di 
riceverla, cfr. per questa costruzione assai poco classica di occupo col- 
l'inf. (= q>&dveiv) 30, 8. — armata immissa: quest'unione asindetica di 
due participii, di cui l'uno funge da attributo e l'altro da predicato, è 
assai più frequente in Livio che negli scrittori precedenti a lui, cfr. 46, 
1 ; 8, 12, 9 bello infecto omisso; 8. 88, 9 defosso cadavere invento. — agri 
quod, cfr. 12, 1. — 6. ad laevam, ad oriente di Roma, lungo l'Aniene. 
— tumultusque: i contadini, in vista di tali fatti, fuggirono verso la 
città che era il solo luogo fortificato, cfr. 2, 10, 1. — repens, cfr. 10, 
18, 3 tumultus repens poslquam est Romam perlatus. — 6. mille pas- 
suum e mille passus (acc. di misura) sono adoperati reciprocamente da 
Livio, senza alcuna differenza, cfr. 3, 20, 7; Caes. b. g. 1, 25, 5; Cic ad 
~Mt. 4, 16, 14. — 7. omnibus copiis, abl. strum. in luogo di cum omn., 
< ' r. 12, 9 cum globo. — locis circa densa obsita virgulta obscuris. Tra le 
emendazioni più notevoli proposte per questo luogo, è certamente quella 
recentissima del Novak, che considera densa obs. virgulta come un glos- 
sema aggiunto a dichiarazione di circa e di obscuris. Ma l'uso perfetta- 
mente liviano deìVobsitus (cfr. 21, 54, 1 locus obsitus palustribus herbis; 
28, 2, 1 obsiti virgultis colles) non la fa parere a noi gran fatto verosi- 
mile. Io perciò preferisco di lasciare immutata la lezione dei mscr. e, 
finché non sia fatta luce più piena, di interpretare circa come una pre- 
posizione (cfr. 9,25, 2 coniurationes circa Campaniam passim factae; 25, 
9, 2 circa vias), la quale descriva la natura del luogo scelto per l'in- 
sidia. — subsidere in insidiis " mettersi in agguato „, cfr. l'espressione 
affatto a questa affine 43, 23, 4 cum cohorte sua in insidiis loco óbscuro 
consedit. — id quod serve come dichiarazione anticipata della frase ho- 
stem excivit, cfr. 22, 4, 5 Foenus ubi, id quod petierat, clausum habuit ho- 
stem. — adequitando: l'uso del gerundio come apposizione, di cui si in- 
contra già qualche es. in Ciò. (cfr. Fin. 1, 10, 36), ricorre frequentissimo 
in Livio, cfr. 56, 2. 11 v. adequitare, che e qui costruito col dat. (ipsis 
portis), in Ces. riceve sempre ad coll'acc. — eadem equestris pugna: la 
battaglia ingaggiata dalla cavalleria innanzi alle porte di Fidene fé' 
parere naturale quella fuga, che in realtà era pienamente simulata. — 
minus mirabile: meno strano di quel che sarebbe stato un assalto di 
fanti, i quali poi si fossero improvvisamente volti in fuga. Infatti l'as- 



AB UBBB CONDITA, GAP. XIV, 5 — 11; XV, 1 69 

dedit. Et cum velut inter pugnae fugaeque consilium trepidante 8 
equitatu pedes quoque referret gradum, plenis repente portis 
effusi hostes, impulsa Romana acie, studio instandi sequendique 
trahuntur ad locum insidiarum. Inde subito exorti Romani trans- 9 
versam invadunt hostium aciem ; addunt pavorem mota e castris 
signa eorum, qui in praesidio relieti fuerant: ita multiplici ter- 
rore perculsi Fidenates prius paene, quam Romulus quique cum 
eo erant circumagerent frenis equos, terga vertunt; multoque 
effusius, quippe vera fuga, qui simulantes paulo ante secuti erant, 10 
oppidum repetebant. Non tamen eripuere se hosti: haerens in 
tergo Romanus, priusquam fores portarum obicerentur, velut li 
agmine uno inrumpit. 

XV. Belli Fidenatis contagione inritati Veientium animi. Et i 

salto di una fortezza è sempre affidato alla cavalleria, la quale non 
solo possiede le armi per combattere corpo a corpo, ma anche i mezzi, 
quando ne sia il caso, per una sicura e pronta ritirata. — 8. velut 
trepidante = velut si trepidarti. L'unione di velut con un abl. ass. è ab- 
bastanza frequente in Livio, cfr. 29, 4; 31, 3; 53, 5; 2, 12, 13. — inter, 
cfr. 36, 10, 8 incerto regi inter spem metumque. — trepidante * rimanendo 
incerto, indeciso ,. — pedes, sost. collettivo = pedites. — piente portis 
* dalle porte presso le quali bì accalcava continuamente nuova folla ,, 
cfr. Verg. 12, 121 plenis se fundunt agmina portis. — impulsa Rom. acie 
" rotte le file dell'armata romana ,. — 9. transversam, perchè una 

parte di essi avevano di già oltrepassato il luogo dell'agguato, cfr. 5, 
88, 3 in aversos transversosque impetum darent. — mota signa, la circo- 
stanza cioè che quelli che eran rimasti nell'accampamento spiegarono 
le loro bandiere. Riguardo all'uso del part. pass. pass, di gen. n. in luogo 
di un sost. astratto, cf. 84, 4. — multiplici e non ancipiti, perchè le cause 
del timore eran tre e provenivano dalle milizie poste nell'imboscata, 
dai cavalieri vòlti apparentemente in fuga e dal movimento delle ban- 
diere che si vedevano da lungi nel campo Romano. — quique cum eo 
erant, cfr. 24, 1, 9 : L. Atilio praefecto praesidii, quique cum eo milites 
Romani erant, clarn in portum deductis. La lezione che noi abbiamo adot- 
tata, d'accordo col Weissenborn e col Novak, è certamente la più plau- 
sibile, sebbene non appartenga ai codici migliori, dove invece si h-zge 
quique cum eo, quique cum equis abierant visi erant. — IO. multoque 

effusius ha relazione con hostes effusi del § 8. — qui simulantes = quam 
ante portis effusi secuti erant simulantes. — simulantes, sott. fugam Ro- 
mano*, è in opposizione con vera fuga. — 11. haerens in tergo = »n- 
haerens tergo 27, 42, 6. — agmine uno inrumpit, cfr. riguardo al fatto a 
cui qui si accenna 4, 34, 1 mixti hostibus (= agmine uno) portam intra- 
vere Plutarco, Rom. 23, 12, aggiunge ancora, che Romolo inviò a Fi- 
dene negli idi di aprile una colonia di 1500 cittadini, cfr. 27, 3. 

XV. — 1. inritati, se. sunt. — contagio, perchè le guerre si seguivano 
l'una all'altra senza tregua, come un contagio che si diffondesse da un 
popolo all'altro. — Veientium. La città di Veio era una delle più note- 
voli della dodecapoli dell' Etruria centrale, e quella che sino a tempo 



70 TITI LIVI, LIB. I 

consanguinitate — nam Fidenates quoque Etrusci fuerunt — , et 
quod ipsa propinquitas loci, si Romana arma omnibus infesta 
finitimis essent, stimulabat, in fines Romanos excucurrerunt 

2 populabundi magis quam iusti more belli. Itaque non castris 
positis, non exspectato hostium exercitu raptam ex agris praedam 
portantes Veios rediere. Romanus contra, postquam hostem in 
agris non invenit, dimicationi ultimae instructus intentusque 

3 Tiberini transit. Quem postquam castra ponere et ad urbem 
accessurum Veientes audivere, obviam egressi, ut potius acie 
decernerent, quam inclusi de tectis moenibusque dimicarent. Ibi 

4 viribus nulla arte adiutis tantum veterani robore exercitus rex 



di Camillo creò maggiori difficoltà a Roma. Essa giaceva sai f. Cremerà, 
a circa 12 miglia e mezzo di distanza da Roma. — Etrusci. A causa 
della comune origine, queste due città si trovano assai spesso unite in 
lega fra di loro. — propinquitas loci: il pensiero rinchiuso in questa 
frase trovasi più completamente espresso altrove, cfr. 5, 54, 4 ipsa prò- 
pinquitate loci expositos ad pericula se putarunt. — ai essent: pareva ai 
Veienti, che Roma cercasse un pretesto di ostilità contro tutti i popoli 
vicini, per debellarli prima e poi legarli al suo carro trionfale. Laonde 
essi non vollero aspettare la loro volta, ma attaccarono i Romani, prima 
d'esserne stimolati, nella speranza di potersi sbarazzare di quel perico- 
loso vicino. — excucurrerunt, se. Veientes, che torna faoile sottintendere 
dal Veientium animi che precede. Si noti l'interpunzione da noi messa, 
8ull'es. del Novak, dopo animi, la quale ci sembra assai più plausibile 
dell'altra dopo stimulabat, proposta dal Weissenborn e accettata dal 
Seeley e dal Moritz Mùller. La relazione diretta di Veientium animi con 
excucurrerunt ci sembra ora troppo dura e inammissibile. — iusti belli 
" di una guerra ordinata e regolare ,, in opposizione a populatio, cfr. 
22, 28, 13. Questa espressione va affatto distinta dall'altra iustum piutnque 
bellum del 9, 8, 6, di senso abbastanza noto ed evidente. — 2. non 
positis, non exspectato. Si noti come la legazione non, in unione col part. 
pass, pass., faccia assai bene le veci dell'it. * senza „ coll'inf. — dimi- 
cationi ultimae: i Romani non uscivano mai dalle porte della città, senza 
essere pronti a combattere fino a quando le sorti della guerra fossero 
decise. — intentus col dat. appartiene all'uso Liviano, cfr. 56, 1 ; 2, 37, 
5; però non gli è estranea nemmeno la costruzione classica con ad, cfr. 
3, 8, 8. — Tiberim, cioè sulla sponda destra. — 3. egressi, sott. sunt. 

— de tectis non ha qui il senso di ex tectis * dai tetti , (cfr. 5, 21, 10), 
ma in compagnia di verbi che significano " vincere o combattere , 
esprime lo scopo pel quale s,i vince o combatte; sicché l'espressione de 
tectis dimicare corrisponde perfettamente alla frase omerica neol nió- 
Àiog fidxeo&ai, cfr. 3, 44, 12 dimicare de liberis. — tectis moenibusque : 
precede tecta come la cosa che dà maggiormente a temere, in caso di 
assedio. — 4. arte ' astuzia di guerra, stratagemma ,: nei mscr. si 
legge propriamente parte. — viribus adiutis, abl. ass. con senso causale. 

— tantum è in opposizione nulla a He. — robore non ha qui il senso di 
* soldatesca ,, ma sibbene di * forza „ cfr. 31, 1, 6 militum robore. — 



AB URBK CONDITA, GAP. XV, 2 — 8 71 

Homanus vicit, persecutusque fusos ad moenia hostes urbe valida 
xnuris ac 3itu ipso munita abstinuit^ agros rediens vastat ulci- 
scendi magis quam praedae studio. Eaque clade haud minus 5 
quam adversa pugna subacti Veientes pacem petitum oratores 
Romam mittunt. Agri parte multatis in centum annos indutiae 
<ìatae. 

Haec ferme Romulo regnante domi militiaeque gesta, quorum 6 
nihil absonum fidei divinae originis divinitatisque post mortem 
creditae fuit, non animus in regno avito recuperando, non con- 
dendae urbis consilium, non bello ac pace firmandae. Ab ilio enim 7 
profecto viribus datis tantum valuit, ut in quadraginta deinde 
annos tutam pacem haberet. Multitudini tamen gratior fuit quam 8 
patribus, longe ante alios acceptissimus militum animis; tre- 



■veterani gen.: Livio qui pensa all'esercito stanziale del suo tempo, tutto 
formato di persone avvezze all'esercizio delle armi, e non all'antica mi- 
lìzia. — ad moenia =» usque ad m. — situi la città di Veio sorgeva su 
<Li un'altura, la quale si eleva in mezzo ai due piccoli fiumicelli da cui 
b costituito il f. Cremerà, cfr. 5, 2, 6. — vastat: il pres. storico accanto 
&d un perf. storico in due proposizioni consecutive, è abbastanza fre- 
quente in Livio, cfr. 30, 1; 59, 12; 2, 6, 6. — ulciscendi " per render loro 
la pariglia ,: il gerundio, come la forma verbale che più si avvicina al 
nome, viene assai spesso congiunto con un sostantivo, cfr. 5, 27, 2. — 

5. clade * perdita , in seguito alle rapine patite ; adversa pugna " di- 
sfatta ,. — oratores, cfr. 2, 82, 8. — agri parte: Dionigi 2, 54 e Plut. 
Boni. 25, 8 dicono che questo territorio era costituito da septem pagi, i 
quali erano situati sulla sponda destra del Tevere, e dalle salitine che 
erano presso alla sua foce. Livio ricorda questi luoghi in 33, 8, parlando 
di Anco, al quale secondo un'altra leggenda era attribuita questa stessa 
conquista. Però questi luoghi più tordi furono ritolti ai Romani da 
Porsenna (2, 13, 4) e ad essi poco dopo ridati, secondo afferma Livio 2, 
15, 6. — centum annos: gli Etruschi eran soliti a non conchiuder la pace, 
ma a pigliar tempo per rinnovare le ostilità, stabilendo sempre un pe- 
riodo di tregua di durata piuttosto lunga, cfr. 80, 7 e 2, 54, 1. Gli anni 
qui forse s' intendono computati a 10 mesi, secondo l'uso etrusco. — 

6. ferme ' a un dipresso ,: Livio ha omesso intenzionalmente la narra- 
zione di alcune altre guerre, cfr. Plut. Rom. 24. — absonum fuit * con- 
traddice ,, trovasi qui costruito col dat., come presso Orazio ars pò et. 
112, sull'analogia di genti aud alienus 29, 3: altrove invece absonus è 
«ostruito con a e Tabi., cfr. 7, 2, 5. — divinitatis, cfr. 7, 7 e Cic. de n. d. 
2, 62. — non animus in r. a. r., sott. fuit absonus fidei div. or. — non... 
firmandae = non consilium ... urbis firmandae. — 7. ab ilio =» Romulo. 
— profecto " apertamente, sicuramente „. Livio è d'avviso che le prime 
fondamenta della grandezza romana sieno state gettate da Romolo, cfr. 
50, 4; 54, 1 e Cic. de rep. 2, 21: videtisne igitur unius viri Consilio non 
solum ortum novum pópulum ntque ut in eunabulis vagientem relictum, sed 
ndulium iam etpaene puberemf — valuit, sott. urbe. — quadraginta annos, 



72 TITI LIVI, LIB. I 

centosque armatos ad custodiam corporis, quos Celeres appellavit r 
non in bello solum sed etiam in pace habuit. 

i XVI. His imraortalibus editis operibus, cum ad exercitum 
recensendum contionem in campo ad Caprae paludem haberet, 
subito coorta tempestas cum magno fragore tonitribusque tam 
denso regem operuit nimbo, ut conspectum eius contioni abstu- 

2 lerit ; nec deinde in terris Romulus fuit. Romana pubes, sedato 
tandem pavore, postquam ex tam turbido die serena et tranquilla 
lux rediit, ubi vacuara sedem regiam vidit, etsi satis credebat 
patribus, qui proximi steterant, sublimem raptum procella, tamen 
velut orbitatis metu icta maestum aliquamdiu silentium obtinuit. 



cioè durante il regno di Numa. — 8. Celeres deriva da celer ed è 

connesso col lat. cello e col gr. xéÀtjg. Valerio Anziate al contrario de- 
rivava tal nome da quello di Celer, che fu il primo loro condottiero 
(cfr. Dion. 1, 87; 2, 18). Secondo alcuni, questa guardia del corpo del re 
era affatto distinta dai cavalieri (cfr. 13, 8; Dion. 4, 44; Plut. Rom. 26), 
secondo altri in tutto ad essi identica (cfr. Dion. 2, 64). Una guardia del 
corpo trovasi qui attribuita a Romolo, perchè la tradizione posteriore 
lo rappresentò come un tiranno; il che concorre a spiegare la prima 
fase di questo § in cui è detto, che Romolo aveva maggiormente a 
cuore gli interessi della plebe che non dei patrizii. — armatos: Livio 
lascia indeciso, se essi appartenessero alla truppa a piedi oppure a 
quella a cavallo. 

XVI. — 1. immortalibus = immorialitate dignis. — exercitum recensere 
" passare in rivista l'esercito ,, cfr. 2, 39, 9. — contionem * riunione ge- 
nerale dell'esercito ,. — in campo, quello che più tardi si chiamò Martio, 
cfr. 44, 1 e 2, 5, 2. — ad Caprae paludem, nella regione che più tardi 
prese il nome di circus Flaminius, cfr. 3, 54, 15. — subito coorta, cfr. Cic. 
de rep. 1, 25: ex hoc die superiores solis defectiones reputatae sint usque 
ad illam, quae Nonis Quinctilibus fuit regnante Romulo, quibus quidem 
Romulum tenebris ... virtus tamen in caelum dicitur susiulisse. Non sarà 
forse inutile ricordare, che nello stesso giorno degli idi di luglio ricor- 
reva anche la festa di Juno Capròtlna, il qual nome sembra connesso 
coll'altro di Caprae o Caprea palus, e che due giorni prima di essa 
aveva anche luogo la festa chiamata Poplifugia, della quale non è sicuro 
il significato, ma che potrebbe avere qualche relazione cogli eventi, in 
mezzo a cui la leggenda riferisce che sparì Romolo. — nec déinde fuit 
* e da quel momento non apparve più „, cfr. 40, 3 donec in terris fuerit. 
L'espressione, che si trova abitualmente adoperata per questa trasfor- 
mazione divina dei primi re di Roma, è sempre non comparuit o ««- 
squam apparuit. — 2. pubes, cfr. 6, 1 ; 15, 8. — postquam. Questo ac- 
cumularsi di proposizioni subordinate, che servono a spiegare i singoli 
momenti dell'azione principale, ricorre con abbastanza frequenza in Livio, 
cfr. 6, 1. — ex * dopo „. — dies ha qui il significato di * tempesta », 
cfr. 21, 54, 7 nivalis dies " tempo di neve . e Quint. 11, 3, 27. — ubi 
vidit è considerato come effetto di postquam rediit. — sublimem raptum, 
flott. esse Romulum, cfr. Verg. 5, 255 sublimem rtpuit. — orbitatis metu, il 



AB URBE CONDITA, GAP. XV, 8; XYI, 1 — 5 73 

Deinde, a paucis initio facto, deum deo natum, regem parentemque 3 
urbis Romanae salvere universi Romulum iubent; pacem pre- 
cibus exposcunt, uti volens propitius suam semper sospitet pro- 
geniem. Fuisse credo tum quoque aliquos, qui discerptum regem 4 
patrum manibus taciti arguerent — manavit enim haec quoque, 
sed perobscura, fama — ; illam alteram admiratio viri et pavor 
praesens nobilitavit. Et «onsilio etiam unius hoibinis addita rei & 
dicitur fides. Namque Proculus Iulius, sollicita civitate desiderio 
regis et infensa patribus, gravis, ut traditur, quamvis magnae 



timore che derivava dalla persuasione, che Romolo parens urbis avesse 
abbandonato i Romani, che erano sua progenies, cfr. Ennio pr. Cic. de 
rep. 1, 64 : simul inter Sese sic memorant, o Romule, Romule die, Qualem 
te patriae custodem di genuerunt! pater, o genitori o sangue m dis 
oriundumf — obtinuit ha senso transitivo * tenne, mantenne „, cfr. 28, 
8. — 3. Si notino le allitterazioni, che s'intrecciano al tono solenne 
di questo discorso. — deum, cfr. § 6; 40, 3 e C. I. L. I, p. 283: Romulus 
Martis filius receptus in deorum numerum Quirinus appellati*» est. Qui- 
rino, come già bì è visto, era il dio protettore dei Quiriti, e come tale 
fu identificato con Romolo, dopo la fusione delle due razze romana e 
sabina. — solvere " salutare e venerare come Dio ,, cfr. 7, 10. — pacem 
* benedizioni, favori „ è messo in relazione con volens propitius, che è 
un'espressione asindetica la quale ricorre di frequente nelle preghiere 
alla divinità. — sospitet : espressione arcaica e poetica che non ricorre 
altrove in Livio. — 4. fuisse credo : Livio mostra di credere che questa 
versione del fatto, la quale ebbe certamente origine nelle lotte dei 
partiti e per odio contro i patrizii, fosse sorta contemporaneamente al 
fatto, in mezzo a pochi avversarli dei patres. — manavit " si diffuse , 
a principio. — perobscura, è messo in opposizione a nobilitavit. — illam, 
la prima ricordata. — pavor " sbigottimento ,, in quanto che i patrizii, 
se avevano osato di disfarsi di Romolo, potevano ben anche conculcare 
quei pochi, che osassero levare la voce contro di loro. — 6. et " inoltre „ 
serve a legare questa proposizione colla precedente; etiam invece ap- 
partiene a consilium e ne rinforza il s igni Beato: * un prudente e op- 
portuno consiglio ,. — fides * credito ,,. — Proculus, prenome non raro 
nella primitiva storia di Roma. — Iulius: la stirpe Giulia, la quale 
derivava da Alba Longa e fu trapiantata in Roma soltanto dopo la 
distruzione di Alba (cfr. cap. 30), si trova qui di già considerata come 
stirpe patrizia romana, per influenza certo assai tardiva. — gravis 
quamvis magnae rei auctor: la cosa era di tanta importanza, che anche 
riferita da un uomo del volgo avrebbe sùbito trovato credito - ma, rac 
contata da un personaggio così autorevole (gravis, cfr. 33, 45, 1 gravis 
testis), finì per trovar credito anche da parte di quelli, che a principio 
pareva ne dubitassero. — quamvis si può qui tradurre acconciamente 
per mezzo della frase " a prescindere dalla gravità della cosa „. Ci vieta 
d'interpretare l'agg. magnae nel sanso di * cosa meravigliosa, straordi- 
naria, incredibile , il fatto, che l'intervento di Proculo contribuì sol- 
tanto a ribadire la fede, che già si era cominciata ad avere nel prò- 



74 TITI LIVI, LIB. I 

6 rei auctor, in contionem prodit. « Romulus » inquit, « Qui- 
rites, parens urbis huius, prima hodierna luce caelo repente 
delapsus se mini obvium dedit. Cum perfusus horrore vene- 
rabundus adstitissem, petens precibus, ut contra intueri fas 
esset : ' abi, nuntia ' inquit ' Romanis, caelestes ita velie, ut mea 

7 Roma caput orbis terrarum sit : proinde rem militarem colant, 
sciantque et ita posteris tradant nullas opes numanas armis 

* Romanis resistere posse '. Haec [inquit] locutus sublimis abiit ». 

Mirum quantum illi viro nuntianti haec fldes fuerit, quamque 

desiderium Romuli apud plebem exercitumque, facta fide im- 

mortalitatis, lenitum sit. 
i XVII. Patrum interim animos certamen regni ac cupido ver- 

sabat. Necdum a singulis, quia nemo magnopere eminebat in 
2 novo populo, sed factionibus inter ordines certabatur. Oriundi 

digio. — 6. caelo =» ex caelo. — perfusus horrore indica lo " spavento , 
che lo colse a quella improvvisa apparizione: * pien di spavento ,, cfr. 
10, 88, 8 perf. animum religione. — precibus ha senso avverbiale, * in 
tono supplichevole ,, cfr. 8 e 6, 2. — contra intueri " guardarlo in viso ,: 
la vista degli dèi e delle loro fattezze era permessa (fas) soltanto a 
quei pochi che si trovavano nelle loro grazie. — 7. ita velie * così 
hanno decretato „: la costruzione di velie con ut non ricorre altrove in 
Livio, se non in unione con un altro verbo „, cfr. 38, 54, 4 velitis iubeatis 
uti; 42, 14, 8 velie et laborare ut; la costruzione col solo cong. è invece 
assai più frequente, cfr. 23, 12, 15 velitn respondeat. — rem militarem 
colanti qui si accenna alle fatidiche parole di Virgilio 6, 852: Tu re- 
gere imperio populos, Romane, memento, Hae Ubi erunt artes. — posse: 
Plutarco fa che egli aggiunga ancora: èyà <T tofitv eòpevìis èaopw 
òaifAiùv Kvùtvog. — 8. mirum quantum = mirum est quantum: questa 
espressione, che è affatto pari alla greca &avfiaoTÒv 8aov, si trova co- 
stantemente adoperata dagli scrittori in senso avverbiale, e senza alcuna 
influenza sul modo della proposizione seguente, cfr. Gic. Br. 66, 2S4 e 
Livio 2, 1, 11. — haec è oggetto di nuntianti. — fides fuerit * abbia tro- 
vato fede , fa le veci del passivo di fido, cfr. odio sum di fronte ad odi 
e 8, 48, 6 primus fides nuntiantibus fuit. — desiderium : si badi che il 
80st. desiderium esprime in lat. il dolore che produce l'assenza o pur 
la morte di una persona cara. — facta fide * dopo che divenne generale 
la persuasione, la credenza ,: prima, come si è visto, alcuni ne avevano 
dubitato, cfr. 89, 49, 7 incredibili» visa res ... tandem facta fides. 

XVII. L'interregno. — 1. patrum: con questo nome s'intendono i 
senatori, che erano a principio tutti quanti i patrizii, cfr. § 9 e 8, 6. 
Poiché * Romolo muore senza eredi, i senatori son considerati come i 
depositarii del potere regale e degli auspicii del nuovo regno. — cu- 
pido indica la causa e certamen la conseguenza: * contesa per il desi- 
derio che tutti avevano di succedere a Romolo nel regno ,. — a singulis: 
non si faceva propriamente questione di nomi, perchè mancavano per- 
sonalità eminenti che potessero ambire e fossero universalmente con- 
trassegnate a quella carica così alta. — sed abbiamo aggiunto col Novak, 



AB UBBB CONDITA, GAP. XYI, 6 8; XVII, 1 — 5 75 

ab Sabinis, ne, quia post Tatii mortem ab sua parte non erat 
regnatum, in societate aequa possessionem imperii amitterent, 
sui corporis creari regem volebant ; Romani veteres peregrinum 
regem aspemabantur. In variis voluntatibus regnari tamen 3 
omnes volebant, libertatis dulcedine nondum experta. Timor 4 
deinde patres incessit, ne civitatem sine imperio, exercitum 
sine duce, multarum circa civitatium inritatis animis vis aliqua 
externa adoriretur. Et esse igitur aliquod caput placenat, et 
nemo alteri concedere in animum inducebat. Ita rem inter se 5 
«entum patres, decem decuriis factis singulisque in singulas 

io luogo di provenerat che a questo punto si legge nei codd. Gli altri 
editori, per metter d'accordo con questo verbo (pervenerat) il resto della 
frase, mutano a singulti in ad singulos. — factionibus inter ordines cev 
tabatur: si lottava tra i diversi ordini della cittadinanza per sapere 
qual fazione o partito dovesse vincere, non già per scegliere il nome di 
colui che dovesse rappresentarla, cfr. 29, S6, 5 agminibus magi» quam ade 
pugnatum est, e 43, 17, 7 inter factiones eroi certamen. — ordines, come 
apparisce chiaramente da ciò che segue, son le due tribù dei Tities e 
dei Ramnes, cfr. 10, 24, 2 ordinum magis quam ipsorum inter se cer tamen. 
— 2. oriundi é adoperato in funzione di sost., ma è costruito come 
un agg., cfr. 49, 9. — sua = ipsorum, é riferito al sogg. della prop. prin- 
cipale, come se facesse parte di una prop. secondaria appartenente al- 
l'oratio obliqua; mentre in realtà la prop. quia non erat regnatum con- 
tiene una riflessione dello scrittore, che é affatto estranea al racconto, 
cfr. 2, 43, 6 e Cic. ad Att. 2, 7, 5. — in societate aequa: sebbene fossero 
stati ammessi nella cittadinanza cogli stessi diritti dei Romani, avreb- 
bero poi perduto, ove non si fossero fatti valere, il maggiore di essi, 
che era appunto il diritto al comando (imperium), cfr. 13, 4. — cor- 
poris =s ordinis * dal loro seno „ cfr. 6, 34, 5 sui corporis homines. — 
Romani retere/t =* Ramnes : costoro non si sapevano ancora indurre a 
considerare i Satrini quali loro concittadini, cfr. 35, 3; 41, 3. — 3. in 
variis voluntatibus " in mezzo a questi varii pareri „ uno solo era il 
punto in cui convenivano tutti. — regnari * che un solo tenesse il co- 
mando, che continuasse il governo monarchico ,. — experta è qui ado- 
perato in senso passivo, cfr. anche 34, 12. — 4. patres incessit, cfr. 56, 
10. — sine imperio, cfr. 10, 4. — circa, avv. che fa le veci di una prop. 
relativa. — et ..et " mentre da un lato ... dall'altro ,, cfr. 10, 7. — al- 
teri — Hiofp xivt. — in animum inducebat * sapeva indursi , é costruito 
frequentemente da Livio coll'inf. o pure cólYut, cfr. 2, 5, 7. — 5. ita 
' in tali circostanze ,. — rem " il governo dello stato „, che prima era 
nelle mani del re. — centum patres. Questo numero 100 non va d'ac- 
cordo ne con quel che si accenna nel cap. 13, né colle affermazioni di 
Dion. 2, 47 ; perchè il numero dei senatori, dopoché i Tities entrarono 
a far parte della cittadinanza romana, fu portata da 100 a 200. Però 
l'errore non è da imputare a Livio, ma agli annalisti dei quali egli 
flegue la testimonianza. Del resto, poiché L. descrive il senato alla 
morte di Romolo come ancora composto di 100 membri, e d'altro lato 
*fferraa altrove che il numero complessivo dei senatori era di 300 (cfr. 



76 TITI LIVI, LIB. I 

decurias creatis, qui summae rerum praeessent, consociant. De- 

6 cem imperi tabant; unus cum insignibus imperii et lictoribus 

erat; quinque dierum spatio finiebatur imperium ac per omnes 



2, 1, 10 pctrum numerum ad treeentorutn summam explevit), è lecito do- 
mandarsi in qual momento ebbe luogo quest'ultima innovazione, se per 
effetto, o posteriormente all'aggiunta di 100 nuovi senatori fatta al nu- 
mero primitivo di essi da Tarquinio Prisco (cfr. 35, 6 centum in patres 
ìtgit). Se consultiamo la testimonianza di Cicerone su questo proposito 
(de rep. 2, 25 : duplicava illuni pristinum patrutn numerum et 
antiquo s patres maiorum gentium appellanti, quos priores sententiam ro- 
gabat, a se adscitos minorum), siam costretti a ritenere che secondo L. 
il numero completo dei senatori non si ebbe che a tempo della repub- 
blica. P.erò egli è molto più probabile che ciò avvenisse assai prima, 
già a tempo ueiia monarchia, e che il numero di 300 fosse come pre- 
stabilito in corrispondenza delle 3 centurie dei cavalieri, o delle 3 tribù, 
in cui la cittadinanza romana era divisa. — decem decuriis factis : questa 
divisione poggia sempre sul presupposto, che il numero di senatori fosse 
ancora di 100. — in singulas decurias * per ogni decuria „. — decem 
imperitabant: tutti quanti ) 10 membri della decuria, a cui in un dato 
tempo toccava il governo u'ello stato, potevano considerarsi come de- 
positarii delle Hriperiutn, ma un solo di essi portava però propriamente 
le insega: uel comando; il che vuol dire che essi costituivano come 
una specie di consiglio di reggenza in aiuto del decurione capo. La suc- 
cessione delle diverse decurie nel governo dello stato era indicata dalia 
sorte, e probabilmente esse ricominciavano da capo il giro, quando ogni 
decuria avesse esercitato codesto suo diritto, nell'ordine stesso in cui 
lo avevan compiuto la prima volta, cfr- Dion. 2, 57: óievefttf&tjoav eig 
óexàóag ' Inetta 6iaxÀijQ<oadf*evoi xolg Xayovai óixa noóioig ànèòtù%av 
&Q%eiv xrjg nóXewg ... di£§eA.&ovoijg óè r^s ngoùeoptag Ixegoi óVxa rtjv 
à^xh v naqeXàfi^avov, Servio ad Aen. 6, 809 : Romulo mortuo cum senatus 
regnasset per decurias, quod regnum interregnum dictum est. — unus erat. 
Quest'uno era naturalmente il capo della decuria già innanzi scelto, per 
presiedere al governo dello stato (singuli in singulas decurias creati qui 
summae rerum praeessent). Poiché Livio ha qui fn animo di indicare 
semplicemente il modo come una decuria amministrava lo stato, cosi 
egli si serve dei numeri cardinali unus e decem, invece che dei distri- 
butivi singuli e deni. — 6. quinque dierum spatio finiebatur imperium. 
s'intende cioè l'amministrazione e il governo di ciascuna decuria. I 
commentatori tedeschi Weissenborn e Moritz Moller, dietro l'es. 
del Mommsen, Rom. Staatsrecht I, p. 633, danno a queste parole di L. 
un'interpretazione di gran lunga diversa, ma anche assai meno verosi- 
mile. Essi credono che ciascun membro della decuria portasse a volta 
a volta per lo spazio di 5 giorni le insegne del comando, che ciascuna 
decuria restasse in ufficio 50 giorni, e che il turno delle singole de- 
curie nell'amministrazione dello stato si compisse solamente in 500 giorni. 
Ma essi non badano che se ciò fosse vero, la scelta dei decurioni, che 
stessero a capo delle singole decurie e presedessero all'amministrazione 
dello stato, non avrebbe avuto alcuno scopo; ed inoltre che nello spazio 
di un anno, cioè di circa 350 giorni, per cui durò l' interregno (an~ 



AB UBBE CONDITA, GAP. XVII, 6—9 77 

in orbem ibat; annuumque intervallum regni fuit. Id ab re, quod 
nunc quoque tenet nomen, interregnum appellatuin. Fremere 7 
deinde plebs multiplicatam servitutem, centum prò uno do- 
minos factos; nec ultra nisi regem et ab ipsis creatum vide- 
bantur passuri. Cum sensissent ea moveri patres, offerendum 8 
ultra rati, quod amissuri erant, ita gratiam ineunt summa po- 
testate populo permissa, ut non plus darent iuris quam retine- 
rent. Decreverunt enim, ut, cum populus regem iussisset, id sic 9 
ratum esset, si patres auctores fierent. Hodie quoque in legibus 

nuunique intervallum regni fuit), solamente 70 senatori avrebbero potuto 
alternarsi nel governo ; mentre invece Livio afferma espressamente, che 
tntti quanti i senatori e tutte quante le decurie vi presero parte e ri- 
petettero poi da capo il giro, e non una vola sola (per omnes in orbem 
tbat) ma 7 volte, secondo l'interpretazione da noi adottata (350 : 50). Che 
se poi Livio in questo luogo istesso trova occasione di affermare che 
Yimperium per omnes ibat, non farà certo maraviglia a chi consideri, 
che durante l'amministrazione di ciascuna decuria non unus ma decem 
imperitabant. — in orbem ibat " passava in giro ,, cfr. 3, 36, 3 : ut unite 
fasces haberet et hoc insigne regium in orbem (suam cuiueque vicem) per 
omnes irei. — ab re, in corrispondenza di ciò che esso era realmente, 
cfr. 88, 18, 4 ab re nomen habet. — nunc. L'ultima volta, in cui si ebbe 
bisogno di un interregno, fu a tempo della guerra civile nell'a. 52 av. 
Cr., cfr. Dione Cassio 40,49; poiché è a sapere che anche a tempo 
della repubblica aveva luogo un interregno, ogni qualvolta mancava 
l'ufficiale superiore, il quale potesse convocare i comizii per la elezione 
dei nuovi consoli, come avveniva ad es. nel caso di morte di ambedue 
i consoli precedenti. In tale circostanza i senatori procedevano alla no- 
mina dell'interré». — 7. servitutem: è così chiamato da Livio il go- 
verno monarchico, di fronte al governo repubblicano [libertas, cfr. 48, 
8; 60, 3; 2, 1, 1), non perchè egli qui intenda di fare una professione 
di fede politica, ma per rappresentare fedelmente le opinioni e le im- 
pressioni del popolo, il quale cominciava a temere che i senatori si 
trovassero ormai contenti a non procedere alla nomina del nuovo re, 
cfr. Cic. de rep. 2, 23 : cum senatus temptaret post Romuli exscessum, ut 
ipse gereret sine rege rem publicam, populus id non tulit. — et * e per di 
più ,. — 8. ea moveri: in italiano in luogo del verbo preferiremmo 
a questo punto l'uso di un sost., * quell'agitazione „. — ita ha senso 
limitativo e si congiunge a permissa. — summa potestate, il diritto cioè 
di eleggerai il re : come si scorge chiaramente da queste parole, il po- 
polo è considerato qual depositario e fonte della potestà regia. — pò- 
pidus, sebbene sembri qui confuso da Livio colla plebe (cfr. § 7), pure 
in realtà esso comprende in sé solamente la cittadinanza che trova vasi 
raccolta nelle curie (cfr. 13, 6 cum populum in curias triginta divideret; 
8, 7; 35, 6; 41, 6). — retinerent, sott. apud se, " tenere, conservare per 
«è ,. — 9. regem iussisset: iubere coll'ag?. ha quasi il significato di 
creare " scegliere ., cfr. 21, 1. — ratum esset ' avesse valore legale „, 
cfr. 6, 2. — auctores fierent * avessero data a quella scelta la loro ap- 
provazione ,, cfr. 22, 1; 32, 1; 41, 10. — hodie quoque, cioè ancora a 



78 TITI LIVI, LIB. I 

magistratibusque rogandis usurpato idem ius, vi adempta r 
priusquam populus suffragium ineat, in incertum comitiorum 

40 eventum patres auctorcs fiunt. Tum interrex contione advocata 
« quod bonum faustum felixque sit » inquit, « Quirites, regem 

ii create: ita patribus visum est. Patres deinde, si dignum, qui 
secundus ab Romulo numeretur, crearitis, auctores fìent ». Adeo 
id gratum plebi fuit, ut, ne vieti beneficio viderentur, id modo 
sciscerent iuberentque, ut senatus decerneret, qui Romae re- 
gnaret. 

tempo di Livio, cfr. 26, 13. — in l. magistr. rogandis: tanto nella pro- 
posta di nuove leggi quanto nella nomina di nuovi magistrati, il pò* 
polo non aveva propriamente altro diritto che quello di approvare o 
respingere le leggi od i nomi, che gli erano proposti dal magistrato, 
il quale riuniva e presedeva il comizio: di qui l'uso del verbo rogare. 

— usurpare significa propriamente * fare una cosa a cui si ha diritto ,. 

— idem ius : il diritto di approvare le deliberazioni popolari fu riserbato 
anche al senato durante il periodo della repubblica. — vi adempta: era 
però un diritto semplicemente formale, e che aveva perduto quasi del 
tutto l'antico valore: perchè la lex Publilia del 415 17. e. stabiliva in 
fatto di leggi, che l'autorizzazione del senato (auctoritas patrum) prece- 
desse la votazione dei comizii, la quale diveniva per tal modo irrevo- 
cabile e non poteva essere oramai più infrenata, come dianzi (cfr. 6. 42,. 
10), dal divieto dei padri, cfr. 8, 12, 15: Q. Publilius Philo legetn tttlit ... 
ut legum, quae comitiis centuriatis ferrentur, ante initum suffragium patre» 
auctores fierent. La stessa prerogativa, nel fatto della nomina dei ma- 
gistrati, fu accordata alle deliberazioni popolari dalla lex Maenia del 
469 U.c. — priusquam ineat: il cong. è qui adoperato in conformità 
del dettato stesso della legge, cfr. 22, 39, 6. — in incertum comitìorum 
egentum, senza sapere cioè se il popolo accorderà o negherà la sua ap- 
provazione. — IO. interrex, quello dei senatori o, meglio, dei decu- 
rioni che si trovava in quel tempo a tenere le insegne del comando. 

— contione advocata. La riunione dei comizii avveniva in Roma sempre 
dietro ordine di un magistrato, ed essi pigliavano il nome di comi ti a 
quando erano indetti per la votazione, e di contio (per conventio) quando 
il magistrato aveva in animo semplicemente di fare una comunicazione, 
cfr. 8, 1 e Varr. 1. 1. 6, 88, il quale riferisce il seguente luogo dei Com- 
mentarii consulares: Consuldicit:Vocaad conventionem omnes Qui- 
rites huc ad me. Accensus (* il banditore ,) dicit sic: Omnes Quirite^ ite ad 
conventionem huc ad iudices (= consules). Dein consul eloquitur ad exer- 
citum: Impero, qua convenit, ad comitia centuriata. — quod b.f.f.sit: 
era questa la formo! a solenne con cui si aprivano i comizii, i quali 
venivano posti per tal modo direttamente sotto la protezione degli dèi, 
cfr. 28, 7. — create: l'interrex partecipa al popolo la deliberazione 
del senato de rege creando, cfr. § 8. — secundus ab, cioè il secondo re 
di Roma dopo Romolo, ovvero cominciando da Romolo, cfr. 45, 9, 3 vi~ 
censimum ab Corano, qui primus regnarat, Persta numerabant. — 11. be- 
neficio " favori, longanimità, concessioni ,, cfr. § 8 gratiam ineunt. — 
sciscerent iuberentque: queste due parole si riferiscono propriamente alle 



AB URBE CONDITA, CAP. XVII, 10 — 11 J XVIII, 1 — 2 7£ 

XVIII. Inclita iustitia religioque ea tempestate ^umae Pom- i 
pili erat. Curibus Sabinis habitabat, consultissimus vir, ut in illa 
quisquam esse aetate poterat, omnis divini atque bumani iuris. 
Auctorem doctrinae eius, quia non exstat alius, falso Samium Z 
Pythagoram edunt, quem Servio Tullio regnante Romae, centum 

deliberazioni di due differenti assemblee, l'assemblea della plebe o co- 
mitia tributa (cfr. le frasi plebis scivit e plebis [o plebi = plebei] scitum) 
e l'assemblea popolare o comitia curiata, cfr. Ciò. prò Fiacco 7, 15 quae 
scisceret plebee aut quae populus iuberet. Sebbene Cic. de rep. 2, 13 af- 
fermi espressamente che Numa fu nominato nei comizii curiati, pure 
Livio, tanto in questo luogo quanto nel § 7, fa intendere chiaramente 
come a quella nomina non fosse estranea la plebe, la quale prima do- 
mandò con insistenza il re e poi ottenne dai comizii che se ne rimet- 
tesse, per quella volta, direttamente la nomina al senato. — ut decer' 
neret dipende da scisceret. Fu questa, secondo L., una concessione che 
il popolo fece al senato, soltanto in occasione della nomina di Numa Pom- 
pilio; alla morte del quale, esso riserbò pienamente a sé stesso il diritto- 
di proporre il successore. Gli altri storici non fanno parola di tale con- 
cessione, ma affermano concordemente che gli altri re di Roma, i quali 
successero a Romolo, furono tutti nominati dal popolo, dietro proposta 
dell'interré* ; sicché, mentre secondo Livio i comitia curiata nominavano 
liberamente il re, secondo Cicerone invece essi avevano solamente il 
diritto di accettare o pur di respingere il nome proposto dal presidente 
del comizio, cfr. Cic. de rep. 2, 31 mortuo Pompilio Tullum HostUium po~ 
pulus regem interrege rogante creavit. 

XVI11. Numa Pompilio. — 1. inclita, pred. — religio " pietà ,. — 
tempestate = aetate. — Numa è connesso con numerus nummus. — 
Numitor vópog e significa * ordinatore ,. — Curibus Sabinis: l'agg. Sab. 
e qui aggiunto per indicare, che Numa non era d'origine romana, e non 
già per distinguere, come altrove accade, la diversa nazionalità di due 
città omonime. — ut ha senso limitativo, cfr. 3, 3. — in, cioè in tutto 
il corso di quel secolo, cfr. 57, 1. — quisquam, cfr. per l'uso del quisquam 
nelle prop. comparative con senso negativo 22, 6; 85, 3. — divini, il 
diritto sacro, quello cioè che definisce le relazioni degli uomini colla 
divinità. — 2. auctorem * maestro „. — falso: l'anacronismo fa no- 
tato primieramente da Cicerone de rep. 2, 15, il quale però riferisce 
l'airivo di Pitagora in Italia al regno di Tarquinio il Superbo. Egli parla 
anche altrove (de fin. 5, 2) dei ricordi di Pitagora, che si conservavano 
in Metaponto. — Pythagoras di Samo, il noto filosofo la cui nascita si 
fa risalire comunemente intorno al 568 av. Cr., dopo un assai lungo 
pellegrinaggio, emigrò nella Magna Grecia, nell'età di circa 40 anni, e 
fissò la sua residenza a Crotone, colonia Achea con costumi dorici 
lungo la costiera orientale del Bruzzio. Quivi egli fondò la lega dei 
Pitagorei, la quale aveva per iscopo una riforma politico-religiosa della 
vita greca, riforma di cui si sentirono gli effetti assai presto in pa- 
recchie città della Magna Grecia (cfr. Cic. de or. 3, 34, 139). L'affinità che 
esiste tra le dottrine e la vita leggendaria di Numa e di Pitagora fé' 
sì, che quest'ultimo fosse considerato come maestro di Numa, sebbene 
vivesse circa 200 anni dopo di lui. — centum post annosi tanto questo 



80 TITI LIVI, LIB. I 

amplius post annos, in ultima Italiae ora circa Metapontum 
Heracleamque et Crotona iuvenum aemulantium studia coetus 

3 habuisse constat. Ex quibus locis, etsi eiusdem aetatis fuisset, 
quae fama in Sabinos? aut quo linguae commercio quemquam 
ad cupiditatem discendi excivisset? quove praesidio unus per 
tot gentes dissonas sermone moribusque pervenisset? suopte 

-4 igitur ingenio temperatum animum virtutibus fuisse opinor 
magis, instructumque non tam peregrinis artibus quam disci- 
plina tetrica ac tristi veterum Sabinorum, quo genere nullum 
quondam incorruptius fuit. 

costrutto come l'altro post aliquot anni* 1, 2, 8 si allontanano dall'uso 
classico, nel quale, com'è noto, ante e post si prepongono costantemente 
al numerale, quando queste particelle compiono l'ufficio di preposizioni 
coll'accusativo, e si pospongono, quando sono adoperate in funzione di 
avverbii col Tabi. Anche la posposizione di amplius al numerale non è 
conforme all'uso classico. — circa " nella regione in cui si trovano ,. 

— Metapontum, sul golfo di Taranto, fu la città in cui Pitagora trovò 
rifugio, quando la sua fazione fu scacciata da Crotone. — Hcraclea era 
situata anch'essa sul golfo di Taranto, in vicinanza della foce del f. Siri, 
ed era una colonia degli Spartani fondatori di Taranto. — Crotona sul- 
rAesarus, è adoperata colla desinenza greca. — studia aemulantium, 
di giovani zelanti i quali emulavano le dottrine e i precetti del maestro, 
cfr. Gic. prò Mur. 61 inventorum aemuli e Tac. Hist. 3, 81 studium philo- 
sophiae et placito Stoicorum aemulatus. Le dottrine dei Pitagorei (studia), 
i quali avevano sopratutto il fine pratico di introdurre nelle città della 
Magna Grecia costituzioni aristocratiche, avevano un doppio fondamento, 
matematico (* il numero è la radice delle cose , Cic. Acad. 2, 37, 118) 
e morale (* la virtù riposa sul numero, sulla misura e sull'armonia ,): 
e ciò spiega da un lato la loro passione per la musica (* numerai ,) 
e dall'altro la loro tendenza all'ascetismo. — 3. etsi = etiamsi " anche 
a voler concedere ,. — quae fama, sott. odiata esset o pure venisse* 
" sarebbe potuta arrivare „, cfr. 3, 4 e Cic. ad Att. 5, 20, 9 quando cogites 
Bomam. — excivisset: il sogg. è sempre faina, cfr. 29, 4, 7 fama excitus; 
10, 20, 2 fama converta. — quo lingua* commercio ' con qual mezzo di 
comunicazione, per mezzo di qual linguaggio ,. — unus " un uomo solo », 
cioè Numa, cfr. 2, 6, 3. — dissonasi son queste le popolazioni aabelliche 
che stanziavano nel Sannio e nella Lucania, della cui lingua Livio si 
rivela in questo luogo affatto ignaro. — 4. suopte ingenio * per spon- 
tanea e naturale disposizione „. — opinor magis " credo piò probabile, 
credo piuttosto ,, cfr. 5, 46, 11 magis credere libet; 6, 42, 6 magis adducor 
ut credam; 7, 9, 5 magis inclinat animus ut arbitrer. — instructumque 
serve ad indicare ciò che l'educazione aggiunge alle naturali disposi- 
zioni dell'animo, cfr. Cic. prò Arch. 15. — peregrinis artibus " la filosofia 
forestiera „. — disciplina severa educazione dello spirito ., cfr. praef. 9. 

— tetrica ac tristi, pesante e malinconica, senza alcuna divagazione. — 
quo genere = qua gente, cfr. 5, 2 e Cic. Phil. 4, 5 virtus est propria Romani 
generis. — incorruptius: L. qui accenna a quella semplicità e severità 
di costumi la quale andava congiunta ad una grande religiosità, e che 



AB UBBE CONDITA, CAP. XVIII, 3 — 6 81 

Audito nomine Numae patres Romani, quamquam inclinali 5 
opes ad Sabinos rege inde sumpto videbantur, taraen neque se 
quisquam nec factionis suae alium nec denique patrum aut ci- 
vium quemquam praeferre illi viro ausi ad unum omnes Numae 
Pompilio regnum deferendum decernunt. Accitus, sicut Romulus 
augurato urbe condenda regnum adeptus est, de se quoque deos 
consuli iussit. Inde ab augure, cui deinde honoris ergo publicura 6 
id perpetuumque sacerdotium fuit, deductus in arcem in lapide 



ei trova quasi costantemente lodata presso i Sabini, cfr. Verg. Georg. 2, 
167, 352; Or. Carm. 3, 6, 37. — 6. patres Romani, e non semplicemente 
patres, perchè Livio non intende di accennare a tutto quanto il senato, 
ma semplicemente a quella parte di esso che aveva origine romana. 
Anche in 17, 2 i patres son distinti in oriundi ab Sabinis e in Romani 
veteres, ed è solo agli ultimi che egli intende di riferirsi nel luogo pre- 
sente. — inde = ex iis. — factionis suae " del loro partito „, cioè del 
partito romano in contrapposizione al partito Sabino. — patrum : si noti 
il significato generico di questa parola, in contrapposizione all'altro più 
limitato e ristretto di patres Romani. — ad unum om. = om. usque ad u. 
* tutti senza eccezione „. — decernunt: L. fa nominare direttamente dai 
patres il nuovo re, secondo la concessione loro fatta dal popolo in 17, 
11. Altrove invece egli ammette, d'accordo con Cic. de rep. 2, 25, che 
la proposta di Numa, al pari di quella degli altri re successivi, partisse 
direttamente dal popolo, e fosse quindi approvata dal senato, cfr. 4, 3, 
10 Numam populi iussu patribus auctoribus Romae regnasse. — 6. au- 
gurato: l'augurio ricordato in 7, 1 si riferiva non solo alla fondazione 
della città, ma anche al conseguimento della potestà regia. E per ciò 
qui potrai tradurre: " in seguito agli augurii che egli aveva preso per 
la fondazione della città „. — quoque. L' inaugurano che è qui descritta, 
per mezzo della quale il magistrato interrogava gli dèi se fosse loro 
accetto il prescelto dai comizii, non aveva veramente luogo né per il 
re né per il supremo magistrato della repubblica, ma soltanto per i 
Flamini, gli auguri e il rex sacrifìculus, i quali invece di pigliare diret- 
tamente gli auspicii ne affidavano l'incarico all'augure, come qui fa 
Numa. QueBt'inauguraiio corrisponde in certo modo agli auspicii che 
ciascun magistrato era solito di pigliare sul punto in cui entrava in 
ufficio. — augure. Come nel resto d'Italia, così anche in Roma ci do- 
vettero essere prima di Numa delle persone, che coltivassero la scienza 
de/li augurii; ma non vi si trovava acora un collegio^u auguri, il quale, 
come Livio afferma anche altrove, fu istituito per la prima volta da 
Numa, in seguito a questa circostanza, cfr. 4, 4, 2: pontifices augures Ro- 
mulo regnante nulli erant, ab Numa Pompilio creati sunt. Ben diversa è 
l'opinione di Cic. de rep. 2, 9, il quale afferma a proposito di Romolo: 
ex singulis tribubus singulos cooptavit augures. — deinde " in seguito „. 
— ergo = causa, gratta, è una prep. d'uso piuttosto antiquato, cfr., ri- 
guardo al fatto a cui qui si accenna, 36, 6. — sacerdotium indica pro- 
priamente " ufficio sacro, religioso „. Gli àuguri interrogavano gli dei 
dietro ordine del re o dei magistrati, ovvero anche del pontifex ma- 
zimus, e riferivano poi al loro capo il responso che avevano ricavato 

E. Cocchia, Tito Livio, I, 8» ed. 6 



82 TITI LIVI, LIB. I 

7 ad meridiem versus consedit. Augur ad laevam eius capite ve- 
lato sedem cepit, dextra manu baculum sine nodo aduncum te- 
nens, quem lituum appellarunt. Inde ubi prospectu in urbem 
agrumque capto deos precatus regiones ab oriente ad occasum 
determinavit, dextras ad meridiem partes, laevas ad septem- 

8 trionem esse dixit, signum contra, quoad longissime conspectum 
oculi ferebant, animo finivit ; tum lituo in laevam manum trans- 

9 lato dextra in caput Numae imposita precatus ita est : « Iup- 



dagli auspicii. Ora, a causa di questa loro funzione di intermediarli tra 
gli dèi e gli uomini, essi venivano considerati come sacerdoti, cfr. 80, 
26, 10. — deductus in: deducere ha il senso di * condurre solennemente ,, 
sia che il punto d'arrivo si trovi superiormente sia inferiormente a 
quello da cui si parte. — arcem, la punta nord-est del c&lle Capitolino- 
(cfr. 55, 1), dove si trovava Yauguraculum, cioè lo spazio sacro per la 
presa degli auspicii, cfr. Paul. Diac. p. 18: auguraculum appellabant an- 
tiqui, quarti nos arcem dicimus, quod ibi augures publice auspicar entur^ 
— ad meridiem versus " col viso rivolto verso mezzogiorno „: versus in 
unione con ad o in è sempre usato da Livio in funzione di part., cfr. 
31, 51, 3 omnibus ad orientem versis regibus; 36, 15, 7 in septemtrionem 
versa Epiros. — 7. ad laevam : poiché l'augure aveva a destra il mez- 
zogiorno e a sinistra il Bettentrione, così egli deve aver occupato un 
posto perpendicolarmente a quello di Numa, e deve aver diretto lo 
sguardo verso il monte Celio, cioè verso oriente, cfr. Dion. 2, 5. — ca- 
pite velato : a capo coperto non solo bì pigliavano gli augurii, ma si sa- 
crificava ancora agli dèi, secondo il rito romano, cfr. 7, 3. — sine nodo, 
cfr. 10, 4. — lituum, cfr. Cic. de div. 1, 30: lituus, idest incurvutn et levittr 
a summo inflexum bacillum. — prospectu: egli aveva presso a poco ri- 
volto lo sguardo verso il foro, dove si riuniva il popolo, sul Celio e sull'agro 
romano. — regiones. L'augure, dopo aver attentamente osservata la cam- 
pagna che gli si stende dinanzi, fissa nell'orizzonte, di fronte a sé, verso 
oriente il punto più lontano, come ad es. un albero o pure una casa 
che gli sia dato di scorgere {signum contra, quoad longissime conspectum 
oculi ferebant), e da quel punto tira una linea chiamata decumanus la 
quale passando sul suo capo va a perdersi verso occidente nel più lon- 
tano orizzonte. Per mezzo di una seconda linea, di cui qui non fa cenno 
Livio, la quale movendo da sud verso nord pigliava il nome di cardo 
e tagliava perpendicolarmente il decumanus sul capo stesso dell'augure, 
il templum o spazio celeste da lui consacrato veniva a trovarsi come 
diviso in quattro regioni, delle quali due a destra del decumanus pro- 
spettavano verso mezzogiorno, e due a sinistra verso settentrione. Or,. 
secondo che il volo degli uccelli moveva da settentrione o pur da mez- 
zogiorno, gli augurii erano considerati come favorevoli o pur come av- 
versi. — 8. contra, avverbio che fa le veci di un agg. — animo finivit r 
son confini che egli determina di lontano collo sguardo e coirintenzione 
{cortumio). cfr. Varr. 1. 1. 7, 8: olla veter arbos, quisquis est, quam me seniio 
dixisse, templum finito in sinistrimi. — caput è posto simbolicamente per 
tutta la persona. — in e. imposito : Livio costruisce imponere tanto col 
dat. (cfr. 30, 45, 5 pilleo capiti imposito) quanto con i» e Tace, più ra~ 



AB UBBB CONDITA, GAP. XVIII, 7—^10; XIX, 1 83 

piter pater, si est fas hunc Numam Pompilium, cuius ego caput 
teneo, regem Romae esse, uti tu signa nobis certa adciarassis 
inter eos fines, quos feci ». Tum peregit verbis auspicia, quae 10 
mitti vellet ; quibus missis declaratus rex Numa de tempio de- 
scendit. 

XIX. Qui regno ita potitus urbem novam, conditam vi et 1 



tornente con in e Tabi., efr. 8, 23, 6. — 9. Iuppiter e Marspiter, al pari 
di Diespiter, contengono nel secondo elemento la voce pater attenuata 
in piter a causa dell'enclisi; il che però non ha impedito al primo di 
questi nomi di ricomporsi nuovamente con pater, come accade ad es. 
nella frase qui presente Juppiter pater. — uti, forma arcaicizzante » 
utinam. — signa, tuoni e lampi, volo e canto degli uccelli, cfr. 7, 1. — 
certa, cioè sicuri indizii della tua volontà. — adciarassis = adclaraveris 
(da clarus). Questa forinola, presa certamente ad imprestito dalla ter- 
minologia propria degli àuguri, non ricorre altrove in Livio. — IO. pe- 
regit verbis, o anche semplicemente peregit " nominò r . L' àugure fece 
il nome di tutti quanti i segni celesti, che egli considerava come ma* 
nifestazione del favore e dell'assenso di Giove. Questa parte dell'augurio 
pigliava il nome di legum dictio, cfr. 24, 9; 32, 8; 2, 1, 1 e Serv. ad Aen. 
3, 89: * augurium tuno peti debet, cum id quod animo agitamus per 
augurinm a diis volumus impetratum, et est species ista augurii qnae 
legum dictio appellatur : legum dictio autem est, cum certa nuncupatione 
verborum dicitur quali condicione augurium peracturus sit ,. — vellet 
è al cong., perchè esprime il pensiero dell'augure. — declaratus: gli dèi 
ne approvarono la scelta, manifestando la loro volontà per mezzo degli 
auspicii richiesti dall'augure (quibus missis). — tempio «= auguracelo, cfr. 
Varr. 1. 1. 7, 8: in terris dictum templum locus augurii aut auspicii causa 
quibusdam conceptis verbis definitus. — Alla funzione della inauguratio, 
che è qui descritta, precedeva comunemente, quando il re fosse stato 
scelto dai comizii curiati, la partecipazione di quella scelta (renuntatio) 
fatta al popolo per mezzo dell'in te rrex. 

XIX. — 1. ita potitus. Livio non solo trascura di far parola della re- 
nuntiatio, tanto a proposito di Numa come degli altri re, ma tace af- 
fatto della lex curiata de imperio, la cui introduzione si attribuisce allo 
stesso Numa. Per mezzo di questa legge il popolo conferiva al re lo 
imperium, cioè il diritto di esercitare la potestà regia, di cui era stato 
già investito dal senato (auctoribus patribus), cfr. Gic. de rep. 2, 25: 
Numam regem patribus auctoribus sibi ipse populus adscivit; qui ut huc 
venit, quamquam populus curiatis eum comitiis regem esse iusserat, tamen 
ipse de suo imperio legem curiatam tulit. Di questa lex curiata de «m- 
perio, la quale veniva proposta dal nuovo re, dopo Yauctoritas patrum, 
all'approvazione dei comizii curiati, Livio fa parola soltanto a riguardo 
dei magistrati della repubblica, cfr. 5, 46, 11 e 9, 88, 15. — vi et armis. 
La leggenda Romana non tien conto di quel primo abbozzo di costitu- 
zione politica già data da Romolo (cfr. 8, 1), perchè essa ebbe interesse 
di riferire a Numa tutta quanta la costituzione politica civile e reli- 
giosa di Roma (cfr. Ciò. de rep. 5, 3 : illa diuturna pax Numae maier huic 
urbi iurta oc religionis fuit); ed è assai degno di nota il fatto, che Livio 



84 TITI LIVI, LIB. I 

armis, iure eam legibusque ac moribus de integro condere parat. 

2 Quibus cum inter bella adsuescere videret non posse, quippe 
efferari militia animos, mitigandum ferocem populum armorum 
desuetudine ratus, Ianum ad infimum Argiletum indicem pacis 
bellique fecit, apertus ut in armis esse civitatem, clausus pa- 

5 catos circa omnes populos significaret. Bis deinde post Numae 
regnum clausus fuit, semel T. Manlio consule post Punicum 

mette in mostra soltanto quest'ultimo lato dell'opera di lui. — eam: la 
ripetizione della stessa idea innanzi espressa con urbem ha qui luogo, 
per mettere in mostra la contrapposizione che vi è tra i due concetti 
conditemi vi e condere iure. Questa ripetizione ha luogo talvolta dopo un 
part. (cfr. 42, 3, 8), ma più frequentemente dopo una proposizione rela- 
tiva (58, 1 1) o una parentesi (49, 9). — legibus condere, cfr. Cic, nat. d. 3, 
2, 5 e Verg. 6, 8 regie Romani, primus qui legibus urbem fundabit. — 
moribus, moralità, buon costarne, religiosità, in quanto si manifesta nelle 
pratiche del culto religioso, cfr. FeBto p. 157 : mos est institutum patrium, 
id est memoria veterum maxime pertinens ad religiones. — 2. quibus, 
sott. moribus, dat., cfr. 2, 1, 5 cui adsuescitur. — adsuescere, sott. come 
sogg. eam o pure urbem. — quippe, sott. vidébat o existimabat. Quanto 
all'uso del quippe coll'inf., senza che faccia parte dell'or, obi., cfr. 2, 45, 
9. — desuetudine, espressione Ovidiana la quale non ricorre altrove in 
Livio. — lanum. Il nome di questo Dio, il quale veniva venerato dai 
Salii come duonus cerus = creator bonus (Varr. 1. 1. 7, 27) e come deorum 
deus (Macr. 1. 9, 14) =* Ianus pater (Acta fr. Arv. 32, 1, 25), sembra assai 
probabilmente connesso con Diana e con dius * cielo , (cfr. Iovis = 
Diovis e luturna = Diuturna) e rappresenta forse il dio della luce, il 
quale, secondo l'immaginazione italica, apriva al mattino le porte del 
cielo e le chiudeva poi la sera (cfr. Macr. 1, 9, 9 Ianum quidam solem 
demonstrari volunt et ideo geminum quasi utriusque ianuae caelestis po~ 
tentem, qui exoriens aperiat diem, occidens claudat). Come simbolo forse 
della volta celeste, dove egli aveva sua stanza, gli era consacrato in 
terra un arco coperto, circondato ai due lati da mura e munito di due 
porte all'entrata e all'uscita (cfr. Cic. nat. d. 2, 27, 67 transitiones perviae 
iani nominantur), in mezzo a cui si trovava la statua di "Ianus bi- 
frons o geminus „, che era la sola immagine divina che esistesse in 
Roma a tempo di Numa (cfr. 38, 7). A causa di tal circostanza questo 
Ianus, che era stato forse in principio una porta della città antica 
{porta Ianualis, cfr. 12, 3; Varr. 1. 1. 5, 165; Ov. Fast. 1, 277), venne con- 
siderato in sèguito come un tempio o sacellwm, le cui porte avevano il 
nome di portae belli, cfr. Verg. 7, 607 e Plut. Numa 20: iati ò" attori 
xal veùg òl&VQog, 8v itokipov iròXr)p xaÀodoi. Quanto ai nomi comuni 
ianua e ianus, o essi hanno avuto origine direttamente dal nome della 
divinità, in sèguito all'oblio del suo significato primitivo, o pur met* 
tono capo alla stessa radice div " luce „ che è in divus dies e Iovis, con 
un processo ideologico affatto pari a quello, per cui lumina ha assunto 
in lat. il significato di * finestra, apertura „. — Argiletum, la regione 
a nord-est del foro tra il foro, l'altura delle Carinae e la Subura. In- 
fimum era forse la parte di essa più vicina al. foro. — circa * che sta- 
vano all'intorno „ cfr. § 4; 17, 4; 58, 2; 59, 9. — 8. clausus fuit " restò 



AB URBE CONDITA, GAP. XIX, 2—6 85 

primum perfectum bellum, iterum, quod nostrae aetati di de- 
derunt ut videremus, post bellum Actiacum ab imperatore -Cae- 
sare Augusto pace terra marique parta. Clauso eo cum omnium 4 
circa finitimorum societate ac foederibus iunxisset animos, positis 
externorum periculorum curis ne luxuriarent otio animi, quos 
metus hostium disciplinaque militaris continuerat, omnium pri- 
mum, rem ad multitudinem imperitam et illis saeculis rudem 
efficacissimam, deorum metum iniciendum ratus est. Qui cum 5 
descendere ad animos sine aliquo commento miraculi non posset, 
simulat sibi cum dea Egeria congressus nocturnos esse; eius se 
monitu, quae acceptissima dis essent, sacra instituere, sacerdotes 
suo8 cuique deorum praeficere. 

Atque omnium primum ad cursus lunae in duodecim menses 6 
discribit annum; quem, quia tricenos dies singulis mensibus luna 
non explet, desuntque dies solido anno, qui solstitiali circum- 



chiuso ,, cfr. 3, 26, 11. — Manlio, che fa console nell'a. 235 av. Cr. — 
iterum, sott. clausus fuit. — videremus ha relazione con aetas, uarà atJ- 
veaiv. — b. Actiacum, cioè nell'a. 29 av. Cr., cfr. C. I. L. I, p. 384. — 
4. clauso eo: qui si aggiunge, facendo sèguito al pensiero espresso nel 
§ 1, che la chiusura del tempio di Giano contribuì a mitigare i costumi. 
— luxuriarent * si rilassassero, si infiacchissero, si abbandonassero „. — 
rudem " ancora ingenua, senza alcuna malizia o furberia „. — 5. com- 
mento " invenzione, finzione ,. — simulat: sebbene questa simulazione 
non si accordi bene colla tanto vantata religiosità di Numa, pure essa 
corrisponde perfettamente all'interpretazione, che dell'antica mitologia 
avevano data alcuni filosofi greci, i quali la consideravano come una 
invenzione più o meno pietosa dei sacerdoti. — Egeria: la dea Egeria, 
che apparteneva al numero delle Camene (cfr. Ov. Fast. 3, 275 dea grata 
Camenis), era venerata tanto nel Lazio presso Aricia, nel bosco sacro a 
Diana, quanto in Roma presso la porta Capena (cfr. Liv. 21, 3), dove 
essa fu vista per la prima volta da Numa; e qual dea delle fonti (cfr. 
Servio a Verg. Ecl. 7, 21) aveva la potenza, che sjutrova attribuita co- 
munemente alle ninfe, di produrre negli uomini "estasi e furore demo- 
niaco (cfr. lymphatus e lymphaticus * chi è in preda all'estasi o al fu- 
rore ,). — cuique deorum «= sacris deorum. — 6. omnium primum, 
perche in corrispondenza del calendario son disposte non solo le occu- 
pazioni civili, ma ancora le festività religiose. — ad * in corrispon- 
denza .. — cursus lunae, il giro che la luna fa intorno alla terra. — duo- 
decimi l'anno Romuleo comprendeva solo 10 mesi (da dicembre a marzo) 
con 304 giorni, Numa invece ne aggiunse altri due. — discribit * di- 
vide ,. — tricenos dies: la luna compie il suo giro intorno alla terra in 
29 giorni, 12 ore e 44 minuti, sicché l'anno lunare di 12 mesi risulterebbe 
composto di 354 giorni, 8 ore e 48 minuti. — dies * dei giorni, alcuni 
giorni ,. — solido " completo, intero „ cfr. Or. solido de die. — solstitiali 
orbe indica il giro che fa la terra nel suo movimento di traslazione in- 
torno al sole, ovvero, come dicevano gli antichi, il giro che compie il 



86 TITI LIVI, LIB. I 

agitur orbe, intercalariis mensibus interponendis ita dispensavi!, 
ut vicesimo anno ad metam eandem solis, unde orsi essent, 
7 plenis omnium annorum spatiis dies congruerent. Idem nefastos 
dies fastosque fecit, quìa aliquando nihil cum populo agi utile 
futurum erat. 



sole da un dato punto del solstizio (meta) fino al momento in cui torna 
ad incontrarlo sulla sua via. L'anno solare, a cui qui accenna Livio, 
aveva circa 1 1 V* giorni più dell'anno lunare innanzi descritto. — in- 
tercalariis: Livio conosce soltanto la forma intercalarius, non l'altra 
intercalaris, cfr. 37, 59, 2 mense intercalario. — mensibus intercal. : gli 
antichi avevano i mesi intercalari, a quel modo stesso che noi abbiamo 
i giorni intercalari. Livio però qui non parla né della loro durata né 
dell'ordine in cui si seguivano. — interponendis, cfr. 33, 1. — dispen- 
sava, ordinò o divise in tanti mesi intercalari i giorni, che un dato 
ciclo di anni solari aveva in più degli anni lunari. — vicesimo. Livio 
si ferma semplicemente a dire, che il ciclo di 20 anni lunari = 7100 
giorni fu pareggiato al ciclo di 20 anni solari = 7805 giorni (tenuto 
conto anche dei 5 giorni intercalari degli anni bisestili), col dividere in 
tanti mesi intercalari i 205 giorni di differenza che si notano tra l'uno 
e l'altro ciclo. Per chi brami a tal riguardo qualche notizia più precisa, 
possiamo anche aggiungere che questi mesi intercalari si introducevano 
a distanza di due anni l'uno dall'altro tra il 23 e il 24 di febbraio, e che 
nello spazio di 20 anni 7 di essi avevano la durata di 23 giorni (= 161 
giorni) e due altri la durata di 22 giorni ciascuno (= 44 giorni). Però 
fa d'uopo aggiungere, che questo ciclo di 20 anni non ebbe mai in Roma 
valore ufficiale, e che esso fu semplicemente escogitato da un qualche 
dotto per correggere gli svariati mutamenti, a cui il calendario romano, 
anteriore alla riforma di Cesare, andava assoggettato, cfr. 36, 3, 13; 37, 
4, 4. — eandem metam, lo stereo punto dell'oro»* solstitialis ovvero del- 
l'eclittica, in cui si trovava a principio del primo anno. — congruere 
ad: sebbene congruere sia costruito comunemente da Livio col dat., pure 
tale costruzione non sarebbe stata propria in questo luogo, cfr. 5, 5 e 
Censori no 18, 4: tempus quod ad solis modo cursum congruere videbatur. 
— plenis annorum spatiis: solo al termine del 20° anno si trovavano a 
coincidere nuovamente insieme l'anno solare e Tanno lunare. — 7. ne- 
fastos, cfr. Varr. 1. 1. 6, 29: dies fasti, per quos praetoribus omnia verba 
sine piaculo licet fari... contrarii horum dies nefasti, per quos dies nefas 
fari praetorem do, dico, addico. Però questa distinzione dei giorni del 
calendario romano in fasti e nefasti, secondo che il pretore poteva o 
pur no amministrar la giustizia, aveva probabilmente in antico un si- 
gnificato più lato, e i dies fasti comprendevano in so anche* quei giorni 
in cui il magistrato poteva fare comunicazioni al popolo raccolto nei 
comizii (cum populo agere). Questi giorni presero più tardi nel calen- 
dario un posto distinto col nome di dies comitiales, cfr. Macr. 1, 16, 14: 
comitiales dies sunt quibus cum populo agi licet: et fastis quidem lege agi 
potest, cum populo non potest; comitialibus utrumque potest. Livio, come 
è chiaro da quia aliquanto età, usa la parola fasti nel significato più 
largo. 



AB UKBE CONDITA, GAP. XIX, 7; XX, 1 — 3 87 

XX. Tum sacerdotibus creandis animum adiecit, quamquam i 
ipse plurima sacra obibat, ea maxime, quae nunc ad Dialem fla- 
minem pertinent. Sed quia in civitate bellicosa plures Romuli 2 
quam Numae similes reges putabat fore iturosque ipsos ad bella, 
ne sacra regiae vicis desererentur, flaminem Iovi adsiduum sa- 
cerdotem creavit, insignique eum veste et curuli regia sella 
udornavit. Huic duos flamines adiecit, Marti unum, alterum Qui- 3 
rino; virginesque Vestae legit, Alba oriundum sacerdotium et 
genti conditoris haud alienum. Iis, ut adsiduae templi antistites 
essent, stipendium de publico statuit, vinrinitate aliisque caeri- 

XX. — 1. sacerdotibus: son questi i sacerdote» puolici popu/t Romani, 
cfr. 33, 1. — Dialem flaminem: il flamine (da flare * soffiare o accendere 
il fuoco sacrificale „) di Giove era, tra tutti quanti i flamini delle altre 
divinità, il più insigne e il più illustre, anche a prescindere dal fatto 
ohe di flamini ci era un numero assai limitato, cfr. Cic. legg. 2. 8, 20 
■<tipi8 omnibus Pontifices, singulis Flamines sunto. — 2. Numae, in luogo 
di sui, per accrescere e mettere in maggior risalto il contrapposto con 
Romuli, cfr. 42, 4; 2, 7, 11. — ipsos " essi stessi, personalmente „. — re- 
giae vicis * che spettavano al re, che egli aveva riserbati a se stesso „: 
il gen. vicis si nota in Livio un'altra volta ancora in 42, 6. — adsi- 
duum, cfr. 5, 52, 13 flamini Diali noctem unam manere extra urbem nefas 
t-st. La moglie del flamine era anche sacerdotessa e pigliava il nome di 
Flaminica; il Flamen poi non poteva apparire in pubblico altrimenti 
che in veste ufficiale. Livio non fa cenno di tutte le distinzioni che eran 
proprie del flamen e nemmeno dell'inferiorità sua rispetto al pontefice. 
— insigni veste: Livio ricorda in 27, 8, 8 come veste speciale del flamine 
la toga pretesta, datum id cum toga praetexta et sella curuli et flamxnio 
esse; Servio invece, ad Aen. 4, 262, ricorda come suo abito distintivo la 
toga duplex, chiamata anche laena. 11 flamen portava inoltre sul capo 
un cappello bianco {albogaUrus) sormontato da un apex. — regia, perchè 
essa un giorno spettava soltanto al re, cfr. 8, 3. — duos: i flamini di 
Marte e di Quirino, cioè delle due divinità che erano considerate come 
capostipiti dei Ramni e dei Tizii. stavano alla pari del flamen Dialis, e 
pigliavano tutti e tre il nome di Flamines maiores o patricii, in con- 
trapposto agli altri 12 flamini detti minores. — 3. virginesque: que = 
" e parimenti ,, cfr. 2, 9, 6. — Vestae, la dea protettrice delle famiglie 
e dello stato. — legit = capit (Tac. Ann. 4, 16) e facit (Geli. 1, 12). Le 
Vestali, tolte per tal modo dalla dipendenza del padre e poste sotto il 
patrocinio della dea, vengono considerate come figlie dello stato. — Alba 
e Lavinium erano le sedi principali del culto di Vesta, cfr. 3, 11; 7, 3; 
14, 3; 37, 3. — alienus è costrutto da Livio quasi esclusivamente col 
dat. — conditoris, sott. urbis: si accenna a Rea Silvia. — templi: il 
tempio di Vesta, di forma circolare, rappresentava il focolare domestico 
dello stato, su cui le Vestali (adsiduae antistites, prima 4 e poi 6, a tempo 
di Tarq. Prisco o di Servio) tenevano continuamente acceso il fuoco 
sacro, e trovavasi situato su una delle diramazioni del Palatino verso il 
foro e la via sacra. — stipendium: alle Vestali era assegnato come red- 
dito una parte dell'aver publicus — virginitate : essendosi consacrate a 



88 TITI LIVI, LIB. I 

4 moniis venerabiles ac sanctas fecit. Salios item duodecim Marti 
Gradivo legit, tunicaeque pictae insigne dedit et super tunicam 
aéneum pectori tegumen caelestiaque arma, quae ancilia appel- 
lantur, ferre ac peV urbem ire canentes carmina cum tripudiis 
sollemnique saltatu iussit. 

Vesta, esse non potevano appartenere a nessun uomo. — aliisque caerimo- 
niis: le Vestali erano distinte per l'inviolabilità della loro persona (sanctae) 
e per il rispetto di cui erano circondate dal popolo (venerabiles), e go- 
devano di parecchi privilegii, come ad es. del diritto di accordar pro- 
tezione ai rei o malfattori. Esse inoltre non entravano in ufficio se non 
dopo di aver presi gli auguri i, e portavano un abito corrispondente al 
loro grado od ufficio sacro. — 4. Salios, cfr. Varr. 1. 1. 5, 85 : Salii a 
saltando tripudiis sollemnique saltatu, quod facere in eomitio et solent et 
debcnt e Servio ad Aen. 2, 325 Salii sacra penatium (al numero dei quali 
appartenevano anche Marte, Pico e Fauno) curabant. — Marti: antica 
deità italica della primavera e della vegetazione dei campi (cfr. mentis 
Martius), la quale ebbe in seguito anche l'attributo di genio della» 
guerra, per influenza forse dell' "-Afyrjs greco. Il soprannome di Grdditms, 
che l'accompagna comunemente, trovasi dagli antichi riferito a questa, 
seconda qualità sua e connesso erroneamente con grdd-ior (cfr. Paul. 
Fest. p. 97, 2 a gradiendo in bello ultro citroque), mentre, secondo ogni 
probabilità, esso ha relazione con grand-io grandis e gràmen per *grand- 
tnen. — tunicae pictae, genit. epesegetico o definitivo, cfr. 13, 2 e Verg. 
2, 392 clipei insigne. La tunica era una specie di sottoveste, che si por- 
tava al disotto della toga e che corrispondeva in certo modo alla ca- 
micia. Quella dei Salii si distingueva dalla tunica comune, perchè era 
ricamata (pietà o palmata, da acu pingere o dal * ramo di palma , che 
vi era sopra disegnato, cfr. 30, 15, 11). — pectori, cfr. 9, 19, 7 tegumentutn 
corpori. — ancilia. Un giorno a Numa, mentre pregava, cadde dal cielo 
(caelestia arma) fra le mani uno scudo (cfr. 5, 54, 7), al quale egli, poiché 
era incurvato da ambedue i lati, diede il nome di ancìle dalla prep. 
amb. = àfupts " utrimque „, che si nota ad es. in anfracta e in ancaesa 
i. e. * vasa caelata quod circumeaedendo talia fiunt „ Paul. p. 20, e dalla 
rad. caed di caedo che è ad es. in caelum * cesello B per *caed lum e in 
caelare per *caed-lare (cfr.. qual composto affine ad ancilia, la voce in- 
cilia da in cidle = fossae Paul. p. 107, Varr. 1. 1. 7, 43: ancilia dieta ab 
ambecisu, quod ea arma ab utraque parte ut Thracum incisa e Paul. Diac. 
p. 131 ancile i. e. scutum breve, quod ideo sic est appellatutn, quia «a? 
utroque latere erat recisum, ut summum infimumque eius latius 
medio pateret). Contemporaneamente risuono dal cielo una voce, che 
la città avrebbe esteso e mantenuto il suo dominio su tutta quanta la 
terra, fino a che questo scudo imperii pigmis (cfr. 5, 52, 7) fosse stato 
custodito. Allora Numa, per impedire che quel sacro pegno potesse 
essere sottratto alla città, ne fo' costruire da Mamurio Veturio altri un- 
dici affatto simili, in modo che non fosse più possibile discernere lo 
scudo primitivo. Era questa una leggenda, probabilmente connessa col- 
l'altra innovazione che mette capo allo stesso Numa, della divisione 
cioè dell'anno in 12 mesi. — ferre: la processione solenne dei Salii 
aveva luogo tra 1*11 e il 19 di marzo, cfr. 87, 83, 6 e C. I. L. I, p. 338, 



AB UBBB CONDITA, GAP. XX, 4 — 6 89 

Pontificem deinde Numam Marcium Marci filium ex patribus 5 
legit, eique sacra omnia exscripta exsignataque attribuit, quibus 
hostiis, quibus diebus, ad quae tempia sacra fierent, atque unde 
in eos sumptus pecunia erogaretur. Cetera quoque omnia publica 5 



387. — carmina. I canti dei Salii, ohe vanno considerati come il più 
antico monumento della poesia e della lingua latina, risultavano costi- 
tuiti di due parti, di un'invocazione cioè a tutti quanti gli dèi e agli 
nomini più insigni dell'antichità (cfr. Tac. Ann. 2, 83; 4, 9) e di singoli 
versi cantati in onore di ciascuna divinità. Della prima parte, che pi- 
gliava il nome generico di axamenta, ci avanzano ancora alcuni pochi 
frammenti, i quali erano divenuti quasi inintelligibili agli stessi sacer- 
doti Salii e ai dotti Romani, cfr. Or. Ep. 2, 1, 86 e Quint. 1, 6, 40: Sa- 
liorum carmina vix sacerdotibus suis satti intellecta. — tripuditi, composto 
da ter e pes, indica il passo con tre battute, cioè il passo della danza, 
cfr. Tac. Ann. 4, 47 cum tripuditi persultabant e Or. Carm. 4, 1, 28 in 
moretti Saliùm ter quatient humutn. La danza speciale dei Salii pigliava 
anche il nome di redamptruatio Festo p. 270. — 6. pontificem: il pon- 
tefice qui nominato da Livio (v. anche 32, 2 e % 2, 2) è probabilmente 
il pontifex maximus, in considerazione di questi due fatti, che Pontifex 
equivale certamente a Pont, maximus in 28, 11, 6 e 34, 44, 2, e che il 
collegio dei pontefici fu istituito da Numa (cfr. 4, 4, 2, Cic. de rep. 2, 26 
e Dion. 2, 73). Inoltre questo Pontifex apparisce, da quel che segue, come 
un sacerdote con attribuzioni proprie, e non già come il Flamen dìalis, 
il quale fa semplicemente le veci del re. I pontefici, a prescindere dal- 
l'incarico di alcuni particolari sacrificii, non erano propriamente addetti 
al servizio di singole divinità, ma sorvegliavano le operazioni generali 
del culto; e sebbene, a tempo dei re, le deliberazioni supreme in que- 
stioni religiose fossero sempre prese dal re (cfr. 32, 2), pure a tempo 
della repubblica, come par chiaro dal § 6, tali attribuzioni furon tutte 
devolute al capo dei Pontefici, il quale prese solo allora, assai proba- 
bilmente, il soprannome di Maximus. — ex patribus: all'alba dei tempi 
storici, non si trova propriamente con sicurezza una gente patrizia di 
nome Marcia (cfr 32, 1 ; 27, 6, 16); però egli è certo che fino al 3C0 av. Cr. 
l'accesso al pontificato e alle altre cariche religiose, di cui si è già fatto 
parola, fu riserbato ai soli patrizii, cfr. 10, 6, 6. 9, 2. — exscripta exsi- 
gnataque. I commeniarii o libri Numae a cui qui si accenna (cfr. 31,8; 
32,2). i quali dettero probabilmente origine dipoi ai libri pontificii, 
contenevano * un'indicazione e una descrizione particolareggiata „ di 
tutti quanti i sacrifizii e degli altri uffizii del culto religioso. 11 qual 
concetto si trova qui espresso per mezzo di due participii, l'uno dei 
quali, in conformità dell'uso latino, trovasi adoperato, secondo l'espres- 
sione del Nagelsbach, in sostituzione dinamica di un avverbio. — 
exsignata, espressione plautina la quale non ricorre altrove in Livio. — 
attribuii * affidò a loro come norma „. — ho»tiis: il rituale sacro con- 
teneva prescrizioni precise riguardo al modo come si dovesse sacrificare 
alle diverse divinità. — diebus: i pontefici avevano anche l'obbligo di 
comunicare al popolo, a tempo della luna nuova, i dies festi che ricor- 
revano nel mese. E a causa di questa conoscenza precisa e sicura, che 
essi dovevano avere del calendario, fu loro affidata la cura non solo di 



90 TITI LIVI, LIB. I 

privataque sacra pontificis scitis subiecit, ut esset, quo consul- 
tum plebes veniret, ne quid divini iuris neglegendo patrios ritus 
7 peregrinosque adsciscendo turbaretur; nec caelestes modo cae- 
rimonias, sed iusta quoque funebria placandosque manes ut 
idem pontifex edoceret, quaeque prodigia fulminibus aliove quo 
visu missa susciperentur atque curarentur. Ad ea elicienda ex 



indicare i dies festi, ma anche i dies fasti. — ad quae, " in quali ,, cfr. 
22, 1, 19 ad aedem Saturni immolatum est. — in eos, le spese che erano 
necessarie pel sacrifizio, cfr. 41, 4. — pecunia: questo denaro era in parte 
assegnato sul pubblico erario ed in parte ricavato dalle rendite spe- 
ciali delle singole divinità o templi. — 6. cetera: oltreché dei sacri- 
fizi! da farsi nell'interesse dello stato, i pontefici avevano anche l'inca- 
rico delle preghiere, dei giuochi, delle feste e dei voti, qui compresi 
sotto la voce sacra * consuetudini religiose „. — publica, che erano com- 
piute dai sacerdoti pubblici, a spese dello stato e in favore del popolo. 

— scitis: questa forma si adopera, propriamente, parlando delle deli- 
berazioni della plebe; quando si accenna alle deliberazioni dei ponte- 
fici, si usa comunemente la voce decretum, cfr. 24, 44, 9 e 3, 33, 6. — 
subiecit, cfr. 2, 2, 2. — tU esset dipende sempre da scitis subiecit. — pro- 
digia: il Pontefice aveva anche l'incarico di indicare quali fenomeni 
dovessero considerarsi come manifestazione del volere degli dèi, e quale 
fosse il significato che lor doveva attribuire il popolo {suscipere, acci' 
pere); affinchè questo, conosciuta la cagione dell'ira degli dèi, trovasse 
subito il modo di placarla (curare) per mezzo di preghiere e sacrifizii. 

— veniret. A causa del gran numero di divinità, che presedevano ai 
singoli momenti della vita umana, e delle scrupolose e minuziose indi- 
cazioni del rituale romano, tornava assai spesso ben difficile conoscere 
a quali divinità e con quali cerimonie, nelle singole circostanze, lo stato 
si dovesse rivolgere; e perciò si ricorreva in tali casi per istruzione ai 
Pontefici, i quali erano depositarli della tradizione, sia orale, sia scritta. 

— plebes: la plebe dipendeva in questo modo, secondo Livio, anche in 
fatto di religione completamente dai patrizii, cfr. 82, 1 ; 6, 2, 10. — di- 
vini iuris : nessuna prescrizione del rituale sacro poteva essere trascu- 
rata. — peregrino* : i culti forestieri potevano essere introdotti in Roma 
soltanto per decreto del senato, cfr. 4, 30, 11; 25, 1, 10; 39, 9, 1. — 
7. caelestes, il culto degli di caelestes (sacra), in contrapposizione ai dii 
manes. — iusta funebria, gli ufficii religiosi dovuti ai morti, che era 
delitto il trascurare, cfr. Cic. de legg. 2, 22. — placandosque: questo ge- 
rundivo va interpretato come semplice attributo del sost. che precede, 
perchè, non essendo accompagnato da preposizione e non trovandosi 
preceduto da uno di quei verbi (dare facere curare...), con cui è permesso 
l'uso del gerundivo in caso acc, non sarebbe regolare la dipendenza di 
esso da edoceret. — mànes, cioè gli spiriti dei trapassati (* i buoni, i 
puri „), i quali venivano venerati come dii, ma avevano però sempre 
sede nell'Averno, cfr. Cic. de legg. 2, 10, 22 deorum Manium iura sancta 
sunto. Al fine di purificarli e di placarli, si celebravano in loro onore 
i ludi funebres, una gran festa chiamata feralia, e si portavano loro 
sacrifizii e doni. — visu " apparizione, fenomeno ,. — curare = procu- 



AB URBE CONDITA, GAP. XX, 7; XXI, 1 91 

mentibus divinis Iovi Elicio aram in Aventino dicavit, deumque 
consnluit auguriis, quae suscipienda essent. 

XXI. Ad haec consultanda procurandaque multitudine omni 
a vi et armis conversa et animi aliquid agendo occupati erant, 
et deorum adsidua insidens cura, cum interesse rebus humanis 
cadeste numen videretur, ea pietate omnium pectora iinbuerat, 
ut fides ac ius iurandum proximo legum ac poenarum metu ci- 



rare, expiare, cfr. 31, 8 curare sacra. — ad ea elidendo: a scongiurare 
il fulmine, a sprigionarlo oioè dalle mani di Giove occorrevano scon- 
giuri, sacri6zii e preghiere; poiché era di grande interesse per gli uo- 
mini poter conoscere, per mezzo di segni sicuri, quale fosse il suo vo- 
lere o pur la cagione della sua ira. Poiché però non tutti i segui o 
prodigio avevano uguale significato o interesse per il popolo, così questo 
si rivolgeva ai pontefici per conoscere, quali di essi lo toccassero più 
da vicino {quae susdperentur). La leggenda racconta, cfr. Ov. Fast. 3, 261, 
che Pico e Fauno insegnarono a Numa l'arte di attirare il fulmine, di 
scongiurare Giove a manifestarsi nei tuoni e nei lampi, e di placarne l'ira. 
— Elido: così veniva soprannominato Giove, quando si manifestava 
ai mortali per mezzo del fulmine o, meglio, portando in terra il fulmine, 
cfr. il Zei>s naTaipdzng dei Greci. Varr. 1. 1. 6, 94 Elidi Iovis ab elidendo 
e Ov. Fast. 3, 827. — in Aventino, al pari di Remo, cfr. 7, 3 e Ov. Fast. 3, 
395 lucus Aventino suberat. — auguriis: per mezzo dell'osservazione del 
volo degli uccelli o, meglio, per mezzo del particolare significato che 
alle diverse manifestazioni di questo volo stabilì di voler attribuire 
(cfr. 18, 10), Numa venne a conoscere quali fossero i fulmini nunzii dei- 
Tira degli dèi, e quali i mezzi adatti a placarla. Sebbene in antico 
questo ufficio fosse esercitato dai sacerdoti romani, a cui era stato tras- 
messo da Numa, pure in progresso di tempo ad essi si vennero a so- 
stituire gli àuspici, i quali praticarono la procuratio fulminum secondo 
il rito speciale degli Etruschi (ars fulguritorum). — quae, al pari dell'io 
che precede, va riferito a prodigio, e per esso a fulmina. 

XXI. — 1. ad haec consultanda è riferito alla moltitudine ed ha re- 
lazione con ciò a cui si accenna in 20, 6: * per prendere cognizione di 
tutto ciò ,. — occupati: le pratiche minuziose e assai complicate del 
culto tennero in certo modo, nell'animo dei contemporanei di Numa, 
il posto stesso che le occupazioni militari avevano tenuto a tempo di 
Romolo, e impedirono che essi si corrompessero nell'ozio, cfr. 19, 4 quos 
metus hostium continuerai. — agendo: con occupa ri Cic, a differenza di 
Livio (cfr. 6, 5, 1), adopera esclusivamente l'ablativo con in. — adsidua: 
Livio adopera ben spesso accanto ad un aggettivo un altro aggettivo 
che ne modifichi il senso, e che fa propriamente le veci di un avverbio, 
cfr. 22, 6, 4 infesto venienti obviam. — interesse " pigliar parte, interve- 
nire ,, cfr. 10, 40, 14 numquam humanis rebus magis pr aesente s interfuisse 
deos. — proximo metu, abl. ass.: " avendo preso il secondo posto il ti- 
more „, cfr. quanto all'abl. ass. 2, 9, 6; 4. 41, 12 e Or. Carm. 1, 12, 51 tu 
secundo Coesore regnes, e quanto al significato speciale di proximus 40, 
6, 2 proxima est regia cohors e 44. 24, 4. Del resto, e utile ricordare che 
il Weissenborn sostituisce a proximo, che è la lezione dei mscr., la forma 



92 TITI LIVI, LIB. I 

2 vitatem regerent. Et cura ipsi se homines in regis, velut unici 
exempli, mores formarent, tum finitomi etiam populi, qui antea 
castra, non urbem positam in medio ad sollicitandam omnium, 
pacem crediderant, in eamverecundiam adducti sunt, ut civitatem 

3 totam in cultum versam deorum violare ducerent nefas. Lucus 
erat, quem medium ex opaco specu fons perenni rigabat aqua. 
Quo quia se persaepe Numa sine arbitris velut ad congressum 
deae inferebat, Camenis eum lucum sacravit, quod earum ibi 
concilia cum coniuge sua Egeria essent. Et soli Fidei sollemne 

4 instituit. Ad id sacrarium flamines bigis curru arcuato vehi 
iussit, manuque ad digitos usque involuta rem divinam facere,. 



prò anxio, il Madvig prò óbnoxio e il Novak prò, cfr., quanto al con- 
cetto che e qui espresso, Ov. Fast. 1, 251 : proque tnetu poptdum sine vi 
pudor ipse regebat. — 2. eum formarent... tum additeti sunt: sebbene 
le proposizioni coordinate con eum e tum reggano di regola l'indicativo, 
pure Livio adopera talvolta nella prima il cong., quando vuole indicare 
con essa la cagione di ciò che sussegue. — ipsi homines " i Romani dal 
canto loro ,. — unici = praestaniissimi " assai splendido ,. — in mores 
è detto sull'analogia di in modum: altrove in dipendenza da formare 
trovasi adoperato ad, cfr. 45, 1. — positam è attratto dal nome più vicino 
urbem, mentre ha relazione non meno con esso che con castra. — 3. ex 
op. specu, sott. profluens e cfr., quanto all'omissione quasi costante in 
Livio del participio, 18, 3; 28, 45, 18: abies ex publieis silvis. — deae, 
Egeria, cfr. 19, 5. — Camenis, cfr. n. 7, 8. Le Camene o dee delle fonti 
si trovano di già identificate da Ennio colle muse greche. 11 loro ame- 
nÌ8simo bosco, nel quale le Vestali andavano ad attinger acqua per i 
sacrifizii, era situato in vicinanza della porta Capena. Alla relazione, 
in cui esse si trovavano con Egeria, accenna Ov. Fast. 3, 275: Egeria 
est, quae praebet aquas, dea grata Camenis. — 4. soli Fidei: l'agg., a 
nostro avviso, serve a dare maggior risalto all'importanza di questa isti- 
tuzione, né va cancellato come spurio, secondo che opinano tutti gli 
altri editori. Numa consacrò un tempio esclusivamente alla Fede, per 
indicare e inculcare ai suoi sudditi in qual pregio dovessero tenerla, 
cfr. Dion. 2. 75 : jiqQtos àv&QÙntav legòv lÒQvaato ntoxeu>s e Cic. off. 1 , 
7: fundamenfum iustitiae fides i. e. dictorum conventorumque constantia et 
teritas. — sollemne, una festività religiosa la quale ricorreva ogni anno 
a principio dell'ottobre. — id sacrarium = eius {Fidei) sacrarium: questa 
cappella o santuario venne a trovarsi più tardi in vicinanza del tempio 
Capitolino. — flamines, i tre flamini ricordati in 20, 2. — curru arcuato 
è apposizione di bigis, * su di un cocchio ,. — arcuato è un &na% et- 
Qijftévov liviano, che non è estraneo nemmeno a Ovidio, e serve ad in- 
dicare un cocchio pari a quello di cui solevano servirsi le Vestali, prov- 
visto di un riparo a forma di arco e coperto di panno. — ad... usque: 
L. preferisce altrove la forma usque ad. — involuta, cfr. Serv. ad Aen. 
1, 292: panno albo manu involuta, quod significai fidem esse debere secretam. 
Questo panno serviva ad indicare che la fedeltà si dovesse tenere ri* 
guardata e si dovesse proteggere e custodire con ogni cura; poiché 



AB UBBB CONDITA, CAP. XXI, 2—6 93 

sìgnificantes fidem tutandam sedemque eius etiam in dexteris 
sacratam esse. Multa alia sacrificia locaque sacris faciendis, quae & 
Argeos pontifices vocant, dedicavit. Omnium tamen maximum 
eius operum fuit tutela per omne regni tempus haud minor 
pacis quam regni. — Ita duo deinceps reges, aìius alia via, ille *> 
bello hic pace, civitatem auxerunt. Romulus septem et triginta 



l'uso delle sacre bende presso gli antichi aveva sempre il valore di 
rendere sacra la parte che esse coprivano. Del resto, non solo i sacer- 
doti della dea Fides compivano i loro sacri ufficia colla mano destra 
velata, ma la stessa immagine della dea era simbolicamente rappre- 
sentata colla mano destra distesa e coperta di un velo bianco, simbolo 
della luce e della fedeltà, cfr. Val. Mass. 6, 6, 1 : cuius imagine ante oculos 
posita venerabile Fidei numen dexteram suam, certissimum salutis fiumana* 
pignu8 ostendat e Or. Carm. 1, 35, 21: albo Fides velata panno, —rem div. 
faeere " sacrificare ». — fidem tutandam: la copertura del cocchio ser- 
viva ad indicare che la fedeltà si dovesse osservare e custodire con ogni 
cura; poiché non vi ha dubbio che la voce tutari abbia appunto rela- 
zione colla copertura del cocchio, cfr. 1, 8, 22: Volsci tutabantur se vallo 
e Cic. N. D. 2, 57: genae ab inferiore parte tutantes oculos subiectae. — 
sedem etiam in dexteris sacratam : il velo con cui il sacerdote si copriva 
la mano destra, nell'accostarsi all'altare della dea, serviva ad indicare 
come non solo fosse sacro l'altare del nume, ma anche la destra con 
cui si giurava innanzi ad esso di serbar fedeltà, cfr. 23, 9, 3 sacratas 
fide manus e Plin. H. N. 11, 250 inest et aliis partibus quaedam religio, 
sicut dextera osculis aversa appetitur, in fide porrigitur. — 5. Argeos. 
Nei quattro distretti, in cui la città di Roma era in antico divisa 
(cfr. 43, 13), si trovavano 24 o pure 30 cappelle (cfr. Dion. 1, 39), dove 
la tradizione raccontava che fossero seppelliti i 24 compagni di Ercole; 
i quali, venuti da Argo in sua compagnia, si erano fermati ai piedi del 
Campidoglio nell'antica città Saturnia, e presi poi da brama ardentis- 
sima di riveder la propria patria bì eran gettati nei fiume, dove ave- 
vano trovata la loro tomba. In memoria di questi 24 eroi, che raffigu- 
rano probabilmente i Lari o gli dèi protettori delle singole tribù in cui 
la città antica era divisa, si celebrava ogni anno una sacra processione 
nei giorni 16 e 17 di marzo, ed una festività solenne nei giorni 14 e 15 
di maggio (cfr. Ov. Fast. 5. 621), in occasione della quale bì gettavano 
nel Tevere dal ponte Sublicio 24 fantocci di giunchi (cfr. Varr. 1. 1. 7, 
44), chiamati anch'essi Argei, i quali simboleggiavano probabilmente le 
vittime umane, che agli dèi protettori delle tribù si erano in antico immo- 
late ; cfr., come tradizioni a ciò relative, Varr. 1. 1. 5, 45 : " reliqua Urbis 

* loca olim discreta, cum Argeorum sacraria in septem (quattuor?) et 
" viginti partes urbis sunt disposita, Argeos dictos putant a principibua, 

* qui cum Hercule Argivo venere Romana et in Saturnia subsederunt. 

* E quis prima est scripta regio Suburana, secunda Exquilina, tertia 

* Collina, quarta Palatina „ e Paul. Diac. p. 17 : * Argea loca Romae 
" appellantur, quod in his sepulti essent quidam Argivorum illustres 

* viri ,. — per o. regni tempus è attributo di tutela. — 6. alius per 
alter, per attrazione dell'aita che sussegue, il quale non poteva sosti- 



94 TITI LIVI, LIBKR I 

regnavit annos, Numa tres et quadraginta. Cum valida tum tem- 
perata et belli et pacis artibus erat civitas. 

1 XXII. Numae morte ad interregnum res rediit. Inde Tullum 
Hostilium, nepotem Hostili, cuius in infima arce clara pugna 
adversus Sabinos fuerat, regem populus iussit; patres auctores 

2 facti. Hic non solum proximo regi dissimilis, sed ferocior etiam 
quam Romulus fuit. Cum aetas viresque tum avita quoque gloria 
animum stimulabat. Senescere igitur civitatem otio ratus un- 

g dique materiam excitandi belli quaerebat^ Forte evenit, ut 
agrestes Romani ex Albano agro, Albani ex Romano praedas in 

4 vicem agerent. Imperitabat tum Gaius Cluilius Albae. Utrimque 
legati fere sub idem tempus ad res repetendas missi. Tullus 
praeceperat suis, ne quid prius quam mandata agerent; satis 

5 sciebat negaturum Àlbanum: ita pie bellum indici posse. Ah 
Albanis socordius res acta; excepti hospitio ab Tulio blande ac 
benigne comiter regis convivium celebrant. Tantisper Romani 



tuirsi con altera, a causa del significato speciale di * diverso , che ha 
in questa frase. — temperata ' bene organizzata ,, cfr. 18, 4. 

XXII. Tulio Ostilio. — 1. ad interregnum, cfr. 17, 5 e 32, 1. — 
Hostili: si accenna qui a quell 1 Hostius Hostilius, di cui è fatta p«^Oifc. 
in 12, 2. — cuius pugna fuerat. — è un'espressione assai più energica 
ed efficace di qui pugnaverat. — clara si deve interpretare come at- 
tributo, e non già come predicato di pugna. — populus, cfr. Cic. de r*»p. 
2,31: mortuo Pompilio Tullum Hostilium populus regem interrege rogante 
creavit e n. 17, 7-9. — 2. regi dissimilis, cfr. 20, 2. — Romulus, cfr. 32» 
4. — senescere " infiacchirsi ,, cfr. 6, 23, 7 civitatis consentscere tfires. — 
3. agrestes * contadini „. — Albani: come già si è notato in 9, 1, e come 
apparirà ancor più chiaro dal 23, 7 gli Albani, se non furono progeni- 
tori, eran però certamente alleati dei Romani, perchè facevano parte 
tanto gli uni come gli altri della lega latina. — imperitabat: " eser- 
citava il supremo comando „ (fteyloiijv àq%^v Dion. 3, 2). Non si sa pre- 
cisamente qual fosse il grado e il titolo di questo magistrato Albano, 
che Festo contrassegna col nome di praetor (cfr. p. 182 Cloelius praetor 
Albanus) e Livio con quello di dux (23, 3) o pure di rex (22, 7 ; 23, 4 
e 7), nomi che assieme all'altro di dictator si trovano attribuiti anche 
al successore di Cluilio, Mettius (cfr. 23, 4; 24, 9; 27, 1). Probabilmente 
nel governo di Alba si succedevano dittatori con poteri regali, i quali 
invece di esser creati a vita erano scelti a tempo, cfr. 8, 3, 9 e Dion. 5, 
74. — Albae locativo, cfr. 2, 3 Caere imperitans. — 4. legati: dal 82, 5 
apparisce, che questi ambasciatori pigliavano il nome speciale di Fe~ 
tiales. — mandata = ea quae mandata essent. — pie " giustamente 9 , 
cioè senza venir meno a quei doveri che l'uomo ha verso i suoi simili 
e verso Dio, cfr. Cic. de off. 1, 36 nullum bellum esse iustum, nisi quod aut 
rebus repetitis geratur aut denuntiatum ante sit et indictum; Liv. 32, 12 
puro pioque duello; 9, 1, 10 pia arma. — 6. comiter * allegramente, con 
piacere ,, cfr. 25, 12, 9: ludos qui quotannis Apollini comiter fiant, e Vanv 



AB URBE CONDITA, CAP. XXII, 1—7; XXIII, 1 — 2 9& 

et res repetiverant priores et neganti Albano bellum in trice- 
simum diem indixerant. Haec renuntiant Tulio. Tum legatis & 
Tullus dicendi potestatem, quid petentes venerint, facit. Illi 
omnium ignari primum purgando terunt tempus: se invitos 
quicquam, quod minus placeat Tulio, dicturos, sed imperio su- 
bigi: res repetitum se venisse; ni reddantur, bellum indicere 
iussos. Ad haec Tullus « nuntiate » inquit « regi vestro, regem 7 
Romanum deos facere testes, uter prius populus res repetentes 
legatos aspernatus dimiserit, ut in eum omnes expetant huiusce 
clades belli ». 

XXIII. Haec nuntiant domum Albani. Et bellum utrimque 1 
summa ope parabatur, civili simillimum bello, prope inter pa- 
rentes natosque, Troianam utramque prolem, cum Lavinium ab 
Troia, ab Lavinio Alba, ab Albanorum stirpe regum oriundi 
Romani essent. Eventus tamen belli minus miserabilem dimi- 2- 



1. 1. 7, 89 comiter = hilare ac lubenter. — tantisper " frattanto „, cfr. 3, 
1. — trices. diem: col decorrere di questo spazio di tempo, ove le loro 
richieste non fossero state sodisfatte, avrebbe avuto principio la guerra, 
cfr. 32, 9. — 6. petentes fa qui propriamente le veci del part. fut., cfr. 
per questo stesso uso 38, 15, 4: legatos orante* opem tniserunt e 21, 6, 2: 
missi auxilium orantes. — omnium, sott. rerum e cfr. n. 1, 1 ; 45, 1. — 
purgando " collo scusarsi se... ,: l'oggetto di questo verbo non può es- 
sere altro che l'inf. dicturos che sussegue. — subigi " essere sottoposti, 
obbedire „. — ni = si non, sopratutto nelle minacce, cfr. 26, 9; 32, 9. 
— 7. testes son qui chiamati gli dèi, perchè solo essi avevano potuto 
vedere in qual modo fossero stati trattati gli ambasciatori presso i due 
popoli. — uter è relativo, e come tale trovasi non raramente preposto 
al pronome dimostrativo, a cui va riterito, cfr. 44, 19, 14: nuntiare ni 
absistatur bello, per utrum stetisset eum non prò amico nec prò socio ha- 
bituros esse. — ut, come in 18, 9, dipende dal concetto di ' pregare , 
che è sottinteso nella frase facere testes. — expetant: non è ben chiaro 
se expetere sia qui adoperato nel senso attivo di " facciano ricadere „ 
o pure col significato intransitivo di " vadano a cadere „; nel primo 
caso esso avrebbe per soggetto di sottinteso, nel secondo omnes clades^ 
Tanto l'uno che l'altro significato si possono pienamente giustificare, il 
primo coll'analogia assai prossima del 23,4: magnum deorum numenin 
omne nomen Albanum expetiturum poenas ob bellum impium (cfr. anche 
Sali. Iug. 65, 3: ut in imperatorem poenas petat), e il secondo col raf- 
fronto piuttosto remoto di Plauto, il quale adopera frequentemente ex- 
petere nel senso di recìdere (Nonio), cfr. Amph. 1, 2, 32: suam culpam in 
mortalem expetere ut sinat. 

XXIII. — 1. natos = liberos, espressione poetica e rara in prosa, la 
quale ricorre ancora una volta presso Livio, in 5, 40, 3 e in Cic. de amie. 
8, 27. — prolem, espressione piuttosto poetica, la quale, oltreché nel 
primo libro di Livio, ricorre ancora in 4, 6,2. — Romani: qui si attri- 
buisce all'intero popolo la discendenza stessa del suo re (Romolo). — 



96 TITI LIVI, LIB. I 

cationem fecit, quod nec acie certatum est, et tectis modo di- 
rutis alterius urbis duo populi in unum confusi sunt. 

3 Albani priores ingenti exercitu in agrum Romanum impetum 
fecero. Castra ab urbe haud plus quinque milia passuum locant, 
fossa circumdant : fossa Cluilia ab nomine ducis per aliquot sae- 
cula appellata est, donec cum re nomen quoque vetustate abo- 

4 levit. In his castris Cluilius, Albanus rex, moritur; dictatorem 
Albani Mettium Fufetium creant. Interim Tullus ferox praecipue 
morto regis, magnumque deorum numen, ab ipso capite orsum, 
in omne nomen Albanum expetiturum poenas ob bellum impium 
dictitans, nocte praeterìtis hostium castris infesto exercitu in 

5 agrum Albanum pergit. Ea res ab stati vis excivit Mettium. 
Ducit quam proxime ad hostem potest. Inde legatum praemis- 
sum nuntiare Tulio iubet, priusquam dimicent, opus esse col- 
loquio; si secum congressus sit, satis scire ea se allaturum, 
quae nihilo minus ad rem Romanam quam ad Albanam perti- 

6 neant. Haud aspernatus Tullus, tametsi vana alferebantur, in 

3. haud plus quinque milia passum = intervallo o spatio h. pi. qu. tnilium 
passuum. — Cluilia. Qual che bì sia l'origine di questo nome, egli è molto 
probabile che esso rappresentasse l'antico confine tra il territorio Ro- 
mano e il territorio Albano (cfr. 2, 39, 4), e che la leggenda della morte 
del re Albano Cluilio, che vi si connette, sia d'origine puramente etio- 
logica. — abolevit, da abolesco, si trova adoperate per la prima volta, 
con significato intransitivo, da Virgilio 7, 232; Livio l'usa altrove sola- 
mente in unione con memoria, cfr. 3, 55, 6. Dionigi afferma che questo 
nome sopravviveva ancora a suo tempo. — 4. Mettium : in Verg. 8, 642 
si legge Mettum. È degno di nota, che il capo degli Albani porta qui 
lo stesso nome o prenome Mettius, che era proprio anche del capo dei 
Sabini Mettius Curtius 12, 2. — ferox non è semplice attributo, ma ha 
significato causale, cfr. 46, 6. — 6. ducit. Livio, al pari di altri scrit- 
tori, adopera frequentemeote i verbi ducere e educere, e una volta anche 
circumducere (34, 14, 1), coll'ellissi dell'oggetto exercitum, cfr. 27, 4; 2, 
39, 5. — satis scire " potrebbe esser sicuro „, cfr. n. 9, 4. — 6. tametsi 
rana adferebantur. Questa proposizione subordinata si può considerare 
in certo modo come l'oggetto di haud aspernatus: senza rifiutare 
cioè quelle proposte, sebbene esse fossero fatte in modo 
tanto indeterminato (cfr. 9, 24, 4: visus haud vana ad f erre, cioè 
" proposte concrete „). Preferiamo la lezione dei mscr. all'emendazione 
dell' Heerwagen, accettata anche dal Weissenborn, dal Novak e da 
Moritz Muller, tamen si vana adferantur, perchè l'interpretazione che 
essi propongono di questa frase (* nel caso che quelle proposte fossero 
state fatte a solo scopo di ingannare ,) è talmente dura, da farci parer 
trascurabile, di fronte ad essa, quella difficoltà, a cui pur dà luogo la 
lezione dei mscr. per mezzo di quel tametsi, che forse è estraneo all'uso 
liviano. — in aciem educit. Prima di venire a parlamento insieme i due 
generali, per reciproca diffidenza e per timore di essere attirati in un 



AB URBE CONDITA, CAP. XXIII, 3 — 9 97 

aciem educit. Exeunt contra et Albani. Postquam structi utrimque 
stabant, cum paucis proceruni in medium duces procedimi Ibi 
infìt Albanus : « iniurias et non redditas res, ex foedere quae 7 
repetitae sint, et ego regem nostrum Cluilium causam huiusce 
esse belli audisse videor, nec te dubito, Tulle, eadem prae te 
ferre; sed si vera potius quam dictu speciosa dicenda sunt, cu- 
pido imperii duos cognatos vicinosque pppulos ad arma stimulat. 
Neque, recte an perperam, interpretor; fuerit ista eius delibe- 8 
ratio, qui bellum suscepit: me Albani gerendo bello ducem crea- 
Tere. Illud te, Tulle, monitum velim: Etnisca res quanta circa 
nos teque maxime sit, quo propior es Tuscis, hoc magis scis. 
Multum illi terra, plurimum mari pollent. Memor esto, iam cum o 
signum pugnae dabis has duas acies spectaculo fore, ut fessos 
confectosque simul victorem ac victum adgrediantur. Itaque, si 
nos di amant, quoniam non contenti libertate certa in dubiam 
imperii servitiique aleam imus, ineamus aliquam viam, qua, utri ■* 



qualche inganno, schierano in ordine di battaglia i loro eserciti. — 
structi per in8tructi. — postquam stabant = postquam constiterant : l'impf. 
dopo postquam gi trova assai frequentemente adoperato da Livio in fun- 
zioue di piucchpf., cfr. 6, 29: postquam aderat = p. venerat; 45, 1, 4: post- 
quam nullus erat = p. nullus inventus erat. — 7. infìt, locuzione poetica 
che non si trova altrove adoperata mai altrove in prosa, all'infuori della 
prima decade di luglio, cfr. 28, 4; 3, 71, 6. — ex foedere accenna, come 
si è già osservato in 22, 3, al foedus latinum, e può riferirsi tanto a 
redditas quanto a repetitae, perchè l'una e l'altra relazione è pienamente 
giustificata, cfr. 8, 39, 13 quaeque res ex foedere repetitae essent restitue- 
rentur e 2, 13, 9 pignus pacis ex foedere restiiuerunt. Come esempio di 
amfibologia si può citare 38,32,8: ut Achaeis ex foedere... quae decres- 
sent agere liceret. — audisse, sott. dicentem. — videor, sott. mihi : anche 
Cicerone adopera frequentemente la prima pera. sing. e plur. di videor 
coll'ellissi di mihi; Livio va alquanto più in là, in quanto adopera l'el- 
lissi anche colla terza pera., cfr. 31, 3. — non dubito trovasi costruito da 
Livio più frequentemente coll'acc. e l'inf. anziché col quin, al contrario 
di dubius che egli congiunge per solito con quin. — 8. recte an per- 
peram, sott. fiat, cfr. per questa ellissi 22, 58, 2 : quod numquam alias 
ante. — interpretor = quaero m voglio decidere „, cfr. 39, 36, 16 nec iure 
an iniuria caesi sint argumentari refert. — fuerit, espressione assai più 
mite di fuit: " a ciò dovè pensare chi ,. — hoc per co, cfr. 31, 31, 17. — 
propior è costruito da Livio al pari di proximus, più frequentemente 
col dat. che coll'acc, mentre invece gli avv. propius e proxime sono 
adoperati esclusivamente coll'accus. — mullum pollent, cfr. n. 2, 5. — 
9. spectaculo fore, sott. Etruscis: gli Etruschi ci staranno a guar- 
dare. — fessos, cfr. Sali. iug. 79,4: ne mox victos victoresque defessos 
alius aggrederetur. — confectos, sfiniti, esauriti di forze. — liber- 
tate * indipendenza „. — in dubiam aleam imus " affrontiamo questo 
giuoco pericoloso „ cfr. 42, 50, 2 se in aleae casus dare. — ineamus =* 

E. Cocchia, Tito Livio, I, B* edia. 7 



98 TITI LIVI, LIB. I 

utris imperent, sine magna clade, sine multo sanguine utriusque 
iO populi decerni possit ». Haud displicet res Tulio, quamquam 
cum indole animi tum spe victoriae ferocior erat. Quaerentibus 
utrimque ratio initur, cui et fortuna ipsa praebuit materiam. 

1 XXIV. Forte in duobus tum exercitibus erant trigemini 
fratres nec aetate nec viribus dispares. Horatios Curiatiosque 
fuisse satis constat, nec ferme res antiqua alia est nobilior ; 
tamen in re tam clara nominum error manet, utrius populi Ho- 
ratii, utrius Curiatii fuerint. Auctores utroque trahunt; plures 
tamen invenio, qui Romanos Horatios vocent; hos ut sequar r 

2 inclinat animus. Cum trigeminis agunt reges, ut prò sua quisque 
patria dimicent ferro: ibi imperium fore, unde Victoria fuerit. 

3 Nihil recusatur: tempus et locus convenit. Priusquam dimica- 
rent, foedus ictum inter Romanos et Albanos est his legibus, 
ut, cuius [que] populi cives eo certamine vicissent, is alteri po- 
pulo cum bona pace imperitaret. 

4 Foedera alia aliis legibus, ceterum eodem modo omnia fiunt. 
Tum ita factum accepimus, nec ullius vetustior foederis memoria 



ingrediamur. — IO. quaerentibus si può interpretare o come abl. ass. 
coll'elissi di iis, o pure come dativo agente, in luogo dell'abl. con a r 
in unione d'un verbo passivo. Sebbene questo dat. agente sia adoperato 
da Cic. soltanto coi tempi composti e col part. pass, ffcfr. n. d. 2, 125), e 
il più delle volte anche col significato secondario di dativus commodi,. 
pure Livio ne fa un uao di gran lunga più libero, cfr. 22, 34, 8: con- 
torniti patribus. S'intende da se, che tanto nell' un caso come nell'altro 
l'oggetto di quaerentibus è rationem sottinteso. — utrimque si riferisce 
ai due eserciti, non già esclusivamente ai loro generali. — ratio * de- 
liberazione, consiglio ,. — praebuit materiam * favorì, diede i mezzi ,, 
cfr. 46, 6. 

XXIV. — 1. trigemini fratres, cfr. n. 5, 6. La leggenda aggiunge che 
le madri di questi gemelli eran sorelle, e che esse si erano maritate 
ed avevano partorito nel medesimo giorno, cfr. Dion. 8, 13. — nobilior 
" più universalmente nota „ cfr. 17, 3; 2, 23, 4. — error " incertezza, 
discrepanza „, cfr. 2, 21, 4. — Horatii son ricordati non poche volte a 
principio della repubblica, cfr. 2, 8, 4 meno spesso i Curiazi. — utroque 
trahunt, cfr. 25, 11, 20 in diversum auctores trahunt, e Tac. Ann. 14, 14: 
eodem trahere. Nessuno degli autori, arrivati sino a noi, fa cenno del- 
l'incertezza di cui qui parla Livio. — 2. quisque. cioè ciascuno dei 
gemelli, va considerato come apposizione al soggetto di dimicent, eh. 
35, 8 ; 59, 3 ; 2, 30, 1 1 . — ibi = penes eos, cfr. 45, 5 cuius civitatis ... tW 
fore imperium. — unde = penes quos. — 3. cuius = utrius, cfr. n. 6, 4. 
— cum bona pace * senza contesa o discussione ,, a causa del reciproco 
accordo dinanzi stabilito. — imperitaret, cfr. n. 2, 3. — legibus = condi- 
cionibus. — ceterum = sed. — eodem modo * colle stesse formalità ,. — 
4. nec memoria etc. È questo il primo foedus di cui si conosca il modo 



AB UBBB COHDITÀ, CAP. XXIII, 10; XXIV, 1 — 5 99 

est. Fetialis regem Tullum ita rogavit: « Iubesne me, rex, cum 
patre patrato populi Albani foedus ferire ? » Iubente rege « sag- 
mina » inqnit « te, rex, posco ». Rex ait « puram tollito ». Fé- 5 
tialis ex arce graminis berbam puram attulit. Postea regem ita 
rogavit : « rex, facisne me tu regium nuntium populi Romani 
Quiritium, vasa comitesque meos? » Rex respondit: « quod sine 



solenne come fa concluso; poiché degli altri foedera ricordati in 14, 8 
e 23, 7 non ci avanza nessuna notizia precisa. La forinola qui riferita 
(cfr. anche 82, 6 e 38, 2) deriva probabilmente dai libri sacri dei Feriali, 
ed ha ad ogni modo carattere arcaico. — fetialis è propriamente attributo 
di sacerdos o pure di legatus (cfr. 9, 10, 10 legatura fetialem), ma se ne 
ignora affatto la connessione etimologica, cfr. Varr. 1. 1. 5, 86: fetiales 
quod fidei publicae inter populos praeerant. L'istituto dei Feriali, che ap- 
parisce comune a tutti quanti i popoli italici, aveva i seguenti incarichi 
speciali, di concludere le alleanze, domandare soddisfazione ed intimare 
la guerra. — iubesne: senza aver bisogno di interrogare il senato o il 
popolo, il re concedeva ai Feziali il supremo potere di concludere le 
alleanze. — patre patrato, cfr. n. § 6. — populi Albani : l'istituzione dei 
Feriali, come si è già notato, era propria anche degli altri popoli italici, 
cfr. 32, 5. — f. ferire, cfr. § 8. — sagmina, da sacer (cfr. seg-men,da. sec-are), 
o pure verbenae si chiamavano le zolle di erba sacra spiccate dalla cima 
del Campidoglio con tutte le loro radici e affidate dal re o pure dal 
console a uno dei Feziali (verbenarius), come simbolo di quella terra di 
cui essi erano ambasciatori, cfr. Plin. H. N. 22, 5 : * utroque nomine (sag- 
mina o verbenae) idem significatur, h. e. gramen ex Arce cum sua 
terra evulsum, ac semper e legatis, cum ad hostes clarigatumque mit- 
terentur i. e. res raptas dare repetitum, unus utique verbenarius 
▼ocabatur ,, e Festo, p. 821: * sagmina vocantur verbenae i. e. herbae 
purae, quia ex loco s aneto Arcis dantur a consule praetoreve legatis 
proficiscentibus ad foedus faciendum bellumque indicendum, vela san- 
ciendo i. e. confirmàndo ,. — 5. ait trovasi qui adoperato nel- 
l'ora ti o recta, soltanto per evitare la ripetizione di inquit, cfr. 26, 10. 

— puram, coll'ellissi di herbam, è usato sull'analogia di laurea ■= corona 
laurea, e di àènewn =* vas aèneum, cfr. anche Latinae 57, 7 e nostrarum 
58, 10. — arce, il centro sacro della città. — facisne, cfr. 26, 5 : qui si 
accenna alla nomina del messaggero e ai poteri speciali, che secondo i 
singoli casi gli venivano conferiti. — r. nuntium populi: il Feziale, seb- 
bene inviato in nome del re, è però sempre il rappresentante di tutto 
il popolo, cfr. 32, 6. — pop. Som. Quiritium, cfr. n. 13, 5. — vasa comi- 
tesque meos, 80tt. regios nuntios pop. Rom. Quir. — vasa si chiamavano 
quegli oggetti sacri o simbolici, che erano affidati al Feziale nell'eser- 
cizio delle sue funzioni, e sono sagmina o verbenae, lapis (saxum) silex 
o pure Iuppiter lapis (cfr. § 8), cioè a dire un sasso simbolo del fulmine 
vendicatore che si sprigiona dalle mani di Giove, e l'antico sceptrum 
Iovis che il Feziale soleva tenere in mano, pronunziando la forinola so- 
lenne del giuramento, cfr. Paul. D., p. 93: ex tempio Iovis Feretrii sume- 
bant sceptrum, per quod iuraretit, et lapidetn silicem, quo foedus ferirent. 

— comites: sebbene in questo luogo Livio non nomini altri che il ver- 



/ 
100 TITI LIVI, LIB. I 

6 fraude mea populique Romani Quiritium fiat, facio ». Fetialis 
erat M. Valerius; is patrem patratum Spurium Fusium fecit 
verbena caput capillosque tangens. Pater patratus ad ius iuran- 
dum patrandum, id est sanciendum fit foedus, multisque id verbis, 

7 quae longo effata Carmine non operae est referre, péragit. Le- 
gibus dèìnde recitatis « audi » inquit, « Iuppiter, audi, pater pa- 
tinate populi Albani, audi tu, populus Albanus: ut illa palam 
prima postrema ex illis tabulis cerave recitata sunt sine dolo 
malo, utique ea hic hodie rectissime intellecta sunt, illis legibus 

8 populus Romanus prior non deficiet. Si prior defexit publico 



benarius ed il pater patratus, pure di regola i Feziali erano almeno in 
numero di quattro (Varrone). — quod * in quanto „ ha senso limitativo, 
cfr. quod 8dam. — fraude è qui adoperato nel senso di " pregiudizio, 
danno „, al pari che nella formola solenne ne fraudi esset, cfr. 3, 53, 4. 
— 6. fetialis = rerbenarius. — pater patratus, non era propriamente 
il capo del collegio dei Feziali, ma il capo di una particolare amba- 
sceria, scelto liberamente da questa secondo le circostanze : esso por- 
tava il nome di pater, qual rappresentante dello stato che si poteva 
considerare in certo modo come una famiglia, e si chiamava patratus 
perchè non ne era, per così dire, il rappresentante legittimo e naturale, 
ma un rappresentante scelto {patratus = factus) volta per volta, secondo 
la cerimonia descritta da Livio. Che il pater patratus avesse poi in an- 
tico il diritto di patria potestà» sui cittadini, apparisce chiarissimo dal 
seguente luogo di Cic. de or. 1, 40, 181, dove si accenna ad un'antica 
logge o consuetudine: * quia memoriae sic eBset proditum, quem pater 
* suus aut populus vendidisset aut pater patratus dedidisset ei nullum 
esse postliminium „. — patrandam: se il nome pater patratus fosse con- 
nesso, come Livio mostra di credere, colla frase patrare iusiurandutn, il 
part. patratus dovrebbe avere significato attivo (cfr. iuratus) ed indiche- 
rebbe colui che ha prestato il giuramento. — sanciendum, a 
dargli la sanzione religiosa per mezzo del giuramento. — 
fit = creatur. — multis verbis, la formola cioè in cui si stabiliscono tutte 
le condizioni del trattato. — effata ò qui adoperato in senso passivo, 
come in 10, 37, 15. — Carmine, cfr. 26, 6; 82, 8. — non operae est * non 
mette conto, non merita la pena „, cfr. n. praef. 1. — peragit, cfr. n. 18, 
9. Si noti in questa parte del foedus, che Livio ci riferisce, come sia 
minuzioso il linguaggio dei trattati. — 7. tu, populus Albanus: cfr., 
quanto al nomin. apposto in luo^o del voc, Verg. 1, 664 e Senof. Cir. 6, 
3, 33 xal ov òé, ó &qxìùv tùv àvÓQ&v. — illa = leges. — prima postrema 
" dal principio alla fine , : si noti l'asindeto che è assai comune nelle 
formolo solenni e si cfr. volens propitius in 16, 3. — tabuMs cerave *= ta- 
bulis ceratis, cfr. Gaio, 2, 104: haec ita, ut in his tabulis cerisque scripta 
sunt, ita do, ita lego, ita testor. Quanto all'uso del suffisso re in funzione 
di que cfr. 21, 20, 7. — sine dolo malo " senza malizia e inganno ,. — 
utique = et uti. — rectissime intellecta : i patti sono stati così chiara- 
mente spiegati, che non è possibile che alcuna delle parti possa averli 
frantesi. — non deficiet * non s'allontanerà, non verrà meno ,: il v. ds- 



AB URBE CONDITA, GAP. XXI^ f -8-»9; ^XT, 1" .* I 101 



Consilio dolo malo, tum ilio die,.Iuj^iter r popi^TÙQ:^c£mjuiiim 
«e ferito, ut ego hunc porcum hic hódie'iériam; taritbque iriagis 
ferito, quanto magis potes pollesque ». Id ubi dixit, porcum saxo 9 
silice percussit. Sua item carmina Albani suumque ius iuran- 
dum per suum dictatorem suosque sacerdotes peregerunt 

XXV. Foedere icto trigemini, sicut convenerat, arma ca- 1 
piunt. Gum sui utrosque adhortarentur, deos patrios, patriam ac 
parentes, quidquid civium domi, quidquid in exercitu sit, illorum 
tunc arma, illorum intueri manus, feroces et suopte ingenio et 
pieni adhortantium vocibus in medium inter duas acies proce- 



ficere riceve comunemente in questo significato la preposizione a. — 
8. defixit, ofr. fàxit : questa forma arcaica di futuro esatto trovasi ado- 
perata da Livio soltanto nelle orazioni o in simili formole di carattere 
arcaico. — publico Consilio * per pubblica deliberazione ,. Quando un 
privato avesse violati i trattati, si riparava al danno coll'offrire il col- 
pevole nelle mani del popolo offeso. — dolo malo: soltanto chi veniva 
meno volontariamente al giuramento dato incorreva nella punizione del 
dio, ofr. 22, 53, 11 si sciens fallo, tum me, Iuppiter, pessimo leto adfieias. 
— porcum, cfr. Festo: coesa porca foedus firmare solebant e Verg. 8, 641. 
Quest* uso spiega l'origine della frase foedus ferire, che corrisponde a 
feriendo porcum foedus facere. — potes pollesque, ofr. 8, 7, 5 aderii Iup* 
piter ipse foederum violatorum testis, qui plus potest polletque. — 9. saxo 
silice, cfr. per la stessa espressione 30, 43, 9 privos lapidee silicee pri- 
vatane (* ciascuno per conto suo „) verbena* ferrent fetiales. La * selce , 
era considerata come simbolo del fulmine e quindi di Iuppiter Fidine, il 
quale puniva colla sua folgore coloro che violavano i giuramenti, cfr. 
Verg. 12, 200: Audiat haec genitor qui foedera fulmine sanxit, e Geli. 
N. A. 1,21: Iovetn lapidem, quod sanctissimum iusiurandum est habitum, 
paratus ego inrare sum. — percussit. 11 Feziale, invocando da Giove una 
punizione contro i violatori del giuramento, o feriva il porco che vien 
considerato anche in Omero come la vittima sacra dei trattati, o pur 
scagliava con violenza lungi da sé la pietra focaia, cfr., per questa se- 
conda usanza, Paul. D., p. 115: si sciens fallo, tum me Diespiter, salita 
urbe arceqne, bonis eiciat uti ego hunc lapidem e Polib. 8, 25. — dicta- 
torem. Anche in Roma, nella conclusione di un trattato o pur di un'al- 
leanza, intervenivano i magistrati (cfr. 30, 48, 9); e, sebbene i Feziali, 
a causa del loro carattere sacro, vi prendessero la parte principale, pure 
l'atto veniva ratificato non meno dal Feziale che dal Magistrato (cfr. 9, 
5, 4 e 2, 33, 9). Quanto al giuramento, esso poteva prestarsi indifferen- 
temente tanto dall'uno quanto dall'altro, cfr. 30, 43, 9 e 38, 39, 1. — sa- 
cerdotes = fetiales, cfr. § 4. 

XXV. — 1. deos patrios ...intueri: la prop. infinitiva dipende da adhor- 
tarentur. — tunc, nel punto in cui andavano a combattere. — intueri, 
cfr. 21, 41, 16 nostras nunc intueri manus senatum. — et ... et danno in di- 
versa forma ragione del feroces, cioè dell'ardore e della baldanza con 
cui i combattenti entrano nella mischia. — pieni, cfr. 26, 7, 7 litterae 
adhortatione piente. Anche Livio al pari di Cic. Verr. 4, 57, 126 e di Caes. 



102 *:*.<" . v : :■*: -n-n livi, lib. i 

2 duntVcójBéé^afitiùtrimijue j)ro castris duo exercitus, periculi 
magis'p'ra'e'séntìs quàm'curàe expertes: quippe imperium age- 
batur in tam paucorum virtute atque fortuna positum. Itaque 
ergo erecti suspensique in minime gratum spectaculum animos 

3 intendunt. Datur signum, infestisque armis, velut acies, terni 
iuvenes magnorum exercituum animos gerentes concurrunt. Nec 
his nec illis periculum suum, publicum imperium servitiumque 
obversatur animo futuraque ea deinde patriae fortuna, quam 

4 ipsi fecissent. Ut primo statim concursu increpuere arma mi- 



b. e. 1, 74, 3, adopera talvolta Tabi, con plenus, cfr. 5, 21, 10; 7,28, 7. — 
2. praesentis * immediato, diretto „, cfr. 2, 48, 6 bella praesentia insta- 
bant. — itaque ergo: la prima particella indica una conseguenza e la 
seconda ne rinforza l'importanza, cfr. come esempii di simili pleonasmi, 
assai frequenti in Livio, deinde postea 41, 24, 20; inde deinceps 44, 3; tum 
deinde 2, 8, 3. — minime gratum: lo spettacolo a cui assistevano riem- 
piva il loro animo di continua preoccupazione. — animos intendunt. La 
lezione che ci danno in questo luogo i mscr. e animo incenduntur, la 
quale, sebbene sia accolta dal Seeley senza emendazione di sorta, pure 
ne apparisce insostenibile, a causa di quell'abl. animo che mal si col- 
lega con incendi. L'emendazione proposta dal Madvig di a. incenduntur 
in animo intenduntur, sebbene sostituisca ad un verbo improprio un altro 
che è certo assai più adatto alla circostanza, non presenta neanche essa 
maggior grado di probabilità, a causa della costruzione irregolare e 
nuova e non confermata da nessuna analogia. Livio infatti non conosce 
altre costruzioni all'infuori di intendere animum (23, 83, 1 in hanc dimi- 
cationem animos intenderant) e animi intenti sunt (33, 32, 10). Sicché sono 
ancora possibili due ipotesi, o che Livio scrivesse, come sospetta e scrive 
il Tiicking, animi intenduntur, o pur che la frase regolare e classica 
animos intendunt per la trafila di animo intendunt venisse trasformata e 
guasta, come sospetta il Weissenborn, in animo intenduntur {incenduntur). 
Preferiamo l'emendazione del Weissenborn, perchè con animi Livio ado- 
pera esclusivamente la forma participiale intenti (sunt o erant), cfr. 26, 
46,4; 33, 32, 10. — 3. infestis * pronte a ferire „. — animus è il 
" cuore „, animi il " coraggio t . — periculum suum publicum imperium: 
si noti come qui l'antitesi sia espressa col chiasmo e l'asindeto, al 
pari che in 26, 15, 1. — animo dat., cfr. 35, 11, 3 animis, oculis obversa- 
batur. Si noti che il dat. animo fa qui le veci dei due pronomi his e illis 
collocati a principio della prop. — futuraque fortuna = fortunam futuratn 
esse, cfr. 34, 4 e, quanto al pensiero qui espresso da Livio, 21, 41, 17: nec 
domesticas solum agiiet curas, sed animo reputet quali s nostra pìs virtusque 
fuerit, talem deinde (" in seguito ,) fortunam illius urbis ac R. imperii 
fore. — 4. primo statim. La zuffa incomincia immediatamente in tutta 
la sua gravità, senza esser preceduta da quella prolusio che soleva co- 
munemente aver luogo negli spettacoli gladiatori), e che consisteva in 
finti assalti o, come Livio si esprime, in motus tantum corporum agita- 
tioque anceps armorum § 5. — arma * gli scudi ,, cfr. 6, 24, 1 simul primo 
concursu concrepuere arma, e Cic. de or. 2, 5, 21 simul discus increpuit. — 



AB URBR CONDITA, CAP. XXV, 2 — 9 103 

cantesque fulsere gladii, horror ingens spectantis perstringit ; 
et neutro inclinata spe torpebat vox spiritusque. Consertis deinde 5 
manibus cum iara non motus tantum corporum agitatioque an- 
ceps telorum armorumque, sed vulnera quoque et sanguis spec- 
taculo essent, duo Romani, super alium alius, vulneratis tribus 
Albanis exspirantes corruerunt. Ad quorum casum cum concia- 6 
masset gaudio Albanus exercitus, Romanas legiones iam spes 
tota, nondum tamen cura deseruerat, exanimes vice unius, quem 
tres Curiatii circumsteterant. Forte is integer fuit, ut universis 7 
solus nequaquam par, sic adversus singulos ferox. Ergo ut se- 
gregaret pugnam eorum, capessit fugam, ita ratus secuturos, 
ut quemque vulnere afièctum corpus sineret. Iam aliquantum 8 
spatii ex eo loco, ubi pugnatum est, aufugerat, cum respiciens 
videt magnis intervallis sequentes; unum haud procul ab sese 
abesse. In eum magno impetu rediit ; et dum Albanus exercitus 9 
inclamat Curiatiis, uti opem ferant fratri, iam Horatius caeso 

perstringit * scuote, invade momentaneamente „, &n. elg. — neutro = in 
neutram pattern. — 5. anceps * da ambedue le parti ,, cfr. 37, 11, 8 
ancipitia tela. — tela son le * armi di offesa ,, arma quelle * di difesa „. 
— super alium alius : è strano che trattandosi di due persone Livio ado- 
peri alius in luogo di alter, senza che qui concorra nessuna delle ragioni 
che in 21, 6 lo indussero a preferire l'una forma all'altra. Quanto alla 
disposizione delle parole si osservi, che Livio adopera più frequente- 
mente la forma alius super alium, cfr. 21, 35, 12. — 6. deseruerat ... 
circumsteterant : il piucchpf. di deserete è qui adoperato, per indicare 
l'improvviso scoraggiamento da cui l'esercito romano fu colto, e fa 
quindi propriamente le veci di un perfetto (cfr. 12, 10); il piucchpf. di 
circumsto ha invece valore d'impf. e indica semplicemente lo stato 
permanente di un'azione compiuta in antecedenza. — exanimes, in 
preda ad un'apprensione e ad un'aDgoscia estrema. Cicerone non adopera 
mai l'agg. exanimis in questo significato metaforico e poetico, cfr. invece 
Verg. 4, 672 e Liv. 9, 16, 18. — vice, abl. di causa " per la sorte „, cfr. 
Curt. 7, 43, 20 vice eorum sollieitus. L. adopera altrove in questo stesso si- 
gnificato Tace, libero vicetn, che il Madvig sostituisce anche qui, cfr. 9, 15 
e 2, 81, 11. — 7. integer " essendo rimasto incolume „. — nequaquam 
par e ferox si debbono considerare quali predicati di is fuit. — ut... sic: 
sebbene egli non potesse resistere contemporaneamente all'assalto dei 
tre Curiazii, poteva però con fiducia affrontarli uno per volta. — ne- 
quaquam o pure haudquaquam, è la particella preferita da Livio in unione 
con par, quando è adoperato in senso negativo, cfr. § 13. — ut segre- 
garet pugnam eorum = ut segr. eos et cum singulis pugnaret. L'astratto 
pugna fa qui propriamente le veci di pugnantes, cfr. fuga = fugienies in 
8, 19, 9. — quemque, sott. sequi. — 8. pugnatum est, cfr. quanto all'uso 

del perf., che fa apparentemente le veci del piucchpf., n. 1, 1. — respi- 
ciens è qui adoperato nel suo significato etimologico. — sequentes... abesse, 
cfr., quanto alla doppia costruzione qui usata da Livio in dipendenza 
da respiciens, n. 7, 6. — 9. inclamat col dat. è un àn. elq. (Ov.): altrove 



104 TITI LIVI, LIB. I 

hoste Victor secundam pugnam petebat. Tunc clamore, qualis ex 
insperato faventium solet, Romani adiuvant militem suum; et 
10 ille defungi proelio festinat. Prius itaque, quam alter, qui nec 
procul aberat, consequi posset, et alterum Curiatium confìcit; 
iamque aequato Marte singuli supererant, sed nec spe nec vi- 
li ribus pares. Alterum intactum ferro corpus et geminata Victoria 
ferocem in certamen tertium dabat; alter fessum vulnere, fessum 
cursu trabens corpus victusque fratrum ante se strage victori 
il obicitur hosti. Nec illud proelium fuit. Romanus exsultans 
« duos » inquit « fratrum Manibus dedi ; tertium causae belli 
huiusce, ut Romanus Albano imperet, dabo ». Male sustinenti 
arma gladium superne iugulo defigit; iacentem spoliat. Romani 
13 ovantes ac gratulantes Horatium accipiunt eo maiore cum 
gaudio, quod prope metum res fuerat. Ad sepulturam inde suo- 



Livio adopera Tace, che il Madvig ristora anche qui, Bull'autorità del 
maggior numero dei mscr. liviani. — qualis ex insperato faventium $olet t 
sott. esse. Negli spettacoli gladiatorii, quando uno dei combattenti, già 
considerato dalla moltitudine come vinto, riusciva a riguadagnare ina- 
spettatamente il posto perduto, era acclamato con grida assordanti di 
giubilo da quella parte degli spettatori, che aveva fin dal principio 
preso a sostenerne la causa, cfr. Verg. 5, 148 : tum plausi* fremituqu* 
trirum studiisque farentum Consonat ornne nemus. Quanto all'ellissi della 
copula {esse), che il Madvig vorrebbe qui aggiunta sull'analogia del 25, 
10, 1 clamor qualis esse in capta urbe solet, si cfr. 2, 34, 2 fames deinde, 
qualis clausis solet. — IO. itaque: Livio, al contrario di Cic, pospone 
non poche volte itaque alla prima parola del periodo, cfr. 26, 3; 34, 7. — 
nec procul = haud procul: il nec fa ben spesso in Livio le veci di non, 
cfr. necopinaius 57, 7, necopinans 40, 57, 1, needum 4, 13, 5. — 11. aequato 
Marte, espressione esclusivamente liviana e da lui modellata sulla frase 
aequo Marte del latino classico (cfr. Caes. b. g. 7, 19, 3 e Liv. 2, 51, 2); 
essa tien le veci di acquata pugna, cfr. 8, 38, 10. — dabat ferocem in cert.: 
questa costruzione è modellata sull'analogia del 33, 38, 9 metus urbetn 
in deditionem dedit e del 6, 25, 3 in praecipitein casum dare. Quanto al 
predicato ferocem va notato, che esso fa propriamente le veci di un avv. 
con baldanza, con fiducia „. — ante se attributivo, cfr. 10,24, 10 otnnes 
ante se consules, e Tac. H. 1, 50 omnium ante se principum. — nec " e 
veramente non ,. — 12. Manibus dare, cfr. 4, 19, 3 hanc mactatam 

victimam legatorum Manibus dabo. Questa espressione esclusivamente li- 
viana significa " offrire una vittima all'anima di un morto a fine di 
placarla „, cfr. 14, 3; 22, 6,3. — causae belli: soltanto la morte dell'ul- 
timo dei Curiazii poteva suggellare la vittoria dei Romani, e perciò 
l'Orazio superstite aggiunge, che egli lo immola alla cagione o allo scopo 
che aveva fatta iniziare quella lotta. — male * a fatica, debolmente ,. 
— arma qui accenna in particolar modo allo scudo. — iugulo: si aspet- 
terebbe qui propriamente in iugulo, cfr. 58, 11 in corde. — 13. quod coi 
mscr. e col Novak, in luogo del quo che vi sostituiscono, per paralle- 



AB UUBB CONDITA, GAP. XXV, 10 — 14; XXVI, 1 — 4 105 

rum nequaquam paribus animis vertuntur, quippe imperio alteri 
aucti, alteri dicionis alienae facti. Sepulcra exstant, quo quisque l* 
loco cecidit, duo Romana uno loco propius Albam, tria Albana 
Romam versus, sed distantia locis, ut et pugnatum est. 

XXVI. Priusquam inde digrederentur, roganti Mettio ex i 
foedere icto, quid imperaret, imperat Tullus, uti iuventutem in 
armis habeat; usurum se eorum opera, si bellum cum Veien- 
tibus foret. Ita exercitus inde domos abducti. 

Princeps Horatius ibat trigemina spolia prae se gerens; cui 2 
soror virgo, quae desponsa uni ex Curiatiis fuerat, obvia ante 
portam Capenam fuit; cognitoque super umeros fratris paluda- 
mento sponsi, quod ipsa confecerat, solvit crines et flebiliter 
nomine sponsum mortuum appellat. Movet feroci iuveni animum 3 
comploratio sororis in Victoria sua tantoque gaudio publico. 
Stricto itaque gladio simul verbis increpans transfigit puellam. 
« Abi hinc cum immaturo amore ad sponsum » inquit, « oblita 4 

lismo, gli altri editori. — dicionis: questo gen. possessivo, sebbene af- 
fatto estraneo a Ces., è però frequentissimo in Livio, cfr. 21, 60, 3; 22, 
20, 11 qui dicionis imperiique Romani facti sint. — 14. exstant : essi 
esistevano ancora a tempo di Livio nel campus sacer Horatiorum, di là 
dall'Acqu ataccio (Almo), sulla via latina, cfr. Mart. 3,47,2. — propius 
Albam. Poiché dal 23, 4 risulta che il re Tulio aveva di già invaso il 
territorio Albano, egli è assai verosimile che in questo luogo appunto 
avvenisse lo scontro tra gli Orazii e i Curiazii; e poiché due dei cam- 
pioni Romani soccombettero quasi in sul principio della zuffa, si com- 
prende facilmente come essi trovassero sepoltura quasi in vicinanza di 
Alba. I Curiazii invece, avendo dovuto inseguire il terzo degli Orazii 
incolume, che aveva per ingannarli preso la rincorsa verso il campo 
Romano, caddero più in vicinanza di quest'ultimo, e perciò trovarono 
sepoltura quasi presso le porte di Roma. 

XXVI. — 1. usurum non dipende da imperat, ma dal concetto di 
dire che è in esso incluso. — 2. princeps " innanzi a tutti gli altri ,, 
cfr. 12, 2. — trigemina = trigeminorum, cfr. 47, 7. — soror virgo, cfr. 
11, 6 filia virgo. — desponsa fuerat, cfr. 2, 1. Appartenendo Roma ed 
Alba alla medesima lega, doveva esser permesso il connubio tra i due 
popoli. — a. portam Capenam: la porta C apena, donde cominciava la 
via Latina, non esisteva ancora nell'età a cui qui ai riferisce Livio; 
il quale vi accenna soltanto per ricordare la regione attraversata dal- 
l'esercito, nel suo ritorno in patria. — paludamento indica propriamente 
il mantello di porpora intessuto di oro, che solevano portare i generali 
Romani; qui però esso è posto semplicemente per indicare un * man- 
tello militare ,. — nomine * per nome „. — 3. feroci " orgoglioso e 
baldo per la vittoria riportata „, cfr. quanto al dat. 5. 6. — animum 
* ira ,. — in * in seguito, in conseguenza ,. — tantoque " e in mezzo 
a tanto „. — simul, extemplo e statim, avv. frequentemente adoperati da 
Livio in unione con un part., per indicare l'immediato succedersi di più 
azioni, cfr. 7, 39, 15 extemplo adveniens appellatus. — 4. abi, cfr. Dion. 



106 T1TI LIVI, LIB. I 

fratrum mortuorum vivique, oblita patriae. Sic eat, quaecumque 
5 Romana lugebit hostem ». Atrox visum id faoinus patribus ple- 
bique, sed recens meritum facto obstabat. Tamen raptus in ius 
ad regem. Rex, ne ipse tam tristis ingratique ad vulgus iudicii 
ac secundum iudicium supplì cii auctor esset, concilio populi 
advocato « duumviros » inquit, « qui Horatio perduellionem iu- 



3, 21 dm&i nQÒ$ hv àvaxaXf}, e Liv. 6, 40, 12 obi hinc cum tribunatibus 
tuis. Era questa un'espressione assai comune nella lingua famigliare e 
dei poeti comici. — Romana sost., cfr. 11, 4; 58, 10. — 6. facto ob- 
stabat " mitigava l'orrore destato da questo fatto ,, cfr. Sali. Cai. 52, 31 
cetera vita eorum huic sceleri obstat. — ius: è questo il primo, anzi il 
solo esempio di processo criminale che abbia avuto luogo nell'epoca 
dei re, e perciò merita maggiore attenzione, in quanto si svolse in un 
periodo di tempo in cui il diritto di appello non era ancor sancito dalle 
leggi (cfr. 2, 8, 2), ma lasciato all'arbitrio del magistrato. — ad regem: 
il re era il giudice supremo in cause così gravi (cfr. 49, 4), e quello ad 
ogni modo che ordinava il processo. — ne auctor esset * per non assu- 
mere la responsabilità,. — perduellionem, " delitto di alto tradimento „, 
deriva da perduellis (da per * molto , e dueìlis " nemico ,), che è il 
nome di colui il quale attenta alle leggi e alla costituzione dello stato. 
■Sebbene l'Orazio dovesse propriamente rispondere dinanzi al popolo di 
parricidium (cfr. Festo, p. 297), pure l'accusa che qui gli è fatta è di 
alto tradimento, perche egli punendo da se la propria sorella, per l'af- 
fezione colpevole dimostrata verso i nemici della patria, si era in certo 
modo sostituito alla sacra persona del re, usurpando il diritto di vita 
o di morte, che era una delle maggiori prerogative della corona, cfr. 
Cic. de inv. 2, 26, 79: * cum Horatia fratrum mortem neglegeret, ho- 
stium lugeret, fratria et populi Romani Victoria non gauderet, oportue- 
ritne eam a fratre indemnatam necari? „. — Horatio perd. iud.: quanto 
«Ha costruzione cfr. n. § 6. — secundum legetn deve riferirsi a iudicent, 
e accenna alla legge trascritta nel § 6, la quale secondo ogni probabi- 
lità faceva parte dei commentarii regum ed era stata emanata, come 
ammette Livio, in occasione del processo di Publio Orazio, cfr. Cic. de 
rep. 2, 31, 54 provocationem etiam a regibus plissé declarant pontificii 
libri. — duumviros facto. La creazione dei llviri perduellionis, o meglio 
perduellioni iudicandae, attribuita a Tulio Ostilio, sebbene non si debba 
considerare come istituzione di una magistratura permanente, die però 
inizio ad una consuetudine la quale non fu più intermessa, né nell'età 
dei re né in quella della repubblica. Infatti noi sappiamo da Livio, che 
a Tarquinio il Superbo fu fatto proprio colpa di non aver mai interro- 
gato, durante il suo regno, il parere dei senatori, nelle esecuzioni ca- 
pitali da lui fatte eseguire, cfr. 49, 4 cognitiones capitalium rerum sine 
eonsiliis per se solus exercebat. La nomina dei duoviri, la quale era fatta, 
secondo che le circostanze richiedevano, direttamente dal re, che dele- 
gava ad una magistratura di due persone i poteri a lui affidati, passò 
nel periodo della repubblica in mano dapprima del console e poi dei 
comizii, come e dato di desumere tanto dal processo di perduellione, 
4i cui fu vittima M. Manlio nell'anno 370 di R. (cfr. Liv. 6, 20, 12 sunt 



AB URBE CONDITA, CAP. XXVI, 5 — 6 107 

dicent secundum legem facio ». Lex horrendi carminis erat: 6 
duumviri perduellionem iudicent; si a duumviris provocarit, 
provocatone certato; si Vincent, caput obnubito; infelici arbori 



qui per duumviros, qui de perduellione anquirerent, creatos auctores sint 
'lamnatum), quanto dal lamento che muove Cicerone nella difesa di Ra- 
birio contro Labieno, che avesse fatto scegliere direttamente dftl pre- 
tore i duoviri perduellionis, senza punto interrogare il popolo (cfr. Cic. 
prò Rab. ad pop. 4, 12 hic popularis a duumviris, iniussu vestro, non 
iudicari de cive Romano, sed indicta causa civem È. capiti» condemnari 
coegit, e Dione 37, 27 xateif>i]<ptoavTO attov xatvoi fiìj 7iqò$ tov òi'ipov 
tutta tà ndxQia, àÀÀd nqòg aviov tov otoatrjyov oh* è£òv alge&évieg). 
Sebbene nel processo di Sp. Cassio quali Ilw'r» perduellioni» furon no- 
minati i quaestores parricida (cfr. Liv. 2, 41, 11 e Dion. 8, 77), pure non 
bisogna credere che le due magistrature fossero identiche, come ammet- 
teva fra gli antichi lo stesso Ulpiano; il quale fu indotto appunto da 
questo errore ad attribuire a Tullio Ostilio l'istituzione della questura, 
cfr. Dig. 1, 13, 1: * sicuti dubium est an Romulo et Remo regnantibus 
quaestor fuerit, ita Tulio Hostilio rege quaestores fuisse certuni est, et 
sane crebior apud veteres opinio est T. Hostilium primum in rempu- 
blicam induxisse quaestores,. — 6. lex: questa legge viene attribuita 
da Cicerone a Tarquinio il Superbo, cfr. Cic. prò Rab. 4, 13 : * Tarquini 
superbissimi atque crudelissimi regis ista sunt cruciatus carmina, quae 
tu libentissime commemoras caput obnubito etc. „. — lex horrendi car- 
minis * la forinola , o * la dicitura di questa legge era terribile „. La 
forinola o dicitura, in cui erano scritte le antiche leggi, aveva comu- 
nemente un'andatura solenne e composta nei suoi parallelismi ed anti- 
tesi, e perciò pigliava il nome di Carmen, cfr. 24, 6; 32, 8. — perduel- 
lionem iudicent, o anche perduellionis iudicent alieni, la quale ultima 
sembra la costruzione più arcaica, significa propriamente " pronunziare 
la sentenza di morte contro chi è reo di delitto d'alto tradimento „, o, 
che è lo stesso, dicere ius (* sententiam ,) perduellionis alicui. Tanto la 
prima quanto la seconda costruzione si trovano frequentemente adope- 
rate da Livio, cfr. 43, 16, 11 utrique censori perduellionem se iudicare 
pronuntiavit; 26, 3, 9 Sempronius perduellionis se iudicare Cn. FuIiho 
dixit; 26, 8, 8 quoad vel capitis vel pecuniae iudicasset privato. — si pro- 
vocarit, sott. iudicium ad populum : ricorrere al popolo, come tribunale 
di ultima istanza, contro la sentenza emessa dal magistrato. Quanto 
all'omissione del soggetto reus, cfr. Cic. de legg. 2, 4, 9 e "si iniuriam 
faxit alteri, viginti quinque aeris poenae sunto „ nelle leggi delle X 11 ta- 
vole. — provocatione certato : faccia la propria difesa per mezzo dell'ap- 
pello al popolo, il quale vien chiamato, come giudice tra le due parti, 
a decidere se la sentenza del magistrato sia giusta e debba applicarsi 
in tutta la sua severità. Il L'ange Ròm. Alt. I, p. 328-29, confrontando 
con questo un altro luogo di Livio (2, 8, 2), dove si afferma che Valerio 
Publicola fu il primo che concesse al reo il diritto della provocalo ad 
populum, è indotto a concludere che questo diritto non esistesse ancora 
a tempo dei re, e che l'appello al popolo di P. Orazio fu un'eccezione 
alla regola generale. Però a me pare che le due cose non si contrad- 
dicano punto; perchè, mentre Tulio Ostilio concesse l'appello al popolo 



108 TITI LIVI, LIB. I 

reste suspendito; verberato vel intra pomerium vel extra po- 

7 merium. Hac lege duumviri creati — qui se absolvere non re- 

bantur ea lege ne innoxium quidem posse — cum condemn as- 



so ltanto in caso di perduellione, cioè quando l'offesa era rivolta contro 
la stessa regia maestà, Valerio Publicola invece la estese ai delitti 
comuni, negandola a quel che pare solamente a colui che avesse atten- 
tato alla libertà del popolo, cfr. 2, 8, 2 : " ante omnes de provocatane 
adversus magistratus ad populum sacrandoque cum bonis capite eius, 
qui regni occupandi consilium inisset, gratae in vulgus leges fuere „ e 
Cic. de rep. 2, 31 : * Publicola legem ad populum tulit eam, ne qui» 
magistratus civem Romanum adversus provocationem necaret neve ver- 
beraret ,. — si Vincent, sott. duumviri: se guadagnano la causa, se rie- 
scono cioè ad ottenere che il popolo confermi la loro sentenza. — ob- 
nubito si riferisce a quello che dovrà eseguire la sentenza, cioè il lit- 
tore, cfr. § 11. Si velava il capo al reo, come segno che egli era sacra 
alle divinità infernali, cfr. 8, 9, 5. — arbori o è un'antica forma di 
locativo pari a domi ed fiumi, o pure fa le veci dell'abl. infelici arbore* 
che è usato nel § 11 in forma poetica, cioè coll'omissione dellVn (cfr. 
Verg. 1, 318; 11, 11). Riguardo alla desinenza dell'abl. in i cfr. amni 24, 
10,7; classi 24, 40, 2; sorti 81, 6, 1. — infelici: gli antichi chiamavano 
arbores infelices il legno di cui era fatta la croce (cfr. Cic. prò Rab. 13), 
perchè si ricavava da alberi posti sotto la protezione degli dèi infer- 
nali, cfr. Plin. 16, 108 damnatae religione, quae ncque seruntur umquam 
neque fructum ferunt, e Macrob. Sat. 2, 16 quae baccam nigram nigrosque 
fructus ferunt. — suspendito. Il supplizio della croce, che si riteneva 
come il più obbrobrioso pel condannato, non si praticò più tardi per 
altri che per gli schiavi e per i forestieri. Esso consisteva in un cerchio 
di ferro munito di due traverse longitudinali, che portava jl nome di 
furca o pure di patibulum, e in una colonna pur di legno, fìssa in terra, 
che pigliava propriamente il nome di crux. Lo schiavo veniva condotto 
al supplizio portando il patibolo sulle spalle (cfr. la frase ferre pati- 
bulum e il nome di furcifer o trifurcifer dato allo scniavo); e, mentre 
aveva le braccia distese e attaccate alle due estremità di esso (cfr. di- 
spessis manibus), quelli che lo scortavano lo battevano fortemente (virgis 
caedi o verberari); dopo di che era sollevato sulla croce (cruci affigi o 
suspendi, in crucem tolli), della quale il patibulum veniva a formar la 
traversa. — verberato, la flagellazione era una parte necessaria dell'ese- 
cuzione, cfr. 2, 5, 8. — intra pomerium'. l'esecuzione aveva luogo comu- 
nemente al di fuori delle porte, raramente al di dentro del pomerio 
(cfr. 44, 4); la flagellazione invece poteva aver luogo tanto al didentro 
quanto al di fuori. — 7. hac lege, cfr. di sopra secundum legem. — 

non rebantur: la negazione coi verbi di dire e di pensare passa re- 
golarmente in lat. dal verbo dipendente al verbo reggente, cfr. 4, 3, 16 
non credimus fieri posse; 26, 33, 10 agi iniussu populi non video posse. 
— ne innoxium quidem. Il Moramsen, Rem. Staatsrecht li, 600, n. 5 t 
ammette d'accordo col Weissenborn e cogli altri commentatori, che Livio 
si sia qui lasciato trarre in inganno dalla frase indicare perduellionem, 
la quale dovrebbe invece avere fuor di ogni dubbio, come egli crede, 
lo Btesso significato che ha nei processi civili la formola " si paret con- 



AB UBBE CONDITA, CAP. XXVI, 7—8 109 

sent, tum alter ex iis « Publi Horati, tibi perduellionem iudico » 
inquit; « lictor, conliga manus ». Accesserat lictor iniciebatque $ 
laqueum. Tum Horatius auctore Tulio, clemente legis interprete, 
< provoco » inquit. Itaque provocatione certatum ad populum 



dettinolo, si non paret absolvito ,. Or questa opinione é contraddetta 
apertamente, oltre che dal significato e dalla costruzione speciale di 
quella frase (cfr. § 6), anche dal luogo di Cicerone già riferito, dove si 
afferma espressamente che i duumviri pronunziavano la sentenza senza 
punto discuter la causa, cfr. Cic. prò Rao. 13 hic popuìaris a duumviris, 
iniussu vestro t non iudicari de cive Romano, sed indicta causa civem Ro~ 
manum capitis eondemnari co'ègit e Liv. 51, 9 dove a proposito del sup- 
plizio di Tulio Erdonio egli afferma: ibi tam atrox invidia orta est gia- 
da s in medio positi» , ut indieta causa novo genere leti deiectus ad caput 
aquae Ferentinae mergeretur. Né la cosa è poi tonto strana, come a prima 
vista potrebbe parere: poiché, trattandosi di delitti che venivano a le- 
dere direttamente la costituzione dello stato o pur l'aatorità del capo 
di esso, se il re o chi ne faceva le veci credevano realmente, che 
quell'autorità fosse stata minacciata non potevano domandare a tutela 
dei proprii interessi altro che la condanna del reo. Ma, poiché un giu- 
dizio fatto in causa propria, quando l'offeso era il re o pure lo stato, 
doveva parer poco giusto, si scorge con quanta sapienza civile i re di 
Roma deferissero in tali casi il supremo giudizio al popolo commet- 
tendo la difesa e la tutela dei proprii interessi ai due magistrati scelti 
appositamente (Ilviri perduellionis) per rappresentarli. I quali pronun-. 
ziavano senz'altro, secondo il diritto loro deferito dal capo dello stato, 
l'accusa di perduellione, e nel pubblico dibattimento si sforzavano 
di farla approvare anche dal popolo (cfr. le frasi della legge certato, si 
Vincent). Ciò spiega tanto Yindicta causa di Cicerone, quanto la sentenza 
di Livio, che ì duumviri non avevano nemmeno il diritto di assolvere 
un innocente. — lictor : altrove *, lictor, cf. § 11 e Cic. prò Rab. 11. — 
8. accesserat'. il littore era già pronto per eseguire la sentenza, cfr. 3, 
41, 3. — iniciebati l'impf. serve per esprimere il tentativo (conatum) 
fatto dal littore. — tum: la provocatio ad populum poteva aver luogo 
soltanto quando la sentenza si doveva eseguire, e il littore era sul punto 
di metter le mani addosso al reo. — auctore Tulio: sebbene la legge 
lasciasse al reo il diritto della provocatio, pare però che esso non po- 
tesse esercitarlo senza di uno speciale permesso dal re ; poiché in questo 
caso il re faceva realmente una concessione o una grazia, spogliandosi 
di un'autorità a sé concessa, per rivestirne il popolo. — provoco, cfr 2, 
55, 5. — itaque provocatione, nei codd. ita de proroc. Accettiamo d'accordo 
col Madvig l'emendazione proposta da Tanaquil Faber, non solamente 
per uniformare questo luogo alla costruzione altrove adoperata da Livio 
(§ 6) ; ma sopratutto perché la preposizione de includerebbe il senso, 
che l'argomento della causa versasse principalmente intorno al diritto 
che aveva il reo d'appellarsi al popolo (cfr. 40, 42, 9 deque ea multa, 
cum provocas8et, certatum ad populum), diritto che non solo gli era stato 
accordato per legge, ma sanzionato per di più dall'autorità del re. Però 
la frase latina de provocatione certare, sebbene manchino le analogie, 
poteva anche assumere nel linguaggio forense il significato speciale, che 



110 TITI LITI, LIB. I 

9 est. Moti homines sunt in eo iudicio maxime Publio Horatio 
patre proclamante, se filiam iure caesam iudicare; ni ita esset, 
patrio iure in filium animadversurum fuisse. Orabat deinde, ne 
se, quem paulo ante cum egregia stirpe conspexissent, orbum 

10 liberis facerent. Inter haec senex iuvenem amplexus, spolia Cu- 
riatiorum fixa eo loco, qui nunc Pila Horatia appellatur, osten- 
tans, « huncine » aiebat, « quem modo decoratum ovantemque 
Victoria incedentem vidistis, Quirites, eum sub furca vinctum 
inter verbera et cruciatus videre potestis? quod vix Albanorum 
oculi tam deforme spectaculum ferre possent. I, lictor, conliga 
manus, quae paulo ante armatae imperium populo Romano pe- 

11 pererunt. I, caput obnube liberatoris urbis buius; arbore infe- 
lici suspende ; verbera vel intra pomerium, modo inter illa pila 
et spolia hostium, vel extra pomerium, modo inter sepulcra 
Curiatiorum. Quo enim ducere hunc iuvenem potestis, ubi non 

12 sua decora eum a tanta foeditate supplicii vindicent?» Non tulit 
populus nec patris lacrimas nec ipsius parem in omni periculo 

ha la frase ital. * discuter l'appello , per * discutere una causa in ap- 
pello ,. — ad populum = apud populum, cfr. accusare, agere, dicere, cri- 
minari ad populum o pure ad plebem. L'adunanza qui convocata dal re 
per discutere di questo publicum iudicium erano forse i comitia curiata^ 
mentre invece più tardi in simili casi furono convocati dai pretore i 
comitia centuriata, cfr. 26, 3, 9; 43, 16, 11. — 9. patre: si cfr. per una 
situazione simile 8, 33, 4. — iudicare, secondo il proprio parere. — 
patrio iure: la patria potestà» concedeva il diritto di vita e di morte 
sui membri della famiglia, cfr. 2, 41, 10. — egr. stirpe, cfr. le parole di 
Paolo Emilio 45,42, 11 neque ex tanta liberum stirpe superest, qui L. Ae- 
tnili Pauli nomen ferat. — IO. pila Horatia, come risulta chiarissimo 
dal § 11, va considerato qual plurale di pilum * arma da getto ,, cfr. 
anche Prop. 4, 2, 7 et cecini Curios fratres et Horatia pila. Dionigi, 3, 22 
lo traduce al contrario con atvÀlg, e riferisce quel nome alla colonna 
su cui erano conservate nel foro le armature degli Orazii. — decoratum t 
sott. spoliis hostium. — sub furca vinctum, cfr. n. § 6. La forca era for- 
mata di due stanghe di legno congiunte tra di loro ad angolo, e si ap- 
poggiava sulle spalle del condannato, col legarne per di più le mani 
all'estremità di essa. — tam: è strano questo tam come apposizione di 
una proposizione relativa; forse l'inciso di cui fa parte va considerato 
come un mero epifonema e senza alcuna relazione sintattica colla 
proposizione che precede. — 11. i, caput obnube. In queste parole ci 
e come una parodia della formola della legge, e della sentenza del giu- 
dice. — inter * in vicinanza, presso ,. — pila et spolia: le armi tolte 
ai nemici erano forse sospese alle aste degli Orazii ed esposte come in 
trofeo. Il nome pilum, sebbene d'origine più recente, vien qui adope- 
rato a far le veci di hasta, cfr. 43, 2 e 2, 30, 12. — sua è messo in re- 
lazione coll'oggetto eum, cfr. 25, 1. — decora, i monumenti del suo va- 
lore. — 12. ipsius : il pronome si riferisce alla persona principale del 



AB UBBB CONDITA, CAP. XXVI, 9—13; XXVII, 1 — 2 111 

animum, absolveruntque admiratione magis virtutis quam iure 
causae. Itaque, ut caedes manifesta aliquo tamen piaculo lue- 
retur, imperatum patri, ut filium expiaret pecunia publica. Is 15 
quibusdam piacularibus sacrificiis factis, quae deinde genti 
Horatiae tradita sunt, transmisso per viain tigillo capite adoperto 
velut sub iugum misit iuvenem. Id hodie quoque publice semper 
refectum manet; sororium tigillum vocant. Horatiae sepulcrum, 
quo loco corruerat icta, constructum est saxo quadrato. 

XXVII. Nec diu pax Albana mansit. Invidia vulgi, quod 1 
tribus militibus fortuna publica commissa fuerit, vanum inge- 
nium dictatoris eorrupit et, quoniam recta Consilia baud bene 
evenerant, pravis reconciliare popularium animos coepit. Igitur, z 
ut prius in bello pacem, sic in pace bellum quaerens, quia suae 
civitati animorum plus quam virium cernebat esse, ad bellum 
palam atque ex edicto gerundum alios concitat populos, suis 



dramma, la quale attirava a sé tutti gli sguardi, cioè all'Orazio unico 
superstite dei tre combattenti. — imperatum, s'intende dal re qual sa- 
cerdote, cfr. Dion. 3, 22. — publica pecunia : il popolo col liberare l'Orazio, 
apertamente parricida, si era in certo modo reso complice della sua 
colpa, e perciò offre a pubbliche spese un annuo piaculare sacrificium, 
per placare i Mani dell'Orazia uccisa, cfr. Tac. Ann. 12, 8 sacra ex le- 
gibus Tulli regis piaculaque. — 13. transmisso, cfr. Festo p. 297 sotto 
sor.tig.: * cuius (cioè populi) iudioio victor duo tigilla tertio super- 
iecto, quae pater eius constituerat, velut sub iugum missus subit, con- 
secratisqae ibi aris Iunoni Sororiot et latto Curiatio liberatus omni noxia 
sceleris est ,. Questi due altari, su cui si celebravano ogni anno pubblici 
sacrìficii dalla gente Orazia, contribuirono probabilmente a colorire la 
leggenda, nel modo che Livio l'ha riferita. — sub iugum : egli vien trat- 
tato come un nemico (hostis), cui si risparmi la vita, cfr. 8, 28, 11. — 
moneti esso si conservava sul clivus, che dal vicus Cy prius menava al- 
l'altura delle Carine, cioè in vicinanza dell'Anfiteatro. — refectum: esso 
veniva rifatto ogni anno al primo d'ottobre (cfr. C. I. L. I, p. 402) e si 
conservò fino al IV secolo d. Cr. 

XXVII. — 1. nec * ma non ,, cfr. 28, 6; 58, 1. — commissa fuerat, cfr. 
2, 1 e Aur. Vici. 4, 10 cum se invidiosum videret, quod bellum solo trige- 
minorum certamine finisset. — vanum ingenium * carattere debole, inco- 
stante, leggiero ,, il quale per cattivarsi il favore del popolo venne 
meno alla fede che aveva giurata; cfr. la descrizione del carattere, af- 
fatto a questo opposto, di Fabio in 44, 22, 10 : " neque enim omnes tana 
firmi et constantis animi contra rumorem esse possunt, quam Q. Fabias 
fait, qui suum imperium minui per vanitatem populi maluit, quam male 
rempublicam gerere ,. — 2. palam atque ex edicto, apertamente 
e in seguito a formale dichiarazione. Poiché egli non osava di 
dichiarare apertamente la guerra ai Romani, incitava i popoli affini, 
promettendo loro proditoriamente l'aiuto degli Albani. Si noti che la 
forinola ex edicto corrisponde alla frase indicete bellum, cfr. 52, 6 ad 



112 TITI LITI, LIB. I 

3 per speciem societatis proditionem reservat. Fidenates, colonia 
Romana, Veientibus sociis consilii adsumptis, pacto transitionis 
Albanorum ad bellum atque arma incitante. Cum Fidenae 

4 aperte descissent, Tullus Mettio exercituque eius ab Alba accito 
contra hostes ducit. Ubi Anienem transiit, ad confluentis collocat 
castra. Inter eum locum et Fidenas Veientium exercitus Tiberini 

5 transierat. Hi in acie prope flumen tenuere dextrum cornu ; in 
sinistro Fidenates propius montes consistUnt. Tullus adversus 
Veientem hostem derigit suos, Albanos contra legionem Fide- 

c natium collocat. Albano non plus animi erat quam fidei. Nec 
manere ergo nec transire aperte ausus sensim ad montes suo- 
cedit. Inde, ubi satis subisse sese ratus est, erigit totam aciem 



edictwn regia. — societatis: sebbene assoggettati dai Romani, gli Albani 
vengono considerati da Livio, tanto in questo luogo quanto in 28, 4, 
come loro alleati. — 3. colonia : a Fidene, di cui si ricorda la con- 
quieta nel cap. 14, 11, i Romani avevano inviata una loro colonia. — 
V. sociis adsumptis. Livio adopera frequentemente Tabi, assoluto col 
part. pass, di quei verbi, i quali nelle forme finite si costruiscono con 
-doppio nominativo, cfr. 34, 33, 8 auctore iniusti imperii adsumpto popolo 
Romano. Di tale costruzione si trova già qualche es. presso gli scrittori 
classici, cfr. Cic. Phil. 13, 20 Dolabella hoste indicato. Sebbene sembri a 
prima vista, che Tabi. ass. Veientibus adsumptis vada grammaticalmente 
riferito al sogg. della prop. principale Fidenates, pur io credo, contra- 
riamente all'opinione del Weissenborn e di Moritz Muller, che il com- 
plemento agente di adsumptis non possa essere altro che Tabi. Mettio, 
il quale va sottinteso anche accanto a incitantur. Difatti il soggetto 
logico di tutta questa proposizione è evidentemente il dictator del pe- 
riodo precedente, il quale va considerato come i) solo e vero auctor 
consilii, di quel disegno cioè che, secondo l'interpretazione dei commen- 
tatori tedeschi, verrebbe invece a torto attribuito ai Fidenati. Mezio 
Fuffezio non si contentò solamente di sollevare contro i Romani la co- 
lonia di Fidene, ma mise a parte del suo disegno anche la eterna ne- 
mica di Roma, Veio. — pacto sost, si collega con incitantur: colla 
promessa, cfr. 11, 9 «e pacto tradendi. — transitionis " defezione ,, 
cfr. 2, 25, 1. — 4. ab Alba. I nomi di città si costruiscono da Livio 

quasi costantemente colla prep. a, quando si adoperano per indicare 
movimento da un luogo o dai suoi dintorni. — confluentis, allo sbocco 
dell'Anione nel Tevere, cfr. 4, 17, 12 ed epit. 13, 7 ad confluentem Araris 
et Rhodani. — 6. in ade: come nel venir giù da Veio essi avevano 

costeggiato il Tavere, così conservarono questo medesimo posto in vi- 
cinanza del fiume, anche nel disporsi in ordine di battaglia. — legionetn = 
copias, cfr. 28, 4. — Albano, sott. duci. — 6. subisse, sott. montes. — 
erigit * fa schierare sull'altura del monte ,. — ordines explicat. Ciascuna 
di queste divisioni o manipoli comprendeva 60 soldati, un centurione e 
un portabandiera, cfr. 8, 8, 3 e 2, 46, 3. I centurioni, in numero di due, 
•erano propriamente i capi di una centuria, composta di 100 o 120 uo- 



AB URBE CONDITA, CAP. XXVII, 3 — 10 113 

fluctuansque animo, ut tereret tempus, ordines explicat. Consi- 
lium erat, qua fortuna rem daret, ea inclinare vires. Miraculo 1 
primo esse Romanis, qui proximi steterant, ut nudari latera 
sua sociorum digressu senserunt ; inde eques citato equo nuntiat 
regi abire Albanos. Tullus in re trepida duodecim vovit Salios 
fanaque Pallori ac Pavori. Equitem clara increpans voce, ut 8 
hostes exaudirent, redire in proelium iubet: nihil trepidatione 
opus esse; suo iussu circumduci Albanum exercitum, ut Fide- 
natium nuda terga invadant: item imperat, ut hastas equites 
erigerent. Id factum magnae parti peditum Romanorum con- 9 
spectum abeuntis Albani exercitus intersaepsit ; qui viderant, 
id, quod ab rege auditum erat, rati, eo acrius pugnant. Terror 
ad bostes transit: et audiverant clara voce dictum, et magna 
pars Fidenatium, ut qui coloni additi Romanis essent, Latine 
sciebant. Itaque, ne subito ex collibus decursu Albanorum inter- 10 



mini, cioè di due manipoli, cfr. 52, 6. — consilium erat = constituerat, 
decreverat, cfr. 21, 63, 2. — qua = quo, cfr. 4, 37, 9 qua res inclinatura 
esset; 10, 12, 5 incertis qua data Victoria esset. — rem daret " accordasse 
i suoi favori, favorisse ,. — 7. esse miraculo inf. stor. provarono 

maraviglia. — inde ha relazione con primo. — in re trepida * sen- 
tendosi in grave imbarazzo „. — Salios. Accanto al collegio dei Salii 
Palatini creati da Nurna (cfr. 20. 4), Tulio istituì un secondo collegio di 
Salii, probabilmente in onore di Quirino, i quali dal luogo dove ebbero 
la loro sede pigliarono il nome di Quirinales, Agonales o Collini. — fa- 
naque, uno per ciascuno; cfr. 27, 25, 9. — Pallori ac Pavori, alle due 
divinità cioè che gettano sbigottimento e paura in mezzo ai nemici, 
cfr. 8, 9, 7 e 10, 28, 16. Queste due divinità sono probabilmente iden- 
tiche a Pico e Fauno, che pigliavano anche il nome di Hostilii lares, 
cfr. Fest. Paul. Diac. p. 102. — 8. equitem appartiene ànò koivov tanto 
ad increpans quanto a iubet. — in proelium * in mezzo alla mischia, al 
combattimento ,. — ut invadant: poiché i Fidenati si erano schierati 
propius monies (cfr. § 5), così poteva parere che gli Albani aveHsero pi- 
gliata la via dei monti per assalirli alle spalle. — invadant ... erigerent. 
Si noti la differenza di tempo e di significato che ci è tra i due verbi, 
di cui il primo indica un'azione che si svolge sotto gli occhi stessi di 
quelli che parlano, e il secondo un comando da esaere eseguito a di- 
stanza di tempo, cfr. 51, 4. — 9. id factum, l'esecuzione di questo 
comando. — viderant, sott. abire Albanos. — rati, sott. esse. — dictum, 
part. sostantivato, cfr. 59, 4. — ut qui: quando a Fidene fu mandata 
una colonia Romana, molti degli antichi abitatori del luogo furono am- 
messi a farne parte, cfr. 3, 1, 7; 8, 14, 8 e, quanto alla costruzione di ut 
qui, 49, 3. — Latine sciebant, cfr. Cic. Phil. 5, 13 num latine scit e prò 
Flacc. 10 Graece nesciunt. Solo il commercio dei Fidenati con Roma può 
spiegare la conoscenza che quelli avevano della lingua del Lazio, la 
quale era del resto perfettamente ignota agli Etruschi, cfr. 9, 36, 3. — 
IO. i nter eluder entur, che gli Albani non gli tagliassero la via per rien- 

E. Coccoli, Tito Livio, I, 8* ed. 8 



114 TITI LITI, L1B. I 

cluderentur ab oppido, terga vertunt. Instat Tullus fusoque 
Fidenatium corna in Veientem alieno pavore perculsum fe- 
rocior redit. Nec illi tulere impetum, sed ab effusa fuga flumen 

ii obiectum ab tergo arcebat. Quo postquam fuga inclinavit, alii 
arma foede iactantes in aquam caeci ruebant, alii, dum cune- 
tantur in ripis, inter fugae pugnaeque consilium oppressi. Noil 
alia ante Romana pugna atrocior fuit. 

i XXVIII. Tum Albanus exercitus, spectator certaminis, de- 
ductus in campos. Mettius Tulio devictos hostes gratulatur;. 
contra Tullus Mettium benigne adloquitur. Quod bene vertat, 
castra Albanos Romanis castris iungere iubet; sacrificium hi— 

2 strale in diem posterum parat. Ubi inluxit, paratia omnibus, al 
adsolet, vocari ad contionem utrumque exercitum iubet Prae- 
cones ab extremo orsi primos excivere Albanos. Hi novitate- 
etiam rei moti, ut regem Romanum contionantem audirent, prò- 

3 ximi constitere. Ex composito armata circumdatur Romana 
legio. Centurionibus datum negotium erat, ut sino mora imperia 

4 exsequerentur. Tum ita Tullus infit : « Romani, si umquam ante 



trare in Fidene. — terga vertunt, si volgono indietro, ripigliano la via, 
della città. — ferocior, per la vittoria riportata ani Fidenati. — nec 
* nemmeno ,, cfr. 8, 32, 5. — obiectum ab tergo: i Veienti avevano do- 
vuto mutar posizione, nel tempo in cui Tulio aveva inseguito i Fide- 
nati, e perciò essi si trovavano ad avere il Tevere, invece che di fianco,, 
alle spalle. — •*% 11. quo, verso il fiume. — in ripis, su diversi punti 
della riva, cfr. 4, », 11 oblruncantur in ripis. — inter, incerti se doves- 
sero ritentare la battaglia o pure fuggire. — oppressi, sott. sunt. 

XXVIII. — 1. tum. Livio non fa più cenno, né in questo luogo ne 
altrove, dell'esito che ebbe questa guerra contro di Fidene e di Veio. 
— sacrificium'. ordinariamente prima della battaglia il generale, pas- 
sando in rassegna l'esercito, soleva fare un sacrifizio purificativo a Marte 
per mezzo di un porco, di una pecora e di un toro (suovetaurilia), cfr. 
40, 10, S. — lustralis: quest'aggettivo è adoperato per la prima volta 
da Verg. 8, 183. — 2. illuxit è adoperato per la prima volta, come 
v. impersonale da Livio; Cic. lo congiunge sempre con dies. — adsMeti 
Livio adopera frequentemente questo verbo per accennare a costumanze 
religiose, cfr. 37, 14, 5 sacrificio ut adsolet facto. — ab extremo, dalla parte 
più lontana degli accampamenti, dove più tardi i sodi avevano le loro 
tende. — etiam : essi si misero in vicinanza del re, non perla sola ragione 
che erano stati i primi ad essere invitati, ma sopratutto pel vivo desiderio 
che avevano di udire a parlare il re di Roma. — 3. ex composito, in corri- 
spondenza degli accordi già presi. — circumdatur, sott. Albanis =*circumdat 
Albanos. — legio *= exercitus, cfr. 11, 1 ; 27, 5 ; 2, 26, 3 Sabina legio. — cen- 
turionibus, cfr. 52, 6. — 4. infit, cfr. n. 23, 7. — Romani: il vocativo- 
ha preso in questo luogo il primo posto, perchè Tulio ha intenzione ài. 
mettere in mostra sin dal principio, che egli rivolge il discorso ai soli. 



AB XJBBK OOKDITA, OAP. XXVII, 11; XXVIII, 1 — 9 115 

alias ullo in bello fuit, quod primum dis immortalibus gratias 
ageretis, deinde vestrae ipsorum virtuti, hesternuin id proelium 
fuit. Dimicatum est enim non magis cum hostibus quam, quae 
dimicatio maior atque periculosior est, cum proditione ac per- 
fìdia sociorum. Nam, ne vos falsa opinio teneat, iniussu meo 5 
Albani subiere ad montes, nec imperium illud meum sed con- 
silium et imperii simulatio fuit, ut nec vobis, ignorantibus 
deseri vos, averteretur a certamine animus, et hostibus cir- 
cumveniri se ab tergo ratis terror ac fuga iniceretur. Nec ea 6 
culpa, quam arguo, omnium Albanorum est; ducem secuti 
sunt, ut et vos, si quo ego inde agmen declinare voluissem, 
fecissetis. Mettius ille est ductor itineris huius, Mettius idem 
huius machinator belli, Mettius foederis Romani Albanique 
ruptor. Audeat deinde talia alius, nisi in hunc insigne iam docu- 
mentum mortalibus dedero ». Centuriones armati Mettium cir- 7 
cumsistunt ; rex cetera, ut orsus erat, peragit : « quod bonum, 
faustum felixque sit populo Romano ac mini vobisque, Albani, 
populum onmem Albanum Romam traducere in animo est, 
civitatem dare plebi, primores in patres legere, unam urbem, 
unam rem publicam facere. Ut ex uno quondam in duos po- 
pulos divisa Albana res est, sic nunc in unum redeat ». Ad 8 
haec Albana pubes inermis ab armatis saepta in variis volun- 
tatibus, communi tamen metu cogente, silentium tenet. Tum 9 
Tullus « Metti Fufeti » inquit, « si ipse discere posses fldem 



Romani. — *»' u. ante alias, cfr. per questo accumularsi di avverbii 2, 
9, 5. 22, 7. — restrae ipsorum * al vostro stesso ,, cfr. 10, 16, 4 suismet 
ipsorum viribus. — hest. proelium è adoperato da Livio quale apposi- 
adone di id ; regolarmente si aspetterebbe l'ablativo hesterno proelio. — 
non magis = minus * non tanto ... quanto ,. — 5. illud funge da sog- 
getto tanto in relazione con imperium quanto in relazione con consilium; 
nel primo caso però esso equivale semplicemente ad Albanos subisse ad 
montes, e nel secondo ad Albanos meo iussu subisse ad montes. — con- 
silium, cfr. Dion. 8, 28 ozoaitjy^fiata éftd. — nec: la negazione appar- 
tiene ad averteretur. — ignorantibus ...ratis: l'uno e l'altro participio 
danno insieme il motivo la causa dell'azione, espressa dal verbo prin- 
cipale a cui essi si riferiscono. — fuga " scompiglio ,. — 6. audeat, 
è potenziale, che fa le veci del futuro semplice. — nisi dedero, cfr., 
quanto all'uso del futuro nelle formolo asseverative con nisi, 3, 68, 18. 
— in hunc, sott. animadvertens. L'acc. fa qui propriam. le veci dell'abl., 
ed è adoperato sull'analogia della frase exemplum edere w aliquem, cfr. 
21, 57, 14. — 7. quod bonum, cfr. 17, 10. — civitatem, cfr. 11, 2. — 
urbem accenna alla comunanza del suolo, rempublicam invece all'unione 
politica mediante le stesse leggi e la stessa amministrazione. — 8. fo- 
«•*« voluntatibus fa antitesi a communi metu, cfr. 17, 8. — cogente, sott. 



116 TITI LITT, LTB. T 

ac foedera servare, vivo tibi ea disciplina a me adhibita esset ; 
nunc, quoniam tuum insanabile ingenium est, at tu tuo sup- 
plicio doce humanum genus ea sancta credere, quae a te 
violata sunt. Ut igitur paulo ante animum inter Fidenatem Ro- 
manamque rem ancipitem gessisti, ita iam corpus passim distra- 

*° hendum dabis ». Exinde, duabus admotis quadrigis, in currus 
earum distentum inligat Mettium, deinde in diversum iter equi 
concitati lacerum in utroque curru corpus, qua inhaeserant 

** vinculis membra, portantes. Avertere omnes ab tanta foeditate 
spectaculi oculos. Primum ultimumque illud supplicium apud 
Romanos exempli parum memoris legum humanarum fuit; in 
aliis gloriari licet, nulli gentium mitiores placuisse poenas. 

1 XXIX. Inter haec iam praemissi Albam erant equites, qui 
multitudinem traducerent Romam. Legiones deinde ductae ad 

2 diruendam urbem. Quae ubi intravere portas, non quidem fuit 



silere. — tenet transita a differenza di 4, 6. — 9. servare è un inf. 

dipendente da discere, cfr. 53, 8. — disciplina adhibita: io avrei dato 
opera a parteciparti questo insegnamento. — nunc fa in Livio frequen- 
temente le veci di una particella avversativa, dopo condizioni che espri- 
mono cose contrarie alla realtà, cfr. il greco v€v Sé. — at tu: questa 
formola serve ad esprimere un vivo contrasto col pensiero precedente, 
e si adopera a preferenza dopo una prop. condizionale preceduta da si 
o pure da quodsi, cfr. 41, 3. — ancipitem * incerto ,. — passim fa op- 
posizione ad ancipitem, * qua e là, in ogni luogo „ — IO. quadrigis... 
earum. Livio qui adopera Tabi, assoluto, Bia per rappresentare più vi- 
vamente innanzi agli occhi i singoli momenti dell'azione, sia per evi- 
tare re8pres8Ìone piuttosto dura in currus duarum admotarum quadri- 
garum, dove il part. sarebbe stato ad ogni modo superfluo. — iter * di- 
rezione ,: comunemente si adopera da solo, senza iter, l'agg. diversi o 
pure in diversum, cfr. Verg. 8, 642 citae Mettum in diversa quadriga* di- 
stulerant. — concitati, sott. sunt. — lacerum, espress.- poetica. — qua: 
le membra, cioè le mani ed i piedi col rimanente del corpo, rimasero 
congiunte al cocchio, a cui erano state avvinte. — portantes : il part. 
pres. fa qui propriamente le veci di una proposizione coordinata in 
tempo passato. — 11. supplicium exempli = supplicium quo edebatur 
exemplum. — parum metnoris " che non aveva alcun rispetto, che non 
rispettava, o pur ricordava ,, cfr. 3, 36, 5 memorem libertatis vocem. — 
legum humanarum " delle legrgi di umanità „, cfr. 29, 9, 6, dove lo stesso 
pensiero trovasi espresso colla frase sine respectu humanitatis. — in aitisi 
quanto alle altre punizioni, da Roma inflitte ai colpevoli, essa pub andar 
gloriosa d'aver usata una mitezza, che nessun altro popolo eguagliò 
mai, cfr. Cic. prò Rab. 10 vestram libertatem non acerbi tate suppliciorum 
infestam, sed lenitate legum munitam esse voluerunt. 

XXIX. — 1. multitudinem, la parte della cittadinanza non atta a 
portar le armi, cfr. 26, 5, 9 imbellis multitudo. — 2. non quidem fuit 

non ne nacque a dire il vero ,. Si noti l'ellissi del pronome accanto 



AB URBE CONDITA, GAP. XXVIII, 10 — 11 ; XXIX, 1 — 5 117 

tumultus ille nec pavor, qualis captarum esse urbiura solet, 
cum effractis portis stratisve ariete muris aut arce vi capta 
clamor hostilis et cursus per urbem armatorum omnia ferro 
flammaque miscet; sed silentium triste ac tacita maestitia ita 3 
defixit omnium animos, ut prae metu obliti quid relinquerent, 
quid secum ferrent, deficiente Consilio rogitantesque alii alios 
nunc in liminibus starent, nunc errabundi domos suas ultimum 
illud visuri pervagarentur. Ut vero iam equitum clamor exire 4 
iubentium instabat, iam fragor tectorum, quae diruebantur, ul- 
timis urbis partibus audiebatur, pulvisque ex distantibus locis 
ortus velut nube inducta omnia impleverat, raptim quibus 
quisque poterat elatis, cum larem ac penates tectaque, in 
quibus natus quisque educatusque esset, relinquentes exirent, 
iam continens agmen migrantium impleverat vias. Et conspectus 5 
aliorum mutua miseratione integrabat lacrimas, vocesque etiam 
miserabiles exaudiebantur mulierum praecipue, cum obsessa ab 

a quidem, la quale può esser cagionata dalla presenza àelYille quale 
attributo del soggetto. — qualis e correlativo di ille. — clamor hostilis 
et cursus = hoxtes clamantes et milites armati per urbem currentes. — 
miscet poet. = implet, cfr. Verg. 2, 486 at domus interior getnitu miseroque 
tumultu Miscetur. — 3. defixit, cfr. 6, 40, 1 stupor silentiumque ceteros 

defixtsset. — prae = propier si trova adoperato da Cic. e da Caes. in 
compagnia di non possum o pure di nequeo; Livio invece l'adopera in 
generale con qualsiasi proposizione, la quale abbia significato negativo, 
cfr. 5, 13, 13; 6, 40, 1. — metu * sbigottimento ,. — obliti * non pensando» 
incapaci a pensare, dimentichi „. — quid relinquerent funge da oggetto 
di obliti. — deficiente Consilio " venendo meno la facoltà di pensare „. 
— illud ultimum * per quell'ultima volta ,, cfr. 2, 15, 1; Curt. 10, 5, 3 
illud ultimum persalutatus est; Cic. senect. 20, 72 illud reliquum; Off. 2, 
17, 60 tum ipsutn; ad Att. 7, 8. 2 nunc ipsum. — 4. instabat * comin- 
ciava a far premura ,. — ultimi s partibus: l'opera di distruzione co- 
minciò nelle parti più lontane dal centro della città, il che spiega la 
frase seguente: ex distantibus locis ortus. — impleverat, cfr. n. 7, 1. — 
quibus q. poterat elatis = iis, quae quisque efferre poterat, elatis, cfr., 
quanto all'attrazione del relativo, 4, 33, 9 quibus poterat sauciis ductis 
secum, e Or. Sat. 1, 6, 15 iudice quo nosti populo. — larem, sott. fami- 
Harem, così detto da Lar * signore „ (cfr. tfotag), significava propriam. 
lo spirito protettore della casa, e rappresentava le anime degli antenati, 
i quali vegliano a custodia del focolare domestico. — 6. integrabat: 
l'À. non ha propriamente parlato ancora di lagrime, ma non le ha nem- 
meno escluse ricordando la mestizia degli esuli, cfr. 40, 8, 20 lacrimaé 
oboriae et diu maestum silentium tenuit ; Cic. Tusc. 1 , 30 fletus maerens. 
— exaudiebantur: Yex serve a dinotare, che la voce era fatta più debole e 
fioca in prebenza del crescente dolore. — deos è posto intenzionalmente 
alla fine del periodo, e serve come di passaggio al pensiero che vien 
dopo : Livio ha forse modellata tutta questa descrizione su Ennio, cfr. 



118 TITI LIVI, LIB. I 

armatis tempia augusta praeterirent ac velut captos relinquerent 

6 deos. Egressis urbem Albanis, Romanus passim publica priva- 

taque omnia tecta adaequat solo, unaque hora quadringentorum 

annorum opus, quibus Alba steterat, excidio ac ruinis dedit; 

templis tamen deum — ita enim edictum ab rege fuerat — 

temperatum est. 

i XXX. Roma interim crescit Albae ruinis. Duplicatur ci- 

vium numerus; Caelius additur urbi mons, et, quo frequentius 

habitaretur, eam sedem Tullus regiae capit, ibique deinde habi- 

2 tavit. Principes Albanorum in patres, ut ea quoque pars rei 

publicae cresceret, legit: Tullios, Servilios, Quinctios, Geganios, 

Guriatios, Cloelios; templumque ordini ab se aucto curiam fecit, 

quae Hostilia usque ad patrum nostrorum aetatem appellata 

Verg. 2, 486. — 6. urbe: egredi ed excedere si costruiscono talvolta ool- 
l'accusativo invece dell'abl. con e, quando ricevono il senso di " oltre- 
passare ,, cfr. 8, 57, 10 e Caes. b. g. 1, 44, 7. — adaequat, in luogo di 
aequat, non si trova adoperato da Livio all'infuori del 56, 2 e 2, 27, 4. 
— quadringentorum. Si ammetteva comunemente che Alba fosse stata 
fondata 300 anni prima di Roma (cfr. Verg. 1, 272 hic iam ter centùm 
regnabitur annos), e quest'ultima, secondo la cronologia stabilita, aveva 
ormai 100 anni di vita. — templis dat., cfr. 2, 16, 9: altrove Livio co- 
struisce temperare coll'abl. con a, qui però egli ha usato il dat., perchè 
temperatum fa propriamente le veci del passivo di parco. 

XXX. — 1. ruinis, cfr. 31, 29, 10 quarum urbium ruinis crevit urbs 
Roma. — civium: quella parte degli Albani, che conservarono la pienezza 
dei diritti civili e presero stanza sul Celio, entrarono forse a far parte 
della terza tribù di Roma, i Lucori. — Caelius. Secondo Cic. de rep. 2, 18, 
questo monte fu aggiunto per la prima volta al perimetro della città 
da Anco Marzio, secondo altri invece da Tarquinio Prisco. Questo colle, 
affatto isolato da tutti gli altri, si trovava ad oriente del Palatino e, 
appartenendo ai beni dello stato, fu assegnato in proprietà ai nuovi 
cittadini. Però su questo monte ben difficilmente potè trovar stanza un 
numero di abitatori pari a quello che stanziava su tutti i rimanenti 
colli, cfr. 33, 2. — eam attrazione, cfr. 21, 4. — 2. in patres legit: 
Tulio chiamò a far parte del senato i capi delle gentes Albanae, cfr. or- 
dini aucto. — templum: il luogo dove il senato teneva le proprie adu- 
nanze, perchè le sue deliberazioni fossero valide, doveva esser limitato 
e consacrato dall'augure, cfr. Geli. 14, 7, 7: * Varrò docuit, nisi in loco 
per augurem constituto, quod templum appellaretur, S. Cons. factum esset, 
iustum id non fuisse .. — Hostilia: essa si trovava sulla diramazione 
sud-est del colle Capitolino, in un punto asBai elevato (cfr. 36, 5; 48, 8), 
e rimaneva a nord-ovest del forum e del comitium, da cui era separata 
per mezzo della via sacra. Gli edificii pubblici, che non erano consacrati 
agli dèi, portavano sempre il nome del magistrato che aveva preseduto 
alla loro costruzione, Cic. de rep. 2, 31 fecitque Tullus Hostilius comitium 
et curiam Hostiliam. — ad patrum aetatem. La curia Hostilia, rifatta da 
Sulla, all'epoca dell'uccisione di Clodio (52 av. Cr.) venne trasformata 



t 



AB URBE CONDITA, CAP. XXIX, 6; XXX, 1 — 5 119 

-est. Et ut omnium ordinum viribus aliquid ex novo populo adi- 3 
<reretur, equitum decem turmas ex Albania legit, legiones et 
veteres eodem supplemento explevit et novas scripsit. 

Hac fiducia virium Tullus Sabinis bellum indicit, genti ea 4 
tempestate secundum Etruscos opulentissimae viris armisque. 
Utrimque iniuriae factae ac res nequiquam erant repetitae: 5 
Tullus ad Feroniae fanum mercatu frequenti negotiatores Ro- 
manos comprehensos querebatur, Sabini suos prius in lucum 



-dal popolo in pira ardente e bruciò assieme al cadavere di lui (cfr. Ciò. 
prò Mil. 33, 90). Rifatta più tardi, per la seconda volta, dal figliuolo di 
Sulla (cfr. Cic. de fin. 5, 2 curiam Hostiliam dico... non hanc novam) t 
venne poi abbattuta definitivamente da Cesare, e il luogo su cui essa 
sorgeva fu trasformato in un templum Felicitati». Augusto la ricostruì 
-da capo, in vicinanza del Comitium, col nome di Curia Iulia (cfr. Plin. 
-35, 22 e Dione Cass. 45, 17; 47, 19), alla quale ultima sembra che Livio 
.accenni in questo punto, affermando che fosse distinta dall'antica sol- 
tanto per il nome. — 8. ordinum: L. intende forse di accennare al- 
l'ardo equester dell'età in cui egli visse, le cai attribuzioni però non 
rimontano pia indietro di C. Gracco. — decem turmas : poiché ciascuna 
di esse comprendeva trenta uomini, il numero dei 300 cavalieri creati 
da Romolo (cfr. 13, 8) venne in tal modo a raddoppiarsi. — eodetn sup- 
plemento: per mezzo del contingente preso dagli Albani, egli non solo 
rafforzò le antiche legioni, ma ne accrebbe anche il numero, cfr. Fior. 1, 
1, 3 omnem militar em disciplinam artemgue bellandi condidit Tullus. — 
A. hac fiducia = fiducia harum virium: la sostituzione di un genitivo 
-oggettivo per mezzo di un pronome è assai frequente in Livio, cfr. 58, 5 
-quo terrore; 21, 4 id sacrarium. — 5. Feroniae. Sebbene il culto di 
■questa divinità fosse comune a quasi tutti gli antichi abitatori d'Italia, 
pure Varrone, 1. 1. 5, 74, la considera senz'altro come deità Sabina; e 
ad una stessa origine sembrano riferirla anche Livio e Dionigi, quando, 
in conformità di un'antica tradizione, attribuiscono l'origine della guerra, 
combattuta da Tulio contro i Sabini, al ratto di alcuni negozianti ro- 
mani, operato dai Sabini in vicinanza del tempio della dea. Dionigi 3, 
-32 aggiunge ancora che il suo santuario era in grande considerazione, 
tanto presso i Latini quanto presso i Sabini, e che i Greci la identifi- 
cavano con 'Av&JjtpoQog e QiÀooréipavog o pure con Persefone, che era 
ad un tempo la dea della primavera e della morte. Il Fabretti, Inscr. 
Antiq. p. 451 segg., ha provato chiaramente per mezzo di non poche 
iscrizioni relative al culto di Feronia(cfr. C. I. L. 1, 1307-9), che il famoso 
santuario della dea, a cui qui accenna Livio, sorgeva in antico in pros- 
simità di Trebula Mutuesca, e che esso era affatto distinto dall'altro san- 
tuario della dea, pur esso assai famoso, che esisteva ai piedi del monte 
Soratte, nel territorio etrusco della città di Capena (lucus Feroniae). — 
suos: i Sabini assegnavano come causa del ratto di alcuni negozianti 
romani l'apertura dell'asilo (lucus) di Romolo, che aveva fatta lor su- 
bire la perdita di molti concittadini, cfr. 8, 5 eo ex finitimis populis turba 
omnis sine discrimine liber an servus esset, e Dion. 3, 32 èymaXovvteg *al 
aifiol 'Ptopalovg fot roi>g 2a§lv<dv <pvydóag bneòé%ovto xaxaonevdoavxsg 



120 TITI LIVI, LIB. I 

6 confugisse ac Romae retentos. Hae causae belli ferebantur. Sabini r 
haud parum memores et suarum virium partem Romae ab Tatio 
locatam et Romanam rem nuper etiam adiectione populi Albani 

7 auctam , circumspicere et ipsi externa auxilia. Etruria erat 
vicina, proximi Etruscorum Veientes. Inde ob residuas bellorum 
iras maxime sollicitatis ad defectionem animis voluntarios 
traxere, et apud vagos quosdam ex inopi plebe etiam merces 
valuit; publico auxilio nullo adiuti sunt, valuitque apud Veientes 

— nani de ceteris minus mirum est — pacta cum Romulo 

8 indutiarum fides. Cum bellum utrimque summa ope pararent, 
vertique in eo res videretur, utri prius arma inferrent, occupai 

Tullus in agrum Sabinum transire. Pugna atrox ad silvani 

fiovAov Uqòv. — retentos * non restituiti „. — 6. haud parum è una 
litotes * assai bene ,. — adiectione: questo sost. è estraneo alla prosa 
anteriore a Livio, e non ricorre in lui stesso altra volta che in 38, 14, 14. 

— circumspicere: poiché i Romani avevano accresciuta la loro potenza 
con aiuti esterni, cominciarono anch'essi a pensare agli stessi mezzi. — 
et ipsi, cfr., quanto al significato e all'uso speciale di questo costrutto,, 
n. praef. 3; 7, 4; 12, 8; 46, 2; 56, 1. — 7. proximi Etruscorum: la 
città etrusca, che si trovava più vicina ai Sabini, era Veio. — inde = 
a Veienttbus. — bellorum, le due guerre ricordate nei capp. 15 e 27. — 
maxime sollicitatis : questo abl. assoluto va considerato come apposizione 
di inde e non già di traxere, e non ha quindi relazione alcuna col sog- 
getto della prop. principale (Sabint). — defectionem " rottura della pace ., 
poiché i Ve i enti erano stati vinti, ma non mai soggiogati dai Romani, 
cfr. 8, 37, 3. — traxere " attirarono a se ,, cfr. 7, 1. — voluntarios: vuol 
dire che il concorso alla guerra non fu dato dalla città, ma spontanea' 
mente dai cittadini, in cui rimaneva ancor vivo il ricordo delle disfatte 
patite e la brama di vendicarle, cfr. publico auxilio nullo adiuti. — vagos, 
vagabondi che non avevan tetto né occupazione alcuna, cfr. 44. 39, 5. — 
plebe è detto in opposizione a voluntarios, i quali appartenevano sicu- 
ramente al partito aristocratico dei Lucumoni. — merces " il danaro ,. 

— nam de ceteris, sott. Etruscis. Se gli abitanti delle rimanenti città 
dell'Etruria non presero le parti dei Sabini contro di Roma, non è a 
farne maraviglia, perchè essi, non essendo stati mai in lotta coi Romani 
ne avendo subita alcuna sconfìtta, non avevan ragione d'esser loro ostili. 

— pacta fìdes. Sebbene la promessa che i Veienti avevano fatta a Ro- 
molo (cfr. 1, 8) e la tregua, che essi avevano giurato di mantenere, fosse 
stata già rotta nella circostanza in cui avevano ceduto alle sollecitazioni 
fedifraghe di Mezio Fuffezio (cfr. 27, 8), pur si può ammettere che in 
seguito all'ultima guerra avesse avuta luogo una rinnovazione, su più 
solide basi, dell'antico trattato; rinnovazione di cui Livio non fa parola, 
perchè egli non aggiunge alcun cenno sull'esito finale della guerra. Altri 
ha sospettato, che le due notizie riferite da Livio in questo luogo e nel 
cap. 27 sieno state da lui attinte a due differenti annalisti, senza punto 
accorgersi della contraddizione che vi era tra di loro. — 8. vtrti in 
eo: si trattava solamente di vedere, quale dei due popoli avesse dato 
principio alle ostilità. — occupai, cfr. n. 14, 4. — 9. silvani Mali- 



AB CBBE CONDITA, GAP. XXX, 6 — 10; XXXI, 1 — 3 121 

Malitiosam fuit, ubi et peditum quidem robore, ceterum equi- 
tatu aucto nuper, plurimum Romana acres valuit. Ab equi- IO 
tibus repente invectis turbati ordines sunt Sabinorum; nec 
pugna deinde illis constare nec fuga explicari sine magna 
caede potuit. 

XXXI. Devictis Sabinis, cum in magna gloria magnisque 1 
opibus regnum Tulli ac tota res Romana esset, nuntiatum regi 
patribusque est in monte Albano lapidibus pluvisse. Quod cum % 
credi vix posset, missis ad id visendum prodigium, in conspectu 
haud aliter, quam cum grandinem venti glomeratam in terras 
agunt, crebri cecidere caelo lapides. Visi etiam audire vocem 3- 
ingentem ex summi cacuminis luco, ut patrio ritu sacra Albani 
facerent, quae velut dis quoque simul cum patria relictis obli- 
vioni dederant, et aut Romana sacra susceperant aut fortunae, 

tiosatn nel territorio dei Sabini, cfr. Dion. 3, 33 r^v xaÀovpévijv HAt^v 
taxodoyov: le era venuto questo nome dalle ruberie che ivi avvenivano. 

— et quidem... ceterum * certamente anche... ma sopratutto , : Livio ado- 
pera frequentemente, dietro l'es. di Sallustio, l'avverbio ceterum in fun- 
zione avversativa, sopratutto dopo quidem o una negazione, cfr. 2, 2 ; 2 r 
3, 1; 21, 6, 1. — aucto attrib. = qui auctus erat. — IO. constare: 
scompigliati e divisi al primo assalto, essi non poterono più rimettersi 
in ordine di battaglia, né ritirarsi ordinatamente. 

XXXI. — 1. patribus: il senato comincia già in questo punto a so- 
printendere anch'esso alle cose del culto, cfr. 20, 1. — pluvisse, che ò 
la forma di perf. costantemente adoperata da Livio, trovasi costruito, 
qui e altrove, coll'abl. (cfr. carne, sanguine, terra pluere), al pari di la- 
pidare, sudare, manare: Tace, con pluere, che è regolare in Cic, non si 
trova in Livio che 3 volte sole. — 2. missis: il verbo mittere si ado- 
pera frequentemente coll'ellissi dell'oggetto, sopratutto quando segue- 
una proposizione relativa, cfr. 37, 1 ; 2* 34, 3. — in conspectu, sott. eorum 
e cfr. 39, 1 ; 2, 27, 9. — caelo = de caelo o pute ex caelo, cfr. 22, 1, 9. 

— 3. visi = visi sibi sunt: sebbene l'omissione del dat. del pronome 
personale sia comune negli scrittori classici soltanto colla prima persona 
di videor (cfr. 23, 7), pure Livio l'omette talvolta anche colla terza, 
cfr. 9, 6, 3 adspicere visi sunt. — vox ingens: nei racconti popolari ap- 
pariscono frequentemente gli dèi, che manifestano il proprio volere col 
far risonare la loro voce sui monti o nell'interno dei boschi, cfr. 2, 7, 2" 
e Verg. Gè. 1, 476 Vox quoque per lucos vulgo exaudita silentes Ingens. 

— summi cacuminis, gen. possessivo: sulla sommità del monte Albano 
si trova il tempio di Giove Laziare, protettore della lega Latina, di dove 
si era appunto fatta sentire la voce del nume. — patrio ritu. Sebbene 
tanto le cerimonie religiose degli Albani quanto quelle dei Romani aves- 
sero la medesima origine e derivassero entrambe da Lavinium, pure 
quest'ultime avevano alquanto mutato di fisonomia, a causa dell'influenza 
Babina su di ease esercitata da Numa; sicché gli Albani, coli 'accetta ri e, 
eran venuti ad allontanarsi dal patrio costume, che qui dal dio sono 
invitati a richiamare in onore. — velut relictis, cfr. 14, 8. — obtrati &n~ 



122 TITI LIVI, LIB. I 

4 ut fit, obirati cultum reliquerant deum. Romanis quoque ab 
eodem prodigio novendiale sacrum publice susceptum est, seu 
voce caelesti ex Albano monte missa — nam id quoque tra- 
ditur — seu haruspicum monitu; mansit certe sollemne, ut, 
quandoque idem prodigium nuntiaretur, feriae per novem dies 
agerentur. 

5 Haud ita multo post pestilenza laboratum est. Unde cum 
pigritia militandi oreretur, nulla tamen ab armis quies dabatur 
a bellicoso rege, salubriora etiam credente militiae quam domi 
iuvenum corpora esse, donec ipse quoque longinquo morbo est 

<6 implicitus. Tunc adeo fracti simul cum corpore sunt spiritus 
illi feroces, ut, qui nihil ante ratus esset minus regium quam 
sacris dedere animum, repente omnibus magnis parvisque su- 
perstitionibus obnoxius degeret religionibusque etiam populum 

7 impleret. Vulgo iam homines eum statuin rerum, qui sub Numa 
rege fuerat, requirentes, unam opem aegris corporibus relictam, 

8 si pax veniaque ab dis impetrata esset, credebant. Ipsum 
regem tradunt volventem commentarios Numae, cum ibi quaedam 
occulta sollemnia sacrifìcia Iovi Elicio facta invenisset, ope- 



*l(>., che non s'incontra mai prima di Livio. — 4. Romanis quoque : 
non solo i Sabini esaudirono il volere del nume, ma gli stessi Romani, 
per placarne Tira, gli votarono una festa solenne d'espiazione. — ab * in 
seguito, in conseguenza „, cfr. 1, 4. — novendiale sacrum. Questa festi- 
vità aveva la durata di 9 giorni e pigliò più tardi il nome di feriae, 
durante le quali era sospeso ogni lavoro manuale e non erano permesse 
che le cerimonie religiose. Il ritorno di queste feriae non era periodico 
(legitimae), ma esse erano indictae (cfr. 8, 5, 14) ogni qualvolta si veri- 
ficasse lo stesso fenomeno della pioggia di pietre, cfr. 21, 62, 6. — missa 
" perchè era stata emessa ,. — haruspicum: all'interpretazione degli 
eventi più straordinarii, com'è quello che qui si descrive, i quali ecce- 
devano la competenza degli auguri e dei pontefici, si solevano adibire 
comunemente gli aruspici etruschi, cfr. 55, 6; 56, 5. — sollemne 'l'uso, 
la consuetudine „, cfr. 2, 14, 1. — quandoque = quandocumque, cfr. 29, 
10, 5. — 6. haud ita, per non ita che è l'espressione comunemente usata 
da Cic. e per ben 16 volte anche da Livio. — pestilentia " epidemia „. 
Si noti che il sost. pestis non è adoperato nel lat. classico, se non nel 
significato metaforico di " rovina, elemento corrompitore „. — pigritia 
* poca voglia, contraria disposizione „, cfr. 5, 48, 3 pigritia singuìos se- 
peliendi. — salubriora, cfr. 41, 5. — 6. spiritus feroces* animo audace, 
intraprendente ,. — omnibus superstitionibus * ogni maniera di super- 
stizione „. — obnoxius * soggetto, schiavo ,. — religionibus " scrupoli 
religiosi ,, sopratutto nella pratica delle cose divine, cfr. 32, 2. — 7. eum 
statum, quel pacifico stato di cose. — pax veniaque * grazia e perdono „, 
cfr. 27, 23, 4 diu non impetrata pax deum; 39, 10, 5 pacem veniamque 
precata deorum. — 8. commentarios, cfr. 20, 5. — sollemnia sacrifìcia 



AB URBE CONDITA, CAP. XXXI, 4 — 8 ; XXXII, 1 — 2 123 

ratum iis sacns se abdidisse ; sed non rite initum aut curatum 
id sacrum esse, nec solum nullam ei oblatam caelestium speciem, 
sed ira Iovis, sollicitati prava religione, fulmine ictum cum 
domo conflagrasse. Tullus magna gloria belli regnavit annos 
duos et triginta. 

XXXII. Mortuo Tulio res , ut institutum iam inde ab 1 
initio erat, ad patres redierat, hique interregem nominaverant 
Quo comitia habente, Ancum Marcium regem populus creavit; 
patres fuere auctores. Numae Pompili regis nepos, filia ortus, 
Ancus Marcius erat. Qui ut regnare coepit, et avitae gloriae 2 
memor, et quia proximum regnum, cetera egregium, ab una 



forma un concetto solo, di cui occulta è l'attributo. L'a. intende di ac- 
cennare a quelle formolo solenni, con cui si scongiurava Giove ad appa- 
rire e a manifestare il modo, come la città potesse liberarsi dai mali 
che la travagliavano, cfr. 20, 7 e, quanto alla costruzione, 57, 11. — 
operatum, da operari sacris (dat.) " attendere, por mano ad un sacrificio „, 
qui va considerato non già come un supino ma come un part. perf. col 
significato di pres., come accade non poche volte coi verbi deponenti, 
cfr. 21, 62, 6 aliis procurandis prope tota civitas operata fuit; Verg. 
Georg. 1, 339 sacra refer Cereri laetis operatus in herbis; Or. Carm. 3, 

14, 6 unico gaudens mulier marito Prodeat iusti* operata divis. L'uso del 
verbo operari in prosa non va più indietro di Livio. — curatum * com- 
piuto ,. — nullam speciem: il Dio sebbene invocato non si manifestò 
punto, e non die alcun segno della sua presenza, cfr. 55, 6. — ira, abl. 
di causa, " in seguito all'ira ,. — sollicitati prava religione, sdegnato del 
cattivo andamento del sacrifizio, che non era stato rite curatum, cfr. 2, 

15, 2 ne in vicem animi sollicitarentur. — ictum, cfr. Phn. 28, 14: 
* L. Piso primo annalium auctor est Tullum... ex Numae libris eodem 
quo illuin sacrificio Iovem caelo devocare conatum, quoniam parum rite 
quaedam fecisset, fulmine ictum „. — conflagrasse, sott. eum. 

XXXII. Anco Marzio. — 1. ab initio, allorché il trono rimase per 
la prima volta vacante. — ad patres: solo per mezzo dell'I nterrex 
potevano esser conferiti al re gli auspicia e lo imperium, cfr. 17, 8; 
22, 1. — nominaverant: l'espressione adoperata altrove è interrex ponitur 
ovvero creatur perchè il v. nominare si trova adibito propriamente per 
la nomina degli ambasciatori, del Dictator(9, 28, 2) e del Magister equitum 
(8, 33, 7), ovvero anche per la semplice scelta di un candidato (24, 8, 2). 
— creavit, cfr. 17, 9. — filia. Senza punto accennare al padre di lui 
(cfr. Cic. rep. 2, 18, 33 obscura est historia Romana, si guidem istius regis 
rnatrem habemus ignoramus patrem), la leggenda attribuisce una grande 
importanza alla sua discendenza da Numa, del quale egli si può con- 
siderare come una vera e semplice riproduzione ; e viene così ad essere 
il secondo re nominato dai Sabini, in contrapposizione ai due re scelti 
dai Bamnes. — nepos, cfr. Sen. Ep. 108, 30 de Servii maire dubitatur. 
And pater nullus; Numae nepos dicitur. Plutarco, Numa 21, riferisce 
che alcuni lo consideravano qual figlio di uno dei discendenti del pont. 
Numa Marzio, ricordato da Livio in 20, 5. — 2. cetera " in tutto il 



124 TITI LIVI, LIB. I 

parte haud satis prosperimi fuerat, aut neglectis religionibus 
aut prave cultis, longe [que] antiquissimum ratus sacra publica, 
ut ab Numa insti tuta erant, facere, omnia ea ex commentari is 
regiis pontificem in album elata proponere in publico iubet. 
Inde et civibus otii cupidis et finitimis civitatibus facta spes 
in avi mores atque insti tuta regem abiturum. Igitur Latini, 
cum quibus Tulio regnante ictum foedus erat, sustulerant ani- 
mos et, cum incursionem in agrum Romanum fecissent, repe- 
tentibus res Romanis superbe responsum reddunt, desidem 
Romanum regem inter sacella et aras acturum esse regnum 
rati. Medium erat in Anco ingenium, et Numae et Romuli 
memor; et praeterquam quod avi regno magis necessariam 



resto ,, cfr. per l'uso di quest'accusativo di relazione, affatto estraneo 
a Cic, Sali. fr. 196, 13 imperi percupidus habcbatur, celerà egregius: al- 
trove L. adopera in sua vece ad cetera, cfr. 30, 1, 4. — religionibus 
" funzioni religiose, culto „. — longe antiquissimum, essere impresa assai 
nobile e degna della maestà del popolo romano. Si noti che altrove Livio 
adopera esclusivamente la forma di comparativo nihil antiquius. — fa- 
cere, ordinare come soprintendente al culto degli dèi. — commentariis. 
In tempi più recenti correva tra le mani d'ogni pio romano una raccolta 
di sacre prescrizioni, le quali si riferivano a Romolo, a Numa ed alcune 
anche a Tulio Ostilio, e pigliavano perciò il nome di commentari» regum 
o anche di leges regiae (cfr. 6, 1, 10) ; esse passarono prima nelle mani 
dei pontefici, e quindi entrarono a far parte del tus Papirianum. — pon- 
tificem, cfr. 20, 5. — album, su di una tavola spalmata di gesso, la quale 
il pontefice soleva esporre nella sua abitazione, che era situata nel foro 
e pigliava il nome speciale di regia, cfr. 9, 46, 5 fastos circa forum in 
albo proposuit; Cic. de or. 2, 12, 52: mandabat litteris ponti fex tnaximus 
effcrebatque in album et proponebat tabulam domi: Dion. 3, 36 tà$ 7iepi 
t&v leqùv ovyyQatpàs nooti&tjxev èv àyooip &g àcpavto&fivai avvènti t$ 
%QÓv<p. — elata. Altrove L. invece di efferre adopera la frase referre 
in a., cfr. 4, 11, 4. 13, 7. 34, 6. La prima frase è data dai mscr. non 
Bolo in questo luogo di Livio, ma anche nel passo di Cic. già riferito. 
— abiturum, che egli abbandonerebbe la via battuta dal suo predeces- 
sore, per continuare le tradizioni pacifiche di Numa. — 3. foedus. 
Anche di questo trattato L. non ha fatto dianzi alcuna menzione, ma 
sembra però che egli ammetta, che si fosse concluso a tempo della di- 
struzione di Alba. — sustulerant: sembra che i popoli antichi conside- 
rassero come scaduti i trattati, quando uno dei contraenti di essi fosse 
già morto, cfr. 42, 6, 8: Dionigi 3, 49 fa espressamente tale dichiara- 
zione, a proposito della morte di Anco Marzio. — superbe: l'avv. serve 
a modificare il concetto espresso dalla frase responsum reddere, cfr. 2, 
15, 2. — acturum regnum, costruzione Liviana modellata sull'analogia 
di agere titani, aetatem. — 4. medium: l'animo di Anco non aveva 
tendenze così bellicose come quello di Romolo, e nemmeno così estre- 
mamente pacifiche come quello di Numa; ma stava di mezzo tra l'uno 



AB URBE CONDITA, CAP. XXXII, 8—6 125 

fuisse pacem credebat cum in novo tum feroci populo, etiam 
quod illi contigisset otiura sine iniuria, id se haud facile habi- 
turuni; temptari patientiam et temptatam contemni, tempo- 
raque esse Tulio regi aptiora quam Numae. Ut tamen, quoniam 5 
Numa in pace religiones instituisset, a se bellicae caerimoniae 
proderentur, nec gererentur solum sed etiam indicerentur bella 
aliquo ritu, ius ab antiqua gente Aequiculis, quod nunc fetiales 
habent, descripsit, quo res repetuntur. „ 
Legatus ubi ad fines eorum venit, uÉde res repetuntur, capite 6 

e l'altro, cfr. 2, 27, 3 medium se gerendo. — cum in novo t. f. = in 
populo cum novo tum feroci. Anco Marzio giudicava che il manteni- 
mento della pace fosse stato assai più necessario per Numa di quel che 
non fosse per sé, perchè quegli aveva dovuto attendere a mitigare le 
tendenze troppo bellicose di un popolo, ancor giovane e nuovo alle con- 
suetudini della vita civile; e pensava inoltre che a Numa era toccata la 
singoiar ventura di poter vivere in pace per così lungo spazio di tempo, 
senza soffrire ingiurie da chicchessia. — id, cioè otìum sine iniuria. — 
habiiurum, sott. credebat. — tetnptari, al pari di habiturum e di con- 
tenni, dipende da credebat sottinteso, o meglio da un verbo che abbia 
il significato generico di pensare, existimabat, putabat. — temporaque: 
egli si accorse ben presto che i tempi, in cui era costretto a vivere, 
richiedevano piuttosto un Tulio anziché un Numa. — 5. tamen: 

poiché i tempi non gli permettevano un governt) pacifico pari a quello 
di Numa, egli volle, almeno in questo, seguire l'esempio dell'avo, nello 
stabilire le cerimonie religiose, che dovessero praticarsi in tempo di 
guerra, al modo stesso, che Numa aveva stabilite le cerimonie religiose, 
che dovevano aver luogo in tempo di pace. — proderentur * fossero 
istituite ,, cfr. 11, 7. — aliquo ritu appartiene esclusivamente a indi- 
cerentur. — ius quo res repetuntur, la cerimonia per mezzo di cui si 
domandava la riparazione dei danni sofferti (clarigatio), cfr. Cic. off. 1, 
11, 36 ac belli quidem aequitas sancti esime fetiali populi R. iure ptrscripta 
est. Ex quo intellegi potest, nullum bellum esse iustum, nisi quod aut rebus 
repetitis geratur aut denuntiatum ante sit et indictutn. Livio qui attinge 
forse ad una tradizione, affatto diversa da quella che egli ha seguita 
in 24, 4, dove si parla dell'istituzione dei Feziali come già esistente a 
tempo di Tulio. Per conciliare insieme le due opposte tradizioni, egli 
attribuisce ad Anco Marzio soltanto la redazione scritta del ius fetiale. 
— Aequiculi o Acquicoli, un ramo degli Equi, di quella popolazione 
cioè che essendo dedita alle rapine ed alle lotte diede non poco a fare 
ai Romani, abitavano nel territorio dei Sabini, nella regione che da essi 
piglia anch'oggi il nome di Cicolana (Aequiculanum). Sebbene il loro 
nome di Aequi-culi sia formato probabilmente sull'analogia di Siculi Sa- 
tieuli ecc., pure sembra che gli antichi, nell'attribuire ad essi l'origine 
del diritto Feziale, li considerassero senz'altro come il popolo qui 
aequom colnnt, cfr. C. I. L. I, p. 564 Erresius rex Aequeicolus; is 
preimus ius fetiale paravit; inde P. R. discipleinam excepit. — nune 
* anch'ora ,. — 6. legatus = pater patratus, nuntius pop. Rom. — ad 
fines, cfr. Dion. 2. 72 émoxàs rols óolotc. — res repetere « tà ótxata 



126 TITI LIVI, LIB. I 

velato filo — lanae velamen est — « audi, Iuppiter » inquit; 
« audite fines » — cuiuscumque gentis sunt, nominat — ; 

7 « audiat fas : ego sum publicus nuntius populi Romani ; iuste 
pieque legatus venio verbisque meis fides sit ». Peragit deinde 
postulata. Inde Iovem testem facit: « si ego iniuste impieque 
illos liomines illasque res dedier mini exposco, tum patriae 

8 compotem me numquam siris esse ». Haec, cura fines supra- 
scandit, haec, quicumque ei primus vir obvius fuerit, haec 
portam ingrediens, haec forum ingressus paucis verbis carminis 

9 concipiendique iuris iurandi mutatis peragit. Si non deduntur, 
quos exposcit, diebus tribus et triginta — tot enim sollemnes 

40 sunt — peractis bellum ita indicit: « audi, Iuppiter, et tu, lane 
Quirine, dique omnes caelestes, vosque terrestres, vosque inferni, 

altelv " dimandare la riparazione dei danni sofferti e la cessione dei 
colpevoli ,. — filo, un filo di lana o pure una benda legata attorno al 
berretto {apex), che portavano sul capo i sacerdoti. — velamen dn. elQ. f 
cfr. Verg. Gè. 3, 313: altrove Livio adopera in sua vece velamentum. — 
Iuppiter: si invocavano gli dèi, perchè pigliassero parte ai fatti e cono- 
scessero chi era il colpevole, cfr. 24, 8. — inquit precede comunemente, 
anche in Livio, al nome della persona cui un discorso è diretto, cfr. 28, 9. 
— audiat: il cong. si sostituisce all'i cnp. soltanto per mutare l'espres- 
sione, cfr. 8, 5, 8 audite iu3 fasque. — fas * la giustizia divina , qui 
personificata. — iuste * in conformità del diritto umano T , pie " in conf. 
d. d. divino „, cfr. 22, 4. — fides, cfr. 16, 8. — peragit, cfr. 18, 10. — 

7. iniuste impie ' contro il diritto umano e divino ,, cioè consciamente 
violandoli. — illos ... illas, nominati cioè nei postulata. — dedier = dedL 
Si noti quest'antica forma, non adoperata altrove da Livio, e accanto 
ad essa il velamen del § 6 e il suprascandit del § 8 (cfr. superscandens 7, 
86, 2): tutte queste espressioni arcaiche si trovavano forse nella formola 
antica, che a Livio era ancor dato di consultare. — p. eompotetn: chi 
giurava coscientemente il falso era impedito dal pigliar più parte ai 
publica sacra, e quindi costretto ad andar lungi dalla patria. — «ri* = 
siveris, forma arcaica usata nelle preghiere, cfr. sirit 28, 28, 11. — 

8. quicumque vir = viro quicumque ei pr. ob., cfr. 6, 4. — fuerit. Si noti 
questo cong. assai raro in unione di quicumque: il Weissenborn propone 
di mutarlo in fuit. — carminis, cfr. 26, 6. — concipiendique: il giura- 
mento veniva dato, allora come sempre, con una formola solenne e già 
prestabilita, donde ebbe origine la frase conceptis verbis iurare, cfr. 43, 
16, 15; Verg. 12, 13 concipe foedus; Cic. ad Qu. fr. 2, 15 vadimonium 
concipere. — 9. quos, cioè i colpevoli. — sollemnes " di rito ,: e 
questo il termine prestabilito dal ius fetiale, per dar principio alle osti- 
lità: altrove questo termine è ristretto a 30 giorni, cfr. Dion. 8, 37. — 
indicit, cfr. § 13. — IO. Ianus aveva il soprannome di Quirinus, come 
afferma Macr. 1, 9, 16 quasi bellorum potens ab basta, quam Sabini 
cumn vocant. — caelestes. Gli dèi si dividevano comunemente in superi 
et inferi (cfr. 24, 38, 8 superi infernique di), e solo qui e in qualche 
altro luogo è aggiunta la terza categoria dei terrestres o medii. Quando 



AB TTBBE CONDITA, GAP. XXXII, 7—11 127 

audite: ego vos testor, populum illum » — quicumque est, 
nominat — «e iniustum esse neque ius persolvere. Sed de istis 
rebus in patria maiores natu consulemus, quo pacto ius nostrum 
adipiscamur ». Gum his nuntius Romam ad consulendum redit. li 
Confestim rex his ferme verbis patres consulebat : « quarum 
rerum, litium, causarum condixit pater patratus populi Romani 
Quiritium patri patrato Priscorum Latinorum hominibusque 
Priscis Latinis, quas res nec dederunt nec solverunt nec fecerunt, 
quas res dari solvi fieri oportuit, die » inquit ei, quem primum 



gli dèi non si potevano invocare tutti quanti uno per uno, ri ricorreva 
all'espediente di invocarli per classe, confuse, generaliter invocare deos. 
— maiores natu = seniores, senatores, patres o consilium regis. — con- 
sulemus. Era propriamente il re che interrogava il parere del senato 
e ne provocava una deliberazione, cfr. § 11. Come di qui apparisce chia- 
ramente, il pater patratus apparteneva anch' egli al numero dei senatori, 
cfr. Dion. 2, 72 in %iav àptonov otntov. — cum his " con questa dichia- 
razione ,, cioè dopo di aver pronunziate queste parole, cfr. Dion. 2, 72* 
àntiei joaovjo póvov slnòv fai fiovAetioezat neql aiv&v 4] 'Pùtpaianr 
nóXis. — consulendum " a domandar consiglio a , si trova adoperato cosi 
assolutamente anche in 37, 6 e 21, 16, 2. — 11. patres consulebat. 

Abbiamo qui una descrizione del modo come funzionava il senato a 
tempo dei re: esso era costituito dei maiores natu o patres, i quali ve- 
nivano interrogati dal re uno per uno secondo un ordine prestabilito,, 
così come a tempo della repubblica furono interrogati dai consoli. — 
quarum condixit. Si noti l'omissione del dimostrativo de iis (rebus) dopo 
censes, e si consideri che il gen. in dipendenza da condixit & adoperato- 
in quest'antica formola sull'analogia di capitis ... pecuniae ... perduellioni^ 
iudicare alicui 26, 3, 9, cfr. Gaio 4, 21 ego Ubi sestertium X milium iw 
dicato manum inicio. — rerum " le cose rubate „, cfr. res repetere. — 
litium * oggetto di litigio e contesa „, cfr. 3, 72, 2. — causarum com- 
prende l'indicazione di tutti i vantaggi, che il popolo ritraeva dalle cose 
rubate, cfr. Dig. 50, 16, 246. Il Novak sostituisce invece causa a cau- 
sarum, dando così alla frase un costrutto più regolare, ma forse meno- 
arcaico. — condixit, cfr. Paul. Diac. p. 64 eondicere est dicendo denuntiare, 
cioè fissare il termine dentro il quale le cose rubate possono essere 
restituite. — pater patratus, qual rappresentante dei diritti e delle la- 
gnanze del popolo Romano. — Priscorum Latinorum, cfr. n. 3, 7 e PauU 
Diac. p. 226 Prisci Latini proprie appellati sunt hi qui priusquam con- 
deretur Soma fuerunt... Priscus Tarquinius est dictus quia prius fuit quam 
Superbus Tarquinius. — hominibus : si trova aggiunta tanto qui che nel 
§ 13 questa indicazione così generica, per contrapporre al pater patratus 
tutti i Latini singolarmente presi. — dederunt etc. Nella condictio o bì 
domandava la restituzione della cosa rubata (dare = reddere); o pur 
l'equivalente in danaro di essa (solvere), ovvero anche il risarcimento 
dei danni sofferti col ridurre le cose al loro pristino stato (facere) r 
cfr. Gaio 4, 5 actiones, quibus dari -fieri oportere intendimus, condictiones 
appellantur. — fieri. Nei mscr. si nota una inversione, che contraddice 



128 TITI LIVI, LIB. I 

12 sententiara rogabat, « quid censes ? » Tura ille : « puro pioque 
duello quaerendas censeo itaque consentio consciscoque ». Inde 
ordine alii rogabantur; quandoque pars maior eorum, qui ade- 
rant, in eandein sententiam ibat, bellura erat consensum. Fieri 
solitum, ut fetialis hastam ferratam aut sanguineam praeustam 
ad fines eorum ferret, et non minus tribus puberibus praesen- 

i3 tibus diceret: « quod populi Priscorum Latinorum hominesque 
Prisci Latini adversus populum Romanum Quiritium fecerunt 
deliquerunt, quod populus Romanus Quiritium bellum cum 
Priscis Latinis iussit esse senatusque populi Romani Quiritium 
censuit, consensit, conscivit, ut bellum cum Priscis Latinis fieret, 
ob eam rem ego populusque Romanus populis Priscorum Lati- 
norum hominibusque Priscis Latinis bellum indico facioque ». 

14 id ubi dixisset, hastam in fines eorum emittebat. Hoc tum modo 



alla forinola precedente, fieri è anteposto a solvi. — quid censes è usato 
indipendentemente da die, alla maniera dei poeti comici. Con questa 
formola, o pure con l'altra quid fieri placet, il presidente del senato in- 
vitava i singoli senatori a pronunziare il loro parere sull'affare in 
questione. — 12. puro, cioè non macchiato di ingiustizia, cfr. § 6 

iustum. — pio, in quanto era stato già innanzi intimato con tutte le ce- 
rimonie religiose di rito. — duello, cfr. 26, 6. — quaerendas * si doves- 
sero ottenere ,. — itaque = et ita, perchè consentio e conscisco formano 
un concetto solo con censeo, cfr. 4, 8 e 8, 6, 8 consensit et senatm belluìni 
10, 18, 2 Tusci consciverant bellum, — ibat, o anche pedibus ibat (9,8, 13), 
è la frase che si adopera comunemente a riguardo delle deliberazioni 
del senato, le quali erano prese per discessi onem, cioè coll'occupare che 
facevano i senatori i due punti opposti dell'aula delle loro riunioni, se- 
condo la diversa sentenza da essi abbracciata, cfr. 3, 41, 1. — consensum, 
cfr. 8, 6, 8 consentire bellum e 24, 37. 11 consenso dontio est. Cicerone 
non congiunge con consentire altro che Tace, neutro del pronome, cfr. de 
fin. 5, 35. — fieri: questa osservazione generale serve come d'introduzione 
al racconto che segue. — sanguineam praeustam. Questa lancia, dovendo 
servire come simbolo di guerra, aveva per solito la punta di ferro ov- 
vero anche l'estremità di legno, ma indurato nel fuoco, ed era poi o 
intrisa nel sangue o pur colorata in rosso, cfr. Tac. Ann. 2, 14 praeusta 
aut brevia tela, Germ. 1, 4 cruentam frameam; Amm. Marcel. 19, 2. 6 
hastam infectam sanguine ritu patrio coniecerat fetialis; Dione Casa. 71, 
73 tò 6óqv ró alpauùòég. — 13. pop. Rom.: è questo il primo luogo 
in cui si accenni a una deliberazione popolare. — indico'. L. adopera 
la pr. pers., perchè il feziale è un rappresentante del popolo, sicché la 
frase ego populusque Romanus equivale propriamente a ego prò pop. Rom. 
— facioque: col gettar lungi da sé la lancia, egli dichiarava simbolica- 
mente la guerra, cfr. 21, 53, 11. — ubi dixisset, cong. iterativo, per in- 
dicare che questa era la formola che bì ripeteva invariabilmente nelle 
singole circostanze. Quest'uso del cong. iterativo è abbastanza frequente 



AB URBE CONDITA, OAP. XXXII, 12 — 14; XXXIII, 1—4 129 

ab Latinis repetitae res ac bellum indictum, mòremque eum 
posteri acceperunt. 

XXXIII. Ancus, demandata cura sacrorum flaminibus sacer- 1 
dotibusque aliis, exercitu novo conscripto profectus Politorium, 
urbem Latinorum, vi cepit, secutusque morem regum priorum, 
qui rem Romanam auxerant hostibus in civitatem accipiendis, 
multitudinem omnem Romam traduxit. Et cum circa Palatium, 2 
sedem veterum Romanorum, Sabini Capitolium atque arcem, 
Caelium montem Albani implessent, Aventinum novae multitu- 
dini datum. Additi eodem haud ita multo post, Tellenis Fica- 
naque captis, novi cives. Politorium inde rursus bello repetitum, 3 
quod vacuum occupaverant Prisci Latini; eaque causa diru- 
endae urbis eius fuit Romanis, ne hostium semper receptacu- 
lum esset. Postremo omni bello Latino Medulliam compulso, 4 

in Livio, cfr. 2, 38, 1; 21, 42, 4. — 14. morem si riferisce a modum. 
Quest'oso durò in Roma fino all'età imperiale, colla sola differenza che 
il getto della lancia nel territorio nemico avveniva più tardi solo in 
modo simbolico, dalla eolumna bellica ciob che era in vicinanza del tempio 
di Bellona, cfr. Ov. Fast. 6, 205. 

XXXIII. — 1. demandata, s'intende per il tempo che egli fosse ri- 
masto lontano, cfr. 20, 2. — novo: sembra che Tulio avesse licenziato 
negli ultimi tempi l'esercito, cfr. 31, 5. — Politorium, località ignota 
che si trovava probabilmente tra la via Appia ed il Tevere. — morem, 
cfr. 11, 4; 30, 1. — accipiendis, in luogo di acceptis, è qui adoperato 
senza relazione col verbo principale, cfr. 19, 6. — 2. circa, " da am- 
bedue le parti ,, cioè a nord e a sud, cfr. 4, 6. — veterum, cioè dei 
Bamnes, cfr. 13, 8. — Capitolium atque arcem. Dopo la costruzione del 
tempio Capitolino, l'altura su cui questo sorgeva ebbe comunemente il 
nome di Capitolium, mentre l'altura che le stava di fronte si chiamò 
arx, cfr. 18, 6; 2, 7, 10. Sebbene i Sabini, che erano pur stati vinti dai 
Romani, seguitassero ad occupare il colle Capitolino (cfr. 55, 2), sembra 
d'altra parte che il loro centro sacro, e fors'anco la loro sede principale, si 
trovasse altrove, cioè sul quirinale (cfr. 9, 9; 44, 3); perchè il Capitolino 
fa come il santuario e la cittadella cornane delle due razze. — Caelium. 
Alla terza tribù dei Laceri si fanno in questo luogo corrispondere gli 
Albani, cfr. 13, 8, e 30, 1. — Aventinum ricorre frequentemente in Livio 
(cfr. § 5 e 3, 67, 11) aocanto alla forma mona Aventinus adoperata dagli altri 
scrittori, così come di fronte a Palatium si trova mons Palatinus, a Ca- 
pitolium mone Capitolinus, a Ianiculum mona Ianiculus. — datum: una 
parte di esso rimase ancora per lungo tempo quale ager publicus, e fu 
poi attribuita alla plebe dalla lex lcilia, cfr. 8, 31, 1. — eodem, cfr. 10, 
1 e 34, 4. — Tellenae o Tellena al sud di Roma : la città vien ricordata 
da Dionigi 5, 61, come appartenente alla lega latina, ma dovè essere di- 
strutta, assieme a Politorium, assai di buon'ora dai Romani. — Ficana 
sulla via Ostiense ad 11 miglia da Roma. — 3. vacuum, s'intende daà 
Romani che l'avevano anteriormente occupato. — hostium receptaculum 
* rifugio ,. — 4. omni b. Latino: Livio qui inculca, che Roma intra- 

E. Cocchia, Tito Livio, I, 8" edix. 



130 TITI LIVI, LIB. I 

aliquamdiu ibi Marte incerto varia Victoria pugnatimi est: 
nam et urbs tuta munitionibus praesidioque firmata valido erat, 
et castris in aperto positis aliquotiens exercitus Latinus com- 

5 minus cum Romanis signa contulerat. Ad ultimum omnibus 
copiis conisus Ancus acie primum vincit; inde ingenti praeda 
potens Romam redit, tum quoque multis milibus Latinorum in 
civitatem acceptis, quibus, ut iungeretur Palatio Aventinum, 

6 ad Murciae datae sedes. Ianiculum quoque adiectum, non inopia 



prese una guerra contro tutti i Latini riuniti, cfr. 2, 16, 8 omne Au- 
runcum bellum Pometiam compulsum est. — compulso: la frase qui ado- 
perata da Livio è pari all'altra contrahere bellum, che ricorre in 5, 37, 3. 
— Medulliam, colonia Albana nel territorio dei Sabini, a nord-est di 
Roma, tra il Tevere e l'Aniene, cfr. 38, 4. — Marte incerto o ancipiti 
(cfr. 7, 29, 2) pugnare significa propriamente non conoscere l'esito defi- 
nitivo della battaglia, perchè la vittoria durante il combattimento in- 
clinò ora da una parte e ora dall'altra {varia Victoria), senza rimanere 
definitivamente a nessuno dei contendenti. La frase contraria pari (36, 
44, 7), communi, aequo (cfr. 40, 14) o aequato Marte (25, 1) pugnare si- 
gnifica invece che durante il combattimento, quali che ai fossero gli 
aiuti prestati ai combattenti dalla fortuna, la vittoria non inclinò mai 
verso nessuna delle due parti, e che entrambe tennero il campo senza 
cedere al nemico, cfr. 21, 1, 2 adeo varia fortuna belli ancepsque Mars 
fuit; 2, 6, 10 ibi varia fortuna et velut aequo Marte pugnatum est; 42, 
14, 4 Martem communem esse et eventum incertum belli; 2, 51, 2 adeo id 
bellum ipsis institit moenibus, ut primo pugnatum sit ad Spei aequo Marte, 
iterum ad portam Collinam: ibi quamquam parvo momento superior Ro- 
mana res fuit, meliorem tamen militem, recepto pristino animo, in futura 
proelia.id certamen fecit. — castris positis, s'intende dai Latini. — 6. ad 
ultimum = ad extremum ' alla fine ,, cfr. 53, 10; 54, 2. — acie * in campo 
aperto ,. — inde redit. Livio qui omette, forse intenzionalmente, di dire 
che la città di Medullia fu occupata da Anco Marzio, perchè sa di dover 
riferire più tardi (cfr. 38, 4) il nome di Medullia tra le città conqui- 
state da Tarquinio Prisco. Per isfuggire quindi alla contradizione, la 
quale certo metteva capo alle tradizioni diverse che correvano intorno- 
alla storia primitiva di Roma, egli credè utile di attenuare alquanto la 
vittoria di Anco Marzio, e di ammettere che questi, invece di distrug- 
gere la città, la depredasse trasportandone una parte degli abitanti a 
Roma. — praeda potens, espressione poetica e rara, cfr. 34, 1 divitiis 
potens; Ov. Met. 6, 426 opibus potens. — ad Murciae, sott. aram o sa- 
cellum. L'altare della Venere Murcia si trovava nella piccola vallata tra 
il Palatino e l'Aventino, dove sorse più tardi il Circo Massimo. Il nome 
di questa dea, che si trova più tardi confuso con quello di Murtea (" la 
dea del mirto ,), deriva probabilmente dal nome della valle o pur da 
quello dell'Aventino, chiamato Murcus anch'esso da Servio ad Aen. 8, 636 : 
ed è forse connesso colla radice del v. marceo e con murcidus (il Preller 
lo connette con mulcere e con Mulciber), cfr. Varr. 1. 1. 5, 154 intumus 
circus ad Murcim vocatur ... ibi sacellum etiam nunc Murteae Veneris ; 
Tertull. de spectac. 8 Mur ciani enim deam amori» volunt, cui in illa parte 



AB UBBB CONDITA, OAP. XXXIII, 5 — 9 131 

loci, sed ne quando ea arx hostium esset. Id non muro solum, 
sed etiam ob commoditatem itineris ponte Sublicio, tum pri- 
mum in Tiberi facto, coniungi urbi placuit. Quiritium quoque 7 
fossa, haud parvum munimentum a planioribus aditu locis, Anci 
regis opus est. Ingenti incremento rebus auctis, cum in tanta 8 
multitudine hominum, discrimine recte an perperam facti con- 
fuso, facinora clandestina fierent, career ad terrorem incre- 
scentis audaciae media urbe imminens foro aedificatur. Nec urbs 9 
tantum hoc rege crevit, sed etiam ager finesque: silva Mesia 

aedem vovere; Aug. Civ. D. 4, 16 deam Murciam quae praeter tnodutn non 
moveret ac faceret hominem, ut ait Pomponius, murcidum i. e. nimis desi- 
diosum et inactuosum. — 6. Ianiculum, posto sulla destra sponda del 
Tevere, poteva servire quale baluardo contro gli Etruschi. — ea arx 
" quella posizione così vantaggiosa ,. — muro. Il Gianicolo fu anch'esso 
circondato da un muro di cinta o di fortificazione, come il resto della 

città, cfr. Dion. 3, 45 ixel%ioe xò xaÀoijfisvov 'IavtxoÀov xai tpoovoàv 

Ixavfjv èv aix$ xaxécrxrjoev. Forse il muro, che circondava il Gianicolo, 
scendeva fino al fiume e andava così ad incontrar le mura della città, 
che cominciavano sulla sponda opposta. — ponte sublicio, così detto da 
sublicae * pali di legno „ (cfr. Gloss. Lab.: subliees xaxanijyes ol èv no- 
vapois xìp> yétpvgav Ifnopaoxàgovxes), fu per lungo tempo il solo ponte 
che esistesse in Roma, e fu costruito in un punto — che non ancora 
riesce di determinare — con solo legno e senza far punto uso del ferro : 
rifatto più volte non perde mai l'antico e sacro carattere, di non essere 
toccato dal ferro, cfr. Dion. 3, 45 e Ov. Fast. 5, 622 tum quoque pri- 
scorum virgo simulacro virorum Mittere roboréo scirpea ponte solet. — 

7. Quiritium f.: era questa un'opera di protezione per la parte della 
città posta tra il Celio e l'Aventino, la quale trovandosi in piano era 
più facilmente esposta agli assalti dei nemici (a planioribus aditu locis). 
— a " da parte „, cfr. 40, 22, 12 a campestri aditu castra posuit. — 

8. discrimine confuso: a causa del numero non si poteva discernere chi 
facesse bene e chi facesse male, cfr. 5, 40, 10 salvo etiamtum discrimine 
hutnanarum divinarumque rerum. — facti = quae recte quaeque perperam 
facta essent. — career. A piedi del colle Capitolino vi era una sorgente 
d'acqua sotterranea, ehe, ricoperta di doppia vOlta, die origine al car- 
cere variamente chiamato col nome di Mamertino o pure di TuUianum 
(ed anche robur per le sue pareti coperte di rovere, cfr. Tac. Ann. 4, 29, 
Sali. Cat. 55). La parte inferiore di questa carcere si può osservare 
anch'oggi al di sotto della chiesa di San Pietro in vinculis; la parte 
superiore serviva come luogo di detenzione pei condannati ed anche 
come locus supplicii, cfr. Varr. 1. 1. 5, 32 in hoc carcere pars quae sub 
terra TuUianum, ideo quod additum a Tullio rege; Festo, p. 356 e Liv. 34, 
44, 8. — ad terrorem, sott. inferendujn e cfr. 22, 13, 9 ad reliquorum 
terrorem. Il carcere serviva, più che come luogo di punizione, come causa 
di terrore, cfr. Cic. in Cat. 2, 27 carcerem vindicem nefariorum ac ma- 
nifestorum scelerum maiores nostri esse voluerunt. — 9. silvà Mesia, 
quella parte della collina che fiancheggiava la sponda destra del Tevere, 
ad occidente di Roma, ed era ricoperta di boscaglia. Il possesso di essa 



132 TITI LIVI, LIB. I 

Veientibus adempta, usque ad mare imperium prolatum, et in 
ore Tiberis Ostia urbs condita, salinae circa factae ; egregieque 
rebus bello gestis aedis Iovis Feretrii amplificata. 

1 XXXIV. Anco regnante Lucumo, vir impiger ac divitiis 
potens, Romam commigravit cupidine maxime ac spe magni 
honoris, cuius adipiscendi Tarquiniis — nam ibi quoque pere- 

2, grina stirpe oriundus erat — facultas non fnerat. Demarati 
Corinthii filius erat, qui ob seditiones domo profugus cum Tar- 
quiniis forte consedisset, uxore ibi ducta duos filios genuit. 
Nomina his Lucumo atque Arruns fuerunt. Lucumo superfuit 
patri honorum omnium heres, Arruns prior quam pater moritur 

3 uxore gravida relieta. Nec diu manet superstes filio pater; qui 
cum, ignorans nurum ventrem ferre, immemor in testando nepotis 
decessisset, puero post avi mortem in nullam sortem honorum 

assicurò ai Romani il dominio sul corso inferiore del fiume e sullo sbocco 
di esso nel mare, cfr. Dion. 3, 41. — Ostia. A sinistra della foce del 
Tevere si trovava l'unico porto di Roma e la sola colonia romana, che 
non fosse andata a stabilirsi in una città di già conquistata. Colla fon- 
dazione di Ostia e colla fortificazione del Gianicolo e dell'Aventino, 
Roma si assicurò il possesso del corso inferiore del Tevere, cfr. Cic. de 
rep. 2, 18, 33 od ostium Tiberis urbem condidit colonisque firmavit, e Festo 
Ostiam urbem ad exitum Tiberis in mare fluentis Ancus Marcius rex con- 
didisse et femineo appellasse voeabulo fertur. — salinae: furon questi dei 
piccoli seni sull'una e sull'altra sponda del Tevere, dove l'acqua del 
mare disseccandosi lasciava depositi di sale, cfr. 5, 45, 8. — aedis: è 
questa la forma più comunemente usata da Livio al nona., cfr. 2, 21, 2 
e 10, 6. 

XXXIV. Tarquinio Prisco. — 1. Lucumo, sebbene da Livio e 
dagli scrittori Romani sia considerato come nome proprio, pure in realtà 
esso era nicnt'altro che il titolo speciale della classe guerriera e pa- 
trizia che dominava neli'Etruria, corrispondente all'etr. Lauchme = 
princeps, cfr. 5, 83, 8. — cupidine : Livio adopera ben spesso, per espri- 
mere la causa impellente, il semplice abl., senza farlo precedere da per- 
motus o da altri part. simili, cfr. 15, 4; 26, 12; 47, 11. — Tarquiniis, 
una delle 12 città della confederazione etnisca, cfr. 8, 8. — peregrina 
" forestiera ,, cfr. 85, 3; 41, 3. — 2. Demarati. Egli discendeva dalla 
regia stirpe Corinzia dei Bacchiadi, la quale fu scacciata, in seguito ad 
una rivoluzione (ob seditiones), dal tiranno Cipselo nella 30* Olimpiade 
= 660 o 658 av. Cr. A Demarato 6Ì collega la leggenda dell'influenza 
greca sull'Etruria, e per mezzo di questa anche su Roma, cfr. Ciò. de 
rep. 2, 34 influxit enim non tenuìs quidam e Graecia rivulus in hane 
urbem, sed abundantissimus amnis illarum disciplinarum et artium. — 
domo prof. ■= ex d. prof., cfr. ex regno profugus 34, 62, 10. — Lucumo 
a. Arruns, ofr. 46, 4. — relieta " lasciando „, cfr. 33, 9 e 21. 1. — 
3. manet superstes forma un concetto solo e si costruisce col dativo, 
cfr. 27, 49, 4. — in nullam sortem * senza avere alcun diritto all'ere- 
dità ,, cfr. 26, 16, 11 in nullam spem reditus e Tac. Ann. 1, 8. Soltanto 



AB UEBB CONDITA, CAP. XXXIV, 1 — 7 138 

nato ab inopia Egerio inditum nomen. Lucumòni contra omnium 4 
heredi honorum cum divitiae iam animos facerent, auxit ducta 
in matrimonium Tanaquil summo loco nata, et quae haud fa- 
cile iis, in quibus nata erat, humiliora sineret ea, quo innup- 
sisset. Spernentibus Etruscis Lucumonem exsule advena ortum, 5 
ferro indignitatem non potuit oblitaque ingenitae erga patriam 
caritatis, dummodo virum honoratum videret, consilium migrandi 
ab Tarquiniis cepit. Roma est ad id potissimum visa: in novo 6 
populo, ubi omnis repentina atque ex virtute nobilitas sit, fu- 
turum locum forti ac strenuo viro; regnasse Tatium Sabinum, 
arcessitum in regnum Numam a Curibus, et Ancum Sabina 
matre ortum nobilemque una imagine Numae esse. Facile per- 7 



più tardi, i figli nati dopo la morte del padre ebbero diritto all'eredità, 
anche senza essere considerati nel testamento, cfr. Hip. 22, 19 postumi 
testamentutn rumpunt. — ab inopia: è questa una costruzione allatto spe- 
ciale di Livio, formata sull'analogia di ducere nomen ab, cfr. 1, 10; 50, 3; 
Sall. Iug. 78, 1 Syrtis quibus nomen ex re inditum. — 4. animos ' su- 
perbia, alto sentimento di sé stesso ,, cfr. 2, 12, 10. — auxit, sott. animos. 
Si noti ohe il soggetto di auxit non è già Tanaquil, ma Tanaquil ducta 
in matrim. cioè il matrimonio con Tanaquilla ,, cfr. 14, 9; 23, 7; 59, 
10; 2, 10, 10; 3, 50, 3 strictum etiam telum respersusque ipse cruore tota 
in se castra convertii. — et quae serve a mettere in mostra il carattere 
e la personale influenza di Tanaquilla: si confronti, quanto al mutamento 
di costruzione, n. praef. 11. — Tanaquil, etr. Tanchvil, confusa in Roma 
coll'ideale della buona massaia, Gaia CaecUia. — iis, cioè * le condizioni 
di famiglia ,, costr. et quae haud sineret ea, quo innupsisset, humiliora esse 
iis in quibus nata erat. — quo = in quae, cfr. 9, 10 eo; 33, 2 eodem; 
Plaut. Aul. 3, 5, 15 quo illae nubent divites. — 5. spernentibus: gli 

Etruschi, gelosi delle prerogative della loro casta, non ammettevano in 
essa alcun forestiero. — exsule advena, cfr. 35, 34, 9 exsulem hospitem. 
— indignitatem * avvilimento, indegno trattamento, bassa condizione ,, 
cfr. 6, 45, 6. — ingenita: Tanaquilla, come di qui si scorge, era nativa 
d'Etruria. — 6. potissimum = praeter ceteras urbes : alcuni leggono 
in questa vece potissima e l'accordano con visa; meglio, in tal caso, riu- 
scirebbe Yaptissima proposto dall'Heumann. — visa est *=placuit * parve 
più acconcia a poter raggiungere questo scopo ,. — repentina " d'origine 
recente , ; con repentina nobilitas Cicerone, Phil. 2, 27, traduce la voce 
greca veónÀovtog. — ex virtute * fondata soltanto sul merito ,, non già 
sulla nascita, cfr. Sali. Iug. 85, 17. — futurum dipende da reputabat, 
che fa d'uopo sottintendere da visa est. — forti ac strenuo " animoso ed 
energico „ : è questa propriamente una designazione del vir vere Ro' 
manus e corrisponde all'espressione comunemente usata da Cic. bonus 
et f ortis pure alla frase greca xaÀòg nàya&ós. — et Ancum "anche 
l'ultimo re Anco ,. — Sabina matre: ciò era tanto più degno di nota, 
in quanto la discendenza materna fu la sola che gli assicurasse il trono. 
Quanto all'omissione della prep., il cui uso è invece comune nella prosa 
classica col nome materno, cfr. 32, 1. — nobtiem imagine: la nobiltà e 



134 TITI LIVI, LIB. I 

suadet ut cupido honorum, et cui Tarquinii materna tantum 
patria esset. 

Sublatis itaque rebus amigrant Romam. Ad Ianiculum forte 

8 ventum erat. Ibi ei carpento sedenti cum uxore aquila suspensis 
demissa leniter alis pilleum aufert superque carpentum cum 
magno clangore volitans rursus, velut ministerio divinitus missa, 

9 capiti apte reponit; inde sublimis abit. Accepisse id augurium 
laeta dicitur Tanaquil, perita, ut vulgo Etrusci, caelestium pro- 
digiorum mulier. Excelsa et alta sperare complexa virum iubet: 
eam alitem, ea regione caeli et eius dei nuntiam venisse, circa 
summum culmen hominis auspicium fecisse, levasse humano 



il ius imaginum si trovano assai spesso collegati insieme, anzi quest'ultimo 
dipende dalla prima, cfr. Sali. Iug. 85, 25. — una itnagine. Come più 
tardi i plebei conseguivano la nobiltà, se uno dei membri delia loro 
famiglia riuscisse ad ottenere un ufficio curale, e allora l'immagine di 
questo passava per la prima a pigliar posto nell'atrio domestico, così a 
un dipresso qui si racconta di Numa- Anco non ha nessuna immagine £ è 
del padre ne dei suoi predecessori, ma solamente una dell'avo materno. 

— 7. persuadete sott. ei o Lucutnoni. — ut cupido = ut qui cupidus esset. 

— materna " soltanto per parte di madre ,. — amigrant, àn. bìq. for- 
mato sull'analogia di avólare: altrove si legge demigrant. — 8. ei = 
Lucutnoni, cfr. 12, 9. — carpento. Livio adopera frequentemente il sem- 
plice ablativo per indicare lo stato, cfr. 41, 6 sede regia sed. — suspensis 
alis " colle ali dolcemente tese „, senza far punto quello schiamazzo, 
che si suol contrassegnare col nome di clangor, cfr. 5, 47, 4 clangore 
anserum; Verg. 3, 226 magnis quatiunt clangoribus alas. — demissa " di- 
scendendo „, v. riflessivo. — pilleum, un alto cappello a punta pari a 
quello che portavano i flamini, cfr. 20, 2 e Cic. de leg. 1, 4 apicem ■ — 
ministerio, dat. di scopo, * come per compiere un sacro ufficio ,. — 
sublimis abit * se ne vola in alto „, cfr. n. praef. 11 e Verg. 1, 415 
ipsa Paphum sublimis abit. — 9. augurium = omen * segno celeste ,, 
cfr. 55, 4. — excelsa et alta: questi due aggettivi servono ad indicare 
una posizione alta e privilegiata, cfr. Cic. Tusc. 2, 11 excelsum quen- 
dam et dltum. — virum appartiene ànò kowov tanto a complexa quanto 
a sperare. — eam alitem: l'aquila era evidentemente un uccello di buon 
augurio, come quella che si trovava a servizio di Giove. — ea regione : 
non tutti gli uccelli dovevano apparire nella stessa regione del cielo, 
per dimostrare il favore che gli dèi accordavano alle cose umane: 
l'aquila però era apparsa a Tarquinio Prisco proprio nella posizione la 
più favorevole, cfr. Cic. de div. 1, 39, 85 quid habet augur cur a dextra 
corvus, a sinistra cornix faciat ratum? — eius dei, cioè di Giove del 
quale l'aquila era la messaggiera. Come si sa, ogni uccello era sacro ad 
una speciale divinità, il picchio a Marte, ecc., cfr. Serv. ad Aen. 5,-517 
nulla enim avis caret consecratione, quia singulae aves numinibus sunf 
consecratae, — et subordina eius dei ad ea regione. — circa summum 
culmen h. y intorno alla parte più alta e prominente dell'uomo, cioè in- 
torno al pilleum che circonda la testa, così come fa la corona reale. — 



AB UBBB CONDITA, OAP. XXXIV, 8—12; XXXV, 1 135 

superpositum capiti decus, ut divinitus eidem redderet. Has io 
spes cogitationesque secum portantes urbem ingressi sunt, 
domicilioque ibi comparato L. Tarquinium Priscum edidere 
nomen. Romanis conspicuum eum novitas divitiaeque faciebant, il 
et ipse fortunam benigno adloquio, comitate invitandi benefi- 
ciisque, quos poterat, sibi conciliando adiuvabat, donec in re- 
giam quoque de eo fama periata est. Notitiamque eam brevi 12 
apud regem liberaliter dextereque obeundo officia in familiaris 
amicitiae adduxerat iura, ut publicis pariter ac privatis consiliis 
bello domique interesset et per omnia expertus postremo tutor 
etiam liberis regis testamento institueretur. 

XXXV. Regnavit Ancus annos quattuor et viginti, cuilibet i 
superiorum regum belli pacisque et artibus et gloria par. Iam 
filii prope puberem aetatem erant. Eo magis Tarquinius instare, 



divinitus indica la consacrazione divina, che quell'adornamento del capo 
di un semplice mortale aveva in tal modo ricevuto. — IO. domicilio com- 
parato, cfr. Cic. de rep. 2, 35 facile in civitatem receptus; Tusc. 5, 109 ibi 
suas fortuna» constituit. — Lucium Tarquinium, cfr. Cic. de rep. 2, 20, 35 
L. Tarq... sic enim suum nomen ex Etrusco nomine inflexerat. Il nome 
iMciutn ò estratto probabilmente da Lucumo, quello di Tarquinius, che 
ò di fisonomia prettamente etnisca (cfr. Tarchnas, Tarehnal, Tarchu), 
« forse connesso col luogo dove egli nacque, e Priscum è nient'altro 
ohe un soprannome, il quale gli venne per opposizione e distinzione da 
Tarquinio il Superbo. — edidere nomen gli dettero il nome, lo nomi- 
narono „ cfr. 1, 11; 46, 4. — 11. Romanis : ai Romani lo rendevano 
accetto quelle stesse qualità, che lo facevano tenere in dispregio presso i 
Tarquiniesi, l'essere cioè egli un uomo che aveva creato da sé la propria 
fortuna. — et ipse * e oltre a ciò egli stesso „. — adiuvabat fortunam 
* secondava l'opera della fortuna ,, cfr. 25, 15, 2 adiuvare eventum. — 
adloquio... comitate... benefieiis : tutti questi ablativi appartengono a con- 
ciliando, cfr. quanto a comitate invitandi 31, 5. — 12. notitiam: egli 
ottenne che quella vaga conoscenza, che forse gli aveva di già aperta 
l'entrata in corte, si mutasse in un'intima e perfetta amicizia. — libe- 
raliter obeundo officia: egli non lasciò mai occasione di dar prova aire 
del suo attaccamento e devozione, ma senza servilità. — iura, cfr. 3, 
37, 1 ius amicitiae; 24, 5, 9 in familiaria iura assuescere. — bello do- 
mique'. questa costruzione non si trova adoperata altrove, cfr. però 9, 
"26, 21 domi belloque e Cic off. 2, 5, 16 bello... domi. — per omnia * in 
-qualunque circostanza o occasione ,, cfr. 10, 39, 8 per omnia paratus. 
— expertus pass., " sperimentato ,, cfr. 86, 4. — tutor liberis, cfr. 5, 
33, 3: la forinola adoperata nei testamenti era L. Titius liberis meis 
tutor esto. 

XXXV. — 1. filii. Anco aveva forse tentato di rendere ereditaria la 
«orona nella sua famiglia, pure i figli di lui avevano nutrita questa 
speranza. Egli e certo però che alla morte del re successe anche questa 
volta l'interregno, poiché solo Yinterrex poteva riunire i comizii, di cui 



136 TITI LIVI, LIB. I 

2 ut quam primum comitia regi creando fierent; quibus indictis, 
sub tempus pueros venatuin ablegavit. Isque primus et petisse 
ambitiose regnum et orationem dicitur habuisse ad conciliandos 

3 plebis animos compositam. Cum se non rem novam petere, 
quippe qui non primus, quod quisquam indignali mirarive 
posset, sed tertius Romae peregrinus regnum adfectet; et 
Tatium non ex peregrino solum sed etiam ex hoste regem 
factum, et Numam ignarum urbis non petentem in regnum 

4 ultro accitum: se, ex quo sui potens fuerit, Romam cum con- 
iuge ac fortunis omnibus commigrasse ; maiorem partem aetatis 
eius, qua civilibus officiis fungantur homines, Romae se quam. 

5 in vetere patria vixisse ; domi militiaeque sub haud paenitendo 
magistro, ipso Anco rege, Romana se iura, Romanos ritus didi- 
cisse ; obsequio et observantia in regem cum omnibus, benigni- 

G tate erga alios cum rege ipso certasse : — haec eum haud falsa 
memorantem ingenti consensu populus Romanus regnare iussit. 



è fatta parola nel periodo seguente. La sola novità che ebbe luogo in 
questo caso fu che Tarquinio ambisse apertamente al regno, e propo- 
nesse il proprio nome innanzi ai comizii. — eo magis, per togliere cioè 
il pretesto ad ogni ambizione che essi avessero potuto avere. — 2. sub 
tempus, sott. comitiorum, poco prima del giorno in cui si dovevano te- 
nere i comizii, cfr. 25, 41, 3 sub ipsatn certaminis diem ablegatum. — 
ambitiose: Livio qui pensa sdYambitus di età più recente. — 3. cum t 
sott. diceret: riguardo a questa ellissi, alquanto dura e assai poco co- 
mune, del predicato, cfr. 48, 2 cum Me ferociter ad haec " se patrie sui 
tenere sedem... „, clamor oritur, e Cic. de nat. deor. 3, 37, 89 cum Sa- 
mothraciam venisset et et quidam amicus (sott. dixisset). Alcuni, tenendo 
conto dell'espressione insolita e dell'anacoluto che converrebbe ammet- 
tere a principio del § 6, propongono invece di considerare come spurio 
il cum e di espungerlo dal testo. — quod posset : se egli fosse il primo 
tra gli stranieri a domandare una cosa così straordinaria, allora sì che 
dovrebbero meravigliarsene. — quisquam nel senso limitativo di qui- 
spiam (che ricorre soltanto in 30, 9 e 23, 3, 10) si trova adoperato non 
poche volte da Livio, anche senza che faccia parte di proposizioni ne- 
gative, cfr. 2, 38, 9. — petentem, sott. regnum. — in regnum * ad occu- 
pare il trono „. — 4. ex quo, per ex quo tempore (Cic.) equivale al 
gr. è$ od, à<p o$. — 5. haud paenitendo " di cui non si ha ragione 
di essere scontento „. L'uso personale del verbo paenitere non è estraneo 
a Cic. (cfr. Tusc. 5, 53 e 81), ed è piuttosto frequente in Livio, cfr. 36, 
22, 3 si paenitere possint ; 40, 56, 3 neque pudendum aut paenitendum eum 
regem. — iura ... ritus, le costumanze politiche e religiose. — 6. haec 
raccoglie insieme il già detto e dà al periodo una forma affatto diversa 
da quella con cui era cominciato, cfr. 40, 5. — eum memorantem : l'ap- 
posizione di un pronome al part. nello stesso caso non è in generale 
molto frequente, ma s'incontra però in Livio in 12, 9 ; 22, 42, 8. — 
populus, il popolo raccolto nei comizii, cfr. 17, 7. — ambitio: quella 



AB TJBBB CONDITA, GAP. XXXV, 2 — 8 137 

Ergo virum cetera egregium secuta, quam in potendo habuerat, 
etiam regnantem ambitio est; nec minus regni sui nrmandi 
quam augendae rei publicae memor centum in patres legit, qui 
deinde minorum gentium sunt appellati, factio haud dubia regis, 
cuius beneficio in curiam venerant. Bellum primum cum Latinis 7 
gessit et oppidum ibi ApiSlas vi cepit, praedaque inde madore, 
quam quanta belli lama fuerat, revecta ludos opulentius instruc- 
tiusque quam priores reges fecit. Tunc primum circo, qui nunc 9 
maximus dicitur, designatus locus est. Loca divisa patribus 

stessa brama di popolarità, che lo aveva indotto a domandare il regno» 
non lo abbandonò nemmeno dopo che fu re. — regni " la signoria, il 
suo personale comando ,. — centum. In 17, 5 son ricordati da Livio 
100 senatori, nel SO, 2 si lascia intendere che il loro numero dovè es- 
sere raddoppiato in seguito alla venuta degli Albani; e, poiché qui si 
parla della nuova creazione di altri 100 senatori, cosi farebbe d'uopo 
ammettere che fin dal tempo di Tarquinio Prisco si fosse raggiunta la 
cifra normale e complessiva di 300, la quale viene per la prima volta 
ricordata da Livio in 2, 1, 2. Secondo Dion. 2, 47, il secondo centinaio 
fu aggiunto dopo che i Sabini entrarono a far parte della cittadinanza 
romana. — min. gentium: Livio ammette, d'accordo con Dionigi, che 
questa nuova infornata di senatori avesse luogo in seguito alla crea- 
zione delle nuove genti plebee {òti(AOTt%&v Dion. 3, 67) fatta da Tar- 
quinio, le quali entrarono così a far parte del patriziato, cfr. Cic. de 
rep. 2, 35 duplicava illum pristinum patrum numerum et antìquos patres 
maiorum gentium appellavi t, quos priores sententiam rogabat, a se adscitos 
minorum. — factio: esse formavano naturalmente il partito del re di 
fronte ai senatori più antichi. — 7. Latinis. I Latini sono i primi 

a romper le ostilità, perchè dopo la morte di Anco essi si ritenevano 
disciolti dal trattato di pace, che avevano stretto con quello, cfr. 32, 2. 

— ibi, nel Lazio. — Apiolas: la collocazione di questa città è ignota; 
secondo Strabone però 5, 3 essa apparteneva ai Volsci. — quanta: la 
preda fu assai inferiore a quella che si poteva aspettare dall'importanza 
attribuita in principio a questa guerra, cfr. 38, 5. — ludos : son questi 
i ludi Romani, la cui istituzione o riforma viene attribuita comune- 
mente a Tarquinio Prisco; essi si celebravano con quella parte della 
preda, che era invertita ad uso religioso, cfr. Cic. de rep. 2, 20, 36 eundem 
(Tarq.) primum ludos maximos, qui Romani dicti sunt,fedsse accepimus; 
Kin. 3, 70 auctor est Antias oppidum Latinorum Apiolas captum a L. Tar- 
quinia rege, ex cuius praeda Capitolium is incohaverit. — priores: seb- 
bene Livio non abbia ricordati innanzi che i soli ludi detti Consualia 
(cfr. 9, 6), pure egli ammette che con minor pompa sieno stati già ce- 
lebrati prima di Tarquinio i ludi Romani. — 8. designatus: il pro- 
sciugamento della valle paludosa posta tra il Palatino e l'Aventino, che 
fu invertita ad uso di circo, cominciò propriamente più tardi, cfr. 38, 6. 

— loca divisa. È questo il primo luogo dove si affermi, che in occasione 
dei ludi Romani era riserbato nel circo, fin dal periodo dei re, un posto 
appartato per i senatori e per i cavalieri. Questa notizia non contrad- 
dice punto all'altra tramandataci da Dione Cassio, il quale afferma che 



t 



138 TITI LIVI, LIB. I 

equitibusque, ubi spectacula sibi quisque facerent; fori appel- 
9 lati. Spectavere furcis duodenos ab terra spectacula alta susti- 



i senatori a tempo di Claudio e i cavalieri a tempo di Nerone (cfr. Tac. 
Ann. 15, 32; Svet. Nerv. 11; Plin. 8, 1) ebbero per la prima volta un 
posto stabile e fìsso per assistere agli spettacoli del circo (cfr. 60, 7 xal 
iàìQiov f*év nov xoi kqóxbqov èv aèzip x$ l n 71 oÓqó fi ({> 161$. xctl xazà a<pdg 
<bg ixaoroi zó ze (ìovÀevov xal zò InneHov mal ò BptAog, à<p* oÒJteQ 
zoi)z' évoulo&7] t oi> fiévzoi xal zexayfxiva ocploi %a>ola àneóéóeitezo ' àZAà 
zóxe ó KÀaódtog zi\v ze ióoav zìr\v vùp oiaav zotg fiovÀevxatg dnéxoive) • 
poiché ciò non esclude punto l'ipotesi che essi, prima di avere delle aedi 
fisse, avessero di già un posto appartato da tutti gli altri, come par 
che ammettano lo stesso Dione per l'età di Augusto (cfr. 55, 22 xal vàg 
ln7ioÒQOfilag %<ùQlg f*èv ol fìovXvzal %a>Qlg ók ol Innelg ànò zov Àoittov 
nÀtf&ovg slóov ' 8 nal vvv ylyvezat) e Giustino 43, 5, 10 per un'età an- 
teriore, quando ricorda che ai Marsigliesi, dopo che Roma fu sgombe- 
rata dai Galli, locus spedaculorum in senati* datus est. E del resto si 
può desumere, che questa consuetudine avesse già da lungo tempo vi- 
gore in Roma, anche dal fatto, che Cesare la sancì e concesse ai mu- 
nicipii dipendenti da Roma, per mezzo delle due leggi che portano il 
suo nome, la lex Julia Municipalis (cfr. C. I. L. I, p. 122, § 138 neve quis 
sorum ludeis cumve gladiatores ibei pugnabunt in loco senatorio decurionum 
conscriptorum sedeto neve spedato) e la lex coloniae genetivae (cfr. Ephem. 
Epigr. II, p. 113, § 125 quicumque locus ludis decurionibus datus adsi- 
gnatus relictusve sit, ex quo loco decuriones ludos spedare oportebit, ne 
quis... praeter eos qui supra scripti sunt sedeto, neve quis alium in ea 
loca 8essum ducito, neve sessum duci iubeto); le quali non ne avrebbero 
certamente fatto cenno, se tale separazione non avesse avuto luogo 
anche a Roma, durante gli spettacoli del circo. Né contraddice all'opi- 
nione di Livio il fatto che nei ludi scarnici, cioè nei teatri, soltanto a 
partire dall'anno 560 fu concesso ai senatori e agli inviati stranieri un 
posto appartato nell'orchestra (cfr. Liv. 34, 44, 5. 45, 3; Val. Mass. 2, 
4, 3 e Vitr. 5, 6, 2 in orchestra autetn senatorum sunt sedibus loca desi- 
gnata) ; poiché quella legge, come Valerio Massimo ci avverte, non fece 
altro che sancire, e in mal punto, una consuetudine già esistente da 
lunga mano in Roma, cfr. 4, 5, 1 a condita urbe usque ad Africanum et 
T. Longum Coss. promiscuus senatui et populo spedandorum ludorum 
locus erat: nusquam tamen quisquam ex plebe ante Patres Conscriptos in 
theatro spedare sustinuit: adeo circumspeda nostrae civitatìs verecundia 
fuit. Quae quidem certissimum sui documentum etiam ilio die exhibuit, quo 
L. Flamininus extrema in parte theatri constitit, quia a M. Catone et 
L. Fiacco censoribus senatu motus fuerat, consulatus iatn honore defundus, 
frater etiam T. Flaminii, Macedoniae Philippique vidoris. Omnes enim eum 
transire in locum dignitati suae debitum coègerunt. — spectacula indica il 
luogo di dove si assiste allo spettacolo, la tribuna degli spettatori, cfr. 45, 
1, 2; Cic. prò Mur. 34 at spectacula sunt tributim data; id. tantus est ex 
omnibus spedaculis plausus excitatus. — fori erano dei palchi a varii or- 
dini di gradini, coperti e pari a quelli che si sollevano anche oggi nelle 
nostre piazze, in occasione di qualche festa popolare. — 9. furcis etc: 
oostr. furcis sustinenttbus spedacula alta ab terra duodenos pedes : il palco 



AB UBBB CONDITA, CAP. XXXV, 9 — 10; XXXVI, 1 — 3 139 

nentibus pedes. Ludicrum fuit equi pugilesque, ex Etruria IO 
maxime acciti. Sollemnes deinde annui mansere ludi, Romani 
magnique varie appellati. Ab eodem rege et circa forum privatis 
aedifìcanda divisa sunt loca; porticus tabernaeque factae. 

XXXVI. Muro quoque lapideo circumdare urbem parabat, 1 
cum Sabinum bellum coeptis intervenit. Adeoque ea subita res 
fuit, Ut prius Aniènem transirent hostes, quam obviam ire ac 
prohibere exercitus Romanus posset. Itaque trepidatum Romae 2 
est. Et primo dubia Victoria magna utrimque caede pugnatum 
est. Roductis deinde in castra hostium copiis datoque spatio 
Romanis ad comparandum de integro bellum, Tarquinius, equi- 
tem maxime suis deesse viribus ratus, ad Ramnes Titienses 
Luceres, quas centurias Romulus scripserat, addere alias con- 
stituit, suoque insignes relinquere nomine. Id quia inaugurato 3 

dì legno era sorretto da travi congiunte assieme a forma di croce, cfr. 
56, 2. — fuit * consisteva „, cfr. 2, 40, 14. — equi, corse con cavalli o 
pure con cocchi. — ex Etruria. Poiché i ludi scaenici provennero in 
Roma dall'Etruria (cfr. 7, 2, 4), così forse Livio è stato indotto ad attri- 
buire la stessa origine anche alle corse coi cavalli, che secondo Tacito 
provennero invece da Turii, cfr. Ann. 14, 21 a Tuscis accitos histriones, 
<t Thuriis equorum certamina. Si noti però che Livio tempera la propria 
affermazione per mezzo del maxime. — ludi: questi giuochi furono ce- 
lebrati a principio soltanto in occasioni solenni, come ad es. per ren- 
dere grazia agli dèi di una vittoria riportata; più tardi però essi di- 
vennero periodici e si celebrarono ogni anno (cfr. Cic. de rep. 2, 20, 35). 
A questa stessa differenza par che accennino anche i due nomi qui ri- 
cordati da Livio di magni e Romani, di cui il primo si riferisce pro- 
priamente ai ludi votivi (cfr. 4, 27, 1; 5, 19, 6. 31, 2; 7, 11, 4. 30, 27. 
31, 9) e il secondo esclusivamente ai ludi maximi (cfr. 2, 36, 1; 6, 42. 
12; 8, 40, 2). — IO. forum, la valle posta tra il Palatino e il Qui- 
rinale, la quale si estendeva dal Velia fino ai piedi del colle Capito- 
lino; però L. qui intende di accennare propriamente a quella parte di 
essa, che era più vicina al Velia ed essendo adibita ad uso di mercato 
pigliava il nome di forum, in contrapposizione al eomitium. In questo 
luogo non poterono esser sollevati i portici e le botteghe, di cui parla 
Livio, prima che essa fosse prosciugata, cfr. 88, 6. 

XXXVI. — 1. muro lapideo: la costruzione del muro di cinta con 
pietre quadrate fu cominciata da Tarquinio e mandata a termine da 
Servio, cfr. 38, 6 e 44, 8. — coeptis sost., cfr. 6, 27, 9. — 2. alias. Livio 
qui accenna soltanto ad un aumento nel numero dei cavalieri ; ma. 
poiché raccrescimento del senato fu preceduto dal raddoppiamento delle 
tribù, così è molto probabile che da queste appunto Tarquinio traesse 
tre nuove centurie di cavalieri, affatto diverse dalle prime, cfr. Fest. p. 169 
e Dion. 8, 71. — suo nomine : non s'intende bene se queste nuove tribù 
portassero il suo nome o pur fossero semplicemente distinte dalle an- 
tiche per mezzo di un nome nuovo, che egli aveva loro imposto. — 
8. inaugurato = augurato " dopo aver presi gli augurii a . Si noti che 



140 TITI LIVI, LIB. I 

Romulus fecerat, negare Attus Navius, inclitus ea tempestate 
augur, neque mutari neque novum constitui, nisi aves addixis- 

4 sent, posse. Ex eo ira regi mota, eludensque artem, ut ferunt, 
« agedum » inquit, « divine tu, inaugura. Aerine possit, quod nunc 
ego mente concipio ». Cum ille augurio rem expertus profecto 
futuram dixisset, « atqui hoc animo agitavi » inquit, «te novacula 
cotem discissurum; cape haec et perage, quod aves tuae fieri 
posse portendunt ». Tum illum haud cunctanter discidisse cotem 

5 ferunt. Statua Atti capite velato, quo in loco res acta est, in 
comitio in gradibus ipsis ad laevam curiae fuit; cotem quoque 
eodem loco sitam fuisse memorant, ut esset ad posteros miraculi 

6 eius monumentum. Auguriis certe sacerdotioque augurum tantus 

la particella in non ha mai valore negativo in unione coi verbi e che, 
gè in 21, 63, 7 inauspicato ha assunto il significato di * senza auspicii „, 
egli è solamente perchè funge da avverbio. — Attus, prenome sabino, 
cfr. 2, 16, 4. Questo stesso racconto si legge anche in Cic. de div. 1, 
17, Val. Mass. 1, 4, 1 e Dion. 3, 70 il quale chiama l'augure Néflios. 
— mutari: poiché le tre centurie di cavalieri erano state create da 
Romolo col consenso degli dèi, non si poteva introdurre in esse alcun 
mutamento, senza prima domandare gli auspicji. — addixissent =■ ad- 
misissent, cfr. 55, 8 : addicere è il contrario di abdicere. — 4. regi, cfr. 
26, 3. — artem, sott. auguralem, cioè la disciplina degli auguri. — elu- 
de** " mettendo in dileggio ,, cfr. 48, 2; 2, 45, 6; 7, 13, 6 noe hostes 
haud secus quam feminas abditos contumeliis eludunt. — divine " o indo- 
vino del volere degli dèi ,: si noti l' ironia che ci è in questa frase e 
nell'altra aves tuae, e -si confronti Cic. de fat. 15 Chaldaeos ceterosque 
divinos. — augurio, abl. di strumento: nei codd. si legge in aug., per 
influenza forse dell'inaugura che precede. — futuram, sott. rem esse. — 
5. Si noti la maniera rapida come Livio trascorre su questo racconto. 
cunctanter: quest'avverbio s'incontra per la prima volta in Livio, cfr. 
10, 4, 8. ~ capite velato, cfrv 18, 7. — in gradibus: dal comizio si acce- 
deva alla curia per mezzo di una scala, cfr. 30, 2 ; 48, 3 ; 45, 24, 12 in 
comitio, in vestibulo curiae. — fuit. ..fuisse: essa non esisteva più a 
tempo di Livio, cfr. Plin. 34, 21. — sitam, cfr. Cic. de div. 1, 33 cotem 
Ulani et novaculam defossam in comitio supraque impositum puteal acce" 
pimus. La leggenda di Navio sorse probabilmente per una falsa con- 
nessione, che la fantasia popolare oredè di scorgere tra la statua del- 
l'augure e quel puteal sacro che si trovava nel comizio. II quale era 
nient'altro che un recinto sacro, con cui si soleva chiudere all'intorno 
il luogo dove era caduto il fulmine, cfr. Plin. 15, 20 colitur ficus arbor 
in foro ipso oc comitio nata, sacra fulguribus ibi conditis...: in usu fuit 
ut augures vel haruspices adducti de Etruria certis temporibus fulmina 
transfigurata in lapidee infra terram absconderent. — 6. certe: si noti 
il significato speciale di questo avverbio e l'antitesi che ci è tra di esso 
e ferunt. Livio vuol dire che, comunque si giudichi di quel racconto 
leggendario, pure egli è certo che, dal momento che esso trovò credito» 
l'autorità degli auguri se ne avvantaggiò grandemente, cfr. 11, 8; 12, 1. 



AB URBE CONDITA, CAP. XXXVI, 4 — 8 141 

honos accessit, ut nihil belli domique postea nisi auspicato ge- 
reretur, concilia populi, exercitus vocati, summa rerum, ubi 
aves non admisissent, dirimerentur. Neque tum Tarquinius de 
equitum centuriis quidquam mutavit; numero alterum tantum 
adiecit, ut mille et octingenti equites in tribus centuriis essent 



— sacerdotio, cfr. 18, 6. — ausp. gereretur. Mentre prima agli auguri 
si ricorreva soltanto in circostanze straordinarie o solenni e di sommo 
interesse per la salute dello stato, da quel momento in poi non si im- 
prese a fare la benché minima cosa, senza averli prima interrogati, 
cfr. 6, 41, 4 e Cic. de leg. 2, 21. — exercitus vocati. Poiché questa frase 
ai riferisce quasi sicuramente ai comitia centuriata, ai quali il popolo 
interveniva armato (exercitus urbanus), sopratutto in occasione della 
lustratio (cfr. Cic. de nat. d. 2, 3, 9 viros vocare, Varr. 1. 1. 6, 9 illicium 
vocare; Liv. 44, 2 e 39, 15, 11 cum.aut vexillo in arce posito comitiorum 
causa exercitus eductus esset); così la frase che precede: concilia populi 
comprenderà in sé tutte quante le altre riunioni popolari, sia che queste 
pigliassero il nome di comitia curiata o pur anche di comitia tributa 
(cfr. 8, 1 ; 26, 5 ; 6, 20, 11). Alcuni però preferiscono di vedervi accennati 
i comitia tributa, poiché questi non solo non si raccoglievano mai, senza 
prima aver presi gli auspicii, ma sono poi anche espressamente indicati 
da Festo col nome speciale di concilia, cfr. 3, 71, 3 e Paul. Diac. p. 50 
cum populo agere hoc est populum ad concUium aut ad comitia vocare. — 
summa rerum * i più importanti affari „ cfr. quanto alla costruzione 9, 
43, 5 ad subita rerum, e 28, 22, 6 pratosissima rerum. — dirimerentur, 
cfr. Cic. de legg. 2, 31 quid gravius quam rem susceptam dirimi, si unus 
augur alio die dixerit e Liv. 6, 41, 8. L'augure aveva il diritto, quando 
gli augurii fossero stati sfavorevoli, di riconvocare i comizii per un 
altro giorno (obnuntiatió). — 7. tum. Qui si accenna alla riforma di 
Servio Tullio, la quale operò ciò ohe a Tarquinio non era stato punto 
concesso dall' influenza degli auguri. — numero. A Tarquinio non fu 
concessa la creazione di nuove centurie di cavalieri, ma gli fu permesso 
di aumentare i membri di quelle già esistenti, coll'aggiunta di nuovi 
elementi tratti probabilmente dalla plebe, cfr. 35, 6. — alterum tantum 
neutro, un numero perfettamente uguale a quello di cui prima erano 
costituite, cfr. 8, 8, 14; 10, 46, 15. — mille et octingenti. Questa cifra, seb- 
bene ci sia tramandata senza alcuna divergenza da tutti i msor. di Livio, 
pure è quasi certamente errata, per influenza forse del 43, 8, dove il 
numero dei cavalieri si trova sollevato da Servio Tullio a diciotto cen- 
turie (cfr. 43, 8 equitum duodecim scripsit centurias, sex item alias centu- 
ria», tribus ab Romulo institutis, sub isdem quibus inauguratae erant nomi- 
nibus fecit, e Cic. de rep. 2, 39 scripsit centurias equitum duodeviginti 
censu maximo). Prima però di quest'ultima riforma, il loro numero non 
poteva superare i 1200, se è vero, come afferma lo stesso Livio, che 
Tullio Ostilio raddoppiò il numero dei 300 cavalieri creati da Romolo 
(cfr. 18, 8 e 30, 3), e che Tarquinio Prisco raddoppiò alla sua volta il 
numero dei cavalieri a lui preesistenti, cfr. difatti Ciò. de rep. 2, 20, 36 
sed tamen prioribus equitum partibus seeundis additis M ae CC fecit equites, 
numerumque duplicavit, postquam bello subegit Aequorum magnam gentem 



142 TITI LITI, LIB. I 

— posteriores modo sub iisdem nominibus, qui additi erant r 
appellati sunt — , quas nunc, quia geminatae sunt, sex vocant 
centu ri as. 
* XXXVII. Hac parte copiarum aucta, iterum cum Sabinis 
confligitur. Sed praeterquam quod viribus creverat Romanus 
exercitus, ex occulto etiam additur dolus, naissis qui magnam 
vim lìgnorum, in Anienis ripa iacentem, ardentem in flumen 
conicerent; ventoque iuvante accensa ligna et pleraque in ratibus 

et ferocem. — 8. posteriores va considerato qual predicato di appel- 
lati sunt. Le nuove centurie di cavalieri pigliarono il nome di Ramnes, 
Tities, Luceres posteriores o secundi di fronte ai Ramnes, Tities, Luceres 
priores o primi, cfr. 43, 9 ; Cic. de rep. 2, 36 nec potuit Titiensiutn et Ram- 
nensium et Lucerum mutare nomina. — geminatae ripete il concetto 
espresso da alterum tantum adiecit: poiché le centurie erano state rad- 
doppiate, cfr. 52, 6. — sex rocant, cfr. Feato, p. 334 sex su/frogia appel- 
lantur in equitum centuriis, quae sunt adiectae ei numero centuriarum, 
quas Priscus Tarq. rex constituit. 

XXXVII. — 1. Sabinis, cfr. 38, 1. — additur, sott. a Romanis. — ex 
occulto: è questo un esempio di quella paxooXoyCa, che vien rimprove- 
rata a Livio da Quint. 8, 3, 53. — ardentem conicerent * mettessero fuoco 
e gittassero nel fiume ,. L'espressione non è per nessun modo propria 
ne corretta; perchè, se le legna dopo di essere state accese si fossero 
gettate direttamente nel fiume, si sarebbero subito spente, appena ve- 
nute in contatto coll'acqua. Del resto non è questo il solo punto oscuro, 
che si incontri nella descrizione di Livio, la quale rimarrebbe per noi 
perfettamente inintelligibile, se non potessimo metterla a raffronto colla 
narrazione assai più ampia tramandataci da Dionigi. Il quale racconta 
(3, 55-6), che i Sabini si unirono in lega cogli Etruschi, e che il campo 
dei due eserciti, situato in vicinanza di Fidene, nel punto in cui l'Aniene 
sbocca nel Tevere, era soltanto diviso dal letto del fiume; sul quale 
gettarono un ponte di barche (fé<pvoa £vXó<poaxtog oxà<pai$ àvexopévij 
nal axedlais), affine di potersi meglio soccorrere a vicenda e assicurarsi 
in caso di bisogno la ritirata. — ventoque iuvante accensa ligna et ple- 
raque in ratibus impacia ... p. incendunt. Qui si descrive il modo come 
fu messo in atto lo stratagemma ordinato da Tarquinio, a fine di sepa- 
rare i due eserciti. La descrizione è anch'essa assai breve e concisa, e 
a stento lascia trasparire il vero, cfr. Dion. 1. e. axàtpag 7icia t uijyoòg 
xal o%ediag i^Àtav a$<ov xal tpQvydvav ye/ioàoag, iti de nioaijg te xal 
■freiov Tiagaaxevaodpevog ini d-atégov t&v jiotafi&v, nag' òv aòtòg 
iat(>ato7ieóevxei f inetta (pvÀdgag àvefiov offoiov (ventoque iuvante) neQÌ 
tfjv èw&tv^v (pvAaxìiv TivQ èveìvat talg QAaig ixéXevaav xal fie&elvai 
tàg oxdcpag xal *àj oxeóiag (pigeo&ai nata Qovv ... al èpntntovoi xft 
ye<pvQa xal àvànxovaiv aètrjv jtoÀAa%ó&ev. — ventoque iuvante è abl. 
di modo, non già abl. agente: il complemento agente di accensa è sempre 
il miss i 8 che precede. — accenda non ha significato diverso o più intenso 
feW ardentem che precede : la differenza che passa tra il primo e il secondo 
part. è questa sola, che l'uno esprime un comando e l'altro l'esecuzione 
di esso. — pleraque in ratibus impacia, espressione brachilogica equi- 



AB UEBB CONDITA, CAP. XXXVI, 8— XXXVII, 1 — 5 143 

impacta, sublicis cum haererent, pontem incendunt. Ea quoque £ 
res in pugna terrorem attulit Sabinis, et fusls eadem fugam 
impediit; multique mortales, cum hostes effugissent, in flumine 
ipso periere; quorum fluitantia arma ad urbem cognita in Ti- 
beri prius paene, quam nuntiari posset, insignem victoriam 
fecere. Eo proelio praecipua equitum gloria fuit: utrimque ab & 
cornibus positos, cum iam pelleretur media peditum suorum acies, 
ita incurrisse ab lateribus ferunt, ut non sisterent modo Sabinas 
legiones ferociter instantes cedentibus, sed subito in fugam 
i averterent. Montes effuso cursu Sabini petebant, et pauci te- 4 
nuere ; maxima pars, ut ante dictum est, ab equitibus in flumen 
acti sunt. Tarquinius instandum perterritis ratus, praeda capti- & 
visque Romam missis, spoliis hostium — id votum Vulcano 

valente all'altra pleraque in ratibus collocata atque impacta. Il part. im- 
pacta a me pare che non si possa disgiungere da accensa, e che l'uno 
e l'altro, sebbene adoperati quali attributi del soggetto, rappresentino 
i due momenti principali dell'azione, il punto cioè in cui si dà fuoco 
alle legna e alle altre materie incendiarie raccolte nelle barche, e il 
punto in cui le stesse barche si abbandonano alla corrente (cfr. la frase 
impingere navem). Gli editori staccano comunemente impacta da in ra- 
tibus e lo congiungono con haererent, dando luogo per tal modo, da un 
lato, a un pleonasmo inutile (impacta haererent) e dall'altro a un'ellissi 
troppo dura (pleraque in ratibus). — sublicis accenna ai pali del ponte, 
nei quali le barche vennero ad impigliarsi. Questa stessa parola ricorre 
anche in 23, 87, 2. — cum haererent: prop. causale che contiene il mo- 
tivo di incendunt. — 2.ea quoque, anche questa circostanza, oltre il 
fatto che l'esercito romano era cresciuto di numero, cfr. § 1 praeterquam 
quod viribus. — fusis è messo in opposizione ad in pugna, cfr. quanto 
all'uso del dat. praef. n. 7 e 30, 10: nei codd. in luogo di et fusis si 
legge erroneamente cffusis. — fluitare è una di quelle parole poetiche, 
di cui Livio ha fatto più specialmente uso nel primo libro, cfr. 4, 6. — 
arma, le lance e gli scudi, che essendo di legno o pure di cuoio non 
rimasero sommersi nel letto del fiume, ma furono trasportati a seconda 
della corrente. — ad urbem = apud ur., appartiene al part. cognita, al 
pari dell'abl. in Tiberi che segue. — insignem " nota ,. — 3. equitum. 
Si badi al poco ordine, con cui procede tutto questo racconto: l'autore 
rientra a parlare del modo come la battaglia si Bvolse, dopo di aver 
già fatto cenno della vittoria. Questo periodo si riannoda al fusis del 
§ precedente. — ab cornibus * sulle due ali, sui due fianchi „, cfr. 33, 
7 e 9, 40, 12 in cornibus positos. — cedentibus, sott. peditibus Romanis. 
— 4. petebant " cercavano di raggiungere „. — ante dictum est: questa 
frase e stata richiesta dal disordine con cui procede tutto il racconto, 
cfr. 22, 28, 8. — 5. id erat: le parentesi sono piuttosto frequenti in 
Livio e sono da lui adoperate in forma asindetica, cioè senza far uso 
delle particelle enim, quippe, nam, autem. — Vulcano. Era un antico 
costume dei popoli italici di bruciare sul campo di battaglia, in onore 
di Nettuno, la parte meno notevole della preda tolta al nemico, cfr. 45, 



144 TITI LITI, LIB. I 

erat — ingenti cumulo accensis, pergit porro in agrum Sa- 

<5 binum exercitum inducere; et quamquam male gesta res erat, 

nec gesturos melius sperare poterant, tamen, quia consulendì 

res non dabat spatium, iere obviam Sabini tumultuario milite; 

iterumque ibi fusi, perditis iam prope rebus, pacem petiere. 

■1 XXXVIII. Collatia et quidquid citra Collatiam agri erat, 

Sabinis ademptum; Egerius — fratris hic filius erat regis — 

Collatiae in praesidio relictus. Deditosque Collatinos ita accipio 

2 eamque deditionis formulam esse : rex interrogava : « estisne vos 

legati oratoresque missi a populo Conlatino, ut vos populumque 

Conlatinum dederetis?» «Sumus. » « Estne populus Conlatinus 

in sua potestate ?» « Est. » « Deditisne vos populumque Conla- 

33, 1, dove si* parla degli dèi quibus spolia hostium dicare ius fasque 
est; 8, 10, 13 Vulcano arma site cui alio divo vovere volet; Verg. 8, 562 
scutorumque incendi Victor acervo** — pergit porro o semplicem. pergit, 
senza raggiunta pleonastica di quell'avverbio, si trova frequentemente 
adoperato da Livio in unione cogli inf. ire e ducere, cfr. 9, 2, 8 ire porro 
pergas; 36, 42, 4 pergit protinus navigare: si noti che in questa unione 
ai usa soltanto il presente storico, non mai il perfetto. — 6. gesturos, 
sott. se esse: coll'inf. fut. att. è piuttosto comune in Livio, accanto al- 
l'omissione della copula, anche quella del pronome personale, quando 
il sogg. dell'inf. si trovi ad essere lo stesso che quello della prop. prin- 
cipale, cfr. 23, 5; 41, 5; 58, 4. — tumultuario milite: tumultuarti o su- 
bitarii milites si chiamavano quelli che erano arruolati alla rinfusa, e 
senza le solite formalità, in presenza di una guerra improvvisa (tu- 
multus) o pure di uno straordinario pericolo, cfr. Gic. Phil. 8, 1. L'abl. 
strumentale in luogo dell'abl. col cum si trova frequentemente adope- 
rato da Livio sopratutto nelle espressioni militari, in cui gli uomini 
vengono considerati come semplici strumenti nelle mani del capitano, 
cfr. 28, 18, 5. 

XXXVIII. — 1. Collatia a 10 miglia da Roma, tra l'Osa e l'Aniene, 
rappresentava l'estremo confine del territorio dei Sabini. Poiché i Ro- 
mani la ebbero loro tolta, il confine naturale tra i due popoli venne 
segnato dall'Aniene, cfr. 9, 9 e Plin. 3, 54. — citra, s'intende verso di 
Roma. — Egerius, cfr. 34, 3 e 57, 6. — in praesidio: non è ben chiaro 
se Livio qui accenni ad una semplice guarnigione lasciata di guardia a 
Collatia, o piuttosto ad una colonia vera e propria; poiché le colonie, 
come si sa, furono appunto dedotte praesidii causa, cfr. 56, 3; 2, 34, 6 e 
anche 2, 49, 8; 3, 30, 2. — deditosque accipio — et accipio Coli, ita de- 
ditoa esse. — eamque esse " ed essere questa appunto ,, cfr. 33, 3. — 
2. rex interrogava: il re stesso accetta la deditio, senza alcun soccorso 
di feziali, cfr. 9, 43, 7 ; tali patti si solevano per solito stringere oral- 
mente. — legati * messi „. — oratores, perchè incaricati dai proprii 
concittadini di una missione presso una nazione straniera, cfr. 2, 32, 8: 
le loro funzioni sono identiche a quelle dei feziali, cfr. 9, 11, 11 legatus 
fetialis; 4, 58, 2 legati fetialesque. — estne in sua potestate * è egli li- 
bero, e può liberamente disporre di sé stesso „, cfr. 24, 37, 6 suae potè- 
etatis est. — deditisne. Per mezzo della deditio il popolo perdeva la sua 



AB URBE CONDITA, GAP. XXXVII, 6— XXXVIII, 1 — 5 145 

tinum, urbem, agros, aquam, terminos, delubra, utensilia, divina 
humanaque omnia in meam populique Romani dicionem ? » 
« Dedimus. » « At ego recipio. » Bello Sabino perfecto Tar- 3 
quinius triumphans Romam redit. Inde Priscis Latinis bellum 
fecit. Ubi nusquam ad universae rei dimicationem ventum est; 4 
ad singula oppida circumferendo arma omne nomen latinum 
domuit. Comiculum, Ficulea vetus, Cameria, Crustumerium, 
Ameriola, Medullia, Nomentum, haec de Priscis Latinis aut qui 
ad Latinos defecerant capta oppida. Pax deinde est facta. 

Maiore inde animo pacis opera incohata, quam quanta mole 5 



indipendenza, la sua libertà, le sue leggi e perfino il diritto di possesso 
(potestas) non solo sulle cose pubbliche (urbem ... terminos) e sacre {de- 
lubro), ma anche sulle private {utensilia), le quali assieme ai sacra pas- 
savano in potere del popolo vincitore ; ii popolo vinto non aveva più 
nessuna personalità giuridica, e si considerava come una moltitudine 
confusa senza cittadinanza e senza patria, cfr. 26, 33, 13. — delubro: 
Macr. Sat. 3, 9, 2 parla del modo come si invitavano gli dèi di una città 
conquistata a passare nella città dei conquistatori (evocatio deorum). — 
at ego, cfr. 28, 9. — 8. triumphans, cfr. 10, 5 e C. I. L. I, p. 453. — 
Priscis hai.: è questa una continuazione della guerra già cominciata a 
narrare in 35, 7. — 4. ubi = in quo, cfr. 43, 11 e 4, 13, 12 ibi. — 

unir, rei dimicationem * ad una battaglia decisiva, campale „ cfr. 15, 2. 

— nomen Latinum, cfr. 13, 14. Tutte queste città giacevano tra il Te- 
vere, l'Aniene e il m. Lucretile: Nomentum, oggi Mentana, sulla via 
Nomentana (donde fu poi estratto il nome odierno del luogo), e a mez- 
zogiorno di essa Ficulea: quanto alle città di Comiculum (39, 5), Ca- 
meria e Ameriola non è ben sicura la loro collocazione. — haec, epa- 
nalettico, cfr. 35, 6 e 2, 39, 3. — de Priscis Latinis: il loro territorio, 
come apparisce da questo luogo, si estendeva assai a nord oltre l'Aniene. 

— aut qui = aut de iis qui, espressione poco chiara che serve a con- 
trassegnare quelle città, le quali -già innanzi erano cadute in potere 
dei Romani e ad essi poi si erano ribellate (defecerant), cfr. quanto a 
Crustumerium 10, 3 e quanto a Medullia 33, 4, Dion. 3, 50. — pax, per 
mezzo della soggezione dei Latini (domitos). Le guerre qui narrate da 
Livio corrispondono perfettamente a quelle ricordate nei fasti trionfali, 
p. 453. Dionigi accenna ancora ad una guerra* settennale cogli Etruschi, 
di cui però i fasti non fanno parola. — 5. incohata è la grafia con 
cordemente attestata dalle iscrizioni e dai grammatici antichi : la grafia 
inchoata è d'origine più recente e forse non anteriore al li sec, cfr. in- 
coltavi Mon. Ancyr. IV, 15-16 e Probo, Cath., p. 38, 26 E. * ho primae est, 
havi facit, ut incoho incohas incottavi. Quidam putant inchoo debere dici 
imperitissime ; nam neque post e litteram h latina verba regit, exceptis 
nominibus tribus quae supra posui pulcher Orchus lurcho ; neque o lit- 
tore ante o alteram in latinorum verborum prima persona reperitur, 
«ed illae tres vocales, quas ante docui e i u, nec a nec o: igitur quod 
Plautus posuit reboo non latine sed graece posuit flou /Jojlj, unde deri- 
vativum reboo reboas „; Diom., p. 365, 16 K. * inchoo inchoavi, sic di- 

E. Cocchia, Tito Livio, I, B» edis. 10 



146 TITI LIVI, LIB. I "■' 

gesserat bella, ut non quietior populue domi esset, quam militiae 
6 fuisset: nam et muro lapideo, cuius exordium operis Sabino 
bello turbatum erat, urbem, qua nondum munierat, cingere 
parat; et infima urbis loca circa forum aliasque interiectas 
collibus convalles, quia ex planis locis haud facile evehebant 
1 aquas, cloacis fastigio in Tiberini ductis siccat; et aream ad 

cendum putat Iulius Modestus, quia sit compositum a chao, initio rerum. 
Sed Verrius et Flaccus (sic) in postrema syllaba aspirandum probave- 
runt; cohutn enim apud veteres mundum significai (cfr. Festo, p. 39 e 
Varr. 1. 1. 5, 8), undo subtractum incohare. Tranquillus quoque bis adsen- 
tiens in libello suo pienissime ea de re disseruit ,. — quam guanto mole 
attrazione = quam quanta moles fuerat, cum qua bella gesserat: egli 
dispiegò maggiore energia, nell'assetto pacifico della città, di quanta 
ne avesse dimostrata nei preparativi di guerra (moles), cfr. 10, 19, 9 ma- 
iorem molem quam cum qua; 5, 12, 7 seditio motore mole coorta, quam 
bella tractabantur; 30, 23, 2: de re motore quam quanta ea esset. — non 
quietior esset : tenne desta l'attività del popolo anche in tempo di pace, 
coll'adibirlo in opere di difesa della città, che incombevano natural- 
mente al pubblico servizio. — fuisset = fuerat : questa proposizione, 
sebbene esprima un fatto, è stata costruita col cong., per influenza del 
cong. che precede, cfr. 21, 13, 1; 22,45, 5. — 6. lapideo, cfr. Dion. 3, 
67 Àt&ois àpagiaioig èQyaopèvots ngòg xavóva. — turbatum erat, cfr. 
36, 1. — qua nondum munierat. Queste parole farebbero sospettare che 
egli avesse cominciato già innanzi le opere di difesa della città; ma, 
poiché Livio non ne ha fatto alcun cenno, é probabile che munierat sia 
venuto a pigliare il posto di munita erat, e che Livio consideri l'opera 
di Tarq. Prisco come una continuazione di quella di Anco Marzio (cfr. 
33, 6), al modo stesso che l'opera di Servio Tullio fu un compimento' 
di quella del suo predecessore (cfr. 44, 3). — infima. I luoghi prosciu- 
gati da Tarquinio furono la parte inferiore del foro, il Velabro e la 
vallata su cui sorse il circo, e fors'anche la Subura, tra il Palatino e 
l'Esquilino. — evehebant, sott. Romani', le acque che si venivano ad ac- 
cumulare nelle parti più basse della città non trovavano alcuno sfogo, 
per esser queste collocate in piano (in planis l.). — cloacis, da un antico- 
verbo *cluere = xÀtiga " purificare, nettare ,, indica un condotto di 
fabbrica per lo spurgo delle acque impure, cfr. 56, 1 : la forma italiana 
chiavica mette capo a clavaca (cfr. Probo, app. 198, 12 cluaca non eia- 
vaca), per una sostituzione impropria di au ad o. — fastigio " con un 
leggiero pendìo ,, cfr. 27, 18, 6 submissa fastigio planities; 25, 36, 6 fa- 
stigio leni subvexa; Caes. b. e. 1, 45 declivis locus tenui fastigio; b. g. 4 r 
17, 4 non directe ad perpendiculum sed prone ac fastigate. — siccat: questo- 
verbo, assai raro in Cic, non è adoperato altrove da Livio. — 7. area. 
significa altrove il posto libero che si lasciava innanzi al tempio e all'in- 
torno di esso (cfr. 2, 41,11 e area Capitola 25,3,14; area Concordiae 
39, 56, 6); qui invece accenna al luogo su cui il tempio venne inalzata 
(cfr. 2,5,4; 4, 16,1). Livio non ricorda, né qui né altrove, che questa 
fu il primo tempio romano, in cui gli dèi cominciarono ad esser vene» 
rati sotto forme umane; prima essi erano rappresentati soltanto sotto 
forme simboliche per mezzo di una lancia (cfr. 21, 62, 4) o pure per 



AB URBE CONDITA, CAP. XXXVIII, 6 — 7; XXXIX, 1 — 3 147 

aedem in Capitolio Iovis, quam voverat bello Sabino, iam prae- 
sagiente animo futuram olim amplitudinem loci occupat fun- 
damentis. 

XXXIX. Eo tempore in regia prodigium visu eventuque i 
mirabile fuit: puero dormienti, cui Servio Tullio fuit nomen, 
caput arsisse ferunt multorum in conspectu. Plurimo igitur 2 
clamore inde ad tantae rei miraculum orto excitos reges, et, 
cum quidam familiarium aquam ad restinguendum ferret, ab 
regina retentum, sedatoque eam tumultu moveri vetuisse puerum, 
donec sua sponte experrectus esset. Mox cum somno et flammam 3 
abisse. Tum abducto in secretimi viro Tanaquil «viden tu 
puerum hunc» inquit, «quem tam humili cultu educamus? 



mezzo di una pietra, 55, 4. — ad aedem ' per la costruzione del tempio „, 
cfr. 2, 31, 3 locus ad spectaculum ; si noti però che in questo senso il dai. 
è d'oso più comune. — futuram olim= guae futura esset olim. — occupat 
fundamentis non vuol già dire che egli gettò le fondamenta del tempio, 
le quali invece furono poste da Tarq. il Superbo (cfr. 53, 5; 55, 2 e Cic. 
de rep. 2, 36); ma che egli preparò il luogo, perchè quelle fondamenta 
potessero sorgere, spianando la cima del colle ed estendendone l'am- 
piezza, per mezzo di mura e col riempire di terra e di pietre gli spazii 
intermedii. 

XXXIX. Servio Tullio. — 1. visu eventuque, non solo pel modo come 
si manifestò, ma anche per l'effetto che ne conseguì. La lez. genuina e 
vera di questo luogo ci è conservata da due soli mscr., il Veronese del 
sec. XIII e il Barberiniano del sec. XV: tutti gli altri hanno visum, le- 
zione che, sebbene accettata dal Tflcking e dal Seeley, è affatto inso- 
stenibile, sopratutto per l'ellissi della copula che bisognerebbe sottin- 
tendere accanto a visum; cfr. quanto alla costruzione Verg. 2, 680 su- 
bitum dictuque oritur mirabile monstrum. — fuit " si verificò, ebbe luogo „ , 
cfr. 10, 23, 1. — arsisse: un simile prodigio trovasi anche riferito in 34, 
45,6 e 25, 39, 16, cfr. Verg. 2, 679; Oin. II. 18, 206. Secondo un'altra 
versione di questa leggenda, Servio era figliuolo di Vulcano, ovvero, 
come essa si esprìme, del Lar familiaris della casa reale, cfr. Ov. Fast. 
6, 635 signa dedit genitor tum, cum caput igne corusco Contigit inque coma 
flammeus arsit apex. — 2. ad " in seguito a ,, cfr. 3, 48, 6: clamore ad 
tam atrox facinus orto e riguardo al gen. 13, 2- — reges accenna alla 
coppia reale, cioè a Tarquinio e a Tanaquilla (cfr. 27, 4, 10 Ptolemaeum 
et Cleopatram reges), altrove invece a tutta quanta la famiglia reale, cfr. 
59, 5; 2, 2, 11. — familiarium = serrorum, cfr. Sen. ep. 5, 6, 14 maiores 
nostros appellaverunt servos, quod adhuc durat, familiares : fa d'uopo 
però notare che in 2, 40, 4 familiaris ha più probabilmente il senso di 
amico che non di schiavo. — moveri... donec espressione brachilo- 
gica, la quale si spiega col considerare che vetuit moveri equivale a 
" ordinò di non muovere „, cfr. 21,46, 7. — 8. viden = videsne, espres- 
sione poetica e affatto propria del linguaggio familiare, la quale non 
ricorre altrove in Livio, cfr. satin 58, 7. — scire licet * io veggo, io so, 
io posso assicurarti „: Tanaquilla parla anche qui come perita caelestium 



148 TITI LIVI, LIB. I 

Scire licet hunc lumen quondam rebus nostris dubiis futurum 
praesidiumque regiae adflictae; proinde materiam ingentis pu- 
blice privatimque decoris omni indulgentia nostra nutriamus». 

4 Inde puerum liberùm loco coeptum haberi erudirique artibus, 
quibus ingenia ad magnae fortunae cultum excitantur. Evenit 
facile, quod dis cordi esset: iuvenis evasit vere indolis regiae, 
nec, cum quaereretur gener Tarquinio, quisquam Romanae iu- 
ventutis ulla arte conferri potuit, filiamque ei suam rex de- 
spondit. 

5 Hic quacumque de causa tantus illi honos habitus crederò 
prohibet serva natum eum parvumque ipsum servisse. Eorum 
magis sententiae sum, qui Corniculo capto Servi Tulli, qui 
princeps in illa urbe fuerat, gravidam viro occiso uxorem, cum 
inter reliquas captivas cognita esset, ob unicam nobilitatem 
ab regina Romana probibitam ferunt servitio partum Romae 

6 edidisse Prisci Tarquini domo. Inde tanto beneficio et inter 



miraculorum. — hunc per hoc : frequentemente il pronome concorda col 
predicato (cfr. Cic. fin. 2, 22 Epicurus, hoc enim vestrum lumen est), ma 
talvolta conserva anche lo stesso genere dell'antecedente, per mettere 
in maggior rilievo la persona, cfr. 33, 6 e 2, 38, 8. — lumen splendore, 
aiuto „, ofr. Verg. 2, 281 o lux Dardaniae, spes o fidissima Teucrum. — 
r. dubiis, se mai verremo a trovarci in condizioni difficili, cfr. 2, 50, 11 
Fabium dubiis rebus futurum auxilium. — proinde, cfr. 9, 4. — materiam 
* cagione, motivo ,, cfr. 23, 10; 46, 6. — indulgentia * cura, premura 
affettuosa ,. — 4. cultum, educazione conforme ad un alto grado so- 
ciale, la quale abitua l'animo a considerare le cose da un punto di 
vista nobile ed elevato. — quod esset causale: ciò che gli dèi avevano 
decretato fin dal giorno, in cui tutta la reggia fu scossa da quel pro- 
digio straordinario. — indolis regiae predicato, cfr. 39, 35, 3 iuvenem, 
quod specimen indolis regiae dedisset. — Tarquinio, cfr. 22, 14, 9 nobis 
dictator quaesitus. — conferri, sott. ei, esser paragonato a lui. — 6. hic 
appartiene a tantus honos. — habitus, sott. est. — serva natum, sott. 
fuisse. Livio qui tocca appena di volo della leggenda, che considerava 
Servio qual figlio della schiava cri si a e del Lare protettore della 
reggia. Tanto questa leggenda come l'altra che riferiva a Servio l'isti- 
tuzione dei Compitalia, una specie di feriae servorum (cfr. Plin. 36, 70), 
sono probabilmente ispirate dalla considerazione, che il nome Servius 
(connesso con servare) significa " figliuolo di una schiava ,. — prohibet 
e costruito da Livio quasi sempre ooll'inf., ad eccezione di 4 luoghi in 
cui egli adopera il ne. — Corniculo, probabilmente su uno dei colli Cor- 
niculani, in vicinanza della via Nomentana e di Ficulea, cfr. 38, 4. — 
cognita, sott. qual moglie del principe. — unicam, cfr. 21, 2. — prohi- 
bitam, ad eccezione del 23, 11, 3, trovasi costantemente costruito da Livio 
col semplice ablativo. — servitio: la città venne considerata come vi 
capta (cfr. 38, 4), e quindi i suoi abitatori o furono uccisi o venduti 
come schiavi. — domo in luogo di in domo o pure di domi, cfr. 3, 44, 9 



AB UBBK CONDITA, GAP. XXXIX, 4 — 6; XL, 1 — 3 149 

mulieres familiaritatem auctam, et puerum, ut in domo a parvo 
eductum, in cantate atque honore fuisse ; fortunam matris, quod 
capta patria in hostium manus venerit, ut serva natus crede- 
retur, fecisse. 

XL. Duodequadragesimo ferme anno, ex quo regnare eoe- 1 
perat Tarquinius, non apud regem modo sed apud patres ple- 
bemque longe maximo honore Servius Tullius erat. Tum Anci 2 
filii duo, etsi antea semper prò indignissimo habuerant se patrio 
regno tutoris fraude pulsos, regnare Romae advenam non modo 
vicinae, sed ne Italicae quidem stirpis, tum impensius iis in- 
dignitas crescere, si ne ab Tarquinio quidem ad se rediret re- 3 
gnum, sed praeceps inde porro ad servitia caderet, ut in eadem 
civitate post centesimum fere annum quam Romulus, deo pro- 
gnatus, deus ipse, tenuerit regnum, donec in terris fuerit, id 
Servius, serva natus, possideat. Cum commune Romani nominis 



domi suae natam. — 6. mulieres, tra Tanaquilla e Ocrisia. — ut eductum 
" per essere stato allevato ». — cavitate, cfr. 81, 1. — quod venerit ò 
qui aggiunto, per meglio dichiarare il significato di fortunam. 

XL. — 1. duodequadragesimo indica l'anno della morte di Tarqainio 
Prisco. — maximo honore, abl. di qualità, cfr. 54, 4 tanta cavitate esse: 
la forma più comune è però sempre quella dell'abl. con in, cfr. 31, 1 in 
honore esse. — 2. fraude: essi credevano di aver diritto a succedere 
al padre nel regno. — non modo... sed ne q. = non modo non... sed ne q., 
cfr. 2, 23, 14 non modo inter patres sed ne inter consules quidem eonve- 
niebat. Essendo il predicato comune ad ambedue i membri del periodo, 
i latini preferiscono d'usare la negativa soltanto col secondo di essi, 
cfr. Cic. prò Mur. e la nostra Sintassi latina ad uso dei licei, Napoli, 
1901, p. 317 e. — vicinae, cfr. il discorso dell'imperatore Claudio sul ius 
honorum concesso ai Galli: ut Numa Bomulo successerit ex Sabinis ve- 
niens, vicinus quidem, sed tunc extemus. — italicae «= peregrina stirpe 
84, 1. — tum riannoda il discorso, dopo questa specie di digressione, 
coll'altro tum che è posto a principio del periodo ; ma lo riannoda sol- 
tanto logicamente e non già nella forma grammaticale, la quale è af- 
fatto indipendente da quella innanzi usata (anacoluto), cfr. iis di fronte 
ad Anci filii duo. — indignitas è adoperato raramente col significato 
subiettivo di indignatio, cfr. 59, 11. — si, dopo i verbi che indicano un 
affetto dell'animo, fa spesso le veci di quod, cfr. 47, 6 ; 2, 28, 2. — *«r- 
ritta = servos, cfr. 2, 10, 6. — 3. centesimum: tanti anni erano tra- 

scorsi tra l'apoteosi di Romolo e il giorno in cui Tarquinio salì sul 
trono, lasciato deserto da Anco. — quam e messo in dipendenza da post 
e, poiché ci e dato dai mscr., non veggo la ragione di emendarlo in 
quod e di riferirlo a regnum, secondo la lezione proposta dal Madvig 
e accettata concordemente da tatti gli altri editori. — donec fuerit è 
qui aggiunto, come a dichiarazione del concetto espresso per mezzo di 
deus ipse: cfr. 1, 8 postquan\ audierit. — Servius serva natus fa perfetto 
contrasto al Romulus deo prognatus che precede, e per tal motivo non 



150 TITr "LIVI, T.IB. I 

tum praecipue id doraus suae dedecus fore, si, Anci regis virili 
stirpe salva, non modo advenis sed servis etiam regnum Romae 

4 pateret. Ferro igitur eam arcere contumeliam statuunt. Sed et 
iniuriae dolor in Tarquinium ipsum magis quam in Servium 
eos stimulabat, et quia gravior ultor caedis, si superesset, rex 
futurus erat quam privatus, tum Servio occiso quemcumque 
alium generum delegisset, eundem regni heredem facturus vi- 

5 debatur — ; ob haec ipsi regi insidiae parantur. Ex pastoribus 
duo ferocissimi delecti ad facinus, quibus consueti erant uterque 
agrestibus ferramentis, in vestibulo regiae quam potuere tu- 
multuosissime specie rixae in se omnes apparitores regios con- 
vertimi Inde, cum ambo regem appellarent clamorque eorum 



bo decidermi a mutarlo col Madvig, sull'autorità di assai scarsi mscr., 
in servus serva natus, sull'analogia del 47, 10. — 4. sed. Dal discorso 
che precede si aspetterebbe naturalmente, che i figliuoli di Anco or- 
dissero un complotto per togliere di mezzo Servio; invece tutte le loro 
mire si trovan rivolte contro Tarquinio, sia perchè questi era stato la 
cagione del danno da essi patito, sia perchè egli avrebbe vendicata la 
morte di Servio, ove fosse rimasto in vita, sia da ultimo perchè egli 
era sempre in grado di procurarsi un altro genero e un altro erede 
(colle quali parole si dimentica affatto che egli aveva dei figli propri, 
cfr. 46, 4). Di queste tre ragioni però le principali Bono soltanto le due 
prime, che si trovano contrapposte l'una all'altra per mezzo di et ... et, 
e la terza è ad esse aggiunta in una forma più libera per mezzo di 
tum " oltre a ciò ,. — quia = quod o, meglio, id quod, cfr. 2, 7, 4. — si 
superesset futurus erat, cfr. 7, 5. Nel periodo ipotetico, quando l'apodosi 
è rappresentata dal part. in *rus, si adoperano in unione con esso le 
forme passate di esse al modo ind., per indicare ciò che uno era pronto 
a fare in un'occasione che non si è punto verificata, cfr. 2, 33, 9; 22, 24, 
6. — ob haec ipsa serve a riepilogare i tre motivi innanzi espressi. — 
6. quibus consueti erant = iis ferramentis quibus e. erant. La costruzione 
di consuetus col dat. è stata modellata su quella di adsuetus, e non si 
incontra altrove in Livio, ma soltanto nei prosatori posteriori a lui; 
inoltre in luogo di consuetus sum egli adopera sempre altrove la forma 
att. consueti. — uterque è adoperato senza alcuna influenza sulla costru- 
zione del verbo e serve forse ad indicare, che i due pastori erano cia- 
scuno armati di armi differenti. — ferramentis appartiene alla propos. 
che segue: la stessa espressione ricorre anche altrove, cfr. 38, 7, 10 fer- 
ramentis quibus in opere usi erant ediderunt pugnam. — vestibulo era 
quello spazio libero a forma di portico, chiuso da tre lati, che prece- 
deva l'entrata della reggia o delle case dei nobili, cfr. 48, 1 ; 2, 49, 3. 
— tumultuosissime * con grandissimo schiamazzo „, cfr. 26, 9, 6 tumul- 
tuose aliquem concire: la lezione tumultuosissimae non appartiene ai ma- 
noscritti, ma è una congettura poco plausibile del Madvig. — specie 
rixae = specie rixantes sotto finta di litigare „. — appellarent: essi 
chiamavano il re, quale amministratore della giustizia (cfr. Cic. de rep. 



AB URBE CONDITA, CAP. XL, 4 — 7j XLI, 1—3 151 

penitus in regiam pervenisset, vocati ad regem pergunt. Primo 6 
uterque vociferari et certatim alter alteri obstrepere; coérciti 
ab lictore et iussi in vicem dicere tandem obloqui desistunt; 
unus rem ex composito orditur. Dum intentus in eum se rex 7 
totus averteret, alter elatam securim in caput deiecit, relictoque 
in vulnere telo ambo se foras eiciunt. 

XLI. Tarquinium moribundum cum qui circa erant exce- 1 
pissent, illos fugientes lictores comprehendunt. Clamor inde 
concursusque populi mirantium, quid rei esset. Tanaquil inter 
tumultum Claudi regiam iubet, arbitros eicit; simul quae cu- 
rando vulneri opus sunt, tamquam spes subesset, sedulo com- 
parai simul, si destituat spes, alia praesidia molitur. Servio 2 
propere accito cum paene exsanguem virum ostendisset, dextram 
tenens orat, ne inultam mortem soceri, ne socrum inimicis lu- 
dibrio esse sinat. « Tuum est » inquit, « Servi, si vir es, re- 3 
gnum, non eorum, qui alienis manibus pessimum facinus fecere. 
Erige te deosque duces sequere, qui clarum hoc fore caput di- 
vino quondam circumfuso igni portenderunt. Nunc te illa cae- 



5, 3), come giudice in mezzo alla loro contesa. — 6. obloqui &n. elg. 
* parlare a coro „. — 7. dum si trova talvolta costruito da Livio, sul- 
l'analogia di cum, colle forme del cong. pass., cfr. 2, 47, 5. — averterete 
sott. ab altero e cfr. 6, 1. — totus, cfr. 59, 2. — securim : Livio adopera 
più frequentemente all'acc. securem (cfr. 3, 36, 4) e all'abl. solamente se- 
curi. — deiecit: il perf. in luogo del presente serve a ritrarre la cele- 
rità con cui fu assestato il colpo, cfr. 25, 2 e Tac. Ann. 1, 35 ferrum 
elatum deferebat in pectus. Quanto al fatto, di cui è qui parola, cfr. 
Giust. 16, 5, 15. 

XLI. — 1. illos fugientes = toòg q>e£yoviag : anche qui il pron. ille fa 
le veci dell'art, greco. — clamor inde, ellissi del predicato per mettere 
meglio in mostra il concetto sostantivale, cfr. 54, 10. — populi miran- 
tium, costruz. xaxà avveoiv, cfr. 26, 35, 7 ingens turba circumfusi freme- 
bant; 22, 6, 6 pars progressi. — mirantium " che domandavano con ma- 
raviglia, stupore „, cfr. 5, 21, 7 prò se quisque mirantes quidnam id esset: 
si noti che i codd. parig. e Med. sostituiscono mirandum a mirantium, 
che è la lezione concorde di tutti gli altri mscr. — eicit è più forte di 
remóvet, adoperato sempre altrove da Livio in unione con arbitros, cfr. 
2, 37, 8; 22, 60, 2. — simul ... simul, cfr. 9, 5; 2, 10, 10. — destituat di 
fronte a subesset, perchè il primo esprime un fatto probabile, il secondo 
una cosa impossibile a verificarsi, cfr. 23, 6; 28, 1. — dest. spes si trova 
adoperato così assolutamente soltanto in questo luogo, sull'analogia di 
spes falliti la costruzione più regolare usata quasi sempre altrove è de- 
stituì spe o a spe. — 3. hoc: si aspetterebbe propriamente in questa 
vece istud, poiché si tratta di una seconda persona ; ma se si bada che 
qui si ricorda a Servio il miracolo, di cui fu oggetto stando ancora in 
culla, come qualche cosa di cui egli non si sovviene o pur non sappia 



152 TITI XTVr, LIB. I 

lestis excitet fiamma, mine expergiscere vere. Et nos peregrini 
regnavimus; qui sis, non linde natus sis, reputa. Si tua re su- 
bita Consilia torpent, at tu mea Consilia sequere. » Cum clamor 
impetusque multitudinis vix sustineri posset, ex superiore parte 
aedium per fenestras in novam viam versas — habitabat enim 
rex ad Iovis Statoris — populum Tanaquil adloquitur. Iubet 
bono animo esse : sopitum fuisse regem subito ictu ; ferrum haud 
alte in corpus descendisse; iamad se redisse; inspectum vulnus 
absterso cruore; omnia salubria esse; confiderò prope diem ipsum 



intendere il significato, si troverà più corretto l'uso della forma hoc. — 
expergiscere vere, non già dal sonno, come facesti allora che il miracolo 
ebbe luogo (cfr. 39, 2), ma dall'inerzia in cui ora vivi, affinchè si adempia 
il presagio che allora ti fu fatto. — qui = qualis. — re subita, a causa 
di questi eventi inaspettati e improvvisi, che non ti han dato il tempo 
di pensarci su. — Consilia torpent : tu non sai pigliare una risolu- 
zione : cfr. 6, 36, 6: frigere ac torpere senis Consilia. — at * almeno 9f 
cfr. 28, 9. — Consilia: la ripetizione di questa parola, che non è rara 
in Livio e conferisce non poco alla chiarezza dell'espressione, è qui 
richiesta e giustificata dal contrapposto, cfr. 53,4. — 4. clamor im- 

petusque non costituiscono propriamente un'endiadi, ma due concetti 
distinti, sebbene strettamente collegati insieme. — superiore parte : il 
pianterreno della casa romana non aveva finestre che mettessero sulla 
strada, ma era illuminato internamente dalla luce che penetrava dal- 
Yimpluvium ; però il piano superiore (tabulatum, contignatio, cenaculum f 
cfr. 21, 62, 3) aveva talvolta anche dei piccoli abbaini che mettevano 
sulla strada, gelosamente chiusi con cancelli ed imposte. — Novam dami 
la via nuova cominciava presso la porta Mugionia (dove soiBe più tardi 
il tempio di Iuppiter Stator, solennemente promesso da Romolo/ cfr. 12. 
(5) e passando per il foro andava a terminare nella diramazione setten- 
trionale e occidentale del Palatino, cfr. 5, 32, 6. 50, 5. — versas, cfr. 40, 
7,8 versis in viam fenestris. — 6. Si noti in tutto quanto il discorso 
di Tanaquilla la brevità delle frasi e il continuo cambiare del sogg. e 
dei tempi del verbo, in modo assai adatto alla circostanza. Se si pon- 
gono a raffronto queste espressioni così rotte ed a sbalzi col tono so- 
lenne e quasi fatidico del § 3, in cui Tanaquilla ricorda a Servio il fato 
e la promessa, che egli è destinato a compiere, ne apparirà in tutta 
la sua evidenza il magistero dell'arte di Livio. — sopitum indica lo 
stordimento che suol succedere ad una caduta o ad una scossa violenta, 
cfr. 8, 6, 2 impactus imo ita est saxo ut sopiretur. — ad se redisse, espres- 
sione poetica in lat., ma affatto comune in it., cfr. Cic, in Q. Caec. 17 
redire ad se atque ad mores suos. — salubria * tutto andar bene, non 
esservi alcun pericolo „, cfr. 31, 5. — confidere, sott. re) iubere, sott. regem. 
— iura redditurum. Qui si presuppone che il re, quando era impedito dal 
presentarsi in pubblico, creasse un suo rappresentante per l'ammini- 
strazione della giustizia, al modo stesso come praticava nella sua as- 
senza da Roma, quando tale funzione era delegata al praefectus urbis, 
cfr. 60, 4 e Dion 4, 5 2'éAÀiov ég bnò rot) fiaaiÀéaìg ènlvqonov àndvr<ov 



AB TFRBE CONDITA, CAP. XLI, 4 — 7 153 

eos visuros; interim Servio Tullio iubere populum dictum au- 
dientem esse; eum iura redditurum obiturumque alia regis 
munia esse. Servius cum trabea et lictoribus prodit àc sede & 
regia seden s alia decernit, de aliis consulturum se regem esse 
simulat. Itaque per aliquot dies, cum iam exspirasset Tarquinius, 
celata morte per speciem alienae fungendae vicis suas opes 
firmavit. Tum demum palam factum est comploratione in regia 
orta. Servius praesidio firmo munitus primus iniussu populi 
voluntate patrum regnavit. Anci liberi, iam tum comprensis 7 
sceleris ministris, ut vivere regem et tantas esse opes Servi 
nuntiatum est, Suessam Pometiam exsulatum ierant. 



bnoSeinvàpevov. — alia, cioè la convocazione del senato e gli altri uf- 
ficii sacerdotali e militari. — 6. cum si adopera comunemente per 

indicare il vestimento, cfr. Liv. 37, 9, 9 Galli cum sollemni habitu. — 
trabea, nn mantello bianco orlato di porpora, che oltre ad esser l'em- 
blema dei re veniva indossato nelle occasioni solenni anche dai Salii e 
dai cavalieri, cfr. Giov. 8,259 e Servio ad Aen. 7, 612: Suetonius dicit 
tria esse genera trabearum, unum dissacratum, qùod est tantum de pur- 
pura, aliud regum, quod est purpureum, habet tamen album aliquid (al 
pari della toga praetexta, cfr. 8, 3), tertium augurale de purpura et cocco. 
— sede regia — sella curuli, cfr. 20, 2. — vicis, cfr. 20,2. — fungendae: 
Livio ha adoperato con più frequenza degli altri scrittori i gerundivi 
dei verbi deponenti, cfr. potiundus, fruendus, perfruendus; però egli non 
adopera mai utendus. — palam factum est, sott. exspirasse Tarquinium: 
anche altrove il v. fio trovasi adoperato così assolutamente, cfr. 22, 55, 
3. — praesidio * guardia del corpo , . — iniussu, cioè senza essere stato 
scelto dal popolo, cfr. 17, 10; 42, 3 e Cic. rep. 2, 21. — voluntate 
" col consenso „, ma senza l'autorizzazione legale del senato, perchè 
non ci era stata la nomina dell'interrar e non si erano presi gli au- 
spica, cfr. Cic. de rep. 2, 37 primus iniussu populi regnavisse traditur 
e § 38 cum regnare coepisset non iussu, sed voluntate atque concessu cu 
vium, Tarquinio sepulto, populum de se ipse consuluit. Dionigi 4, 8 rife- 
risce la cosa in modo alquanto diverso ; ma tutti però son d'accordo nel 
dire, che la successione di Servio al trono fu dovuta ad una specie di 
colpo di stato. — 7. iam tum * quasi immediatamente „: quando i 

figliuoli di Anco, dopo l'attentato commesso dai loro complici, videro 
di non trovar fautori presso il popolo, e come in esso per influenza di 
Tanaquilla guadagnasse sempre più favore Servio, si ritirarono spon- 
taneamente in esilio. — ut, coi codd. migliori di Livio : il Klick invece, 
seguito dal Weissenborn e da Moritz Muller, cancella ut innanzi a vi- 
vere, sull'autorità del solo cod. Barberiniano del sec. XV, ed aggiunge 
cum dopo tum. — opes non si riferisce già a regnavit, ma al favore che 
il discorso di Tanaquilla sollevò intorno a Servio, il quale potè mo- 
strarsi in pubblico come rappresentante del re, cfr Dion. 4, 5 TtiAÀiog, 
6>g oi>x i>ni\xovov (* i figliuoli di Anco „), è7ti%r\Q^ag aixolg à'iótovg 
tpvyàg àocpaAóJg ijói] ztjv Taoxvvtov xor*t^« ào%4* - Suessam Pometiam, 



154 TITI LIVI, LIB. I 

* XLII. Nec iam publicis magis consiliis Servius quam pri- 
vatis munire opes, et ne, qualis Anci liberum animus adversus 
Tarquinium fuerat, talis adversus se Tarquini liberum esset, 
duas filias iuvenibus regiis, Lucio atque Arrunti Tarquiniis, 

2 iungit. Nec rupit tamen fati necessitatem humanis consiliis, quin 
invidia regni etiam inter domesticos infida omnia atque infesta 
faceret. Peropportune ad praesentis quietem status bellum cum 
Veientibus — iam enim indutiae exierant — aliisque Etruscis 

3 sumptum. In eo bello et virtus et fortuna enituit Tulli; fusoque 



antica città dei Yolsci nel Lazio, la quale fu più tardi conquistata da 
Tarq. il Superbo, cfr. 53, 2. — ierant, cfr. quanto all'uso del piucchepf. 
col valore di perfetto 21, 39, 4. 

XLII. — 1. publicis consiliis, cioè coll'apparire in pubblico e coll'eser- 
citare le funzioni di re, come si è dinanzi osservato. — privatis, col 
creare nuove relazioni familiari, fortificando il suo regno per mezzo di 
parentadi. — iuvenibus regiis. Avendo Servio menata in isposa la loro 
sorella (cfr. 39, 4), Lucio ed Arrunte venivano ad esser cognati di Servio, 
e quindi zìi delle due figliuole di lui, che essi condussero spose. Or 
poiché il matrimonio tra zio e nipote, finche non ne fu dato l'esempio 
dall'imp. Claudio (cfr. Tac. Ann. 12, 6), fu ritenuto in Roma come ince- 
stuoso, si può dubitare del grado di parentela, che intercesse tra Servio 
e i figliuoli di Tarquinio; come del resto fa lo stesso Livio in 45, 4, 
dove espone il dubbio se Lucio ed Arrunte si debban considerare quali 
figli o pur quali nipoti di Tarq. Prisco. — 2. necessitatem: v'è qui 

reminiscenza di una frase di Virgilio (cfr. 6, 882 si qua fata aspera rumpas) 
e il ritorno di un pensiero predominante in Livio (cfr. 8, 24, 4 ut ferme 
fugiendo in media fata ruitur; 9, 4, 16 pareatur necessitati quam ne di 
quidem superant), pensiero che è a lui comune collo storico greco Ero- 
doto, cfr. 1, 91 tìjv 3te7iQ(a/*év7jv fioìgav àòvvaxd èaxiv ànocpvyéeiv xal 
&e<ì>. — quin: preferiamo, d'accordo col Madvig e col Weissenborn, 
questa che è la lezione dei mscr. più recenti all'altra più antica qui 
cum, che non dà alcun senso e che fu probabilmente sostituita alla le- 
zione vera dagli antichi copisti, i quali non videro che quin ha in questo 
luogo il senso di quae non o pure di ut non, cfr. 3, 45 e Tac. Ann. 15. 
44 non ope fiumana decedebat infamia, quin ( = ut non) iussum incendium 
crederetur. — regni gen. obiettivo: l'invidia che si ha centro di colui 
che è al governo o che si trova, in generale, collocato più in alto. — 
ad praesentis q. status = ad statum in praesentia quietimi conservandum : 
la guerra esterna impedì per un po' di tempo che scoppiassero le di- 
scordie all'interno. — indutiae exierant. Non si sa bene di qual tregua 
Livio intenda parlare, perchè egli non fa punto cenno di una guerra 
combattuta da Tarquinio contro gli Etruschi (cfr. Dion. 3, 57), né fa 
menzione di Veio dopo il 33, 9. Però è probabile che nel 37, 2, in quel 
cenno così fugace ed intralciato che si fa della guerra Sabina, egli 
abbia omesso di ricordare gli Etruschi, che secondo Dionigi, come ab- 
biam già visto, vi presero una parte a^sai notevole. — sumptum * in- 
trapreso ,, cfr. 36, 2, 3 duellum quod cum reye -Anliocho sumi populu* 



AB UKBK CONDITA, GAP. XL1I, 1 — 5 155 

ingenti hostium exercitu haud dubius rex, seu patrum seu plebis 
animos periclitaretur, Romam rediit. 

Adgrediturque inde ad pacis longe maximum opus, ut, quem 4 
ad modum Numa divini auctor iuris fuisset, ita Servium condi- 
torem omnis in civitate discriminis ordinumque, quibus inter 
gradus dignitatis fortunaeque aliquid interlucet, posteri fama 
ferrent. Censum enim instituit, rem saluberrimam tanto futuro 5 



iussit. — 3. haud dubius rex. Poiché la sua elezione non era stata 
votata dal popolo e sancita dal senato, egli non poteva considerarsi 
come re efletti vo {ratus); ma, in seguito al successo militare conseguito 
contro i Veienti, egli poteva ormai esser sicuro dell'appoggio del popolo 
e del senato, ove avesse avuto bisogno di farvi ricorso {periclitaretur). — 
periclitaretur: il cong. dipende da haud dubius, cfr. riguardo alla frase 
qui usata 6, 15, periclitari voluntates. — 4. adgreditur si costruisce 

dagli scrittori classici costantemente con ad, quando ha il senso di 
* intraprendere „, cfr. Cic. n. d. 3, 3, 7 aggredior ad hanc disputationem. 

— conditorem, senza il concorso del popolo, cfr. 19, 1 e Tac. Ann. 3, 26 
praectpuu8 Servius Tullius sanctor legum fuit, quis etiam reges obtempe- 
rarent. — discriminis e l'espressione generica, ordinum invece l'espres- 
sione specifica e si riferisce alle diverse classi della cittadinanza, stabi- 
lite sulla base del censo, cfr. 39, 44, 1 e Cic. de rep. 4, 2 ; de leg. 3, 7, 44. 

— quibus, cioè ordinibus: colla distinzione delle diverse classi, stabilite 
sulla base del censo, egli venne nettamente a distinguere le attribu- 
zioni dei singoli cittadini. — inter gradus dignitatis fortunaeque. Poiché 
le attribuzioni e gli ufficii pubblici (dignitatis) erano in relazione diretta 
colle sostanze da ciascuno possedute (in questo senso fortuna è sempre 
al sing., cfr. 35, 22, 4), ne derivava tra i diversi ordini sociali una dif- 
ferenza netta e precisa. Fu questo il punto, in cui la costituz. di Servio 
si distinse da quella spartana di Licurgo, secondo la quale furono pa- 
reggiati i diritti e le sostanze di tutti i cittadini, cfr. 34, 31, 18 noster 
legum lator non voluit excellere unum aut alterum ordinem in civitate sed 
per aequalionem (" eguaglianza „) fortunae et dignitatis fore credidit ut etc. 

— aliquid interlucet, si ottiene una perfetta distinzione. Riguardo a 
quest'uso e significato speciale del verbo interlucere, che ricorre sempre 
altrove in Livio col significato proprio di " luccicare , (cfr. 29, 14, 3 
ttocte interluxisse), cfr. Auct. ad Her. 3, 19 dissimiles forma atque natura 
loci comparandi sunt, ut distincte interlucere possint e Livio 34. 54, 5 
omnia discrimina talia quibus ordines discemerentur. — fama ferrent 

chiamassero in segno di onore „, cfr. praef. 7. — 5. census, estratto 
dalla radice del v. cens-eo, corrisponde al gr. ttfiijois ed indica l'esti- 
mativa in danaro dei beni posseduti dai cittadini, sia patrizii sia plebei, 
cfr. Varr. 1. 1. 5, 81 censor ad quoitis censionem, id est arbitrium, cense- 
retur populus: i nomi censor e censura sono derivati direttamente da 
census. — saluberrimam, cfr. Dion. 4, 16 oo<pd>iaiov àndvxaìv noÀixev- 
fidxoiv elorjy^oazo xal f*eylaxmv 'Paìftaioig àya&wv alxiog e Cic. de rep. 
2, 22, 40 is valebat in suffragio plurimum cuius plurimum intererat esse 
in optimo statu civitatem. — tanto futuro = quod tantum futurum erat, 



156 TITI LIVI, Lin. I 

imperio, ex quo belli pacisque munia non viritim, ut ante, sed 
prò habitu pecuniarum fierent; tum classes centuriasque et hunc 
ordinem ex censu discripsit vel paci decorum vel bello. 
L XLIII. Ex iis, qui centum milium aeris aut maiorem censum 

cfr. 21, 4, 10. — ex quo * in seguito al quale ,. — non viritim. Mentre 
prima il servizio militare ed i tributi erano imposti, indistintamente e 
senza alcuna differenza, a tutti quelli che entravano a far parte della 
cittadinanza ; per effetto della costituzione, data da Servio Tullio, non 
solo vennero chiamati a contribuire ai carichi dello Stato tutti i possi- 
denti {assidui, locupletes, cfr. 43, 8), e quindi anche i clienti ed i plebei, 
ma questi stessi in diversa misura, in corrispondenza dei loro averi 
{prò habitu pecuniarum). — tum, dopo l'introduzione del censo, sul quale 
poggia tutta la divisione in classi e in centurie. — classis, dal dorico 
KÀàoig (ion. xÀtfoig), è connesso con calare (cfr. 43, 11 vocabantur) ed 
indica la distribuzione del popolo rispetto al servizio militare, a cui 
tutti quanti erano obbligati a pigliar parte, ma in diversa misura, se- 
condo che si dirà in seguito. Si ricordi l'uso della voce classis nel senso 
di * armata navale , e Dion. 4, 18 à$ 'Patfiaìot xaAoOot *Àdoei$, rag 
'EÀÀtjvinàg xX^aeig naQovoudaavTeg. — centurias si riferisce alla sud- 
divisione delle singole classi, sopratutto sotto il rispetto politico. — 
hune ordinem significa assai probabilmente * il seguente ordinamento , 
(cfr. però 43, 12, dove hunc equivale a * presente ,), ma potrebbe anche 
far le veci di harum ordinem e riferirsi alla distribuzione, secondo cui 
erano ordinate le classi e le centurie ; nel qual senso si concilierebbe 
assai bene col discripsit che segue, equivalente a * distribuì ,, cfr. 43, 
7 e Cic. legg. 19, 44. — rei ... vel, cfr. n. 1, 8. — decorum, ofr. praef. n. 6: 
la costituzione di Servio ebbe un doppio carattere, politico e militare. 
XLIII. — L ex iis. Sebbene Livio, al pari di Cicerone e di altri, rap- 
presenti in moneta il censo delle singole classi, quale fu stabilito da 
Servio; pure egli e certo, che quelle somme corrispondono soltanto alla 
riduzione che ne fu fatta in un'età assai più tarda. Perchè a tempo di 
Servio non esisteva ancora la moneta propriamente detta, ma serviva 
quale mezzo di scambio nel commercio tra privati, oltre al bestiame, 
come presso tutti gli altri popoli primitivi (cfr. Varr. 1. 1. 5, 19 pecus a 
quo pecunia universa, quod in pecore tum pecunia consistebai pastoribus, 
Festo, p. 213), anche il bronzo. 11 quale, mentre era stato dapprima 
ammesso nel commercio allo stato naturale (aes rude, raudus, raudw 
sculum), fu poi munito da Servio del suggello dello stato, che ne garan- 
tisse la purezza ma non il peso. Il peso veniva determinato nelle sin- 
gole circostanze per mezzo della bilancia (si ricordi il v. aes-timare ed 
il contratto per aes et libram e si metta a raffronto Plinio 33, 3, 43 
Servius rex primus signavit aes, antea rudi usos Romae Timaeus tradit. 
Signatum est nota pecudum unde et pecunia appellata; id. 18, 3 Servius 
rex ovium boumque effigie primus aes signavit ; Varr. r. r. 2, 1 aes anti- 
guissimum quod est flatum pecore est notatum; id. pr. Nonio aut bovem 
aut ovem aut vervecem habet signum; Plut. Poplic. 11 r&v voptofidvatv 
totg naAaioxdioig (ìoxiv è7is%dQa%xov 1} nQÓ^axov f) avv ; di simili pezzi 
di bronco si è trovata una gran quantità nel tesoro di Volci (v. Mommsen, 
R6m. Miinzwesen, p. 229). Tale stato di cobo durò forse fino all'epoca 



AB TEBE CONDITA, CAP. XLI1I, 1 157 

haberent, octoginta confecit centurias, quadragenas seniorum ac 

dei decemviri (451 av. Cr. 302 U. e), tra le cui leggi doveva trovarsi pro- 
babilmente anche quella riguardante la monetazione, come par lecito 
di concludere non solo dal fatto, che nelle leggi delle dodici tavole si 
trovano le prime indicazioni di somme di denaro, ma anche più dalla 
considerazione, che anteriormente a quell'epoca le multe erano asse* 
gnate in bestiame e furono convertite in denaro soltanto per effetto 
della legge Mia Papiria dell'a. 324 U. e. /430 av. Cr. (Cic. de rep. 1, 35 
gratamque etiam illam rem quarto circiter et quinquagesimo anno post 
primos consules de multae sacramento Sp. Tarpeius et A. Aternius consules 
comitiis centuriatis tulerunt. Annis postea XX ex eo, quod L. Papirius 
P. Pinarius censores multi* dicendis vim armentorum a privatis in publicum 
averterant, levis aestimatio pecudum in multa lege C. lutti P. Papiri con- 
sulum constituta est; Liv. 4, 30, 3 legem de multarum aestimatione ipsi 
(L. Papirius Crassus L. Iulius coss.) praeoccupaverunt ferre; Geli. 11, 1, 
2 ideirco postea lege Aternia constituti sunt in oves singulas aeris deni, 
in boves aeris centeni; Festo p. 202, 237; Dion. 10, 50). Intorno a questo 
stesso giro di tempo ebbe anche luogo la trasformazione del censo di 
Servio Tullio sulla base di quella, che deve considerarsi come la prima 
moneta romana, Yaes grave, corrispondente al peso di una libra di bronzo 
(cfr. Varrone r. r. 1, 10 id iugerum scripula CCLXXXVIII. quantum as an- 
tiquus noster ante bellum Punicum pendebat; id. 1. 1. 5, 170 as erat libra 
pondus; ib. 174 libram pondo as valebat; Plin. 33, 3, 42 libralis, unde ttiam 
nunc libello dicitur et dupondius, adpendebatur assis, quare aeris gratis 
poena dieta). Però, poiché Livio adopera nel contrassegnarlo l'espres- 
sione più semplice aeris (cfr. 2, 52, 5), invece dell'altra gratis aeris (la 
quale ricorre in 4, 41, 10. 45, 2; 5, 12, 1. 29, 7. 32, 9. 46, 5), può ritenersi 
come assai plausibile l'opinione di coloro, i quali assegnano al censo 
li viano delle singole classi non già il valore dell'asse primitivo, o per 
così dire decemvirale, ma quello assai più basso a cui esso fu ridotto 
a tempo della prima guerra punica (490 U. e, cfr. Festo p. 98: grave aes 
dietum a pondere, quia deni asses singuli pondo libras efficiebant, dena- 
rium ab hoc ipso numero dietum: sed bello Punico (l'espressione varrò- 
niana ante bellum Punicum dimostra come questa guerra non potesse 
essere che la prima) Romanus pressus aere alieno ex singulis assibus li- 
brariis senos fecit, qui tantundem ut UH valerent ; id. p. 347 : sextantarii 
asses in usu esse coeperunt ex eo tempore, quo propter bellum Punicum 
secundum (?), quod cum Hannibale gestum est, decrevere patres ut ex as- 
sibus, qui tum erant librarii, fierent sextantarii; per quos cum solvi coeptum 
esset et populus aere alieno liberaretur et privati, quibus debitum publice 
solvi oportebat, non magno detrimento afficerentur ; Plin. 33, 3, 44 argentum 
signatum anno urbis CCCCLXXXV@. Ogulnio C. Fabio coss. quinque annis 
ante primum bellum Punicum et placuit denarium prò decem libris valere 
aeris, quinarium prò quinque, sestertium prò dupondio ac semisse : librale 
autem pondus aeris imminutum est bello punico primo, cum impensis res 
publica non sufficeret constitutumque, ut asses sextantario pondere feri- 
rentur. Ita quinque partes lucri factae dissoluiumque aes alienum... postea 
Hannibale urgente Q. Fabio maxime dictatore asses unciales facti placuitque 
(in seguito alla lex Flaminia minus solvendi) denarium sedecim assibus 
permutari, quinarium octonis, sestertium quaternis; ita respublica dimidium 



158 TITI LIVI, LIB. I 

iuniorom: prima classis omnes appellati; seniores ad urbis cu- 

lucrata est. In militari tamen stipendio semper denarius prò decetn assibus 
datus est: notae argenti fuere bigae atquae quadrigae; inde bigati quadri- 
gatique dicti). Tale ipotesi si fa assai verosimile per la seguente consi- 
derazione, che nell'anno 335 U. e. /419 av. Cr. si consideravano ancora 
come ricchezze 10,000 libre di bronzo (cfr. Liv. 4, 45, 2 indi db us deno- 
mina gratis aeris, quae tum divttiae habebantur, ex aerario numerata), 
mentre invece i 10,000 assi (decem milia aeris) della quinta classe Ser- 
viana rappresentano appena il minimum della proprietà, o per dir meglio 
quel tanto che bastava per non essere compresi addirittura tra i poveri 
(cfr. Dion. 7, 59). Essendosi però a distanza di pochi anni, tra la prima 
e la seconda guerra punica, verificati i due più notevoli cambiamenti 
che ebbero luogo nel valore dell'asse romano, il quale da librale quale 
era dianzi passò dapprima (490 U. e.) a sestantario, cioè a un sesto 
del suo peso primitivo, e quindi ad unciale (537 U. e), cioè a un dodi- 
cesimo dello stesso; potrebbe restar dubbio a quale di queste due mo- 
dificazioni si debbano riferire le somme liviane, se non pensassimo che 
la riforma della costituzione di Servio Tullio si presuppone da Livio 
come già compiuta nella terza delle sue decadi (cfr. 24, 7-9; 26, 22; 27, 
6), che pur si apre coll'a. 536 della storia di Roma, e che quindi essa 
dovette aver luogo, quando delle due modificazioni non era compiuta 
che la prima. Ne le modificazioni successive del valore dell'asse con- 
tribuirono a trasformarla ulteriormente; perchè quelle somme, segnate 
nelle tabulae censoriae e tramandate alla posterità dagli annalisti con- 
temporanei, si sottrassero ad ogni altra alterazione, tanto in seguito 
alla creazione dell'asse unciale quanto a quella del semi-unciale 
(colla lex Papiria dell'a. 665 U. e.?), a quel modo istesso che non ebbe 
alcuna influenza sulla paga dei soldati il fatto, che a partire dalla lex 
Flaminia minus solvendi il denaro non fu più considerato come equi- 
valente a 10, ma a 16 assi (cfr. il luogo di Plinio già citato e Festo 
p. 347). Di che ci lasciarono una conferma assai sicura Polibio e Dio- 
nigi, quando di fronte ai 100,000 assi di Livio assegnarono alla prima 
classe un censo di 100 mine o 10,000 dramme = 10,000 denari romani 
o pure 160,000 assi unciali. Or poiché l'asse sestantario di due once, 
in cui Livio ha computato il censo delle singole classi, corrispondeva 
in realtà non più alla sesta, ma alla quinta parte dell'asse librale, per 
essersi questo ridotto normalmente nell'uso da 12 a 10 once, ne deriva 
che il censo delle singole classi corrispondeva propriamente a 20,000, 
15,000, 10,000, 5000, 2500 assi librali o, che è lo stesso, a 20, 15, 10, 
2 1/2 iugeri di terreno, computando a 1000 assi librali ogni iugero di 
terra. E se oltre a ciò si considera ancora che il denaro romano, senza 
tener conto della maggiore purezza dell'argento antico, corrispondeva 
per peso a 16 o 17 soldi della nostra lira, si vedrà chiaramente che il 
censo delle singole classi era tenuto ad un livello piuttosto basso, e. 
quello della prima classe corrispondeva ad un minimum di 8333 lire ita- 
liane. Il che, mentre era richiesto dal bisogno di comprendere nella 
prima classe 8/17 degli assidui o locupletes, d'altra parte spiega assai 
chiaramente come mai L. Tarquizio, che fu nominato maestro dei ca- 
valieri e apparteneva alla prima classe, potesse essere contrassegnato 
da Livio quale pituper, cfr. 3, 27, 1 postero die dictator cum ante htcetn 



AB URBE CONDITA, CAP. XLIH, 1 — 2 159 

stodiam ut praesto essent, iuvenes ut foris bella gererent. Arma z 
his imperata galea, clipeum, ocreae, lorica, omnia ex aere, haec, 

in forum venisset, magistrum equitum dicit L. Tarquitium patriciae gentis, 
sed qui cum stipendia pedibus propter paupertatem fecisset, bello tamen 
primu8 longe Romanae iurentutis esset. — centum milium aeris. Anche da 
Polibio (6, 23), al pari che da Dionigi, il censo della prima classe è fis- 
sato a 10,000 dramme = 100,000 assi; però da loro si discostano al- 
quanto Plinio (33, 3, 13), Festo (p. 113) e Gellio (7, 13), dei quali i due 
primi sollevano quella somma a 120,000 e l'ultimo a 125,000 assi, com- 
putando forse nel censo oltre alla proprietà immobile, che vi era sol- 
tanto calcolata, anche la mobile che era sottoposta esclusivamente al 
tributum. — confeeit, formò dell'intera loro massa. — centurias: costi- 
tuivano in guerra una compagnia di 100 uomini, e nei comizii una riu- 
nione di persone con diritto al voto, ma di numero indeterminato. — 
seniorum... iuniorum. In questa seconda categoria entravano gli uomini 
dai 17 ai 46 anni, nella prima quelli tra i 46 ed i 60, cfr. 10, 28, 1 * Tu- 
bero in historiarum primo scripsit, Servium Tullium regem populi Ro- 
mani, cum illas quinque classes seniorum et iuniorum census faciendi 
grati a institueret, pueros esse existimasse qui minores essent annis 
septem decem, atque inde ab anno septimo decimo, quo idoneos iam 
esse reipublicae arbitraretur, milites scripsisse eosque ad annum qua- 
dragesimum sextum iuniores supraque eum annum seniores appellasse ». 
— 2. prima classis. La prima classe era anche distinta col nome di 
elassis per eccellenza, quelli delle classi successive coll'altro di infra classem 

* sottoclasse „, cfr. Festo s. infra " infra classem signi fi cantur qui minore 
eumma quam centum et viginti milium aeris censi sunt ,; Geli. 7, 13, 1 

* classici dicebantur non omnes qui in classibus erant sed primae tantum 
classis „. Con questa denominazione appunto è connesso l'uso della frase 
classicus scriptor, la quale si legge già in Gellio 19, 8, 15. — ut praesto 
essent dipende da confeeit, perchè questa appunto era l'intenzione del 
legislatore nel costituirle. Da questo luogo si scorge chiaramente come 
la costituzione avesse un carattere perfettamente militare, e mirasse 
semplicemente all'organizzazione d'un esercito regolare per il tempo di 
guerra. Si noti però che i seniores in circostanze gravissime ed ecce- 
zionali prestavano il servizio militare anche al di fuori della città, cfr. 
5, 10, 4; 6, 6, 14. — imperata, perchè ciascuno doveva provvedere da se 
stesso alle armi che gli erano necessarie. — galea: Telmo era di cuoio, 
ma coperto di metallo, ed aveva anteriormente un riparo pur di me- 
tallo, mobile e ricurvo, il quale ricopriva il viso, ma lasciava però li- 
bera la vista: l'elmo si allacciava sotto il mento per mezzo di strisce 
di cuoio coperte anch'esse di placche di ferro (bucculae), ed era sormon- 
tato superiormente da un lungo pennacchio (cristo) o pure da una coda 
di crini, che andava a cadere sul collo (tuba, crista equina). — clipeum : 
la forma neutrale (cfr. 34, 52, 3; 35, 41, 10; 38, 35, 5) si trova il più 
delle volte preferita da Livio a quella masch. clipeus, che è la sola ac- 
cettata da Cic. e che Livio adopera soltanto in 9, 19, 7 e 31, 39, 10. Il 
elipeus, sostituito più tardi nell'uso dallo scutum (cfr. 8, 8, 3), era una 
specie di scudo di forma rotonda e di bronzo, il quale proteggeva sol- 
tanto la parte inferiore del corpo, mentre il petto era difeso dalla lo- 
rica. — ocreae : eran lastre di zinco o pure di bronzo, sottili e foderate 



160 TITI LIVI, LIB. I 

uttegumenta corporis essenti tela in hostem hastaque et gladius. 

3 Additae liuic classi duae fabrum centuriae, quae sine armis 
stipendia facerent; datum munus, ut machinas in bello ferrent. 

4 Secunda classis intra centum usque ad quinque et septuaginta 
milium censum instituta, et ex iis, senioribus iunioribusque, 
viginti conscriptae centuriae. Arma imperata scutum prò clipeo, 

5 et praeter loricam omnia eadem. Tertiae classis [in] quinquaginta 
milium censum esse voluit; totidem centuriae et bae, eodemque 

di cuoio, le quali ricoprirono più tardi soltanto quella delle due gambe 
che era maggiormente esposta nel combattimento, la gamba destra 
degli hastati e dei principes, e la sinistra dei frombolieri, cfr. 9, 40, 3 e 
Veget. 1, 20. — tela, le armi di offesa, in contrapposizione ad arma, le 
armi di difesa, cfr. 25, 5. — hastaque et gladius, cfr. praef. n. 13 e 2, 59, 
7 signaque et ordines. — 3. additae. Queste due centurie erano una, 
dei fàbri tignarti e l'altra dei fabri aerarti et ferrarii: Cicerone però, 
de rep. 2, 22, non ricorda che la prima soltanto di esse, e Dionigi 4, 
17 ascrive sia l'una sia l'altra alla seconda classe. Queste centurie non 
erano formate in base al censo, ma costituite di quegli operai, la cui 
presenza era indispensabile in guerra. Sebbene essi non entrassero pro- 
priamente a far parte delle classi, né si schierassero in ordine di bat- 
taglia insieme agli altri, pure nei comizii avevano il diritto di votare 
in compagnia della prima classe, — fabrum, per fabrorum, non è ado- 
perato altrove da Livio, cfr. 57, 3. — machinas ferretti, eh. 27, 15, 6: essi 
dovevano provvedere l'esercito in tempo di guerra (in bello) di tutte le 
macchine occorrenti per un assedio. — 4. centum, sott. milium: l'omis- 
sione di milia è piuttosto frequente in Livio, soprattutto quando bì 
trova espresso precedentemente in compagnia di un altro numerale, 
cfr. 36, 4, 5. — intra... usque ad: nella seconda classe eran compresi 
tutti quelli che possedevano un censo inferiore a 100,000 assi, ma non 
minore di 75,000, cfr. Dion. 4, 16 ol$ jjv èvxòg (ivqììùv óoaxf*ò>v. — con- 
scriptae, cfr. 13, 8. — scutum, cfr. gr. dvoeós da Vóga " a forma di porta „. 
Lo scudo era di forma bislunga e quadrangolare e copriva tutta la per- 
sona dalla testa ai piedi, in modo da rendere inutile la lorica, della 
quale appunto era sfornita la seconda classe : esso era formato di legno 
leggiero, con copertura di pelle, ed era guernito, all'estremità inferiore 
e superiore, di placche di metallo, in modo da poter resistere ai colpi 
dell'avversario; aveva poi in mezzo un leggiero sollevamento termi- 
nante in punta e coperto anch'esso di ferro (umbó), per far rimbalzare 
le frecce nemiche. — omnia eadem, cioè come per la prima classe. — 
5. tertiae classis dipende da census, cfr. 10, 36, 14; 37, 23, 5; Cora. Them." 
2, 6 Xersis classis mille et ducentarum navium fuit. — quinqu. milium. 
Tanto per la terza quanto per le classi successive Livio si limita ad 
indicare soltanto il minimum del loro censo, lasciando sottintendere 
ad es., che nella terza classe eran compresi tutti quelli che possedevano 
un censo inferiore a 75,000 assi ma non minore di 50,000. Riguardo 
all'in, che si legge nei codd. innanzi a quinquaginta e che è sicuramente 
errato, si può forse sospettare che abbia influito su di esso Yinstituta 
del § precedente o pure Yin di quello che segue. — et hae: della terza 



AB UfiCE CONDITA, GAP. XLI1I, 3 — 7 161 

discrimine aetatium factae. Nec de armis quidquam mutatum, 
ocreae tantum ademptae. In quarta classe census quinque et 6 
viginti milium; totidem centuriae factae. Arma mutata, nihil 
praeter hastam et verutum datum. Quinta classis aucta; cen- 
turiae triginta factae. Fundas lapidesque missiles hi secum gè- 7 



«lasse furon fatte egual numero di centurie, come della seconda. — 
factae ricorre anche nei §§ 6 e 7, sebbene in tutto il resto le espressioni 
non si trovino più d'accordo, cfr. 53, 4. — armis, al pari che nel § se- 
guente, è adoperato nel senso generale di " armatura „, cioè comprende 
tanto le armi di difesa che di Joffesa. — ademptae, cfr. Dion. 4, 16 
èfteicooa xòv ónÀiafióv. — 6. census, sott. fuit. — mutata = alia im- 
perata. Le prime tre classi erano armate assai meglio delle successive, 
perchè esse stavano sempre buI fronte della battaglia e rappresenta- 
vano il nerbo della falange, nella quale solo in caso di necessità erano 
chiamati a combattere i soldati di quarta linea, i quali si trovano perciò 
provvisti deìYhasta. Secondo Dionigi i soldati della quarta classe por* 
lavano, oltre Tasta, anche lo scudo i&vQeós) e la spada. — verutum, una 
specie di arma da getto, cfr. 2, 20, 9; 24, 13; 21, 55, 11. — 7. aucta, 
rispetto alle precedenti, a causa del numero maggiore di centurie (30). 
— lapidesque missiles, cfr. 5, 47, 5 missilibus saxis. Costoro portavano il 
nome di rorarii, cfr. 8, 8, 8 ; Dion. 4, 17 e Nonio p. 552 rorarii appella- 
bantur milites qui, antequam congressae essent acies, primo iaculis inibant 
proelium. — his accensi, sott. sunti alle 30 centurie della 5* classe 
furono aggiunte ancor le altre due dei tubicines e dei cornicines. 
Riguardo a quest'uso del v. accensere, che non ricorre in nessun altro 
luogo di Livio, cfr. Nonio p. 520, 7 his accensebantur i. e. attribuebantur 
e Paolo Diac. p. 14: adscripticii, hos et accensos dicebant, nonnulli fe- 
rentarios, quod fundis lapidibusque proeliaturi ea modo ferrent, quae in 
hosU8 iacerent. Essendo piuttosto raro l'uso del part. accensi nel signi- 
ficato di adscripti, gli antichi copisti l'interpretarono generalmente nel 
senso, che gli si trova sempre attribuito altrove da Livio (cfr. 8, 8, 8. 
10, 2 e Plauto pr. Varr. 1. 1. 7, 58 ubi rorarii ectis? en sunt; ubi sunt ac- 
censi? ecce) di milizia di complemento, la quale non faceva propriamente 
parte delle legioni, ma serviva nel campo senza armi, pronta a racco- 
gliere quelle dei caduti e ad entrare in battaglia in loro vece. Questo 
sospetto li indusse a considerare gli accensi come una terza centuria 
accanto a quelle dei cornicines e dei tubicines, e ad accettare in cambio 
della lezione genuina, che noi abbiamo ricostruita sulle orme del Peri- 
zonio e del Lange, l'altra assai meno plausibile che tutti i codici ci han 
conservata: in his accensi tubicines cor nicinesque in tres centurias distri- 
buti; lezione falsa non solo perchè riduce a 27 le rimanenti centurie 
della 5* classe, cioè ad un numero impari che non può essere più ugual- 
mente diviso tra le centuriae iuniorium e le cent, seniorum, ma sopra- 
tutto perchè viene a ridurre a sole 191 le tribù serviane, che invece 
secondo la testimonianza concorde di Dionigi e di Cicerone sommavano 
a 193. Considerando però i cornicines e i tubicines come due centurie 
additizie, le quali avevano soltanto il diritto di votare in compagnia 
della 5* classe, a quel modo che in compagnia della prima votavano le 

£. Cocchia, Tito Livio, I, 8* ed. 11 



162 TITI LIVI, LIB. I 

rebant. His accensi cornicines tubicinesque, in duas centuria» 

8 distributi. Undecim milibus baec classis censebatur. Hoc minor 

census reliquam multitudinem habuit: inde una centuria facta 

est immunis militia. Ita pedestri exercitu ornato distributoque 



due centuriae fabrum, si elimina interamente tale dfficoltà. — cornicines t 
cfr. Varr. 1. 1. 6, 117 cornua guod ea, quae nunc sunt ex aere, tunc fiebant 
bubulo cornu. — tubicines, in Cic. liticines, da tuba, un istrumento a fiato 
di metallo e di forma diritta. — in duas centuriae: esse al pari delle 
due centuriae fabrum non appartenevano propriamente alla 5* classe, ma 
avevano soltanto il diritto di votare coi possidenti per la partecipazione 
che pigliavano alla guerra; però Dionigi le annette alla 4* invece che 
alla 5* classe, a quel modo che annette alla 2*, invece che alla 1' le 
due centuriae fabrum. — undecim milia : secondo Dionigi il censo della 
5* classe corrispondeva a 12 1 / t mine, o che è lo stesso, a 1250 dramme 
= 12,500 assi. — 8. hoc = quam hic. In quest'ultima centuria son 

compresi tutti quelli, i quali non avevano alcuna proprietà stabile : essi 
quindi erano esclusi dal censo, quando questo era calcolato a iugeri dì 
terreno, e vi furon poi compresi, quando nel censo fu calcolata ogni 
altra proprietà. In questa centuria, a cui Dionigi dà impropriamente il 
nome di 6* classe, furono calcolati tutti quelli che avevano un censo 
inferiore alle 1250 dramme. — inde * da essi ,. — immunis si trova 
costrutto sempre altrove da Livio col gen., cfr. 7, 7, 5 ; 38, 44, 4. Essi 
furono immuni dalla milizia soltanto nei primi tempi, quando dal loro 
numero venivano reclutate esclusivamente le due centurie dei cornicines- 
e dei tibicine8 (cfr. § 7), che considerate dapprima come additizie {ac- 
censi) vennero poi in seguito ammesse a far parte integrante delle le- 
gioni. In corso di tempo, anche in quest'ultima centuria, costituita in 
ispecial modo di artisti e di manovali, venne a crearsi una distinzione 
tra i più poveri {capite censii e quelli che senza esserlo (proletarii) non 
avevano però una proprietà che raggiungesse ancora i 12,600 assi. E 
tra questi, nelle occasioni più difficili, furono ammessi a far parte delle 
legioni solo coloro che possedessero non meno di 4000 assi; e furono 
invitati a prestar servizio nell'armata navale tutti coloro che possedes- 
sero da 4000 a 1500 e perfino 375 assi, cfr. Polib. 6, 19, 3; Liv. 8, 20, 4 
quin opificum quoque vulgus et sellularii, minime militiae idoneum genus r 
exciti dicuntur Veiosque ingens exercitus contractus ut inde obviam Gallio 
iretur; Geli. 16, 10, 12 proletariorum ordo honestior quam capite censorum 
fuit; nam et asperis rei publicae temporibus in militiam tumultuariam 
legebantur, artnaque his sumptu publico praebebantur ; Cic. Phil. 5, 81 tu~ 
multum decerni, dilectum haberi sublatis vocationibus. I capite censi comin- 
ciarono ad esser reclutati soltanto a partire da Mario. — pedestri exer- 
citu : anche di qui risulta manifesto il carattere essenzialmente mili- 
tare della costituzione di Servio Tullio, cfr. però 44, 1. La formazione 
delle centurie dei cavalieri presuppone la formazione delle classi, poiché 
esse son reclutate dalla prima classe già suddistinta. — ornato. La frase 
ornare exercitum (cfr. 44, 1, 6) indica propriamente " provvedere d'armi 
i soldati „, ma qui ha il senso alquanto più lato, di indicare cioè le 
armi delle quali all'occasione debbano esser provvisti. — 



AB UBBB CONDITA, GAP. XLIII, 8 — 9 163 

equitum ex primoribus civitatis duodecim scripsit centurias. 
Sex itera alias centurias, tribus ab Romulo institutis, sub isdem, 9 
quibus inauguratae erant, noruinibus fecit. Ad equos emendos 



ex primoribus: le centurie dei cavalieri non furono reclutate dalla classe 
più eletta della cittadinanza, ma da quelli che possedevano un mag- 
gior censo (censu maximo, Cic de rep. 2, 39 e Dion. 4, 18), sia che ap- 
partenessero ai patrizii sia ai plebei. — scripsit, cfr. 86, 2. — 9. sex 
item alias centurias. Son queste le sei centurie ricordate sulla fine del 
capitolo 36; le quali, per essere state istituite da Romolo in seguito al 
responso favorevole degli auguri {inauguratae) e per essere tutte com- 
poste di patrizii, vollero conservare intatta questa loro prerogativa, come 
segno di distinzione dalle altre 12 centurie (miste di patrizii e di plebei) 
aggiunte posteriormente. L'unica trasformazione che vi introdusse Servio 
fu quella del numero, che rispettato da Tarquinio Prisco (cfr. 36, 7) fu 
invece da lui sollevato a sei {sex fecit di fronte a duodecim scripsit, 
cfr. 36, 2) in conformità del numero dei cavalieri che ne facevano parte 
(si ricordi che ciascuna delle tre centurie dei Ramni, dei Tizii e dei 
Luceri era divisa in primi o priores e secundi o posteriores). Ma, lasciando 
da parte il numero e venendo alla cosa, ognun vede che le 18 centurie 
di cavalieri istituite da Servio Tullio (cfr. Cic. de rep. 2, 39 scripsit 
centurias equitum duodeviginti censu maximo) corrispondono esattamente 
ai 1800 cavalieri, che secondo Livio (36, 7) facevano parte delle tre cen- 
turie romulee, dopo la trasformazione che esse avevano ricevuta da 
Tarq. Prisco. Sicché conviene ammettere, che nei due luoghi sieno con- 
tinuate due tradizioni differenti, di cui la prima riferiva quella trasfor- 
mazione a Tarquinio Prisco e la seconda a Servio Tullio. Festo accetta 
la prima versione, e alle tre centurie primitive, create da Romolo 
(13, 8) e raddoppiate in seguito alla distruzione di Alba (30, 3), dà il 
nome speciale di sex suffragio, il quale ricorre anche nel luogo assai 
noto e controverso del de republica, 2, 39 ; cfr. Festo, p. 334, sex suffragio 
appellantur in eguilum centuriis quae sunt adiectae (nel codice Farnes. 
adfectae) ei numero centuriarum, quas Priscus Tarq. rex constituit. Cice- 
rone resta a mezza via tra Livio e Festo, e più conseguente con sé 
stesso, almeno in questo, di Livio, ammette che il numero delle tre 
centurie di cavalieri, che sommavano a 600 prima di Tarq. Prisco, fosse 
stato da lui raddoppiato e sollevato solamente a 1200, lasciando così 
libero il campo alla trasformazione ultima e definitiva che vi apporterà 
Servio Tullio; cfr. del resto riguardo a Livio anche n. 36, 8. — sub 
isdem nominibus, cioè coi nomi che si trovan ricordati in 13, 8 e 36, 8. 
— ad equos emendos. La somma che i cavalieri percepivano dallo Stato, 
a fine di provvedersi di cavalli (cfr. le frasi equo publico merere o equum 
publicum habere e 29, 37, 8), pigliava il nome speciale di aes equestre e 
veniva rinnovata col rinnovarsi del censimento; poiché non é ammissi- 
bile che i cavalieri la percepissero una volta sola in tutto il cono della 
loro carriera, la quale non durava mai meno di 20 anni. Questa somma 
vien calcolata da Livio a 10,000 assi sestantarii, equivalenti a 2000 assi 
librali, come torna ormai facile di intendere da ciò che se n'è discorso 
in una nota precedente, e come si conferma nel modo più luminoso dal 
seguente lucgo di Vairone 1. 1. 8, 71 : equum publicum mille assarium esse, 



164 TITI LIVI, LIB. I 

dena milia aeris ex publico data, et, quibus equos alerent, viduae 
attributae, quae bina milia aeris in annos singulos penderent. 

10 Haec omnia in dites a pauperibus inclinata onera. 

Déìnde est honos additus ; non enim, ut ab Romulo traditum 
ceteri servaverant reges, viritim suflragium eadem vi eodemque 
iure promiscue omnibus datum est; sed gradus facti, ut neque 
exclusus quisquam suffragio videretur, et vis omnis penes pri- 

U mores civitatis esset. Equites enim vocabantur primi; octoginta 



dove il costo di ogni cavallo è fissato a mille assi librali (assaritis => as, 
cfr. Charieio, p. 76 K.) ; sicché se ne conclude, che il cavaliere ne dovesse 
spendere non meno di 2000 per equipaggiare se stesso e il proprio scu- 
diero. Si noti infatti che Yaes equestre pigliava anche il nome di aes 
pararium a paribus equis, cfr. Paul. Diac, p. 221. — quibus si riferisce 
a bina milia ed è distaccato da penderent, al quale appartiene, soltanto 
per unità di costruzione colla frase precedente e per conservare il pa- 
rallelismo con ad equos emendos. Qui si accenna all'ai* hordearium, cioè 
al tributo che era imposto alle vedove e agli orfani (cfr. Cic. de rep. 2, 
36 orborum et viduarum tributis) pel vettovagliamento dei cavalli: questo 
tributo era annuale e corrispondeva alla quinta parte dell'aia equestre. 
Ad esso contribuivano naturalmente, ciascuno in corrispondenza del 
proprio avere, tanto le vedove quanto gli orfani, che erano liberi da 
qualsiasi altro pubblico carico. — attributae, cfr. 39, 44, 3 e C. I. L. I, 
p. 120,41,49: lo stato si considerava come creditore rispetto alle ve- 
dove e come debitore di fronte ai cavalieri, e perciò assegnava a questi 
ultimi dio che quelle gli dovevano. — haec omnia : come par chiaro da 
Dionigi 4, 20, questa frase si riferisce in generale a tutti i pubblici ca- 
richi, che in corrispondenza del censo si trovano assegnati da Servio. 
— dites, tanto patrizii che plebei. — IO. honos additus, cfr. 2, 58, 8 : 
Livio qui viene a discorrere dei diritti politici concessi ed esercitati dai 
cittadini nei comizii centuriati. Però, sebbene egli li consideri come un 
equivalente degli oneri loro imposti, pur non fa d'uopo dimenticare che 
essi furon conseguiti soltanto in progresso di tempo ed a gradi. — vi- 
ritim * individualmente n . Nei comizii curiati tutti quanti i citta- 
dini avevano diritto al voto, senza distinzione e senza considerazione 
della loro proprietà (cfr. 2, 56, 3); nei comizii centuriati al contrario son 
fatte delle gradazioni, per cui i più ricchi, cioè quelli che hanno mag- 
giori obblighi verso lo Stato, si trovano anche ad avere maggiori diritti 
dei più poveri, sia perchè formano un numero di centurie maggiore di 
quest'ultimi, sia perchè son chiamati i primi a votare. — promiscue, 
tanto ai ricchi quanto ai poveri. — exclusus. Anche il più piccolo pro- 
prietario, quando tutte le centurie eran chiamate a votare o pure vi era 
dissenso nelle prime classi (cfr. 43, 16, 12), poteva dare il proprio voto, 
e, quel che più importa, poteva essere eletto ad una di quelle cariche, 
su cui i comizii erano invitati a pronunziarsi. — vis, la deliberazione 
dei comizii. — 11. vocabantur primi: erano invitati i primi a dare 

il voto; per cui le centurie dei cavalieri pigliavano il nome di praero- 
gativae (10, 22, 1), e in unione colle centurie della prima classe anche 



AB TJBBE CONDITA, CAP. XLIII, 10—12 165 

inde primae classis centuriae [primum peditum vocabantur]; ibi 
si variaret, quod raro incidebat, XX secundae classis. Nec fere \2 
umquam infra ita descenderunt, ut ad infimos pervenirent; nec 
mirari oportet hunc ordinem, qui nunc est post expletas quinque 
et triginta tribus duplicato earum numero centuriis iuniorum 



quello di primae vocatae (10, 15, 7). — primum peditum vocabantur : 
queste parole, anche a voler considerare primum come nn gen. arcaico 
in luogo di primorum, non hanno relazione sicura col resto del perìodo, 
e perciò noi, sull'es. del Sigonio, le stralciamo dal testo come spurie e 
riconosciamo in esse nient'altro che una glossa di primae classis. — 
[vocabantur]. Le 180 centurie erano invitate contemporaneamente a dare 
il loro voto, sebbene divise le une dalle altre. — ibi, in mezzo ad esse, 
cfr. 38, 4. — si variaret, sott. sententia : quest'uso impersonale del v. vario 
non ricorre altrove in Livio, cfr. difatti 7, 22, 10 variatur comitiis ; 22, 
60, 3 variatur sententiis; 38, 57, 8 variant opinionibus; 2, 57, 2 aliquid 
variat sententias; 27, 57, 12 auctores aliquid variant; 35, 31, 13 muliitudo 
variai. Essendo il voto non individuale ma date per centurie, quando 
le 18 centurie dei cavalieri e le 80 della prima classe si trovavano tra 
loro d'accordo, non faceva mestieri di invitare alla votazione le rima* 
nenti centurie, costituendo già le prime da sole la maggioranza. — se- 
cundae classis, se. centuriae vocabantur. Al posto di questa ellissi si legge 
nei codici vocarentur, che stona col contesto del periodo ed è forse ri- 
chiamato dall'ut, che nei mscr. ha preso il luogo di XX. L'intervento 
di questo ut sembra ora a noi troppo duro ed insostenibile e perciò vi 
sostituiamo volentieri, secondo la proposta del Novak, XX. — nec, cfr. 
2, 4. — descenderunt, pervenirent: qual soggetto di questi verbi si deb- 
bono considerare i magistrati che presiedevano ai comizii. — 12. mi- 
rari oportet " può parer strano „. — hunc ordinem: l'ordinamento e la 
disposizione dei comizii, come era fatta a tempo di Livio, non si tro- 
vava più in nessun modo d'accordo coll'antica costituzione di Servio 
Tullio. Poiché, ingranditasi la città e cresciuto il numero delle tribù 
da 4, quante esse erano a tempo di Servio, a 35, quante esse divennero 
definitivamente nell'a. 241 av. Cr. (cfr. periocha 19), si sentì il bisogno 
di coordinare a tal numero anche quello delle classi e delle centurie; 
le quali, mentre dapprima variavano da classe a classe, ora divennero 
uniformi per tutte, e fnrono in proporzioni eguali costituite dalle sin- 
gole tribù. Sebbene il risultato di questa innovazione non portasse a 
principio alcun cambiamento nel numero delle centurie, le quali indi- 
pendentemente dalle 18 centurie dei cavalieri, conservate intatte, som- 
mavano tuttora a 175 = 35 X 5 (o pure secondo Servio 82 -)- 20 -f- 20 
-+- 20 4- 33); pure, essendosi tolta ogni prerogativa alla prima classe, si 
era attentato alle fondamenta stesse della costituzione Serviana. Oltre 
di che ben presto, come ci avverte Livio, quell'alterazione divenne 
anche numerica, quando, sdoppiate nel seno delle singole tribù le cen- 
turiae seniorum e iuniorum (duplicato carum numero centuriis iuniorum 
teniorutnque), il loro numero complessivo venne sollevato da 175 a 350. 
— duplicato numero earum, cioè raddoppiato il numero delle tribù da 35 
a 70, in seguito alla divisione in esse introdotta dei iuniores dai se- 



166 TITI LIVI, LIB. I 

seniorumque, ad institutam ab Servio Tullio summam non con- 

13 venire. Quadrifariam enim urbe divisa regionibusque et collibus, 

qui habitabantur, partes eas tribus appellavit, ut ego arbitror, 

a tributo; nam eius quoque aequaliter ex censu conferendi ab 

niores, cfr. le frequenti denominazioni di corpus iuniorum e e. seniorum. 
— 13. quadrifariam: questo avverbio ricorre anche in Varrone enei 
prosatori posteriori, mentre invece la prosa classica non riconosce altri 
composti di -fariam che bifariam e multifariam. — enim contiene la 
ragione della differenza che si nota tra le due costituzioni, di cui l'ul- 
tima era modellata sul numero delle tribù, mentre quella di Servio 
prescindeva affatto dalie 4 tribù, in cui la città trovavasi in quel tempo 
divisa. — regionibusque et collibus, qui habitabantur, sott. quadrifariam 
divisis: anche questi due ablativi vanno considerati come parte inte- 
grante dell'abl. ass., meglio che come ablativi di specificazione rispetto 
al part. divisa. Col sost. regionibus par che Livio intenda di accennare 
ai monti Palatino, Capitolino, Celio (incluso nella tribus Suburana, cfr. 
Varr. 1. 1. 5, 46) ed Esquilino assieme alle località loro adiacenti ; e col 
sost. collibus al Viminale e al Quirinale, che pigliano più frequente- 
mente il nome di colles rimpetto ai primi, che son denominati montes f 
cfr. Varr. 1. 1. 5, 51. — qui habitabantur. Tanto da questa espressione, 
come dall'altra urbe che precede, par chiaro, che Livio intende di ac- 
cennare soltanto alla parte abitata o, meglio, ai quattro quartieri in- 
terni della città, senza punto comprendere in essi il territorio rurale 
che le era annesso (cfr. 11, 4; 30, 1; 33, 2. 6); il quale sarebbe stato di- 
viso da Servio in 26 tribù rustiche, secondo Fabio, o pure in 31, se- 
condo Vennonio (cfr. Dion. 4, 15). Questa distribuzione, che riferisce a 
Servio direttamente l'origine di tutte le 35 tribù di Roma, avvenne se- 
condo Livio a gradi e in un'età assai più tarda, cfr. 2, 16, 5. 21, 7. — 
partes, sott, urbis, cfr. Varr. 1. 1. 5, 56 quattuor quoque partes urbis tribus 
dictae ab locis, Suburana, Palatina, Exquilina, Collina', id. 5, 45 e quis 
prima est scripta regio Suburana, secunda Exquihna, tertia Collina, quarta 
Palatina. — tribus a tributo. Varrone ne apparisce in questo punto mi- 
glior etimologo di Livio, ammettendo la derivazione inversa di tributum 
da tribus, che è la sola giustificata e naturale, cfr. 1. 1. 5, 181 tributum 
dictum a tribubus, quod ea pecunia, quae populo imperata erat, tributim 
a singulis prò portione census exigebatur. Il nome tribus, derivato da tres 
e ampliato posteriormente in tribuo (" dividere per tre , e quindi sem- 
plicemente * dividere „) indicava a principio le tre tribù dei Ramni, 
dei Tizii e dei Luceri, che si fusero insieme per formare la popolazione 
di Roma ; e fu conservato anche quando, in seguito alla costituzione 
di Servio, i sobborghi della cittadinanza non furon più tre ma quattro, 
al modo stesso come noi parliamo anch'oggi dei 12 quartieri in cui 
è divisa la città di Napoli, cfr. 10, 6, 7 ; Cic. de rep. 2, 8 populum in 
tribus tris curiasque triginta descripserat; Dion. 4, 14 elg xéxxapag f*oC$ag 
óieÀùjv xìjv nóXtv nàl &éfievo$ ini x&v Xóqnùv xalg fiotoatg xàg ént~ 
%X4\aeig, xfì ftèv HaXaxivfjv, xf} de ^ofioodvijv, xf} dh xoixjj KoààCihjv, 
xfi oh xexdgxn x&v fiotQ&v *IaxvA,Cvijv, xexoàyvÀov énoirjoe xijv nóXtv 
élvai xoiq>vAov oiaav xé<og. — tributum non era propriamente una tassa 
normale, ma un'imposta che i cittadini erano obbligati a pagare allo 



AB UBBE CONDITA, CAP. XLIII, 13; XLIY, 1 2 167 

eodem inita ratio est; neque eae tribus ad centuriarum distri- 
Imtionem numerumque quidquam pertinuere. 

XLIV. Censu perfecto, quem maturaverat metu legis de 
Incensis latae cum vinculorum minis mortisque, edixit, ut omnes 
cives Romani, equites peditesque, in suis quisque centuriis in 
campo Martio prima luce adessent. Ibi instructum exercitum 
omnem suovetaurilibus lustravit; idque conditum lustrum ap- 



Stato, quando questo si trovava in difetto di denaro, per l'allestimento 
dell'esercito : era in altri termini una specie di debito che lo Stato con- 
traeva coi privati, e del quale esso li rifaceva, appena il pubblico erario 
lo avesse permesso, cfr. 2, 23, 5. — aequaliter ex censu : a pagare questo 
pubblico tributo i cittadini contribuivano naturalmente ciascuno a mi- 
sura del proprio avere {prò portione census, a principio esso corrispon- 
deva ad 1 per 1000, cfr. Liv. 19, 15), in modo che quelli che avevano 
il medesimo censo fossero obbligati a pagare la medesima somma, pre- 
scindendo affatto dalla divisione per classi. — distributionem: la divi- 
sione delle centurie serviane prescindeva affatto dal numero delle tribù, 
mentre invece quella che vigeva a tempo di Livio era basata intera- 
mente su questo; però anche prima, in riguardo ai tributi e alla leva 
dei soldati (cfr. 4, 46, 1), si teneva conto non meno delle centurie che 
delle tribù. 

XLIV. — 1. censu, la stima cioè della proprietà individuale, la quale 
venne intrapresa direttamente dal ce, come più tardi dai consoli e in 
seguito poi dai censori. — maturaverat * aveva compiuto in breve 
tempo ,. — metu, per paura delle pene che erano minacciate a chiunque 
non avesse rivelata in tempo la sua proprietà. — incensus è adoperato 
anche in 4, 8, 3, per indicare colui che si fosse sottratto alla rivela dei 
proprii beni. — latae : la frase ferre legem si adopera propriamente per 
indicare una legge proposta all'approvazione dei comizi (cfr. 46, 1); qui 
invece essa ha il senso di " emanare una legge „. — cum minis * sotto 
minaccia „, cfr. 29, 21, 5 cum gravi edicto, Cic. de off. 3, 2, 80 edictum 
cum poma et iudicio. — mortisi secondo Cic. p. Gaec. 99 e Dion. 4, 15, 
la minaccia più grave contro gli incensi era quella di venderli come 
schiavi. — in campo Martio, al di fuori della città verso la parte nord- 
ovest di Roma, perchè non era permesso al popolo di raccogliersi sotto 
le armi al di dentro di essa. In questa regione trovavasi a tempo dei 
re un altare sacro a Marte, cfr. 2, 5, 2. — 2. instructum exercitum: il 
popolo, cioè quella parte di esso che dal re o pure dai censori era am- 
messa a far parte dell'esercito, sì raccoglieva sotto le armi ordinato 
per classi e per centurie, e in tal modo assisteva al lustrum che aveva 
luogo sul campo Marzio. — suovetaurilibus : i tre animali contrassegnati 
con questa parola giravano per tre volte intorno a tutto l'esercito rac- 
colto in armi, e quindi erano offerti come vittime espiatorie e purifi- 
catrici a Marte, cfr. 28, 1 e 8, 10, 14 sipotiatur, Marti suovetaurilibus pia- 
culum fieri. Questi sacrìfizii espiatorii avevano anche luogo in altre 
circostanze, sebbene Livio mostri di collegarli direttamente coll'istitu- 
zione del censo; e poiché essi si praticavano regolarmente, appena il 
censimento fosse compiuto, ne venne che, rinnovandosi questo ogni 



168 TITI LIVI, LIB. I 

pellatum, quia is censendo finis factus est. Milia LXXX eo lustro 
civium censa dicuntur; adicit scriptorum antiquissimus Fabius 
Pictor, eorum, qui arma ferre possent, eum numerum fuisse- 
3 Ad eam multitudinem urbs quoque amplificanda visa est. 
Addit duos colles, Quirinalem Viminalemque; inde deinceps 
auget Esquilias, inique ipse, ut loco dignitas fieret, habitat. 



cinque anni, anche il nome lustrum fosse adoperato per indicare un 
periodo quinquennale. — conditum, da condere * formare „, significa, 
consacrare, sancire , col mezzo del lustrum il censimento già fatto, 
per un periodo di cinque anni : Livio 38, 36, 10 adopera anche in questa» 
vece la frase lustro perfecto, ed i fasti lustro facto. Si noti che conditum 
lustrum funge da predicato di fronte a id. — lustrum e lustrare son 
connessi direttamente con luere, gr. Àotietv. — is " con questo mezzo ,. 
— milia LXXX = LXXX milia : si badi che, se non si trattasse di due- 
numeri da moltiplicarsi, ma da aggiungersi semplicemente l'uno al- 
l'altro, Livio adoprerebbe la costruz. octoginta et milia, più difficilmente 
milia et octoginta. Dionigi ne cita invece 34,700, cfr. anche Eutropio, 1, 
7 sub eo Roma omnibus in censutn delatis habuit capitum LXXXIII milia 
civium Romanorum cum iis qui in agris erant. In questa lista son com- 
presi soltanto gli uomini adatti a portar le armi (tabulae iuniorum, cfr. 
24, 18, 7), cioè tutti quanti i cittadini dai 18 ai 46 anni ; altrove questa 
idea viene meglio circoscritta coll'aggiunta della frase praeter orbos 
orbasque (cfr. 3, 3, 9), con cui si indicano tutti quei cittadini, che son 
liberi dal servizio militare ma non già dai tributi. — Fabius, il più 
antico annalista Romano, viveva a tempo della 2* guerra punica, e 
scrisse in greco una storia romana dalle origini fino ai suoi giorni, cfr. 
2, 40, 10. — eorum qui: poiché i seniores erano esclusi dal servizio mi- 
litare, così la lista sopra riferita di quelli che presero parte al sacri- 
fizio espiatorio doveva comprendere in se solamente xiuniores, cfr. Dion. 
5, 20. — 3. ad eam multitudinem " in considerazione di una sì gran 
moltitudine „, cfr. 8, 4; 19, 6. — colles, cfr. 43, 13: i tre colli qui ri- 
cordati si trovavano a nord del Palatino e del Celio, dal quale eran 
divisi per mezzo di una vallata; verso oriente si estendevano in una 
larga pianura, che fu abitata soltanto più tardi. — Quirinalem : soltanto 
Livio ed Aurelio Vittore considerano questo colle come aggiunto alla 
città primieramente da Servio ; Strabone invece 5, 3, 7 e Dionigi 2, 50 1 
lo considerano quale abitazione dei Sabini e come annesso a quella, fin 
dal tempo di Romolo, cfr. 33, 2. — inde deinceps * e quindi in seguito ,, 
cfr. 2, 47, 11 deinde deinceps; 5, 37, 6 deinceps inde. — auget Esquilias. 
Poiché Dionigi 4, 13 e Strabone, 1. e, considerano questo colle come 
aggiunto alla città per la prima volta da Servio, il Gronovio ed il 
Madvig sono d'avviso che si debba correggere la lezione dei manoscritti 
Esquilias in Esquiliis {auget Esquiliis, sott. urbem, equivarrebbe a addit 
Esquilias). Però, se si bada che il nome di questo colle, erroneamente 
dapprima connesso con aesculus, or si riconduce comunemente da tutti 
alla radice di excolere, e che in conformità di questa etimologia aBsai 
plausibile, proposta dall'Huschke, si considerano oggimai gli abitanti 
delle Esquiliae (Exquiliae) o Exquilini come contrapposti agli inquilini,. 



AB UBBE CONDITA, CAP. XLIV, 3 — 4 169 

Aggere et fossis et muro circumdat urbem; ita pomerium profert. 
Pomerium, verbi vim solam intuentes, post-moerium interpre- 4 
tatur esse ; est autem magis circa-moerium locus, quem in 
condendis urbibus quondam Etrasci, qua murum ducturi erant, 



cioè come gli abitanti del contado di fronte a quelli della città, dovrà 
ritenersi per lo meno arbitraria se non inutile una tale emendazione; 
poiché torna assai facile interpretare il pensiero di Livio nel senso, che 
Servio per accrescere e richiamare maggior numero di abitatori sulle 
Esquilie venne quivi dapprima a porre la sua dimora, e quindi l'incluse 
nella cerchia della città per mezzo delle sue mura, cfr. Varr. 1. 1. 5, 49 
alti scriptores dictas Exquilias ab eo quod excultae a rege Tullio essent. 

— ut loco dignita8 fieret : queeta frase conferma l'etimologia e la lezione 
testé accettata, poiché se l'Esquilino, al pari del Quirinale e del Vimi- 
nale, fosse stato per la prima volta abitato dai Romani al tempo di 
Servio, non si capirebbe la ragione per cui quivi piuttosto che sugli 
altri colli fosse venuto a porre la sua stanza. — aggere et fossa. Le 
mura, prima interrotte e poi continuate da Tarq. Prisco (36, 1 ; 38, 6), 
o non furono mandate a termine o pur non si estendevano ancora a 
tutta quanta la città, la quale venne per la prima volta, e per opera 
di Servio Tullio, chiusa tutta all'intorno da un muro di circonvalla- 
zione, costruito di pietre rettangolari e oltremodo solido, cfr. Dion. 4, 
14; 9, 68. Quest'opera grandiosa, di cui anche recentemente si sono sco- 
perti copiosissimi avanzi, cominciava dal Tevere in vicinanza della porta 
Trigemina, sul lato settentrionale dell'Aventino e pei fianchi di esso 
scendendo rimontava il Celio, l'Esquilino, il Viminale e il Quirinale, 
terminando presso il Campidoglio. All'intorno del muro era scavata 
un'ampia e profonda fossata (fossae), protetta da un largo bastione o 
terrapieno, cfr. Cic. de rep. 2, 11 cuius is est tractwt ductusque muri cum 
Romuli tum etiam reliquorum regum sapientia definitus ex omni parte ar- 
dui* praeruptisque montibus, ut unus aditus, qui esset inter Esquilinutn 
Quirinalemque tnontem, maximo aggere obiecto, fossa cingeretur vastissima. 

— 4. pomerium. Sebbene la grafia pomoerium non sia sufficientemente 
documentata, pure può ritenersi quasi sicura la connessione di questa 
voce con *moerus = murus : essa indica propriamente quello spazio li- 
bero che intercedeva in ogni città antica tra i piedi del muro di cinta 
e la linea entro cui potevano sorgere le costruzioni sia pubbliche sia 
private, cfr. la definizione che gli auguri davano del pomerio in 
Gellio 13, 14, 1 pomerium est locus intra agrum effatum per totius urbia 
eircuitum pone muros regionibus ceteris determinatus, qui facit finem ur- 
bani auspicii. — vim " l'etimologia, il significato della parola ,, cfr. Cic. 
Tusc. 3, 5, 11 ; Quint. 1, 6, 28; Liv. 32, 21, 16 res ipsas intuente. — circa, 
all'intorno dì tutto quanto il muro di cinta, tanto all'indentro che al 
di fuori. — Etrusci. Catone fa, in conformità delle loro dottrine, le se- 
guenti prescrizioni : qui urbem novam condet tauro et vacca aret, ubi ara- 
verit murum faciat, ubi portam vult esse, aratrum sustollat et portet et 
portam vocet. La vacca veniva aggiogata dalla parte interna, il toro 
dall'esterna, e il solco segnato dall'aratro (primigenius sulcus) veniva 
considerato come simbolo della fossa che doveva circondare la città, a 
quel modo che le zolle riversate su loro stesse rappresentavano il ter» 



170 TITI LIVI, LIB. I 

certis circa terminis inaugurato consecrabant, ut neque interiore 
parte aedificia moenibus continuarentur, quae nunc vulgo etiam 
coniungunt, et extrinsecus puri aliquid ab humano cultu pateret 

S soli. Hoc spatium, quod neque habitari neque arari fas erat, 
non magis, quod post, murum esset, quam quod murus post id, 
pomerium Romani appellarunt; et in urbis incremento semper, 
quantum moenia processura erant, tantum termini hi consecrati 
proferebantur. 

i XLV. Aucta civitate magnitudine urbis, formatis omnibus 
domi et ad belli et ad pacis usus, ne semper armis opes acqui- 
rerentur, Consilio augere imperium conatus est, simul et aliquod 

2 addere urbi decus. Iam tum erat inclitum Dianae Ephesiae 



rapieno, cfr. 7, 1. — certis circa terminis : era vietato di costruire edi- 
fizii o pur di trafficare al di dentro del pomerio (puri, cfr. 25, 17, 3), 
essendo questo un luogo consacrato agli dèi per mezzo degli auspicii e 
per mezzo di termini o cippi, cfr. Tac. Ann. 12, 24. — continuarentur 
si attaccassero direttamente ,,cfr. 34, 4, 9; 23, 17, 5 opera continuare. 

— vulgo etiam " assai comunemente „, ne soltanto in casi eccezionali. 

— coniungunt " ve li appoggiano addirittura ,; cioè fanno servire il 
muro di cinta come muro di sostegno per le proprie case, cfr. 10, 10, 1 
erant aedificia iuncta muro ; 22, 20, 5 aedificia iniungere muro. — puri ab, 
vien meglio dichiarato dalla frase seguente : neque habitari neque arari, 
cfr. per la costruzione 9, 41, 8 integer a. — 5. habitari al di dentro, 
arari al di fuori; però il pomerium propriamente detto comprendeva 
soltanto lo spazio al di dentro delle mura, più raramente anche quello 
al di fuori di esse. — quantum: l'Aventino, sebbene fosse circondato da 
mura, era escluso dal pomerium, cfr. 7, 1. 

XLV. — 1. magnitudine urbis : " col crescer della città , crebbe anche 
la cittadinanza, della quale furon chiamati a far parte anche i plebei, 
cfr. 38, 35, 13 ; Dion. 4, 25. — formatis ad " disposta, ordinata ogni 
cosa „, cfr. 44, 1,5. — omnibus = omn. rebus, cfr, n. 1, 1 : qui si accenna 
al doppio carattere della costituzione di Servio, politico e militare. — 
decus, il tempio di Diana. — 2. iam tum. Nessuno sospetterebbe mai 
che il tempio di Diana Efesina, fondato pochi anni innanzi (01. 45 =» 
e. 600 av. Cr.), potesse fin dalle sue origini (tra il 176 e il 219 U. e.) 
esser già così famoso, come divenne certamente di poi. Il tempio di 
Artemide (una delle 7 meraviglie del mondo) era il santuario religioso 
delle 12 città ioniche, le quali quivi si riunivano a far sacrifizii comuni 
e a trattare gli affari più notevoli della lega (cfr. Dion. 4, 25; Erod. 1, 
148); e forse fu tenuto presente da Servio nel fondare sul lato setten- 
trionale dell'Aventino, di fronte al santuario del m. Albano (cfr. 29, 6 ; 
31, 3), il nuovo centro religioso della confederazione dei Romani coi 
popoli latini. Certo egli è che, nel nuovo tempio quivi costruito, l'an- 
tica divinità del Lazio Diana fu venerata non solo sotto il nome, ma 
anche sotto le forme dell'Artemide di Efeso, cfr. Strab. 4, 1, 5 xoi fy 
xal xò góavov xtfg 'Agiéfiidog xljg èv z$ 'Afìevxlvtp ol 'Ptofiaìoi xìjv aèx^v 
4ià&eciv i%ovze$ r$ naQà xoìg MaooaÀtàzais àvd&eoav e 4, 1, 4, dova 



AB XJBBB CONDITA, OAP. XLIV, 5; XLV, 1 — 3 171 

fanum. Id communiter a civitatibus Asiae factum fama ferebat. 
I£um consensum deosque consociatos laudare mire Servius ìnter 
proceres Latinorum, cum quibus publice privatimque hospitia 
amicitiasque de industria iunxerat. Saepe iterando eadem per- 
pulit tandem, ut Romae fanum Dianae populi Latini cum populo 
Romano facerent. Ea erat confessio caput rerum Romam esse, 3 
de quo totiens armis certatum fuerat. 



si afferma che l'Artemide di Marsiglia era affatto simile a quella di 
Efeso. D tempio fu dedicato il giorno degli idi di agosto, che anche in 
seguito venne considerato come giorno di festa per gli schiavi, cfr. Festo, 
p. 343 servorum dies f estua vulgo existimotur Ictus aug., quod eo die Ser- 
vius Tullius, natus servus, aedem Dianae dedicaverit in Aventino, cuius 
tutelae sint cervi, a quo eeleritate fugitivos vocent cervos. Sulle colonne 
del tempio, Dionigi 4, 26 poteva leggere ancora riscrizione (dedicatio), 
con cui esso era stato consacrato, della quale però Livio non fa espressa 
menzione. In essa era ricordato, come i Romani e i Latini avessero 
contribuito in parti eguali alle spese della costruzione, come ad esso fosse 
annesso un asilo, e come nel tempio avesse luogo ogni anno una so- 
lenne festività, a cui pigliavano parte tutte quante le città della lega, 
eia assistendo al sacrifizio comune, sia compiendo ciascuna altri sacri fizii 
per conto proprio. Nel tempio si riunivano ancora i delegati dei sin- 
goli comuni, quando eran chiamati a risolvere questioni sorte tra i sin- 
goli membri della lega (lex arae Dianae in Aventino), cfr. Varr. 1. 1. 5, 
48 ab adventu hominum (dictus Aventinus), quod commune Latinorum ibi 
Dianae templum sit constitutum. — Asiae = Asia Minore, cfr Varr. 1. 1. 
5, 3 et Asia dicitur prioris pars Asiae, in qua est Ionia. — deos conso- 
ciatos = consociano deorunt 40, 5, 10, cfr. n. 14, 9 : il riconoscere cioè 
Artemide, come dea della lega, qual tutrice comune della confedera- 
zione politica. — mire * straordinariamente „: Livio adopera quest'av- 
vèrbio soltanto in unione con gratus (7, 27, 13), laetus (45, 44, 18) e 
gaudere (22, 40, 7). — procires = principes, primores, cioè l'aristocrazia, 
la quale assunse il governo di tutte le città latine, dopo la cacciata dei 
re, cfr. 49, 8; 51, 3; 2, 19, 5. — publice " nelle pubbliche relazioni „: si 
chiamava publicum hospitium l'ospitale accoglienza, la protezione e la 
partecipazione ai pubblici spettacoli, che si accordava ai cittadini degli 
Stati amici, cfr. la voce greca nqo^evla e 5, 28, 5 la frase hospitia pu- 
blice iungere significa appunto stabilire con un popolo straniero patti di 
vicendevole ospitalità, cfr. 2, 22, 7. — privatim, cioè coi singoli citta- 
dini del Lazio, cfr. 49, 8; 21, 18, 8; 32, 2, 11 privatis hospitiis. — per- 
pulit " ottenne „, si trova adoperato assolutamente anche in 2, 31, 5. — 
Romae fanum Dianae. L'Aventino, appunto perchè sede del tempio di 
Diana, non era al di dentro della città, ma al di fuori del pomerium, 
cfr. Gellio 13, 14 quaesitum est quam ob causam ncque id Servius Tullius 
rex, ncque Sulla, qui proferendi imperii titulum quaesivit, neque divus 
Julius, cum pomerium proferret, inter effatos urbis incluserint. — 3. ea 
trai: in questo vi era, ecc., cfr. 33, 6. — caput rerum = nqooxaoiav 
Dion., 4, 26 " la città capitale della lega ,, cfr. 52, 5; 8, 2, 13; si noti 



172 TITI LIVI, LIB. I 

Id quamquam omissum iam ex omnium cura Latinorum ob 
rem totiens infeliciter temptatam armis videbatur, uni se ex 
Sabinis fors dare visa est privato Consilio imperii reciperandi. 

4 Bos in Sabinis nata cuidam patri familiae dicitur miranda ma- 
gnitudine ac specie ; fixa per multas àetates cornua in vestibulo 

5 templi Dianae monumentimi ei fuere miraculo. Habita, ut erat, 
res prodigii loco est; et cecinere vates, cuius civitatis eam 
civis Dianae immolasset, ibi fore imperium; idque Carmen per- 

6 venerat ad antistitem fani Dianae. Sabinusque, ut prima apta 
dies sacrificio visa est, bovem Romam actam deducit ad fantina 
Dianae et ante aram statuit. Ibi antistes Romanus, cum eum 
magnitudo victimae celebrata fama movisset, memor responsi 
Sabinum ita adloquitur: «quidnam tu hospes paras» inquit 

che il Lazio era stato già soggiogato da Roma, cfr. 38, 4. — id si riferisce 
al pensiero espresso dalla frase caput rerum esse. — omissum ex cura 
omn. Latinorum: sebbene tutte le città del Lazio, anzi i singoli citta- 
dini di esse, avessero definitivamente smesso il pensiero di poter con- 
tendere a Roma e conseguire, quando che fosse, la supremazia sulle 
altre città del Lazio, pur l'egemonia di Roma fu messa per un momento 
in dubbio da un caso speciale toccato ad un cittadino Sabino. — uni 
ex Sabinis: questo Sabino, di cui si tiene in seguito discorso, è contrap- 
posto a omnes Latini. Come si scorge chiaramente da questo luogo, i 
Sabini avevano, a fianco dei Latini, annuito alla lega, che stabiliva il 
centro della nuova confederazione latina sul m. Aventino. — se for* 
dare visa est, una fortunata circostanza, cfr. 3, 5, 2 si qua fortuna 
daret; Ter. Hec. 380 nobis ut res dant sese; Cic. ad Att. 3, 23, 5 ut se 
initia dederint. — imperii reciperandi ripete il pensiero espresso colla 
frase caput rerum esse. — 4. patri familiae : la leggenda gli dà il 

nome di Antro Curiatius. Si noti che Livio non adopera mai la forma 
di gen. familias. — magnitudine: Livio adopera più frequentemente al- 
trove, sopratutto con magnitudo, il gen. di qualità. — vestibulo, cfr. 40 r 
5 e 48, 1: nel vestibolo del tempio si trovavano sospese le spoglie di 
qualsiasi genere, cfr. Verg. 7, 181. — monum. miraculo, come testimo- 
nianza di quel fatto prodigioso, che usciva dalla cerchia delle cose or- 
dinarie (prodigium). L'uso del dat. è in questa frase assai frequente in 
Livio e conferisce al discorso maggiore vivacità, cfr. 86, 5. — 5. ut 
erat, essendo realmente una cosa straordinaria. — civis immolasset e la 
lezione del cod. parigino, la quale si contrappone all'altra cives imtno- 
lassent, che hanno d'accordo tutti quanti gli altri codici. — Carmen 
" profezia „, così detta perchè le profezie avevano quasi sempre forma 
e schema di assonanza o di ritmo, cfr. n. 26, 6. — 6. Sabinusque, cfr., 
quanto all'uso del que esplicativo, n. 2, 5. — ut prima = ut primum f 
cfr. 27, 6, 2 in quem diem primum potuit; 29, 24, 7 quae prima dies cursum 
daret. — bovem actam. È notevole che mentre ad Artemide si offriva in 
sacrifizio il cervo, qui invece a Diana venga immolata una vacca, cfr. 
Plut. Q. R. dia ti xolg àÀÀoig Apieucoioig énexeiàig èÀdqxov negata nooo- 
naxxaXeiovot,, ry <T "Aflevtlvy Qo&v ; — responsi => carminis. — inquit, 



AB UBBK CONDITA, GAP. XLV, 4 — 7 ; XLVI, 1 173 

«inceste sacrificium Dianae facere? quin tu ante vivo perfiin- 
deris flumine? infima valle praefluit Tiberis. »* Religione tactus 7 
hospes, qui omnia, ut prodigio responderet eventus, cuperet rite 
facta, extemplo descendit ad Tiberini. Interea Romanus immolat 
Dianae bovem. Id mire gratum regi atque ci vitati fuit. 

XLVI. Servius quamquam iam usu haud dubie regnum 1 
possederà^ tamen, quia interdum iactari voces a iuvene Tar- 
quinio audiebat se iniussu populi regnare, conciliata prius vo- 
luntate plebis agro capto ex hostibus viritim diviso, ausus est 
ferre ad populum, vellent iuberentne se regnare ; tantoque con- 



dopo adloquitur, è un mero pleonasmo, cfr. 7, 16, 5; Nep. Hann. 2, 2 hoc 
adiunxit : pater meus, inquit, Hamilcar; Geli. 15, 31. — inceste = non caste 
<Stt. elo. Agli dèi era mestieri che uno si avvicinasse colla mente e colle 
mani pure, cfr. Cic. leg. 2, 8, 19 ad divos adeunto caste; Liv. 27, 37, 10 
pure casteque sacrificato; 45, 5, 7 incestas tnanus inlulisse intra termino» 
templi: era perciò necessario, prima di avvicinarli, di lavarsi all'acqua 
corrente (rivo flumine), cfr. Verg. 2, 720 sacra attrectare nefas, donec me 
flumine vivo Abluero. — quidnam * perche mai „. — facere è legato di- 
rettamente con paras. — quin, cfr. 57, 7. — infima valle, giù nella valle, 
che era ai piedi dell'Aventino. — praefluit «= praeterfluit 44, 31, 3, cfr., 
per quest'uso liviano di prae = praeter, praeferri 44, 29, 3 ; praetehi 24, 
44, 10. — 7. religione " scrupolo ,, cfr. 5, 15, 6 haud intaeti religione 
animi. — facta in luogo di fieri, come si nota frequentemente dopo velie. 
XLVI. — 1. usu. Si chiamava usus anche usucapio l'usufrutto che 
uno percepiva di qualche cosa, il quale gli concedeva, secondo le leggi 
delle XII tavole, dopo due anni il diritto al possesso, cfr. Ul piano do- 
mina adeptio per continuationem possessionis, e Liv. 22, 44, 6 quod Han~ 
nibal iam velut usu cepisset Italiam. In seguito a quel che si è detto in 
42, 3 avrebbe già potuto aver luogo l'elezione di Servio; ma Livio volle 
aspettare che la nuova costituzione fosse già data, quasi per anticipar 
la notizia del modo come funzionavano i comizii centuriati nell'elezione 
dei consoli, cfr. 60, 4. — Tarquinio, cioè Lucio Tarq., cfr. § 4. — se si 
riferisce al soggetto del verbo reggente. — iniussu, cfr. 41, 6. — agro 
capto diviso contiene la ragione dell'abl. assoluto òhe precede conciliata 
pube, e perciò è ad esso congiunto senza particella copulativa, cfr. per 
un simile accumularsi di abl. assoluti 12, 10; 14, 4. — ager captus o 
captivus è propriamente Yager publicus, al quale avevano diritto in prin- 
cipio soltanto i patrizii o pure qualcuno dei plebei più poveri (cfr. 2, 
41, 2). Sebbene Livio abbia omesso di ricordare come i primi re divi- 
dessero il territorio pubblico, pure egli qui considera Servio come il 
primo autore delle leges agrariae, le quali furono propugnate dai tri- 
buni della plebe per guadagnarsi il favore popolare, cfr. Dion. 4, 9 e 
Liv. 85, 2; 47, 11. — viritim, a tutti quanti i cittadini uno per uno, cfr. 
4, 48, 2; 42, 4, 3. — ausus est, cfr. Cic. de rep. 2, 38 populum de se 
ipse (senza concorso dell' interrox) consuluit. Forse Livio intende di ac- 
cennare alla lex curiata de imperio (cfr. 19, 1), la quale sarebbe stata 
or proposta da Servio nei comizii centuriati. — vellent iuberentne: è 



174 TITI LIVI, LIB. I 

sensu, quanto haud quisquam alius ante, rex est declaratus^ 

2 Neque ea res Tarquinio spem adfectandi regni minuit; immo 
eo impensius, quia de agro plebis adversa patrum voluntate 
senserat agi, criminandi Servi apud patres crescendique in 
curia sibi occasionem datam ratus est, et ipse iuvenis ardentis 
animi et domi uxore Tullia inquietum animimi stimulante. Tulit 

3 enim et Romana regia sceleris tragici exemplum , ut taedia 
regum maturior veniret libertas, ultimumque regnum esset, 

4 quod scelere partum foret. Hic L. Tarquinius — Prisci Tar- 
quini regis filius neposne fuerit, parum liquet; pluribus tamen 
auctoribus fìlium ediderim — fratrem habuerat Arruntem Tar- 

5 quinium, mitis ingenii iuvenem. His duobus, ut ante dictum 
est, duae Tulliae, regis filiae, nupserant, et ipsae longe dispares 



questa la forinola, con cui si faceva solitamente al popolo qualsiasi 
proposta di legge (rogatici), e, poiché le due parole si univano in un 
concetto solo, la particella interrogativa era quasi sempre annessa alla 
seconda di esse, cfr. 22, 10, 2 velitt'8 iubeotisne haec sic fieri? — 2. spem 
adfectandi, cioè la speranza di aspirare con successo al regno, cfr. 2, 7, 
6 regnum eum adfectare ; 29, 6, 2 spes adfectandae ehts rei. — eo impen- 
sius * con tanta maggior premura ,, si riferisce propriamente al con- 
cetto espresso nella prop. precedente instituit affidare. — agi: il se- 
nato si pronunziò contrariamente alla partizione dell'aver publicus alla 
plebe. — adversa, cfr. 2, 35, 4; 42, 22,2. I primi re avevan diviso Vager 
publicus, senza interrogare in proposito il senato (cfr. Cic. de rep. 2, 26, 
33); però, poiché Servio aveva stabilito di mettere a parte di esso, come 
era a parte degli altri carichi dello Stato, anche la plebe, il senato si 
oppose a tale deliberazione, rivendicandone a sé stesso 1 diritto com- 
pleto, cfr, 2, 41, 2. Ma Servio fece valere la propria autorità, a mal- 
grado dell'opposizione dei patres (adv. patrum voluntate). — crescendi i 
egli sperava di potersi creare nel senato un partito favorevole, il quale 
secondasse i suoi ambiziosi disegni, cfr. 47, 7 ; 35. 19, 5 si quibus mei» 
criminibus apud te crescere libet. — et ipse, cfr. § 5 e 30, 6. — 8. tulit 
= protulit, prodidit. — et Romana regia, al pari della casa reale di Tebe 
e di Micene. — sceleris tragici: qui si accenna al oarattere veramente 
tragico, che presenta la figura dell'ultimo re di Roma, cfr. 45, 19, 15 
fabulis traditus impiorum fratrum eventus, dove si accenna ai figli di 
Edipo. — ut: Livio riconosce in ciò la presenza del fato, il quale di- 
rige agli occhi Buoi il cammino della storia. — taedio maturior: la li- 
bertà si istallò in Roma, prima che si cominciasse a sentir tedio della 
presenza dei re. — 4. filius neposne : l'annalista Pisone era di questa 
seconda opinione. — pluribus auct. abl. ass. " col maggior numero degli 
scrittori ,, cfr. 6,42, 6 pluribus auctoribus magie adducor ut credam A 
questo stesso criterio Livio si attiene anche altrove, sopratutto riguardo 
alla storia primitiva di Roma: altra volta egli si lascia guidare dal 
criterio della maggiore antichità, cfr. 8, 40, 5; 22, 7, 4. — ediderim =» 
esse dixerim. — habuerat: il piuccheperf. è messo in relazione colla 



AB UBBB CONDITA, GAP. XLVI, 2—7 175 

moribus. Forte ita inciderat, ne duo violenta ingenia matrimonio 
iungerentur, fortuna, credo, populi Romani, quo diuturaius Servi 
regnum esset constituique civitatis mores possent. Angebatur & 
ferox Tullia nihil materiae in viro neque ad cupiditatem neque 
ad audaciam esse; tota in alterum aversa Tarquinium eum 
mirari, eum virum dicere ac regio sanguine ortum; spernere 
sororem, quod virum nacta muliebri cessaret audacia. Contranit 7 
celeriter similitudo eos, ut fere fit, malum malo aptissimum; 
sed initium turbandi omnia a femina ortum est. Ea secretis 
viri alieni adsuefacta sermonibus nullis verborum contumeliis 
parcere de viro ad fratrem, de sorore ad virum; et se rectius 
viduam et illum caelibem futurum fuisse contendere, quam eum 

morte di lui, narrata nel § 9. — 5. inciderai ha quasi lo stesso senso 
di ucciderai, con questa differenza che accenna sopratutto a cose ina* 
spettate e straordinarie, cfr. 26, 23, 2 forte ita incidit ut comitiis perfectis 
nuntiaretur. — ne rappresenta questo fatto come direttamente voluto e 
procurato dalla fortuna populi Romani. — fort. pop. Rom. è apposizione 
di forte (abl.). — constitui " costituirsi solidamente „. — 6. angebatur 
* si tormentava, si affliggeva, viveva in continua inquietudine ., cfr. 28, 
8, 1; 40, 54, 4. Altrove è più frequentemente usata la costruz. attiva 
aìiquid angit animum o pure aliquem, cfr. 24, 2, 4; 26, 7, 6. ~ ferox. Di 
regola non si adopera un agg. accanto ad un nome proprio, se non 
quando funge da cognome (cfr. Alexander Magnus); in ogni altro caso 
si usa in sua vece l'aggettivo in forma d'apposizione, congiunto ad 
homo, vir, mulier, cfr. Arruntem mitis ingenii iuvenem. Qui però ferox 
è adoperato per distinguere la Tullia di carattere passionato ed ardente 
dall'altra assai più mite e buona, cfr. 23, 4 e Cic. Or. 105, Br. 127, leg. 
2, 15, 39. — nihil materiae " nessuno stimolo ,, cfr. 39, 3: essa era sof- 
ferente perchè nessun desiderio di grandezza agitava l'animo del marito 
e nessuna energia traspariva dalle sue azioni. — tota, cfr. 59, 2. — 
aversa, cfr. n. 6, 1 ; 40, 7. — virum, cfr. 41, 8. — mirari = admirari. — 
muliebri audacia, dall'audacia che sopratutto a Tullia doveva parere la 
caratteristica e l'ornamento più naturale dell'animo di una donna, cfr. 24, 
22, 8 eum uxor, filia Hieronis, inflata adhue regiis animis ac muliebri 
spirita admonet. — cessaret coll'abl. " venisse meno „, cfr. 42, 6, 8 se 
nullo U8quam cessaturum officio : altrove in dipendenza da cessare si ado- 
pera in coll'abl., cfr. 5, 42, 8. — 7. ut fere fit, dn. elg. — malum m. 
aptissimum: trattandosi di un'espressione proverbiale, essa vien con' 
giunta alla proposizione che precede senza particella copulativa, cfr. 
Cic. de off. 1, 33. — initium ortum, cfr. praef. n. 12. — adsuefacta, cfr. 21, 
8, 4 e 24, 48, 12 operi adsuefecit. — de viro ad fratrem * del proprio 
marito innanzi al fratello di lui ,, cfr. quanto alla costruzione le frasi 
ad populum, ad senatum. — de sorore ad virum * della propria sorella 
innanzi al marito di lei », si cfr. 34, 9 e 47, 1 e si noti il chiasmo e 
l'anafora, che si intrecciano insieme e accrescono le tinte della doppia 
maldicenza. — rectius " meglio ,, cfr. 13, 3. — viduam funge qui come 
femm. di caelebs, cioè donna che non è ancora passata a marito, cfr. 43, 9 



176 TITI LIVI, LIB. I 

$ impari iungi, ut elanguescendum aliena ignavia esset. Si sibi 
eum, quo digna esset, di dedissent virum, dorai se prope diem 
visuram regnum fuisse, quod apud patrem videat. Celeriter adu- 

9 lescentem suae temeritatis implet. Arruns Tarquinius et Tullia 
minor prope continuatis funeribus cum domos vacuas novo ma- 

e Or. Ep. 1, 1, 78. — contendere * affermare „. — impari, di nascita e 
di animo disuguale, cfr. 6, 34, 9. — iungi " vivere unita , : il presente 
serve a indicare uno stato permanente, cfr. 28, 7, 2. Veramente dopo 
polius quam, o un'altra forma a questa simile di comp., gli scrittori 
classici, e lo stesso Livio, adoperano sempre altrove, tanto nell'o ratio 
recta come nell'or, obi., quando non preceda il v. volo, il cong. eoa 
o senza ut (cfr. 2, 15, 2); però la stessa costruzione, che è qui usata, ri- 
corre anche in 37, 56, 10, né ci par prudente mutarla. — 8. domi, 
sott. suae, che è omesso a causa del pron. se. — videat, è costretta a 
vedere: il cong. presente di fronte al cong. impf. {esset) serve a con- 
trapporre la realtà a ciò che è semplicemente vano desiderio. Questi 
cambiamenti di costruzione nell'or, obi. son frequenti in Livio, cfr. 51, 
4 e Caes. b. g. 1, 31. — celeriter implet: anche alla fine del § 2 è essa 
quella che istiga e accende nell'animo dello sposo le brame ambiziose 
di governo, in esso già a stento represse. — adulescentem. Tanto a prin - 
cipio del presente capitolo quanto nel punto in cui Servio cominciò a 
regnare (cfr. 42, 1), L. Tarquinio si trova ricordato* da Livio col nome 
di iuvenis; il che farebbe supporre che egli avesse al presente circa 
60 anni di età, avendone regnati non meno di 40 Servio. Fu appunto 
questa difficoltà quella che fece immaginare a Pisone e ad altri anna- 
listi (cfr. Dion. 4, 7), ohe Lucio ed Arrunte Tarquinio fossero non già 
figli ma nipoti di Tarq. Prisco. — temeritatis. Implet si trova costruito 
frequentemente, in conformità dell'uso greco, col genitivo sopratutto 
dei nomi astratti, così da Livio come da Ciò., cfr. 6, 25, 9 repletas pue- 
rorum et mulierum. Al di fuori di questo e di altri casi affini, Livio 
adopera sempre altrove l'ablativo in unione con implere. — 9. Arruns 
Tarquinius. Gli editori tedeschi, dietro l'es. del Madvig, ammettono con- 
cordemante che Livio o il suo copista abbiano confuso Arruns Tarqui' 
nius con Lucius Tarquinius, che qui dovrebbe esser sostituito, perchè 
la lezione dei mscr. abbia un senso soddisfacente. A tale ipotesi essi 
sono condotti non solo dal desiderio di ricondurre ad un sol soggetto 
i due verbi principali del periodo fecissent e iunguntur, ma anche dalla 
tendenza di mettere ad ogni costo d'accordo Livio con Dionigi, il quale 
afferma che la minore figliuola di Servio fosse andata sposa ad Arrunte 
Tarquinio (cfr. 4, 28 SieA&óvTOS oè noXXov fiera latita %qóvov xolg 
aitoìg nàveoiv àno^vfjQ%ovoiv ^ %e nQeopvxéQa x&v TvXXiov &vya- 
téooìv xal ó ve&TCQos x&v Taouvvlaìv). Però, se si bada alla nessuna 
difficoltà che presenta questa seconda ipotesi, che la figliuola minore 
di Servio, contrariamente a quel che afferma Dionigi, fosse considerata 
da Livio come la più buona delle due sorelle, e d'altra parte si riflette, 
che i due nomi di Arruns Tarquinius e Tullia m nor non sarebbero 
stati probabilmente ripetuti a principio del § 9, se Livio avesse voluto 
accennare a quegli stessi personaggi, di cui aveva sino a quel punto 
discorso; acquisterà grandissima probabilità l'opinione del Seeley, il 



AB UBBE CONDITA, GAP. XLVI, 8—9 J XLVII, 1 — 4 177 

trimonio fecissent, iunguntur nuptiis magis non probibente Servio 
quam adprobante. 

XLVII. Tum vero in dies infestior Tulli senectus, infestius 1 
coepit regnum esse. Iam enim ab scelere ad aliud spoetare 
mulier scelus, nec nocte nec interdiu virum conquiescere pati, 
ne gratuita praeterita parricidia essenti non sibi defuisse, cui 2 
nupta diceretur, nec cum quo tacita serviret; defuisse, qui se 
regno dignum putaret, qui meminisset se esse Prisci Tarquini 
fittum, qui habere quam sperare regnum mallet. « Si tu is es, 3 
cui nuptam esse me arbitror, et virum et regem appello: sin 
minus, eo nunc peius mutata res est, quod istic cum ignavia 
est scelus. Quin accingeris? non tibi ab Corintho nec ab Tar- 4 
quiniis, ut patri tuo, peregrina regna moliri necesse est; di te 



quale proponeva di considerare quali soggetti di iunguntur, non già 
quegli stessi Arruns Tarquinius e Tullia minor che si trovano a prin- 
cipio del periodo, ma sibbene L. Tarquinius e Tullia maior, che sono gli 
attori principali di tutto quanto il racconto. Ne torna duro sottintenderli 
in questo punto, sopratutlo a causa dell'antitesi assai ohiara, che si 
nota tra i due membri del periodo, e che si cancellerebbe, riferendo 
impropriamente, come tutti fanno, la frase domus vacuas novo matri- 
tnonio fecissent, non già ai morti ma sibbene ai vivi. — vacuas fecis- 
sent: ci è qui probabilmente una reminiscenza di Cic. Cat. 1, 6, 14 cum 
morte super io ris uxoris novis nuptiis domum vacuefecisses, o pur di Sali. 
Cat. 15, 2 vacuam domum scelestis nuptiis fecisses. — magis, cfr. 22, 45, 
5 magis non probare quam non adiuvare. 

XLVII. — 1. infestior ha senso passivo " più minacciata, meno si- 
cura „ cfr. 2, 49, 9. — ab scelere, cfr. 3, 11: il primo errore ne chiama 
dietro di se cento altri, sopratutto quando si tratta di una donna, in- 
torno alla quale riman sempre vera la sentenza di Tacito: f emina amissa 
pudicitia nullum flagitium a se abnuerit. — gratuita * senza ricompensa, 
inutili ,, cfr. 2, 42, 6; 3, 37, 8 virgis caedi ne gratuita crudelitas esset. Si 
noti che la pronunzia gratuitus, al pari dell'altra alterìus, si fonda su 
pochi luoghi di poeti dattilici, in cui 1'» di penultima fu abbreviato per 
ragione del metro: la lunghezza dell'» tanto di gratuitus quanto di for- 
tuitus (cfr. anche orbitus) e documentata da non pochi luoghi di Plauto 
e di Orazio. — 2. diceretur, si potesse chiamare sposa. — tacita, 

tranquillamente, senza far nulla. — 8. si tu, se tu sei veramente lo 
sposo a cui io credevo d'essermi congiunta. — appello " ti saluto „, cfr. 
48, 5. — sin minus : Livio adopera sempre altrove in sua vece si minus 
o pure si non. — peius è adoperato avverbialmente in luogo di in peius, 
sull'analogia delle frasi bene vertere, male vertere (28, 1), cfr. però 10, 42, 
7 in bonum vertere; Quint. 1, 1 bona facile mutantur in peius; Tac. Ann. 
3, 34 multa in melius mutata. — istic = in te, cfr. 10, 1 ; 38, 4. — 4. ac- 
cingeris è adoperato assolutamente soltanto in questo luogo; altrove in- 
vece è costruito sempre con ad o pure con in, cfr. 28, 41, 8 quin igitur 
od hoc accingeris? — ab indica movimento da un luogo. — peregrina 

E. Cocchia, Tito Livio, I, 8* ed. *& 



178 TITI LIVI, LIB. I 

penates patriique et patris imago et domus regia et in domo 

5 regale solium et nomen Tarquinium creat vocatque regem. Aut 
si ad haec parum est animi, quid frustraris civitatem? quid te 
ut regium iuvenem conspici sinis? Facesse hinc Tarquinios aut 
Corinthum, devolvere retro ad stirpem, fratris similior quam 

6 patris ». His aliisque increpando iuvenem instigat, nec con- 
quiescere ipsa potest, si, cum Tanaquil, peregrina mulier, tantum 
moliri potuisset animo, ut duo continua regna viro ac deinceps 
genero dedisset, ipsa, regio semine orta, nullum momentum in 

7 dando adimendoque regno faceret. His muliebribus instinctus 
furiis Tarquinius circumire et prensare minorum maxime gen- 
tium patres, admonere paterni beneficii ac prò eo gratiam re- 
petere; adlicere donis iuvenes; cum de se ingentia pollicendo 

8 tam regis criminibus omnibus locis crescere. Postremo, ut iam 
agondao rei tempus visum est, stipatus agmine armatorum in 



regna moliri " conquistare a gran fatica un regno straniero ,. — patrii: 
i penati (cfr. 1, 9), come dei protettori della famiglia, si ereditano dai 
maggiori, e quindi pigliano anche il nome di penates patrii. — imago, 
cfr. n. 34. 6. — domus regia, la casa appartenente ad un re, cioè 
quella di Tarquinio. — regale = degno di un re, cfr. 27, 19,4; 42, 51, 2. 
Livio non osserva sempre nettamente questa differenza di significato 
che vi è tra regius e regalis, ma adopera anche abbastanza spesso il 
primo agg. in luogo del secondo, cfr. 45, 4, 5 minimi regiae preees erant. 

— 5. frustraris, fomenti nella città delle speranze, che non puoi 
soddisfare. — regium iuvenem " prìncipe reale ,, cfr. 57, 5. — facesse 
" allontanati, ritirati ,, cfr. 48, 6. — devolvere, v. riflessivo adoperato in 
senso metaforico soltanto in questo luogo di Livio e in Cic. Phil. 7, 14 
ad spem estis inanem pacis devoluti. — stirpem, verso la prima radice 
del tuo nascimento. — patris, cfr. praef. n. 8. — 6. si, cfr. nel pensiero 
sottinteso n. 40, 2. — dedisset corrisponde in certo modo a dare potuisset. 

— semine = genere, cfr. Cic. Phil. 4, 5. — momentum facere " esercitare 
un'influenza decisiva ,, cfr. 42, 46, 5 momentum habere ad; 35, 31, 7 in 
aliquo aliquid momenti est ad. — 7. muliebribus furiis " la cieca pas- 
sione della donna, il furore ,, cfr. per l'enallage dell'agg. in luogo del 
gen. 3, 1 ; 57, 10. — circumire et prensare, come i candidati dell'epoca 
repubblicana, cfr. Val. Mass. 7, 5, 2 Nasica cum manus cuiusdam more 
candidatorum tenacius apprehendisset. — minorum gentium, le quali si 
serbavano ancora verso di lui benevole, a causa dei beneficii ricevuti 
dal padre, cfr. 35, 6. — iuvenes, che non facevano parte del senato. 
Q. Cicerone, de petitione consulatus 1,6, parla a lungo dell'influenza che 
esercitavano nelle elezioni i figliuoli dei nobili. — de se, per quello che 
essi speravano di poter ottenere da lui. — criminibus regis " per mezzo 
delle accuse rivolte contro il re „: altrove il genit. dipendente da crimen 
indica la cagione dell'accusa. — crescere, cfr. 46, 2. — omnibus locis, non 
solo presso i senatori ma anche presso il resto del popolo, cfr. 5, 25, 4. 

— 8. agmine armatorum'. egli riveste fin dal principio il carattere 



AB XJBBB CONDITA, OAP. XLVII, 5—12 179 

forum inrupit. Inde, omnibus perculsis pavore, in regia sede 
prò curia sedens patres in curiam per praeconem ad regem 
Tarquinium citari iussit. Convenere extemplo, alii iam ante ad 9 
hoc praeparali, alii metu, ne non venisse fraudi esset, novitate 
ac miraculo attoniti et iam de Servio actum rati. Ibi Tarqui- 10 
ni us maledicta ab stirpe ultima orsus, servum servaque natum 
post mortem indignam parentis sui, non interregno, ut antea, 
inito, non comitiis habitis, non per suffragium populi, non aucto- 
ribus patribus, muliebri dono regnum occupasse. Ita natum, ita 11 
creatum regem, fautorem infimi generis hominum, ex quo ipse 
sit, odio alienae honestatis ereptum primoribus agrum sordi- 
dissimo cuique divisisse ; omnia onera, quae communia quondam 12 
fuerint, inclinasse in primores civitatis; instituisse censum, ut 
insignis ad invidiam locupletiorum fortuna esset, et parata, 
unde, ubi velie t, egentissimis largiretur. 



di tiranno, col quale la leggenda lo ha dipinto, cfr. 3, 36, 4. — in 
forum, cioè propriamente nel comitium, cfr. 36, 5; 35, 10. — prò curia, 
come apparisce chiaro dal 48, 3, ha il valore di in curia, cfr. Festo: 
prò significai in ut prò rostris, prò aede, prò tribunali ; Livio 38, 54, 8 
prò rostris; 89, 32, 11 prò tribunali sedens. Si noti però che Dionigi, 
forse per mera svista, descrive L. Tarqninio come ngò rot) povÀevtfj~ 
qIov aids, prima che i senatori raccolti dietro suo invito pigliassero 
posto nella sala delle adunanze. — regetn: egli, preoccupando le pre- 
rogative del re, invita i senatori all'adunanza. — 9. ne appartiene 
ad esset, non a venisse. — fraudi, cfr. 24, 5. — novitate ac miraculo " per 
la cosa affatto Btrana e inaudita „, cfr. 59, 3; 4, 14, 3 novitate rei ac mi- 
raculo. — IO. ab stirpe ultima * fin dalla prima sua origine ,, cfr. 24, 
25, 1 is tamguatn reos ageret ab ante acta vita orsus arguit; 40, 6, 2 ab 
ultima origine. — non interregno: il suo governo era illegittimo, perchè 
era stato iniziato senza che nessun interré avesse presi per lui gli au- 
spicii. — non eomitiis: egli non fa cenno della conferma che aveva ri- 
cevuta più tardi nei comizii, perchè non le attribuiva alcun valore. — 
muliebri dono, cfr. riguardo ali asindeto avversativo e al chiasmo n. 25, 3. 

— 11. honestatis, posizione ragguardevole fondata sopratutto sulla na- 
scita e sulla proprietà: nobiltà. — sordidissimo: le leggi agrarie eb- 
bero sempre in mira di dividere ai pia indigenti il territorio dello stato, 
cfr. 46, 2. — 12. omnia onera, cfr. 42, 5; 43, 10: prima i balzelli eran 
divisi egualmente fra tutti i cittadini, da Servio invece ne furono so- 
vraccaricati soltanto i ricchi, e ciascuno in corrispondenza del proprio 
avere. — insignis: il censo aveva lo scopo di far conoscere le ricchezze 
dei possidenti e di esporli quindi all'odio e all'invidia dei più poveri. 

— ad invidiam, sott. excUandam. — parata, poiché si trovava esposta 
nelle tavole censorie. — unde largiretur: qui si attribuisce a Servio l'in- 
tensione di voler distribuire ai poveri una parte delle ricchezze, di cui 
abbondavano i patrìzii. — egentissimis: questo superlativo non ricorre 
Altrove in Livio, cfr. 34, 31, 14 egentibus divisum agrum. 



180 TITI LIVI, LIB. I 

i XLVIII. Huic orationi Servius cum intervenisset, trepido 
nuntio excitatus, extemplo a vestibulo curiae magna voce « quid 
hoc » inquit, « Tarquini, rei est? qua tu audacia me vivo vocare 

2 ausus es patres, aut in sede considere mea ? ». Cum ille fero- 
citer ad haec: se patris sui tenere ♦sedem, multo quam servum 
potiorem, fìlium regis, regni heredem, satis illum diu per li- 
centiam eludentem insultasse dominis; clamor ab utriusque 
fautoribus oritur, et concursus populi fiebat in curiam, appa- 

3 rebatque regnaturum, qui vicisset. Tum Tarquinius, necessitate 
iam etiam ipsa cogente ultima audere, multo et aetate et vi- 
ribus validior, medium arripit Servium elatumque e curia in 
inferiorem partem per gradus deicit; inde ad cogendum senatum 

4 in curiam redit. Fit fuga regis apparitorum atque comitum ; ipse 
prope exsanguis, cum semianimis regio comitatu domum se reci- 



XLVIII. — 1. a vestibulo: si chiamava vestibulum o ngóvaog quella 
parte dell'edilìzio ohe aveva innanzi a sé una fila di colonne, e dava 
accesso alla curia, cfr. 33, 7; 3, 41,4: a curiae limine. — vocare : di far 
ciò niun altro aveva diritto all'infuori del re, cfr. 47, 8. — 2. cum ille 
ad haec, sott. diceret: questa ellissi del predicato, sopratutto nel modo 
cong., non è comune negli scrittori latini, cfr. però 35, 3 e Cic. n. d. 3. 37, 
89 cum Samothraciam atqiie ei quidam amicus, sott. dixisset. — multo po- 
tiorem heredem va considerato quale apposizione di se, cfr. 35, 1 ; 53, 6. 
— servum è contrapposto a fìlium regis. — per licentiam eludentem 
" giocando di audacia e di impudenza „, cfr. per quest'uso del v. eludo, 
36, 4; 2,45, 6; 29, 31, 11 adeo licenter eludebant. — insultasse, in senso 
metaforico, e costruito da Livio soltanto col dativo di persona o di 
cosa, cfr. 39, 47, 6: Cicerone adopera in sua vece anche Viti coll'acc. — 
dominis è contrapposto a servum. — oritur: il cambiamento del tempo 
serve a rappresentare più vivamente innanzi agli occhi l'azione. — 
3. iam etiam ipsa: mentre prima era sprone alla sna audacia soltanto 
quella brama infrenabile del regno, ora invece lo spingeva a perseve- 
rare in essa anche il bisogno di difendere la propria posizione minac- 
ciata dal partito avverso. Però non si può nascondere che Vetiam dopo 
ipsa è abbastanza strano o almeno superfluo; quanto all'unione di iam 
con etiam essa non è senza esempii, cfr. 34, 2, 11. 39, 5. — in inferiorem 
partem, cioè nel comizio, il quale si trovava ai piedi della scala che 
dava accesso alla curia, cfr. 36,5 e Dion. 4, 38 naxà x&v xotjjtiitav xo9 
PovÀevTtjotov x&v elg zò ètmÀijOiaox'tfotov (pegovaùv. — per gradus, cfr. 
8, 6, 2: lapsus per gradus impactus imo est saxo, ut sopiretur. — deicit... 
redit: nei mscr. deiecit e rediit. — cogendum: sebbene questa sia la frase 
comunemente usata per chiamare a raccolta i senatori (cfr. 3, 29, 6 ; 26, 
12,8), pure essa ha qui il senso speciale di trattenerli, impedire 
ohe si disperdessero, in seguito al panico da cui tutti erano stati 
colli, ofr. cogere' agmen = continere agmen in 33, 37, 5. — 4. fit fuga, cfr. 
83, 28, 3 fuga comitum et quiritatio facta. — regis, cioè di Servio. — ipse f 
cioè rex. — cum semianimis regio comitatu domum se reciperet. La coin- 



AB UBBE CONDITA, CAP. XLVIII, 1 — 6 181 

peret, ab iis, qui missi ab Tarquinio fugientem consecuti erant, 
interficitur. Creditur, quia non abhorret a cetero^scelere, admo- 5 
nitu Tulliae id factum. Carpento certe, id quod satis constat, 
in forum invecta nec reverita coetum virorum evocavit virum e 
curia regemque prima appellavit. A quo facessero iussa, ex tanto 6 
tumultu cum se domum reciperet pervenissetque ad summum 
Cyprium vicum, ubi Dianium nuper fuit, flectenti carpentum 
dextra in Urbium clivum, ut in collem Esquiliarujn eveheretur, 

cidenza affatto casuale di quest'ultima frase con una perfettamente si- 
mile, che ricorre più giù nel § 6, ha richiamato in questo luogo accanto 
a reciperet la frase pervenissetque ad summum Cyprium vicum, la quale 
appartiene propriamente al racconto che segue. Nell'espungerla però 
dal testo noi non crediamo di dover seguire l'emendazione più radicale, 
accettata comunemente da tutti gli altri editori, i quali assieme alla 
frase da noi omessa cancellano dal testo anche le altre parole da cum 
semianimi8 fino a se reciperet; perchè in tal modo non solo si viene a 
perder di vista la causa probabile dell'inversione, che ha avuto luogo 
nei codici, ma, quel che è più, si lasciano sospese e senza propria sede 
le tre parole semianimis regio comitatu; le quali, non ricorrendo più al- 
trove nei mscr., o sono omesse senza ragione tanto in questo luogo 
quanto nel § 6, o pure son conservate solo in parte e impropriamente 
nel § 6 (il Madvig dopo cum aggiunge regio comitatu senza semianimis), 
al quale secondo la lezione dei mscr. esse non appartengono. Si ag- 
giunga ancora, che la frase fit fuga regi» apparitorum atque comitum rende 
assai probabile, che Servio fosse accompagnato nella sua fuga da un 
regio comitatu. — 5 creditur, cfr. 55, 3. — cetero, cioè da quello che 
segue, e a cui essa stessa prese parte. — admonitu " suggestione „. — 
carpento, cfr. 34, 8. — satis constai, cfr. n. 1, 1. — reverita: le donne non 
si mostravano facilmente in pubblico, cfr. 13, 1; 4, 40, 3 procurreretur in 
vias, matres ac coniuges oblitae prae gaudio decoris occurrerent. — 6. fa- 
cessere, cfr. 47, 5. — Cyprium vicum era una strada che, partendo dal 
foro in vicinanza delle Carine, menava al Dianium, cfr. Varr. 1. 1. 5, 32 
vicus Cyprius a cupro, quod ibi Sabini cives additi consederant, qui a 
tono ornine id appellarunt; nam cuprum Sabine bonum. — summum, sulla 
parte più alta di esso. cfr. 19, 2 e 2, 13, 11 summa sacra via. — Dianium 
e formato al pari di Minervium (== sacellunt captae Minervae Ov. Fast. 
8, 837; cfr. Varr. 1. 1. 5, 47), Pyrrhèum (cfr. 38, 5, 2) e Isium sull'analogia 
del gr. 'Agieplotov : ad esso par che accenni anche Cic. de har. resp. 32 
L. Pisonem quis, nescit his temporibus ipsis sanctissimum Dianae sacellum 
sustulisse. Esso giaceva su una delle diramazioni del Celio, verso la via 
sacra, sul punto in cui il vicus Cyprius, chiamato di poi sceleratus, aveva 
la sua massima elevazione. — flectenti — flecti iubenti: il dat. dipende 
da restitit, cfr. Cic. Verr. 5, 77 e Ov. Fast. 6, 605 corpus ut adspexit la- 
erimis auriga profusis Restitit. Hunc tali corripit Ma sono. — dextra, 
verso destra, cfr. 8, 15, 8: l'indicazione è fatta più precisa da quello che 
segue. — Urbium clivum. Alcuni considerano questo nome come con- 
nesso con Virbius, che era una specie di semidio raffrontato al greco 
Hippolytus e venerato in Aricia in compagnia di Diana, cfr. Ov. Met. 15, 



182 TITI LIVI, LIB. I 

restitit pavidus atque inhibuit frenos is, qui iumenta agebat, 

7 iacentemque dominae Servium trucidatum ostendit. Poedum 
inhumanumque inde traditur scelus, monumentoque locus est: 
Sceleratum vicum vocant, quo amens agitantibus furiis sororis 
ac viri Tullia per patris corpus carpentum egisse fertur, par- 
temque sanguinis ac caedis paternae cruento vehiculo, conta- 
minata ipsa respersaque, tulisse ad penates suos virique sui, 

8 quibus iratis malo regni principio similes prope diem exitus 
sequerentur. 

Servius Tullius regnavit annos IIII e XL ita, ut bono etiam 
moderatoque succedenti regi difficilis aemulatio esset. Ceterum 
id quoque ad gloriam accessit, quod cum ilio simul iusta ac 

9 legitima regna occiderunt. Id ipsum tam mite ac tam mode- 
ratum imperium tamen, quia unius esset, deponere eum in 
animo habuisse quidam auctores sunt, ni scelus intestinum libe- 
randae patriae Consilia agitanti intervenisset. 

1 XLIX. Inde L. Tarquinius regnare occepit, cui Superbo 



544. Questo clivus Urbius t partendo dal Dianium, conduceva sulle Esquilie, 
dove Servio e fors'anche Tarquinio ebbero la propria dimora, cfr. Plin. 
34, 29: Solin. 1,26 Servius Tullius Exquiliis supra clivum Urbium ... 
Tarquinius Superbus et ipse Exquiliis supra clivum Tullium ad Fagutalem 
lucum. — 7. monumento locus est: il luogo col proprio nome {sceleratus) 
conserva ancor viva la memoria di tanta empietà, cfr. Ov. Fast. 6, 609 
dicius scéleratus ab illa Vicus et aeterna res ea pressa nota. — amens: 
le furie dei morti (cfr. in greco 'Egivàes naTQÓg, firjvgós, naii<av) l'agi- 
tano e le sconvolgono il senno, gettandola in preda a nuove empietà, 
cfr. 89, 15, 3 captas tnentes velut furialibus stimulis ad omne scelus et ad 
omnem libidinem agerent; Quint. 9, 3, 47 perturbatio istum mentis et 
quaedam scélerum offusa caligo et ardetUes furiarum faces excitaverunt. 
— furiis cfr. 59, 3. — egisse = iussisse agi. — sanguinis ac caedis en- 
diadi: "il sangue versato dall'uccisione del padre ,. — prope diem 
" in breve volger di tempo ,, nello spazio cioè di 25 anni. — contami- 
nata respersaque : siamo in piena tragedia ; se manca il dramma, egli 
è solo perchè manca la partecipazione di una forza soprannaturale a 
questi eventi così crudamente umani. — sequerentur: l'ira dei penati 
domestici prepara la catastrofe della casa dei Tarquinii o meglio la 
forza vindice del fato aspetterà che essi cadano sotto il cumulo dei 
proprii delitti. — 8. bono etiam, anche se il suo successore non fosse 
stato un Tarquinio, cfr. 24, 5, 1. — iusta: l'usurpazione di Servio fu al- 
meno legittimata dai comizii (cfr. 46, 1), quella di Tarquinio fu invece 
una prepotenza impostasi colla violenza, cfr. 2, 1,2. — quia unius esset, 
cfr. Cic. de rep. 2, 43 libertas non in eo est ut iusto utamur rege sed ut 
nullo. — intestinum " famigliare „. — liberandae, s'intende dal governo 
monarchico. Come si vede Livio qui considera il principio del governo 
repubblicano quasi come ritardato dalla morte di Servio, cfr. 2, 1, 1. 
XLIX. — La tirannia di Tarquinio il Superbo. — 1. occepit. cfr. 



AB UBBE CONDITA, CAP. XLVIII, 7—9; XLIX, 1 — 5 183 

cognomen facta indiderunt, quia socerum gener sepultura pro- 
hibuit, Romulum quoque insepultum perisse dictitans, primo- 
resque patrum, quos Servi rebus favisse credebat, interfecit; 
conscius deinde male quaerendi regni ab se ipso adversus se 2 
exemplum capi posse, armatis corpus circumsaepsit; neque enim 3 
ad ius regni quidquam praeter vim babebat, ut qui neque populi 
iussu neque auctoribus patribus regnaret. Eo accedebat, ut in 4 
cantate civium nibil spei reponenti metu regnum tutandum 
esset. Quem ut pluribus incuteret, cognitiones capitalium rerum 
sine consiliis per se solus exercebat, perque eam causam occi- 5 
dere, in exsilium agere, bonis multare poterat non suspectos 
modo aut invisos, sed unde ninil aliud quam praedam sperare 



n. 7, 6. — Superbo, perchè manomise tutti i diritti umani e divini: Or. 
Fast. 2, 688, lo chiama vir iniustus e Cic. Phil. 8, 4, 9 Tarquinius non 
crudelis, non impius, sed superbus est dictus, cfr. anche de rep. 2, 49 simul 
4xtque se inflexit hic rex in dominatum iniustiorem fit continuo tyrannus. 

— indiderunt, cfr. 50,3. — sepultura: non solo impedì che gli si pre- 
stassero gli uffici sacri, ma lo fece lasciare addirittura insepolto; e l'im- 
pedire ad un morto gli ufficii funebri (iusta non solvere) era considerato 
come il segno della maggiore empietà, cfr. 20, 7 e Or. Carm. 1, 28, 31. 

— insepultum, cfr. 16, 4 e Auson. Per. 24, 2 ut fati hominum in exanimo 
hoste vereatur ad sepulturam corpore restituto. — 2. primores, sono i 
jpatres maiorum gentium, cfr. 47, 7. — exemplmn capi, cfr. quanto al pen- 
siero qui espresso 7, 38, 6 suum ipsorum exemplutn in eos versurum. — 
armatis =■ satellitibus annatis " guardia del corpo „, cfr. 32, 39, 9 armatis 
saeptus. — 3. ius regni: egli non aveva altro diritto al regno che 
la sua violenza, perchè non gli valeva punto Tesser figlio di Tarquinio 
Prisco, non essendo la monarchia romana ereditaria. — ut qui = utpote 
o quippe qui, cfr. 27, 9. — 4. eo accedebat ut: egli non poteva nem- 
meno sperare di consolidarsi sul trono, raggiunto per via illegittima, 
mercè dell'alletto dei sudditi, come aveva fatto Servio, cfr. riguardo al 
pensiero qui espresso 34, 27, 3 Kabis metu et acerbitate poenarum tenebat 
animos, quoniam ut salvum vellent tyrannum sperare non poterat. — co- 
gnitiones * le indagini „. Sebbene il re fosse il supremo amministratore 
della giustizia, pure Livio qui ammette che i predecessori di Tarquinio 
si fossero in parte spogliati di questa prerogativa, investendone un con- 
siglio di nobili, e riserbando a sé stessi il giudizio definitivo. — capi- 
talium rerum sono i delitti punibili per mezzo di una pena che va a 
colpire l'esistenza, la vita, le sostanze, la libertà, o pure i diritti civili 
di una persona, e tali sono parricidium, perduellio ecc.; la sentenza a tal 
riguardo era sempre pronunziata dal re, cfr. però n. 26, 5. — 6. perque 
iam causam * con questo mezzo „, cfr. 2, 32, 1. — occidere: la pena di 
morte era propriamente sancita per gli attentati contro la sicurezza 
dello stato. — poterat " aveva in suo potere ,. — unde = eos a quibus, 
cfr. 34,4; 47, 3. — praedam, non solo per allontanare da sé la minaccia 
e i pericoli da parte di quelli che gli erano avversi, ma anche per ar- 



184 TITI LIVI, LIB. I 

6 posset. Praecipue ita patram numero imminuto statuit nullo» 
in patres legere, quo contemptior paucitate ipsa ordo esset, 
minusque per se nihil agi indignarentur. Hic enim regum primus 
traditum a prioribus morem de omnibus senatum consulendi 

7 solvit, domesticis consiliis rem publicam administravit; bellum, 
pacem, foedera, societates per se ipse, cum quibus voluit, iniussu 

8 populi ac senatus fecit diremitque. Latinorum sibi maxime 
gentem conciliabat, ut peregrinis quoque opibus tutior inter 
cives esset, neque hospitia modo cum primoribus eorum, sed 

9 adfinitates quoque iungebat. Octavio Mamilio Tusculano — is 
longe princeps Latini nominis erat, si famae credimus, ab Ulixe 



riccbirsi a loro spese, cfr. 56, 8. — 6. nullos, non riempì i vuoti fatti» 
cfr. 35, 6; 2, 1, 10 e Dion. 4, 42. — ordo, riferito al senato, è propria- 
mente un'espressione dell'età repubblicana o impellale. — minus indi- 
gnarentur: essendo in minor numero, avrebbero avuto minor ardire e 
forza di esprimere il loro risentimento, perchè non pigliavano alcuna 
parte agli affari dello Stato. — 7. de omnibus. Il senato era interro- 
gato dai re in tutte le deliberazioni di maggiore interesse, e sopratutto 
negli affari di politica internazionale, come ad es. nel dichiarar la guerra 
e simili : Tarquinio invece in simili casi si consigliava soltanto coi suoi 
più familiari {domesticis), anticipando in tal modo il consilium principi» 
degli ultimi tempi dell'impero, il quale assorbì in sé tutta quanta l'au- 
torità del senato. — cum quibus può ben riferirsi anche a dirtmit, cfr. 
Cic. p. r. Deiot. 15 cum filio distractus. — iniussu populi ac senatus, espres- 
sione brachilogica che fa le veci di iniussu populi ac sine auctoritate 
senatus: però, a riguardo delle deliberazioni del senato e di quelle del 
popolo, si trova adoperato anche altrove il v. iubere, cfr. 41, 27, 11 iussu 
senatus atque populi. — 8. conciliabat... iungebat: l'impf. accenna chia- 
ramente, che questa era una delle occupazioni principali della sua vita. 
— hospitia: egli seguiva in ciò l'esempio di Servio, cfr. 45, 2. — adfi- 
nitates: in seguito alla lega dei Romani coi Latini doveva esser per- 
messo il conubium tra i due popoli, cfr. 26, 4. — 9. Octavio Mamilio, 
dittatore di Tuscolo (oggi Frascati nel territorio Albano), apparteneva 
ad una delle più potenti famiglie del Lazio. Presso di lui si ricoverò Tar- 
quinio, dopo che fu conclusa la pace dei Romani con Porsenna (cfr. 2, 
15, 7): egli fu anche l'istigatore dei Latini contro di Roma (2, 18, 3) e 
morì alla battaglia del lago Regillo (2, 20, 9). Un altro dittatore di Tu- 
scolo della stessa famiglia si trova ricordato in 3, 18, 2. 29, 6. — Ulixe, 
cfr. Festo, p. 130 Mamiliorum familia progenita fertur a Mamilia, Tele- 
goni (figlio di Ulisse e di Circe) filia, quam Tusculi procreavit. Nella 
leggenda di Enea abbiam già visto un esempio del modo, come l'Iliade 
contribuì a trasformare le tradizioni indigene italiane; ma, se quella 
leggenda rimase più d'ogni altra famosa, non bisogna però dimenticare 
le molte altre che ebbero la stessa sua origine. Tutte le coste orientali 
d'Italia sono infatti piene di notizie riguardanti pretesi stanziamenti di 
Diomede, così come sulle coste occidentali si trova più diffusa la leg- 
genda di Ulisse, la quale probabilmente precorre per tempo alla stessa 



AB URBE CONDITA, CAP. XLIX, 6 — 9; L, 1 — 3 185 

deaque Circa oriundus — , ei Maurilio fìliam nuptum dat perque 
eas nuptias multos sibi cognatos amicosque eius conciliat. 

L. Iam magna Tarquini auctoritas inter Latinorum proceres * 
erat, cum in diem certam ut ad lucum Ferentinae conveniant 
indicit: esse quae agere de rebus communibus velit. Conveniunt 
frequentes prima luce; ipse Tarquinius diem quidem servavi t, 2. 
sed paulo ante, quam sol occideret, venit. Multa ibi toto die in 
concilio variis iactata sermonibus erant. Turnus Herdonius ab 3 
Arida ferociter in absentem Tarquinium erat invectus: haud 
mirum esse Superbo inditum Romae cognomen — iam enim 
ita clam quidem mussitantes, vulgo tamen eum appellabant — ; 



leggenda d'Enea. Difatti, prima che questa sorgesse e intrecciasse i suoi - 
rami colla tradizione indigena, Latino o era considerato come figliuolo 
di Fauno e di Manca (cfr. Verg. 7, 47), o pure come figliuolo di Ulisse 
e di Circe (cfr. Es. Teog. 1013), per una sostituzione assai facile a com- 
prendere di eroi o divinità italiche con eroi o divinità greche. A questo 
stesso modo Telegono veniva celebrato come capostipite della gente 
Mamilia (efr. Or. Carm. 3, 29, 8; Ep. 1, 29) e fondatore della città di Tu- 
scolo, sulle cui monete appariva Ulisse in abito di mendico, nel punto 
in cui era riconosciuto dal cane. — Circa, la cui abitazione bì trovava 
sul promontorio Circeo (cfr. 56, S): il suo nome ha qui assunto desi- 
nenza latina al pari che in Or. Ep. 17, 17. — d, cfr. 19, 1. — ab è usato 
in compagnia di ortus o pure di oriundus, quando si accenna ad una 
discendenza remota, cfr. 23, 1. 

L. — 1. in diem certam, cfr. 3, 38, 13 senatumque in diem posterum edi- 
cunt; 27, 38, 3 edixere in diem certam ut deferret. La frase più comune 
è veramente questa: in diem certam cóncilium edicere o pure indicere; 
però Livio qui adopera la prop. dipendente ut conveniant a far le veci 
dell'oggetto conciltum. — Ferentinae, sott. aquae e cfr. 52, 5; 51, 9; 2, 
38, 1. Il nome della fonte, come quello del bosco che le era annesso, 
deriva certamente dal nome del luogo Ferentinum, appartenente in an- 
tico al territorio degli Emici e considerato poi in seguito come centro 
di riunione della lega latina fondata dai Tarquinia — communibus, in- 
teressi generali della lega. — 2. conveniunt. s'intende i delegati delle 
singole città. — paulo ante quam occideret : si noti il sarcasmo, che ci 
è in questa espressione, e il disprezzo che Tarquinio ostenta verso le 
città confederate, intervenendo all'adunanza poco prima dell'ora che do- 
veva segnarne la fine, cfr. Geli. 14, 7, 8 Varrò dicit senatus consultum 
ante exortum aut post occasum solem factum ratum non fuisse. — iactata 
serm.: si era fatto parola di varie cose, senza pigliare alcuna delibera- 
zione, trovandosi assente il capo della lega. — 3. ab Arida = Aricinus. 
Questa costruzione, sebbene estranea a Cic, ricorre però frequentemente 
in Livio, cfr. 51, 1; 2, 22, 2; 21, 7, 2: Arida, oggi la Riccia, era un'an- 
tica città del Lazio ai piedi del monte Albano e della via Appia. — 
inditum, sott. d e cfr. 4, 7. — clam quidem: il nome era già divenuto ge- 
nerale (vulgo), ma per timore del tiranno era pronunziato soltanto a 
bassa voce. — mussitare, per mussare, e un'dfo. elo. liviano, che ricorre- 



186 TtTI LIVI, LIB. I 

an quidquam superbius esse quam ludificari sic omne nomen 

4 Latinum? principibus longe a domo excitis ipsum, qui conci- 
lium indixerit, non adesse. Temptari profecto patientiam, ut si 
iugum acceperint, obnoxios premat. Cui enim non apparere, 

5 adfectare eum imperium in Latinos? Quod si sui bene credi- 
derint cives, aut si creditum illud et non raptum parricidio sit, 
credere et Latinos, quamquam ne sic quidem alienigenae, de- 

6 bere; sin suos eius paeniteat, quippe qui alii super alios truci- 
dentur, exsulatum eant, bona amittant, quid spei melioris Latinis 
portendi? Si se audiant, domum suam quemque inde abituros 
neque magis observaturos diem concilii, quam ipse, qui indixerit, 

7 observet. Haec autem alia eodem pertinentia seditiosus facinero- 
susque homo hisque artibus opes domi nactus cum maxime dis- 

S sereret, intervenit Tarquinius. Is finis orationi fuit ; aversi omnes 
ad Tarquinium salutandum. Qui silentio facto monitus a pro- 
ximis, ut purgaret se, quod id temporis venisset, disceptatorem 

solamente presso i comici e gli scrittori posteriori. — 4. excitis, cfr. 
n. 23, 5. — temptari " mettersi a prova ,, cfr, n. 32, 4. — obnoxios: egli 
non si contenta di presieder la lega, ma vorrebbe opprimere come schiavi 
i componenti di essa. — 5. quod, sott. imperium. — sui cives, i concit- 
tadini di Tarquinio, cioè i Romani, cfr. n. 7, 1. — crediderint, sott. «, 
i. e. Tarquinio. — bene " con buoni risultati, con prosperi frutti ,, cfr. 
34, 49, 6 male commissam libertatem. — aut * o almeno ,. — parricidio, 
in seguito all'uccisione del suocero. — credere etc: costr. debere Latinos 
credere imperium. — quamquam etc: costr. quamquam ne sic quidem La- 
tini imperium alienigenae (ad uno straniero) credere debeant. — sic, cioè 
anche ammesso che le due circostanze fossero vere e non semplicemente 
supposte. — 6. suos, i concittadini di Tarquinio o i Romani. — eius, 
cioè Tarquinii. — eant, amittant: son forme di cong. coordinate a tru- 
cidentur e dipendenti anch'esse da quippe qui. — quid spei melioris = 
quam spem meliorem. — si se audiant * se gli presteranno ascolto ,: così 
parla Èrdonio accennando a se medesimo. — neque magis " né mai più 
da quel giorno innanzi „. — 7. eodem " miranti allo stesso fine, alla 
stessa conclusione ,. — seditiosus. La caratteristica, che a Tullio Èr- 
donio dà in questo punto Livio, tradisce in lui l'orgoglio del civis Ro~ 
manus, il quale mal soffre che, anche parlando di un Tarquinio, un 
suddito di Roma agiti consigli di ribellione e si sottragga alla sua le- 
gittima autorità. Si ricordi che il Lazio è considerato da Livio come 
già posto in relazione di dipendenza da Roma, cfr. 45, 3. — his artibus 
* con tali mezzi „, cioè con quelli a cui accennano i due agg. preced., 
cfr. 23, 2, 2 malis artibus nanctus opes. Livio qui descrive Erdonio alla 
stregua degli agitatori popolari, tribuni o demagoghi, dei quali l'età che 
fu sua abbondava più che la nostra. — maxime, nel punto in cui egli 
parlava con maggior calore. — 8. orationi, cfr. 44, 2; 2, 30, 9; 8, 24, 
16 is finis lacerationi fuit. — aversi, cfr. 46, 6. — facto, sott. per mezzo 
del littore. — id temporis " a quell'ora „ cfr. n. 8, 3. — disceptatorem 



AB UBBK CONDITA, CAP. L, 4—9; LI, 1 — 2 187 

ait se sumptum inter patrem et filium, cura reconciliandi eos 
in gratiam moratum esse et, quia ea res exemisset illum diem, 
postero die acturum, quae constituisset. Ne id quidem ab Turno 
tulisse tacitum ferunt; dixisse enim nullam breviorem esse co- 9 
gnitionem quam inter patrem et filium, paucisque transigi 
verbis posse: ni pareat patri, habiturum infortunium esse. 

LI. Haec Aricinus in regem Romanum increpans ex con- 1 
cilio abiit. Quam rem Tarquinius aliquanto quam videbatur 2 
aegrius ferens confestim Turno necem macbinatur, ut eundem 
terrorem, quo civium animos domi oppresserat, Latinis iniceret. 
Et, quia prò imperio palam interfici non poterat, oblato falso 

si denominava colui, che era chiamato come arbitro in mezzo ad una 
questione privata (intra parictes), senza essere investito di alcun pub- 
blico mandato, cfr. Cic. Tusc. 5, 120 ; p. Caec. 6 disceptatore domestico. — 
reconciliandi: si noti che il v. reconcìlio ha frequentemente in lat. il 
significato di redduco, restituo. — exemisset "aveva occupato „: si ricordi 
la frase eximere dicendo diem (o anche consumere 32, 35, 3, àbsumere 45, 
37, 6, extrahere 45, 36, 3), la quale veniva adoperata frequentemente per 
indicare quelle riunioni del senato, in cui gli oratori, sia per partito 
preso sia senza alcuna intenzione di frode, continuavano fino a sera i 
loro discorsi, rimandando per tal modo al giorno successivo la delibe- 
razione o votazione in riguardo ad una proposta, che essi avversavano, 
cfr. 38, 51, 4. — 9. tulisse taciturni sott. Tarquinium qual sogg. dell'inf. 
e nota che tacitus ha in questa frase il significato passivo di * non con- 
traddetto, inosservato, in silenzio ,, cfr. ad es. 3, 45, 6 ut tacitum feras 
(" porti inosservato „) quod celari vis; 7, 1, 5 non patientibus tacitum tri' 
bunis * non lasciando passare inosservato „; Cic. ad Att. 2, 3. Altrove si 
trova adoperata in questo medesimo senso la frase tacitus o tacite ali- 
quid fero, cfr. 5, 28, 1; 35, 19, 1. — dixisse, sott. Turnum: di simili cam- 
biamenti di sogg. nel giro dello stesso periodo sono assai frequenti gli 
esempi in Livio, cfr. n. 4, 3; 41, 5. — cognitionem, pigliar notizia di una 
questione o di una lite, cfr. 49, 4. — patrem et filium hanno significato 
generico * tra un padre ed un figlio „. — habiturum, sott. filium. — in- 
fortunium = malum o poenam : il padre poteva infliggere al figlinolo 
qualsiasi punizione in forza del diritto di patria potestas, cfr. 4, 49, 11 
malum minari; 45, 37, 5 poenam habere. 

LI. — 1. in regem: il v. increpare si trova costruito più frequente- 
mente col semplice acc; però riceve Yin tanto in questo luogo che in 
27, 1, 9, sull'analogia delle frasi detestata o exsecrari in caput alicuius, 
cfr. 30, 20, 7 in se quoque exsecratum; Tac. Ann. 5, 7 cum in Blaesum 
multa foedaque incusavisset. — 2. quam videbatur * di quel che dimo- 
strasse o desse a vedere „. — prò imperio * in forza dell'autorità con- 
cessa al capo della lega „- Il re come capo della lega non aveva punto 
il diritto di vita o di morte sui membri di essa, e perciò Tarquinio fu 
costretto a sottoporre ad un concilio di pari (cfr. § 8) il giudizio di 
Erdonio, cfr. 30, 24, 3 prò iure imperii. — interfici, sott. Turnus. Seb- 
bene Livio potesse assai facilmente evitare in questo periodo il cam- 
biamento del soggetto, trasformando interfici in interficere, pure egli 



188 TITI LITI, LIB. I 

crimine insontem oppressit. Per adversae factionis quosdam Àri- 
cinos servum Turni auro corrupit, ut in deversorium eius vim 

3 magnam gladiorum inferri clam sineret. Ea cum una nocte per- 
fecta essent, Tarquinius paulo ante lucem accitis ad se prin- 
cipibus Latinorum quasi re nova perturbatus, moram suam 
hesternam, velut deorum quadam providentia inlatam, ait sa- 

4 luti sibi atque illis fuisse. Ab Turno dici sibi et primoribus 
populorum parari necem, ut Latinorum solus imperium teneat. 
Adgressurum fuisse hesterno die in concilio; dilatam rem esse, 

5 quod auctor concilii afuerit, quem maxime peteret. Inde illam 
absentis insectationem esse natam, quod morando spem desti- 
tuerit. Non dubitare, si vera deferantur, quin prima luce, ubi 
ventum in concilium sit, instructus cum coniuratorum manu 
armatusque venturus sit. Dici gladiorum ingentem esse numerum 

6 ad eum convectum. Id vanum necne sit, extemplo sciri posse. 

7 Rogare eos, ut inde seenni ad Turnum veniant. Suspectam fecit 
rem et ingenium Turni ferox et oratio hesterna et mora Tar- 
quini, quod videbatur ob eam differri caedes potuisse. Eunt in- 
preferì la prima costruzione, per conservare alla frase prò imperio il 
signific. affatto generico che le è proprio. — oblato crimine " pigliando 
pretesto da una falsa accusa „, cfr. 6, 16, 1 oblataeque vani furti invidiae; 
Cic. Lael. 18, 65 ut crimìnibus credat oblatis. — crimine, cfr. 47, 7. — ad- 
versae factionis, la fazione cioè di Mamilio e di Tarquinio. — corrupit 
ut: Yut è stato probabilmente assorbito nei codici dalla desinenza del 
verbo, poiché esso pare indispensabile in questo luogo, sebbene s'incon- 
trino adoperati altrove permittere e postulare col semplice cong. — de- 
versorium: nelle vicinanze del santuario si trovava un villaggio, in cui 
i vani membri della lega avevano stabilito i proprii deversoria. — 
3. ea, cioè tanto il piano che l'esecuzione di esso, è messo in opposi- 
zione di una nocte. — principibus accenna a quei membri della lega, i 
quali godevano in essa di maggiore autorità. — 4. ab Turno e messo 
intenzionalmente a principio del periodo, per far risaltare come egli, 
avendo attentato all'integrità della lega, si fosse reso colpevole del de- 
litto di perduellione, cfr. 26, 5. — dici * si andava dicendo, si era sparsa 
la voce ,. — populorum accenna ai populi Latini, i quali avevano ade- 
rito alla lega. — Latinorum si collega con imperium. — adgressurum, 
sott. Turnum se et principes. — peteret: l'impf. del cong., adoperato in 
questo luogo da Livio, fa perfetto riscontro all'impf. dell'ind. che sa- 
rebbe richiesto nell'or, r.: afuit quem petebat, nella qual frase il perfetto 
esprime un fatto già passato e l'impf. l'intenzione da lui avuta in quel 
punto, cfr. 46,8. — 5. absentis, gen. ogg., " contro la sua assenza % . — 
destituerit, sott. absens o meglio Tarquinius. — non dubitare, sott. se. — 
cum coniuratorum manu appartiene a venturus sit. — 6. inde è qui ado- 
perato nel senso di illieo (= in loco) o pure di extemplo (da templum 
* luogo consacrato „) e vale " subito ,, cfr. 59, 2. — 7. suspectam fecit 
rem * convalidò, accrebbe questo sospetto, rese verosimile ,. — hesterna 



AB UBBIE CONDITA, CAP. LI, 3 — 9; LII, 1 — 2 189 

clinatis quidem ad credendum animis, tamen nisi gladiis de- 
prehensis cetera vana existim aturi. Ubi est eo ventum, Turnum 
ex somno excitatum circumsistunt custodes ; comprebensisque 8 
servis, qui caritate domini vim parabant, cum gladii abditi ex 
omnibus locis deverticuli protraherentur, enimvsro manifesta 
res visa, iniectaeque Turno catenae; et confestim Latinorum 
concilium magno cum tumultu advocatur. Ibi tam atrox invidia 9 
orta est gladiis in medio positis, ut indicta causa, novo genere 
leti, deiectus ad caput aquae Ferentinae, crate superne iniecta 
saxisque congestis, mergeretur. 

LII. Revocatis deinde ad concilium Latinis Tarquinius con- I 
laudatisque, qui Turnum novantem res prò manifesto parricidio 
merita poena adfecissent, ita verba fecit: posse quidem se 2 
vetusto iure agere, quod, cum omnes Latini ab Alba oriundi 



* del giorno innanzi ,, cfr. § 3; 2, 51. 7. — nisi gladiis deprehensis = 
nisi gladii deprehensi essent. — existimaturi va considerato come appo- 
sizione al sogg. di eunt. — 8. caritate, cfr. n. 34, 1. — locis * angolo, 
ripostiglio „. — enimvSro, o anche semplicemente enim, si trova assai 
frequentemente adoperato da Plauto e talvolta anche da Livio, colla 
funzione di particella asseverativa invece che di particella causale, al 
pari del gr. yào, cfr. Plaut. Capt. 3, 4, 60 enim iam nequco contineri e Liv. 
2, 11, 6. 45, 11. Qui potrai adoperare quali espressioni ital. corrispon- 
denti * addirittura , o pure * a dire il vero „. — concilium. Come da 
questo luogo si fa manifesto, i principes Latinorum ricordati nel § 3 
erano una rappresentanza appena dei confederati, costituita probabil- 
mente da tutti gli adepti di Tarquinio; poiché è questo il primo mo- 
mento in cui viene indetta l'adunanza di tutti i socii. — 9. invidia 

* odiosità ,. — indicta causa: qual colpevole del delitto di perduellione 
egli vien subito condannato a morte, senza che gli si accordi neppure 
il diritto della difesa, cfr. 26, 5; 52, 1. — novo: questo genere di morte, 
che era considerato come oltremodo disonorevole, riapparisce una se- 
conda volta in 4, 50, 4, e non trovasi praticato altrove che presso i Ger- 
mani ed i Cartaginesi, cfr. Curt. 10, 4, 2: Tac. Germ. 12 ignavos et im> 
beliti et corpore infames coeno oc palude iniecta insuper croie mergunt; 
Plaut. Poen. 5, 2, 65. — ad=> in, cfr. 22, 19, 4. — caput "fonte, sorgente ,, 
cfr. 50, 1; 33, 41, 7. — crate iniecta: g\i si legava al collo una rete piena 
di sassi, la quale ne trasportasse il corpo nel fondo del fiume e quindi 
del mare. 

LII. — 1. revocatis, dopo l'esecuzione della condanna. — novantem 
indica un tentativo, cfr. 51, 4. — parricidium è detto l'attentato di Er- 
donio, sia perchè era rivolto contro il capo della lega e il re di Roma 
(cfr. parricidium patriae Cic. Phil. 2, 7, 17 e ad Att. 9, 9, 2 patria antiqui»' 
sima et santissima parens), sia perche aveva di mira tutti gli altri com- 
ponenti della lega, la quale costituiva come una sola famiglia, cfr. 28, 
29, 1, dove si parla di Coriolano come colpevole publici parricida. — 
2. iure agere, cfr. 14, 1. — otnnes Latini, cfr. n. 3, 7. — [in] eo foederei 



190 TITI LITI, LIB. I 

sint, [in] eo foedere teneantur, quo ab Tulio res omnis Albana 

3 cum coloniis suis in Romanum cesserit imperium ; ceterum se 
utilitatis id magis omnium causa censere, ut renovetur id foedus, 
secundaque potius fortuna populi Romani ut participes Latini 
fruantur, quam urbium excidia vastationesque agrorum, quas 
Anco prius, patre deinde suo regnante perpessi sint, semper 

4 aut exspectent aut patiantur. Haud difficulter persuasum Latinis, 
quamquam in eo foedere superior Romana res erat. Ceterum 
et capita nominis Latini stare ac sentire cum rege videbant, 
et Turnus sui cuique periculi, si adversatus esset, recens erat 

5 documentum. Ita renovatum foedus indictumque iunioribus La- 
tinorum, ut ex foedere die certa ad lucum Ferentinae armati 

6 frequentes adessent. Qui ubi ad edictum Romani regis ex om- 
nibus populis convenere, ne ducem suum neve secretum impe- 

l'analogia dei luoghi affini, in cui trovasi adoperato costantemente in 
unione con teneri il semplice abl., consiglia ad allontanare anche da 
questo singolo luogo la prep. in, che si legge nei codd. — ab Tulio * a 
partire da Tulio ,. — cum coloniis suis: veramente ciò none detto in 
24, 4, dove si fa appunto cenno di questo trattato ; anzi si può affer- 
mare con sufficiente sicurezza, che l'egemonia di Roma sul Lazio non 
fosse stata ancora espressamente riconosciuta fino a questo punto, cfr. 
45, 3 e Dion. 4, 18. — 3. ceterum è contrapposto a guidem, cfr. praef. 
n. 11. — id dipende da censere e anticipa il concetto espresso dalla pxop. 
subordinata ut renovetur, cfr. 2, 55, 3. Si noti però, che in luogo della 
frase id censeo ut si trova più comunemente adoperato altrove ita censeo 
ut, cfr. Cic. Phil. 13, 50 hoc censeo magnum Pompeium fecisse. — magis 
appartiene a censere: egli essere piuttosto dell'avviso che, ecc. — ut 
renovetur, epesegesi di id. Sebbene di regola il cong. in dipendenza 
da censeo riceva solamente la forma attiva, e la forma passiva non si 
trovi adoperata che col gerundivo e nel modo infinito, pure il cong. 
pass, ricorre ancora in 37, 47, 2. — omnium e diviso impropriam. dal 
gen. utilitatis, al quale appartiene, cfr. 59, 4; 2, 4, 2. — potius ... quam, 
cfr. praef. n. 13. — exspectent * abbiano a temere ,. — 4. superior: la 
superiorità di Roma era già innanzi tacitamente ammessa, si trattava 
solamente di riconoscerla e di sancirla formalmente per mezzo di un 
nuovo trattato, cfr. 50, 1. — capita son qui identici ai principes o fau- 
tori di Tarquinio, ricordati in 51, 8. — stare cum ricorre anche altrove 
in Livio (cfr. 5, 38, 3), ed e talvolta sostituito con stare prò (2, 12, 14) o 
stare ab (21, 10, 9). — documentum " ammaestramento ad esempio ., cfr. 
quanto a questa costruzione affatto speciale di Livio n. 12,6: essa però 
non esclude che Livio adoperi anche altrove la costruzione classica col 
dat. documento esse, cfr. 21, 19, 10. — 6. renovatum: secondo Cic. de 
rep. 2, 45, il Lazio fu assoggettato colla forza. — iunioribus: nel Lazio 
si introduce la stessa costituzione politica e militare, che aveva vigore 
in Roma, cfr. 43, 12; 8, 6, 15. — ex foedere, cfr. 26, 1 : le «ttà latine son 
così chiamate a dare anch'esse il proprio contingente all'esercito ro- 
mano {armati adessent). — 6. populis, i singoli comuni della lega la- 



AB UBBB CONDITA, CAP. LII, 8 — 6; LUI, 1 — 2 191 

rium propriave sìgna haberent, miscuit manipulos ex Latinis 
Romanisque, ut ex binis singulos faceret binosque ex singulis; 
ita geminatis manipulis centuriones imposuit. 

LUI. Nec, ut iniustus in pace rex, ita dux belli pravus * 
fuit; quin ea arte aequasset superiores reges, ni degeneratum 
in aliis buie quoque decori offecisset. Is primus Volscis bellum 1 



tina, cfr. 51, 4. — secretum " separato, a bò „ cfr. 39, 48, 3 secretum ci- 
vitatis ius. Fino a questo punto le truppe dei confederati avevano for- 
mato nn esercito a parte con proprii capitani; ma, poiché la cosa con 
era esente da pericoli (cfr. 27, 6), Tarquinio giudico prudente di incor- 
porarle alle legioni romane e di farle combattere sotto di quelle ban- 
diere. — ex binis singulos faceret, etc, espressione poco corretta e poco 
chiara. L'A., tenendo conto dell'innovazione che aveva avuto luogo nel- 
l'ordinamento dell'esercito romano, il quale fu in seguito diviso invece 
che in centurie in manipoli, costituiti ciascuno di 120 uomini o meglio 
di due mezze centurie, ammette che Tarquinio fosse stato l'autore di 
tale innovazione ; quando, collo scopo di incorporare le centurie dei 
confederati in quelle romane, ridusse il numero dei componenti di cia- 
scuna centuria da 100 a 60, e per mezzo di due centurie ridotte, una 
di Romani e l'altra di Latini, costituì il manipolo romano di 120 uo- 
mini. Per tal modo egli venne a fare una duplice innovazione, da un 
lato ridusse l'antica centuria o l'antico manipolo in due mezze centurie 
o due mezzi manipoli (ex singulis binos) con 50 o 60 uomini ciascuno, 
e poi fuse due di questi manipoli o centurie così ridotte in un mani- 
polo solo (singulos ex binis). — geminatis, perchè ogni manipolo venne 
ad esser costituito di due mezzi manipoli eguali, cfr. 13, 5 ; 36, 8 ; 36, 24, 
9. Si noti che il manipolo, sebbene fosse comandato da due centurioni 
in considerazione delle due centurie o semi-centurie che lo compone- 
vano, pure in realtà era considerato come un'unità sola (cfr. Tac. Ann. 

1, 34 discedere in manipulos iubet; Ces. b. g. 6, 40 se in signa manipu- 
losque coniciunt) e raccolto sotto di una sola bandiera; ne i due centu- 
rioni che lo comandavano erano preposti per così dire alle singole parti 
di esso, ma, subordinati per autorità l'uno all'altro, comandavano cia- 
scuno l'intero manipolo. Non avendo i Latini un duce proprio, bisogna 
sospettare che i due centurioni fossero scelti entrambi dai Romani, cfr. 
8, 8, 15 e Zonara, 7, 10 xai és *àg zùv "Pa>uaia>v rdieig Aatlvovg ivé- 
f*t$ev t Iva ol fièv Aatìvot loofioiglag toìg 'Popaiois tv%óvTe$ eSvoiav 
ait$ ivxev&ev òcpetÀwai, xal ol 'Papaloi ìpxov é*<po/3à>cnv atizóv. 

LIII. — 1. iniustus: un'espressione quasi simile ricorre in Ov. Fast. 

2, 688 vir iniustus fortis ad arma tamen. — quin = quin etiam. — dege- 
neratum ' l'aver egli degenerato , . Il neutro sostantivato del part. perf . 
pass, si trova frequentemente adoperato da Livio, senza esser congiunto 
a nessuno avverbio, in sostituzione d'un sostantivo astratto indicante 
azione, cfr. come es. isolati di tal costrutto in Cic. deprehensum, re- 
sponsum, haesitatum, titubatum part. or. 33, auditum Off. 1, 10, 33 e in Livio 
4, 16, 4 lege cautum; 7, 8, 5 diu non perlitatum; 29, 10, 4 propter crebriu» 
ìapidatum. — in aliis, cfr. 28, 1. — 2. Volscis, popolazione umbro-sa- 
bellica, la quale era stanziata nella regione a mezzodì del m. Albano. 



192 TITI LIVI, LIB. I 

in ducentos amplius post suam aetatem annos movit Sues- 

3 samque Pometiara ex his vi cepit. Ubi, cum divendita praeda 
quadraginta talenta argenti refecisset, concepit animo eam am- 
plitudinem Iovis templi, quae digna deum hominumque rege, 
quae Romano imperio, quae ipsius etiam loci maiestate esset. 
Captivam pecuniam in aedificationem eius templi seposuit. 

4 Excepit deinde eum lentius spe bellum, quo Gabios, propin- 
quam urbem, nequiquam vi adortus, cum obsidendi quoque 
urbem spes pulso a moenibus adempta esset, postremo minime 

5 arte Romana, fraudo ac dolo, adgressus est Nam cum velut 
posito bello fundamentis templi faciendis aliisque urbanis ope- 
ribus intentum se esse simularet, Sextus filiue eius, qui mi- 
nimus ex tribus erat, transfugit ex composito Gabios, patris in 

6 se saevitiam intolerabilem conquerens: iam ab alienis in suos 



— in ducentos annos, perchè essa doveva durare, salvo interruzioni, per 
più di 200 anni, cfr. 18, 2. — Suessatn Pontetiam (cfr. 18, 1; 41, 7), così 
denominata per distinzione da Suessa Aurunca, era la più grande e po- 
polata delle città dei Volsci {t)p> f*tjigÓ7toÀiv %&v OòóXohoìv Strab. 5, 

3, 4), esi trovava probabilmente neWager Pomptinus, cfr. 2, 16, 8. — 3. di- 
vendita, cfr. 21, 21, 2 partitis divenditisque reliquiis praedae. — talenta. 
Livio segue anche altrove l'esempio di Polibio (cfr. 82, 40, 9), che in 
questo luogo è anche il modello a cui si conforma Fabio (cfr. 55, 8; 21, 
61, 11), di indicare con moneta d'argento greca, piuttosto che in assi, 
le più vistose somme di denaro che gli occorre di citare nelle sue storie. 
Si aggiunga ancora, che il talento corrispondeva a 60 mine attiche, e 
che ogni mina equivaleva a 100 dramme greche o pure 100 denari ro- 
mani. — refecisset * aveva fruttato „, cfr. 35, 1, 12 quod inde refectum 
est militi divisum. — concepit animo * concepì il disegno „. — Iovis 
templi, cfr. 38, 7. — loci, cioè del Campidoglio. — captivam " conqui- 
stata, tolta ai nemici „; quest'agg. si trova non poche volte da Livio 
attribuito a cosa, cfr. 7, 14, 7 captivis armis. — seposuit, cfr. 31, 9, 7. — 

4. excepit eum * si trovò impigliato „, cfr. 21, 48, 8. — lentius spe * che 
tirò assai più in lungo di quel che egli si aspettasse „, cfr. 23, 47, 6. — 
Gabios, città latina circa due miglia ad oriente di Roma. — urbem ... 
urbem, cfr. per simili ripetizioni, fatte per lo più dallo scrittore a scopo 
di chiarezza, n. praef. 4; 3,.3 ; 7, 9; 50, 6. — pulso, sott. ei e cfr. 34, 7. — 
minime Romana, cfr. 22, 58. 8 minime Romani ingenti homo; 42, 4, 74 ne- 
qabant se in ea legatione Romanas agnoscere artes ... vere haec Romana 
esse, non versutiarum Punicarum neque calliditatis Oraecae, apud quos fai' 
lere hostem quam vi superare gloriosus fuerit; Tac. Ann. 2, 88 non f rande 
sed palam populum Romanum hostes suos ulcisci. — 6. posito bello ò 
modellato sull'analogia di arma ponere. — fundam. iacendis: Tarq. il 
Superbo getta le fondamenta del tempio sul suolo già appianato dal 
padre, cfr. 38, 7. — inU tum è costruito come in 56, 1. — Sextus: il rac- 
conto è modellato sulla saga di Zopiro e sull'inganno da lui ordito 
contro Babilonia (cfr. Erod. 3, 154); però non contiene in sé nulla d'in- 



AB URBE CONDITA, CAP. LUI, 3—11 193 

vertisse superbiam, et liberorum quoque eum frequentiae taedere, 
ut, quam in curia solitudinem fecerit, domi quoque faciat, ne 
quam stirpem, ne quem heredem regni relinquat. Se quidem 7 
inter tela et gladios patris elapsum nihil usquam sibi tutum 
nisi apud hostes L. Tarquini credidisse. Nani ne errarent, ma- 
nere iis bellum, quod positum simuletur, et per occasionem eum 
incautos invasurum. Quod si apud eos supplicibus locus non sit, 8 
pererraturum se omne Latium, Volscosque [se] inde et Aequos 
et Hernicos petiturum, donec ad eos perveniat, qui a patrum 
crudelibus atque impiis suppliciis tegere liberos sciant. Forsitan 9 
etiam ardoris aliquid ad bellum armaque se adversus super- 
bissimum regem ac ferocissimum populum inventurum. Cum, 10 
si nihil morarentur, infensus ira porro inde abiturus videretur, 
benigne ab Gabinis excipitur. Vetant mirari, si qualis in cives, 
qualis in socios, talis ad ultimimi in liberos esset ; in se ipsum 
postremo saeviturum, si alia desint. Sibi vero gratum adventum H 
eius esse, futurumque credere brevi, ut ilio adiuvante a portis 
Gabinis sub Romana moenia bellum transferatur. 

verosimile e potrebbe anche essere storico. — minimus, sott. nati* e cfr. 
n. 3, 2; 46,9. — 6. vertisse: il sogg. dell'inf. eum va sottinteso dal 

gen. patris che precede. — frequentiae, dei tre figliuoli innanzi ricor- 
dati, cfr. 56, 7. — ut dipende da adeo o pure ita, che si può facilmente 
sottintendere accanto a taedere. — 7. inter tela, di mezzo ai dardi che 
gli erano scagliati contro, cfr. 24,7,6 evadere inter tela; 31, 36, 11 inter 
atationes elabi; 24, 33, 5 ex caede elabi. — nani serve a indicar la ra- 
gione, per cui egli li chiama ancora nemici di Tarquinio, sebbene la 
guerra Tosse apparentemente finita. — manere: però essi non dovevano 
lasciarsi trarre in inganno, perchè la guerra continuava ancora, cfr. 28, 
5. — 8. Aequos, Hernicos, popolazioni umbro-sabelliche, che abita- 

vano nel Lazio ad est e a sud-est di Roma, cfr. 55, 1; 2, 41, 1. — eos 
" presso tali che „. — 9. forsitan, cfr. praef. n. 12. — etiam ardoiHs 
illiquidi forse capiterà presso un popolo il quale non l'accolga sempli- 
cemente, ma si lasci trasportare da spiriti bellicosi a vendicarlo, cfr. 4, 
47, 3. — ferocissimum, violento, selvaggio: volendo Sesto incitare 
alla guerra i Gabini, gli conviene di mettere in mala vista non solo il 
re, ma anche il popolo di Roma. — IO. si nihil morarentur, sott. eum, 
* se non l'avessero trattenuto, se l'avessero lasciato andar via, se non 
si fossero dato pensiero di lui,, cfr. 4, 42, 8 C. Semprotiium nihil moror. 
— infensus ira è meno frequente di accensus ira, cfr. però 2, 12, 12. — 
vetant mirari: son queste le parole dei Gabini, i quali affermano, che 
non si debba provar maraviglia del modo come Tarquinio infierisce 
contro i proprii figliuoli, perchè ciò si trova pienamente d'accordo con 
tutto il resto della sua vita. L'omissione del soggetto innanzi a mirari 
bì spiega appunto a causa del suo significato affatto generico. — mirari 
M, cfr. 40, 2. — 11. alia = alii in quos saeviat. — eius, i. e. Sexti. — cre- 
dere, sott. se. 

E. Cocchia, Tito Livio, I, B* ediz. 18 



194 TITI LIVI, LIB. I 

1 LIV. Inde in Consilia publica adhiberi. Ubi cum de aliis 
rebus adsentire se veteribus Gabinis diceret, quibus eae notiores 
essent, ipse identidem belli auctor esse, et in eo sibi praecipuani 
prudentiam adsumere, quod utriusque populi vires nosset sci- 
retque invisam profecto superbiam regiam civibus esse, quam 

2 ferre ne liberi quidem potuissent. Ita cum sensim ad rebel- 
landum primores Gabinorum incitaret, ipse cum promptissimis 
iuvenum praedatum atque in expeditiones iret, et dictis factisque 
omnibus ad fallendum instructis vana adcresceret fides, dux ad 

3 ultimum belli legitur. Ibi cum inscia multitudine, quid ageretur r 
proelia parva inter Romam Gabiosque fierent, quibus plerumqua 
Gabina res superior esset, tum certatim summi infimique Gabi- 
norum Sex. Tarquinium dono deum sibi missum ducem credere. 

4 Apud milites vero obeundo pericula ac labores pariter, praedam 
munifice largiendo tanta caritate esse, ut non pater Tarquinius 



LIV. — 1. Consilia * pubblici provvedimenti ,. — adsentire trovasi 
adoperato da Livio, sull'es. di Cic. e di altri, anche in 24, 45, 9 in luogo 
della forma deponente adsentiri, la quale ricorre in 39, 52, 1. — vete- 
ribus, cioè vecchi i quali da lungo tempo avevano dimora in Gabio, 
cfr. 38, 2. — auctor esse " la cagione, il consigliere „: anche altrove l'ini, 
storico trovasi adoperato nella seconda parte del periodo, cfr. 58, 3. — 
in eo= in ea re * in questo punto, in questa sola circostanza ,. — ad- 
sumere = tribuere, vindicare, cfr. 87, 10, 2 praecipuo certamine adversus 
eum sumpto. — praecipuatn prudentiam, giudizio competente più di ogni 
altro. — sciret indica altrove una conoscenza più precisa di quella che 
è espressa con nosse; qui al contrario esso è adoperato in sua vece a 
solo scopo di dar varietà al discorso. — profecto = necessario " fuor di 
ogni dubbio, sicuramente „, cfr. 28, 29, 3 profecto insanisti. — civibus 
* ai proprii concittadini „. — 2. rebellandum " a riprendere le osti- 
lità „, perchè non si era fatta ancora nessuna pace con essi, cfr. 9, 12, 
4. — ipse : si noti l'asindeto che ricorre anche in 85, 27, 3. — et si col- 
lega direttamente colle due prop. asindetiche che precedono. — expe- 
ditiones'. un sost., che faccia seguito ad un supino, si nota anche presso 
Cic. in Clod. 3, 4 non ad contionem sed sponsum advocasse. — dictis fac- 
tisque instructis, abl. ass. — vana fides " infondata, fallace, ingannatrice 
fiducia „, cfr, 28, 42, 7 fraus fidem sibi praestruit, ut cum operae pretium 
sii cum mercede magna fallai. — ad ultimum, cfr. 83, 5 e 9, S, 15 ad ex- 
tremum. — legitur: legere ducem accanto ad eligere o pure creare, ricorre 
anche in 21, 39, 8. — 3. ibi * ora „ cfr. 7, 2; 2, 7, 8. — quidageretur 
■ di quel che si avesse intenzione di fare, dello scopo a cui mirasse ,. 
— deum per deorum ricorre costantemente in Livio in unione con donum, 
cfr. 7, 10. — 4. obeundo = adeundo o subeundo. — pariter * al modo 
stesso come tutti loro ,, cfr. 27, 49, 3 pugnantis hortando pariterque ob- 
eundo pericula sustinuit. — largiendo: il bottino di guerra poteva anche 
esser venduto a benefizio dello Stato. — tanta caritate = in t. car., cfr. 
40, 1 ; Corn. Epam. 2, 1 non minore fuit gloria; Cic. Verr. 4, 103 fanum 



AB UBBE CONDITA, GAP. L1V, 1 — 9 195 

potentior Romae quam filius Gabiis esset. Itaque postquam satis 5 
virium collectum ad omnes conatus videbat, tum ex suis unum 
sciscitatum Romam ad patrem mittit, quidnam se facere 
vellet, quando quidem, ut omnia unus [prae] Gabiis posset, ei 
di dedissent. Huic nuntio, quia, credo, dubiae fidei videbatur, 6 
iiih.il voce responsum est. Rex velut deliberabundus in hortum 
aedium transit sequente nuntio filii ; ibi inambulans tacitus summa 
papaverum capita dicitur baculo decussisse. Interrogando exspec- 1 
tandoque responsum nuntius fessus, ut re imperfecta, redit 
Gabios; quae dixerit ipse quaeque viderit, referti seu ira seu 
odio seu superbia insita ingenio nullam eum vocem emisisse. 
Sexto ubi, quid vellet parens quidve praeciperet tacitis amba- 8 
gibus, patuit, primores civitatis criminando alios apud populum, 
alios sua ipsos invidia opportunos interemit. Multi palam, quidam, 
in quibus minus speciosa criminatio erat futura, clam interfecti. 
Patuit quibusdam volentibus fuga [aut in exsilium acti sunt] 9 
absentiumque bona iuxta atque interemptorum divisui fuere. 

tanta religione semper fuit. — non ò disgiunto dal verbo per maggior 
enfasi. — 5. tum trovasi ben spesso adoperato come introduz. alla 

seconda parte del periodo, cfr. 9, 10; 2, 8, 3. — unum * un suo fido ,. — 
omnia unus: l'oggetto precede, per dar maggior rilievo ad ambedue i 
concetti, cfr. 40, 11, 3 Demetrius iis unus omnia erat. Nei mscr. si legge 
innanzi a Gabiis la sigla p~= prae, che i critici ritengono comunemente 
come spuria. — ei in luogo di sibi s'incontra non raramente nell'or, 
obi., cfr. 56,10: del resto questa seconda proposizione si potrebbe con- 
siderare anche come una riflessione aggiunta dal messo, e quindi in 
certo modo indipendente dall'or, obi. — 6. seguenti: Tabi, del part. 
ha talvolta la desinenza in i, anche quando non funge da agg., cfr. 6, 
14, 13 differenti, dicenti. — papaverum: questa risposta è improntata di- 
rettamente a quella data dal tiranno Trasibulo al tiranno Periandro, 
presso Erod. 5, 92, cfr. anche Dion. 4, 56. — 7. ut re imperfecta, come 
se non avesse ottenuta alcuna risposta, come se la missione non avesse 
conseguito alcun effetto, cfr. Caes. b. e. 2, 13, 2 ut re confecta remittunt. — 

8. quidve, cfr. n. 1, 7. — tacitis ambagibus accenni simbolici ,, cfr. 56, 

9. — criminando apud, sott. come traditori e cfr. Cic. de Off. 3,79. 
— sua ipsos, cfr. 11, 9: gli altri, essendo rimasti isolati per l'odiosità 
che si erano attirata addosso dai proprii concittadini, rimanevano come 
esposti alle mire di Sesto e senza alcuna difesa. — interemit " giudicò, 
tolse di mezzo da se stesso „. — speciosa * appariscente ,. — 9. volen- 
tibus * che non vollero far uso „, cfr. 21, 50, 10 quibusdam volentibus 
novas res fare. — fuga " esilio volontario „, cfr. 24, 5, 6. — [aut... sunt]: 
sull'es. del Novak, espungiamo dal testo come spurie queste parole, che 
hanno tutta l'apparenza di una glossa di fuga patuit. — bona, cfr. 49, 
5. — iuxta atque = pariter oc, cfr. Sali. Cat. 37, 8 ; Cic. post. red. in 
sen. 20. — divisui ricorre tanto in questo luogo quanto in 33, 46, 8 : il 
dat di scopo dei sost. verbali in -us è assai frequente in Livio, cfr. receptui, 



196 TITI LIVI, LIB. I 

10 Largitiones indepraedaeque; et dulcedine privati commodi sensus 
malorum publicorum adimi, donec orba Consilio auxilioque Ga- 
bina res regi Romano sine ulla dimicatione in manum traditur. 

1 LV. Gabiis receptis, Tarquinius pacem cum Aequorum gente 
fecit, foedus cum Tuscis renovavit. Inde ad negotia urbana 
animum convertit; quorum erat primum, ut Iovis templum in 
monte Tarpeio monumentum regni sui nominisque relinqueret: 

2 Tarquinios reges ambos, patrem vovisse, filium perfecisse. Et 
ut libera a ceteris religionibus area esset tota Iovis templique 
eius, quod inaedificaretur, exaugurare fana sacellaque statuit, 



usus, sumptui (23, 48, 2), guaestui (3, 68, 11), fructui (5, 4, 6), risui (4, 35, 
10); il soBt. divisus ricorre anche in Gellio. — IO. largitiones: i loro 
beni furono da Sesto divisi ai suoi adepti, cfr. 41, 1; 2, 24, 1. — adimi: 
l'inf. storico adoperato in mezzo ad altri verbi finiti, per accrescer vi- 
vacità al racconto, non è frequente nemmeno in Livio, cfr. però, 2, 53, 
2. — donec, cfr. praef. n. 9. — Consilio, cfr. 8, 16, 2. — in manum, cioè 
* in suo pieno e illimitato potere „: le espressioni più comuni, che si 
incontrano altrove, sono in dicionem, arbitrium, potestatem venire. — tra- 
ditur. Secondo Or. Ep. 2, 1, 24 e Dion. 4, 58, fu concluso un trattato con 
Gabio, che esisteva àncora al tempo di Livio nel tempio di Semo Sancus, 
cfr. Paul. Diac. p. 56 clipeum antiqui corium bovis appellarunt, in quo foedus 
Qàbinorum cum Romanis fuerat descriptum. 

LV. — 1. Aequorum, i quali abitavano ad est del Lazio, tra il Iago 
Fucino e l'Algido, cfr. 32, 5. — Tuscis, cfr. 42, 2. — ut dipende da 
primum negotium. — Iovis, così denominato dal maggiore degli dèi, 
sebbene accanto ad esso avessero la loro sede nella medesima cella 
anche Giunone e Minerva. — Tarpeio, cfr. 11, 6 e Prop. 5, 1, 7 Tarpe- 
iusque pater nuda de rupe tonabat. Era questo il nome della collina, prima 
che essa fosse chiamata mons Capitolinus, cfr. Dione Cassio nàvtevd-ev 
ó TaonVfios Àócpog fietovoftdo&n KanittaXlvog. — Tarquinios va consi- 
derato come epesegesi di monumentum, e dipende dal concetto di * dire „ 
che è in quello racchiuso, cfr. 54, 8. — vovisse, cfr. 38, 7 : parecchi mscr. 
hanno in questo luogo voluisse. — 2. libera: il culto delle altre di- 
vinità, che nella stessa area erano venerate, doveva cedere il luogo a 
Giove, cfr. 38, 7; Cic. de leg. 8, 21. L'antico culto, che aveva scarse in- 
fluenze ed era accessibile soltanto ai patrizi, doveva naturalmente 
lasciar libero il luogo ad un tempio di tanta solennità ed importanza, 
che fu poi sempre considerato in seguito come il centro religioso e po- 
litico dello stato Romano. — exaugurare, &rca% elg., toglier via la con- 
sacrazione, che aveva ricevuta, sconsacrare, cfr. 6, 4; 18, 7; Servio ad 
Aen. 1, 446 antiqui tempia ita faciebant ut prius per augures locus libe- 
raretur effareturque, tum demum a pontifìcibus consecraretur. — fana, 
cfr. 10, 37, 15 fanum id est locus tempio effatus e Serv. ad Aen. 3, 468 
loca sacra id est ab augure inaugurata effata dicuntur. — sacella " cap- 
pelle „, cfr. Gellio 7, 12, 5 sacellum est locus parvus deo sacratus cum ara. 
Era questa probabilmente la forma, nella quale eran venerati gli dèi, 
prima della consacrazione del tempio capitolino, cfr. 21, 4; 27, 7; 33, 9; 



AB URBE CONDITA, GAP. LIV, 10; LV, 1 — 6 197 

quae aliquot ibi, a T. Tatio rege primum in ipso discrimine 
adversus Romulum pugnae vota, consecrata inaugurataque postea 
fuerant. Inter principia condendi huius operis movisse numen 3 
ad indicandam tanti imperii molem traditur deos; nam cum 
omnium sacellorum exaugurationes admitterent aves, in Termini 
fano non addixere; idque omen auguriumque ita acceptum est, 4 
non motam Termini sedem unumque eum deorum non evocatum 
sacrati s sibi finibus firma stabiliaque cuncta portendere. Hoc 5 
perpetuitatis auspicio accepto secutum aliud magnitudinem im- 
perii portendens prodigium est: caput humanum integra facie 
aperientibus fundamenta templi dicitur apparuisse. Quae visa 6 
species haud per ambàges arcem eam imperii caputque rerum 



45, 2. — quae aliquot " alcuni dei quali „, cfr. 2, 43, 7. — Tatio: di ciò 
non si fa innanzi memoria, cfr. 33, 2. — inaugurata è aggiunto qual 
contrapposto di exaugurare, sebbene Yinauguratio precedesse propria- 
mente alla consecratio, cfr. 10, 6 e 2, 8, 6. — 8. intei' principia non si 
incontra negli scrittori anteriori a Livio, e in Livio stesso non è che un 
&*t. sIq. — morisse numen deos: gli dèi fecero un cenno colla loro testa 
(cfr. 11. 1,528), per dimostrare il loro volere, il pieno assentimento che 
essi davano a quell'opera, cfr. 7, 30, 20 adnuite nututn numenque vestrum 
Cic. p. Mil. 85 religiones ipsae commovisse se videntur; Ov. Fast. 1, 268 

6, 760. — traditur costruito impersonalmente come in 5, 33, 2; 4, 60, 1 
4, 8, 5. — Terminu8 = Zehs 80105, il quale veniva venerato sotto forma 
di una pietra (la pietra terminale) a cielo scoperto, nel vestibolo pre- 
cedente alla cella di Minerva. Prima che Roma subisse l'influenza della 
religione e dell'antropomorfismo ellenico, il suo culto aveva forma 
simbolica, ed essa venerava gli dèi non già come idoli ma come 
simboli, Giano ad es. sotto la forma di arco, Vesta sotto quella del 
fuoco, Marte col simbolo della lancia e Giove con quello della pietra. 

— addicere e admittere sono i termini tecnici dell'arte augurale, per 
indicare l'assenso che davano gli dèi tanto neWinaug. quanto nelYex- 
aug., cfr. Festo p. 162 nequltum: Cato Originutn I, 1 : fana in eo loco com- 
pluria fuere, ea exauguravit, praeterquam quod Termino fanum fuit, id 
nequitum exaugurari. — 4. non motam ...evocatum: questi due part. fun- 
gono da soggetto dell'inf. seguente {portendere), cfr. 34, 4. Livio in 5, 54, 

7, seguendo probabilmente una tradizione affatto diversa, ammette che 
accanto al simulacro del dio Terminus (il quale naturalmente doveva 
far capo a Giove come principio e ordinatore di tutte le cose) fosse 
conservato sul Campidoglio anche l'altro della dea Iuventus, come sim- 
bolo dell'eterna giovinezza della città. — finibus = ex finibus. — 5. ac- 
cepto, cfr. 7, 41. — auspicio * favorevo.'e assenso degli dèi „, cfr. 34, 9. 

— caput humanum, cfr. 5, 54, 7. Questa leggenda della testa umana, tro- 
vata nello scavare le fondamenta del Campidoglio, ricorda la testa di 
cavallo trovata nella fondazione di Cartagine (cfr. Verg. 1, 443) e dovè 
esser certamente ispirata dall'etimologia del nome Capitolium, il quale 
essendo connesso con caput parve che presagisse la futura grandezza di 
Roma. — 6. haud per ambages " senza alcun velo, apertamente ,, 



198 TITI LIVI, LIB. I 

fore portendebat; idque ita cecinere vates, quique in urbe erant, 

7 quosque ad eam rem consultandam ex Etruria acciverant. Au- 
gebatur ad impensas regis animus. Itaque Pomptinae manubiae, 
quae perducendo ad culmen operi destinatae erant, vix in fun- 

8 damenta suppeditavere. Eo magis Fabio, praeterquam quod an- 
tiquior est, crediderim quadraginta ea sola talenta fuisse, quam 

9 Pisoni, qui quadraginta milia pondo argenti seposita in eam 
rem scribit, [quia] summam pecuniae neque ex unius tum urbis 
praeda sperandam, et nullius ne horurn quidem magnificentiae 
operum fundamenta non exsuperaturam. 



cfr. 54, 8; 56, 9. — arcem eam * che questo sarebbe stato il centro „, 
cfr. 5, 54, 7 hic Capitolium est ubi quondam capite hutnano invento re- 
sponsum est eo loco caput rerum summatnque imperii fore. — ita, sott. ut 
dictum est. — quique ...quosque: l'enclitica que si accoppia frequente- 
mente in Livio coi relativi e con altri pronomi, cfr. 34, 35, 10 seque 
suosque; 22, 26, 1. — consultandam, cfr. 21, 1. — ex Etruria: son questi 
gli aruspici (cfr. 34, 9), di cui però Livio fa un cenno indiretto, senza 
punto ricordare gli altri particolari riferiti da Dion. 4, 59 e da Plin. 28, 
15. — 7. ad impensas, sott. faciendas, cfr. Cic. Verr. 3, 180 qui tibi ad 
etatuas pecuniam contulerunt: nel far le spese i piani del re si andavano 
ingrandendo via via. — Pomptinae è il derivato di Pometia, o meglio 
della forma osca di questo nome Pomptia, e ricorre anche altrove in 
Livio, come ad esempio in 2,84, 4. 6; 4, 25, 5; 6, 1, 1, cfr. anche 9, 28, 7. 
Catone al contrario adopera la forma più latina Pometinus (cfr. Prisc. 4, 
21), la anale ricorre anche in Strab. 5, 3, 4 e in Dion. 4, 50 roòg naÀoit- 
fiévovg Jla>(Aevilvovs. — manubiae, cfr. Pseud. Asc. ad Cic. Verr. p. 499 
manubiae sunt praedae imperatoris prò portione de hostibus captae, cioè 
propriamente il denaro percepito dalla preda toccata al re, cfr. 2, 60, 8. 
— 8. Fabio, cfr. 44, 2. — ea si riferisce per il senso a manubiae, cfr. 
§ 6. — Pisoni, L. Calpurnio Pisone Frugi, cons. nel 133, contemporaneo 
e oppositore dei Gracchi, e autore d'una storia romana intitolata, al 
pari di quella dei predecessori, annales. — 9. quadraginta milia. Fabio 
aveva probabilmente calcolata a 40 talenti tutta quanta la preda (cfr. 
53, 3), mentre invece Pisone, considerando quel numero come espres- 
sione della parte che era toccata al re, equivalente al decimo di tutto 
il bottino di guerra, sospettava forse, sull'es. di Dionigi 4, 50, che essa 
corrispondesse in complesso a 400 talenti; i quali, ammessa l'equiva- 
lenza del talento con 100 libre d'argento (in 38, 38, 13, il talento cor- 
risponde a 80 libre d'argento), ci danno appunto la somma di 40,000 libre, 
che è qui ricordata da Livio. — summam: il quia che nei codici pre- 
cede a summam va quasi sicuramente considerato come spurio, e diffi- 
cilmente si sostituirebbe con profitto nemmeno col quippe da alcuni 
proposto. — fundamenta, per mezzo di quella comparatio com- 
pendiaria, che è affatto propria degli scrittori classici, corrisponde 
a summa fundamentorum, cfr. 2, 13, 8. 21, 11, 2. — nullius non = omnis; 
ne quidem non = vel; magnificentia operum = magnifici operis : picchè 
tutta quanta la proposizione potrebbe tradursi utilmente in fjiir«f:iltra 



AB URBE CONDITA, CAP. LV, 7— -9; LVI, 1 — 2 199 

LVI. Intentus perficiendo tempio fabris undlque ex Etruria * 
accitis non pecunia solum ad id publica est usus, sed operis 
etiam ex plebe. Qui cum haud parvus et ipse militiae adderete 2 
labor, minus tamen plebs gravabatur se tempia deum exaedi- 
ficare manibus suis, quam postquam et ad alia, ut specie minora 
sic laboris aliquanto maioris, traducebantur opera, foros in circo 
faciendos cloacamque maximam, receptaculum omnium purga- 



et omnÌ8 (sott. operis) vel horum magnificorum operum fundamenta exsu- 
per aturam. — horum " dei tempi nostri ,, cioè di quelli in cui Livio 
viveva, cfr. praef. 9, e 56, 2. 

LVI. — 1. intentus col dat., cfr. 53, 5. — ex Etruria. L'architettura era 
già molto innanzi nell'Etruria, quando nel Lazio cominciava appena a 
for le prime prove ; sicché non e inverosimile che dall'Etruria sien ve- 
nuti gli artisti addetti alla costruzione del tempio Capitolino ; il quale 
anche nelle forme esterne risentiva di quelle innovazioni, certamente 
poco belle, che l'arte etnisca aveva apportate nell'arte greca presa a 
modello, e che consistevano sopratutto nella forma più bassa e più ampia 
deìTatrium, che pigliava perciò appunto il nome di Tuscanicum. — pe- 
cunia publica, di quella cioè che si ricavava dai vectigalia, dalla decima 
parte deìVager publicus, ecc.: il re poteva disporre liberamente non solo 
del tesoro e dell'air publicus, ma anche dell'opera della plebe. — operis 
abl., cfr. Cic. Verr. 5, 48 Capitolium publice coactis fabris operisque impe- 
rati* exaedificare potuit. Anche altrove il nome astratto operae si trova 
adoperato in luogo del concreto per indicare il servizio che lo schiavo 
deve al suo signore. — qui: costr. qui labor et ipse haud parvus, che 
non era meno pesante e gravoso di quello della milizia, cfr. SO, 6. — 
gravabatur è costruito coll'acc. e l'inf. al pari di angi, indignar*, moleste 
ferre. — tnanibus, cfr. Plin. 36, 107 plebis manibus; Servio ad Aen. 12, 
603 Cassius Hemina ait, Tarquinium Superbum cum cloacas populutn fa- 
cere coegisset. — 2. quam, sott. gravabatur. — traducebantur è congiunto 
xarà otìveoiv a plebs: quanto alla costruzione si noti che l'impf. indica 
il successivo ripetersi dell'azione. — foros faciendos : il gerundivo usato 
•come apposizione non è estraneo a Cic. (cfr. de fin. 1, 10, 36), ma è assai 
più frequente in Livio, cfr. 14, 7; 2, 47, 12. Anche Tarquinio aveva fatti 
costruire dei publici fori (cfr. 35, 8), forse affatto simili a quelli di cui 
parla qui Livio. Dionigi 4, 44 rappresenta ad ogni modo Tarq. il Su- 
perbo come continuatore in tutto e per tutto delle opere del padre. — 
cloacamque maximam. La cloaca massima a forma di vòlta e con 
quattro metri di diametro sboccava nel Tevere, e formava come l'ultima 
parte e il ramo principale di un sistema d'incanalazione (il che spiega 
la frase receptaculum omnium purgamentorum), il quale aveva lo scopo di 
prosciugare il territorio paludoso e malsano, che si trovava tra l'Aven- 
tino, il Palatino e il Capitolino. Quest'opera gigantesca in tufo qua- 
drato, che anche dagli scrittori dell'età imperiale veniva pregiata come 
una delle maraviglie del mondo (cfr. Plin. 26, 29, 104 opus omnium dictu 
maximum), trovasi attribuita ad ambedue i Tarquinii, e certo non potè 
esser mandata a termine da una generazione sola. Essa era di tanta 
solidità e fermezza, che conservasi anch'oggi immutata, a malgrado dei 



200 TITI LIVI, LIB. I 

mentorum urbis, sub terra agendam; quibus duobus operibus 

3 vix nova haec magnificentia quidquam adaequare potuit. His la- 
boribus exercita plebe, quia et urbi multitudinem, ubi usus 
non esset, oneri rebfitur esse, et colonis mittendis occupari latius 
imperii .fines volebat, Signiam Circeiosque colonos misit, prae- 
sidia urbi futura terra marique. 

4 Haec agenti portentum terribile visum: anguis ex columna 
lignea elapsus cum terrorem fugamque in regia fecisset, ipsius 
regis non tam subito pavore perculit pectus, quam anxiis im- 

5 plevit curis. Itaque cum ad publica prodigia Etrusci tantum 
vates adniberentur, hoc velut domestico exterritus visu Delphos 



guasti e della sua così remota antichità. — purgarti., &n. elq. — sub 
terra. La lezione dei mscr. sub terram è quasi sicuramente errata, perche 
Tace, con sub si adoprerebbe solamente per contrassegnare un'opera, la 
quale costruita sopra terra fosse stata poi in séguito sommersa, cfr. 8, 
15,8 sub terram defossa; 24, 10,8 fontem sub terram fluxisse ; 4,22,4 cu~ 
niculum agere in arcem, di fronte .« 22, 57, 6 sub terra demissi. Forse 
non è improbabile, come opinava uapprima il Weissenborn, che sub si 
debba sostituire con subter sull'analogia di quel luogo di Virgilio, Aen. 
8, 695 occultas egisse vias subter mare. — haec, cfr. 55, 9. — 3. usus 

non esset, dove non avevano più che fare ; il che fa supporre che le due 
opere fossero state già mandate a termine, cfr. L, 65, 2. — colonis. Seb- 
bene a principio s'inviassero colonie soltanto a scopo militare, per esten- 
dere e fortificare i confini dell'impero con sicuri presidii (latius occu- 
pari e praesidia futura, cfr. 11, 4), pure in corso di tempo, sopratutto 
a partire dai Gracchi, si mirò con esse ad allontanare dalla città la classe 
più povera, la quale essendo assai cresciuta di numero cominciava a 
divenir turbolenta, cfr. 5, 24, 4. — Signiam, oggi Segni, sul confine set- 
tentrionale del territorio dei Volsci, serviva come punto di fortificazione 
dalla parte di terra. — Circeios, sul promontorio Circe io, che si prò- 
tende nel mare a forma di isola, era un'antica città latina, la quale 
segnava il confine meridionale del Lazio ed era come un forte baluardo 
di esso dalla parte del mare. Le due città divennero più tardi entrambe 
colonie dei Latini, cfr. 2, 39, 2 ; 27, 9, 7. — praesidia, cfr. 2, 34, 6. — 
4. anguis è considerato come simbolo dei genii e dei lari domestici, 
cfr. 26, 19, 7. — ipsius e detto in opposizione agli altri che si trova- 
vano nella reggia. — fugam * scompiglio „, cfr. 21, 82, 8. — curis, ap- 
prensione tanto per sé quanto per la propria famiglia, cfr. 29, 2. — 
6. Etrusci, cfr. 34, 9. — domestico, perchè si riferisce soltanto alla fa- 
miglia reale, cfr. 5, 15, 6 privati portenti; Zonara, 7, 11 oytj péyac im- 
(pavslg aòxóv te nal robg ovooitovs igéfiaÀe. — visu, ofr. 20, 7. — Del- 
phos. Sebbene di regola in simili casi si credesse sufficiente il responso 
degli aruspici (cfr. 5, 15,5; 22, 57, 5), pure l'ultimo dei Tarquinii, al 
quale rimonta probabilmente là introduzione della cultura e della mi- 
tologia greco-etrusca (cfr. ad es. il culto di Apollo) nel Lazio, interroga 
in presenza d'un simile prodigio, seguendo un costume greco, l'oracolo 
di Delfo. Lo stesso accadde anche al tempo dell'assedio di Veio (lib. 5 r 



AB UBBE CONDITA, CAP. LVI, 8 — 7 201 

ad maxime inclitum in terris oraculum mittere statuii Neque 6 
responsa sortium ulli alii committere ausus duos filios per ignotas 
ea tempestate terras, ignotiora maria in Graeciam misit. Titus 
et Arruns profecti. Comes iis additus L. Iunius Brutus, Tar- 7 
quinia sorore regis natus, iuvenis longe alius ingenio, quam 
cuius simulationem induerat. Is cum primores civitatis, in quibus 
fratrem suum, ab avunculo interfectum audisset, neque in animo 
suo quidquam regi timendum neque in fortuna concupiscendum 



15) e dopo la battaglia di Canne (lib. 22, 57), cfr. 38, 48, 2 eommune hu- 
tnani generis oraculum. — 6. responsa sortium " responso della sorte ,. 
La sola specie d'oracolo nota in tutta Italia era quella delle sortes r 
consultate a Caere, Praeneste, Falcrii, Patavium (cfr. 21, 62, 5 e C. I. L. 
I, 267). Questi oracoli erano affatto decaduti al tempo di Cicerone, e tra 
loro non conservava l'antico prestigio che quello di Preneste (cfr. de 
div. 2, 41 eeteris vero in loeis sortes piane refrìxerunt). Le sortes poi erano 
pezzi di legno con scritte diverse, i quali estratti dall'interrogante gli 
rivelavano il responso della fortuna {sortes in rotore insculptae priscarum 
litterarum notis). Da questa forma primitiva d'oracolo, la quale si ritrova 
presso i Giudei, i Greci, i Romani e i Germani, si distingueva assai 
l'oracolo di Delfo, dove il responso era dato a voce, per bocca di una 
persona invasata dal nume. Però, mancando al latino un'espressione che 
contrassegnasse perfettamente questo oracolo, poiché la voce oraculum 
conferisce piuttosto al tempio che al nume, tanto Livio quanto Vir- 
gilio adoprarono non poche volte in sua vece il nome proprio dell'ora- 
colo italico sortes, cfr. Verg. nunc Lyciae sortes nunc et love missus ab 
ipso. — ignotas : si noti però che tanto Caere, alleata dei Tarquinii 
(cfr. 60, 2), quanto la stessa Roma si trovavano già da tempo assai più 
antico in relazione colla Grecia; anzi possiamo aggiungere che, se si 
prescindesse da questo reciproco contatto del Lazio colla Grecia, anche 
prima della fondazione di Roma, non solo la composizione dell'Odissea 
rimarrebbe un enimma, ma non si riuscirebbe nemmeno ad intendere, 
come mai Esiodo faccia menzione nella Teogonia del re Latino. — 
ignotiora, cfr. 7, 8; 18, 3. — 7. alius ingenio " diverso per ingegno ,, è. 
costruito coll'abl., al pari di dissimilis, impar. — quam cuius, sott. iu- 
venis = quam is cuius personam induerat o pure quam is quetn simula- 
verat, cfr. Cic. ad Att. 9, 8, 2: Minervam simulatam Mentori. — in quibus, 
cfr. 6, 20, 8. — interfectum, trovandosi dopo il relativo, si è accordate 
col nome più vicino, sebbene sarebbe stata più chiara la forma tnter- 
feetos, messa direttamente in relazione con primores. È però quella 
una attrazione, la quale ha in suo sostegno il seguente esempio di 
Cicerone, che non è certamente meno duro: omni ornatu orationis tam~ 
quam veste detraete in Br. 75, 262. — regi timendum = quod rex tu 
mere posset. — fortuna = fortunis, cfr. 42, 4; 22, 10, 8. — concupi- 
scendum = quod ab eo. i. e. Tarquinio, concupisceretur. I gerundivi che 
indicano un sentimento dell'animo, come metuendus, spernendus^ ad- 
tnirandus e altri, si trovano spesso congiunti con una negazione (cfr. 35, 
5; 55, 9; 22. 59, 2) e corrispondono in tal caso perfettamente ad agg. 



202 TITI LIVI, LIB. I 

relinquere statuit, contemptuque tutus esse, ubi in iure panini 

$ praesidii esset. Ergo ex industria factus ad imitationem stul- 

titiae cum se suaque praedae esse regi sineret, Bruti quoque 

haud abnuit cognomen, ut sub eius obtentu cognominis liberator 

$ ille populi Romani animus latens opperiretur tempora sua. Is 

tum ab Tarquiniis ductus Delphos, ludibrium verius quam 

comes, aureum baculum inclusum corneo cavato ad id baculo 

tulisse donum Apollini dicitur, per ambages effigiem ingenii 

iO sui. Quo postquam ventum est, perfectis patris mandatis cupido 

incessit animos iuvenum sciscitandi, ad quem eorum regnum 

- Romanum esset venturum. Ex infimo specu vocem redditam 

ferunt: «imperium summum Romae habebit qui vestrum primus, 

in -bilis, cfr. 8, 40, 3 e Cic. prò Mil. 104 o conservandutn virum. — ubi, 
cioè nella reggia o pure nella famiglia reale, cfr. 49, 5. — 8. ex indu- 
stria, cfr. 9, 6. — factus ad * avendo preso a contraffarsi, a mostrarsi, a 
farsi credere scemo „, cfr. 26, 19, 3 in ostentationem compositus. — se 
suaque, non solo la propria persona, la quale era tenuta a vile (in con- 
temptu ludibrium), ma anche i proprii beni. — Bruti e spiegato dalla 
voce stultitia che segue, cfr. Festo, p. 31 Brutum antiqui, dicebant gravetn, 
testimonianza che potrebbe in certo modo render ragione dell'origine 
di tutta questa leggenda. — quoque in luogo di ne quidetn, perchè haud 
abnuit ha propriamente il senso affermativo di aceepit, cfr. 22, 42, 8. — 
obtentu, 8.n. eìo., cfr. però Sali. Hist. 1, 41, 24 obtentui. — liberator, cfr. 
28, 1 : il sost. in -or ha qui a un dipresso lo stesso significato del part. 
fut. in -rus, cfr. 35, 17, 8 liberator populus; 30, 32, 1 victores. — opperi- 
retur, cfr. 4, 7, 6 sua tempora exspeetare, e Dion. 4, 68 i<*s °$ * óv èm- 
ttfóeiov éóoge naigòv h*%*iv. — 9. is tum, cfr. 7, 9. — ludibrium, quale 
oggetto di scherno. — verius, cfr. 9, 17, 16 Darlum praedam verius quam 
hostem, 2, 26, 1. — inclusum, col semplice abl. senza in, è estraneo all'uso 
ciceroniano, ma frequente nei poeti e nei prosatori posteriori. — corneo, 
&jt. sìq. — cavato ad id " incavato appunto per questo scopo „, potrebbe 
essere semplicemente una glossa, cfr. però 10, 5 ; 2, 3, 6. — tulisse, sott. 
secum e cfr. 22, 50, 5. — effigiem, qual simbolica o misteriosa immagine 
dell'animo suo: quest'acc. va considerato quale apposizione di donum, 
e l'espressione avverbiale per ambages che lo precede quale attributo 
di effigiem, cfr. 21, 5 e 54, 8. — IO. cupido incessit coll'acc. come in 
24, 13, 5: il dat. ricorre soltanto in 4, 57, 10. — quem = utrum, cfr. 6, 
4. — eorum = ex ipsis. 11 pronome is si incontra non rare volte nell'or, 
obi. a far le veci del pronome riflessivo, quando come in questo caso 
manca la forma riflessiva corrispondente, cfr. Cic. ad Att. 11, 23, 1; 
de Or. 1, 54, 232; Ce», b. g. 1, 6, 3; Liv. 54, 5; 32, 34, 5 ; 31, 3, 6. — specu, 
cfr. Giustino 24, 6, 9 in hoc rupia anfractu est terrae foramen, quod in 
oracula patet; ex quo frigidus spiritus vi quadam velut amento in sublime 
expuisus menUs vatum in vecordiam vertit impletasque deo responso con- 
sulentibus dare cogit; Strab. 9, 8, 5; Val. Mass. 1, 8, 10. Secondo Livio 
sembra invece che coloro, i quali ricorrevano al nume, ne sentissero 
direttamente la voce. — vestrum primus: l'oracolo risponde, compren- 



AB KBE CONDITA, GAP. LVI, 8—13; LVII, 1 — 3 203 

o iuvenes, osculum matri tulerit». Tarquinii, ut Sextus, qui il 
Romae relictus fuerat, ignarus responsi exspersque imperii 
esset, rem summa ope taceri iubent; ipsi inter se, uter prior, 
cum Romam redissent, matri osculum daret, sorti permittunt. 
Brutus alio ratus spectare Pythicam vocem, velut si prolapsus 12 
cecidisset, terram osculo contKgit, scilicet quod ea communis 
mater omnium mortalium esset. Reditum inde Romam, ubi ad- 13 
versus Rutulos bellum summa vi parabatur. 
, LVII. Ardeam Rutuli habebant, gens, ut in ea regione 1 
atque in ea aetate, divitiis praepollens. Eaque ipsa causa belli 
fuit, quod rex Romanus cum ipse ditari, exhaustus magnificentia 
publicorum operum, tum praeda delenire popularium animos 2 
studebat, praeter aliam superbiam regno infestos etiam, quod 
se in fabrorum ministeriis ac servili tam diu habitos opere ab 
rege indignabantur. Temptata res est, si primo impetu capi 
Ardea posset. Ubi id panini processit, obsidione munitionibusque 3 



<iendo nelle sue parole tutti e tre i messi e non già i soli figliuoli di 
Tarquinio. — tulerit = obtulerit, cfr. 10, 19, 8. — 11. Tarquinii, in 

opposizione a Brutus. — ipsi inter se, cfr. 10, 2. — sorti permittunt = 
sortiuntur, cfr. 28, 45, 9. — 12. prolapsus, scivolando leggermente a 
terra, cfr. 21, 36, 7. Mentre Livio descrive così completamente la mis- 
sione inviata a Delfo, d'altra parte egli trascura interamente la leg- 
genda relativa ai libri sibillini, la quale si collega coll'introduzione del 
colto di Apollo in Roma, cfr. Dion. 4, 62. — mater: i Greci le davano il 
nome di naf*p7JTei(>a. — osculo contigit, cfr. 45, 44, 20 Prusiam summi- 
eisse se et osculo limen euriae contigisse. 

LVII. — 1. Ardeam, città capitale dei Rutuli e già sede di Turno 
(cfr. Verg. 7, 409), si trovava a mezzogiorno di Roma, non lungi dalla 
costiera, su una rupe circondata di paludi, e in una regione malsana: 
anche questa città fu colonizzata dai Romani, cfr. 4, 11, 3. — ut, cfr. 
u. 3, 8. — in ea aet., cfr. 18, 1. — regione. Pare che Ardea avesse un 
porto presso S. Anastasio, mercè del quale gettandosi nei commerci am- 
massò immense ricchezze, cfr. 21, 7, 2. — eaque, al pari che in 45, 3, 
vien meglio circoscritto per mezzo di quod. — diiari " arricchirsi „, non 
è adoperato mai altrove da Livio come riflessivo, cfr. 56, 8. — studere 
coll'inf. s'incontra in Livio anche in 34, 25, 7. — 2. praeter aliam 

superbiam " oltre che per la superbia che egli (Tarquinio) metteva in 
tutte le altre cose sue „: aliam, come di qui si vede chiaramente, ha 
relazione colla frase fabrorum ministeriis ac serrili opere. — regno " al 
governo reale, alla monarchia „. — fabrorum. Gli artisti eran tenuti in 
poca considerazione a Roma, come s'intende chiaramente tanto da questo 
luogo, quanto dal fatto che essi non furono compresi nelle classi di 
Servio. — in min. habitos, è formato sull'analogia di in servitio habere. 
— 3. ** posset, cfr. 7, 6. — parum processit, essendo il luogo assai ben 
fortificato. — munitionibus, opere le quali tendevano a proteggere gli 



204 WT/ un, *>**• J 

k coepti r>~> m . . ^ In his 8la tiyia ' ut fit longo magis quam 
acri h*U™Zusu£?i£** eataS erant '.P nm ^^meii magis 

^ comissationibusmze iW se terebant. Forte potantibus his apud 
Sex. Tarquinium, ui>i et Conlatinus cenabat Tarquinius, Egerii 
ftlius, incidit de uxoribus mentio; suam quisque laudare miria 

*\ modis. Inde certamine accenso Conlatinus negatverbis opus esse T 
paucis id quidem horis posse sciri, quantum ceteris praestet 
Lucretia sua. «Quin, si vigor iuventae inest, conscendimus 
equos invisimusque praesentes nostrarum ingenia? Id cinque 
gpectatissimum sit, quod necopinato viri adventu occurrerit 

p oculis. » Incaluerant vino; «cage sanel» omnes. Citatis equis 
avolant Romam. Quo cum primis se intendentibus tenebria per- 

g venissent, pergunt inde Collatiam, ubi Lucretiam haudquaquam 
ut regias nurus, quas in convivio luxuque cum aequalibus vi- 
derant tempus terentes, sed nocte sera deditam lanae inter lu- 

l0 cubrantes ancillas in medio aedium sedentem inveniunt. Mu- 

assedianti e a bloccar la città. — 4. in his stativi*, cioè nei quar- 

tieri d'inverno stabiliti per sostener l'assedio sotto le mura di Àrdea, 
cfr. 7, 26, 13. — commeatus, è il termine tecnico dei Latini, per indicare 
la licenza concessa ai soldati. — liberi * illimitati ,. — 5. quidem 

• così ad esempio ,. — regii iuvenes * i principi reali ,. — otium te- 
rere = tempus otto consumere, cfr. Verg. 4, 271 teris otia. — 6. potan- 
tibus his va considerato quale abl. ass., perchè la frase mentio incidit 
ricorre da sola anche altrove, cfr. 32, 20, 3 cum de Philippo mentio in- 
cidit. — Egerii, cfr. 38, 1. Questo racconto vien riferito da Fabio Pit- 
tore, cfr. Dion. 4, 64. — miris modis è detto sull'analogia di muUis, 
omnibus, pluribus modis, cfr. 2, 8, 7. — 7. quin = qui o cur non. Questo 
rapido passaggio dall'or, obi. nell'or, recta ricorre anche in 13, 3; 45, 
6. — inventa è una di quelle parole introdotte primieramente da Livio 
nella prosa latina, cfr. 26, 2, 16. — praesentes " di persona ,. — id cuique 
spectatissimum: l'occupazione, a cui ciascuno di noi troverà attenta la 
propria sposa, sarà la prova più sicura e quella che deciderà in favor 
suo. — 8. age sane, espressione piuttosto rara, la quale però non è 
estranea né a Cic. (de 6n. 2, 35, 119) né a Plauto. — intendentibus te- 
nebri* " sul far della sera ,, cfr. 7, 28, 7 nox risa intendi. — 9. in- 
convivio tempus terentes " mentre erano assise a banchetto ,: Livio ado- 
pera con terere tempus anche il semplice abl. in luogo dell'in. — ** 
convivio luxuque è una specie di endiadi " in sontuosi banchetti ,. — 
lanae " a filar la lana ,, che era la principale occupazione d'ogni donna 
romana, cfr. le formolo domi remansit lanam fecit o pure tonifica pia pu- 
dica, e Colum. XII, praef. 9 nunc vero cum pleraeque sic luxu et inertù* 
diffluant, ut ne lanificii quidem curam suscipere dignentur. — Incuorante* 
si dice di colui che lavora al lume della lucerna. — medio aedium, cioè 
nell'atrio che era come il centro della casa, cfr. quanto all'espressione* 
che si allontana non poco dall'uso classico, 5, 41, 2 medio aedium sedere ; 



AB UBBE CONDITA, CAP. LVII, 4 — 11; LVIII, 1 — 5 205 

liebris certaminis laus penes Lucretiam fuit. Adveniens vir li 
Tarquiniique excepti benigne; Victor maritus comiter invrtat 
regios iuvenes. Ibi Sex. Tarquiniura mala libido Lucretiae per 
vim stuprandae capit ; cum forma tum spedata castitas incitat. 
Et tum quidem ab nocturno iu venali ludo in castra redeunt. 

LVIII. Paucis interiectis diebus Sex. Tarquinius inscio i 
Conlatino cum comite uno Gollatiam venit. Ubi exceptus benigne 2 
ab ignaris consilii, cum post cenam in hospitale cubiculum de- 
ductus esset, amore ardens, postquam satis tuta circa sopitique 
omnes videbantur, stricto gladio ad dormientem Lucretiam venit, 
sinistraque manu mulieris pectore oppresso «tace, Lucretia» 
inquit; «Sex. Tarquinius sum; ferrum in manu est; moriere, 
si emiseris vocem ». Cum pavida ex somno mulier nullam opem, 3 
prope mortem imminentem videret, tum Tarquinius fateri amo- 
rem, orare, miscere precibus minas, versare in omnes partes 
muliebrem animum. Ubi obstinatam videbat et ne mortis quidem 4 
metu inclinari, addit ad metum dedecus: cum mortua iugulatum 
servum nudum positurum ait, ut in sordido adulterio necata 
dicatur. Quo terrore cum vicisset obstinatam pudicitiam velut 5 

26, 40, 9 in inedia urbis; 4, 18, 3 in medium campi; 33, 1, 3 ad medium 
viae: 8Ì noti però che in questi esempii il gen. ha per lo più senso par- 
titivo. — IO, certaminis muliebris, della contesa cioè di cui erano 

oggetto le donne, cfr. Cic. Tusc. 4, 71. — penes fuit " spettò „, cfr. 3, 24, 
9 Victoria certaminis penes pares fuit, 2, 42, 2. — invitai, sott. ad cenam 
e cfr. 23, 4, 3. — forma: la leggenda fa che Lucrezia fosse affatto ignota 
a Sesto Tarquinio, che pur le era parente. — 11. tum * per quella 

volta „, è messo in opposizione al capitolo 58. — iuvenali ludo forma un 
concetto solo, e perciò riceve in sua compagnia un secondo aggettivo, 
cfr. 31. 8; 2, 53, 3 : quanto alla forma iuvenalis, che s'incontra per la 
prima volta in Virgilio, cfr. 5, 22, 5. 

LVIII. — 2. ignaris, cioè da Lucrezia e dai suoi. — hosp. cubiculum, 
una delle stanze da letto che stavano per solito attorno all'atrio. — 
postquam videbantur, cfr. 56, 2. — circa sost. = quae circa erant, cfr. 22, . 
45, 7 intra. Sali. C. 3, 2 supra, gr. rò ava, tò néoav. — pectore oppresso: 
col porle una mano sul petto egli le impedisce di muoversi e di agi- 
tarsi. — 3. pavida ex somno * scossa in sussulto dal sonno ,, cfr. 29, 
6, 12 conster natio ex somno. — in omnem partem versare, tentare con 
tutti i mezzi, cfr. 21, 30, 1 varie militum versat animo» castigando adhor- 
tandoque ; 2, 45, 5 nunc pudor nunc indignatio pectora versare. — 4. metum, 
sott. mortis. — dedecus = metum dedecoris. — servum, non un servo, ma 
quello che egli si era condotto in sua compagnia {cum comite uno), cfr. 
difatti Servio il quale fa dire a Sesto : nisi mecum concubueris, Aethiopem 
tecum interimo, tamquam in adulterio deprehenderim. — sordido adulterio 
= aditi t. cum sordido nomine (i. e. servo) commisso, cfr. la definizione 
degli uomini sordidi di fronte agli ingenui in Cic. Off. 1, 42 e Liv. 
22, 25, 18. — 6. quo terrore = cuius rei o dedecoris terrore, cfr. 30, 



206 TITI LITI, LIB. I 

victrix libido, profectusque inde Tarquinius ferox expugnato 
decore muliebri esset, Lucretia maestà tanto malo nuntium 
Romam eundem ad patrem Ardeamque ad virum mittit, ut cum 
singulis fidelibus amicis veniant: ita facto maturatoque opus 

6 esse ; rem atrocem incidisse. Spurius Lucretius cum P. Valerio, 
Volesi filio, Conlatinus cum L. Iunio Bruto venit, cum quo forte 
Romam rediens ab nuntio uxoris erat conventus. Lucretiam se- 

7 dentem maestam in cubiculo inveniunt. Adventu suorum la- 
crimae obortae quaerentique viro «satin salve?» «minime» 
inquit: «quid enim salvi est mulieri amissa pudicitia? Vestigia 

8 viri alieni, Coniatine, in lecto sunt tuo; ceterum corpus est 
tantum violatum, animus insons: mors testis erit. Sed date 
dexteras fidemque haud impune adultero fore. Sextus est Tar- 
quinius, qui hostis prò hospite priore nocte vi armatus mini 
sibique, si vos viri estis, pestiferum bine abstulit gaudium». 

i) Dant ordine omnes fidem ; consolantur aegram animi avertendo 
noxam ab coacta in auctorem delieti: mentem peccare, non 

10 corpus, et unde consilium afuerit, culpam abesse. «Vos» inquit 
«videritis, quid illi debeatur; ego me etsi peccato absolvo, sup- 
plico non libero; nec ulla deinde impudica Lucretiae exemplo 



4. — velut victrix: poiché essa cedette senza far più contrasto, poteva 
parere che Sesto avesse trionfato del pudore di lei, sebbene in realtà 
egli ne conquistasse il corpo solamente, non l'anima. — eundem si 
collega strettamente con nuntium. — 6. Sp. Lucretius suo padre, 

ofr. 59, 8. — Valerio, soprannominato più tardi Publicola, cfr. 2, 8, 1. 

— sedentem maestam, cfr. 21, 1. — 7. obortae, sott. Lucretiae, che 
è il soggetto logico della prop. — satin =■ satisne. — salve, sott. agis 
e cfr. 3, 26, 9; 6, 84, 8. Altri scrivono satin salvae coll'ellissi di res, sul- 
l'analogia di Ter. Eun. 2, 2, 27, dove lo Spengel sostituirebbe più volen- 
tieri la forma dell'avv. — corpus ... animus: la stessa antitesi ricorre 
anche in 38, 24, 3 is primo animum mulieris temptavit, guem cum abhor- 
rentem a voluntario videret stupro, corpori quod servum fortuna erat vim 
fecit, cfr. anche 38, 24, 10. — date dextras fidemque, datevi la mano e 
la parola, cfr. 1, 8. — 8. hostis prò hospite: una simile paronomasia 
è assai frequente in Livio, cfr. 12, S; 6, 26, 3 hospitaliter magis quam 
hostiliter; 23, 33, 7 hostes prò hospitibus accepit. — vi armatus — viatque 
armis, cfr. Cic. prò Caec. 89 vi ho minibus armatis. — viri, cfr. 41, 3. — 
w vos riri estis appartiene solamente a sibi. — 9. animi, cfr. n. 7, 6. 

— noxam è qui adoperato nello stesso senso della voce culpa che segue, 
e per evitare la ripetizione della medesima parola, cfr. 45, 10, 12 non- 
magis eo quod multitudinem noxa levabat, quam quod culpam in auctores 
verterat. — mentnn peccare, cfr. Pubi. Syr. 640 voluntas impudicam non 
corpus facit; Sen. Phaedr. 743 mens impudicam facere non casus solet. 

— IO. videritis, cong. perf. colla funzione d'imperat., che gli è propria 
soltanto in unione con una negazione, cfr. 2, 40, 9. — libero è costruita 



AB UBBB CONDITA, GAP. LVIII, 6—11; LIX, 1—4 207 

vivet ». Cultrum, quem sub veste abditum habebat, eum in corde ** 
defigit, prolapsaque in vulnus moribunda cecidit. Conclamat 
vir paterque. 

LIX. Brutus, illis luctu occupatis, cultrum ex vulnere Lu- * 
cretiae extractum manantem cruore prae se tenens, « per hunc » 
inquit « castissimum ante regiam iniuriam sanguinem iuro 
vosque, di, testes facio, me L. Tarquinium Superbum cum sce- 
lerata coniuge et omni liberorum stirpe ferro, igni, quacumque 
dehinc vi possim, exacturum, nec illos, nec alium quemquam 
regnare Romae passurum ». Cultrum deinde Conlatino tradit, 2 
inde Lucretio ac Valerio, stupentibus miraculo rei, unde novum 
in Bruti pectore ingenium. Ut praeceptum erat, iurant; totique 
ab luctu versi in iram, Brutum iam inde ad expugnandum re- 
gnum vocantem sequuntur ducem. Elatum domo Lucretiae 3 
corpus in forum deferunt concientque miraculo, ut fit, rei novae 
atque indignitate homines. Pro se quisque scelus regium ac 4 
vim queruntur. Movet cum patris maestitia tum Brutus casti- 
gator lacrimarum atque inertium querellarum auctorque, quod 
viros, quod Romanos deceret, arma capiendi adversus hostilia 



quasi sempre da Livio col semplice abl. di cosa e col Tabi, di persona 
preceduto dalla prep. a, cfr. 36, 17, 13. — supplicio, sott. tamen. — im- 
pudica, cfr. 26, 4. — vivet, sopporti di vivere, confortata dal mio esempio. 
— 11. cultrum è collocato a principio del periodo, per meglio metterlo 
in mostra e nella sua giusta luce, cfr. 19, 1. — prolapsa in vulnus, pie- 
gandosi sulla sua ferita, cfr. 56, 12; 2, 46, 4 praeceps Fabius in vulnus 
abiit. — 12. concldmat sing., perche ciascun soggetto agisce da solo 
separatamente, cfr. 30, 11, 3. Questo rapido inciso, che serve come di 
passaggio al discorso che segue, si riferisce alla costumanza, o meglio, 
a quel moto spontaneo dell'animo, di chiamare a nome il defunto, ap- 
pena che è spirato, quasi per assicurarsi che è morto, e che ai super- 
stiti altro non resta che il pianto (comploratio), cfr. 41, 6. 

LIX. — 1. manantem cruore, cfr. 40, 39, 9 manantia sanguine spolia; Cic. 
Phil. 2, 30 stillantem prae se pugionem tulit. — ferro igni o anche ferro 
ignitjue, come si legge (23, 41, 14), è una espressione assai frequente in 
Livio, cfr. 2, 10, 4 ferro igni quacumque vi possint. — dehinc è la lezione 
dei codici, a cui il Madvig sostituisce senza alcuna verosimiglianza de* 
nique. — exacturum : anche questa è un'emendazione del Madvig, sosti- 
tuita eAYexsecuturum dei codici, che non dà alcun senso plausibile. — 
2. stupentibus " stupefatti, sorpresi ,. — unde, sott. esset che si trova anche 
altrove omesso, cfr. 2, 23, 5 sciscitantibus unde ille habitus ; 35, 49, 6 cum 
miraremur unde tam varia venatio. — miraculo, cfr. 47, 9 novitate ac mira- 
culo. — toti fa le veci di un avverbio, cfr. 25, 16, 19 toti apatiendo in iram 
atque impetum versi. — inde, cfr. 51, 6. — 8. indignitate, l'indegnità del 
fatto, cfr. 34, 5 ; 40, 2. — 4. castigator, che rimproverava o biasimava, 
cfr. 28, 1. — auctor arma capiendi, cfr. 7, 23, 3 auctor exercitus scribendi, 



208 TITI LIVI, LIB. I 

5 ausos. Ferocissimus quisque iuvenum cum armis voluntarius 
adest; sequitur et cetera iuventus. Inde parte praesidio reiicta 
Collatiae ad portas custodibusque datis, De quis eum motum 
regibus nuntiaret, ceteri armati duce Bruto Romani profecti. 

6 Ubi eo ventum est, quacumque incedit armata multitudo, pavo- 
rem ac tumultum facit ; rursus ubi anteire primores civitatis vi- 

7 dent, quidquid sit, haud temere esse rentur. Noe minorem motum 
animorum Romae tam atrox res facit, quam Collatiae fecerat. 
Ergo ex omnibus locis urbis in forum curritur. Quo simili 
ventum est, praeco ad tribunum Gelerum, in quo tum magistratu 

8 forte Brutus erat, populum advocavit. Ibi oratio babita ne- 
quaquam eius pectoris ingeniique, quod simulatum ad eam diem 
fuerat, de vi ac libidine Sex. Tarquinii, de stupro infando Lu- 
cretiae et miserabili caede, de orbitate Tricipitini, cui morte 

9 filiae causa mortis indignior ac miserabilior esset. Addita su- 
perbia ipsius regis miseriaeque et labores plebis in fossas cloa- 
casque exhauriendas demersae; Romanos homines, victores 

— quod deceret è collocato impropriam. tra auetor e capiendi, quasi come 
se in luogo del gerundivo qui si trovasse una prop. con ut o pure con un 
infinito. — adversus hostilia ausos = adversua eoa qui hostilia ausi esseni. 

— 5. praesidio relieta custodibusque datis. Una parte degli armati fu 
messa di guardia (praesidio) alle porte di Collazia, colla consegna (cu- 
stodibus) di impedire, che nessuna notizia di quell'ammutinamento po- 
polare pervenisse ai principi reali (regibus), che erano sotto Ardea. — 
6. rursus * ma in seguito, ma al contrario ,, cfr. 2, 30, 1 e il gr. a$ve. 

— haud temere esse " che quel moto non fosse fatto a caso „, non fosse 
cioè senza significato, cfr. Plaut. Bacch. 670. — 7. praeco, cfr. Geli. 
15, 27, 2 comitia curiata per lictorem curiatum calari, id est convocari, 
centuriata per cornicinent'. Livio qui nomina il praeco in luogo del lictor, 
perchè egli intende di parlare di un'adunanza indetta (contio) allo scopo 
di dichiarare il re decaduto dal suo ufficio. — tribunum celerum. Questa 
tradizione è riferita concordemente da tutti gli storici (cfr. Dion. 4, 71, 
75; Cic. de rep. 2, 47), e, poiché la carica di tribunus ceìerum era la più 
notevole dopo quella del re, basta ad attestarci che la fìnta demenza o 
indolenza di Bruto fosse un portato posteriore della leggenda, ispirata 
solamente dal nome di lui. — magistratus. Come Livio accenna chiara- 
mente con l'avv. forte, questa carica non era punto a vita, e si trovava 
allora per caso ad essere esercitata da Bruto. Sebbene possa restar 
dubbio se quest'affermazione corrisponda alla realtà storica, d'altra 
parte v'ha piena sicurezza che al tribunus celerum Livio attribuisce in 
questo luogo una prerogativa, che fu propria soltanto del magìster equitum 
(cfr. Cic. de leg. 3, 10), nel periodo della repubblica. — 8. habita, 
sott. est. — nequaquam eius pectoris, assai disfanne dal carattere che 
aveva rivelato fino a quel punto, cfr. 21, 1; 56,4. — 9. demersae in, 
&n. elQ. — fossas sono delle vasche che raccoglievano l'acqua impura 
e l'immettevano nelle cloache, cfr. 38, 6; 56, 2. — exhauriendas, nello 



AB UBBB CONDITA, GAP. LIX, 5 — 13; LX, 1 209 

omnium circa populoruru, opifices ac lapicidas prò bellatoribus 
factos. Indigna Servi Tulli regis memorata caedis et invecta 10 
corpori patris nefando vehiculo filia, invocatique ultores pa- 
rentum di. His atrocioribusque credo aliis, quae praesens rerum li 
indignitas haudquaquam relatu scriptoribus facilia subicit, me- 
moratis incensam multitudinem perpulit, ut imperium regi 
abrogaret exsulesque esse iuberet L. Tarquinium cum coniuge 
ac liberis. Ipse iunioribus, qui ultro nomina dabant, lectis ar- 12 
matisque ad concitandum inde adversus regem exercitum Ar- 
deam in castra est profectus ; imperium in urbe Lucretio, prae- 
fecto urbis iam ante ab rege instituto, relinquit. Inter hunc 13 
tumultum Tullia domo profugit exsecrantibus, quacumque ince- 
debat, invocantibusque parentum furias viris mulieribusque. 
LX. Harum rerum nuntiis in castra perlatis, cum ro nova 1 



scavare, cioè nell'estrarne terra o melma, cfr. Caes. b. g. 5, 42 terroni 
exhaurire. — circa, cfr. n. 14, 7. — lapicidas, &n. sIq. — IO. caedis, cfr. 
n. 1, 11. — invecta, cfr. 48, 7 per corpus: comunemente inveo si trova co- 
struito con in e Tace, o pure col semplice accusativo, il dat. s'incontra 
ancora in 22, 5, 8. — 11. quae etc, costr.: quae praesens rerum indi- 
gnitas subicit * che Pindegnazione quando è più viva suggerisce ,. — 
haudquaquam facilia relatu scriptoribus va considerato quale apposizione 
della prop. relativa che precede, " e che lo scrittore può difficilmente 
riferire nella loro integrità ,. — multitudinem: bisogna immaginare che, 
dopo tenuta l'adunanza popolare (contio), il popolo si raccogliesse nel 
comizio per dichiarare decaduto il re, cfr. n. 8, 1. — imperium abrogaret. 
Poiché Tarquinio non era stato eletto dal popolo, ne gli erano stati 
conferiti gli auspicii AaWinterrex (cfr. 47, 10), così egli non poteva con- 
siderarsi qual legittimo re (cfr. 48, 8; 49, 8), e il popolo aveva il diritto 
di togliergli Yimperium, che egli si era colla violenza arrogato, cfr. 2, 
2, 10. — exsulesque. La seconda rogotio, accettata dal popolo, pronunzia 
a riguardo della famiglia del re Yaquae et ignis interdictio, per cui le 
è reso impossibile di pigliar stanza nel territorio romano, cfr. 25, 4, 9. 
— 12. iunioribus, cfr. 52, 5 : solo una parte delle centuriae iuniorum 
si trovavano sotto Ardea, le rimanenti sono racoolte ora per la prima 
volta sotto le armi. — ultro * spontaneamente, volontariamente w . — 
nomina dabant è detto qui di quelli ohe si prestano spontaneamente al 
servizio militare, altrove invece accenna anche alla leva regolare dei 
soldati, cfr. 2, 24, 2. — Ardeam in e. * per il campo presso Ardea „, 
cfr. 21, 47,7 Placentiam. — praefecto urbis, cfr. Tac. Ann. 6, 11 namque 
antea profectis domo regibus ac max magistratibus, ne urbs sine imperio 
foret, in tempus deligebatur, qui ius redderet ac subiti 8 mederetur, ferumque 
ab Romulo Dentretn Romulium, post ab Tullio Hostilio Numam Marcium 
et ab Tarquinio Superbo Spurium Lucretium impositos. — 13. pa- 
rentum, di Servio cioè e degli altri consanguinei. — furias, a cui il pò* 
polo lascia la vendetta, cfr. Tac. Ann. 1, 73. 

LX. — 1. harum rerum nuntiis = his nuntiis, cfr. 30, 4. — pergeret, 

E. Cocchia, Tito Livio, I, B» ed. 14 



210 TITI LIVI, MB. I 

trepidus rex pcrgeret Roniam ad comprimendos motus, flexit 
viam Brutus — senserat euim adventum — , ne obvius fieret; 
eodemque fere tempore diversis itineribus Brutus Ardeam, Tar- 

2 quinius Romam venerimi Tarquinio clausae portae exsiliumque 
indictum; liberatorem urbis laeta castra accepere, exactique 
indo liberi regis. Duo patrem secuti sunt, qui exsulatum Caere 
in Etruscos ierunt; Sextus Tarquinius Gabios tamquam in suum 
regnum profectus ab ultoribus veterum simultatium, quas sibi 

3 ipse caedibus rapinisque concierat, est interfectus. L. Tarqui- 
nius Superbus regnavit annos quinque et viginti. Regnatum 
Romae ab condita urbe ad liberatam annos ducentos quadra- 

4 ginta quattuor. Duo consules inde comitiis centuriatis a prae- 
fecto urbis ex commentariis Servi Tulli creati sunt, L. Iunius 
Brutus et L. Tarquinius Conlatinus. 

cfr. 7, 6. — flexit viam * battè un'altra via ,. — 2. castra etc. = qui 
in castris erant laeti accep. — Caere, dove poco tempo fa fu scoperta 
appunto una tomba dei Tarquinii. — in Ett-uscos «= Etruscorum, cfr. 59, 
12. — regnum. Secondo Dionigi 4, 58, Sesto era stato nominato dal 
padre re di Gabio. — 3. regnatum * il governo dei re durò m : il passivo 
di regnare non ricorre che in questo luogo e in 17, 2, 3. — ducentos 
quadraginta quattuor. Prima di Augusto si ammetteva che la monarchia 
fosse durata 240 o 243 anni, cifra che si ottiene senza computar l'in- 
terregno tra Romolo e Numa, cfr. Cic. de rep. 2, 52. — 4. consules. 
Questo nome, sebbene adoperato da Livio fin dal principio di questo 
nuovo ordine di cose, pure è probabile che non rimonti più indietro 
delle leggi dei decemviri : prima di esse era in uso il nome di praetor 
o pure di iudex, cfr. 3, 55, 12 e i nomi praetorium e porta praetoria. — 
comitiis cent.: in essi si raccoglie d'oggi innanzi il popolo, per procedere 
alla scelta dei liberi magistrati dello Stato. — a praef. urbis. Sebbene 
questi decadesse d'uffizio, appena perdeva Yimperium colui che l'aveva 
nominato, pure è probabile che questa volta egli restasse in carica per 
poter procedere alla nomina dei nuovi magistrati. Del resto Dionigi 4, 
76 afferma che Lucrezio presedette alla nomina dei consoli quale in- 
terrex. — ex commentariis Servii. A Servio viene attribuita una descriptio 
classium o centuriarum (cfr. Festo, p. 149 e 246), nella quale forse erano 
contenute le disposizioni relative alla convocazione dei comizi centu- 
riati. Col collegarsi che fa questo nuovo magistrato alla tradizione del- 
l'ultimo re legittimo, si viene come a giustificare la rivoluzione, da cui 
ebbe origine la cacciata dei Tarquini. — creati sunt: essi furono creati 
consoli in seguito alla nuova potenza e dignità loro concessa; ma la 
nomina definitiva non potè aver luogo, se non dopo che gli eletti del 
popolo ebbero l'assenso degli dèi, per mezzo degli auspicii, cfr. 17, 10; 
32, 1. — Conlatinus. Una parte della stirpe dei Tarquinii stava coll'ari- 
stocrazia, la quale trasse pretesto dal malcontento popolare per scac- 
ciare i re: fu, come si vede, una specie di rivoluzione di palazzo, a cui 
gli intimi stessi del re dettero mano. 



INDICE 



DILLI PRINCIPALI 08SSBTAZI0NI CONTENUTE NELLE NOTE 



ab « in seguito a » 1, 4. 5 ; 8, 3 ; 
31, 4. 

Ablativo assolato 1, 4; 12, 10; 14, 
4; 27, 3; 46, 1. 4. 

Ablativo in -»* dei part. presenti 54, 6. 

abolesco 23, 3. 

Aborigines 1, 5. 

■abstinere col dat. 1, 1. 

Acca Larentia 4, 7. 

accenti => adscripti 43, 7. 

neccia adoperato in funzione di at- 
tributo 7, 5. 

addicere, admittere 55, 3. 

ad %d non fa mai le veci di ad hoc 
o pure di praeterea 6, 1. 

aedi* nom. 33, 9. 

Aencas. Orìgine della leggenda che 
si collega al suo nome 1, 4; 2, 6; 
8, 4. 

Aencas SUvius 3, 7. 

Acqui 53, 8; 55, 1. 

Acquicoli 32, 5. 

aes rude e signatum 43, 1. 

— grave e sue riduzioni 43, 1. 

— equestre 43, 9. 

— hordearium 48, 9. 
ager publicus 46, 1. 2. 
agger Servianus 44, 3. 
Aggettivo in luogo di un avverbio 

praef. 11 ; agg. n. sost. nei casi obi. 

1,1; nel superlat. 9, 3 ; agg. con 

n. pr. 46, 6. 
Alba Longa 3, 4; 30, 1 ; 31, 3; i re 

Albani 3, 7; Albania dux 22, 3. 
<dbum 32, 2. 
<dii=rdiqui 7, 3; 12, 9. 

E. Cocchia, Tito Livio, I, 8» edis. 



aliquantum = aliquanto 7, 9. 
alius=* alter 7, 3; 12, 9; 21, 6; 

25, 5. 
Allitterazione 10, 6; 12, 5; 16, 3; 

24, 7. 
Anfibologia 23, 7. 
Anacoluto 40, 2. 
Anafora del relativo, praef. 4; — del 

sost. in 1. del pronome ib. 46, 7; 

41, 3; 53,4; 12, 7; del sost. con 

un pron. 19, 1. 
ancilia 20, 4. 
Ancu8 Marcius 32, 1. 4. 
animi loc. 7, 6. 

Anno solare pareggiato all'anno lu- 
nare 19, 6. 
ante col gerundivo praef. 6. 
— e post come prep. e come avv. 

18, 2. 
Antemnae 9, 8. 

Antenore e la sua leggenda 1, 1. 
Antropomorfismo a Roma 21, 4; 27, 

7; 33,9; 38,7; 45,2; 55,3.4. 
apex 32, 6. 
Apiola 35, 7. 
apparitores 8, 3. 
ara maxima 7, 10. 
arbori loc. o abl. 26, 6. 
arcuatus currus 21, 4. 
Ardea 57, 1. 
area 38, 7. 
Argei 21, 5. 
ArgQetum 19, 2. 
Aricia 50, 3. 
arma e tela 25, 5; 43, 2. 
ars Romana 53, 4. 

li* 



212 



INDICE 



arx 18, 6. 

Asia = Asia Minor 45, 2. 

Asindeto 2, 2; 3, 11; 14, 4. 9; 12, 7; 

16, 3; 24, 7; 25, 3; 32, U ; 47, 10; 

54, 2. 
assarius 43, 9. 
assidui 42, 5. 
asylum 8, 5; 30, 5. 
atrium tuscanicum 56, 1. 
Attrazione del relativo praef. 11 ; 21, 

4; 29,4; 30, 1; 38,5. 
Attributo riferito al sogg. invece che 

al complemento 2, 5. 
Atys 3, 8. 

auctoritas patrum 17, 9; 18, 5. 
augurium 6, 4; 7, 11 ; 18, 6. 10; 20, 

7; 36, 6. 
ausimi sua formazione e significato 

praef. 1. 
aut ... ve = et ... que 1, 7. 8. 
Aventinum 3,9; 6, 4 ; 20, 7 ; 7, 2 ; 

33, 2; 44, 5; 45, 2. 
Avverbio in funz. attributiva praef. 

2; 6, 1; 21, 6; — in luogo di un 

pronome 9, 10 ; 10, 1 ; 33, 2 ; 34, 4; 

38,4; 43, 11; 47,3; 49,5. 

bos femm. 7, 7. 

Brachilogie: praef. 7; 13,3; 39,2. 

Brutus 56,8; 59, 7. 

Cacus = Cacius ? 7, 5. 

caelestes di 32, 10. 

Caelius mons 30, 1 ; 33, 2. 

Caenina 9,8; 11,4. 

Caere 2, 3; 56,6; 60, 1.4. 

Camenae 21, 3. 

campus Martius 44, 1. 

Capena porta 26, 2. 

capitales res 49, 4. 

capite censi 43, 8. 

Capitólium 5, 5. 6; 8, 5; 10, 5; 11, 

6; 18,6; 33,2; 55, 1. 2. 5. 6 ; 38, 

7; 53,5; 56, 1. 
Caprae palm 16, 1. 
career Mamertinus 33,8. 
Carmen 26, 6 ; 45, 5. 
Carmenta 7, 8. 
Casa Romana 41, 4. 
Crfer 15, 8. 

censeo e sua costruz. 52, 3. 
census42, 5; 43, 7; 44, 2. 



centuria* equitum 13, 8 ; 52, 6 ; 35 

8 ; 36, 7 ; 43, 8. 9. 
cetera acc. di relazione 32, 2. 
ceterum praef. 11 ; 30, 9. 
Chiasmo 9, 13 ; 12, 5 ; 25, 3 ; 46, 7 ; 

47, 10. 
circa — ad 9, 2. 
Circe 49, 9. 
Circei 56, 3. 
clarigatio = rerum repetitio 24, 4; 

32,5. 
classes 42, 5. 
classici 43, 2. 
clipeum 43, 2. 

ctoaca 38, 6 ; 56, 1 ; — meurtma 56, 2. 
Cluilia fossa 23, 3. 
cogere 48, 3. 
Coffcriia 38, 1. 

colles e montes 43, 13 ; 44, 2. 
coloniae 11,4; 38, 1; 56,3. 
comiter = hilare, lubenter 22, 5. 
comitia centuriata 36, 6; 43, 10; 

60, 4. 
comitiales dies 19, 7. 
comitium 17, 10; 36, 5; 48, 3. 
commeatus 57, 4. 

commentarti o fior* Numae 20, 5. 
commentarti regum 32, 2. 
commentarti Servii 60, 4. 
Comparativi e superlativi neutri bo- 

stantivati 9, 3. 
compeììere bellum 33, 4. 
compitàlia 39, 5. 
conceptis verbis iurare 32, 8. 
conci7tum e conato 6, 1 ; 36, 6. 
condicere col gen. 32, 11. 
condictio 32, 11. 
congruere 19, 6. 

Consecutio temporum non os- 
servata 3, 5. 
consentio 32, 12. 
Consualia 9, 6. 
consueJus 40, 5. 
comuies 60, 4. 
contignatio 41, 4. 
confco 17, 10. 
Copula omessa 3, 3. 
cornicines 43, 7. 
Corniculum 38, 4; 39, 5. 
corpus dare 9, 15. 
Costituzione Serviana 42, 4. 5; 43, 2. 

8.9.12; 44,1. 



INDIOB 



213 



Costruzione perifrastica con eram e 
fui nel periodo ipotetico di 3* forma : 
7, 5 ; 40, 4. 

Crocifissione 26, 6. 

Crustumini 9, 8. 

cum col cong e tum coli' ind. 

21,2. 

Cures 13, 5. 

curia 13,6; Hostilia 30, 2. 

curo = procuro 20, 7. 

curswm tenere 1, 4. 

Curtius lacus 13, 5. 

curulis sella 8, 3. 

Cyprius ticus 48, 6. 

Dativo agente coi verbi passivi 7, 12; 

23, 10 ; dat. in -ut 54, 9. 
decorus suo costrutto e significato : 

praef. 6. 
decuria 13, 8. 
dedicatio 10, 6; 21,5. 
deditio 38, 2. 
DeJpfct 56, 5. 10. 
Demaratus 34, 2. 
deorum dearumque praef. 13. 
de tec£ts amicare = ?re^ 15, 3. 
Diana Efesia 45, 2. 6. 
Dianium 48, 6. 
licere con due acc. 1, 11. 
dii 32, 10; 34,9; 55,2; 45,6. 
disceptator 50, 8. 
discessio 32, 12. 
dum causale, praef. 2. 
duoviri perdueUionis 26, 5. 7. 

«/fan 55, 2. 

Egeria 19, 5. 

Egerius 88, 1 ; 57, 6. 

egrtdi ed excedere coll'acc. 29, 6. 

et = sibi 54, 5 ; 56, 10. 

elata = refata 32, 2 ; Cic. de or. 2, 
12, 52. 

Ellissi del soggetto 9, 4; 41,5; 39, 
2 ; della copula 3,3; di esse dopo 
solet 25, 9 ; di fiat 23, 8 ; del pre- 
dicato 41, 1; .18, 3; 54, 10; di di- 
ceret dopo cum 85, 3 ; 48, 2 ; del 
8ogg. e della copula coll'inf. futuro 
23, 5 ; 37, 6 ; 41, 5 ; 58, 4 ; del pro- 
nome personale colla 3» pere, del 
v. videor 23, 7; 31, 3 ; dell'oggetto 
di ducere 23, 5 e di mittere 31, 2 ; 



37, 1 ; di lierbam accanto a puram 
24, 5 ; di ille innanzi a quidem 29, 
2 ; di tamen 4, 8 ; dei partic. pro- 
fluens 21,3; 18, 3 ; permotxis 5, 
2; 15,4; 26,12; 34,1; 47, 11; 
natu 3, 10; 46, 9; 53, 5; di exci- 
tandam accanto a invidiarti 47, 12 ; 
di faciendas accanto a impensas 
55, 7 ; di milia 43, 4. 

eludo 36,4; 48,2. 

Enallage dell'agg. 1, 4; 3, 1; 21, 4; 
30,4; 47, 7; 57, 10; 58,5. 

Endiadi 24,7; 48,7; 11,1. 

enimvero asseverativo, 51, 7. 

Erdonius 50, 7; 51,2. 

Esquiliae 44, 3. 

et = « e difatti* 1,3; 2,5; 6,3. 

et ipsum = xal a-ózóv praef. 3 ; 7, 4 ; 
12,3; 30,6; 46,2; 56, 1. 

Etrusci e loro potenza 2, 3 ; loro ar- 
chitettura 56, 1. 

Eufemismo 4, 2. 

Euganei 1, 3. 

Evandrus e la sua leggenda 5, 2 ; 
7, 8. 

evocatio deorum 38, 2 ; 55, 4. 

ex quo = 4| o$ 35, 4. 

earam^urare 55, 2. 

eximere diem 50, 8. 

eximius 7, 12. 

expertus pass. 34, 12 ; 36, 4. 

eopelere trans, e intrans. 22, 7. 

expiare 14, 4. 

extemplo = illieo 50, 6. 

Foòtus 44, 2; 55, 8. 

/a&rt aerarii 43, 3. 

familiares = serv» 39, 4. 

fanum 55, 2. 

/as e tus 22,4; 32,6. 

fasti e nefasti dies, 19, 7. 

fastigium « pendio », 38, 6. 

/àta 42, 2 ; 46, 3. 5. 

Faunus 4, 7 ; 7, 8. 

■FattstaZus 4, 7. 

/àwr 12, 10 ; 25, 9. 

ferculum 10, 5. 

Ferentina aqua 50, 1; 51, 9; 52, 5. 

Feretrius 10, 6. 

feriae 31, 4. 

Feronia 30, 5. 

/èros 12, 9. 



214 



IKDIOB 



ferve ìegem 44, 1; 46, 1. 

festi dies 20, 5. 

Fctiales 24, 4 ; cap. 32 ; 38, 2. 

Ficana 33, 2. 

Fidenae 14, 4. 11. 

Fides 21, 4. 

Flamen Dialis 20, 1-2. 

foedus icere 1, 9; 24, 4. 8. 

/òr» 35 } 8 ; 56, 2. 

Forme arcaiche : ausim praef. 1 ; ad' 
clarassis 18, 9 ; defexit 24, 8; oe- 
rfter 32, 7; suprascandit 82, 8; Si- 
ro 32, 7. 

forsitan e sua costruzione in Livio 
praef. 12. 

fortis oc strenuus 34, 6. 

forum 35, 10. 

/urea 26, 10. 

furiae 48, 7 ; 59, 3. 

futurus agg. 1, 8. 

Gabii 53, 4 ; 54, 10. 

galea 43, 2. 

gemini fratres 5, 6. 

Genitivi in -àm adoperati da Livio 

1,2. 
Gerione 7, 4. 
Gerundivo abl. in luogo del partic. 

pres. 5,6; 8,5; 14, 7; 38,4; 56, 

2 ecc., ger. acc. in funzione di ogg. 

20, 7 ; gerund. in ~ndus = agg. in 

-bilis 56, 7. 
gratuìtus 47, 1. 
gravatim 2, 3. 

liaruspices 31, 4. 

Tiasfa sanguinea praeusta 32, 12. 
Attuo* e suo uso 3, 1. 
Hercìdes 7, 3. 5. 
Hersilia 11, 2. 

hospitium publicum = ngogevla 
45, 2. 

Ianiculus 33, 6. 

Janus 19, 2; 32, 10. 

ille = ó 41, 1. 

iJlud = rrf praef. 10. 

illuxit 28, 2. 

immune 43, 8. 

Impf. in luogo del piuccheperf. in 

unione con postquam 23, 6. 
imperiture col loc. 2, 3 ; 22, 3 ; cfr. 

anche 3, 8; 17, 11. 



implere col gen. dei nomi astratti 2, 
5; 46,8. 

imponete e sua costruz. 18, 8. 

in prefisso in unione coi verbi 36, 3. 

inaugurare = augurare 6, 4 ; 36, 3. 

inauguratio 18, 6 ; 55, 2. 

incensu8 44, 1. 

inciderai 46, 5. 

incoho o inchoo 38, 5. 

indiges 2, 6. 

infelix arbor 26, 6. 

tn/ra cZoss«s 43, 2. 

»n obscuro = obscura praef. 3. 

intercaìarii menses 19, 6. 

interlucere 42, 4. 

Interpretazioni più notevoli o nuove : 
praef. 2; 3; 6; 9; 11; 1, 1; 2, 6; 12, 
3; 14,7; 15, 9; 17,5. 6; 18, 5; 20, 
7; 21, 1.4; 23, 6; 26,5.6. 7; 27, 
3; 30,7; 32, 11. 10; 33,5; 35,8; 
36,7; 37, 1; 40, 3; 42,2; 43, 1. 
7.9. 13; 44, 3; 45,6; 46,9; 48, 
4; 52,6; 55,9; 58,4 ecc. 

interregnum 17, 6; 32, 1. 

is per ipse 56, 10. 

itaque, sua pronunzia 4, 8 ; suo posto 
25, 10. 

tubere 17, 1. 

indicare col gen. di cosa e col dat. 
di persona 26, 6. 7. 

Iulius Proculus 16, 6. 

iuniores e seniores 43, 1. 12 ; 44, 2. 

luppiter 18, 9; — Elicius 20, 7; 
31, 8-9; — indiges 2, 6; — lapis 
24, 5; — Stator 12,6; — Latta- 
ri* 31, 3. 

ius imaginum 34, 6. 

iusta non solvere 49, 1. 

iustum matrimonium 9, 14. 

lana 57, 9. 

Lar famitlaris 29, 4. 

Larentia 4, 7. 

Zatfm PWsct 3, 7; 32, 11. 

Latinus 1, 5; 2, 2. 4. 

Laurens ager 1, 4; 14, 1 

Lavinium 1, 11 ; 14, 4. 

ityù> 11,1; 27,5; 28,3. 

fe<7um ótttftb 18, 9. 

Lezioni nuove ovvero più conformi ai 
mscr.: praef. 5; 11; 1, 1. 3. 5 ; 4, 
5; 5, 4; 11, 7; 13,4; 14, 7; 21, 



INDIO! 



215 



I. 4; 23, 6; 35, 3; 41, 7; 40,3; 
43,12; 46,9; 48,4. 

ìex curiata de imperio 19, 1 ; 46, 1. 
liberUzs « repubblica » 17, 7. 
lituus 18, 7. 

Livio e la sua fede nella tradiz. Ko- 
mana 1, 1; 36,6; 2, 6; 3, 4; 4, 1; 

II, 7 ; 19, 5; sue contradizioni 30, 
7: 32, 3; 55, 4; 40,4; 43,9; 32, 
5 : 33, 5 ; 36, 7 ; sua arte 41, 5 ; 
suoi errori 35, 9; sua oscurità 37, 
1.3; 42,2. 

Luceres 13,8; 36,8; 43,9. 
Lucumo 34, 1. 
ludi Romani 35, 7. 9. 
Lupercal 5, 1.2. 
ìustrum conditura 44, 2. 
Ìuxu8 e luxuria praef. 12. 

ftaxQoAoyta i. e. longior quam 

oportet sermo (Quint. 8, 3, 53) ; 

praef. 12; 3, 4; 14, 4; 25, 2; 37, 

1.5; 44, 3; 45, 6; 46,7. 
Manes 20,7; 25, 12. 
manipuli e centuriae 52, 6. 
manubiae 55, 7. 
Mar* Gradivus 20, 5. 
Marte incerto 33, 4 ; — acquato 25, 

11. 
maximus = maior 3, 10. 
MeduUia 33, 4. 
Mesia stiva 33, 9. 
meta 19, 6. 

Mettius Fufetim 23, 4. 
metuo e sua costruz. 9, 5. 
Mezentius 2, 3. 
mille col gen. 14, 6. 
mina 53, 3. 
minores gente* 35, 6. 
mire 45, 2. 

mtrum quantum 16, 8. 
Monetazione romana 43, 1. 
mortale» = homines 1, 7. 
morte .Aeneae = |>os$ mor/ttttm Ae- 

neam 8, 4. 
tnos 19, 1. 

Murcia Venus 33, 5. 
murus e moenia 7, 2. 
Mutamento del soggetto 4, 3 ; 44, 5 ; 

50,9; 51,2. 

Navius Attus 36, 5. 
nec = non 25, 10. 



nec = et non 2, 4. 5. 

Neptunus equestri» 9, 6^ 

Neutro e suo uso praef. 3. 

ni = si non 22, 6. 

nihil moror 53, 10. 

nihil praeter «a soZum 1, 5. 

ntmib col comp. 2, 8. 

9iom«n dicere, indere coll'acc. 1, 11. 

Nomentum 38, 4. 

nominare 32, 1. 

Nominativo in luogo del voc. 24, 6. 

non modo ... sed ne — quidem = 

non wiorfo non ... «. n. j. 40, 2. 
nova via 41, 4. 
novendiale sacrum 31, 4. 
Jtfwna 18, 1 ; 19, 1. 
nunc = vdv òé 28, 5. 
nuncupare 10, 7. 
nunttalto 36, 6. 
numen 55, 3. 
nuper e suo signif. praef. 1? 

óbnubere 26, 6. 

occepit 7, 6; 49, 1. 

occupo coll'inf. 14, 4. 

ocreoe 43, 2. 

Octavius Mamilius 49, 9. 

omew accipere o f'rnproftarc 7, 11. 

opera 56, 1. 

operae pretium praef. 1. 

operali sacris 31, 8. 

Oracolo di Delfo 56, 4. 

Orazii e Curiazii e lor sepoltura 25, 

14. 
orbi et orbae 44, 2. 
ordo 49, 6. 

ornare exercitum 43, 8. 
orsa = coepta praef. 13. 
Ostia 33, 9. 

paenitere personale 35, 5. 

paenitet ortografia e significato 8, 3. 

Palatium = PaUanteum 5, 1. 

Paronomasia praef. 12; 12,8; 58,8. 

parricidium 52, 1. 

Part. presente sostantivato praef. 4; 
part. pres. in unione di un pron. 
12, 9 ; 85, 6 ; part. pres. in luogo 
del part. fut. 22, 6; part. pass. pass, 
di genere neutro in sostituzione di 
un sostantivo astratto 1,4; 9, 13; 



216 



INDICI 



14, 9; 34,4; 45,2; 53.1; unione 

di due part. p. p. 14, 4. 
pater indiges 2, 6. 
pater patratus 24, 6 ; 32, 10. 
patres 8, 7; 16, 5; 17, 2, 9; 18, 5; 

30,2; 31,1; 32, 11-12; 35, 6; 49, 

7 ; 50, 2, 8. 
peius = in peìiM 47, 3. 
Penata patrU 1, 9; 47, 4. 
peragit verbi» 18, 10. 
perduéRionis indicare 26, 6. 
perduellis 26, 5. 
per fas ac fidem 9, 13. 
Perfetto in luogo del piucchepf. 1, 1 ; 

25, 8 ; in luogo dell'imperf. nelle 

prop. consecut. 3, 4. 
pestiìentia e pesti* 31, 5. 
pila Horatia 26, 10. 
piUeum 34, 8. 
Pinarii 7, 12. 
Piso, annalista 55, 8. 
Pitagora 18, 2. 
Piucchpf. in luogo dell'irapf. 5, 5; 

25, 6; piucchpfT in luogo del perf. 

7, 1; 12, lfl: 25, 6; 29,4; 32, 1; 

41, 7; piuccnpf. pass, con fueram 

2, 1 ; 26, 2. 
pium beUum 22, 4; 32, 12. 
Plebe 9, 11; 8, 6; 20,6. 
plenus e sua costruz. 25, 1. 
Pleonasmi usati da Livio praef. 12; 

3,4; 14,4; 25,2. 
pìuvi8se, ortografia e costruz. 31, 1. 
Politorium 33, 1. 
pomerium 44, 4. 5 ; 26, 6. 
pomptinu8 55, 7. 

pontifex mascimus 20, 5. 6; 32, 2. 
porcus vittima sacrificale 24, 8. 9. 
porta 44, 4. 
porta Palata 12, 3. 
post usato avverbialmente coi nume- 
rali 18, 2. 
postmoderni = postea 9, 15. 
Potitii 7, 12. 

potiusquam praef. 13; 46, 7; 52, 3. 
prae = praeter 45, 6. 
praeco 59, 7. 

praefectus urbis 59, 12 ; 60, 4. 
praerogativae =primae vocatae 43, 1 1 . 
praevalens = praevalidus praef. 4. 
Preposizione ripetuta o omessa dopo 

sed etiam 2, 4. 



primum omnium 1,1. 

prò curia = in curia 47, 8. 

prodigio elicere, suscipere, curare 

20,6; 31,8. 
proinde 9, 4. 
Prolessi 2, 3. 
proletarii 43, 8. 
prolusio 25, 4. 

provocatio ad populum 26, 6. 8. 
proximo metu 21, 1. 
proximus col dat. praef. 4; 23, 8. 
puteal 36, 5. 

quadrifariam 43, 13. 
quamvis con agg. 4, 4. 
quandoque — quandocumque 31, 4. 
j«e, sua funzione subordinante praef. 

13; 2, 2; 43, 2; — esplicativa 2, 

5; 45,6. 
qui = uter 6, 4 ; 24, 3. 
quicumque indefinito 3, 3. 
quin = ut non 42, 2. 
quippe coll'inf. 19, 2. 
^tannata 44, 3. 33, 2. 
^utrtnus e Quirites 13, 5. 
guùguam = quispiam 35, 3. 
quisque in unione con un superlativo 

o con un numerale 7, 5 ; 9, 8. 
juo = in quae 34, 4. 

Ramnenses 13, 8; 36, 8; 43, 9. 
Rea Silvia 3, 11. 
reconcilio = redduco 50, 8. 
reges « la famiglia reale », 39, 2; 

59,5. 
re<7»us e regali» 47, 4. 
regnum * diritto al regno » 17, 1. 
Remus = 'Pùpog 7, 1. 2. 
renuntiatio 18, 10. 
res = ital. « bì » 9, 6 ; — e rerum 

scriptor praef. 1 ; 2 ; 4. 
rex e sua elezione 17, 11. 
vite 8, 1. 

robur sumere 4, 9. 
rogare 46, 1 ; 17, 9. 
rogatio 46, 1. 
fiowia e sua relazione con Alba 6, 3 ; 

i , a ; ", y. 
JRowim/us 16, 1; 15, 8. 
roram 43, 7. 
rurfimenfum 3, 4. 
Ruminalis ficus 4, 5. 
BtttaZi 2, 1. 



INDICE 



217 



Sabini 9, 9; 11, 8; 13, 4; 18,4; ratto 

delle Sabine 9, 15. 
sacellum 55, 2. 
sagmina 22, 4. 
5oJn 20, 4 ; loro carmi ib. — Quiri- 

nales 27, 7. 
saìinae 33, 9. 
satis constai 1, 1. 
eaxwm sz7&r 24, 5. 9. 
scire e nosse 54, 1. 
sasccre e iubere 17, 1; 20, 6. 
scitum e aecretom 20, 6. 
scriptores = historici scriptores prae- 

fatio 2. 
scu£uw 43, 4. 
segnis 4, 8. 

setta curuZis 8, 3 ; 20, 2. 
septtltura 49, 1. 

sem'fitó « governo monarchico » 17, 7. 
Servius Tuìlius 39, 1. 46, 1. 5 ; 41, 6. 
sex centuriae equitum o suffragia 36, 

8* 43 9. 
Sibilla 7, 8 ; 56, 12. 
stiva maìitiosa 30, 9. 
Silvii e origine di questo nome 3, 7. 

11. 
similis e sua costruz. praef. 8 ; =•- ab 

omni parte similis 1, 4. 
socia arma 2, 3. 
sólstitialis orbis 19, 6. 
sororium tigiUum 26, 13. 
sortes 56, 6. 
spectacula 35, 8. 
spòlia opima 10, 6, 7. 
stirpis = s<trps 1,1. 
Storia e qualità delle persone che at- 
tendevano a scriverla praef. 3. 
sub nomine 3, 4. 
sublicius pons 33, 6. 
Suessa Pometia 18, 1; 41, 7; 53, 2; 

55,7. 
suovetaurilia 28, 1 ; 44, 2. 
suspendere 26, 6. 

factum /J?rr< 50, 9. 
Talassio 9, 12. 
tafenta 53, 3 ; 55, 9. 
TanaquU 34, 4. 
tantisper 3, 1 ; 22, 5. 
Tarpeia 11, 7. 

Tarpeius = Capitolinus 10 , 5 ; 
55,1. 



Tarquinii Lucius et Arruns 42, 1 : 

53,5; 54, 6; 60, 4; 46, 8. 
i. Targwtmta Priscus 34, 10. 
teZa e arma 25, 5 ; 43, 2. 
Tettenae 33, 2. 
temperare 29, 6. 
templum 6, 4; 18, 7. 10; 30, 2: 

34,9. 
terare curst«m 1, 4. 
Terminus 55, 3. 
Ttòms «= ^U&wZa 3, 8. 
TUienses 13,8; 31,8; 43,9. 
trabea 41, 6. 
*rt'6u«U8 Celerum 59, 7. 
fn'&tts e tributum 43, 12. 13. 
tripudium 20, 4. 
Trota e permanenza di questo nome 

nella leggenda Romana 1, 5. 
tubicine8 43, 7. 
Tullianum 33, 8. 
fumttftttam milites 37, 6. 
tunica pietà 20, 4. 
lurmae equitum 30, 3. 
Turnus e significato storico dei uome 

di lui 2, 1. 

Ulisse nelle leggende italiche 49, 9 : 

56, 6. 
ultro « inoltre » 5, 3. 
umbo 43, 4. 
unicus 21, 2; 39, 5. 
Urbius clivus 48, 6. 
usu8 e usucapio 46, 1. 
u£ restrittivo 3, 3. 

variat impeis. 43, 11. 

vasa 24, 5. 

Veti 15,1; 27,3; 30,7.1. 

Veiovis 8, 5. 

vefc'tàs iubeatis 46, 1. 

vette col cong. o ut 16, 7. 

Veneti e loro origine 1, 3. 

verbenae, verbenarius 24, 4. 

Verbi composti colla prep. a 6, 1. 

Verbi frequentativi 2, 3; 7, 2. 9; 9, 

12; 12,7; 22, 3. 4 ; 24, 3; 49,1; 

50,3. 
Verbi passivi in dipendenza da cen- 

seo 52, 3. 
Versi inseriti nel discorso prosastico 

praef. 1. 



218 



INDIO* 



versus con do tn 18, 6. 
verii e sua costruì. 7, 2. 
verutum 43, 6. 
Vestalem legete 3, 11 ; 20, 3. 
vestibulum 40, 5; 45, 4; 48, 1. 
vice = vicem 25, 6. 
wtfua* 43, 9; 46, 7. 



Vocativi dei nomi greci in -es l t 

10. 
Volsci 53, 2. 
votatila* patrum 41, 6. 
Fw7can«5 37, 5. 

Zeugma praef. 4 ; 10 ; 5, 6.